Microsoft denuda altre parti di Windows

Microsoft procede nell'iniziativa tesa a svelare informazioni e parti del codice di Windows necessarie ai propri concorrenti per creare applicazioni più ottimizzate e maggiormente integrate con Windows


Redmond (USA) – Come parte dell’ accordo pattuito con il Dipartimento di Giustizia (DoJ) e 9 dei 18 stati stati americani che sono parte in causa nel processo antitrust, Microsoft sta rivelando, mattoncino dopo mattoncino, alcune informazioni tecniche su Windows che, per i suoi concorrenti, potrebbero rivelarsi assai preziose per poter concorrere ad armi pari, o quasi, con il gigante di Redmond.

Queste informazioni, che Microsoft aveva fino ad oggi gelosamente custodito, sono state pubblicate sul sito Microsoft Developer Network (MSDN) sotto forma di documentazione e parti di codice, e riguardano oltre 270 API (Application Programming Interface) utilizzate dal software middleware (come il Windows Media Player, Internet Explorer, Outlook Express o MSN Messenger) per interagire con il sistema operativo e sfruttarne a fondo le funzionalità. Le API sono quella parte del sistema operativo che fa da interfaccia fra l’hardware di sistema e il software applicativo

Molti produttori di software, in passato, hanno accusato Microsoft di utilizzare alcune API non documentate di Windows per rendere i propri software più performanti rispetto a quelli della concorrenza. Il Dipartimento di Giustizia ha effettivamente riconosciuto la possibilità che, celando le informazioni riguardanti le interfacce di Windows, Microsoft possa godere di un importante vantaggio rispetto alle società rivali. Di conseguenza, nell’accordo con il DoJ – la cui approvazione o il cui rigetto verrà stabilito il prossimo novembre – Microsoft ha suo malgrado dovuto accettare di rivelare pubblicamente tutte le API di Windows che possano servire alle terze parti per scrivere software in grado di integrarsi al meglio con Windows e sfruttarne a fondo le caratteristiche.

L’iniziativa verrà affiancata a breve dal rilascio di un kit di sviluppo, detto Platform SDK , che consentirà agli sviluppatori di utilizzare con più facilità, all’interno delle proprie applicazioni, le interfacce di programmazione svelate da Microsoft.

A questa mossa seguirà, come si è riportato di recente , il rilascio (atteso a giorni) di un service pack per Windows XP che renderà finalmente possibile, sia per gli OEM che per gli utenti, la trasparente sostituzione dei prodotti middleware integrati in Windows (browser, media player, client di posta elettronica e software di instant messaging) con quelli prodotti da terze parti.

Lo scorso 5 agosto Microsoft documentò anche 113 protocolli di comunicazione utilizzati in Windows per il trasferimento di dati fra client e server. A differenza delle API, che sono libere da royalty, la licenza per l’uso di questi protocolli ha un costo.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Passiamo a OGG
    E Thomson, Fraunhofer e Kartoffeln a nanna.
  • Anonimo scrive:
    Re: "Il male degli italiani è l'ignorantità !"
    - Scritto da: Marco Radossevich
    (frase tratta da "Il Bi e il Ba" di M.
    Nichetti, con N. Frassica)
    Studiate, giovani. Studiate...A mio avviso dovrebbero modificare le leggi attuali in tema di copyright. La proprietà del software non dovrebbe scaturire provvedimenti retroattivi ed il programma acquistato(almeno la copia) dovrebbe divenire proprietà totale dell'acquirente. Fin che non faranno queste modifiche IMHO i produttori di software a pagamento con le loro assurde declinazioni di responsabilità per eventuali danni rimarranno moralmente dannosi per la società.
  • Anonimo scrive:
    WINLAME
    Note that personal and/or commercial use of compiled versions of the LAME encoding enging (including the DLL distributed with winLAME) may require a patent license in some countries. IN some countiesIN alcuni statiin IT FR nn paga royalty quindi legale (compressione decompressione tramite GPL)Stabilito questo si potrebbe aprire causa alla FGHperche uno se gecide di non chiedere diritti prima non puo chiederli neanche DOPO quindi li deve chiedere da subito (o mettere che puo variare le condiziioni di contratto) e qui casinitipo la fine che ha fatto la telekom tedesca sul brevetto di linkdi illegale c'e di tutto:in olanda fumi canne e non ti arrestanoin usa usare il LAMEin italia lo puoi usarein russia puoi decompilare un programmain sud america puoi bucare pc a josatutto sta dove ti trovi, che leggi ci sonoe che accrordi internazionali ci sonoP.I.ricordiamoci che siamo in italia e non in usae fino a quando non sfentolera una bandiera americana fuori del pallazzo chigi siamo in italia e in europa non siamo uno stato federale americano (anche se a volte nn cosi)
    • Anonimo scrive:
      Re: WINLAME
      - Scritto da: gngfj
      Note that personal and/or commercial use of
      compiled versions of the LAME encoding
      enging (including the DLL distributed with
      winLAME) may require a patent license in
      some countries.

