Irlanda, provider boia per scelta

L'industria della musica ha trascinato Eircom in tribunale. L'accordo extragiudiziale prevede che l'ISP disconnetta gli utenti recidivi. Ma anche gli altri provider dovranno iniziare a lustrare le ghigliottine

Roma – Avvertirà coloro che si celano dietro l’indirizzo IP segnalato dai colossi dell’industria, tenterà di scuotere i recidivi con una seconda missiva, ma al terzo episodio segnalato dai detentori dei diritti, Eircom chiuderà per il proprio utente il rubinetto della connettività. Lo farà senza che la legge le imponga alcunché: il provider irlandese si è mosso spontaneamente. Sul suo capo pendeva una denuncia formulata dalle major.

Il contenzioso era stato avviato nei primi mesi del 2008: IRMA , l’associazione che rappresenta l’industria discografica nell’isola verde, aveva accusato Eircom di adagiarsi sulle scorribande P2P dei netizen, di non vigilare sui propri utenti, di racimolare denari vendendo ai netizen connettività di cui avrebbero abusato . Eircom, inerte fornitore di connettività, avrebbe così incoraggiato i netizen a violare il diritto d’autore.

Nei giorni scorsi, gli ultimi atti del processo. L’accusa ha sfoderato le prove del fatto che Eircom fosse pienamente consapevole di come i propri utenti impugnino le connessioni, di come l’ISP fosse loro complice. Il documento citato in tribunale dalle major risale al 2001, si tratta di un memo circolato fra i dipendenti dell’ISP: ” Pirateria è un termine abusato: la si potrebbe chiamare condivisione , visto che pirateria implica che ci sia qualcosa di sbagliato – scriveva Denis Curran, a capo della divisione Internet della telco irlandese – pensatela come se servisse a salvaguardare la salute e il benessere delle rockstar cocainomani lasciandole con meno soldi da sperperare in sesso e droga”. Non fosse bastata questa prova a raggelare Eircom, l’accusa ha chiamato in causa The Pirate Bay: Eircom contribuirebbe a finanziare la Baia con inserzioni per pubblicizzare i propri servizi.

Accusato di lucrare sul file sharing illegale e di aver inferto all’industria della musica danni per una cifra calcolabile tra i 4 e i 5 milioni di euro, il provider irlandese ha ceduto e si è dichiarato disposto a scendere a compromessi con un accordo extragiudiziale.

Eircom ha accettato di collaborare: le dichiarazioni raccolte da un reporter irlandese mostrano che il fio che l’ISP dovrà pagare per placare IRMA sarà l’implementazione su base volontaria dei meccanismi della “risposta graduale” di impronta francese. L’industria racimolerà indirizzi IP degli utenti del provider colti a violare il diritto d’autore, Eircom provvederà a dare un nome agli indirizzi IP e a informarli dell’avvenuta violazione. Se ciò non dovesse bastare a far desistere i netizen, l’ISP invierà una seconda comunicazione che minaccerà la disconnessione coatta. Alla terza violazione si chiuderanno i rubinetti.

“Avrebbero voluto infiltrarsi nel nostro network, per implementare una soluzione tecnologica – ha spiegato il portavoce di Eircom – abbiamo negoziato perché rinunciassero, e si affideranno a terze parti per raccogliere informazioni su chi usa la nostra rete per condividere illegalmente”. Eircom sottolinea quelli che ritiene i propri meriti, non accenna all’eventualità che si verifichino dei falsi positivi nelle segnalazioni dell’industria. Nell’accordo non si fa altresì alcun accenno a giusti processi , né all’intervento di magistrati: Eircom intende implementare questa soluzione su base volontaria e potrebbe limitarsi a introdurre la nuova condizione nel contratto a cui sottopone i propri utenti. Assumendosi la responsabilità di non discutere le segnalazioni fornite dall’industria , Eircom si troverebbe a impersonare il ruolo di giudice e il ruolo di boia.

Ma Eircom potrebbe non essere il solo provider a collaborare con l’industria: “Le etichette – spiega il provider – hanno concordato che si muoveranno per mettere in campo le strategie necessarie per stringere simili accordi con gli altri ISP dell’Irlanda”. Non è dato sapere se la strada che le major sceglieranno di battere sia quella della denuncia: non tutti i provider , nemmeno sotto la minaccia di processi , si dimostrano disposti ad assumersi la responsabilità.

