Intel lancia nuovi Core i7, fagocita Wind River

Intel ha introdotto nella sua giovane famiglia di processori desktop Core i7 due nuovi modelli di fascia alta, tra i quali un nuovo Extreme Edition. L'azienda ha anche annunciato l'acquisizione di Wind River, regina degli OS embedded

Roma – Intel ha sfruttato il palcoscenico del Computex 2009 per lanciare sul mercato due nuovi processori desktop Core i7 quad-core e presentare alcune delle sue piattaforme e tecnologie di futura introduzione, tra le quali l’Atom di nuova generazione e il suo primo processore CPU+GPU. L’azienda ha poi annunciato l’acquisizione di Wind River, società specializzata in software embedded.

I nuovi chip Core i7, che si collocano nella fascia più alta del mercato desktop, sono il 975 Extreme Edition (EE) e il 950 . Il modello EE gira ad un clock di 3,33 GHz, integra 8 MB di cache L3, è in grado di elaborare fino ad 8 thread simultaneamente e adotta un bus Quick Path Interconnect (QPI) con ampiezza di banda pari a 6,4 GT/s. Il thermal design power è di 130 watt e il processo produttivo a 45 nanometri.

Comparando le specifiche tecniche del nuovo chip con quelle del precedente modello Extreme, il 965 EE , si evince che le differenze tra i due sono esclusivamente date dal clock , che nel 965 è di 3,2 GHz, e dall’aggiunta nel 975 del supporto alla tecnologia di power management Demand Based Switching, usualmente fornita sulle CPU server.

Il Core i7 950 condivide buona parte delle specifiche tecniche del modello superiore ad esclusione della frequenza di clock, qui pari a 3,06 GHz, e della velocità del bus QPI, di 4,8 GT/s. Entrambe le CPU supportano le tecnologie Enhanced Intel Speedstep, Hyper-Threading Intel VT, Demand Based Switching, Enhanced Halt State (C1E) e Intel Thermal Monitor 2.

Il Core i7 975 EE ha un prezzo all’ingrosso di 999 dollari , mentre il 950 costa 562 dollari .

Tra i primi produttori di PC ad aver presentato un desktop basato sul nuovo Core i7 EE c’è HP, che sul sistema m9600T da 1900 dollari ha affiancato il chippone di Intel ad una scheda grafica GeForce GTS 250.

Dell’Atom di nuova generazione, nome in codice Pineview , e della relativa piattaforma, Pine Trail , si è già parlato approfonditamente lo scorso mese insieme a Moblin 2.0, il nuovo sistema operativo mobile Linux-based sponsorizzato dal big di Santa Clara e protagonista del Computex.

Al Computex Intel ha parlato anche di Clarkdale , il suo futuro processore che per primo sposerà CPU e GPU sullo stesso chip. L’azienda ha mostrato un prototipo del nuovo chip montato su una scheda madre MSI che integrava l’inedito chipset P57. Questa accoppiata dovrebbe arrivare sul mercato entro la fine dell’anno.

Intel mangia Wind River
Ieri Intel ha inoltre annunciato di aver raggiunto un accordo definitivo per l’acquisizione di Wind River Systems , una società californiana che sviluppa sistemi operativi, middleware e altre soluzioni software per i dispositivi embedded. Il valore complessivo dell’operazione sarà di 884 milioni di dollari .

Intel ha spiegato che Wind River continuerà ad operare come una sua sussidiaria, conservando l’attuale modello di business e l’attuale linea di prodotti: tra questi, il più noto è lo storico VxWorks , considerato uno tra i sistemi operativi embedded real-time più maturi e affidabili oggi sul mercato. Nei recenti anni Wind River ha affiancato al suo prodotto di punta anche diverse soluzioni embedded basate sul kernel di Linux . Da notare come i sistemi operativi di Wind River supportino una grande varietà di architetture, da ARM a MIPS passando per x86, e quest’ultima riveste al momento un ruolo piuttosto marginale nel business dell’azienda.