      IN some counties
      IN alcuni stati

      in IT FR
      nn paga royalty quindi legale (compressione
      decompressione tramite GPL)Mi potresti per favore fornire l'URL del sito di LAME?
      Stabilito questo si potrebbe aprire causa
      alla FGH
      perche uno se gecide di non chiedere diritti
      prima non puo chiederli neanche DOPO quindi
      li deve chiedere da subito (o mettere che
      puo variare le condiziioni di contratto) e
      qui casini
      tipo la fine che ha fatto la telekom tedesca
      sul brevetto di linkCredo che sia più profiqua una causa in ambito UE per via del fatto di richiedere royalties su algoritmi, ma non sono un avvocato e quindi posso sbagliarmi.
      di illegale c'e di tutto:

      in olanda fumi canne e non ti arrestano
      in usa usare il LAME
      in italia lo puoi usare
      in russia puoi decompilare un programma
      in sud america puoi bucare pc a josa
      tutto sta dove ti trovi, che leggi ci sono
      e che accrordi internazionali ci sono

      P.I.
      ricordiamoci che siamo in italia e non in usa
      e fino a quando non sfentolera una bandiera
      americana fuori del pallazzo chigi siamo in
      italia e in europa non siamo uno stato
      federale americano (anche se a volte nn
      cosi)Approvo al 100%.La sudditanza italiana nei confronti degli USA (specialmente da parte del mondo informatico) è tale percui qualunque sentenza di una corte americana viene pedissequamente presa come valida anche nel territorio della Repubblica italiana.Ciao
  • Anonimo scrive:
    Unisys provo' la stessa cosa col formato gif..
    ..e sappiamo tutti come ando' a finire.. usci' il png (anche se poi in rete non si e' davvero imposto, piu' che altro perche' soppiantato da un codec a perdita come il jpg che svolgeva meglio il lavoro di compressione ).Ora che e' uscito Vorbis 1.0 -che qualitativamente parlando da' la birra a tutti i codec in circolazione- FHG e Fraunhofer possono rassegnarsi e riporre i loro piani di dominazione del mondo :-)
  • Anonimo scrive:
    Lavorando in Fraunhofer
    Per questo non mi uccidete, ma vorrei chiarire una cosa.Prima di tutto voglio dire (per evitare equivoci) che anch´io sono per open source, ma come tutti voi sapete questo si basa su comunitá di sviluppatori, ecc..Il Fraunhofer non é una comunitá di sviluppatori , o meglio é una societá con tanto di dipendenti (anche se la maggior parte sono studenti universitari) che percepiscono un regolare stipendio ogni mese, con un´organizzazione non indifferente (il Fraunhofer conta 60.000 collaboratori) una buracrazia, ecc..Insomma é una societá e come tale ha bisogno di introiti per poter continuare a finanziare le ricerche. Percui non mi stupisco piú di tanto se adesso fanno pagare la tecnologia che hanno sviluppato, anzi se questa tecnologia la avesse sviluppata un´altro ente privato avrebbe poi reso questa pubblica gratuitamente?
    • Anonimo scrive:
      Re: Lavorando in Fraunhofer

      finanziare le ricerche. Percui non mi
      stupisco piú di tanto se adesso fanno pagare
      la tecnologia che hanno sviluppato, anzi se
      questa tecnologia la avesse sviluppata
      un´altro ente privato avrebbe poi reso
      questa pubblica gratuitamente?Se volevano far pagare la codifica e decodifica dell'mp3 dovevano farlo fin da subito, non lasciare il decoder gratuito in modo che si diffondesse bene il formato, e dopo renderlo a pagamento.Mi sembra un atteggiamento scorretto da parte di Fraunhofer e Thomson...
    • Anonimo scrive:
      Re: Lavorando in Fraunhofer
      SI 1interessati lo volete ?GPL sul prodotto finito !spiacente :-)NN spiego da dove viene MP3 troppo incredibile
  • Anonimo scrive:
    Active Network Flat
    Sconsiglio a chiunque questa flat.leggete bene il contratto, leggete le faq e fate un calcolo delle ore che potete stare collegati e scollegati...
    • Anonimo scrive:
      Re: Active Network Flat
      - Scritto da: HYFC
      Sconsiglio a chiunque questa flat.

      leggete bene il contratto, leggete le faq e
      fate un calcolo delle ore che potete stare
      collegati e scollegati...Hanno messo delle royalties su questa flat?Proponi una flat alternativa open source? ^_____^Che c'entra????
  • Anonimo scrive:
    Re: "Il male degli italiani è l'ignorantità !"

