Kill.net cerca hacker antiterrorismo

L'idea è di uno smanettone tedesco votato al business, e già noto per le sue iniziative anti-terror. L'idea è creare una intelligence hacker al servizio degli USA. Funzionerà?

Roma – Si chiama Kill.net e sarà il ritrovo di hacker interessati a partecipare a non meglio specificate azioni anti-terrorismo: almeno questo è quello che spera Kim Schmitz, hacker tedesco meglio noto per le sue capacità imprenditoriali e già conosciuto, inoltre, per le sue attività anti-terroristiche dopo l’11 settembre.

Il 27enne Schmitz ha annunciato che il progetto di Kill.net servirà a reclutare hacker disponibili ad entrare nella sua organizzazione YIHAT (Young Intelligent Hackers Against Terror). Una organizzazione che dovrà portare avanti le istanze di lotta al terrorismo che da settimane Schmitz rilancia su tutta la stampa internazionale, laddove riesce a far apparire il proprio nome.

Kill.net, che ieri non risultava raggiungibile ma che è già attivo, avrà tre scopi essenziali: promuovere l’organizzazione hacker anti-terrorismo, informare sulle attività compiute dal gruppo e ospitare sistemi di community per consentire lo scambio di informazioni tra i membri.

Le “missioni” di chi aderirà al singolare “gruppo di fuoco informatico” saranno: ricerca di presenze in rete di organizzazioni terroristiche; identificazione di transazioni economiche legate al terrorismo; ricerca dei sostenitori finanziari dei terroristi; raccolta e consegna dei dati agli Stati Uniti.

Si tratta di azioni ben distanti da quelle di aggressione a siti web islamici praticate da script-kiddies e aspiranti hacktivist contro i quali si era scagliato nei giorni scorsi persino Vint Cerf, padre del TCP/IP. Secondo Cerf, infatti, attività di cracking diretto contro i siti arabi e musulmani oggi non fanno che complicare le cose oltretutto rendendo più difficile il libero scambio delle idee via internet.

Secondo “Kimble”, Kill.net è stato scelto come dominio perché “la missione di YIHAT è uccidere il terrorismo” a colpi di “intelligence hacker”. A gestire il sito sarà l’amico newyorkese di Kim noto come “Razorblade”, a cui sarà affidata la “colonna americana” della YIHAT… L’iniziativa funzionerà o si rivelerà, come sospetta qualcuno, soltanto una buona procacciatrice di pubblicità per il vulcanico Kimble?

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Tutta la verità su Cities on LINE e l'ADSL Special


    Sono un utente adsl di citiesonline e telecom mi ha riferito di una grossa morosità.

    Sarà vero?