Intel afferma che l’acquisizione di Wind River l’aiuterà ad espandere la propria presenza nei segmenti mobile ed embedded , spingendo i propri chip e il proprio software su dispositivi come smartphone, MID, player MP3, navigatori satellitari, computer di bordo, appliance di rete, strumentazione militare e aerospaziale, sistemi per le telecomunicazioni ecc. Tanto per fare degli esempi, VxWorks viene oggi impiegato nel robot Honda Asimo, in aerei di linea come l’Airbus A400M e il Boeing 787, nel sistema iDrive di BMW, nell’elicottero militare Apache Longbow, nel router WRT54G di Linksys e, ancora, in stampanti laser, controlli industriali, controller RAID, modem satellitari, digital video recorder ecc.

Con il progetto Moblin e gli asset di Wind River, il business di Intel sembra diversificarsi sempre più verso il software , un settore dove la mamma del Pentium desidera guadagnare una certa autonomia nei confronti della sua vecchia partner Microsoft. Ma quando un gigante come Intel si muove, a tremare è l’intero mercato hi-tech: nel medio-lungo periodo le recenti mosse di BigI potrebbero arrivare a minacciare non soltanto Microsoft, ma anche molti altri produttori di software e hardware.

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ecEifnRaAfn aXqnNqxB scrive:
    qMpquQxeGYKrUw
    I'd like to transfer some money to this account http://digitallocksmithsinc.com/get-informed/ allopurinol generic The two airlines had been widely expected to win approval for the deal, which was announced in February. They secured European Union approval on August 5 after promising to surrender some slots at London's Heathrow and Philadelphia.
  • uGpEOvdQpTF xdGi scrive:
    uWdGwrvdKKorWIZfDXE
    I've got a full-time job http://www.globalbersih.org/about-us/ 2000 dollar shoirt term loan The 4 percent fall in sales and 34 percent fall in operatingprofit show the scale of the challenge facing new chiefexecutive Bjorn Gulden, who joined Puma from Danish jewellerychain Pandora at the start of the month.
  • tlyZADqrJUp kodc scrive:
    UlMSBvUVpRQvwL
    uWeWv3 http://www.FyLitCl7Pf7kjQdDUOLQOuaxTXbj5iNG.com
  • Luc scrive:
    Mediacenter
    Bello, sul mio 50" attaccato al mediacenter si vede bene. Ancora qualcosa da aggiustare per l'uso con il telecomando, nessun problema con la tastiera/mouse wireless.
  • Inventore scrive:
    Youtube XL è un clone
    Esistono da tempo portali specializzati per la visione di youtube sulle console, in particolare per la wii:www.wiitube.com che è un raccoglitore di video presi da youtubewww.mywiicenter.com che è un media center completo per wii e pcConsultando youtubeXL non riesco a capirne il concept di design: non si riuscirebbe a navigare con un telecomando da tv/media center "medio" ed inoltre non si capisce se è solo un adattamento dell'interfaccia o qualcosa di più... Attendo ulteriori sviluppi,per adesso il giudizio è:rimandato.
    • Polemik scrive:
      Re: Youtube XL è un clone
      Soprattutto, chi pagherà per dei contenuti che la gente è abituata ad avere gratis? Con la crisi, poi... :D
      • Inventore scrive:
        Re: Youtube XL è un clone
        la comodità si paga... anche quando si scaricano contenuti da , comunque si impiega tempo (ed elettricità) sia per cercare che per scaricare... con quei contenuti invece non si deve scaricare, ma li si vede in progressive download in tempo reale, risparmiando tempo (e corrente)
      • J. Titor scrive:
        Re: Youtube XL è un clone
        - Scritto da: Polemik
        Soprattutto, chi pagherà per dei contenuti che la
        gente è abituata ad avere gratis? Con la crisi,
        poi...
        :DLa stessa che (nonostante la crisi) oggi paga Sky, pagherà per Sky.net e riceverà un terminator in omaggio a casa.
