Meno personalizzazioni per i Dell

L'azienda insegue la ristrutturazione con ogni mezzo: limitare le scelte dei consumatori può significare comprimere le spese in modo significativo. E attrezzarsi per tornare a impensierire HP

Roma – Michael Dell e i suoi ce la stanno mettendo tutta per risollevare le prospettive finanziarie ed operative dell’azienda, tra i principali costruttori di computer al Mondo, e tornare a competere ad armi pari con HP: l’ultima novità è la decisione di rinunciare alla personalizzazione di PC e dintorni.

La home page di Dell Divenuta grande vendendo PC da remoto, l’azienda che ha trasformato il magazzino in una catena di montaggio dinamica ha deciso di limitare la scelta dei propri acquirenti: non potranno più chiedere a Dell computer costruiti con componenti totalmente diversi dalle configurazioni consigliate dalla stessa Dell. Saranno a disposizione macchine e sistemi diversi, ma la possibilità di metterci le mani sopra sarà ridotta drasticamente .

“Non vendiamo sistemi con mezzo milione di diverse configurazioni – ha sottolineato Mike Cannon, uno dei dirigenti dell’azienda – E se i consumatori non le vogliono, noi dobbiamo cancellare quel costo”.

Non ci sono i numeri, dunque, per continuare ad offrire un servizio apprezzato evidentemente da una fetta troppo ridotta degli acquirenti Dell per essere giustificata: un taglio forse inevitabile, che segue a breve distanza la conferma dei licenziamenti in arrivo, con numeri più elevati di quanto previsto da un primo piano di ristrutturazione.

Sono sei trimestri consecutivi che Dell vede ridursi le proprie quote di mercato a favore proprio di Hewlett-Packard. L’azienda deve ancora verificare se portare i suoi computer nei negozi, come ha iniziato a fare l’anno scorso su decisione del ritrovato leader , il suo fondatore Michael.

Quanto potrà risparmiare il celebre produttore con questa mossa? Difficile dirlo, nel complesso però Dell punta a risparmiare 3 miliardi di dollari l’anno nelle proprie operazioni internazionali. Il che fa pensare che la forbice non è ancora stata riposta in un cassetto.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Qfwfq scrive:
    C'e' di meglio
    Da un annetto e' gia' in funzione il servizio EC2 di Amazon.Costa solo 0.10 euro/ora per core (equivalente a Xeon 1.2 Ghz).Forniscono macchine on demand fino a 8 core con 15 GB di RAM e 1,69 TB di storage.Possibilita' di configurare una rete virtuale e di attivare un numero illimitato di istanze (oltre le 20 ci vuole una richiesta esplicita).Inoltre tutte le istanze dispongono di 250 MBps verso Internet.http://aws.amazon.com/ec2-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 07 aprile 2008 14.43-----------------------------------------------------------
    • Anonimo scrive:
      Re: C'e' di meglio

      Da un annetto e' gia' in funzione il servizio EC2
      di Amazon.Non conosco bene Amazon, ma mi sembra che eseguire una propria applicazione su EC2 sia cosi' immediato... non bisogna crearsi una propria VM con all'interno il programma da eseguire?Se su Powua c'e' a disposizione il desktop da remoto dovrebbe invece bastare fare l'upload e al limite ricompilare...
      • Anonimo scrive:
        Re: C'e' di meglio
        Scusate, ho perso un "non" :)Mi correggo:
        Non conosco bene Amazon, ma mi sembra che
        eseguire una propria applicazione su EC2 *non* sia
        cosi' immediato...
      • Qfwfq scrive:
        Re: C'e' di meglio
        - Scritto da: Anonimo

        Da un annetto e' gia' in funzione il servizio
        EC2

        di Amazon.