    Se si siamo alla frutta. Assolutamente vero!!!Infatti Cities deve a Telecom circa 6 Miliardi di lire per canoni non pagati riguardanti sia le dorsali ATM CT-MI e CT-RM sia le ATM di raccolta ADSL delle varie città, oltre alle CDN di collegamento delle varie sedi.Infatti alcuni disservizi avuti nei mesi scorsi sono dovuti al blocco dei collegamenti ATM di Cities da parte di Telecom per morosità.Figuratevi che per circa 10 giorni il backbone ATM CT-MI da 34Mbit è stato bloccato da Telecom e la rete catanese di Cities (e quindi tutte le sedi siciliane e calabresi) raggiungeva Milano e quindi Internet utilizzando un bundle di 30 connessioni ISDN a 64Kbps!!! (2Mbit totali!!!).Inoltre, dato che quasi tutto il traffico generato dall'utenza ADSL va verso internet (non rimane all'interno della rete di Cities) la quantità di traffico generata sul link al backbone Europeo (fornito da Teleglobe) è aumentato a dismisura; questo ha fatto lievitare enormemente i costi per l'interconnessione verso internet (che oltre un certo limite viene tariffata a consumo).Ed è proprio per questi motivi che "i responsabili" di Cities hanno preso la bella decisione di dismettere i POP sui quali l'utenza non era abbastanza "redditizia", e impostare la banda massima disponibile per tutte le utenze ADSL Special (quelle da 60 mila per intenderci) a 128 Kbps disavvenendo al contratto di servizio intrapreso con i propri clienti.Il tutto a mio parere è dovuto all'incompetenza della dirigenza di Cities (in testa all'ing. Mazzola, amministratore e fondatore di Cities) che non ha saputo definire correttamente i giusti costi della propria offerta ADSL, e cercato di forzare il mercato con una offerta da prezzo così basso da mettere fuori gioco tutti gli altri ISP, facendo alla fine frettolosamente marcia indietro quando la società ha raggiunto l'orlo del fallimento.Alla faccia di tutti i clienti che hanno pagato le attivazioni e i canoni di abbonamento delle ADSL (magari anticipando un anno intero di canone), che ovviamente Cities si bada bene dal rimborsare.GRAZIE CITIES ON LINE!!!!
  • Anonimo scrive:
    Banda tagliata nel resto d'Italia
    CitiesOnLine ha chiuso in alcune citta', ma nelle altre ha tagliato la banda a 128 Kbit/s (come un ISDN), violando il contratto che prevede al punto 1 la possibilita' di trasmettere e ricevere dati ad alta velocità fino ad un massimo di 640 kbit/s (cosa che non sarà mai possibile in quanto limitata a 128 kbit/s) in downstream e di 128 kbit/s in upstream.Ho sottoscritto l'ADSL sborsando a settembre di quest'anno, Lire 300.000 di attivazione, ed ora a distanza di un mese, dopo aver speso 372.000 + modem 500.000 circa, a navigare poco piu' veloce di prima.Ho poco tempo per navigare e scaricare aggiornamenti software, ma quella mezz'ora che navigo lo voglio fare velocemente, altrimenti non mi serve. L'ADSL a 128 kbit/s è una presa in giro ed una truffa per noi utenti indifesi. E' mai possibile che nessuno interviene????Voglio le vostre opinioni, fatevi sentire in tutte le sedi che potete.Fabrizio
  • Anonimo scrive:
    Aperto un forum su COL
    per tutti gli utenti col:venite a discutere della sitauzione in cuiversa la connessione suhttp://network54.com/Hide/Forum/63121Non aspettiamo che sia troppo tardi come giàvisto per le flat !!!Questa volta non mollo!!!
  • Anonimo scrive:
    L'inizio della fine
    Quello che sta succedendo è conseguenza della scarsa copertura ADSL del territorio italiano.Le offerte calano quando vi è un aumento della domanda,secondo le regole di mercato,èquesto non può essere garantito dalla scarsa copertura.Forse a qualcuno conviene che resti tutto così com'è,continueremo a pagare il traffico telefonico e loro guadagneranno di più.ADSL seguirà il destino delle flat.
  • Anonimo scrive:
    Libero@Sogno
    Giusto per completare il quadro relativo alla situazione che si sta delinando per quanto riguarda la connettivita' Internet in Italia:ho appena parlato con operatore del 155 il quale mi ha riferito che l'opzione Libero@Sogno a breve non sara' piu' sottoscrivibile e presumibilmente dai primi mesi del 2002 sara' disattivata per tutti.Per quanto mi riguarda, temo il PC lo chiudero' in cantina e mi dedichero' al modellismo ferroviario (tanto coi costi siamo li)...