    Partiamo dall'MP3.
    Questo è un formato APERTO, cioè le
    specifiche e il funzionamento sono di
    pubblico dominio.
    Il problema è che la Thompson ne ha
    acquistato i diritti, quindi è libera di
    chiederci le royalities.
    Il progetto LAME *non* è illegale nei
    confronti dei brevetti (infatti non vengono
    distribuiti i binari sul sito), casomai nei
    confronti della licenza (la GPL).sì, definire CHIUSO l'mp3 è sbagliato. è imho meglio definirlo PROPRIETARIO.Lame non è illegale negli usa?per il resto sono d'accordo.
    • Anonimo scrive:
      Re: "Il male degli italiani è l'ignorantità !"

      sì, definire CHIUSO l'mp3 è sbagliato. è
      imho meglio definirlo PROPRIETARIO.
      Lame non è illegale negli usa?Come detto dal post iniziale, Lame è solo source code. Il binario è illegale. E infatti non si può scaricare dal sito di Lame!!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: "Il male degli italiani è l'ignorantità !"
        e allora... che ce ne fregaaa, che ce ne 'mportaaaa..."may the source be with you"- Scritto da: Ekleptical

        sì, definire CHIUSO l'mp3 è sbagliato. è

        imho meglio definirlo PROPRIETARIO.

        Lame non è illegale negli usa?

        Come detto dal post iniziale, Lame è solo
        source code. Il binario è illegale. E
        infatti non si può scaricare dal sito di
        Lame!!!!
  • Anonimo scrive:
    vorrei capire una cosa...
    ...dato che AFAIK nell'UE non sono ammessi i brevetti sugli algoritmi, non potrebbe continuare ad essere ugualmente legale sviluppare e distribuire enc/decoder all'interno dell'Unione senza pagare royalties?scusate la banalità della domanda, ma se il brevetto viene concesso negli USA non vedo perché l'UE debba essere *costretta* a riconoscerlo, dato che non lo concederebbe mai! non lo dico per fare l'antiamericano, mi è semplicemente sorto il dubbio.graziegodzilla
    • Anonimo scrive:
      Re: vorrei capire una cosa...
      - Scritto da: godzilla
      ...dato che AFAIK nell'UE non sono ammessi i
      brevetti sugli algoritmi, non potrebbe
      continuare ad essere ugualmente legale
      sviluppare e distribuire enc/decoder
      all'interno dell'Unione senza pagare
      royalties?No, perchè il brevetto E' concesso anche nell'unione europea, Italia inclusa! :Phttp://www.mp3licensing.com/patents/index.html
      scusate la banalità della domanda, ma se il
      brevetto viene concesso negli USA non vedo
      perché l'UE debba essere *costretta* a
      riconoscerlo, dato che non lo concederebbe
      mai!Invece l'ha fatto, sei arrivato tardi! :)(E la Franunhofer è tedesca!)
      • Anonimo scrive:
        Re: vorrei capire una cosa...
        ma allora i brevetti sugli algoritmi nell'UE sono legali, o no? perché finora ho sempre sentito dire che non sono ammessi???ciao e graziegodz
        • Anonimo scrive:
          Re: vorrei capire una cosa...
          manca che brevettino la trasformata di Fourier e siamo a posto....che schifo
        • Anonimo scrive:
          Re: vorrei capire una cosa...
          - Scritto da: godzilla
          ma allora i brevetti sugli algoritmi nell'UE
          sono legali, o no? perché finora ho sempre
          sentito dire che non sono ammessi???Beh, non è detto che quelli di Fraunhofer-Thomson siano brevetti software! Anzi! Probabilmente NON lo sono!Avranno brevettato una serie di tecniche matematiche per trattare uno stream audio digitale e ridurne le dimensioni.Che si possano poi applicare al software e un'altra questione! Sono applicabili anche ad altri campi, come ad esempio i chip custom con mp3 integrato che si usano nei walkman e nelle autoradio.In due parole, non hanno brevettato un listato in C, ma una tecnologia che può avere diversi usi, fra cui l'implementazione di player software.Quello che non è ammesso al momento (e si spera per sempre) in UE è un brevetto software-only, come ad es. brevettare una nuova iinterfaccia, nuove funzionalità per un programma, ecc...Sono due questioni diverse!
          • Anonimo scrive:
            Re: vorrei capire una cosa...