        Non conosco bene Amazon, ma mi sembra che
        eseguire una propria applicazione su EC2 sia
        cosi' immediato... non bisogna crearsi una
        propria VM con all'interno il programma da
        eseguire?Se vuoi sì. Comunque esistono innumerevoli VM già pronte e preconfigurate. Una volta accese sono un normalissimo server. Se ci vuoi aggiungere qualche altro programma, ovviamente lo puoi fare anche una volta avviata una macchina base.
        Se su Powua c'e' a disposizione il desktop da
        remoto dovrebbe invece bastare fare l'upload e al
        limite
        ricompilare...Sì, ti basta avviare che ne so... una Fedora o una Ubuntu. Ti colleghi via X o con VNC o con quello che ti pare e fai quello che vuoi.
    • escherian scrive:
      Re: C'e' di meglio
      La comparazione di macchine virtuali non e' corretta, su Powua viene fornito accesso a macchine REALI (vedi specifiche nel sito).Ho provato vari servizi basati su tecnologie di virtualizzazione e, ovviamente, la potenza non e' lontanamente paragonabile...Idem per i servizi di rendering dove le scene da renderizzare vengono messe in una sorta di "coda virtuale", non c'e' paragone con l'avere 4, 8 o quante macchine si hanno su Powua, dedicate solo ai calcoli di un utente.
      • Qfwfq scrive:
        Re: C'e' di meglio
        - Scritto da: escherian
        La comparazione di macchine virtuali non e'
        corretta, su Powua viene fornito accesso a
        macchine REALI (vedi specifiche nel
        sito).
        Ho provato vari servizi basati su tecnologie di
        virtualizzazione e, ovviamente, la potenza non e'
        lontanamente
        paragonabile...Tecnicamente la differenza si fa sui Mips disponibili. Avere una macchina fisica o virtuale non fa alcuna differenza per un servizio che deve eseguire software.Per cui, per poter dire che la potenza non è paragonabile, dovresti esibire risultati comparativi su benchmark riconosciuti. Cosa che non vedo sul sito di Powua.
        Idem per i servizi di rendering dove le scene da
        renderizzare vengono messe in una sorta di "coda
        virtuale", non c'e' paragone con l'avere 4, 8 o
        quante macchine si hanno su Powua, dedicate solo
        ai calcoli di un
        utente.Come sopra, non capisco la differenza. Se eseguo il medesimo software su un cluster di istanze EC2 con pari potenza, cosa cambia?
    • fog scrive:
      Re: C'e' di meglio
      Servizio interessante mail costo VERO non è quello che riporti tu. C'è da pagare lo storage su S3, poi si pagano i trasferimenti in ed out, si pagano gli IP, si pagano i trasferimenti da S3 (in maniera differente da quelli del cluster, ovviamente). Insomma, si sommano un sacco di piccoli costi che vanno a rendere il costo vero più alto di $0,10 a core.Questo parlando esclusivamente dei prezzi. Per quanto riguarda il software disponibile, Powua è preconfigurato mentre su EC2 ci metti le immagini che vuoi tu: sono chiaramente destinati a classi di utenti differenti.Infine, sai se su EC2 ci sia il 3D accellerato? Powua è stato progettato per venire incontro a quelle classi di utenti che necessitano di un cluster per compiti CPU-intensive, come il rendering 3D ed avere il 3D direttamente sul cluster è un must per utenti di questo tipo. Sono decisamente curioso su di EC2, anche perché ho partecipato alla progettazione di Powua. ;)
  • Zotto Tarzillo scrive:
    Bell'idea !
    Sarà utile per fare irendering e le compilazioni lunghe e noiose ! Ma la provacy ?AFFRETTATI: il primo sito web a durata limitata...http://www.solo365giorni.com !
  • alieno scrive:
    e il grid?
    in Sicilia è stata messa su una piattaforma che utilizza il Grid Computing e che consta se non vado errato di circa 2500 processori e non so quanti terabyte di dati.La potenza di calcolo viene data in affitto almeno per quanto ne sapevo io, a qualcosa come 1 l'ora... non posso confermare, in quanto ho letto l'articolo un po' di tempo fa su un giornale.L'investimento e' stato di 15 milioni di euro (?).Ma non sarebbe meglio utilizzare le realtà esistenti (non esiste solo quella siciliana) dando loro la possibilità di crescita, piuttosto che presentarsi con delle cacatine di mosca che nn servono a nessuno?A proposito ki l'ha chiamato clusterone? beh caro hai un'idea di clusterone molto personale, io lo chiamerei clustericchio, altrimenti i 300.000 pc di google come dobbiamo chiamarli fantascienza?Cose piccole troppo piccole per un mercato che i piccoli li schiaccia....
    • escherian scrive:
      Re: e il grid?
      Sicilia? Mai sentito, ma sicuramente ci puo' essere.Per quanto riguarda la cacatina di mosca, mi sa che ti sbagli :-)Ricordi Davide e Golia? O eri impegnato a prendere le mosche?Powua e' un servizio utile e soprattutto gratuito per i piccoli utenti (la societa' fornisce servizi avanzati a SME, piccole e medie imprese). Tra l'altro con il Grid non c'entra nulla, informati prima di sprecare il tuo tempo!
      • alieno scrive:
        Re: e il grid?
        - Scritto da: escherian
        Sicilia? Mai sentito, ma sicuramente ci puo'
        essere.infatti c'è...

