Kin.art lancia strumento per difendere le opere d'arte dall'AI

Kin.art lancia strumento per difendere le opere d'arte dall'AI

Kin.art ha lanciato uno strumento gratuito per proteggere le opere d'arte dall'utilizzo non autorizzato nell'addestramento dell'IA generativa.
Kin.art lancia strumento per difendere le opere d'arte dall'AI
Kin.art ha lanciato uno strumento gratuito per proteggere le opere d'arte dall'utilizzo non autorizzato nell'addestramento dell'IA generativa.

L’intelligenza artificiale generativa ha raggiunto livelli sorprendenti di creatività, grazie a modelli text-to-image come Midjourney e DALL-E 3 di OpenAI. Questi modelli sono in grado di trasformare qualsiasi descrizione, breve o dettagliata, in un’opera d’arte che sembra uscita dal cavalletto di un artista. Si va dal fotorealismo al cubismo, passando per tutti gli stili possibili.

Tuttavia, questi modelli sollevano anche delle questioni etiche, poiché sono stati addestrati su opere d’arte senza che gli artisti lo sapessero o avessero dato il loro permesso. Solo alcuni venditori hanno iniziato a risarcire gli artisti o a offrire la possibilità di “rinunciare” all’addestramento dei modelli, mentre molti altri non l’hanno fatto.

In assenza di una regolamentazione, alcuni imprenditori e attivisti hanno sviluppato degli strumenti per consentire agli artisti di modificare le loro opere d’arte in modo da impedirne l’uso per l’addestramento dei modelli GenAI. Tra questi strumenti, ci sono Nightshade e Kin.art, che apportano leggere modifiche alle immagini o ai metatag per confondere i modelli.

Nightshade e Kin.art: due strumenti per proteggere l’arte

Nightshade è uno strumento rilasciato questa settimana che altera i pixel di un’immagine. In questo modo, fa credere ai modelli AI che l’immagine rappresenti qualcosa di diverso da ciò che è in realtà. Ad esempio, un’immagine di un gatto potrebbe essere modificata in modo da sembrare un cane o un fiore.

Kin.art è uno strumento lanciato oggi che utilizza la segmentazione dell’immagine e la randomizzazione dei tag per interferire con il processo di addestramento dei modelli. La segmentazione dell’immagine consiste nell’occultare parti dell’opera d’arte, mentre la randomizzazione dei tag consiste nello scambiare i metatag dell’immagine di un’opera d’arte. Ad esempio, un’immagine di un uccello potrebbe essere tagliata e etichettata come una macchina o una torta.

Lo strumento di Kin.art è stato co-sviluppato da Flor Ronsmans De Vry, co-fondatore di Kin.art, una piattaforma di gestione delle commissioni artistiche, insieme a Mai Akiyoshi e Ben Yu. Ronsmans De Vry ha spiegato in un’intervista che i modelli AI per la generazione di opere d’arte vengono addestrati su insiemi di immagini etichettate per imparare le associazioni tra concetti scritti e immagini. “Disturbando” l’immagine o le etichette associate a una determinata opera d’arte, si rende più difficile per i venditori utilizzare l’opera d’arte per l’addestramento dei modelli.

Ronsmans De Vry ha dichiarato che il team di Kin.art intende: “progettare un paesaggio in cui l’arte tradizionale e l’arte generativa possano coesistere“, partendo da un “approccio etico alla formazione dell’IA, in cui vengano rispettati i diritti degli artisti“.

La missione di Kin.art

Per utilizzare lo strumento di Kin.art, gli artisti devono caricare le loro opere nel portfolio di Kin.art. La piattaforma offre anche una gamma di servizi a pagamento per la ricerca e la facilitazione di commissioni artistiche. Questa è l’idea di business di Kin.art, ma Ronsmans De Vry ha sottolineato che l’iniziativa ha anche una dimensione filantropica. Ha promesso, infatti, che Kin.art renderà lo strumento disponibile per terzi in futuro.

Dopo aver testato con successo la nostra soluzione sulla nostra piattaforma, intendiamo offrirla come servizio per consentire a qualsiasi sito web, piccolo o grande che sia, di proteggere facilmente i propri dati dall’utilizzo non autorizzato“, ha dichiarato. “Nell’era dell’intelligenza artificiale, possedere e saper difendere i dati della propria piattaforma è più importante che mai. Alcune piattaforme fortunatamente possono proteggere i loro dati limitando l’accesso, ma altre devono fornire servizi pubblici e non possono permettersi questo lusso. Ed è qui che soluzioni come la nostra possono aiutare“.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 26 gen 2024
Link copiato negli appunti