La Corea del Nord scopre il computer

Non ci sono siti nordcoreani, né pubblici né privati, ma ora il Governo di Piongyang vuole spingere per una rapida conversione all'era digitale. E dalla Corea del Sud l'accusa: addestrano cracker


Roma – Il paese che con più ostinazione ha finora rifiutato di aprire la via alla rivoluzione digitale sembra aver deciso che è ora di cambiare strada. La Corea del Nord, infatti, stando a quanto racconta l’agenzia di stato della Repubblica democratica del Popolo, intende promuovere computing e informatica a tutti i livelli dell’istruzione.

Stando a quanto riportato dalla KCNA , l’agenzia di stato nordcoreana, il Governo di Piongyang ha deciso di incrementare i corsi relativi al mondo dell’Information Technology nelle università. Con lo stile tipico del regime, il Governo intende “selezionare insegnanti competenti” capaci di fornire a “studenti talentuosi” l’opportunità di guidare l’innovazione nordcoreana attraverso lo sfruttamento di “metodi di insegnamento avanzati” praticati presso “centri di eccellenza”.

La notizia suscita una certa impressione. E’ sufficiente andare sulla pagina della IANA dedicata al suffisso internet della Corea del Nord (.kp) per capire che quando si parla di digitale, internet e informatica in relazione a quel paese la situazione, almeno quella “ufficiale”, è di assoluta arretratezza. D’altra parte, non esistono siti pubblici né privati in Corea del Nord e la stessa agenzia di stato KCNA opera da un sito giapponese. A volere il cambiamento sembrano essere i giovani: l’anno scorso delle 52 tesi presentate dalla Scuola di Hamhung di ingegneria chimica, 20 riguardavano direttamente temi legati all’Information Technology.

Va detto, però, che molte cose iniziano a muoversi. Di recente è stato attivato un collegamento broadband con la Cina, paese con il quale probabilmente Piongyang condividerà le modalità di gestione dell’Information Technology e dell’accesso ad internet da parte dei cittadini.

Tutto questo poi è condito dalle accuse che proprio in queste ore sono giunte dai “fratelli” sudcoreani. Secondo Song Young-geun, che guida il sistema di difesa della Corea del Sud, nel nord vi sarebbero impianti di addestramento di cracker, descritti come “soldati cyber” da impiegare sul fronte della guerra telematica. In un paese che soffre la fame, come la Corea del Nord, nel quale non capita spesso di vedere un computer, le accuse sudcoreane rischiano di non essere prese in seria considerazione.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • PUNK4EVER scrive:
    Evviva la democrazia...
    Ecco un'altra Cuba.Bastardi, nascondere al popolo delle informazioni per fare cosa poi? che non hanno una lira lo stesso?
    • Adriano Meis scrive:
      Re: Evviva la democrazia...

      Bastardi, nascondere al popolo delle
      informazioni per fare cosa poi? controllarli. Però la Cina è mooolto più grande, se fosse democratica si sfalderebbe in mille parti. quindi ? repressione dura per ogni dissidente. E' la dittatura.
      che non
      hanno una lira lo stesso?forza lavoro, mio caro, forza lavoro. agli occhi dei governanti solo a questo servono.
  • Anonimo scrive:
    Democrazia e Liberta'
    Ringrazi Dio, o in chi crede lui, che si e' beccato "solo"cinque anni. Visto il paese in cui vive, poteva rischiaredirettamente la vita per un "Crimine" come questo,che si chiama Democrazia e Liberta' d'espressione,concetti da sempre "ostici" ai figli del popolo delle varierepubbliche comuniste, sparse in giro per il mondo...
    • Anonimo scrive:
      Re: Democrazia e Liberta'

      Democrazia e Liberta'
      d'espressione,
      concetti da sempre "ostici" ai figli del
      popolo ...è vero, hai proprio ragione. Gli altri (noi), in caso di disaccordo, ne bombardano direttamente a migliaia e risolvono il problema in modo più efficiente.Siamo troppo avanti
      • Anonimo scrive:
        Re: Democrazia e Liberta'
        - Scritto da: Anonimo


        Democrazia e Liberta'

        d'espressione,

        concetti da sempre "ostici" ai figli del

        popolo ...

