La musica pubblicizzata suona male

Offriva brani da scaricare a coloro che si fossero sorbiti comunicati pubblicitari almeno una volta al mese, per rinnovare le licenze presidiate da lucchetti DRM. SpiralFrog ha smesso di gracidare

Roma – Avrebbe dovuto incarnare il modello di business della musica digitale, offriva ai netizen brani da scaricare finanziati da inserzionisti disposti a comprare l’attenzione dei cittadini della rete. SpiralFrog ha chiuso i battenti, sommerso dai debiti. La musica che gli utenti hanno pagato prestando il proprio tempo ai comunicati pubblicitari si volatilizzerà nel giro di sessanta giorni .

SpiralFrog aveva tentato di farsi largo sul mercato nordamericano con un’ operazione di lancio in grande stile: si proponeva come una rivoluzione supportata dalla pubblicità , vantava la collaborazione delle major con cui si spartiva denaro fornito dagli inserzionisti. Assicurava ai cittadini della rete un rigoglioso catalogo a cui attingere in cambio di un login mensile, utile a sorbirsi i comunicati pubblicitari che avrebbero consentito di mantenere in vita archivi musicali personali che altrimenti sarebbero svaniti.

L’interesse delle etichette era evidente, ravvisavano in SpiralFrog il grimaldello per combattere la pirateria: Universal aveva dato la propria adesione , EMI era seguita a ruota, Warner aveva firmato senza troppe esitazioni. Ma l’interesse delle major si è presto intiepidito: online era disponibile il solo catalogo di Universal, mentre quello delle altre etichette era impantanato nel limbo della negoziazione dei diritti di riproduzione, necessari a garantire il download a favore degli utenti.

Nonostante l’ ottimismo delle dirigenza, anche l’interesse degli utenti era presto scemato : attratti dalla promessa di attingere ad un catalogo vastissimo, si erano inizialmente dimostrati favorevoli a prestare qualche minuto alla pubblicità effettuando il login mensile. Ma il catalogo non si arricchiva, rendendo sempre meno tollerabile la necessità di concedere la propria attenzione agli inserzionisti per rinnovare la propria licenza di fruire della musica effimera che avevano scaricato vincolandosi in un contratto .

A rivelarsi sempre meno tollerabile, anche il sistema DRM che si ergeva a presidio dei brani di cui si erano appropriati e nei confronti dei quali dovevano confermare mensilmente l’interesse: la tecnologia PlaysForSure di Microsoft consentiva loro di travasare la musica in maniera controllata su un numero limitato di dispositivi, ammesso naturalmente che fossero compatibili.

I debiti sembravano attanagliare l’azienda, complici i venti che spirano sul mercato dell’advertising. Le alternative per acquistare e appropriarsi di musica senza vincoli proliferano, così come sono innumerevoli i flussi impalpabili di musica che scorre con lo streaming legale supportato dalla pubblicità e con quello che le etichette considerano selvaggio. SpiralFrog non è più raggiungibile .