  • Anonimo scrive:
    Offerte economiche ADSL?
    Esiste, al momento, un'offerta ADSL *640/128kbit* da meno di LIT 100.000 al mese? (senza considerare costi di attivazione e modem)Sia Telvia che CitiesOnLine avevano offerte da circa 60.000+iva al mese, ma le hanno tolte.Grazie
    • Anonimo scrive:
      Re: Offerte economiche ADSL?
      Mi sembra che "Tiscali BASIC" faccia proprio questo, al prezzo da te indicato (+ la benedetta I.V.A., alla quale non si sfugge neanche da morti--...Vai a vedere in www.tiscali.itSalutiiw7bcx Giorgio in Taranto
      • Anonimo scrive:
        Re: Offerte economiche ADSL?
        - Scritto da: Belfagor
        Mi sembra che "Tiscali BASIC" faccia proprio
        questo, al prezzo da te indicato È vero, grazie. Però quell'abbonamento è a 320kbps downstream...
  • Anonimo scrive:
    operazione tabula rasa
    sono tutti d'accordo:prima hanno fatto morire le flat. Con la scusa che tutti passeranno ad Adsl, adesso chiudono anche le flat adsl in certe zone.CHI CI GUADAGNA?la TELECOM.Gira e rigira ne resterà soltanto una.
  • Anonimo scrive:
    non sentite un fischio ...
    mi stanno frullando le palle.speriamo che a milano non taglino la linea
  • Anonimo scrive:
    Tanto per cambiare
    CitiesOnLine chiude il servizio adsl,ed io sono avvertito di tutto quello che sta accadendo da Telecom.Non ho parole!
  • Anonimo scrive:
    Beh anche COL.....
    Giusto un paio di giorni fa avevo guardato per l'ennesima volta le loro offerte (ho intenzione di farmi l'adsl) ed era sparita l'offerta Special Adsl da 72.000 £. Inoltre COL dopo i primissimi mesi non ha più fatto offerte in cui non faceva pagare l'attivazione, come invece molti provider hanno fatto, risparmiare 300/400k il primo mese fa comodo, ti ci compri il modem! Adesso ad esempio tutti i provider non fanno pagare l'attivazione fino al 30 ottobre, COL no.....
  • Anonimo scrive:
    preghiamo
    eh gia, teleconomy ADSL continua a funzionare a singhiozzo, xerò il canone lo pago intero."ma solo su Roma" mi dicono i Virgilio, "passi a tinWeb che " mi consigliano. xerò il canone lo pago intero.x ora sono sulla vecchia 56K xerò il canone lo pago intero.parlate di nuove tecnologie , ma la guerra la vedo in tv. xerò il canone ( della Rai) lo pago intero.
  • Anonimo scrive:
    Non è nuova....
    Parte con una offerta (128/640) da 50000 + iva (60000) al mese, dopo poco tempo diventano 60000 +iva (72000) ora sono entrambe state ritirare e il minimo è 130000 + iva (256000) OVVIAMENTE per TUTTI 250000 + iva di attivazione, per chi aveva sottoscritto a 50000+iva al mese la pacchia finirà in fretta infatti si avrà la sorpresa al rinnovo annuale del contratto, solo che a quel punto per poter fare il cambio verso altro gestore ci vuole tempo, bisogna rifare un nuovo sondaggio di mercato, un nuovo contratto, ecc... Probabilmente il nostro tempo non viene considerato e per certe aziende non ha un valore di mercato, denotando solo una bassa considerazione del cliente.Altri provider in passato hanno già assunto atteggiamenti simili, il problema fondamentale risiede in un errato atteggiamento commerciale da parte delle imprese verso i clienti, inoltre gli organi di controllo (Autority TLC) spesso si trovano a ad avere a che fare con agguerritissi uffici legali pronti a dire di TUTTO su tempistiche, importi, clausole e qualt'altro gli venga contestato sfruttando il fatto che difficilmente avrebbero una contestazione penale a fronte di dichiarazioni poco "trasparenti".Che siano carrier telefonici o flat internet o ADSL il problema non cambia siamo tutti "mucche da mungere" e la cosa più grave è che l'Autority non ha sufficienti strumenti per poter arginare certi modi di fare maleducatamente disinvolti. Mio nonno buonanima li avrebbe definiti manigoldi, lestofanti, malfattori e truffaldini ma noi non lo diciamo per evitare di essere querelati e non ci permetteremo mai di scriverlo, è innegabile però che saremmo tutti contenti di leggerlo su di una "sentenza passata in giudicato" dove nessuno avrebbe più nulla da dire, ridire o smentire o (RI)mentire.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non è nuova.... siamo alla frutta
