Lasciapassare A38/ Sicuri che siamo sicuri?

di D. Giorio - La Pubblica Amministrazione italiana non è al riparo dagli attacchi informatici: il programma nazionale per la sicurezza informatica va affiancato a una presa di coscienza

Roma – Di recente molti quotidiani a larga tiratura hanno parlato di spionaggio e cybercrime, portando all’attenzione delle masse un argomento spesso relegato ad analisi specialistiche, o classificato come seccatura se qualche collega un po’ paranoide fa presente che forse non è una buona idea tenere la password su un post-it appiccicato al monitor.
Anche La Repubblica , oltre che i siti di informazione specializzata come Punto Informatico , ha parlato del rapporto CLUSIT, che fotografa una situazione non troppo incoraggiante relativamente alla situazione della sicurezza informatica in Italia, e che ci vede, per la prima volta, entrare nella lista dei primi dieci Paesi sotto attacco.

A ben vedere, però, si tratta di una notizia positiva: il fatto che risultiamo così appetibili agli hacker implica che l’utilizzo delle nuove tecnologie è cresciuto, per cui noi Italiani non risultiamo più così insignificanti come prima. Lo stesso si può dire per il Ministero degli Esteri a guida Gentiloni, che sarebbe stato attaccato da hacker russi. La notizia, rimbalzata su tutti i giornali, mi ha reso fiero del mio Paese: il fatto che in Russia sappiano chi è Gentiloni e che si interessino all’Italia non può che riempire di orgoglio patrio! Battute a parte, il primo concetto che si insegna in una scuola di giornalismo è che un cane che morde un uomo non fa notizia, un uomo che morde un cane sì. Ora, lo scopo per cui i servizi di intelligence esistono è precisamente quello di fornire informazioni a chi deve prendere decisioni. Mi sembra dunque assolutamente normale che la CIA, il FSB (come si chiama ora il KGB) e gli altri grandi servizi delle varie nazioni cerchino di spiare il nostro Stato, come – spero – i nostri apparati cercano di fare con i loro rispettivi governi. È così da millenni e ritengo ipocrita far finta di indignarsi quando qualcuno viene pescato con le mani nella marmellata.

Il rumore attorno agli attacchi informatici, veri o presunti, è però l’occasione per fare il punto sulla sicurezza degli Enti Pubblici, più o meno esposti ad un attacco. Normalmente gli attacchi informatici si possono distinguere in varie tipologie:
-Attacchi mirati, per ottenere informazioni.
-Attacchi mirati, per ottenere denaro.
-Attacchi “a strascico”, di solito per ottenere denaro.
-Attacchi, di solito mirati, per mostrare di essere in grado di violare le difese o per azioni dimostrative.

Da questa lista appare chiaro che nessun Ente può sentirsi al riparo: un piccolo Comune difficilmente potrà essere oggetto delle attenzioni di un’agenzia di spionaggio, ma più di un collega si è trovato col sistema bloccato da un ransomware. Né i dati conservati dall’anagrafe o dell’ufficio tecnico sono da considerarsi totalmente disprezzabili da parte di qualche malintenzionato. Pensiamo poi a cosa potrebbe significare un attacco riuscito ad un Ente più grande, ad esempio al sistema di pagamento dell’INPS: se un hacker riuscisse a sostituire gli IBAN dei milioni di pensionati con il proprio, magari di una banca alle Cayman, potrebbe tranquillamente sparire e sistemarsi per la vita prima che le rogatorie internazionali possano raggiungerlo.

Occorre dunque fare il possibile per proteggersi, ma questo richiede conoscenza, prima ancora che denaro. Molti Comuni utilizzano antivirus gratuiti: la scelta non è solo di tipo economico, dato che, per quanto i bilanci siano sempre critici, i pochi euro di un prodotto a pagamento si possono di solito trovare, quanto perché l’hardware non è potentissimo ed i software più blasonati tarpano il sistema, mentre gli altri sono più leggeri. Il che significa, per contro, che sono anche meno performanti.

