Joost si vende alla TV

La televisione online si fa mero fornitore di tecnologie. A favore delle emittenti che si vogliono proiettare online

Roma – Joost, che si proponeva come televisione gratuita online, ha annunciato che cambierà obiettivo: non si limiterà più a fornire video online supportati dalla pubblicità, ma diventerà una ” white label video platform “: supporterà le altre aziende nel creare i propri portali video compresi di branding, in pratica licenziando la propria tecnologia ai media e alle emittenti che vogliono diffondere video online.

Pur continuando a fornire contenuti gratuitamente sul sito spera di racimolare i fondi sufficienti a sopravvivere dalle rendite derivanti dalle (eventuali) licenze. “Le emittenti di tutto il mondo stanno abbracciando i portali video come strumento principale di diffusione per i loro prodotti, ma costruirne uno di livello mondiale è sempre più difficile e costoso” ha spiegato Joost con un comunicato che illustrava la nuova strategia aziendale.

È il terzo cambio di rotta della società lanciata da Niklas Zennstrom e Janus Friis, creatori di Skype e Kazaa, nel 2006: nata per “rivoluzionare il video online”, ha perso ben presto i vantaggi competitivi di partenza e in pochi anni è stata battuta e distanziata enormemente da YouTube, Hulu e gli altri (numerosi) portali video. Proprio per questo la notizia del cambiamento non ha sorpreso: si è addirittura vociferato del tentativo di vendere la piattaforma (si faceva il nome di Time Warner Cable come possibile acquirente). In ogni caso il destino di Joost sembrava segnato.

Avviato in pompa magna, per la notorietà sul Web dei fondatori e una tecnologia P2P (si diceva) rivoluzionaria, raccolse 45 milioni in investimenti (anche da grandi nomi come Viacom e CBS). Tuttavia la fanfara è ben presto diventata una mesta marcetta: per la visualizzazione dei video inizialmente si era puntato su un lettore che scaricava i file direttamente dal sito, ma che doveva essere installato dai singoli utenti. Scomodo e non immune da bug.

Da qui i primi ripensamenti : il sito si è buttato, dal 2008, all’inseguimento dei portali video più famosi, convertendosi ad un modello Flash. Forse troppo tardi: stretto nell’affollato mondo del video Web e con un modello basato sulla contrattazione dei programmi direttamente con le emittenti (non basato dunque sugli utenti) non è mai riuscita ad ottenere programmi di qualità che potessero attirare pubblico e pubblicità, entrando in un circolo vizioso fatto di contenuti scarsi e di scarsi utenti: a maggio, secondo Compete, Joost poteva contare solamente su 643.00 visitatori fissi, rispetto agli 8 milioni di Hulu. Improponibile il confronto con YouTube.

