Italia, il calvario digitale

Nuovo rapporto Assinform sullo stato dell'economia digitale del Belpaese. I dati, come prevedibile, non sono positivi così come non lo sono le previsioni per il 2013. Deve intervenire la politica per rimettere al centro imprese e lavoro

Roma – Assinform ha pubblicato il suo 44esimo rapporto sull’economia digitale italiana o “global digital market”, e ora come tre mesi fa i numeri sono negativi e i trend davvero poco incoraggianti: l’associazione di Confindustria per l’Information Technology parla di un fatturato a -7,5 per cento nel primo trimestre dell’anno 2013, con stime a fine anno di un ulteriore -4,2 per cento del mercato.

Il rapporto Assinform conferma quanto già evidenziato in questi giorni dai numeri forniti dall’Unione Europea nell’ambito del progetto Agenda Digitale 2020: la crisi economica generale influenza pesantemente anche il mercato digitale, le telecomunicazioni crollano di un 9,4 per cento – a causa soprattutto della riduzione delle tariffe di terminazione, spiega l’associazione – e l’ IT registra un -4,2 per cento.

L’Italia è in controtendenza rispetto all’Europa e al resto del mondo, spiega il presidente di Assinform Paolo Angelucci, perché se globalmente l’ICT raggiunge un valore di 4.219 miliardi di dollari (3.169 miliardi di euro) con un +5,2 per cento registrato fra il 2011 e il 2012, nel Belpaese il settore è in sofferenza pur “pesando” sul PIL nazionale per 68 miliardi di dollari (51 miliardi di euro).

Ma non tutto è perduto per l’economia digitale italiana, visto che oltre ai dati e i trend negativi c’è anche qualche sintomo di “vivacità” che lascia sperare per un futuro diverso: i trend di crescita della vendita di smartphone e della “Internet delle cose” crescono rispettivamente di un +62 per cento e un +22 per cento, un incremento superiore alla media mondiale del 44 per cento e del 6 per cento.

La ricetta di Angelucci per far tornare al crescere l’economia digitale così da trainare l’intero sviluppo nazionale è scritta parzialmente in “politichese” affinché la politica ascolti: il presidente di Assinform dice che “non ci si può affidare a provvedimenti spot” ma “occorre un impegno a tutto campo puntando su Agenda Digitale, Economia Digitale e Politica Industriale per il settore IT”.

L’associazione chiede alla Presidenza del Consiglio di farsi carico direttamente della questione, istituendo un “bonus cloud” sotto forma di credito d’imposta per lo sviluppo di “nuovi processi aziendali” e favorendo la digitalizzazione delle imprese e gli investimenti “anche immateriali”. La risposta della politica, per il momento, si è concretizzata assegnando il compito di occuparsi dell’Agenda Digitale a Francesco Caio . Misure concrete arriveranno poi, eventualmente.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • maxsix scrive:
    Ve l'avevo detto eh
    Chiamatemi pure oracolo, o semplicemente colui che sa.
    • collione scrive:
      Re: Ve l'avevo detto eh
      http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3829362&m=3830472#p3830472
    • Etype scrive:
      Re: Ve l'avevo detto eh
      - Scritto da: maxsix
      Chiamatemi pure oracolo, delle XXXXXXXte ...
      o semplicemente colui
      che
      sa.Vuoi dire colui che NON sa ...
    • Funz scrive:
      Re: Ve l'avevo detto eh
      - Scritto da: maxsix
      Chiamatemi pure oracolo, o semplicemente colui
      che
      sa.(rotfl)(rotfl)pisa pi cort! :p
      • maxsix scrive:
        Re: Ve l'avevo detto eh
        - Scritto da: Funz
        - Scritto da: maxsix

        Chiamatemi pure oracolo, o semplicemente
        colui

        che

        sa.