Il secondo problema deriva dal fatto che un Ente Pubblico riceve qualunque tipo di richiesta, e non è quindi possibile escludere a priori determinati mittenti o aree geografiche: spesso, soprattutto dal Brasile e dall’Argentina, privati cittadini residenti all’estero, con account Gmail, Hotmail o altri gestori locali, chiedono informazioni sui loro avi, e non è quindi insolito ricevere messaggi sospetti, con l’oggetto in italiano approssimativo, che in realtà si rivelano richieste assolutamente legittime, alle quali occorre dare corso.
Oltretutto i malware, o nello specifico i criptovirus, si nascondono di solito dentro messaggi apparentemente ragionevoli: ad esempio, ho scritto ad un fornitore per una richiesta di preventivo, il giorno dopo mi ha risposto con “re: richiesta di preventivo” e poche ore dopo mi è arrivata un’altra mail con lo stesso oggetto e lo stesso nominativo nella prima parte dell’indirizzo, contenente un link molto sospetto; per fortuna sono abbastanza consapevole ed attento da accorgermi che la seconda parte dell’indirizzo mail era anomala, ma fossi stato un po’ più di fretta o un po’ meno esperto ci sarei caduto abbastanza facilmente. Oltretutto significa che o il mio indirizzo o quello del mio corrispondente erano tenuti d’occhio.
Meno attento e fortunato è invece stato il mio collega del protocollo, il servizio più esposto, che ha aperto una mail apparentemente contenente una fattura e si è trovato il computer bloccato. Tuttavia il sistema è complessivamente robusto, il NAS è basato su un diverso sistema operativo ed ha un accesso limitato, il router è stato spento immediatamente per evitare la diffusione nella rete, ed alla fine l’unica perdita è stata quella di un file compilato pochi minuti prima, facilmente ricostruibile. Sul momento mi è preso un colpo ma, tutto sommato, sono stato contento di aver verificato che il sistema ha retto all’involontario stress test, pur riconoscendo che il fattore fortuna ha anche aiutato.

Non che il sistema privato sia esente da rischi: a parte tutti i malware, i ransomware e lo spam lanciati in modo massivo da quei cracker che fanno pesca a strascico, il conto bancario di una ditta ed i suoi segreti industriali sono certamente appetibili: dal progetto di un prodotto in sviluppo ai costi operativi, una qualunque impresa, anche piccola, può essere interessante per la concorrenza.

Se globale è il problema, globale deve essere la ricerca di soluzioni, per cui i sistemi operativi moderni nascono già robusti e facilmente aggiornabili, per quanto possibile, tuttavia nulla si può fare se l’utente non collabora: dall’attenzione agli aggiornamenti ad un po’ di sana diffidenza verso qualunque messaggio insolito, dalla conservazione accurata delle password al loro aggiornamento periodico. Per non parlare dei sistemi di backup, di disaster recovery, dei firewall fisici o di supporti di emergenza fisicamente disconnessi dalla rete.
Tutti oggetti che costano e che devono essere gestiti, ma che soprattutto rischiano di diventare inutili se la sicurezza non è generalizzata e se quindi il problema arriva non da un esterno anonimo, ma da un interno che inserisce una chiavetta non controllata o da un Ente “amico”, che è stato autorizzato ad accedere alle nostre banche dati in modo diretto, come auspicato dall’art. 43 D.P.R. 445/00. Per non parlare di un Comune che dalla sua PEC, regolarmente registrata presso indice PA , sta diffondendo il cryptolocker , mascherato da richiesta di certificato anagrafico, con tanto di firma del Segretario Comunale. Poiché non voglio nemmeno pensare che siano i colleghi ad aver architettato la truffa (né che, nel caso, siano così stupidi da attuarla dal proprio account di posta), devo concludere che un Comune attaccato da un malintenzionato stia creando problemi a tutta Italia. Come sempre, nessuna catena è più forte del più debole dei sui anelli.

Di tutte queste problematiche sembrano finalmente essere consapevoli anche ai piani alti, per cui il Governo è stato incaricato di varare il nuovo piano nazionale sulla cybersecurity: speriamo che tra i tanti Enti coinvolti, le crisi politiche e l’ormai consolidata abitudine di emanare tutti i decreti “senza oneri aggiuntivi per il bilancio dello Stato” non resti un monumento alle buone intenzioni.

