Le campagne estive del ransomware

Un nuovo malware crittografico prende di mira i NAS di Synology, mentre gli esperti di sicurezza lavorano per fornire soluzioni di salvataggio per i file blindati dal ransomware noto come Cryptolocker

Roma – Un nuovo ransomware si fa strada in rete attaccando alcuni NAS (network-attached storage) Synology della linea DiskStation, una campagna che sfrutta una vulnerabilità già nota – e corretta nel 2013 – per prendere il controllo dei dispositivi di storage locali connessi in rete e accessibili tramite Internet.

SynoLocker, questo il nome del ransomware la cui esistenza è stata riconosciuta anche da Synology , è in grado di infettare i NAS DiskStation dotati di software di gestione DSM 4.3-3810 o versioni precedenti sfruttando un exploit per una vulnerabilità corretta a dicembre 2013, mentre il problema non dovrebbe sussistere – il condizionale lo suggerisce Synology – su DSM 5.0.

Come denunciano gli utenti di prodotti DiskStation, un NAS infetto da SynoLocker mostra una pagina “ricattatoria” al momento di accedere al server di controllo tramite browser Web: i cyber-criminali chiedono 0,6 bitcoin (circa 350 dollari) come riscatto per decodificare i file, mentre Synology invita gli utenti colpiti dal malware a contattare il supporto tecnico e invoglia chiunque altro ad aggiornare il software DSM quanto prima sia possibile.

SynoLocker non è certo il primo caso di infezione da malware progettata per abusare dei prodotti della linea DiskStations, segno evidente della pericolosità di connettere un NAS locale (e in particolare i NAS Synology) a Internet.

Una notizia positiva per le vittime di ransomware arriva infine dai ricercatori di sicurezza che hanno preso di mira la campagna Cryptolocker , l’infame botnet progettata per criptare i file in maniera irrecuperabile e che ora si fa meno distruttiva grazie alla disponibilità del servizio online di recupero di chiavi crittografiche Decrypt Cryptolocker .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bubba scrive:
    prendendo i fatti asetticamente...
    prendendo gli ultimi fatti asetticamente... ossia non considerando la guerra (commerciale ecc), cavare piastrellotto e macacos dalle P.A. in realta' e' una questione di sana igene pubblica, direi... e NON solo per la cina intendo.
    • ... scrive:
      Re: prendendo i fatti asetticamente...
      - Scritto da: bubba
      igene[img]http://images.sodahead.com/polls/001169797/disgust_xlarge.jpeg[/img]
      • bubba scrive:
        Re: prendendo i fatti asetticamente...
        - Scritto da: ...
        - Scritto da: bubba

        igene

        http://images.sodahead.com/polls/001169797/di[img]http://www.punchnels.com/wp-content/uploads/Grammar_Nazis____The_Motivator_by_ZlayaHozyayka.jpg[/img]
        • collione scrive:
          Re: prendendo i fatti asetticamente...
          Grammar Nazis: "noi non bruciamo libri, li correggiamo" (rotfl)
          • bubba scrive:
            Re: prendendo i fatti asetticamente...
            - Scritto da: collione
            Grammar Nazis: "noi non bruciamo libri, li
            correggiamo"
            (rotfl)li XXXXXXXXXXmo, semmai. :D btw, hai letto BENE la scritta della pic che ho messo? c'e' una specie di meta-presaperilgulo, un inside joke....
    • collione scrive:
      Re: prendendo i fatti asetticamente...
      se porterà a più opensource, ben venga qualsiasi azione anti-apple, anti-ms, anti-chiccessia
  • Cinese scettico scrive:
    Vieteranno anche la produzione in Cina?
    o quella se la tengono?
    • collione scrive:
      Re: Vieteranno anche la produzione in Cina?
      perchè dovrebbero? tanto a loro che gli frega se gli utonti occidentali vengono spiatiproducendoli in Cina possono pure metterci qualche backdoor cinese, giusto per stare sicuri in caso di guerra mondiale
  • pietro scrive:
    sistemi operativi
    alla Cina non interessano sistemi sicuri, interessano sistemi "apribili"Un sistema che garantisca l'utente al 100% non lo adotterebbero mai
  • til dawn scrive:
    anche???
    <i
    La Cina diffida <b
    anche </b
    di Apple </i
    "anche" di apple??? semmai (e più che giustamente) " <b
    soprattutto </b
    " di Apple...
  • tucumcari scrive:
    La Cina verso l'autarchia
    So che la Cina sta cercando di sviluppare una distro linux tutta sua con applicativi tutti suoi che dovranno sostituire gli omologhi Microsoft, oggi spesso insostituibili, in pochi anni.Ci riusciranno? E funzionera' bene? Domande aperte.E se ci riusciranno, anche la UE fara' la sua versione, oppure no?
    • Gigi scrive:
      Re: La Cina verso l'autarchia
      - Scritto da: tucumcari
      So che la Cina sta cercando di sviluppare una
      distro linux tutta sua con applicativi tutti suoi
      che dovranno sostituire gli omologhi Microsoft,
      oggi spesso insostituibili, in pochi anni.
      Ci riusciranno? E funzionera' bene? Domande
      aperte.
      E se ci riusciranno, anche la UE fara' la sua
      versione, oppure no?Guarda che da un po' di anni girano in cina distribuzioni basate su debian, i cinesi contribuiscono come tutti gli altri, siamo arrivati alla: 8th China Linux Kernel Developer Conference Was Held in Shanghai.http://www.miit-csip.org.cn/CSIPEnglish/CSIPEnglish_CSIPDynamic/CSIPNews/201404/t20140408_92596.html
      • tucumcari scrive:
        Re: La Cina verso l'autarchia
        - Scritto da: Gigi
        - Scritto da: tucumcari