            Avranno brevettato una serie di tecniche
            matematiche per trattare uno stream audio
            digitale e ridurne le dimensioni.Mi auto rettifico subito, perchè mi è appena venuto in mente che le tecniche matematiche (come le FFT) NON sono brevettabili! :DPerò lo sono i vari passaggi, filtri, controfiltri e menate varie che portano all'mp3! Quella è una tecnologia!
          • Anonimo scrive:
            Re: vorrei capire una cosa...
            - Scritto da: Ekleptical
            - Scritto da: godzilla

            ma allora i brevetti sugli algoritmi
            nell'UE

            sono legali, o no? perché finora ho sempre

            sentito dire che non sono ammessi???

            Beh, non è detto che quelli di
            Fraunhofer-Thomson siano brevetti software!
            Anzi! Probabilmente NON lo sono!
            Avranno brevettato una serie di tecniche
            matematiche per trattare uno stream audio
            digitale e ridurne le dimensioni.ma infatti io *non* ho parlato di brevetti software: ho parlato di brevetti sugli algoritmi (di cui tu hai dato pure una buona definizione qui sopra). il fatto che si possa brevettare un algoritmo è molto più generale del poter brevettare del codice, che non è altro che una /implementazione/ dell'algoritmo stesso.
            Che si possano poi applicare al software e
            un'altra questione! Sono applicabili anche
            ad altri campi, come ad esempio i chip
            custom con mp3 integrato che si usano nei
            walkman e nelle autoradio.

            In due parole, non hanno brevettato un
            listato in C, ma una tecnologia che può
            avere diversi usi, fra cui l'implementazione
            di player software.

            Quello che non è ammesso al momento (e si
            spera per sempre) in UE è un brevetto
            software-only, come ad es. brevettare una
            nuova iinterfaccia, nuove funzionalità per
            un programma, ecc...invece questo è molto meno problematico che brevettare l'idea che sta alla base di quella interfaccia (ovverosia l'algoritmo), non trovi? tutti siamo in grado di disegnare una GUI con un RAD, pochi sono in grado di scriverla a mano in C!
            Sono due questioni diverse!appunto! basta conoscerle e stabilirne il peso. per me, ti ripeto, è molto più grave che si possa brevettare il banalissimo algoritmo alla base di tutte le operazioni di XOR (cosa già successa e per cui sono in corso cause millenarie) piuttosto che un codice che lo implementa...ciaogodz
          • Anonimo scrive:
            Re: vorrei capire una cosa...

            invece questo è molto meno problematico che
            brevettare l'idea che sta alla base di
            quella interfaccia (ovverosia l'algoritmo),
            non trovi? tutti siamo in grado di disegnare
            una GUI con un RAD, pochi sono in grado di
            scriverla a mano in C!Appunto per quello esistono i brevetti!!!Per proteggere le idee, il lavoro e la creatività delle persone!Mica la gente lavora per la gloria!!! Chi inventa una cosa avrà il diritto di sfruttare la sua creazione, no?La civiltà industriale occidentale esiste SOLO grazie ai brevetti!
          • Anonimo scrive:
            Re: vorrei capire una cosa...
            Dici?La legislazione dei brevetti e' marcia fino al midollo ormai. Esistono societa' il cui unico scopo e' denunciare gli altri per violazione di brevetti.Quale apporto tecnologico porta al mondo gente del genere?
  • Anonimo scrive:
    Io non vedo il problema...
    Ottima cosa in ogni caso passare a uno standard aperto. Ma, voglio dire... ci sarebbero problemi se decoders e lettori mp3 non avessero ancora raggiunto piena maturita'... forse ciascuno di noi non ha un player e un decoder mp3? basta tenerci quello, come possono farci pagare cio' che abbiamo gia'? E poi, voglio di'... siamo sinceri... ammettendo anke che siano a pagamento... di tutti i software che abbiamo sul PC, compresi quelli a pagamento... quanti li abbiamo pagati??? Bah, bah, bah...
    • Anonimo scrive:
      Re: Io non vedo il problema...

      abbiamo gia'? E poi, voglio di'... siamo
      sinceri... ammettendo anke che siano a
      pagamento... di tutti i software che abbiamo
      sul PC, compresi quelli a pagamento...
      quanti li abbiamo pagati??? Bah, bah, bah...proprio un bel ragionamento, complimentoni.ma perche` metti slack nella firma?
    • Anonimo scrive:
      Re: Io non vedo il problema...

      E poi, voglio di'... siamo
      sinceri... ammettendo anke che siano a
      pagamento... di tutti i software che abbiamo
      sul PC, compresi quelli a pagamento...
      quanti li abbiamo pagati??? Bah, bah, bah...Infatti il problema non è tanto per Windows, quanto per Linux! Lì il software pirata non è ben visto nè dagli sviluppatori, nè tantomeno dagli utenti finali (che si "vantano" della libertà del loro sistema)!In parole povere, se nessuno inizia a sganciare grana a Thomson, su Linux non ci saranno player (legali) di mp3! E non è poco!
      • Anonimo scrive:
        Re: Io non vedo il problema...
        basta passare tutti a ogg, e nel periodo di transizione mi tengo la mia bella libmpg123.so versione non mi ricordo che nessuno puo` impormi di pagare (spero)
      • Anonimo scrive:
        Re: Io non vedo il problema...

        Infatti il problema non è tanto per Windows,
        quanto per Linux! Lì il software pirata non
        è ben visto nè dagli sviluppatori, nè
        tantomeno dagli utenti finaliah, ma bravo... sotto windows non e un problema il software pirata invece, lo possiamo usare tutti senza patemi d'animo...
        • Anonimo scrive:
          Re: Io non vedo il problema...

          ah, ma bravo... sotto windows non e un
          problema il software pirata invece, lo
          possiamo usare tutti senza patemi d'animo...No, la differenza è che sotto Windows i programmi i quattrini in qualche modo li ricavano! Non crederai mica che la Nullsoft lavori da anni aggratis a fornire WinAmp per il bene dell'umanità, vero?Per molti sviluppatori Linux questa è un'eresia, invece!Per inciso gli mp3 sotto Win li suoni anche col MediaPlayer, che è gratis e ce l'hai di default! E anche WinAmp continuerà ad essere gratis! Il ricavo ce l'hanno da altre parti!Non credo si dovrà mai pagare un player per Windows! (almeno non i nomi famosi, ma alla fine sono dei player audio, mica 'sti grandi software! basta che ne sopravvivano un paio!)
          • Anonimo scrive:
            Re: Io non vedo il problema...
            scusa, ma guarda che 0,75$ per decoder (ovvero, se non erro, per download) non sono pochini! secondo te la nullsoft dove li prende i soldi per coprirne, diciamo, un paio di milioni? anzi, mi spieghi per piacere dove li prende adesso, i soldi? pubblicità? su winamp.com non ho mai visto molti banner: certo, se chi lo ha messo può pagare milioni di dollari... beato lui!ciaogodz
          • Anonimo scrive:
            Re: Io non vedo il problema...
            - Scritto da: godzilla
            scusa, ma guarda che 0,75$ per decoder
            (ovvero, se non erro, per download)Intendi download di WinAmp? Penso di sì.
            non sono
            pochini! secondo te la nullsoft dove li
            prende i soldi per coprirne, diciamo, un
            paio di milioni?Paga la cifra forfettaria di 60.000 dollari, ci risparmia (leggi sul sito uffiicale i costi: http://www.mp3licensing.com/royalty/index.html) e si toglie il problema di torno!
            anzi, mi spieghi per
            piacere dove li prende adesso, i soldi?
            pubblicità? su winamp.com non ho mai visto
            molti banner: certo, se chi lo ha messo può
            pagare milioni di dollari... beato lui!Ah boh? Fa parte del gruppo AOL-Time Warner!!! Chiedilo a loro! Quella è gente con tanti soldi da buttare! :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Io non vedo il problema...
            All'inizio di questa discussione infatti si era perso il punto di vista...slack diceva "chi mi constringe a pagare, tanto ho già una buona scorta di lettori Mp3..."Ma il problema caro slack, non è quello,è che , come tutte le cose, i software si evolvono, non rimangono li, e tu probabilmente sei uno dei primi (e ci sono anch'io) che vuole l'ultima vers.di winamp per il free skinning, un nuovo supporto a qualche strano formato ecc...ecc...Se adesso si mettono a pagare anche le cifre forfettarie come dice Ekleptical, vi ASSICURO che non sono poche per la nullsoft...qualcuno di voi ha la più pallida idea di quanto paghi la pubblicità su banner ? Se non volete leggere il libro di Veen "web design arte & scienza" vi basti pensare questo:Quanti di voi hanno mai fatto click su uno stramaledetto banner?Ecco, sappiate che i $ si danno in base alle volte che il banner viene mostrato, ma sono una piccolissima parte, tutto il resto è...a cottimo!Più gli utenti cliccano più grana prendi.Non sono certo morti di fame, ma non hanno fatto i soldi che hanno pagando cifre astronomiche del genere per "regalare" winamp.Ma il problema non si pone per la nullsoft perchè, in fondo, sono un pò così anche loro, winamp3 sarà gratis ancora per poco...state a vedere, a poi non dite che non ve l'avevo detto.!Gradite repliche educate, non ho voglia di infilarmi in un flame su PI.Saluti
          • Anonimo scrive:
            Meglio informarsi prima di "scrivere"...
            - Scritto da: Ekleptical...
            No, la differenza è che sotto Windows i
            programmi i quattrini in qualche modo li
            ricavano! Non crederai mica che la Nullsoft
            lavori da anni aggratis a fornire WinAmp per
            il bene dell'umanità, vero?
            Per molti sviluppatori Linux questa è
            un'eresia, invece!Si perche' ka RH come fa' a sopravvivere secondo te? Solo con le donazioni? Ma per piacere informati. Linux e' libero non gratuito. Per chiarire:Se io sono un distributore di SW sotto GPL:1) HO L'OBBLIGO DI RENDERE DISPONIBILI I SORGENTI. NON POSSO FAR PAGARE ALCUNO PERCHE' SI POSSA PRELEVARE I SORGENTI.2) NON POSSO (non mi interessa) CONTROLLARE COSA NE FA IL POSSESSORE DEI MIEI SORGENTI.3) SE PER ESEMPIO IL POSSESSORE VUOLE CHE GLI DIA UNA CONSULENZA o CHE GLI COMPILI E O INSTALLI IL SW ALLORA POSSO FARMI PAGARE (ed anche profumatamente).4) SE IL POSSESSORE VUOLE ESSERE DA ME ESSERE ISTRUITO SULL'USO DEL SW POSSO FARMI PAGARE (ed anche caro).5) SE QUALCUNO ANZICHE' PRELEVARE I SORGENTI, MI RICHIEDE CHE GLIELI SPEDISCA COMODAMENTE A CASA (o in ufficio), SU DI UN SUPPORTO ALLORA NUOVAMENTE POSSO FARMI PAGARE. (vedi come e' nato il Progetto GNU di Stall http://www.fsf.org/gnu/thegnuproject.it.html - sezione GNU Emacs)
            Per inciso gli mp3 sotto Win li suoni anche
            col MediaPlayer, che è gratis e ce l'hai di
            default! E anche WinAmp continuerà ad essere
            gratis! Il ricavo ce l'hanno da altre parti!
            Non credo si dovrà mai pagare un player per
            Windows! (almeno non i nomi famosi, ma alla
            fine sono dei player audio, mica 'sti grandi
            software! basta che ne sopravvivano un
            paio!)Windows non e' gratis e' per cui MS IE, MP ed altre utility varie, possono essere prelevate gratuitamente dal sito della MS, ma NON SONO GRATUITE!!! LE PAGANO CHI ACQUISTA LE LICENZE DI MS!!!
          • Anonimo scrive:
            Errata Corrige!!!
            Faccio penitenza, mi inginocchio sui ceci e mi cospargo di cenere il capo:Stall -
            Stallman
          • Anonimo scrive:
            Re: Meglio informarsi prima di "scrivere"...


            Per molti sviluppatori Linux questa è

            un'eresia, invece!