Diego Giorio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • iome scrive:
    Fake news
    Ho letto "Russia" nel titolo e poi "Secondo la ricostruzione del New York Times". Ho smesso immediatamente di leggere perché è quasi sicuramente una Fake news. Quindi ho scritto il commento. L'articolo lo lascio ai gonzi.Saluti :)
    • Thepassenge r scrive:
      Re: Fake news
      Ma anche se fosse evero, di sicuro ci sarebbero dietro quei delinquenti della cia visto che possono infettare pc e spacciarsi per altri senza lsciare traccia come dimostrano i documenti wikileaks.- Scritto da: iome
      Ho letto "Russia" nel titolo e poi "Secondo la
      ricostruzione del New York Times". Ho smesso
      immediatamente di leggere perché è quasi
      sicuramente una Fake news. Quindi ho scritto il
      commento. L'articolo lo lascio ai
      gonzi.

      Saluti :)
    • capperi sotto sale scrive:
      Re: Fake news
      Vai a succhiare il XXXXX a Putin o in alternativa a Trump, fesso.
  • ctcexrf scrive:
    prove deboli
    Quindi abbiamo un privato cittadino russo che campa grazie ad attività illecite e l'FBI deduce che questo cittadino ha il supporto del governo russo solo perchè non è stato arrestato. Debole come prova. Può anche essere un privato al soldo degli americani che riceve abbastanza soldi dai ricchi clienti per pagarsi l'immunità.
    • capperi sotto sale scrive:
      Re: prove deboli
      Sì certo, è sicuramente "un privato al soldo degli americani"... AHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH
      • ctcexrf scrive:
        Re: prove deboli
        - Scritto da: capperi sotto sale
        Sì certo, è sicuramente "un privato al soldo
        degli americani"...
        AHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHVale tanto quanto la frase: La sostanziale impunità di Bogachev secondo il pezzo del NYT è comunque la prova che la Russia si è servita della sua botnet per i propri scopi
      • collione scrive:
        Re: prove deboli
        hai letto del vault 7? e di come la CIA lavori attivamente per camuffare la fonte dei suoi cyberattachi ( facendo credere che siano russi, cinesi, coreani e compagnia ), in particolar modo acquisiscono malware commerciale ( anche quelle create dai cybercriminali russi ovviamente ) sempre per far credere che ad attaccare siano quegli Stati
        • capperi sotto sale scrive:
          Re: prove deboli
          un privato al soldo degli americani"... AHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH
          • Il Fuddaro scrive:
            Re: prove deboli
            - Scritto da: capperi sotto sale
            un privato al soldo degli americani"...
            AHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH
            ecc. ecc.Toh, il solito commento scemo
  • capperi sotto sale scrive:
    Ma non bastava un buon antivirus?
    (rotfl)
    • ... scrive:
      Re: Ma non bastava un buon antivirus?
      - Scritto da: capperi sotto sale
      (rotfl)Non esistono antivirus per sanare la demenza da "leone da tastiera"
      • capperi sotto sale scrive:
        Re: Ma non bastava un buon antivirus?
        Peccato che zeus quando era in giro evadeva sistematicamente la rilevazione da parte di TUTTI gli antivirus. Ma tu sei troppo ignorante per rendertene conto.Vai ad aggiornare Norton su, che sei in una botte di ferro. (rotfl)
        • Il Fuddaro scrive:
          Re: Ma non bastava un buon antivirus?
          - Scritto da: capperi sotto sale
          Peccato che zeus quando era in giro evadeva
          sistematicamente la rilevazione da parte di TUTTI
          gli antivirus. Ma tu sei troppo ignorante per
          rendertene
          conto.

          Vai ad aggiornare Norton su, che sei in una botte
          di ferro.
          (rotfl)Scusa ma non ai visto quei tre ... ! Quindi la dice lunga sulla sanità mentale del pigiatasti sotto tale punteggiatura.
          • nome e cognato scrive:
            Re: Ma non bastava un buon antivirus?
            - Scritto da: Il Fuddaro
            - Scritto da: capperi sotto sale

            Peccato che zeus quando era in giro evadeva

            sistematicamente la rilevazione da parte di
            TUTTI

            gli antivirus. Ma tu sei troppo ignorante per

            rendertene

            conto.



            Vai ad aggiornare Norton su, che sei in una
            botte

            di ferro.

