Linux avrà il suo multi-touch

Un progetto open source punta ad una tecnologia che, nel prossimo futuro, potrebbe portare anche su Linux il supporto al multi-touch in stile iPhone

Roma – Molto presto una tecnologia simile a quella multi-touch di iPhone potrà essere utilizzata anche in Linux. A prometterlo è il progetto open source Multi-Pointer X ( MPX ), che sta sviluppando una tecnologia capace di gestire l’input proveniente da più puntatori e periferiche di controllo.

Sebbene il progetto MPX sia nato per aggiungere al sistema X Window il supporto a più mouse e tastiere, i suoi autori affermano che la tecnologia di base può essere utilizzata anche per gestire il multi-touch, ossia per controllare un dispositivo touch-screen utilizzando più di un dito.

Nell’iPhone di Apple è ad esempio possibile usare due dita per ridurre o aumentare il livello di zoom o per ridimensionare certi oggetti, ma c’è chi sostiene che la tecnologia multi-touch abbia potenzialità ben superiori, e sia in futuro destinata a rivoluzionare il modo in cui interagiamo con dispositivi elettronici e computer.

Secondo quanto rivelato da uno degli sviluppatori del progetto open source, Peter Hutterer, la tecnologia MPX è già stata candidata per entrare a far parte della distribuzione ufficiale di X.org , nota implementazione di X Window.

Maggiori dettagli su MPX e sulle sue future evoluzioni si possono trovare in questa intervista di Gizmodo a Peter Hutterer, uno dei coordinatori del progetto.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Bello Fresco scrive:
    A lavorare GRATIS ???
    Ma ancora trovano programmatori che "contribuiscono" volontariamente a far diventare riche le multinazionali ?
    • taddeo scrive:
      Re: A lavorare GRATIS ???
      - Scritto da: Bello Fresco
      Ma ancora trovano programmatori che
      "contribuiscono" volontariamente a far diventare
      riche le multinazionali
      ?Le ipotesi sono due:1) O tutti i programmatori che "contribuiscono volontariamente a far diventare riche le multinazionali" sono degli idioti2) Questi programmatori ricevono più di quel che danno, e gli conviene.Al lettore viene lasciato come compito quello di trovare la risposta :)
      • clic scrive:
        Re: A lavorare GRATIS ???

        Le ipotesi sono due:
        1) O tutti i programmatori che "contribuiscono
        volontariamente a far diventare riche le
        multinazionali" sono degli
        idioti
        2) Questi programmatori ricevono più di quel che
        danno, e gli
        conviene.La seconda che hai detto? ;)
        • Matteo scrive:
          Re: A lavorare GRATIS ???
          Questa è la concezione sbagliata che non fa andare avanti l'open-source.Open-source non vuol dire lavorare gratis!!! Per l'utente domestico la distribuzione ed il software sono gratis. Le aziende che vogliono utilizzare il software per business e sono "esterne" al progetto pagano (poco).La maggior parte dei progetti però va avanti perchè finanziato dalle aziende interessate.Esempio:L'azienda A ha bisogno di un determinato software, quelli esistenti son troppo cari e/o ritenuti non adatti. Indi l'azienda decide di varare un progetto in accordo con altre interessate e sponsorizza un team di programmatori open-source. All'Azienda A interessa avere il software per la propria utilità, non per venderlo.Il vantaggio di rilasciarlo sotto GPL qual è?- Più aziende possono partecipare, sostenendo i costi (ovviamente inferiori al software proprietario) in gruppo;- lo sviluppo è MOLTO più veloce in quanto la Comunità e vastissima;- il progetto cresce diciamo "autonomamente";- l'azienda A (ed i partners) ottiene PUBBLICITA' GRATIS, catturando l'attenzione dell'utenza.
          • sax scrive:
            Re: A lavorare GRATIS ???
            - Scritto da: Matteo
            Questa è la concezione sbagliata che non fa
            andare avanti
            l'open-source.

            Open-source non vuol dire lavorare gratis!!! Per
            l'utente domestico la distribuzione ed il
            software sono gratis. Le aziende che vogliono
            utilizzare il software per business e sono
            "esterne" al progetto pagano
            (poco).ma quando maila cantina vinicola qui di fronte a me ho visto che usano firefox e open office, e non hanno sganciato nemmeno un soldomi sa che fai un po' di confusionel'open source è sfruttamente di giovani programmatori ingenui e abbagliati dal buonismo di stallman
          • gnubit scrive:
            Re: A lavorare GRATIS ???
            Ho moltissimi clienti che hanno fatto donazioni ad openoffice o alle distribuzioni di linux che usano sui loro server.Se secondo te il comportamento della cantina vinicola è corretto allora anche la pirateria va bene ...Al contrario molti sviluppatori open source godono di fama internazionale che apre loro molte porte.Al momento non mi sovviùengono molti nomi di sviluppatori MS.Non mi pare che gli sviluppatori Open Source facciano la fame mentre quelli a pagamento girano in rolls roice. Alla fine gran parte del guadagno del software se lo ciuccia l'azienda.
          • bi bi scrive:
            Re: A lavorare GRATIS ???