Al di là dell’oceano ferve invece la collaborazione tra l’industria dei contenuti e i colossi delle comunicazioni: RIAA il mese scorso ha annunciato di voler cambiare strategia e ha avviato il dialogo con gli ISP. Indiscrezioni dell’ultim’ora suggeriscono che AT&T e Comcast siano vicine ad un accordo: una collaborazione che non sorprende, alla luce delle precedenti sortite di AT&T e delle pratiche di contenimento del traffico adottate da Comcast.

Ci sono inoltre mercati in cui l’industria dei contenuti non necessita di inerpicarsi lungo accordi di mutuo aiuto: la Nuova Zelanda, impegnata in una riforma del quadro normativo a tutela del diritto d’autore orientata alla disconnessione degli sharer recidivi, ha confermato che la proposta di legge non verrà emendata. Potrebbe bastare un’accusa formulata dall’industria dei contenuti per perdere il diritto alla connettività.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ELEKTRON scrive:
    ma basta...
    Dai raga sempre a prendersela con sto windows... qui tutti lo giudicano e tutti lo usano... kissà xkè nonostante sia così skifoso sto windows, esso detiene il maggior numero di licenze... si lo sappiamo ke windows non è un os con i fiokki, ma dai in compenso ha cose che altri os non hanno... tipo windows rispetto a linux è più semplice da capire... c'è dai vogliamo mettere l'installazione di un programma in windows e poi l'installazione in linux? in linux si che la maggior parte dei software sta in Pacchetti Synaptic, ma mettiamo vogliamo mettere un programma che non è presente in tale lista? tipo amule o magari amsn??? come facciamo allora prendi e mettiti d'impegno x capire come installare un merd**so programma... e come c'era qualke utente ke diceva "ki mi ripaga delle ore perse?" e di queste ki ti ripaga??? poi c'è il maccomane ke ama il mac e dice ke lui è il migliore... e basta a dire utonti solo perchè si usa windows... xkè anke windows è un buon sistema... ha i suoi bug... e quale software non ne ha? dai raga basta a ingiuriare sempre contro MS.... intanto l'xp se lo piangono tutti sarà ke fa skifo, ma cm mai se lo piangono??? pensateci....
    • pabloski scrive:
      Re: ma basta...
      - Scritto da: ELEKTRON
      Dai raga sempre a prendersela con sto windows...
      qui tutti lo giudicano e tutti lo usano... io no
      kissà
      xkè nonostante sia così skifoso sto windows, esso
      detiene il maggior numero di licenze... si lograzie, è preinstallato ovunquecomunque windows è diffuso solo sui PC, già su server, workstation di alto livello, centri di calcolo, dispositivi embedded, Linux detiene il grosso del mercato
      sappiamo ke windows non è un os con i fiokki, ma
      dai in compenso ha cose che altri os non hanno...così come altri os hanno cose che windows non ha
      tipo windows rispetto a linux è più semplice da
      capire... c'è dai vogliamo metterecapire??? che c'è da capire??? l'utente normale non installa windows, non installa i driver, pochi sono in grado di installare le applicazioniè facile dire che windows è facile quando c'è il tecnico di fiducia che si occupa di tutto
      l'installazione di un programma in windows e poi
      l'installazione in linux? in linux si che lainfatti è più complessa l'installazione di un programma in windows...per non parlare dei driver, che fino a xp devi cercare in giro e in vista la situazione è migliorata ma di pocovuoi mettere un sistema come linux dove attacchi una periferica ed è riconosciuta e configurata automaticamente?
      maggior parte dei software sta in Pacchetti
      Synaptic, ma mettiamo vogliamo mettere un
      programma che non è presente in tale lista? tipouna lista di 28000 pacchetti, mi pare abbastanza....poi non lo sai che ci sono i pacchetti rpm e deb scaricabili dai siti web ed installabili con un click? e tutto questo senza passare per synaptic
      amule o magari amsn??? come facciamo alloraci sono nei repository di tutte le distro esistenti
      qualke utente ke diceva "ki mi ripaga delle ore
      perse?" e di queste ki ti ripaga??? poi c'è ile chi ti ripaga delle ore perse a causa di spyware/trojan/worm? e se hai dati importanti e te li fai rubare? chi ti ripaga dei 2000 prelevati dalla tua carta di credito e che non vedrai mai più?
      maccomane ke ama il mac e dice ke lui è il
      migliore... e basta a dire utonti solo perchè sie infatti il Mac è sicuramente più userfriendly di Windows....a cominciare dalle periferiche che si installano trasparentemente come in linux
      usa windows... xkè anke windows è un buon