        So che la Cina sta cercando di sviluppare una

        distro linux tutta sua con applicativi tutti
        suoi

        che dovranno sostituire gli omologhi
        Microsoft,

        oggi spesso insostituibili, in pochi anni.

        Ci riusciranno? E funzionera' bene? Domande

        aperte.

        E se ci riusciranno, anche la UE fara' la sua

        versione, oppure no?

        Guarda che da un po' di anni girano in cina
        distribuzioni basate su debian, i cinesi
        contribuiscono come tutti gli altri, siamo
        arrivati alla: 8th China Linux Kernel Developer
        Conference Was Held in
        Shanghai.

        http://www.miit-csip.org.cn/CSIPEnglish/CSIPEnglisAnche io posso distribuire le mie versioni basate su Sorcerer, la migiore distro vista finora. Se non funzionano, o se banalmente non sono in grado di svolgere i compiti richiesti da una pubblica amministrazione, si gettano, e si torna a windows/OS X.
        • tucumcari scrive:
          Re: La Cina verso l'autarchia
          - Scritto da: tucumcari
          amministrazione, si gettano, e si torna a
          windows/OS
          X.In una versione scritta in telugu Legù mica possiamo scordarci di fare omaggio a Nadella.
        • tucumcari scrive:
          Re: La Cina verso l'autarchia
          - Scritto da: tucumcari
          se banalmente non sono in grado
          di svolgere i compiti richiesti da una pubblica
          amministrazione, si gettano, e si torna a
          windows/OS
          X.L'importante è che supportino il telugo per fare i saluti a Nadella
        • tucumcari scrive:
          Re: La Cina verso l'autarchia

          se banalmente non sono in grado
          di svolgere i compiti richiesti da una pubblica
          amministrazione, si gettano, e si torna a
          windows/OS
          X.Già poi magari si scopre che non supportano il telugu.
        • tucumcari scrive:
          Re: La Cina verso l'autarchia
          - Scritto da: tucumcari
          se banalmente non sono in grado
          di svolgere i compiti richiesti da una pubblica
          amministrazione, si gettano, e si torna a
          windows/OS
          X.Se non c'è il supporto al telugu è tutto da cestinare
    • collione scrive:
      Re: La Cina verso l'autarchia
      la Cina ha già 3-4 distro Linux prontee sui server governativi un OS derivato da FreeBSD
      • tucumcari scrive:
        Re: La Cina verso l'autarchia
        - Scritto da: collione
        la Cina ha già 3-4 distro Linux pronte