        è vero, hai proprio ragione. Gli altri
        (noi), in caso di disaccordo, ne bombardano
        direttamente a migliaia e risolvono il
        problema in modo più efficiente.
        Siamo troppo avanti
        Dove sono queste MIGLIAIA di persone morte per i bombardamenti?????Però ti posso ricordare qualche milione di persone morte per la gloria della bandiera rossa con la falce e il martello, ipocriti che non siete altro!!!!!!!Cina, URSS, Vietnam del Nord, Repubblica Democratica Tedesca, Bulgaria, Cecoslovacchia, Romania, Polonia, Cuba..Ti dicono nulla? Penso di no, la tua mente indottrinata dalle fandonie comuniste non riesce ad attivarsi di fronte alla verità...
      • Anonimo scrive:
        Re: Democrazia e Liberta'
        - Scritto da: Anonimo


        Democrazia e Liberta'

        d'espressione,

        concetti da sempre "ostici" ai figli del

        popolo ...

        è vero, hai proprio ragione. Gli altri
        (noi), in caso di disaccordo...Genocidi, stragi, uccisioni di massa, deportazioni,torture, stupri, privazione dei piu' elementaridiritti umani...Sono questi x te, "Motivi di Disaccordo" ???
      • Anonimo scrive:
        Re: Democrazia e Liberta'
        - Scritto da: Anonimo


        Democrazia e Liberta'

        d'espressione,

        concetti da sempre "ostici" ai figli del

        popolo ...

        è vero, hai proprio ragione. Gli altri
        (noi), in caso di disaccordo, ne bombardano
        direttamente a migliaia e risolvono il
        problema in modo più efficiente.
        Siamo troppo avanti
        Leggiti Popper ..
        • Anonimo scrive:
          Re: Democrazia e Liberta'

          Leggiti Popper .. Purtroppo per te io l'ho letto. E dice proprio che siete dei bastardi fascisti (parafrasando, ovviamente).Ma in questo forum, c'è qualcuno che la pensa in modo ragionevole o no?Qui il discorso non è se essere comunisti o fascisti (o berlusconiani, cioè il peggio dei tre), ma solo essere persone di buon senso, ciòè nessuno dei tre, e quindi:- tutti abbiamo diritto ad esprimere le nostre opinioni- essere comunisti non ha nulla a che vedere con le stragi fatte da partiti che, nella storia, si sono dichiarati comunisti- d'altro canto, essere capitalisti non ha nulla a che vedere con terroristi milionari come Bush o Bin LadenDetto questo ...la libertà di parola esiste, è un diritto di tutti, e fino ad ora non rispettato né dalla destra né dalla sinistra, quindi:NON VENITE A DIRE, FASCISTI DEL (ECCETETRA SE PERMETTETE) che la colpa sta nel comunismo. Sta invece nella incapacità di comprendere le differenze, che è il difetto peggiore del liberismo, e che alcuni partiti comunisti purtroppo hanno imitato.Volete sapere le stragi e le migliaia di persone morte? Fatevi un giro... non so, in Iraq, in Vietnam, in Cile, in Nicaragua, in Corea, in ... devo continuare? Anche Cuba, dove quei terroristi americani del ca**o stanno palesemente violando i diritti umani.E mi domando: quanti ancora dovranno morire per la non colpa di non essere comunisti, ma quanti dovranno morire per il 'delitto' di esserlo?
      • Anonimo scrive:
        Re: Democrazia e Liberta'
        - Scritto da: Anonimo


        Democrazia e Liberta'

        d'espressione,

        concetti da sempre "ostici" ai figli del

        popolo ...

        è vero, hai proprio ragione. Gli altri
        (noi), in caso di disaccordo, ne bombardano
        direttamente a migliaia e risolvono il
        problema in modo più efficiente.
        Siamo troppo avanti
        tu sei indietro, ma col cervello!
Chiudi i commenti