La robomosca vola

Presentati i primi risultati pratici della ricerca per la spia perfetta: silenziosa, leggera, hi-tech. Sta imparando a volare, domani imparerà a spiare ma anche a individuare sostanze chimiche pericolose

Roma – L’ennesimo, importante avanzamento nello sviluppo dei Micro Air Vehicle di domani arriva dall’Università di Harvard, dove un drone delle dimensioni di una mosca ha acquisito la capacità di volare . Un risultato che già da solo ha del prodigioso, smentendo nei fatti lo scetticismo di tanti, ma che è soltanto il coperchio, promettono i ricercatori, di un vaso di Pandora tecnologico che potrebbe in futuro trasformare in realtà i nuovi campi di battaglia intelligenti, prospettiva su cui militari di tutto il mondo favoleggiano da anni.

Dal peso di soli 60 milligrammi, il microrobot presenta un’apertura alare di 3 centimetri e i movimenti modellati su quelli di una vera mosca. “La natura crea i migliori insetti volanti del mondo” sostiene il leader del progetto robo-mosca di Harvard, Robert Wood, indi per cui risulta naturale tentare di replicarne il lavoro con gli aggeggi artificiali.

La robomosca Il team di Wood, finanziato dall’agenzia militare DARPA , ha dovuto prima di tutto affrontare i problemi costruttivi che un robot delle dimensioni di un insetto pone: “Riducendo semplicemente le tecniche impiegate in macro-scala non si arriverà mai al tipo di performance che ci occorre” dice Wood a riguardo.

Per realizzare il motore, le ali, le giunture e i micromeccanismi del mini-drone si è pensato dunque di partire dai meccanismi di produzione dei sistemi microelettromeccanici, i MEMS . Anche in questo caso però c’erano delle controindicazioni, essendo i processi di creazione dei MEMS troppo dispendiosi in termini di tempo e denaro, cosa che mal si applica alla necessità di generare velocemente diverse versioni dei droni.

Wood e i suoi colleghi sono infine giunti allo sviluppo di un processo del tutto nuovo , che ha impiegato “tagliatori laser microscopici”, grazie ai quali hanno potuto cesellare le forme in polimero e fibra di carbonio incidendo su pattern bidimensionali accurati a livello di micron. Tali forme sono poi diventate le parti funzionali della mosca bionica.

I polimeri incorporano composti in grado di azionarsi con l’energia elettrica, che cambiano forma quando attraversati dal voltaggio della suddetta. Un procedimento costruttivo molto complesso, che viene trattato in maniera esaustiva nel numero agostano del magazine Journal of Mechanical Design .

La complessità della prova che hanno affrontato gli scienziati si è dipanata nel corso di 7 anni, al termine dei quali è arrivato il breakthrough fondamentale, il volo reale della mosca costruita a mano. Una “prima volta” appunto, accolta con stupore nella comunità dei ricercatori coinvolti sugli studi dei microrobot, perché un drone è riuscito finalmente a volare mimando in toto i meccanismi della sua forma naturale ispiratrice.

Raggiunta la capacità di volare – che è possibile osservare nel breve video allegato – le sfide che rimangono da affrontare per realizzare una microspia mobile e intelligente, capace di lavorare in ambiti appunto di spionaggio ma anche come misura preventiva di attacchi terroristici basati su sostanze chimiche pericolose, sono ancora tante.

La prima è una mobilità davvero completa: fino ad ora il drone-mosca è capace di andare soltanto all’insù, e i ricercatori sono attualmente al lavoro su un meccanismo di controllo in grado di farlo volare in tutte le direzioni. L’altra grande sfida è una risorsa energetica integrata nel robot , che gli dia sufficiente autonomia e lo liberi dalla necessità di una fonte energetica esterna. Allo stato attuale delle ricerche, una batteria al litio-polimeri farebbe volare la mosca per meno di cinque minuti.