        e sui server governativi un OS derivato da FreeBSDQuale OS cinese in uso oggi è derivato da FreeBSD?
        • tucumcari scrive:
          Re: La Cina verso l'autarchia
          Cistanno lavorando.Purtroppo come al solito hanno difficoltà col supporto all telugu.Potresti farti assumere come consulente Legù
        • collione scrive:
          Re: La Cina verso l'autarchia
          - Scritto da: tucumcari
          - Scritto da: collione

          la Cina ha già 3-4 distro Linux pronte



          e sui server governativi un OS derivato da
          FreeBSD
          Quale OS cinese in uso oggi è derivato da FreeBSD?ufficialmente era Kylin, che poi ufficialmente è passato a Linuxma degli ufficialmente della Cina non ce ne facciamo nienteil problema è che probabilmente hanno già os opensource o altro sui loro sistemi, solo che non lo ammettono pubblicamentedel resto a maggio si scoprì che i russi avevano sostituito i sistemi operativi dei loro apparati militari con un os made in Russiaquesta gente fa le cose ma non le dice, a differenza nostra che diciamo ma non facciamo
        • tucumcari scrive:
          Re: La Cina verso l'autarchia
          Si ma anche lì c'è il problema del supporto al telugu....
        • tucumcari scrive:
          Re: La Cina verso l'autarchia
          - Scritto da: tucumcari
          - Scritto da: collione

          la Cina ha già 3-4 distro Linux pronte



          e sui server governativi un OS derivato da
          FreeBSD
          Quale OS cinese in uso oggi è derivato da FreeBSD?Una nuova versione interamente scritta in telugu.
        • tucumcari scrive:
          Re: La Cina verso l'autarchia
          - Scritto da: tucumcari
          - Scritto da: collione

          la Cina ha già 3-4 distro Linux pronte



          e sui server governativi un OS derivato da
          FreeBSD
          Quale OS cinese in uso oggi è derivato da FreeBSD?Quello con il supporto al telugu
    • collione scrive:
      Re: La Cina verso l'autarchia
      Kylin non è stato affatto abbandonato, chi te l'ha detta questa XXXXXXX?
      • tucumcari scrive:
        Re: La Cina verso l'autarchia
        - Scritto da: collione
        Kylin non è stato affatto abbandonato, chi te
        l'ha detta questa
        XXXXXXX?Dal 2001 al 2009: Kylin sviluppato a partire da FreeBSD (tra l'altro non dichiarato).Dal 2009 ad oggi: Kylin sviluppato a partire dal kernel Linux.Ricordo ai distratti che FreeBSD è un sistema operativo di derivazione Unix, mentre Linux è solo Unix-like. Hanno dovuto buttar via i tre quarti del lavoro di 8 anni perché non c'è compatibilità fra i due. Ma che sucXXXXX! Ma che progresso!
        • tucumcari scrive:
          Re: La Cina verso l'autarchia

          perché non c'è
          compatibilità fra i due. Ma che sucXXXXX! Ma che
          progresso!Per forza non supportavano il telugu.
        • collione scrive:
          Re: La Cina verso l'autarchia
          ufficialmente, ma ufficiosamente?e comunque non vedo cos'avrebbero buttato vialinux e freebsd sono talmente compatibili che puoi far girare software linux su freebsd installando una banale libreria di compatibilità
          • tucumcari scrive:
            Re: La Cina verso l'autarchia
            - Scritto da: collione
            ufficialmente, ma ufficiosamente?

            e comunque non vedo cos'avrebbero buttato via

            linux e freebsd sono talmente compatibili che
            puoi far girare software linux su freebsd
            installando una banale libreria di
            compatibilitàGuardiamo alla realtà, cioè ai risultati: amministrazioni comunali in Cina che usano solo quel sistema operativo non ce ne sono. Idem a livello di insegnamento scolastico e universitario. Idem ministeri. Idem aeroporti e stazioni.Lo usa il supercomputer Tianhe-2: sai che roba!
          • til dawn scrive:
            Re: La Cina verso l'autarchia
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: collione

            ufficialmente, ma ufficiosamente?