            (rotfl)


            Scusa ma non ai visto quei tre <b
            ... </b
            !
            Quindi la dice lunga sulla sanità mentale del
            pigiatasti sotto tale
            punteggiatura.Che tradotto in italiano sarebbe: "non ci ho capito un caxxo ma dico lo stesso qualche str0nz@ta a caso, magari qualcuno ci vede un senso..."
          • Il Fuddaro scrive:
            Re: Ma non bastava un buon antivirus?
            - Scritto da: nome e cognato
            Che tradotto in italiano sarebbe: "non ci ho
            capito un caxxo ma dico lo stesso qualche
            str0nz@ta a caso, magari qualcuno ci vede un senso..."Magari qualcuno con un cervello, cosa di cui tu non sei dotata :-o
  • panda rossa scrive:
    Che cosa dice wikipedia
    Wikipedia, alla paginahttps://en.wikipedia.org/wiki/Zeus_(malware)dice quanto segue:Zeus, ZeuS, or Zbot is a Trojan horse malware package that runs on versions of Microsoft Windows .
    • Il Fuddaro scrive:
      Re: Che cosa dice wikipedia
      - Scritto da: panda rossa
      Wikipedia, alla pagina
      https://en.wikipedia.org/wiki/Zeus_(malware)
      dice quanto segue:

      Zeus, ZeuS, or Zbot is a Trojan horse malware
      package that runs on versions of Microsoft
      Windows .Ma a parte quello, che interessa relativamente poco.... non poteva essere altrimenti.Tutte le 'scorazzerie' fatte e strafatte dalle autorità usa e consociata Mi5-mi6-GCHQ sono tutte buone e giuste. Si lo dicono loro tutte le voragini che hanno creato in tutta la rete, satellitare, wireless, su cavi marini, cavi terrestri, sono state fatte tutte per opere pie.Invece una botnet, sembra che sia il male puro(e già i cattivoni russi), l'anticristo e stato avvistato sulla Terra, e più precisamente su di una riva del mar Nero.Colore a parte mar 'NERO' le tenebre si addensano siul cattivone hakker russo che è protetto dall' impero del male sauron-pution!Ma annate-a-pigniaravill-indo-u-culu!! (troll)
      • panda rossa scrive:
        Re: Che cosa dice wikipedia
        - Scritto da: Il Fuddaro
        - Scritto da: panda rossa

        Wikipedia, alla pagina

        https://en.wikipedia.org/wiki/Zeus_(malware)

        dice quanto segue:



        Zeus, ZeuS, or Zbot is a Trojan horse malware

        package that runs on versions of <b
        Microsoft

        Windows </b
        .


        Ma a parte quello, che interessa relativamente
        poco.... non poteva essere
        altrimenti.Invece interessa anche questo aspetto.Perche' anche se l'informatica e' un semplice strumento, che puo' fare bene o male in base alle intenzioni di chi la usa, qui ci troviamo di fronte ad una assurdita' commerciale.Nessun prodotto commerciale che e' soggetto ad esplosioni improvvise che provocano danni immensi, puo' pensare di stare sul mercato.Perche' invece winsozz si?Perche' non viene dichiarato illegale una volta per tutte?
        • Il Fuddaro scrive:
          Re: Che cosa dice wikipedia
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: Il Fuddaro

          - Scritto da: panda rossa


          Wikipedia, alla pagina



          https://en.wikipedia.org/wiki/Zeus_(malware)


          dice quanto segue:





          Zeus, ZeuS, or Zbot is a Trojan horse
          malware


          package that runs on versions of
          <b

          Microsoft


          Windows </b
          .





          Ma a parte quello, che interessa
          relativamente

          poco.... non poteva essere

          altrimenti.

          Invece interessa anche questo aspetto.
          Perche' anche se l'informatica e' un semplice
          strumento, che puo' fare bene o male in base alle
          intenzioni di chi la usa, qui ci troviamo di
          fronte ad una assurdita'
          commerciale.

          Nessun prodotto commerciale che e' soggetto ad
          esplosioni improvvise che provocano danni
          immensi, puo' pensare di stare sul
          mercato.

          Perche' invece winsozz si?
          Perche' non viene dichiarato illegale una volta
          per
          tutte?Perché poi dovrebbero dichiarare ILLEGALI ANCHE tutti gli smartphones, e gli IOT-giocattoli sulla faccia della Terra ecco il perché! :(
          • panda rossa scrive:
            Re: Che cosa dice wikipedia
            - Scritto da: Il Fuddaro
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Il Fuddaro


            - Scritto da: panda rossa



            Wikipedia, alla pagina





            https://en.wikipedia.org/wiki/Zeus_(malware)



            dice quanto segue:







            Zeus, ZeuS, or Zbot is a Trojan horse

            malware



            package that runs on versions of

            <b


            Microsoft



            Windows </b
            .