Con il nuovo piano si cercherà, quindi, di salvare il salvabile. Anche amministrativamente il CEO Mike Volpi ha ceduto il posto , pur restando in società, a Matt Zelesko e sono stati annunciati licenziamenti per ridurre il team “all’essenziale” a New York e a Londra e chiudere il distaccamento olandese. I numeri esatti del ridimensionamento non sono ancora stati divulgati.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • flavio83 scrive:
    html5 vs adobe flash
    scusate la mia ignoranza, ma...in che modo html5 crea problemi a flash????...mica mi volete dire che lo andrà a sostituire....sinceramente lo vedo poco probabile, magari avrà una forte concorrenza con silver light, ma editare di codice è una cosa, disegnare e animare grafiche è un altra!...cosa ha html5 che mette i bastoni tra le ruote a flash di adobe????tnx!
    • joeSeggiola scrive:
      Re: html5 vs adobe flash
      HTML5 prevede un tag apposito per i video, che potrebbe sostituire (data la sua semplicità di utilizzo) l'uso di Flash come "player". Poi sul resto hai ragione tu, non c'entra un gran chè.
      • Paolo Marani scrive:
        Re: html5 vs adobe flash
        Immagino che il grosso pericolo stia principalmente nella possibile decisione di colossi come YouTube di abbandonare un giorno Flash per passare ad HTML5 (così non pagano più le costose royalty adobe).Io credo che ciò non succederà, in parte perchè i browser pre-html5 sarà dura sterminarli tutti, in parte perchè la maggioranza dei siti, per salvare gli investimenti fatti, offriranno la doppia versione Flash / html5 dei siti a contenuto dinamico.Gli standard de-facto, sono duri a morire.Se invece volessi fare morire qualcuno, questo è silverlight, che mi sembra un doppione inutile di flash, con il solo vantaggio che è sviluppabile in Dot.Net
        • SUPER scrive:
          Re: html5 vs adobe flash
          Ma perchè bisogna pagare le royalties d adobe? per il formato .flv? Ma ormai ci sono programmi,tipo super, che convertono i filmati in .flv senza spendere niente.Come ci sono programmi per realizzare i pdf.Ok magari sui file .swf interattivi che per adesso mi pare si possono realizzare solo con flash (dalla micromedia alla adobe CS4 adesso) posso capire che l'unica fonte è lei...ma per le altre cose se ci sono le alternative gratuite perchè continuare a pagare...E poi risparmiare fa bene a tutti...se si iniziasse a mettere i video in ogg tramite il nuovo tag di html5 già con youtube, allora la conversione sarebbe diretta;basta mettere un avviso di scaricare (o aggiornare per chi ce l'ha firefox) altri browser che supportano le nuove specifiche, subito,appena si entra nella pagina proprio come si fa ora per avvisare che la versione di flash è antiquata.....non mi pare sta grande impresa...la gente pur di poter vedere il video fa quello che gli viene chiesto.
          • mik scrive:
            Re: html5 vs adobe flash
            Se sei pratico di programmazione puoi fare swf con flex, l'sdk open-source dell'adobe GRATUITO :).Io lo utilizzo per fare le mie applicazioni flash e mi trovo abb bene (conoscendo java e xml).
    • Nuhytloban scrive:
      Re: html5 vs adobe flash
      Veramente Flash non è solo animazione di grafica. Ci si può programmare in ActionScript, che è un linguaggio simile a JavaScript ma tipizzato. Tutte le applicazioni Flash un po' corpose richiedono programmazione e poiché gli sviluppatori ActionScript non sono tantissimi, spuntano delle belle tariffe. C'è poi anche Flex.Quello a cui allude l'articolo penso sia questo: gli elementi HTML canvas e video più JavaScript formano uno stack concorrenziale sia a Flash/Flex che a Silverlight. Hanno il vantaggio di essere standard aperti e non controllati da una singola azienda ed hanno lo svantaggio che non c'è un'unica virtual machine su cui girare, per cui i comportamenti dello stesso codice alle volte sono diversi e questo può essere un ostacolo. Inoltre IE non ne vuole sapere di supportarli decentemente, ma si capisce il perché dato che il web va a detrimento di Windows e MS spinge Silverlight.Una volta le applicazioni si facevano solo sul desktop, poi per tante cose ci si è resi conto che l'HTML forniva un'interfaccia magari meno precisa ma molto più semplice da realizzare. Per analogia posso immaginare che certe cose che ora si fanno in Flash o in Silverlight passino pure loro in HTML. In fondo ci sono molti più sviluppatori HTML/JavaScript di quanti non ce ne siano per Flash (escludiamo i grafici, che non fanno sw) e Silverlight.
      • Nuhytloban scrive:
        Re: html5 vs adobe flash
        Aggiungo un esempio: http://downloadstats.mozilla.com/ è fatto con un elemento canvas per la mappa in alto, una tabella HTML in basso con dentro degli altri elementi canvas per i grafici nelle varie righe. C'è poi il javascript che disegna dentro i canvas. Fino a un anno fa o poco più, questo si sarebbe potuto fare solo con un oggetto flash che forniva il canvas per disegnare, e actionscript per aggiornarne il contenuto. Il flash però avrebbe dovuto includere tutta la pagina, tabella compresa. Potendo usare l'HTML per la struttura complessiva della pagina si mette in grado la maggioranza degli sviluppatori web di fare applicazioni come queste.PS: Credo che con IE non si vedano i canvas, a meno di plugin. Provate con un FF 3.x o con uno qualsiasi degli altri browser moderni.
        • mik scrive:
          Re: html5 vs adobe flash
          Beh,anche in flash potevi farne due,magari che comunicavano via javascript con l'ExternalInterface :).Il mio pc aveva il proXXXXXre che andava a piu del 90%, forse un flash sarebbe stato meno pesante,FORSE :)
  • metal meccanico scrive:
    Ma quali ferie! Serve Flash 64bit!!!!
    Come da titolo, fare programmi proprietari senza dare il supporto è un buco nell'acqua...
    • loris batacchi scrive:
      Re: Ma quali ferie! Serve Flash 64bit!!!!
      si si infatti Flash che c'e' ora non lo usa nessuno.Che buco!
      • Quoi Porque scrive:
        Re: Ma quali ferie! Serve Flash 64bit!!!!
        Flash non è un buco nell'acqua ma con tutti gli OS che vanno verso i 64 il fatto che per ora l'unico Flash 64 bit di Adobe sia una beta per Linux è un po' preoccupante. Viene da chiedersi in che stato sia il codice sorgente se per passare dai 32 bit ai 64 serve così tanto tempo.Per fortuna Linux 64 bit è anche l'OS che uso principalmente :-)
    • r1348 scrive:
      Re: Ma quali ferie! Serve Flash 64bit!!!!
      Per ora a 64bit esiste solo una versione pre-release per Linux, che tutto sommato funziona bene.http://labs.adobe.com/technologies/flashplayer10/
  • davide73 scrive:
    Voler campare sui PDF...
    ...con tool per generare un PDF a 499 USD... no comment!Per fortuna che c'è XSP!
    • OpenOffice scrive:
      Re: Voler campare sui PDF...
      per non parlare di openOffice che implementa questa possibilità di esportare in pdf da anni...
    • Mah scrive:
      Re: Voler campare sui PDF...
      Sicuro che non campino anche grazie a Photoshop, Premiere ed altre cosine?
    • loris batacchi scrive:
      Re: Voler campare sui PDF...
      Si perche' credi che ci compra acrobat da 499$ lo fa solo per fare 2 pdf del cavolo?
    • Den Lord Troll scrive:
      Re: Voler campare sui PDF...
      e Acroread 9 manco tradotto in Italiano -_- Fosse per me, non ci sarebbero problemi, ma mica tutti a coloro che installo una distro e senza (attualmente, imo, versione 9 s'intende) il migilore lettore di file PDF che figura ci faccio ?
    • Max scrive:
      Re: Voler campare sui PDF...
      se dovete solo fare qualche PDF consiglio il gratuito e comodissimo PDF Creatorhttp://sourceforge.net/projects/pdfcreator/
    • Paolo T. scrive:
      Re: Voler campare sui PDF...
      Ma davvero secondo te Adobe campa su Acrobat, o ti è sfuggito il mouse quando passavi su Invia?
Chiudi i commenti