            Si perche' ka RH come fa' a sopravvivere
            secondo te? Solo con le donazioni? Ma per
            piacere informati. Linux e' libero non
            gratuitoGuarda che la GPL me la sono letta e straletta svariate volte!(E fanno fede altri messaggi su questa stessa notizia!).Quello che dicevo io è che sono pochi i software a pagamento per Linux (ho scritto MOLTI sviluppatori, mica TUTTI!)! E ancor meno gli shareware!Il fatto è che se su Linux si vuole un player legale di mp3 questo da ora dovrà essere a pagamento (o pagato da qualcuno). E non è una consuetudine in ambito Linux pagare per UN programma!Personalmente non conosco un solo Linux user che abbia comprato software per il SO! (Aniz, molti non hanno neppure pagato il SO, scaricandosi la Debian! Io la SuSE! ^_^)
          • Anonimo scrive:
            Re: Meglio informarsi prima di "scrivere"...
            - Scritto da: Ekleptical
            Quello che dicevo io è che sono pochi i
            software a pagamento per Linux (ho scritto
            MOLTI sviluppatori, mica TUTTI!)! E ancor
            meno gli shareware!Hai mai sentito parlare di SAP??? O di Me10 o di Solid Works??? O di Kilix??? (Solo per esempio).
            Il fatto è che se su Linux si vuole un
            player legale di mp3 questo da ora dovrà
            essere a pagamento (o pagato da qualcuno). E
            non è una consuetudine in ambito Linux
            pagare per UN programma!
            Personalmente non conosco un solo Linux user
            che abbia comprato software per il SO!
            (Aniz, molti non hanno neppure pagato il SO,
            scaricandosi la Debian! Io la SuSE! ^_^)Ahhh giusto dimenticavo che IBM vende server con su una specie di propria distribuzione Linux...HP lo fa con le workstation grafiche (affiancando quelle HP-UX e win 2k).Guarda che Linux user non e' per forza sinonimo di "smanettone"...QUESTO SOLO PER PUNTUALIZZARE NON AMO LE SOLUZIONI PROPRIETARIE, mentre preferisco quelle quantomeno open-source (MEGLIO FREE ED OPEN SOURCE COME QUELLE LICENZIATE DA GPL).Lavoro come consulente e mi altero assai quando vedo che i miei clienti rimangono sw-dipendenti da un programma proprietario di cui gli autori "chiudono" o "falliscono" o piu' semplicemente "spariscono" (assieme al codice). Cosi' il sottoscritto, quando il sw non si comporta come dovrebbe (QUASI sempre), come tutti quelli nella mia situazione (e sono MOLTI), deve "adulterare l'input" del sw per ottenere i risultati sperati...Se il programma fosse almeno fornito di codice, non dico di riuscirci, ma almeno ci proverei a corregerlo.Mi ricordo che al secondo anno di universita' assieme a molti altri miei compagni/e abbiamo fatto il "porting" di un mud da versione DEC ALPHA a Linux. (Non bastave ricompilare e basta...).Saluti e non te la prendere....
      • Anonimo scrive:
        Re: Io non vedo il problema...

        Infatti il problema non è tanto per Windows,
        quanto per Linux! Lì il software pirata non
        è ben visto nè dagli sviluppatori, nè
        tantomeno dagli utenti finaliah, ma bravo... sotto windows non e un problema il software pirata invece, lo possiamo usare tutti senza patemi d'animo...
    • Anonimo scrive:
      Re: Io non vedo il problema...
      Concordo pienamente.
  • Anonimo scrive:
    ZioBill E' UN PETOMANE
    ha l'intestino a 5 atmosfere, e quando sgancia si sente da 5km
    • Anonimo scrive:
      Re: ZioBill E' UN PETOMANE
      - Scritto da: falsolinucs
      ha l'intestino a 5 atmosfere, e quando
      sgancia si sente da 5kmTu menti.Il mio intestino è normale.Le scoreggine che faccio io sono come quelle di chiunque altro.
      • Anonimo scrive:
        Re: ZioBill E' UN PETOMANE
        Questo messaggio non l'ho scritto ioZioBill- Scritto da: ZioBill


        - Scritto da: falsolinucs

        ha l'intestino a 5 atmosfere, e quando

        sgancia si sente da 5km

        Tu menti.
        Il mio intestino è normale.
        Le scoreggine che faccio io sono come quelle
        di chiunque altro.
        • Anonimo scrive:
          Re: ZioBill E' UN PETOMANE
          infatti stranamente non si leggeva "linux=merda"(sto a scherza... nella discussione sotto pur avendo scritto qualche vaccata sei stato per lo meno civile... incredibile)
  • Anonimo scrive:
    Chiarimento, scusa l'ignoranza
    Ciao a tutti, premetto di non avere mai usato ogg vorbis. Perchè non provare a cominciare ad usare anche il LAME??? Di tanto in tanto mi diletto a creare qualche divx da mettere in share. Per la parte audio, dato che ho due misere casse, lo ho sempre utilizzato come codec mp3 e mi sono sempre trovato bene. Ma mi sorgono dubbi adesso.... Il lame potrebbe essere soggetto a royalty in qualche modo??? Non credo dato che è un progetto open source. Ben venga cmq l'ogg vorbis a questo punto. vorrà dire che proverò a fare qualche divx utilizzando lui come codec audio. Ho controllato un po' in giro e ho visto che la cosa è fattibile senza neanche troppo sbattimento.Saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: Chiarimento, scusa l'ignoranza