L’azienda, così come annunciato dai protagonisti di esperimenti ibridi e travagliati come Qtrax , avrebbe voluto salvare il business della musica brandendo tecnologie DRM che le etichette stesse sembrano essersi rassegnate ad abbandonare . Sistemi DRM che avrebbero dovuto proteggere brani musicali che gli utenti non hanno pagato ma che si sono guadagnati concedendo la propria attenzione agli inserzionisti. Sistemi DRM che rischiano ora di privare gli utenti dei brani che hanno attinto a SpiralFrog. Il contatore è innescato, già ticchetta verso lo scadere dei 60 giorni . I brani lucchettati acquisiti legalmente, sembra essere ormai noto , non appartengono davvero agli utenti.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • luca rivara scrive:
    questo è controllo
    Ormai le autorità stanno diventando troppo paranoiche. Mi sembra l'ennesimo tentativo di controllarci sempre di più.Forse, basterebbe staccare la spina e vivere di più nel mondo reale. Pensate, dopo aver costruito un'immensa rete di controllo...zaff! tutti gli utenti se ne vanno e loro restano con un palmo sul naso.
  • ullala scrive:
    si ma....
    1) troppa informazione=nessuna informazione....Se hai un database enorme trovare quello che ti occorrre in modo affidabile è praticamente infattibile, troppi match (impossibile inventarsi search abbastanza selettive) e troppo alto l'error rate c'è pure un teorema che lo dimostra...2) c'è il problemino delle connessioni cifrate.... che non possono essere abolite con qualche scusa (gli interessi economici in ballo sono troppo alti)...come ce la caviamo?Bastano le solite frasette da XXXXXXXXX?
  • Andonio scrive:
    Meta' di noi sorvegliera' l'altra meta'
    Pero', a pensarci bene, le torri gemelle le hanno centrate lo stesso, anche se c'era il sistema Echelon attivo.http://it.wikipedia.org/wiki/ECHELONMi sa tanto che se questi sitemi funzioneranno davvero, i malintezionati organizzeranno i loro attentati mettendosi d'accordo di persona senza fare uso di tecnologie elettroniche.In fondo La Carboneria ha funzionato anche senza telefonini.Solo che gli investigatori non hanno piu' voglia di fare pedinamenti ed andare in giro con la lente di ingrandimento come ai vecchi tempi e preferiscono che sia un PC a far venire fuori il nome dell'attentatore ed il luogo dove arrestarlo.Ogni tanto nel cervello dei governanti si formano delle nebbie e dei fumi di XXXXXXXXria che li fanno agire come XXXXX.Nel periodo americano del Mackartismo, anni 50, quando il terrore che L'URSS avesse la bomba H faceva andare di testa i governanti, chiunque vivesse in maniera poco meno che convenzionale era sospettato di comunismo. Furono accusati personaggi come Charlie Chaplin che fu praticamente espulso dagli USA, Walt Disney, Robert Taylor, Gary Cooper, Il compositore Bernstein, Marilyn Monroe... Si tratto' proprio di un annebbiamento della ragione.Adesso la potenza dei sistemi di comunicazione informatizzati spaventa quegli ignorantoni che ci governano e temono che tutti quanti ci mettiamo a tramare contro di loro.Le persone pericolose non dipendono dalle tecnologie e ci sono sempre state...Tra qualche anno rideremo di queste paturnie create dalla paura degli ignoranti....Anche nel parlamento italiano ci sono alcuni tentativi di emulare queste possibili situazioni.Stiamo in guardia
    • rossella scrive:
      Re: Meta' di noi sorvegliera' l'altra meta'
      solo una nota, non era per un errore che veniva accusato di comunismo qualsiasi oppositore, era una scelta ben consapevole per demolire qualsiasi opposizione.anche oggi l'accusa di terrorismo si allarga facilmente..
    • JFK scrive:
      Re: Meta' di noi sorvegliera' l'altra meta'
      - Scritto da: Andonio
      Pero', a pensarci bene, le torri gemelle le hanno
      centrate lo stesso, anche se c'era il sistema
      Echelon
      attivo.
      Gia', gia' e hanno dato agli USA un ottima scusa per attaccare Afghanistan e Iraq ...Forse i sistemi di controllo funzionano solo quando interessa ...Nessuna nuova, anche circa Pearl Harbor sembra che l'Intelligence sapesse in anticipo dell'attacco giapponese ma servivano un po' di morti per far digerire all'opinione pubblica americana l'entrata in guerra ...
      • Ricky scrive:
        Re: Meta' di noi sorvegliera' l'altra meta'