    • J. Titor scrive:
      Re: Youtube XL è un clone
      Nonostante la crisi, la gente si abbona a società che offrono canali televisivi a pagamento, con ricezione via satellite o digitale terrestre. Dunque se le stesse si spostassero via streaming offrendo la stessa qualità televisiva (quando le connessioni saranno migliori e più capillari), potrebbero fare anche di meglio (se non lo fanno loro, ci proveranno, anzi iniziano già a provarci, altri): un comodo servizio di film o episodi on demand, sfruttando l'ampio parco di titoli in loro possesso, per vedere quello che vuoi, quando vuoi. La TV può diventare molto più interattiva con molte nuove possibilità. Qualcuno tenterà la strada del finanziamento tramite pubblicità, come probabilmente farà Youtube anche con XL, ma servono contenuti più "seri" rispetto ai suoi soliti, le manovre di Google nel tentativo di migliorare la qualità dei contenuti e di cercare accordi, sembrano in effetti puntare in quella direzione (al costo di rendere quel "you" meno valente). Possono nascere nuovi networks, se sapranno cogliere l'attimo e cavalcare le tecnologie correlate, che finora non erano mature e non lo sono completamente neanche ora, la fase è abbastanza sperimentale. ma si stanno affacciando prospettive interessanti e qualuno prova a prendere quella direzione, sperando di non fare un buco nell'acqua
  • Roberto Valiani scrive:
    Apple TV
    Cioe', alla fine della fiera fara' quello che fa gia' Apple TV da qualche anno?Sai che novita'-
    • Charlie Parker scrive:
      Re: Apple TV
      Apple TV devi acquistarla, qui non devi comprare un hardware apposito ma basta un acXXXXX a internet e virtualmente qualunque device in grado di collegarsi alla rete, quindi ad esempio anche xbox, nintendo wii etc... un target di clientela decisamente più ampio, a parità di contenuti vincerebbe sicuramente la sfida. Apple però ha il vantaggio degli accordi già conclusi con le major che invece non hanno certo visto di buon occhio Youtube fino ad oggi...Al tempo stesso Google ha sicuramente una forza economica superiore. Poi c'è il conflitto di interessi di Schmidt che siede nel CDA di entrambe le aziende... insomma una partita complicata!
      • anonimo scrive:
        Re: Apple TV
        - Scritto da: Charlie Parker
        Apple TV devi acquistarla, qui non devi comprare
        un hardware apposito ma basta un acXXXXX a
        internet e virtualmente qualunque device in grado
        di collegarsi alla rete, quindi ad esempio anche
        xbox, nintendo wii etc... un target di clientela
        decisamente più ampio, a parità di contenuti
        vincerebbe sicuramente la sfida. Apple però ha il
        vantaggio degli accordi già conclusi con le major
        che invece non hanno certo visto di buon occhio
        Youtube fino ad
        oggi...
        Al tempo stesso Google ha sicuramente una forza
        economica superiore. Poi c'è il conflitto di
        interessi di Schmidt che siede nel CDA di
        entrambe le aziende... insomma una partita
        complicata!Guarda che Hulu come accordi sta facendo un mazzo così ad Apple.
  • J. Titor scrive:
    La strada è segnata
    Questo è il primo abbozzo del Web 3.0... o almeno lo era nella mia linea temporale.
    • asdrubale scrive:
      Re: La strada è segnata
      nella tua linea temporale io mi scopo jessica alba?
      • lolol scrive:
        Re: La strada è segnata
        - Scritto da: asdrubale
        nella tua linea temporale io mi scopo jessica
        alba?(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
      • palin scrive:
        Re: La strada è segnata
        - Scritto da: asdrubale
        nella tua linea temporale io mi scopo jessica
        alba?Va bene la fantascienza, ma... :P
Chiudi i commenti