Starlink: accordo NASA-SpaceX per evitare collisioni dei satelliti con la ISS

ISS: accordo NASA-SpaceX per evitare collisioni

L'agenzia statunitense e l'azienda di Elon Musk insieme per scongiurare potenziali incidenti dovuti al transito in orbita dei satelliti di Starlink.
L'agenzia statunitense e l'azienda di Elon Musk insieme per scongiurare potenziali incidenti dovuti al transito in orbita dei satelliti di Starlink.
Guarda 13 foto Guarda 13 foto

La costellazione di satelliti Starlink allestita da SpaceX qualche centinaio di chilometri sopra le nostre teste (sono già oltre 1.200 le unità lanciate) deve necessariamente tenere conto di cos’altro si trova in orbita, per evitare collisioni accidentali. È questo l’obiettivo dell’accordo siglato dalla società con NASA, in particolare per quanto concerne la sicurezza della Stazione Spaziale Internazionale.

I satelliti Starlink e la ISS: così si eviteranno incidenti

Per chi non ne fosse a conoscenza, l’azienda di Elon Musk ha dato il via a un progetto per la fornitura di connessione Internet dall’alto, promettendo velocità fino a 300 Mbps nel trasferimento dati. Al momento l’erogazione del servizio è limitata a livello territoriale, ma per un futuro non troppo lontano è prevista un’espansione. Sul tavolo anche l’ipotesi di un debutto in Italia.

I satelliti Starlink di SpaceX in orbita a 550 Km di distanza dalla Terra

L’orbita della ISS si colloca a circa 400 chilometri di distanza dalla Terra, mentre come si può vedere nell’immagine qui sopra quella dei satelliti Starlink a circa 550 chilometri.

NASA già impone a tutte le realtà impegnate nei progetti spaziali il rispetto di alcune precise linee guida (Conjunction Assessment) definite a tale scopo. L’accordo siglato con SpaceX e annunciato va oltre, come previsto dallo Space Act che consente all’agenzia di collaborare con realtà private al fine di perseguire gli obiettivi previsti dal proprio mandato.

Fonte: NASA (PDF)
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti