MGM ruggisce con Google

L'accordo prevede la possibilità di affittare, a mezzo YouTube e Google Play, oltre 600 film della major

Roma – Dopo l’accordo stipulato con Paramount Pictures, Google ha appena stretto un’altra importante parthnership con l’ennesima major: Metro Goldwyn Mayer (MGM). Grazie all’accordo si potranno noleggiare sui dispositivi Android circa 600 film della famosa casa di produzione direttamente da Google Play e YouTube.

Con i suoi 4.100 titoli, gli studios del leone ruggente contano una sterminata cineteca . Tra i film che si potranno affittare su Google Play e YouTube ci sono grandi classici come “Rain Man”, “Thelma e Louise”, “Rocky”, “Terminator” e “Robocop”. I costi varieranno tra 1,50 e i 3 euro.

Non è ancora chiaro se l’accordo prevede l’inserimento anche dei film recenti di MGM, ma Google ha annunciato che “nelle prossime settimane” aggiungerà ulteriori titoli al catalogo.

Ora, l’ultima grande major con cui BigG non ha ancora fatto affari rimane Fox, che però, almeno per il momento, non sembra interessata all’iniziativa. E nel frattempo si diffondono voci di corridoio che vedrebbero Google non solo noleggiare film, ma anche venderli.

Gabriella Tesoro

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Vindicator scrive:
    Alcune precisazioni...
    Il contendere non è sul linguaggio in sè.Il brevetto preciso che Oracle sta impugnando ha a che fare con (e cito):"A method in a data processing system for statically initializing an array, segue mucchio di yaddayaddanerdico"Non è il linguaggio! Nessuno sta dicendo che scrivereString[] myString = null;sia brevettabile, nemmeno if-then-else, try-catch, for, etc...Negli USA un linguaggio di programmazione <u
    non è brevettabile </u
    , il claim di Oracle è che Google, per la sua Dalvik VM, sta usando le API (o header file se preferite) originali di Sun, ad esempio per creare il bytecode che inizializza l'array di prima.Ripeto, Oracle non chiede i danni per l'utilizzo del linguaggio Java, chiede i danni per una serie di API originarie da Sun.A mio avviso questa è solo l'ennesima prova che il meccanismo attuale di patenting è profondamente fallato e non al passo con i tempi, come uscito su un articolo di Groklaw tempo fa: "il patent trolling è diventato il più grande freno all'innovazione", infatti appena un prodotto prende piede i nemici, forti di tanti soldi e avvocati strapagati, ci si lanciano contro per liquidarlo.Non sarei così naive da asserire che non ci debbano essere copyright, ma è necessario rivedere il proXXXXX di patenting.
  • Vindicator scrive:
    Alcune precisazioni...
    Il contendere non è sul linguaggio in sè.Il brevetto preciso che Oracle sta impugnando ha a che fare con (e cito):"A method in a data processing system for statically initializing an array, segue mucchio di yaddayaddanerdico"Non è il linguaggio! Nessuno sta dicendo che scrivereString[] myString = null;sia brevettabile, nemmeno if-then-else, try-catch, for, etc...Negli USA un linguaggio di programmazione <u
    non è brevettabile </u
    , il claim di Oracle è che Google, per la sua Dalvik VM, sta usando le API (o header file se preferite) originali di Sun, ad esempio per creare il bytecode che inizializza l'array di prima.Ripeto, Oracle non chiede i danni per l'utilizzo del linguaggio Java, chiede i danni per una serie di API originarie da Sun.A mio avviso questa è solo l'ennesima prova che il meccanismo attuale di patenting è profondamente fallato e non al passo con i tempi, come uscito su un articolo di Groklaw tempo fa: "il patent trolling è diventato il più grande freno all'innovazione", infatti appena un prodotto prende piede i nemici, forti di tanti soldi e avvocati strapagati, ci si lanciano contro per liquidarlo.Non sarei così naive da asserire che non ci debbano essere copyright, ma è necessario rivedere il proXXXXX di patenting.
    • bubba scrive:
      Re: Alcune precisazioni...
      - Scritto da: Vindicator
      Il contendere non è sul linguaggio in sè.
      Il brevetto preciso che Oracle sta impugnando ha
      a che fare con (e
      cito):
      "A method in a data processing system for
      statically initializing an array, segue mucchio
      di
      yaddayaddanerdico"

      Non è il linguaggio! Nessuno sta dicendo che
      scrivere
      String[] myString = null;
      sia brevettabile, nemmeno if-then-else,
      try-catch, for,
      etc...
      Negli USA un linguaggio di programmazione
      <u
      non è brevettabile </u
      , il
      claim di Oracle è che Google, per la sua Dalvik
      VM, sta usando le API (o header file se
      preferite) originali di Sun, ad esempio per
      creare il bytecode che inizializza l'array di
      prima.
      Ripeto, Oracle non chiede i danni per l'utilizzo
      del linguaggio Java, chiede i danni per una serie
      di API originarie da
      Sun.