            e comunque non vedo cos'avrebbero buttato via



            linux e freebsd sono talmente compatibili che

            puoi far girare software linux su freebsd

            installando una banale libreria di

            compatibilità
            Guardiamo alla realtà, cioè ai risultati:
            amministrazioni comunali in Cina che usano solo
            quel sistema operativo non ce ne sono. Idem a
            livello di insegnamento scolastico e
            universitario. Idem ministeri. Idem aeroporti e
            stazioni.
            Lo usa il supercomputer Tianhe-2: sai che roba!dimentichi il grande firewall cinese...
          • Passante scrive:
            Re: La Cina verso l'autarchia
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: collione

            ufficialmente, ma ufficiosamente?



            e comunque non vedo cos'avrebbero buttato via



            linux e freebsd sono talmente compatibili che

            puoi far girare software linux su freebsd

            installando una banale libreria di

            compatibilità
            Guardiamo alla realtà, cioè ai risultati:
            amministrazioni comunali in Cina che usano solo
            quel sistema operativo non ce ne sono. Idem a
            livello di insegnamento scolastico e
            universitario. Idem ministeri. Idem aeroporti e
            stazioni.
            Lo usa il supercomputer Tianhe-2: sai che roba!Ma dai ? Tu ci lavori ? Dacci notizie di prima mano.
          • tucumcari scrive:
            Re: La Cina verso l'autarchia
            certo che ci lavora.Per le notizie ora fa una ricerchina su google Leguleio è bravissimo te le trova pure in telugu
          • tucumcari scrive:
            Re: La Cina verso l'autarchia
            - Scritto da: tucumcari
            Lo usa il supercomputer Tianhe-2: sai che roba!Infatti non supporta neppure il teluguTu Legù non potresti neppure fare i saluti a Nadella
          • tucumcari scrive:
            Re: La Cina verso l'autarchia
            - Scritto da: tucumcari
            Guardiamo alla realtà, cioè ai risultati:Manca il supporto al telugu.Una pecca imperdonabile
          • tucumcari scrive:
            Re: La Cina verso l'autarchia
            - Scritto da: tucumcari
            Lo usa il supercomputer Tianhe-2: sai che roba!già e poi magari non supporta neppure il telugu
          • collione scrive:
            Re: La Cina verso l'autarchia
            - Scritto da: tucumcari
            Guardiamo alla realtà, cioè ai risultati:
            amministrazioni comunali in Cina che usano solo
            quel sistema operativo non ce ne sono. Idem aboh, io non so nemmeno se le amministrazioni comunali ( specialmente quelle periferiche ) usano i computer
            livello di insegnamento scolastico e
            universitario. Idem ministeri. Idem aeroporti e
            stazioni.
            Lo usa il supercomputer Tianhe-2: sai che roba!questi dati da dove vengono? o stai tirando ad indovinare?
          • Gigi scrive:
            Re: La Cina verso l'autarchia
            - Scritto da: collione
            - Scritto da: tucumcari


            Guardiamo alla realtà, cioè ai risultati:

            amministrazioni comunali in Cina che usano
            solo

            quel sistema operativo non ce ne sono. Idem a

            boh, io non so nemmeno se le amministrazioni
            comunali ( specialmente quelle periferiche )
            usano i
            computer


            livello di insegnamento scolastico e

            universitario. Idem ministeri. Idem
            aeroporti
            e

            stazioni.

            Lo usa il supercomputer Tianhe-2: sai che
            roba!

            questi dati da dove vengono? o stai tirando ad
            indovinare?Secondo una relazione del 2005 di Information Week, la banca statale industriale e commerciale della Cina "ha deciso di implementare Linux in tutte le sue 20.000 filiali retail". Al momento, InformationWeek ha dichiarato che questo rappresenta la più grande distribuzione di Linux fino ad oggi nel settore finanziario cinese.http://www.istitutomajorana.it/index.php?option=com_content&task=view&id=2040&Itemid=80
          • collione scrive:
            Re: La Cina verso l'autarchia
            come pensavosolo perchè non se ne parla mai, in molti credono che linux non stia da nessuna parte, che i cinesi abbiano solo sfornato tentativi falliti e l'opensource sia in via d'estinzionema la realtà è l'esatto opposto
          • tucumcari scrive:
            Re: La Cina verso l'autarchia
            - Scritto da: tucumcari
            Lo usa il supercomputer Tianhe-2: sai che roba!Che poi non supporta neppure il telugu
          • rino scrive:
            Re: La Cina verso l'autarchia
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: collione

            ufficialmente, ma ufficiosamente?