        Faccio notare che in Italia, qualsiasi voce contraria alle scelte del governo, e' sicuramente di SINISTRA ,fatta da un comunista!Il fatto che qualcuno possa aver da ridire, indipendentemente dalla "fede" politica, non passa nemmeno per l'naticamera del cervello (presunto...) di questi signori.Ma solo per convenienza...sanno benissimo i XXXXXX che stanno facendo...ma tacciare la genet di COMUNISMO e' utile per rendere faziose delle esternazioni in realta' reali e ben certificate.Non so se avete visto REPORT...ma non sapevo se ridere o piangere.Poi ne uno ne l'altro, mi sono solo XXXXXXXXX ... peche' queste cose le sapevo gia' e non vedo mai una presa di posizione vera e tenace da parte dei politucoli che ci ritroviamo, tutti intenti ad ossequiare il "BOSS".
        • Andonio scrive:
          Re: Meta' di noi sorvegliera' l'altra meta'
          In momenti difficili gli italiani fanno venir fuori il loro eroico istinto di conservazione: dicono:B. e' ricco ed ha sucXXXXX, Si fa spompinare dalle veline,Ha sempre sucXXXXX, Col milan vince la coppa ( una volta, forse, adesso sono troppo vecchi anche loro)Se lo voto allora anche io partecipero' alle sue fortune..In realta' e' lui che vive sulle tue sfortune..... e tu non te ne accorgi
        • XYZ scrive:
          Re: Meta' di noi sorvegliera' l'altra meta'
          - Scritto da: Ricky
          Faccio notare che in Italia, qualsiasi voce
          contraria alle scelte del governo, e' sicuramente
          di SINISTRA ,fatta da un
          comunista!
          Il fatto che qualcuno possa aver da ridire,
          indipendentemente dalla "fede" politica, non
          passa nemmeno per l'naticamera del cervello
          (presunto...) di questi
          signori.
          Ma solo per convenienza...sanno benissimo i
          XXXXXX che stanno facendo...ma tacciare la genet
          di COMUNISMO e' utile per rendere faziose delle
          esternazioni in realta' reali e ben
          certificate.
          Non so se avete visto REPORT...ma non sapevo se
          ridere o
          piangere.
          Poi ne uno ne l'altro, mi sono solo XXXXXXXXX ...
          peche' queste cose le sapevo gia' e non vedo mai
          una presa di posizione vera e tenace da parte dei
          politucoli che ci ritroviamo, tutti intenti ad
          ossequiare il
          "BOSS".
          ..non vedo mai
          una presa di posizione vera e tenace da parte dei
          politucoli che ci ritroviamo..E perchè mai dovrebbero combattere una situazione a loro favorevole? Rimango dell'idea che la politica italiana rimane una delle più avanzate... E sapete perche? Un infrastruttura tale che riesca cosi bene a mantenere un alone di democrazia, quando in realtà non c'è nulla di tutto ciò, deve avere davvero un ottima organizzazione per farlo e continuare a farlo.. Consiglio a tutti di meditare sulla connessione politica/media e la capacità di una (o dell'altra) di sollevare questioni morali nell' una o nell' altra parte.. Poi vi invito a prendere in considerazione lo status di "terra di confine" (cosi come lo ha definito un politico italiano) di Internet e analizzarne gli aspetti in relazione al pensiero precedente... Molti dei vostri "perchè" svaniranno immediatamente. E ricordate: il "Cretinismo Parlamentare" è sempre voluto.
  • Gentooista scrive:
    Viaggio a Edimburgo
    Sono stato 2 volte ad Edimburgo, vi assicuro che non sono solo chiacchiere. Sembrava di stare al grande fratello, telecamere ovunque in ogni vicolo e negozio anche il più piccolo nei pullman nei parchi, davvero inquietante.
    • wathrog scrive:
      Re: Viaggio a Edimburgo
      la prossima volta che ci vai, entra in un internet cafe e inizia a mandare centinaia di email con le "parole chiave" tipo "ho visto una Scozzese che era una BOMBA nella STAZIONE FERROVIARIA" oppure "mi farei ESPLODERE per riuscire a CONQUISTARE il suo cuore" o ancora "ci vediamo alle 10 davanti alla MOSCHEA per farci due "SHOTS" in un pub AFFOLLATO"Vediamo in quanto tempo ti vengono a prendere :DScusate la pessima ironia, ma è l'unica cosa che mi viene in mente quando leggo che non esiste più privacy.....Saluti,Francesco
  • aaaaa scrive:
    panopticon
    http://it.wikipedia.org/wiki/Panopticonnon bisogna necessariamente vedere tutto sempre basta poter sempre vedere tutto ;)
    • bubba scrive:
      Re: panopticon
      - Scritto da: aaaaa
      http://it.wikipedia.org/wiki/Panopticon

      non bisogna necessariamente vedere tutto sempre
      basta poter sempre vedere tutto
      ;)ti presento l'antitesi. L'anopticon. http://tramaci.org/anopticon/ :)
Chiudi i commenti