      sistema... ha i suoi bug... e quale software nonla differenza sta nel numero di bug critici presenti....tutti i software hanno bug, ma poche riescono a tirar fuori almeno 1 bug al mese di buffer overflow sfruttabile da remoto
      ne ha? dai raga basta a ingiuriare sempre contro
      MS.... intanto l'xp se lo piangono tutti sarà ke
      fa skifo, ma cm mai se lo piangono???
      pensateci....no quelli che sono passati a Vista sono poi ritornati a XP....difficilmente chi passa a Linux ritorna indietro....molti c'hanno il dual boot, perchè magari hanno questo o quel programma che gira solo su windows, questo o quel videogame che è solo per windows, sviluppano per windows e quindi devono testare i loro softwarenon dico che windows fa schifo, però non è nemmeno indispensabile come invece stai affermando
      • ELEKTRON scrive:
        Re: ma basta...
        si sul fatto ke non è così indispensabile hai ragione, però mi da fastidio vedere utenti ke usano linux "sXXXXXXX" quelli che usano windows... io per esempio sono un tecnico che usa windows e ripara windows, ho linux sul portatile, ma ci capisco poco rispetto a win, ecco se io tecnico ho difficoltà, immaginiamo un utente base... eh insomma la vedo triste... ecco perchè sui pc di casa windows svende, mentre su server e quant'altro di grandi aziende si usa linux... ca**o hanno dei programmatori che dormono anke la notte con il pc, ecco xkè di problemi loro non se ne fanno....
    • Funz scrive:
      Re: ma basta...
      - Scritto da: ELEKTRONTi rispondo anche se scrivi come uno di prima media ripetente.
      Dai raga sempre a prendersela con sto windows...
      qui tutti lo giudicano e tutti lo usano... kissà
      xkè nonostante sia così skifoso sto windows, esso
      detiene il maggior numero di licenze... si loBeh, Linux non hai nemmeno bisogno di una licenza per usarlo :)
      sappiamo ke windows non è un os con i fiokki, ma
      dai in compenso ha cose che altri os non hanno...
      tipo windows rispetto a linux è più semplice da
      capire... c'è dai vogliamo mettereDissent. Uno che non sa nulla di PC impara sicuramente più in fretta ad usare Linux che Windows. Con Windows devi per forza usare antivirus, antispyware, firewalls, eccetera. Con Linux accendi e inizi a lavorare.
      l'installazione di un programma in windows e poi
      l'installazione in linux? in linux si che la
      maggior parte dei software sta in Pacchetti
      Synaptic, ma mettiamo vogliamo mettere un
      programma che non è presente in tale lista? tipo
      amule o magari amsn??? come facciamo alloraScherzi? Citi due programmi che sono nei repository (quelli di ubuntu, almeno).Se una cosa non c'è nel repository di solito è perché è un sw misconosciuto o in forma ancora troppo incompleta.Spesso poi trovi i pacchetti .deb per Debian e Ubuntu, e installare quelli costa un clic.
      prendi e mettiti d'impegno x capire come
      installare un merd**so programma... e come c'era
      qualke utente ke diceva "ki mi ripaga delle ore
      perse?" e di queste ki ti ripaga??? poi c'è ilEro io... direi che la tua critica è fuori bersaglio.Imparato a usare una volta synaptic (o adept, o ancora meglio apt-get) installo tutto quello che mi serve senza andarmi a cercare il sito tutte le volte, cercare l'installer, scaricarlo, lanciarlo, avanti-avanti-OK, eventuale riavvio, ripetere per ogni programma....Aggiungo una spunta a uno o più programmi in una lista, schiaccio un bottone e fa tutto lui. I programmi sono disponibili da subito nel menu, organizzati per funzione.
      MS.... intanto l'xp se lo piangono tutti sarà ke
      fa skifo, ma cm mai se lo piangono???
      pensateci....Non dico che fa schifo, e lo uso (mio malgrado, visto che alcuni programmi funzionano solo su Win) ma preferisco di gran lunga Linux sia come filosofia che come usabilità.
      • ELEKTRON scrive:
        Re: ma basta...
        beh ti invito a leggere la mia seconda affermazione, dopo l'affermazione di pabloski, io voglio solo dire ke non è una cosa semplicissima linux, e siccome nelle scuole, ovunque si trova win, e d'altronde io che da tecnico vedo, la gente non sa fare una emerita minkia con i pc... pretendere che la gente impari a usare linux, mi sembra assurdo... ti cito anke un esempio al riguardo, noi vendiamo i mini hp (i netbook) e li è preinstallato linux, ti dirò ke 3 acquirenti su 10 vogliono provare linux, ma ti dirò ke il 100 % di quei netbook si ritrova poi windows.... me lo spieghi?? la gente oramai è abituata a fare quello che sa fare, e la tecnologia di oggi ci propina ancora sistemi MS. Il mac è semplice, è vero... ma... costano molto i pc apple... spesa che non tutti vogliono fare... linux è gratis si... ma non tutti ne conoscono l'esistenza, se no per l'amico ke ne capisce... e infine c'è windows... sbattuto su ogni makkina e facile da trovare crackato... insomma... è una guerra persa almeno sui desktop e su molti laptop... linux a parer mio lo vedo solo buono su vekki pc, sui netbook, e nei negozi.. visto ke è sotto GPL... ma per il resto non credo che la gente voglia cambiare...