            e comunque non vedo cos'avrebbero buttato via



            linux e freebsd sono talmente compatibili che

            puoi far girare software linux su freebsd

            installando una banale libreria di

            compatibilità
            Guardiamo alla realtà, cioè ai risultati:
            amministrazioni comunali in Cina che usano solo
            quel sistema operativo non ce ne sono. Idem a
            livello di insegnamento scolastico e
            universitario. Idem ministeri. Idem aeroporti e
            stazioni.
            Lo usa il supercomputer Tianhe-2: sai che roba!http://www.zdnet.com/cn/chinas-home-grown-linux-os-shutters-7000026404/
          • tucumcari scrive:
            Re: La Cina verso l'autarchia
            - Scritto da: rino
            - Scritto da: tucumcari

            - Scritto da: collione


            ufficialmente, ma ufficiosamente?





            e comunque non vedo cos'avrebbero buttato
            via





            linux e freebsd sono talmente compatibili
            che


            puoi far girare software linux su freebsd


            installando una banale libreria di


            compatibilità

            Guardiamo alla realtà, cioè ai risultati:

            amministrazioni comunali in Cina che usano solo

            quel sistema operativo non ce ne sono. Idem a

            livello di insegnamento scolastico e

            universitario. Idem ministeri. Idem aeroporti e

            stazioni.

            Lo usa il supercomputer Tianhe-2: sai che roba!


            http://www.zdnet.com/cn/chinas-home-grown-linux-osC'è differenza fra "crescere" e "avere sostituito tutti gli altri sistemi opertaivi". Perché la Cina punta a quello, non alla crescita e basta. Anche in Italia Linux cresce: era allo 0,1% nel 2001, oggi è allo 0,8%. E quindi?
        • tucumcari scrive:
          Re: La Cina verso l'autarchia
          - Scritto da: tucumcari
          Hanno dovuto buttar via i tre
          quarti del lavoro di 8 anni perché non c'è
          compatibilità fra i due. Ma che sucXXXXX! Ma che
          progresso!Certo se manca la compatibilità con il telugu come fa Leguleio a scrivere il saluto di benvenuto a Nadella.
        • tucumcari scrive:
          Re: La Cina verso l'autarchia
          - Scritto da: tucumcari
          Ma che sucXXXXX! Ma che
          progresso!Per forza mancava il telugu come poteva fare il povero Leguleio.
    • tucumcari scrive:
      Re: La Cina verso l'autarchia
      - Scritto da: tucumcari
      La Cina ci ha già tentato con Kylin e Red Flag
      Linux, entrambi abbandonati oppure fatti
      ripartire daccapo. Chiediti
      perché.Facilissimo Legù perchè non supportavano il telugu per scrivere i post di benvenuto a Nadella.
    • tucumcari scrive:
      Re: La Cina verso l'autarchia
      Il perchè è ovvio non avevano il supporto per il telugu
    • tucumcari scrive:
      Re: La Cina verso l'autarchia
      - Scritto da: tucumcari
      Ci riusciranno? E funzionera' bene? Domande
      aperte.
      E se ci riusciranno, anche la UE fara' la sua
      versione, oppure
      no?Ma la vera domanda è supporteranno il telugu così da permettere a Leguleio di postare il benvenuto a Nadella?È vero che lo ha già fatto ma pensiamo che poi ci sono gli auguri di natale pasqua capodanno...
    • tucumcari scrive:
      Re: La Cina verso l'autarchia
      Il perchè è ovvio mancava il supporto al telugu.
    • tucumcari scrive:
      Re: La Cina verso l'autarchia
      - Scritto da: tucumcari
      So che la Cina sta cercando di sviluppare una
      distro linux tutta sua con applicativi tutti suoi
      che dovranno sostituire gli omologhi Microsoft,
      oggi spesso insostituibili, in pochi
      anni.
      Ci riusciranno? E funzionera' bene? Domande
      aperte.
      E se ci riusciranno, anche la UE fara' la sua
      versione, oppure
      no?Bisogna vedere Legù.Tutto sta che ci sia il supporto per il telugu per il saluto a Nadella
    • tucumcari scrive:
      Re: La Cina verso l'autarchia
      Il perchè è ovvio!Manca il supporto al telugu
Chiudi i commenti