            Ma a parte quello, che interessa

            relativamente


            poco.... non poteva essere


            altrimenti.



            Invece interessa anche questo aspetto.

            Perche' anche se l'informatica e' un semplice

            strumento, che puo' fare bene o male in base
            alle

            intenzioni di chi la usa, qui ci troviamo di

            fronte ad una assurdita'

            commerciale.



            Nessun prodotto commerciale che e' soggetto ad

            esplosioni improvvise che provocano danni

            immensi, puo' pensare di stare sul

            mercato.



            Perche' invece winsozz si?

            Perche' non viene dichiarato illegale una volta

            per

            tutte?

            Perché poi dovrebbero dichiarare ILLEGALI ANCHE
            tutti gli smartphones, e gli IOT-giocattoli sulla
            faccia della Terra ecco il perché!
            :(E quale sarebbe il problema?Si fa come il divieto di sosta.Chi parcheggia in divieto paga la multa.Chi usa uno dei suddetti oggetti pericolosi per se' e gli altri paga la multa, e il produttore che vuole vendere sul territorio italiano paga la multa pure lui.
          • capperi sotto sale scrive:
            Re: Che cosa dice wikipedia
            Se una casa automobilistica costruisce macchine si schiantano perché improvvisamente i freni non funzionano lasciano correre? Se un'azienda edilizia costruisce palazzi che ogni tanto crollano lasciano correre? No?E perché Microsoft e Adobe hanno potuto vendere per anni software regolarmente bucati e sfruttati dai criminali per rubare soldi e informazioni e nessuno ha mai fatto niente? Mazzette? No perché queste due aziende (Adobe in particolare) si sono rese COMPLICI dei criminali.
          • ... scrive:
            Re: Che cosa dice wikipedia
            - Scritto da: capperi sotto sale
            E perché Microsoft e Adobe hanno potuto vendere
            per anni software regolarmente bucati e sfruttati
            dai criminali per rubare soldi e informazioni e
            nessuno ha mai fatto niente? Mazzette? No perché
            queste due aziende (Adobe in particolare) si sono
            rese COMPLICI dei criminali.Solo loro o tutti i sistemi immessi sulla rete? E non mi citare lnx o XXXXXXtte simili, perché se non è aggiornato vale come gli altri. Allora di chi è la colpa dell'utente? Ok eliminiamo anche quelli così rimangono solo i geni da tastiera di PI
          • capperi sotto sale scrive:
            Re: Che cosa dice wikipedia
            Tu non sei un leone da tastiera, sei un XXXXXXXX da tastiera. E probabilmente anche senza tastiera.
          • ... scrive:
            Re: Che cosa dice wikipedia
            - Scritto da: capperi sotto sale
            Tu non sei un leone da tastiera, sei un XXXXXXXX
            da tastiera. E probabilmente anche senza tastiera.Disse il leone da tastiera che nel reale si spaventa anche della sua ombra
          • Il Fuddaro scrive:
            Re: Che cosa dice wikipedia
            - Scritto da: ...
            - Scritto da: capperi sotto sale

            E perché Microsoft e Adobe hanno potuto
            vendere

            per anni software regolarmente bucati e
            sfruttati

            dai criminali per rubare soldi e
            informazioni
            e

            nessuno ha mai fatto niente? Mazzette? No
            perché

            queste due aziende (Adobe in particolare) si
            sono

            rese COMPLICI dei criminali.
            Solo loro o tutti i sistemi immessi sulla rete? E
            non mi citare lnx o XXXXXXtte simili, perché se
            non è aggiornato vale come gli altri. Allora di
            chi è la colpa dell'utente? Ok eliminiamo anche
            quelli così rimangono solo i geni da tastiera di
            PIOppure l'ormai famosissimo tre ... che spara solo XXXXXXX al rinXXXX dietro ad alcuni utenti di PI, perché non saprebbe come altro affrontarli nei discorsi..... ... il vero leone della tastiera di PI
          • Il Fuddaro scrive:
            Re: Che cosa dice wikipedia
            - Scritto da: Il Fuddaro
            ... il vero leone della tastiera di PIDetto da uno che ha tanta coraggio che manco si registra con un nick
        • nome e cognome scrive:
          Re: Che cosa dice wikipedia
          - Scritto da: panda rossa
          Invece interessa anche questo aspetto.
          Perche' anche se l'informatica e' un semplice
          strumento, che puo' fare bene o male in base alle
          intenzioni di chi la usa, qui ci troviamo di
          fronte ad una assurdita'
          commerciale.che sarebbe ?
          Nessun prodotto commerciale che e' soggetto ad
          esplosioni improvvise che provocano danni
          immensi, puo' pensare di stare sul
          mercato.da quando un os esplode ?
          Perche' invece winsozz si?ah !! esplode ?
          Perche' non viene dichiarato illegale una volta
          per
          tutte?se ti compri una casa e i ladri ci entrano secondo te dovrebbero dichiarare illegali le case perchè obiettivo dei ladri ?allora anche le auto, i portafogli, gli ombrelli...ecc eccsolo panda rossa poteva partorire una idea così geniale :De il bello è che ci sono altri geni che gli vanno dietro... (rotfl)
          • Il Fuddaro scrive:
            Re: Che cosa dice wikipedia
            - Scritto da: nome e cognome
            - Scritto da: panda rossa