            Non mi pare che gli sviluppatori Open Source
            facciano la fame mentre quelli a pagamento girano
            in rolls roice. Alla fine gran parte del guadagno
            del software se lo ciuccia
            l'azienda.Io non so se gli sviluppatori OS fanno la fame maalmeno in Italia tanti programmatori nonostante svolganoun mestiere altamente qualificato sono pagaticome una qualsiasi segretaria che scrive lettere conWord (o magari con Writer di OpenOffice ;-)) cioe' ilminimo salariale di sopravvivenza.
          • DuDe scrive:
            Re: A lavorare GRATIS ???
            - Scritto da: bi bi
            Io non so se gli sviluppatori OS fanno la fame ma
            almeno in Italia tanti programmatori nonostante
            svolgano
            un mestiere altamente qualificato sono pagati
            come una qualsiasi segretaria che scrive lettere
            con
            Word (o magari con Writer di OpenOffice ;-))
            cioe'
            il
            minimo salariale di sopravvivenza.Amico mio, l'informatica in italia e' considerata uno spreco e basta ergo non esiste piu' nessuna azienda che paga il giusto un programmatore od un sistemista, si preferisce investire in benefit per i top manager piuttosto che sulla forza lavoro
          • bi bi scrive:
            Re: A lavorare GRATIS ???

            Amico mio, l'informatica in italia e' considerata
            uno spreco e basta ergo non esiste piu' nessuna
            azienda che paga il giusto un programmatore od un
            sistemista, si preferisce investire in benefit
            per i top manager piuttosto che sulla forza
            lavoroNiente di nuovo
          • Roberto Di scrive:
            Re: A lavorare GRATIS ???


            l'open source è sfruttamente di giovani
            programmatori ingenui e abbagliati dal buonismo
            di
            stallmanSAX YOU SUX!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
          • Alessio scrive:
            Re: A lavorare GRATIS ???
            open office e firefox possono essere benissimo usati da chiunque gratis; i loro stessi creatori gli hanno dato quel tipo di licenza d'usoi freeware ad uso esclusivamente privato sono altri, come AVG o Avast; sono quelli che la cantina sociale dovrebbe pagare se li volesse usare come attività commerciale, ma che sono gratis per uso personale
        • taddeo scrive:
          Re: A lavorare GRATIS ???
          - Scritto da: clic
          La seconda che hai detto? ;)1 punto a "clic" (Era facile, che ti aspettavi, forse 10 punti :D ?) !
      • red scrive:
        Re: A lavorare GRATIS ???
        - Scritto da: taddeo
        - Scritto da: Bello Fresco

        Ma ancora trovano programmatori che

        "contribuiscono" volontariamente a far diventare

        riche le multinazionali

        ?

        Le ipotesi sono due:
        1) O tutti i programmatori che "contribuiscono
        volontariamente a far diventare riche le
        multinazionali" sono degli
        idioti
        2) Questi programmatori ricevono più di quel che
        danno, e gli
        conviene.

        Al lettore viene lasciato come compito quello di
        trovare la risposta
        :)secondo me è la primail 90% di chi contribuisce al software open source lo fa da casa senza alcun corrispettivo, a limite riceve qualche donazione con paypalil software open source poi viene preso dalle multinazionali, impacchettato e venduto assieme all'hardwarein pratica i programmatori interni alle multinazionali fanno solo un lavoro logistico e di "imballaggio", alla programmazione ci pensano i muliecco perchè a molte industrie IT senza scripoli piace tanto l'open source
        • Lillo scrive:
          Re: A lavorare GRATIS ???
          Ma OSDL e tutti i progetti di laboratori di sviluppo sono pieni di gente regolarmente stipendiata da cordate di aziende interessate a queste tecnologie.Quelli che programmano in modo obbistico sono la minoranza.I più sono universitari che lo fanno per imparare queste tecnologie ed esperti che lavorano già in questi settori.I driver aperti sono spesso prodotti da ingegneri elettronici che conoscono, usano e studiano chip e controller embedded.Certo che avete una visione poveretta e distorta di un mondo che ha una vastità superiore ai pochi decimetri cubici di scatola cranica per lo più vuota che vi ritrovate in tanti...
          • Dehehehoho scrive:
            Re: A lavorare GRATIS ???