        Per quanto riguarda la cacatina di mosca, mi sa
        che ti sbagli
        :-)
        Ricordi Davide e Golia? O eri impegnato a
        prendere le
        mosche?

        Powua e' un servizio utile e soprattutto gratuito
        per i piccoli utenti (la societa' fornisce
        servizi avanzati a SME, piccole e medie imprese).
        Tra l'altro con il Grid non c'entra nulla,
        informati prima di sprecare il tuo
        tempo!guarda proprio perche' con il grid non c'entra nulla arrivano i miei dubbi.I cluster sono una cosa molto vecchia (introdotti da IBM inizio anni '60)La grid e' stata introdotta negli anni '90....Se poi capisci la differenza fra grid e cluster allora potrai capire perche' definisco poco + di 100 macchine una cacatina...Il cluster a differenza della grid ti da solo potenza di cpu quindi ha uno scopo molto ma molto limitato... La grid al contrario ti permette di condividere le applicazioni a livello planetario sfruttando le cpu ma non solo...Non ci posso fare niente, se le notizie date come innovative sono di progetti stravecchi.... dove sta l'innovazione scusa?Io a casa ho un cluster di macchine debian dual core, ho 8 namenode con 7 datanode ciascuno, fatti il conto....e ti posso dire che con 100 macchine la potenza di calcolo non è quella di un supercomputer
        • Qfwfq scrive:
          Re: e il grid?

