Intel, il futuro dei PC desktop

Santa Clara annuncia nuovi processori per i sistemi informatici domestici tutti votati alle performance - con o senza overclock. Presentata anche una versione speciale del processore Pentium per il ventesimo anniversario del brand

Roma – Se AMD si è ormai concentrata quasi esclusivamente sul settore economico del mercato PC, Intel continua a premere l’acceleratore sulle prestazioni estreme e presenta nuovi microchip pensati per gli utenti più esigenti e quegli “enthusiast” votati all’overclocking senza freni.

La spinta verso il progresso tecnologico della piattaforma informatica per eccellenza ha rallentato – anche grazie alla scarsa concorrenza della suddetta AMD – ma continua a macinare transistor e MHz: intervenendo alla conferenza GDC (Games Developers Conference) di San Francisco, Intel ha svelato le novità per il mercato PC desktop in arrivo nei prossimi mesi.

Il desktop è una parte importante del business Intel , e la corporation continua a investire senza dimenticare gli utenti enthusiast che vogliono “più core, un miglior overclocking e velocità superiori”. Una prima risposta a questo tipo di utenti si chiama “Devil’s Canyon”, CPU Core di quarta generazione “reingegnerizzato” per performance migliorate e overclocking, dotato di un nuovo materiale per la dissipazione termica e supporto per il nuovo chipset Series 9.

Devil's Canyon

Dopo Devil’s Canyon arriverà il primo chip basato su microarchitettura Haswell-E, una CPU Intel Core i7 EE (Extreme Edition) con 8 core fisici (il primo processore octa-core per piattaforme desktop prodotto da Intel) e 16 thread logici con Hyperthreading, supporto alla nuova memoria DDR4 e socket per chipset X99. Il target in questo caso è quello dei videogiocatori, di chi fa editing video e rendering 3D.

Intel Core i7 EE

Più in là nel tempo arriverà anche Broadwell, ha anticipato Intel, nuova microarchitettura per processori Core di quinta generazione destinata a sostituire i chip Haswell con processo produttivo a 14 nanometri, moltiplicatori sbloccati per l’overclock senza limiti e l’implementazione della GPU integrata di fascia alta Iris Pro dopo il suo debutto su sistemi laptop.

Intel Core i7 EE

Intel pensa al futuro del desktop più performante ma non abbandona certo la volontà di realizzare sistemi compatti all-in-one, nuovi form factor (PC all-in-one portatili con mega-schermo e tecnologia Ready Mode per ottimizzare il consumo energetico pur avendo un sistema capace di riattivarsi immediatamente) e di festeggiare con orgoglio la propria storia quando questo è il caso: per la metà del 2014 è previsto il debutto di una CPU Pentium per celebrare degnamente il ventesimo anniversario dello storico marchio di processore, un prodotto con moltiplicatore sbloccato, supporto ai nuovi chipset Serie 8 e 9 e tecnologia Quick Sync Video.

Alfonso Maruccia

fonte immagini

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • king volution scrive:
    ma và!
    <i
    L'agenzia di spionaggio passa al contrattacco: le aziende non erano affatto all'oscuro del monitoraggio. </i
    ma và! che rivelazione sensazionale!gli unici che non l'avevano capito sono i vari "Leguleio" della situazione...
    • bradipao scrive:
      Re: ma và!

      Scritto da: king volution
      <i
      L'agenzia di spionaggio passa al
      contrattacco: le aziende non erano affatto
      all'oscuro del monitoraggio. </i



      ma và! che rivelazione sensazionale!Infatti!E dire che l'affare Lavabit aveva spiegato anche perchè negavano e avrebbero sempre negato la complicità: erano obbligate per legge a negare.
    • ... scrive:
      Re: ma và!
      - Scritto da: king volution
      <i
      L'agenzia di spionaggio passa al
      contrattacco: le aziende non erano affatto
      all'oscuro del monitoraggio. </i



      ma và! che rivelazione sensazionale!

      gli unici che non l'avevano capito sono i vari
      "Leguleio" della
      situazione...penso proprio che lo psicopatico leguleio quando morira' non lo fara' prima di aver chiesto il permesso in comune, il tutto in pergamena filigranata intriplice copia controfirmata da due testimoni e autenticata da un notaio.O cosi' o niente, morire e' una cosa seria, non e' come tutti gli altri che basta un infarto o un incidente stradale, ecche'!
  • get the facts scrive:
    ma lo avevamo gia capito
    TUTTE
    • collione scrive:
      Re: ma lo avevamo gia capito
      - Scritto da: get the facts
      chissa che usano per comprimere i dati e gestire
      i miliardi di
      petabytenah, semplicemente comprano dischi in blocchi di 1 milione (rotfl)
      • mik.fp scrive:
        Re: ma lo avevamo gia capito
        - Scritto da: collione
        - Scritto da: get the facts