        • Funz scrive:
          Re: ma basta...
          Ceh Windows sia più facile pre un principiante non è affatto vero, ci sono un sacco di esempi di persone che si sono trovate bene con Linux da subito, e un sacchissimo che si sono trovate male con Windows (mai insegnato ad usarlo a tua mamma? io si...)
          • ELEKTRON scrive:
            Re: ma basta...
            a mia mamma no... ma mi trovo ad insegnarlo a tanti clienti... almeno nelle problematiche che affliggono il cliente... =) comunque su questo discorso ognuno ha la sua... quindi è inutile quasi, discuterne....
    • nick scrive:
      Re: ma basta...
      è un s.o. che è fatto per mantenere tante persone....molto semplicemente...senza windows sai quanti sarebbero per strada?
  • Funz scrive:
    Danni di Windows
    Tempo fa mi chiedevo quale fosse il danno all'economia mondiale causato dalle schifezze Windows, per colpa della loro vulnerabilità e instabilità. Questi hanno risposto parzialmente, e il conto parziale è di mille miliardi di $. All'anno. E una bella fetta è colpa di Microsoft.Mica male.------------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 30 gennaio 2009 11.15-----------------------------------------------------------
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Danni di Windows
      contenuto non disponibile
      • pabloski scrive:
        Re: Danni di Windows
        però bisogna fare i dovuti distinguoti ricordo che ancora oggi i maggiori vettori d'infezione sono nell'ordine- worm che si propagano grazie a vulnerabilità sfruttabili da remoto- infezioni tramite iframe che sfruttano vulnerabilità di IE- infezioni tramite dispositivi rimovibili ( possibili grazie all'autorun )all'ultimo posto ci sono i trojan....e infatti il mercato del pay x install ( leggi installazione di trojan su commissione ) è uno dei più difficili in cui prosperare, proprio perchè gli utonti tanto utonti non sonomi spieghi che c'entra l'utonto con i primi 3 casi? lì la colpa è di MS, c'è poco da farebasti pensare che se non fosse stato per la vulnerabilità RPC ( che poi è in giro dal 2004 sotto varie forme, sfruttata a suo tempo da Sasser ) col cavolo che Conficker avrebbe raggiunto quota 13 milioni di host infettatise proprio vuoi fare un paragone con le auto, penso al caso in cui un'automobilista sta guidando su autostrada e gli si spezza il piantone dello sterzo....non possiamo certo incolpare l'automobilista per questo
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: Danni di Windows
          contenuto non disponibile
          • pabloski scrive:
            Re: Danni di Windows
            hai perfettamente ragione, ma quando si sceglie un OS, soprattutto per certi usi specifici, si predilige l'OS più robustoe Windows non rientra nella categoria, o meglio si posiziona in posizioni decisamente bassefu fatto uno studio di complessità di Windows 2000 ( in base ai sorgenti rubati dai server di Microsoft qualche anno fa ) e ne venne fuori che Windows è 10 volte più complesso di Linux....in ognuna delle chiamate a funzione, dei salti, delle chiamate all'API si può annidare un buffer overflow o altrostatisticamente Windows è meno robusto rispetto agli altri.....per quanto riguarda i 1000 hacker, poi, teniamo presente che Linux è sottoposto ad auditing periodico, procedura in cui il sistema viene sottoposto ad attacchi di vario tipo, oltre che all'analisi dei sorgenti per trovare bug....e nonostante tutto ciò il numero di bug critici è di vari ordini di grandezza inferiore rispetto a Windowsgli hacker sfruttano i bug, ma i bug stessi non li inseriscono gli hacker, si limitano solo a sfruttarli....e la diffusione di Windows sui PC non è il motivo della sua minore robustezza, tant'è che ci sono OS che gestiscono reti finanziarie ( quelle delle ACH per esempio dove transitano miliardi di dollari al giorno )....non sarebbe più conveniente crakkare quei sistemi invece di Windows?evidentemente quei sistemi richiedono uno sforzo immane per essere crakkati
      • Funz scrive:
        Re: Danni di Windows
        - Scritto da: unaDuraLezione
        - Scritto da: Funz