            Invece interessa anche questo aspetto.

            Perche' anche se l'informatica e' un semplice

            strumento, che puo' fare bene o male in base
            alle

            intenzioni di chi la usa, qui ci troviamo di

            fronte ad una assurdita'

            commerciale.

            che sarebbe ?


            Nessun prodotto commerciale che e' soggetto ad

            esplosioni improvvise che provocano danni

            immensi, puo' pensare di stare sul

            mercato.

            da quando un os esplode ?


            Perche' invece winsozz si?

            ah !! esplode ?


            Perche' non viene dichiarato illegale una volta

            per

            tutte?

            se ti compri una casa e i ladri ci entrano
            secondo te dovrebbero dichiarare illegali le case
            perchè obiettivo dei ladri
            ?
            allora anche le auto, i portafogli, gli
            ombrelli...ecc
            ecc

            solo panda rossa poteva partorire una idea così
            geniale
            :D

            e il bello è che ci sono altri geni che gli vanno
            dietro...
            (rotfl)Chi Nome e XXXXXXXX e ... che poi sono la stessa testolina.
        • collione scrive:
          Re: Che cosa dice wikipedia
          - Scritto da: panda rossa
          Perche' invece winsozz si?perche' il dipartimento di stato USA fece pressione, negli anni '80, sul governo giapponese affinche' affossasse il sistema operativo nipponico iTron per favorire un coff coff...certo sistema operativo americano appena nato e che girava sui cloni IBM?
    • iRoby scrive:
      Re: Che cosa dice wikipedia
      Ma lo sai che dopo i danni fatti al mondo dei computer Microsoft si vergogna di apporre il proprio nome su alcuni prodotti proprio perché si rischia di farli essere un flop?La gente ha una percezione talmente negativa di quell'azienda che dove può farlo evita i suoi prodotti, anche quando sono validi.Vedi la Xbox, o Kinect. I due capi storici hanno preferito defilarsi uno ed è stato "invitato" ad andarsene l'altro.
      • Sg@bbio scrive:
        Re: Che cosa dice wikipedia
        - Scritto da: iRoby
        Ma lo sai che dopo i danni fatti al mondo dei
        computer Microsoft si vergogna di apporre il
        proprio nome su alcuni prodotti proprio perché si
        rischia di farli essere un
        flop?

        La gente ha una percezione talmente negativa di
        quell'azienda che dove può farlo evita i suoi
        prodotti, anche quando sono
        validi.

        Vedi la Xbox, o Kinect.

        I due capi storici hanno preferito defilarsi uno
        ed è stato "invitato" ad andarsene
        l'altro.Xbox 360, nonostante il lancio disastroso e il nome del produttore è stata forse la console microsoft più di sucXXXXX da quando sta nel mercato. il Kinect è forse uno deglo oggetti più inutili del campo videoludico.
    • aphex_twin scrive:
      Re: Che cosa dice wikipedia
      - Scritto da: panda rossa
      Wikipedia, alla pagina
      https://en.wikipedia.org/wiki/Zeus_(malware)
      dice quanto segue:

      Zeus, ZeuS, or Zbot is a Trojan horse malware
      package that runs on versions of <b
      Microsoft
      Windows </b
      .C'é chi il virus lo prende e c'é chi ci nasce. :)http://punto-informatico.it/4376167/PI/News/android-malware-servito-preinstallato.aspx
Chiudi i commenti