        (rotfl)(rotfl)
        pisa pi cort! :pTasi su.
    • gnammolo scrive:
      Re: Ve l'avevo detto eh
      link plz...
    • Jacopo scrive:
      Re: Ve l'avevo detto eh
      si massimino si.aspettiamo come al solito del resto, che non succeda nulla.Ma non ti preoccupare la primavera è passata, ora hai l'estate e se in caso ti va male puoi sempre puntare all'inverno!tanto ormai è più di un anno che ci provi!ma l'importante è non perdere le sperenze!
  • tucumcari scrive:
    tread attiratroll
    almeno ci cogliessi.è un clone!Ti dico pure (per metterti sulla buona strada) alcune espressioni che non troverai mai in un mio post:1) capzata2) Patetico trolletto3) XXXXXXcce closed4) smettila di ammorbarci
  • apple evangelist scrive:
    convertitevi!
    <b
    CONVERTITEVI!! PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI!!! INFENDELI!! ABBANDONATE IL DEMONINIO TENTATRICE ANDROID, MICROSFT!! CONVERTITEVI!! PRESTO JOBS TORNERÀ IN TERRA PER GIUDICARE GLI UTENTI INFORMATICI E CHI VIVE SECONDO LA VOLONTÀ DI NOSTRO SIGNORE JOBS SARÀ SALAVATO E AVRA' LA VITA ETERNA!!!CONVERTITEVI!!! </b
    [img]http://www.lettera43.it/upload/images/10_2011/l43-steve-jobs-111007124906_medium.jpg[/img]
  • Enjoy with Us scrive:
    Indagano Google per uno sconto?
    Ma stiamo scherzando? Dopo quello che ha combinato M$ per anni con il suo Windows?Poi a me risulta che android sia dato in licenza gratuita, non solo è liberamente modificabile... gli eventuali costi sarebbero dovuti proprio ad M$ e alla sua guerra di brevetti contro android!http://www.webnews.it/2010/10/04/steve-ballmer-android-non-e-gratis/Anche il Google play è fornito gratuitamente, come pure le principali app di Google, l'unico appunto che gli si può muovere è che Google "pretende" di fornire le sue app in "blocco", ossia senza possibilità di far scegliere ai produttori quale app installare e quale no, cosa che poi gli utenti possono fare a piacere... caspita una cosa gravissima su cui indagare e possibilmente condannare google!Cavolo gli altri fanno sistemi chiusi dove decidono tutto, comprese le app che possono stare sui loro store, gli unici da cui si puo scaricare le app a meno di non craccare i loro SO e questi indagano Google... che schifo!
    • rotfl scrive:
      Re: Indagano Google per uno sconto?
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Poi a me risulta che android sia dato in licenza
      gratuita, non solo è liberamente modificabile...Quindi? Cosa c'entra con l'antitrust.
      Anche il Google play è fornito gratuitamente,
      come pure le principali app di Google, l'unico
      appunto che gli si può muovere è che Google
      "pretende" di fornire le sue app in "blocco",
      ossia senza possibilità di far scegliere ai
      produttori quale app installare e quale noCiò per cui appunto indaga l'antitrust.
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: Indagano Google per uno sconto?
        - Scritto da: rotfl
        - Scritto da: Enjoy with Us

        Poi a me risulta che android sia dato in
        licenza

        gratuita, non solo è liberamente
        modificabile...
        Quindi? Cosa c'entra con l'antitrust.


        Anche il Google play è fornito gratuitamente,

        come pure le principali app di Google,
        l'unico

        appunto che gli si può muovere è che Google

        "pretende" di fornire le sue app in "blocco",

        ossia senza possibilità di far scegliere ai

        produttori quale app installare e quale no
        Ciò per cui appunto indaga l'antitrust.E ti pare che sia una pratica indagabile questa? Non solo ti do il SO gratis liberamente modificabile e le app gratis, dovresti anche poter decidere quale app preinstallare e quale no? Magari come motore di ricerca di default dovrebbero mettere Bing?Ma allora che aspettano a condannare M$ e Apple che fanno ben di peggio con i loro SO.... e nel caso di M$ non dimentichiamoci che nel settore PC da alcuni decenni e non certo da pochi mesi ha penetrazioni del 90% o superiori!http://www.latinospost.com/articles/19073/20130514/ios-vs-android-market-share-2013-androids-q1-easily-tops.htmQuesti hanno solo il terrore di ritrovarsi in pochi mesi fuori mercato!
        • FinalCut scrive:
          Re: Indagano Google per uno sconto?
          - Scritto da: Enjoy with Us
          - Scritto da: rotfl

          - Scritto da: Enjoy with Us


          Poi a me risulta che android sia dato in

          licenza


          gratuita, non solo è liberamente

          modificabile...

          Quindi? Cosa c'entra con l'antitrust.




          Anche il Google play è fornito
          gratuitamente,


          come pure le principali app di Google,

          l'unico


          appunto che gli si può muovere è che
          Google


          "pretende" di fornire le sue app in
          "blocco",


          ossia senza possibilità di far
          scegliere
          ai


          produttori quale app installare e quale
          no

          Ciò per cui appunto indaga l'antitrust.

          E ti pare che sia una pratica indagabile questa?Ma tu ti ricordi cosa faceva esattamente Microsoft e per quali ragioni è finita sotto proXXXXX?
          • maxsix scrive:
            Re: Indagano Google per uno sconto?
            - Scritto da: FinalCut
            - Scritto da: Enjoy with Us

            - Scritto da: rotfl


            - Scritto da: Enjoy with Us



            Poi a me risulta che android sia
            dato
            in


            licenza



            gratuita, non solo è liberamente


            modificabile...


            Quindi? Cosa c'entra con l'antitrust.






            Anche il Google play è fornito

            gratuitamente,



            come pure le principali app di
            Google,


            l'unico



            appunto che gli si può muovere è
            che

            Google



            "pretende" di fornire le sue app in

            "blocco",



            ossia senza possibilità di far

            scegliere

            ai



            produttori quale app installare e
            quale

            no


            Ciò per cui appunto indaga l'antitrust.



            E ti pare che sia una pratica indagabile
            questa?