        Tempo fa mi chiedevo quale fosse il danno

        all'economia mondiale causato dalle schifezze

        Windows, per colpa della loro vulnerabilità e

        instabilità.

        un po' come chiedersi quanti danni ha provocato
        la FIAT a causa dei suoi automobilisti "imbottiti
        di alcol e droga" (@ studio
        aperto)Ma non stiamo parlando di danni dovuti al comportamento degli utenti, piuttosto ai malfunzionamento del dispositivo (tipo i freni che si rompono)Chi mi ripaga delle ore di lavoro perse causa crash di Windows 3.14/95/98? E le XXXXXXXture?Chi mi rifonde le ore sprecate per cercare di formattare i documenti come dico io e non come dice il word?Chi mi ripaga le ore spese per apprendere / installare / usare / manutenere tutti i programmi che su Windows sono indispensabili e su altri sistemi inutili (antivirus, antispyware, firewall ecc.)Da quando a casa uso Linux ho molto più tempo per le cose che mi interessano, e le volte che devo avviare l'XP di mia moglie devo perdere tempo dietro a tutte queste cose inutili.
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: Danni di Windows
          contenuto non disponibile
          • Funz scrive:
            Re: Danni di Windows
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: Funz


            Chi mi ripaga delle ore di lavoro perse causa

            crash di Windows 3.14/95/98? E le

            XXXXXXXture? [...]

            Le ripaghi con le ore in cui hai prodotto usando
            lo stesso
            strumento.Molte più ore, visto che la mia produttività è limitata dagli strumenti inadeguati...
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Danni di Windows
            contenuto non disponibile
  • QuiQuoQua scrive:
    Re: Non è un trilione !
    - Scritto da: QuiQuoQua
    In italiano "un milione di milioni" (cioè mille
    miliardi) si dice
    "trilione".Ecco... l'ho sbagliato pure io: volevo ovviamende dire che si dice "bilione".
    • mille miliardi scrive:
      Re: Non è un trilione !
      Veramente i dizionari danno come uso prevalente italiano quello USA piuttosto che quello UK.Comunque, in buon italiano, si usano solo milione e miliardo;bilioni, biliardi, fantastiliardi ecc. meglio lasciarli ai fumetti.Quando finalemente vi imparate la contazione scentifficca, scrivieremo simplamente 10^12 e sariebbe tuto molto piu simplico. : ))))disclaimer: il rif. ai fumetti non è per burlarmi di QuiQuoQua.
  • DrEvil scrive:
    Che sarà mai...
    [img]http://i43.tinypic.com/2ptq5xt.jpg[/img]...in confronto con due BILIONI di dollari! :D :D
Chiudi i commenti