Microsoft, de profundis per gli smartphone

Redmond taglia ancora sul business degli smartphone, perlomeno sui suoi dipendenti. L'acquisizione di Nokia è costata miliardi
Redmond taglia ancora sul business degli smartphone, perlomeno sui suoi dipendenti. L'acquisizione di Nokia è costata miliardi

A poca distanza dalla dismissione della divisione feature phone a vantaggio dei finlandesi di HMD, Microsoft torna a usare la mannaia sul proprio business mobile con l’allontanamento di svariate centinaia di lavoratori a favore di una “ottimizzazione” del comparto. Per quel poco che ancora ne rimane in carico a Redmond.

Il CEO Satya Nadella ha spiegato che la nuova operazione serve a focalizzare gli sforzi dell’azienda sui mercati – enterprise e in parte consumer – dove può far valere il suo patrimonio di esperienze in materia di sicurezza, gestione dei dispositivi e della convergenza offerta da una funzionalità come Continuum.

Microsoft manderà a casa altri 1.850 lavoratori precedentemente impiegati nel reparto smartphone, un colpo che si farà sentire soprattutto nella divisione finlandese della corporation. Il valore economico (in perdita) dell’operazione Nokia è stimato in 950 milioni di dollari.

A conti fatti, delle decine di migliaia di impiegati Nokia inglobati assieme all’ex-colosso non rimane ora che una piccola frazione, e l’esperimento di “ritorno al mobile” avviato dall’ex-CEO di Microsoft Steve Ballmer ha portato alla distruzione di un’azienda (Nokia, appunto) e allo sperpero di quasi otto miliardi di dollari .

Il futuro di Windows in versione “telefonino”? Per Windows 10 Mobile non si profilano buone prospettive, almeno stando agli ultimi dati forniti dagli analisti sullo stato del mercato : nei primi tre mesi dell’anno, il market share di WM/WP è sceso allo 0,7 per cento dal 2,5 per cento del 2015, un risultato impietoso migliore solo di BlackBerry (0,2 per cento).

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

25 05 2016
Link copiato negli appunti