Inoltre si sta pensando allo sviluppo di sensori di svariato tipo, anche chimico, e ad un software intelligente che permetta al drone di evitare gli ostacoli che incontra durante il tragitto. Tanto lavoro da fare ancora, ma il primo passo entusiasma Wood e il suo team: “Una cosa davvero grossa”, sostiene, “Molte persone pensavano che non sarebbe mai stata davvero in grado di alzarsi in aria”.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • abdel maghi scrive:
    porno
    ti voglio scopare
  • lillo mertoni scrive:
    ciao
    ciao belli
  • rita marchitell i scrive:
    mutande
    io sono lesbica
  • MARCO MERLINI scrive:
    BASTARDO
    BASTARDO
  • vitello valerio scrive:
    booo
    (love)(love) :D
  • Paolo Leocini scrive:
    Secondlife
    Penso che Internet con una connessione a poche decine di euro al mese (che sono alla portata quasi di tutti) consenta ai poveracci (come me e tanti altri) di istruirsi e anche di giocare, e trattandosi come si dice di adulti vaccinati, se ogni tanto il gioco e' per adulti... che ci volete togliere anche la fantasia? almeno quella non costa nulla.. il resto e' tutto moralismo travestito Secondlife poi e' vero che e' stata una bufala per le major che ci hanno investito sopra una valanga di soldi (IBM e Coca Cola ad esempio) ma per i poveri cristi piu' o meno "porcelli" resta un fenomeno un po' pazzerello e anarchico che sinceramente io trovo molto divertente e a tratti anche interessante se non se ne abusa ciao a tutti Paolo
  • Di ME scrive:
    Penso sia meglio che...
    Si sfoghino son 2 foto prese da internet piuttosto che penredere l'aids da una prostituta all'angolo della strada... penso che tutto sto perbenismo abbia rotto le p4ll3.
  • cippa lippa scrive:
    FEDERICA...
    la manovella amica :) :) :)
  • Abusivo scrive:
    E' tutto programmato
    La cosa era preordinata, secondo questi passi:1. dare un PC collegato ad internet ai paesi poveri2. aspettare che scoprano il porno3. mettere i filtri4. aspettare che i più smaliziati li aggirino5. ecco che si sviluppa la vera cultura informatica con hacker, cracker ecceteraCosì il processo di informatizzazione del Terzo Mondo sarà avviato.Non vedo quale sia il problema.
  • ottomano scrive:
    Istinti naturali
    Che i bambini possano accedere senza filtri a certi contenuti è sbagliato.Se poiil pc lo prende il papà per guardarsi un pò di sano porno, non mi sembra tutto questo scandalo.Semplicemente ci vorrebbe un controllo parentale sul client o magari sul server, ma disabilitabile con password.bye
  • Kofi Annan scrive:
    Ma se uno è povero
    ha come priorità trovare soldi o trovare faiga?
  • floriano scrive:
    tanto rumore
    solo perchè la macchinetta proxy che dà il servizio web non ha i filtri anti porno?
    • Nigeriano Mandrillon e scrive:
      Re: tanto rumore
      Mah, a leggere qui (l' "update" ) c'è scritto le unità in questione NON ERANO olpc .. http://www.jadebug.com/blog/2007/07/told-you-unfortunately-i-was-right.htmlchi avrà ragione !? ... le mezze notizie che si trovano in giro ..o quelli che effettivamente ci lavorano (dentro al progetto) e sono più "aggiornati" ?
    • Pinco Pallino scrive:
      Re: tanto rumore
      No, solo perché loro (in Africa) usano poco la televisione...forse c'è preoccupazione per nascite eccessive (e quindi risorse ancora più scarse a disposizione per il singolo individuo).
  • MIX scrive:
    La manovella
    Bambino Africano : "Bello questo sito. Continua a girare la manovella Tobia." Tobia : "Non preoccuparti: lo trasformo in one helicopter per child" BA : "Uauu.. Ma stanno diventando enormi. Gira piu' in fretta, gira, vai, vai!" Tobia : "Duri anni di schiavitu' sono proprio serviti, con questa manovella mi sento proprio grat i fica t o" BA : "Gira! Gira! Gira!" Nel passato...2006 Bill Gates : "Non credo che la gente voglia star seduta davanti ad un pc con un monitor minuscolo, cercando di farlo funzionare con una manovella"
    • Quello scrive:
      Re: La manovella
      Guarda che la nuova versione non funziona a manovella.L'hanno tolta da un pezzo: era considerata sfruttamento minorile.
      • Pacificator e scrive:
        Re: La manovella
        nooo, era considerata maschilismo. Infatti il pubblico femminile per l'inferiore potenza manuale non era in grado di pilotare la manovella come i maschi.Infatti chi sa girare meglio la manovella accresce maggiormente l'intelletto grazie ad il laptop.Quindi muscoli=intelligenza=ingiustizia!!??
        • Quello DiPrima scrive:
          Re: La manovella
          L'utilizzo della manovella mi sembra soggettivo e per il caso dell'articolo in questione lo definirei femminismo
    • trollone scrive:
      Re: La manovella
      (rotfl)(rotfl)(rotfl)ho iniziato a ridere gia leggendo il titolo ;)
  • Categorico scrive:
    Second Life...
    ...dove pure Rosy Bindi può trovare l'unico frutto dell'amor! :| :p :D
  • aaaa scrive:
    centauro
    ma io che sono un centauro vi sembra possibile che non mi posso fare una bella biondona ?????
  • user scrive:
    Ottima notizia!
    Come diceva una celebre canzone:"solo una sana e consapevole libidine salva il giovane dalla religione" :D
    • Olmo scrive:
      Re: Ottima notizia!
      - Scritto da: user
      Come diceva una celebre canzone:
      "solo una sana e consapevole libidine salva il
      giovane dalla religione"
      :Dnon dalla religione, ma "dallo stress, dall'Azione Cattolica". Un plagio di Zucchero a Piero Ciampi.
      • Kofi Annan scrive:
        Re: Ottima notizia!
        - Scritto da: Olmo
        - Scritto da: user