            Ma tu ti ricordi cosa faceva esattamente
            Microsoft e per quali ragioni è finita sotto
            proXXXXX?Ma sopratutto, lui si ricorda che android è diventato il maggior introito di M$ dopo Windows e prima di Office?
          • collione scrive:
            Re: Indagano Google per uno sconto?
            fino a quando tutti i tasselli non saranno in-place e gli oem android faranno scoppiare la bombaper ora spendono meno pagando royalties che avviando cause legalima negli USA si sta lavorando per cambiare le leggi attuali ( cose che andrà di traverso pure ai brevettatori dei rettangoli smussati ) e in molti altri Paesi la disapprovazione contro i brevetti software monta inesorabilmente
          • Get Real scrive:
            Re: Indagano Google per uno sconto?
            - Scritto da: collione
            ma negli USA si sta lavorando per cambiare le
            leggi attuali ( cose che andrà di traverso pure
            ai brevettatori dei rettangoli smussati )CHI sta lavorando? Contro una lobby potentissima e ricchissima? Buona fortuna. Stanno solo sprecando tempo.
            e in
            molti altri Paesi la disapprovazione contro i
            brevetti software monta
            inesorabilmenteDavvero? Qual'è stata l'ultima grande dimostrazione contro i brevetti software?Alla fine si farà come deciso da chi governa il Mercato. Per chi crede ancora nelle favole, i recenti fatti in Turchia dovrebbero aver dimostrato una volta per tutte che il popolo non può che chinare la testa di fronte ai superiori interessi di Stato ed Economia.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Indagano Google per uno sconto?
            :-o :-o :-o
          • collione scrive:
            Re: Indagano Google per uno sconto?
            - Scritto da: Get Real
            CHI sta lavorando? Contro una lobby potentissima
            e ricchissima? Buona fortuna. Stanno solo
            sprecando
            tempo.la lobby antibrevetti è decisamente più forte
            Davvero? Qual'è stata l'ultima grande
            dimostrazione contro i brevetti
            software?Nuova Zelanda http://arstechnica.com/tech-policy/2013/05/new-zealand-government-closes-door-on-software-patents/Bundestag http://press.ffii.org/Press%20releases/German%20Bundestag%20challenges%20European%20software%20patenting
            Alla fine si farà come deciso da chi governa il
            Mercato. Per chi crede ancora nelle favole, iovvero si aboliranno i brevetti software, dato che i più grandi avversari di quella XXXXXta sono Google e IBM
            recenti fatti in Turchia dovrebbero aver
            dimostrato una volta per tutte che il popolo non
            può che chinare la testa di fronte ai superiori
            interessi di Stato ed
            Economia.veramente la storia insegna che i potenti che tirano troppo la corda, finiscono con la testa mozzata sulla ghigliottinaciti la Turchia, ma cita pure Egitto, Algeria, Libia
          • Etype scrive:
            Re: Indagano Google per uno sconto?
            - Scritto da: maxsix
            Ma sopratutto, lui si ricorda che android è
            diventato il maggior introito di M$ dopo Windows
            e prima di
            Office?Ms ha sempre avuto grandi introiti,quella di Android è stata una furbata per guadagnare soldi extra in maniera facile,un pò come Apple con cause fuffa...
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Indagano Google per uno sconto?
            - Scritto da: FinalCut
            - Scritto da: Enjoy with Us

            - Scritto da: rotfl


            - Scritto da: Enjoy with Us



            Poi a me risulta che android sia
            dato
            in


            licenza



            gratuita, non solo è liberamente


            modificabile...


            Quindi? Cosa c'entra con l'antitrust.






            Anche il Google play è fornito

            gratuitamente,



            come pure le principali app di
            Google,


            l'unico



            appunto che gli si può muovere è
            che

            Google



            "pretende" di fornire le sue app in

            "blocco",



            ossia senza possibilità di far

            scegliere

            ai



            produttori quale app installare e
            quale

            no


            Ciò per cui appunto indaga l'antitrust.



            E ti pare che sia una pratica indagabile
            questa?


            Ma tu ti ricordi cosa faceva esattamente
            Microsoft e per quali ragioni è finita sotto
            proXXXXX?No non me lo ricordo, rinfrescami tu la memoria!A me non risulta che google imponga ad alcuno il suo SO, non mi risulta che chieda soldi, l'unica cosa che chiede è che se un'azienda desidera preinstallare sui propri device le sue app (non Android) debba installare un pacchetto di app senza possibilità di scegliere le singole app, visto che si tratta di app disinstallabili o installabili a piacere dall'utenza e che a nessuno viene impedito di preinstallare qualsivoglia app concorrente non ci vedo nulla di limitativo alla concorrenza, cosa che invece vedo e molto nei comportamenti dirigistici sia di M$ che di Apple che si spingono a cancellare da remoto oltre che dai propri store (gli unici da cui è ammesso scaricare le app) le app sgradite!Se proprio vogliono indagare, perchè non partono da M$ e Apple?
          • collione scrive:
            Re: Indagano Google per uno sconto?
            ms? ormai le stanze del palazzo dell'antitrust UE, sono piene di documenti riguardanti gli abusi di ms :Dper apple la salvezza è il fatto di avere uno share ridicolo in confronto alla concorrenza
        • FDG scrive:
          Re: Indagano Google per uno sconto?
          - Scritto da: Enjoy with Us
          E ti pare che sia una pratica indagabile questa?Non so in Europa, ma ricordo (cose lette ai tempi del proXXXXX contro MS) che negli USA certi bundle fatti allo scopo di imporre un prodotto grazie alla diffusione di un'altro sono considerate pratiche anticoncorrenziali. Poi, credo che la questione vada valutata nel giusto contesto.
      • collione scrive:
        Re: Indagano Google per uno sconto?
        e fanno bene ad indagareperò credo che non arriveranno a nulla, in quanto gli oem non sono obbligati a rifornirsi da googlel'OS è opensource, gratuito, customizzabile e non devi chiedere il permesso a google per usarlole google apps sono gratuite ma non inficiano l'usabilità del sistema operativo ( cioè puoi farti il tuo store e nessuno te l'impedisce )non c'è nessun tipo di lockin e di crippling sia per gli OEM sia per gli utentiil punto è che l'abuso di posizione dominante si configura quando qualcuno ti costringe a fare qualcosa, ma gli OEM prendono android dai repository, le compilano e lo preinstallano, senza che google possa metterci becco
    • Funz scrive:
      Re: Indagano Google per uno sconto?
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Ma stiamo scherzando? Dopo quello che ha
      combinato M$ per anni con il suo
      Windows?
      Poi a me risulta che android sia dato in licenza
      gratuita, non solo è liberamente modificabile...
      gli eventuali costi sarebbero dovuti proprio ad
      M$ e alla sua guerra di brevetti contro
      android!
      http://www.webnews.it/2010/10/04/steve-ballmer-and