          La grid al contrario ti permette di condividere
          le applicazioni a livello planetario sfruttando
          le cpu ma non
          solo...Non tutte le applicazioni hanno benefici dall'uso in griglia.Se l'algoritmo chiave è parallelizzabile secondo un paradigma di griglia (ad esempio MapReduce) allora hai certi benefici se devi elaborare moli di dati enormi.Molti algoritmi tuttavia non sono parallelizzabili in griglia, oppure lo sono ma meno efficientemente rispetto ad una macchina multiprocessore classica.Insomma, se devi calcolare PageRank o folding di proteine ti può andar bene una grid. Per un calcolo ad elementi finiti non ne fai nulla.
          Io a casa ho un cluster di macchine debian dual
          core, ho 8 namenode con 7 datanode ciascuno,
          fatti il
          conto....A parte il fatto che la terminologia è quella di Hadoop, per cui presumo tu abbia un cluster Hadoop, che per inciso installa qualunque smanettone in 5 minuti, oltre a ciò dicevo... che ce fai?I campi di applicazione di Hadoop e le tecnologie mapreduce correlate sono limitati e comunque interessanti solo per chi ha quantità enormi di dati da processare in batch. Oltre a Google e Yahoo non me ne vengono in mente molti... evidentemente indicizzi per diletto una piccola porzione del web. Sisa, gusti son gusti...
    • Consorzio Cometa scrive:
      Re: e il grid?
      - Scritto da: alieno
      in Sicilia è stata messa su una piattaforma che
      utilizza il Grid Computing e che consta se non
      vado errato di circa 2500 processori e non so
      quanti terabyte di
      dati.
      La potenza di calcolo viene data in affitto
      almeno per quanto ne sapevo io, a qualcosa come
      1 l'ora... non posso confermare, in quanto ho
      letto l'articolo un po' di tempo fa su un
      giornale.si tratta del Consorzio COMETAhttp://www.consorzio-cometa.it/che raggruppa le universita' siciliane e gli osservatori astronomici siciliani dell'Istituto Nazionale di Astrofisica e le sezioni siciliane dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, nonche alcune aziende private.Il Consorzio coordina il progetto PI2S2http://www.pi2s2.it/che prevede la realizzazione di una GRID siciliana, in avanzato stato di completamento (vedasi http://www.pi2s2.it/roc/ per lo stato delle macchine). Per il momento non e' possibile collegarsi a pagamento, ma l'uso dell'infrastruttura e' riservato agli enti consorziati per fini di ricerca scientifica e tecnologica. I numeri sono piu' o meno quelli dati da "alieno" ed i processori sono AMD Opteron 64 dual core.
      • escherian scrive:
        Re: e il grid?
        non e' possibile paragonare i due progetti, per contenuti (Cometa=Grid, Powua=Cluster), provenienza (finanziato pubblicamente uno, privato il secondo) ma soprattutto accesso (Powua e' pubblico, basta iscriversi).Tuttavia c'e' da essere molto contenti che in Italia venga supportata la ricerca scientifica con strumenti di questo tipo (sia un progetto come Cometa che uno come Powua).
  • escherian scrive:
    Bello Bello e Funziona anche su MAC
    Anche su MAC basta:1) Non usare Safari e usare Firefox2) Installare Java 6 per Mac (la Apple non ritiene ancora che i suoi utenti siano pronti per questa "nuovissima" versione e gliela fa scaricare dalla Developer Zone, vedi http://community.java.net/mac/
  • spectator scrive:
    bello bello ma non funziona
    non accetta la registrazione nemmeno se muorialmeno questo dal mio macpiu' che una beta questa al meno dal punto di vista dell'utenza e una pre alfa.
    • escherian scrive:
      Re: bello bello ma non funziona
      Usa Firefox invece che Safari e scaricati Java 6.Buona beta!
      • escherian scrive:
        Re: bello bello ma non funziona
        Riguardo al mancato supporto di Apple per Java 6:http://weblogs.java.net/blog/fabriziogiudici/archive/2007/12/java_6_mac_os_x.htmlhttp://www.javalobby.org/java/forums/t102936.htmle SoyLatte (alternativa fatta dalla community Mac di Java):http://landonf.bikemonkey.org/static/soylatte/spero ti siano utili
        • Anonimo scrive:
          Re: bello bello ma non funziona
          - Scritto da: Ricky
          Mi chiedevo...se e' possibile anche comperare
          POTENZA per scardinare cose protette da
          password...
          :)
          Sarebbe fico usare un cluster per scopi benefici
          come un piede di
          porco.Come è stato scritto in un precedente commento, la potenza di calcolo è tua e ci fai quello che vuoi.
  • quoto scrive:
    sembra divertente
    Ma al momento mi sfugge un possibile utilizzo di tutti questi processori... Qualche idea?
    • Mr.XYZ scrive:
      Re: sembra divertente
      troppe....non le capiresti...e continuerebbero a sfuggirti....
    • MircoM scrive:
      Re: sembra divertente
      qualunque cosa che utilizzi le librerie MPI, ad esempio. http://en.wikipedia.org/wiki/Message_Passing_Interfacecerto un singolo programmillo monothread per convertire DVD in divx di core continuerà ad usarne uno solo, ma direi che il clusterone dell'articolo sia rivolto ad un tipo di utenza con necessità leggermente diverse :)
    • n um scrive:
      Re: sembra divertente
      - Scritto da: quoto
      Ma al momento mi sfugge un possibile utilizzo di
      tutti questi processori...