        Come diceva una celebre canzone:

        "solo una sana e consapevole libidine salva il

        giovane dalla religione"

        :D


        non dalla religione, ma "dallo stress,
        dall'Azione Cattolica". Un plagio di Zucchero a
        Piero
        Ciampi.ma sto zucchero ha scritto qualcosa che sia suo?
    • Kofi Annan scrive:
      Re: Ottima notizia!
      - Scritto da: user
      Come diceva una celebre canzone:
      "solo una sana e consapevole libidine salva il
      giovane dalla religione"
      :Dno, dallo stress e dall'azione cattolica, non dalla religione in generale.
      • user scrive:
        Re: Ottima notizia!
        Perché all'epoca la religione/setta islamica non era un problema. La versione del XXI secolo di quella canzone direbbe "dalle religioni"
    • Pinco Pallino scrive:
      Re: Ottima notizia!
      Questo se hai degli anticoncezionali o almeno del cibo a disposizione.Quella musica l'ha scritta un tizio che aveva l'uno e l'altro.
      • Peppino 'o meccanico scrive:
        Re: Ottima notizia!
        - Scritto da: Pinco Pallino.......
        Quella musica l'ha scritta un tizio che aveva
        l'uno e
        l'altro.Questo "tizio" si chiama Franco Battiato.http://it.wikipedia.org/wiki/Franco_BattiatoTanto per farsene un'idea alla faccia di chi lo considera un "tizio".;-)
        • Daniele scrive:
          Re: Ottima notizia!
          vuoi dire che battiato ha scritto una canzone per Zucchero? ma sei sicuro? Hai le prove o sono solo calunnie?:-)Secondo me ti sei confuso nello sbagliare. ;-)
Chiudi i commenti