      Anche il Google play è fornito gratuitamente,
      come pure le principali app di Google, l'unico
      appunto che gli si può muovere è che Google
      "pretende" di fornire le sue app in "blocco",
      ossia senza possibilità di far scegliere ai
      produttori quale app installare e quale no, cosa
      che poi gli utenti possono fare a piacere...
      caspita una cosa gravissima su cui indagare e
      possibilmente condannare
      google!
      Cavolo gli altri fanno sistemi chiusi dove
      decidono tutto, comprese le app che possono stare
      sui loro store, gli unici da cui si puo scaricare
      le app a meno di non craccare i loro SO e questi
      indagano Google... che
      schifo!Google può anche fare come MS, ma è ben lungi dall'avere la posizione dominante che Windows aveva sul desktop. E' questa l'unica differenza.
      • maxsix scrive:
        Re: Indagano Google per uno sconto?
        - Scritto da: Funz
        - Scritto da: Enjoy with Us

        Ma stiamo scherzando? Dopo quello che ha

        combinato M$ per anni con il suo

        Windows?

        Poi a me risulta che android sia dato in
        licenza

        gratuita, non solo è liberamente
        modificabile...

        gli eventuali costi sarebbero dovuti proprio
        ad

        M$ e alla sua guerra di brevetti contro

        android!


        http://www.webnews.it/2010/10/04/steve-ballmer-and



        Anche il Google play è fornito gratuitamente,

        come pure le principali app di Google,
        l'unico

        appunto che gli si può muovere è che Google

        "pretende" di fornire le sue app in "blocco",

        ossia senza possibilità di far scegliere ai

        produttori quale app installare e quale no,
        cosa

        che poi gli utenti possono fare a piacere...

        caspita una cosa gravissima su cui indagare e

        possibilmente condannare

        google!

        Cavolo gli altri fanno sistemi chiusi dove

        decidono tutto, comprese le app che possono
        stare

        sui loro store, gli unici da cui si puo
        scaricare

        le app a meno di non craccare i loro SO e
        questi

        indagano Google... che

        schifo!

        Google può anche fare come MS, ma è ben lungi
        dall'avere la posizione dominante che Windows
        aveva sul desktop. E' questa l'unica
        differenza.Non è quella la questione, forse.La questione è, gli OEM sono obbligati in modo "truffaldino" a installare le G app?Si o no.Una risposta la potremmo trovare proprio nell'atteggiamento di Samsung.Ovvero come mai si sono rotti i maroni a sviluppare prima bada e ora tizen?Non è che adesso viene fuori che non possono utilizzare Android liscio per qualche clausola (probabilmente vessatoria) nel contratto OEM?E probabilmente se così è, l'antitrust è venuta in possesso di un contratto siglato dalle parti con tutti i lacci, lacciuoli e lacciuoletti aggiunti tout-court da Google nel contratto standard (che di per se non è ne lecito ne illegale).Dico eh.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 giugno 2013 11.58-----------------------------------------------------------
        • Funz scrive:
          Re: Indagano Google per uno sconto?
          - Scritto da: maxsix

          Google può anche fare come MS, ma è ben lungi

          dall'avere la posizione dominante che Windows

          aveva sul desktop. E' questa l'unica

          differenza.

          Non è quella la questione, forse.
          La questione è, gli OEM sono obbligati in modo
          "truffaldino" a installare le G
          app?
          Si o no.

          Una risposta la potremmo trovare proprio
          nell'atteggiamento di
          Samsung.
          Ovvero come mai si sono rotti i maroni a
          sviluppare prima bada e ora
          tizen?
          Non è che adesso viene fuori che non possono
          utilizzare Android liscio per qualche clausola
          (probabilmente vessatoria) nel contratto
          OEM?

          E probabilmente se così è, l'antitrust è venuta
          in possesso di un contratto siglato dalle parti
          con tutti i lacci, lacciuoli e lacciuoletti
          aggiunti tout-court da Google nel contratto
          standard (che di per se non è ne lecito ne
          illegale).