        chissa che usano per comprimere i dati e gestire

        i miliardi di

        petabyte

        nah, semplicemente comprano dischi in blocchi di
        1 milione
        (rotfl)nah, adottano analisi umanistiche (es: analisi comportamentale) per classificare in modo generico le persone ... alcune categorie sono totalmente inermi. E questo riduce di alcuni zeri il numero di persone da monitorare.Poi settano alcuni trigger sugli individui delle categorie "indecidibili" ex-ante; se scatta un trigger l'individuo passa da "inerte" a "monitorato"... poi in base al livello di rischio possono scattare anche altre misure. Alcuni di questi trigger sono a livello subcosciente (es: temperatura corporea leggermente elevata, negli aeroporti Malesi viene monitorata con telecamere termiche per evitare rischi di epidemie di febbre dengue e malaria... ma la stessa telecamera può mappare i capillari del tuo volto, mappa unica, che ti identifica); non serve che tu faccia nulla per far scattare un trigger ed iniziare le procedure di monitoraggio della tua persona.Dopodichè vengono effettuate delle pratiche di pulizia del dato reale, per ridurre ulteriormente (ma non troppo) la quantità di dati da archiviare. Cosa effettivamente venga impiegato e' difficile da dire; bisogna vedere quali (memoria, potenza di calcolo, capacità trasmissiva) e quante risorse computazionali sono a disposizione... il budget... magari per alcuni dati impiegano algoritmi lossless, per altri invece tagliano armoniche audio e profondità colore dell'immagine, altri ancora vengono tradotti in testo da audio (voce in testo) e immagine (vettorializzazione).Infine il rimanente viene messo su sistemi d'archiviazione particolari; pensa a ZFS e la deduplicazione: un "ciao" in UTF16 e' lungo 64-128 bit, diciamo 96 per esigenze di brevità ... se il puntatore a stringa ciao e' più corto di 96 bit, ciao può essere scritto su disco una volta sola per poi impiegare milioni di puntatori da 95 (o meno) bit... e così grazie alla deduplicazione hai 1 bit risparmiato per ognuno dei milioni di "ciao" registrati. Più diminuisci la dimensione delle sequenze binarie deduplicabili più risparmi disco e spendi cpu (e memoria); quindi se hai meno disco logghi i "ciao", se invece hai meno cpu logghi solo i "SupercalifragilistiAntanichespiralitoso".E dei costi dei dischi non gliene frega niente: i loro li paghi tu, in parte con le tasse, in parte con il costo eccessivo delle memorie disponibili al consumatore. Cosa che di tanto in tanto fa scattare gli allarmi degli antitrust e delle associazioni dei consumatori ("La Kattiva Taiwan edulcora il mercato delle memorie", cerca su PI e vedrai quanti di questi articoli trovi).Un impianto che produce chip di memoria (per CPU, RAM o SSD che sia) ne può fare una tantum l'ora (che si può aumentare frustando gli operai che costruiscono il nuovo impianto); se la domanda e' maggiore della produzione oraria il costo sale solo per te che compri alla spicciolata da un negozio che compra quantità modeste da un distributore che compra quantità medie, perché il produttore non può ricaricare il costo della domanda variabile sugli ordini elevati fissi (già piazzati in via prioritaria da chi ha il budget garantito dalle tasse e dalla polizia; in sostanza eserciti, agenzie e banche).Il costo delle SSD e' rimasto elevato per quasi 10 anni perché nei datacenter di banche e governi sono state avviate le procedure di sostituzione da disco meccanico a chip di memoria al fine di risparmiare grandi quantità di energia; finita quella fase tu vedi un Berlusconi che diventa Monti, o un Letta che diventa Renzi, che ti spaccia il risparmio energetico per Buon Governo; e una taiwanese che ti vende l'SSD per la metà del prezzo dell'anno precedente, mentre Apple ti vende il prodotto finito al cui interno c'e' un SSD che costa una via di mezzo in modo da ricavarne un 25% in più contando sul fatto che i suoi utenti sono mediamente incapaci di distinguere un computer da un cactus senza prima toccarlo e sentire che non punge.
    • iRoby scrive:
      Re: ma lo avevamo gia capito
      Trasformato l'audio in testo col riconoscimento vocale, poi diventa semplice semantica e statisticizzi ciò che vuoi oltre ad essere meglio comprimibile, e puoi cancellare l'audio dopo 1 mese.Quelle che vengono conservate sono quelle che provengono dai telefoni di personalità politiche e socialmente impegnate.
  • Etype scrive:
    NSA
    Non che sia sorpreso,erano tutte aziende americane,poi per rifarsi un pò il trucco hanno giocato la carta dell'innocenza.
Chiudi i commenti