      A mio avviso questa è solo l'ennesima prova che
      il meccanismo attuale di patenting è
      profondamente fallato e non al passo con i tempi,
      come uscito su un articolo di Groklaw tempo fa:
      "il patent trolling è diventato il più grande
      freno all'innovazione", infatti appena un
      prodotto prende piede i nemici, forti di tanti
      soldi e avvocati strapagati, ci si lanciano
      contro per
      liquidarlo.
      Non sarei così naive da asserire che non ci
      debbano essere copyright, ma è necessario
      rivedere il proXXXXX di
      patenting.gia... tantopiu' che Sun (creatrice di java) negli anni e' sempre piu stata open-friendly, tant'e' che ha rilasciato la sua implementazione del compilatore Java e della macchina virtuale (virtual machine) sotto licenza GPL.. per dire. Quindi guerre di brevetti sulla superXXXXXra con scappellamento a sinistra non erano previste all'orizzonte.Ironia finale della sorte.. SUN e' "nata" alla stanford university, la stessa che ha "generato" google..
      • Vindicator scrive:
        Re: Alcune precisazioni...
        - Scritto da: bubba
        Sun (creatrice di java)
        negli anni e' sempre piu stata open-friendly,
        tant'e' che ha rilasciato la sua implementazione
        del compilatore Java e della macchina virtuale
        (virtual machine) sotto licenza GPL.. per dire.
        Quindi guerre di brevetti sulla superXXXXXra con
        scappellamento a sinistra non erano previste
        all'orizzonte.Mica tanto vero, nel '97 Sun Microsystems citò (e vinse) in giudizio Microsoft per aver implementato la sua personale estensione di Java, ovviamente seguendo la solita filosofia Embrace/Extend/Extinguish.Alla fine Microsoft perse la causa e dovette rimuovere tutte le sue implementazioni estese della JavaVM.
  • collione scrive:
    bah
    notare che adesso si discute di "The copyright element of the case now hinges on whether it is possible to claim copyright on a language's associated APIs"cioè il copyright sul linguaggio javaonestamente non vedo come possano pretendere una cosa del generejava copia moltissimi costrutti da c++, che facciamo quindi? Stroustrup chiederà i danni ad oracle?
  • collione scrive:
    bah
    notare che adesso si discute di "The copyright element of the case now hinges on whether it is possible to claim copyright on a language's associated APIs"cioè il copyright sul linguaggio javaonestamente non vedo come possano pretendere una cosa del generejava copia moltissimi costrutti da c++, che facciamo quindi? Stroustrup chiederà i danni ad oracle?
    • colan scrive:
      Re: bah
      se è per questo i linguaggi si assomigliano tutti.... stavo studiando un po' di object-c... mi sono ritrovato pari pari il costrutto try catch di java (chi lo ha implementato prima??)D'altra parte c# a preso un po a destra e a manca.Non credo sia questo l'oggetto del contendere... Se avessero "creato" un nuovo linguaggio chiamandolo J# forse avrebbero avuto meno problemi, ma magari nemmeno lo stesso sucXXXXX...
      • collione scrive:
        Re: bah
        - Scritto da: colan
        se è per questo i linguaggi si assomigliano
        tutti.... stavo studiando un po' di object-c...
        mi sono ritrovato pari pari il costrutto try
        catch di java (chi lo ha implementato
        prima??)objective-c è più vecchio di java
        Non credo sia questo l'oggetto del contendere... purtroppo per oracle è proprio questoloro vogliono far pagare google perchè i linguaggi sono soggetti a copyright secondo loro
        • Paolo scrive:
          Re: bah
          - Scritto da: collione
          purtroppo per oracle è proprio questo

          loro vogliono far pagare google perchè i
          linguaggi sono soggetti a copyright secondo loroInfatti. Ma a questo punto praticamente TUTTI i linguaggi moderni sarebbero un "derivative work" del C. :D
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: bah
          contenuto non disponibile
      • p4bl0 scrive:
        Re: bah
        - Scritto da: colan
        Se avessero "creato" un nuovo linguaggio
        chiamandolo J# forse avrebbero avuto meno
        problemi, ma magari nemmeno lo stesso
        sucXXXXX...esiste, da quello che ho visto da un'occhiata è java ma che si appoggia al fw .net, e non se lo caga nessuno
Chiudi i commenti