          Dico eh.mah!magari se tirassi fuori qualche prova invece che illazioni...Vuoi le G apps? Ti attieni alle condizioni di G.Vuoi Android liscio? Te lo installi sui tuoi dispositivi. Ci fosse qualche clausoletta vessatoria, sarebbe già nota da un pezzo.
          • maxsix scrive:
            Re: Indagano Google per uno sconto?

            Vuoi le G apps? Ti attieni alle condizioni di G.
            Vuoi Android liscio? Te lo installi sui tuoi
            dispositivi. Ci fosse qualche clausoletta
            vessatoria, sarebbe già nota da un
            pezzo.E, caro, vivi in un mondo di sogni anche tu.Se ci sono clausole per la non divulgazione te, me e tutto il resto del mondo della rete (in Grillo style) con i gran ciufoli che veniamo a saperle certe cose. Ciò non toglie che alla lunga vengano fuori, e probabilmente questo è il caso.
          • Funz scrive:
            Re: Indagano Google per uno sconto?
            - Scritto da: maxsix

            Vuoi le G apps? Ti attieni alle condizioni
            di
            G.

            Vuoi Android liscio? Te lo installi sui tuoi

            dispositivi. Ci fosse qualche clausoletta

            vessatoria, sarebbe già nota da un

            pezzo.

            E, caro, vivi in un mondo di sogni anche tu.
            Se ci sono clausole per la non divulgazione te,
            me e tutto il resto del mondo della rete (in
            Grillo style) con i gran ciufoli che veniamo a
            saperle certe cose.


            Ciò non toglie che alla lunga vengano fuori, e
            probabilmente questo è il
            caso.per ora non è venuto fuori un ca**o di niente
  • qualcuno scrive:
    Finché si scannano
    Finché i pesci grossi si scannano tra loro va bene. Si fará un po di spazio per la competizione.
    • collione scrive:
      Re: Finché si scannano
      io non vorrei che l'UE intervenisse ad capocchiam e creasse danni all'opensourcepiuttosto pensassero ad abolire i brevetti software, come suggerito addirittura dal parlamento tedesco!!!
      • qualcuno scrive:
        Re: Finché si scannano
        Non credo proprio che l'antitrust multerebbe Google senza prove serie.Se veramente hanno chiesto ai produttori di non lanciare prodotti con OS concorrenti le licenze non c'entrano una cippa.
        • collione scrive:
          Re: Finché si scannano
          ok, ma l'antitrust sta avviando un'indagine esplorativa, mica hanno circostanziato accuse nei confronti di googleogni qualvolta si presenta un monopolio, l'antitrust va a verificare, è quello il suo lavoro
          • maxsix scrive:
            Re: Finché si scannano
            - Scritto da: collione
            ok, ma l'antitrust sta avviando un'indagine
            esplorativa, mica hanno circostanziato accuse nei
            confronti di
            google
            Non ti preoccupare, la macchina dell'antitrust non si mette in moto abcazzum.Aspetta.
            ogni qualvolta si presenta un monopolio,
            l'antitrust va a verificare, è quello il suo
            lavoroNon è la questione del monopolio in discussione.Sono in discussione e a dirla tutta Google verrà incastrata, non tanto per Android in se (che per quello dovrebbero metterli alla sbarra per crimini contro l'umanità) ma per aver obbligato l'installazione obbligatoria delle G app.Se è vero, ed è vero, è lo stesso identico atteggiamento e reato di M$ con IE. Ma uguale proprio eh.PS: da come scrive il nostro autore si capisce che Android viene ceduto in licenza dietro pagamento. Ma allora è gratis o no? E' open o no?O viene fuori ora che per avere le Gapps Google non solo obbliga l'installazione gli OEM ma ne richiede anche l'obolo.
          • Jacopo scrive:
            Re: Finché si scannano
            wow galoppi di fantasie eh!altrimenti postaci un link con un contratto o altro in cui si evince che i produttori devono pagare per avere android e sono obbligati ad installare il pacchetto di gapps oppure che non possono produrre device con altri so (l'ultima puoi anche evitare visto che samsung ed htc hanno terminali con wp)
          • FDG scrive:
            Re: Finché si scannano
            - Scritto da: Jacopo
            wow galoppi di fantasie eh!
            altrimenti postaci un link con un contratto o
            altro in cui si evince che i produttori devono
            pagare per avere android e sono obbligati ad
            installare il pacchetto di gapps oppure che non
            possono produrre device con altri so (l'ultima
            puoi anche evitare visto che samsung ed htc hanno
            terminali con wp)Ma forse non hai capito che questo è l'oggetto dell'indagine: accertare se vi siano prove che dimostrino questa accusa.
          • Jacopo scrive:
            Re: Finché si scannano
            - Scritto da: FDG
            Ma forse non hai capito che questo è l'oggetto
            dell'indagine: accertare se vi siano prove che
            dimostrino questa
            accusa.e questo mi va benissimo!ma visto che l'uomo che tutto sa (alcuni dicono anche da freschin) dice che è tutto vero, volevo che riportasse una link o qualcosa a dimostrare che quanto scritto non è parto della sua fantasia!Se poi l'antitrust dimostrerà che google sta tenendo un comportamento non corretto verso gli OEM agirà di conseguenza.
  • tpsb scrive:
    NON è libero
    Mi dispiace dover contraddire chi, come il buon iRoby, pensa che Android sia cosa "buona" e "libera"...Android, per varie ragioni, NON è realmente libero! Principalmente, ci sono vari problemi legati al kernel Linux modificato (da google) e infarcito di firmware e driver binari (software chiusi e proprietari) che sono INDISPENSABILI al suo funzionamento per cui, anche se il codice viene rilasciato con licenze "libere" (Apache License 2 e GNU GPLv2), l'insieme che (indissolubile perché possa funzionare realmente) delle due cose NON è libero.... E da questa cosa (firmware/driver proprietari) derivano anche, in concreto, serissimi problemi di privacy e sicurezza.Inoltre, la "cadenza" temporale dei rilasci dei sorgenti (da parte di google) è quantomeno "singolare" e tale, di fatto, da rendere pura teoria la corretta applicazione della licenza GPL oltre che, peggio ancora, la reale disponibilità dei sorgenti (come si fa a dire che un software è libero se posso accedere ai sorgenti solo dopo svariati mesi che questo codice viene usato nei dispositivi in commercio?)Segue qualche rferimento (ma in rete c'è tanta altra roba sulla questione... chi cerca, trova...):https://www.gnu.org/philosophy/android-and-users-freedom.htmlhttp://digitizor.com/2011/09/20/richard-stallman-android-free-software/http://redmine.replicant.us/projects/replicant/wiki/https://en.wikipedia.org/wiki/Replicant_%28operating_system%29
    • collione scrive:
      Re: NON è libero
      i blob binari ci sono sempre stati nel kernel ed è un non problema, visto che si possono wrappare senza difficoltà ( ubuntu phone fa così )sui rilasci, è una politica adottata da pochi mesi quella che citi tunon discuto che sia una cosa negativa per la community, però di fatto i sorgenti ci sono ( anche se arrivano con qualche settimana di ritardo, non certo mesi come hai scritto ) e si possono usare per creare il proprio sistema free e gratuito
      • tucumcari scrive:
        Re: NON è libero
        - Scritto da: collione
        i blob binari ci sono sempre stati nel kernel ed
        è un non problema, visto che si possono wrappare
        senza difficoltà ( ubuntu phone fa così
        )