      Io lavoro nel settore, posso dirvi che i provider sono messi in grande difficolta' dalla spietata concorrenza di chi ha il coltello dalla parte del manico. E' come un fruttivendolo che da un lato vende la frutta ai consumatori, dall'altro e' l'unico che la coltiva e la fornisce agli altri fruttivendoli. Bisognerebbe controllare un po' meglio quello che fa questo fruttivendolo-coltivatore.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non è nuova.... siamo alla frutta
        Comprendo ciò che dici, anche io opero nel settore e dovresti sapere meglio di me che quando molte aziende mascherandosi dietro a disagi cagionati da altri prendono in giro i clienti creano un danno economico a tutto il settore, in quanto il cliente o potenziale cliente vede continui comportamenti scorretti e generalizzati diventa prevenuto e diffidente.Ogni azienda che opera in un settore che coinvolge una certa massa di persone è moralmente responsabile del danno di immagine del settore stesso che cagiona e di riflesso che cagiona agli altri (anche se parlare di moralità è un eufemismo). Se tu vendi frutta e tutti intorno a te la vendono e 5 venditori barano sul peso tu sei danneggiato dal loro comportamento sleale e scorretto tanto quanto (se non di più) dell'utente finale che diffiderà di te pur essendo innocente e anche se verrà da te a comprare perchè ti trova corretto avrà sempre un occhio vigile oltre il normale come se fossi un sorvegliato speciale e non sarà disposto a concedere nessun margine di errore neanche minimo al tuo operato perchè ha la pazienza erosa da altri e sarà pronto a darti addosso con tutte le sue capacità per qualunque piccolezza anche trascurabile perchè il fruttivendolo a fianco a te lo ha talmente logorato (ed esasperato) che ora per l'utente siamo tutti immotivatamente un "branco servaggio di mariuoli senza scrupoli" triste e doloroso ammetterlo ma paghiamo tutti le responsabilità altrui di una cattiva immagine data ad un settore che invece ha una enorme capacita di sviluppo e nel quale molte persone si stanno veramente impegnando seriamente.Bruciare la fiducia del prossimo sull'altare dell'avidità crea un danno sociale oltre che commerciale.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non è nuova....
      Il vero problema è che a chi non è stato tagliatoil servizio come a me, abitando a roma, è stataridotta la banda a 128K in downstream.In pratica sono ritornato all'isdn
  • Anonimo scrive:
    andiamo bene
    ma bene ma bene, io l'adsl ancora me lo devo fare ma se queste son le premesse...ma bene
  • Anonimo scrive:
    Telecom parla di morosità!!
    Sono un utente adsl di citiesonline e telecom mi ha riferito di una grossa morosità.Sarà vero?Se si siamo alla frutta.
  • Anonimo scrive:
    La porta e la finestra
    Telecom ha fatto uscire dalla porta la flat ed ora fa entrare dalla finestra e alle sue condizioni l'AdslRiflettete sul fatto che anche l'Adsl passa su linee telecom e che l'unica societa' a cui telecom puo' fare solo un gran Po..ino e' Fastweb.Le altre purtroppo debbono sottostare alle sue tariffe e ai suoi capricci.E noi paghiamo...
    • Anonimo scrive:
      Re: La porta e la finestra
      - Scritto da: Ffranco
      Telecom ha fatto uscire dalla porta la flat
      ed ora fa entrare dalla finestra e alle sue
      condizioni l'AdslSara' una mia impressione ma anche Infostrada e' su quella riga... sono scomparsi i riferimenti a Libero@sogno e sono comparsi quelli sull'ADSL
      Riflettete sul fatto che anche l'Adsl passa
      su linee telecom e che l'unica societa' a
      cui telecom puo' fare solo un gran Po..ino
      e' Fastweb.Le altre purtroppo debbono
      sottostare alle sue tariffe e ai suoi
      capricci.La coppia Wind/Infostrada no... infatti sta seguando la stessa politica.Che siano daccordo?
      E noi paghiamo...
Chiudi i commenti