            Certo che avete una visione poveretta e distorta
            di un mondo che ha una vastità superiore ai pochi
            decimetri cubici di scatola cranica per lo più
            vuota che vi ritrovate in
            tanti...Closed source, closed mind ;)
          • Roberto Di scrive:
            Re: A lavorare GRATIS ???
            - Scritto da: Dehehehoho

            Certo che avete una visione poveretta e distorta

            di un mondo che ha una vastità superiore ai
            pochi

            decimetri cubici di scatola cranica per lo più

            vuota che vi ritrovate in

            tanti...

            Closed source, closed mind ;)Ben detto :)
        • taddeo scrive:
          Re: A lavorare GRATIS ???
          - Scritto da: red
          il 90% di chi contribuisce al software open
          source lo fa da casa senza alcun corrispettivo, a
          limite riceve qualche donazione con
          paypalE questo significa essere idiota ?Se qualcuno fa un lavoro senza chiedere nulla in cambio, è un idiota ?
          • gnubit scrive:
            Re: A lavorare GRATIS ???
            Meglio mulo (e idiota) come Torvalds, Stallmann, Tosatti o Sanfilippo (per rimanere in italia), che gazzella come Ballmer.
          • DuDe scrive:
            Re: A lavorare GRATIS ???
            - Scritto da: taddeo
            E questo significa essere idiota ?
            Se qualcuno fa un lavoro senza chiedere nulla in
            cambio, è un idiota
            ?Secondo alcuni si, sai davanti al dio denaro parecchi sarebbero disposti a farsi anche sodomizzare, peccato che non conoscano la parola divertimento, esistono programmatori che scrivono per il gusto di farlo, anche perche' hanno un ego smisurato e con il loro lavoro ti dicono guarda come sono fico! a me sta bene anche cosi' almeno posso apprendere da chi ne sa piu' di me e anche usare il loro lavoro magari mandandogli una e-mail in cui gli dico, grazie!
          • Bello Fresco scrive:
            Re: A lavorare GRATIS ???

            sodomizzare, peccato che non conoscano la parola
            divertimento, esistono programmatori che scrivono
            per il gusto di farlo, anche perche' hanno un egoEcco, domani raccontalo alla banca che non ti concerà il mutuo.
      • Bello Fresco scrive:
        Re: A lavorare GRATIS ???

        2) Questi programmatori ricevono più di quel che
        danno, e gli
        conviene.Si, ricevono una chiamata in una azienda closed (tipo google) dove finalmente vengono pagati.Oppure lavorano a software abbinato all'hardware che tanto piace.. a tutti.
    • ioncsdlkc scrive:
      Re: A lavorare GRATIS ???

      Ma ancora trovano programmatori che
      "contribuiscono" volontariamente a far diventare
      riche le multinazionaliSempre meglio che guardare la televisione e far diventare ricche le simpatiche vallette tettediplastica che la popolano
      • Dehehehoho scrive:
        Re: A lavorare GRATIS ???

        Sempre meglio che guardare la televisione e far
        diventare ricche le simpatiche vallette
        tettediplastica che la
        popolanoO far arricchire quelle persone che in gruppi di 22 calciano un oggetto sferico riempito della stessa sostanza contenuta nella loro scatola cranica...
      • DuDe scrive:
        Re: A lavorare GRATIS ???
        - Scritto da: ioncsdlkc

        Ma ancora trovano programmatori che

        "contribuiscono" volontariamente a far diventare

        riche le multinazionali

        Sempre meglio che guardare la televisione e far
        diventare ricche le simpatiche vallette
        tettediplastica che la
        popolanoquelle diventano ricche con le tette di plastica e con le labbra di plastica,come si dice? tu dai una cosa a me ed io do una cosa a te, ma mica e' "colpa" loro, se c'e' una colpa e' dell'uomo che si fa obnubilare la testa da un paio di tette e perde cosi' la capacita' di vedere oltre le tette, ovvio che chi e' poco dotata di talento ma dotata di un corpo , lo sfrutta a proprio vantaggio, su andiamo chi essendo al loro posto non farebbe uguale?
        • Lillo scrive:
          Re: A lavorare GRATIS ???
          Lui penso volesse dire che se la gente viene attratta da queste sciacquette polimerizzate la rete televisiva registra un odiens, l'odiens viene sventagliato agli inserzionisti pubblicitari che pagano denaro in proporzione a quell'odiens e parte di questo denaro inevitabilmente arricchisce le sciacquette di cui sopra senza meriti umani, etici o creativi ma solo commerciali.Se la gente invece delle sciacquette tettedigomma chiedesse dossier, documentari, cultura vera, le sciacquette non varrebbero nulla e tornerebbero a studiare o a servire ai tavoli al bar.
  • clic scrive:
    Open Moko
    Sbaglio o Open Moko non viene neanche preso in considerazione?http://www.openmoko.org/
  • clic scrive:
    Open Moko
    Sbaglio o Open Moko non viene neanche preso in considerazione?http://www.openmoko.org/
Chiudi i commenti