        sui rilasci, è una politica adottata da pochi
        mesi quella che citi
        tu

        non discuto che sia una cosa negativa per la
        community, però di fatto i sorgenti ci sono (
        anche se arrivano con qualche settimana di
        ritardo, non certo mesi come hai scritto ) e si
        possono usare per creare il proprio sistema free
        e
        gratuitoIn sostanza si purché tu utilizzi dei chipset che sono in qualche modo già presenti tra i drivers che ti servono.Il che non è sempre detto dato che spesso i produttori usano chipset diversi (che so per il giroscopio ecc. ecc.) e si scrivono loro i loro driver proprietari.Ma questo purtroppo de driver proprietari chiusi scritti dai costruttori è sempre stato vero anche per il normale Linux tanto è che in quel caso al boot ti viene segnalato che il sistema è considerato "tainted" ovvero utilizza drivers binari e proprietari. Ovviamente anche se ricompili tu il kernel lasciando i suddetti tra i moduli da linkare.
        • Enjoy with Us scrive:
          Re: NON è libero
          - Scritto da: tucumcari
          - Scritto da: collione

          i blob binari ci sono sempre stati nel
          kernel
          ed

          è un non problema, visto che si possono
          wrappare

          senza difficoltà ( ubuntu phone fa così

          )



          sui rilasci, è una politica adottata da pochi

          mesi quella che citi

          tu



          non discuto che sia una cosa negativa per la

          community, però di fatto i sorgenti ci sono (

          anche se arrivano con qualche settimana di

          ritardo, non certo mesi come hai scritto ) e
          si

          possono usare per creare il proprio sistema
          free

          e

          gratuito
          In sostanza si purché tu utilizzi dei chipset che
          sono in qualche modo già presenti tra i drivers
          che ti
          servono.
          Il che non è sempre detto dato che spesso i
          produttori usano chipset diversi (che so per il
          giroscopio ecc. ecc.) e si scrivono loro i loro
          driver
          proprietari.
          Ma questo purtroppo de driver proprietari chiusi
          scritti dai costruttori è sempre stato vero anche
          per il normale Linux tanto è che in quel caso al
          boot ti viene segnalato che il sistema è
          considerato "tainted" ovvero utilizza drivers
          binari e proprietari.