      Qualche idea?Applicazioni di metodi numerici in simulazioni scientifiche
      • pippo scrive:
        Re: sembra divertente


        Ma al momento mi sfugge un possibile utilizzo di

        tutti questi processori...



        Qualche idea?

        Applicazioni di metodi numerici in simulazioni
        scientificheIn java? E con solo 3 giga di spazio?Mah
        • gianni a scrive:
          Re: sembra divertente
          però è il futuro, i computer saranno sempre più client che per tutte le operazioni si appoggeranno via rete a server, tramite web apps o concetti simili, un esempio su tutti google docsdaltrocanto è la soluzione più intelligente e razionale perchè non ha senso avere tutti 3ghz di potenza di calcolo inutilizzata sul proprio computer, quando ne bastano 300 di ghz ma centralizzati e condivisi tra più utenti che ne usufruiscono al momento del bisogno
          • pippo scrive:
            Re: sembra divertente

            però è il futuro, i computer saranno sempre più
            client che per tutte le operazioni si
            appoggeranno via rete a server, tramite web apps
            o concetti simili, un esempio su tutti google
            docs

            daltrocanto è la soluzione più intelligente e
            razionale perchè non ha senso avere tutti 3ghz di
            potenza di calcolo inutilizzata sul proprio
            computer, quando ne bastano 300 di ghz ma
            centralizzati e condivisi tra più utenti che ne
            usufruiscono al momento del
            bisognoSento puzza di as400 :@
          • escherian scrive:
            Re: sembra divertente
            Io sento puzza di Troll, ma tant'e'...Powua non c'entra nulla con AS400, infatti qui si parla di commodity cluster, cioe' un super computer composto di singole macchine.
        • escherian scrive:
          Re: sembra divertente
          No pippo, puoi fare "solo" quello che puoi fare con ogni Linux e ci sono sempre piu' persone che lo fanno...In pratica se un utente vuole installare un'applicazione libera aggiuntiva non fa altro che richiederla e di norma viene installata.Piu' personalizzabile di cosi'!ciao
          • pippo scrive:
            Re: sembra divertente

            No pippo, puoi fare "solo" quello che puoi fare
            con ogni Linux e ci sono sempre piu' persone che
            lo
            fanno...
            In pratica se un utente vuole installare
            un'applicazione libera aggiuntiva non fa altro
            che richiederla e di norma viene
            installata.
            Scusa, ma dall'articolo non si capiva molto bene...Grazie ;)
        • Anonimo scrive:
          Re: sembra divertente

          Quindi puoi fare solo quello che ti passa il
          convento.No. Nel tempo di prenotazione la macchina è virtualmente tua e ci puoi fare quello che vuoi.Non hai accesso a root ma puoi compilare quello che ti pare (GCC3/4)Se una applicazione è libera ed è disponibile nei repository Debian puoi chiedere di fartela installare dagli admin.
          • pippo scrive:
            Re: sembra divertente


            Quindi puoi fare solo quello che ti passa il

            convento.

            No. Nel tempo di prenotazione la macchina è
            virtualmente tua e ci puoi fare quello che
            vuoi.

            Non hai accesso a root ma puoi compilare quello
            che ti pare
            (GCC3/4)

            Se una applicazione è libera ed è disponibile nei
            repository Debian puoi chiedere di fartela
            installare dagli
            admin.Finalmente è chiaro, grazie ;)
    • Troll scrive:
      Re: sembra divertente
      - Scritto da: quoto
      Ma al momento mi sfugge un possibile utilizzo di
      tutti questi processori...

      Qualche idea?Ci fai girare Vista :D
      • DuraCell scrive:
        Re: sembra divertente
        - Scritto da: Troll
        - Scritto da: quoto

        Ma al momento mi sfugge un possibile utilizzo di

        tutti questi processori...



        Qualche idea?

        Ci fai girare Vista :D... eh tu mi sa fai girare BEN ALTRO ... O)
Chiudi i commenti