          Ovviamente anche se ricompili tu il kernel
          lasciando i suddetti tra i moduli da
          linkare.In ogni caso è guardare la pagliuzza quando hai la trave nell'occhio, vogliamo per caso paragonare iOS o Windows Phone con Android, quanto ad apertura e libertà d'uso?
        • collione scrive:
          Re: NON è libero
          - Scritto da: tucumcari
          In sostanza si purché tu utilizzi dei chipset che
          sono in qualche modo già presenti tra i drivers
          che ti
          servono.praticamente tutti i SoC in circolazione sono compatibili con android e pertanto con tutte le sue derivatechi realizza il blob binario deve rispettare le regole imposte da android, altrimenti non si possono interfacciare col kernele quelle regole ( codice compreso ) sono open ma ripeto, ubuntu phone fa proprio questo, cioè usa il kernel linux con patch android e così può usare tutti i driver closed che esistono per androidè certamente una brutta cosa in termini di libertà, ma tecnicamente è un non problema
          • tucumcari scrive:
            Re: NON è libero
            - Scritto da: collione
            è certamente una brutta cosa in termini di
            libertà, ma tecnicamente è un non
            problemaMa infatti.
        • tpsb scrive:
          Re: NON è libero
          - Scritto da: tucumcari
          In sostanza si purché tu utilizzi dei chipset che
          sono in qualche modo già presenti tra i drivers
          che ti servono.
          Il che non è sempre detto dato che spesso i
          produttori usano chipset diversi (che so per il
          giroscopio ecc. ecc.) e si scrivono loro i loro
          driver proprietari.nel casi degli smartphone non è MAI detto: non ne esiste uno che sia uno che funzionai senza firmware/driver proprietari
          Ma questo purtroppo de driver proprietari chiusi
          scritti dai costruttori è sempre stato vero anche
          per il normale Linux già... ma almeno anche se difficile (e lo sarà sempre di più) è ancora possibile costruirsi un pc con un s.o. GNU/Linux totalmente libero...rif. http://www.fsfla.org/ikiwiki/selibre/linux-libre/
      • tpsb scrive:
        Re: NON è libero
        - Scritto da: collione
        i blob binari ci sono sempre stati nel kernel ed
        è un non problema, visto che si possono wrappare
        senza difficoltà ( ubuntu phone fa così )in uno smartphone l'hardware che fa funzionare il s.o., il telefono, il wifi e il gps non sono "acXXXXXri" secondari: lo smartphone è tutto lìse android (ma vale per qualsiasi s.o.) necessita per funzionare (altrimenti proprio NON funziona) di firmware/driver proprietari, allora quel s.o. NON è libero e non dà la benché minima granzia in termini di privacy (in altri termini, per come la vedo io, hai la certezza di essere tracciato)
        sui rilasci, è una politica adottata da pochi
        mesi quella che citi tu

        non discuto che sia una cosa negativa per la
        community, però di fatto i sorgenti ci sono (
        anche se arrivano con qualche settimana di
        ritardo, non certo mesi come hai scritto ) confermi comunque che nel periodo in cui non ci soo i sorgenti non si può parlare, neanche in teoria, di sistema libero (che poi resta NON libero comunque, anche se ci sono PARTE dei sorgenti, dato che gsm, wireless e gps funzionano quasi sempre solo con sw proprietario...)
        e si
        possono usare per creare il proprio sistema free e gratuitotutta e solo teoria: puoi dirmi di uno smartphone -uno solo- completamente funzionante SENZA neanche un firmware/driver proprietario?
        • collione scrive:
          Re: NON è libero
          - Scritto da: tpsb
          se android (ma vale per qualsiasi s.o.) necessita
          per funzionare (altrimenti proprio NON funziona)
          di firmware/driver proprietari, allora quel s.o.
          NON è libero e non dà la benché minima granzia in
          termini di privacy (in altri termini, per come la
          vedo io, hai la certezza di essere
          tracciato)ok, ma si parlava di possibilità di usare quei driver su altri sistemi operativise parliamo di privacy, allora vale il solito discorso e cioè che i blob binari sono il maleperò è pur vero che la community è inXXXXXXX nera e sono stati avviati a distanza di settimane, gli uni dagli altri, progetti per creare driver open per i SoC più famosifreedreno, lima, powervr, tegra, ecc... c'è evidentemente una fortissima spinta a creare driver open e costringere le aziende a rilasciare almeno le specifiche ( vedi broadcom con videocore )e i cinesi i produttori cinesi di SoC arm che rilasciano i driver senza problemi
          confermi comunque che nel periodo in cui non ci
          soo i sorgenti non si può parlare, neanche in
          teoria, di sistema libero (che poi resta NON
          libero comunque, anche se ci sono PARTE dei
          sorgenti, dato che gsm, wireless e gps funzionano
          quasi sempre solo con sw
          proprietario...)
          si, ma i sorgenti arrivano, quindi almeno quella parte è liberala gpl non dice che devi rendere disponibili i sorgenti ogni volta che modifichi una riga di codice, ma che devi farlo una volta che il software viene distribuito al pubblicoinfatti per i componenti gpl, il rilascio dei sorgenti è immediato
          tutta e solo teoria: puoi dirmi di uno smartphone
          -uno solo- completamente funzionante SENZA
          neanche un firmware/driver
          proprietario?mai detto questo, ho solo detto che i firmware/driver proprietari creati per android puoi usarli nel tuo os linux-based ( vedi sailfish, ubuntu phone )
  • Barbagianni scrive:
    Nokia...
    ...deve guardarsi allo specchio, caricare una grossa dose di catarro e sputarsi con violenza in faccia.Così potrà speigare le ragioni del suo fallimento, altro che Android!
    • tucumcari scrive:
      Re: Nokia...
      - Scritto da: Barbagianni
      ...deve guardarsi allo specchio, caricare una
      grossa dose di catarro e sputarsi con violenza in
      faccia.
      Così potrà speigare le ragioni del suo
      fallimento, altro che
      Android!Più che nokia Eflop... ciè Elop
    • contrario scrive:
      Re: Nokia...
      - Scritto da: Barbagianni
      ...deve guardarsi allo specchio, caricare una
      grossa dose di catarro e sputarsi con violenza in
      faccia.
      Così potrà speigare le ragioni del suo
      fallimento, altro che
      Android![img]http://blogs.reuters.com/mediafile/files/2011/02/Nokia-10-2-11-SLE-14aaa.jpg[/img]
  • iRoby scrive:
    È libero
    Ma che cosa devi indagare un sistema operativo libero?Viene adottato dai produttori perché è libero, ci sono i sorgenti.Puoi indagare Google perché sopra ci sono le sue app e il suo market, ma non certo per il sistema operativo.Queste mi sembrano sempre azioni su imbeccata di soggetti che rosikano come Microsoft ed Apple...
    • Francesco scrive:
      Re: È libero
      In nome della libertà di scelta, mi auguro che presto compaia il ballot screen anche sul SIV o sull'iPhone, per poter decidere il tipo di browser da installare.
      • tucumcari scrive:
        Re: È libero
        - Scritto da: Francesco
        In nome della libertà di scelta, mi auguro che
        presto compaia il ballot screen anche sul SIV o
        sull'iPhone, per poter decidere il tipo di
        browser da
        installare.(rotfl)(rotfl)Come no voglio vedere MS che fa una versione di Exploder per Android non vedo l'ora!(rotfl)(rotfl)
        • Leguleio senza avatar scrive:
          Re: È libero
          Commento che equivale a:"senti troll da 2 palanche bucate! ti ho dato persino le coordinate gps se vuoi te le riscrivo41.899721690058364, 12.494035363197326E non me le sono certo inventate io questa notte non credi?E tantomeno sono andato col GPS al viminale per vedere cosa mi diceva!"E che si può leggere in: http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3650460&m=3651853#p3651853
        • Panda Rosa scrive:
          Re: È libero
          Io voglio vedere chi la mette!!!!!!!
          • tucumcari scrive:
            Re: È libero
            - Scritto da: Panda Rosa
            Io voglio vedere chi la mette!!!!!!!Nessuno probabilmente ma il bello è vedere MS scrivere una applicazione che gira su Linux.
          • bubba scrive:
            Re: È libero
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: Panda Rosa

            Io voglio vedere chi la mette!!!!!!!
            Nessuno probabilmente ma il bello è vedere MS
            scrivere una applicazione che gira su
            Linux.proprio per linux no. Ma un tempo ci fu questo http://it.wikipedia.org/wiki/Internet_Explorer_per_UNIX :)
          • tucumcari scrive:
            Re: È libero
            - Scritto da: bubba
            - Scritto da: tucumcari

            - Scritto da: Panda Rosa


            Io voglio vedere chi la mette!!!!!!!

            Nessuno probabilmente ma il bello è vedere MS

            scrivere una applicazione che gira su

            Linux.
            proprio per linux no. Ma un tempo ci fu questo
            http://it.wikipedia.org/wiki/Internet_Explorer_perL'avevo sentito dire ma credevo fosse una leggenda metropolitana.Non ho mai visto nessuno con una macchina Unix che avesse Exploder installato.Che motivi avrebbe avuto per farlo?Secondo me rimane in sostanza una "leggenda metropolitana" nel senso che non credo che nessuno lo abbia davvero mai usato.
          • Leguleio senza avatar scrive:
            Re: È libero
            E visto che siamo in tema:"Hai detto una capzata enorme, una razzata epocale e poi cerchi di imbastirla sulla demagogia / non demagogia. Patetico trolletto. Tieniti le tue XXXXXXcce closed e smettila di ammorbarci."Qua: http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3495831&m=3496838#p3496838
          • Funz scrive:
            Re: È libero
            - Scritto da: tucumcari
            L'avevo sentito dire ma credevo fosse una
            leggenda
            metropolitana.
            Non ho mai visto nessuno con una macchina Unix
            che avesse Exploder
            installato.
            Che motivi avrebbe avuto per farlo?
            Secondo me rimane in sostanza una "leggenda
            metropolitana" nel senso che non credo che
            nessuno lo abbia davvero mai
            usato.Giochicchiando con winetools anni fa mi ero installato Explorer, non so più che versione. Just for fun, più per vedere se quel pulsantone "installa Explorer" funzionasse veramente :D
      • Funz scrive:
        Re: È libero
        - Scritto da: Francesco
        In nome della libertà di scelta, mi auguro che
        presto compaia il ballot screen anche sul SIV o
        sull'iPhone, per poter decidere il tipo di
        browser da
        installare.Mica solo il browser.All'acquisto del telefono / computer / tostapane smart dovresti essere in grado di scegliere l'intero sistema operativo, pagato a parte. Anche nel caso ce ne fosse solo uno disponibile (iOS).Non si può, perché i produttori sono contrari, le politiche commerciali bla bla bla? Fo**e una se*a, vanno obbligati per legge.
Chiudi i commenti