      Il lame potrebbe essere soggetto
      a royalty in qualche modo??? Non credo dato
      che è un progetto open source.E questo cosa c'entra? Il fatto che rilasci una cosa gratis non mi consente di non chiedere l'autorizzazione a nessuno!L'encoding di mp3 è DA SEMPRE a pagamento! Il Lame è illegale e piratesco perchè non paga la licenza di utilizzo del brevetto Fraunhofer-Thomson!Cmq faccio notare a tutti che la differenza rispetto a prima (l'encoder che usavate, pirataggi a parte, già pagava dazio) è SOLO per i player! Sarà un problema soprattutto per Linux e per i vari player free, ma per i walkman e le autoradio MP3 non vedo differenza! Soprattuto se l'avete già comprata! :)Per i nuovi lettori, ricordo che la "tassa" non arriva nemmeno a un euro, quindi cmq la differenza di prezzo sarà ridicola, SE ci sarà!Per Winamp e soci si porrà il problema più grosso! Forse WinAmp rimarrà free, vista la popolarità e il ritorno monetario che già ha!Per i progetti OpenSource, invece, beh...chiuderanno bottega o passeranno nell'illegalità!
      • Anonimo scrive:
        Re: Chiarimento, scusa l'ignoranza
        Produci SoftWare ?ovvero : sei un freelance,un consulente o addirittura hai una sw house ?Te lo chiedo x come poni la questione.Grazie
        • Anonimo scrive:
          Re: Chiarimento, scusa l'ignoranza
          - Scritto da: ProducoSw
          Produci SoftWare ?
          ovvero : sei un freelance,un consulente o
          addirittura hai una sw house ?ahem..no, non c'entro niente con la produzione di software, perchè? :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Chiarimento, scusa l'ignoranza

        L'encoding di mp3 è DA SEMPRE a pagamento!
        Il Lame è illegale e piratesco perchè non
        paga la licenza di utilizzo del brevetto
        Fraunhofer-Thomson!Anzi! Andando sul sito ufficiale di Lame non è nemmeno un encoder! E' "ufficialmente" solo una patch sul source code della ISO (International Standards Organization). Sempre "ufficialmente" NON può produrre e encodare mp3! E' solo in formato srogente!Già da questo si vede come l'autore cerca di cavillare e svicolarsi dall'illegalità del suo lavoro! (E diciamo che non vorrei essere nei suoi panni se mai decidessero di fargli causa! ^_^)I binari sono palesemente illegali, invece!O meglio lo sono se chi implementa Lame in un proprio software non paga le roylaties a Thomson! Se lo fa, è tutto a posto! Basta leggere nelal lista di software house che usano Lame: ad es. c'è la Steinberg di Cubase, che cmq HA una licenza da Thomson (vedi link qua sotto)
        Forse WinAmp rimarrà free, vista la
        popolarità e il ritorno monetario che già
        ha!A favore di questa tesi cito la pagina ufficiale di Thomson per il Licensing mp3:http://www.mp3licensing.com/licensees/index.aspNullsoft (la casa del WinAmp) GIA' paga la licenza!!Con tutta probabilità continuerà a rimanere free!(almeno finchè non decidono di cambiare business model, ma è un'altra storia, solo marginalmente legata alla licenza!)
        • Anonimo scrive:
          Re: Chiarimento, scusa l'ignoranza
          - Scritto da: Ekleptical
          Sempre "ufficialmente" NON può produrre e
          encodare mp3! E' solo in formato srogente!
          Già da questo si vede come l'autore cerca di
          cavillare e svicolarsi dall'illegalità del
          suo lavoro! (E diciamo che non vorrei essere
          nei suoi panni se mai decidessero di fargli
          causa! ^_^)Ne dubito. Ci sono gia` sentenze in merito. Per esempio il DeCSS (o come cavolo si chiama) e` illegale in formato binario ma perfettamente legale in sorgenti.
  • Anonimo scrive:
    Conosco Ogg da...
    ...quasi 2 anni, ovvero da quando scaricai la iso di un abandonware per MegaCd e le tracce sonore erano compresse proprio in Ogg :)Mi ricordo la fatica che feci per recuperare un qualche dannato player adeguato che mi xmettesse pure di scrivere su disco l'output ;)Beh, che dire: benvenuto ad Hollywood, Ogg! :Dciau
  • Anonimo scrive:
    Approposito di cambi di licenza...
    Ovviamente e' uno scandalo, ma, come ho sempre sostenuto, nulla vieta che un bel giorno anche linus o chi per esso rivendichi i diritti su una piccola porzioncina di codice del kernel di linux... e a quel punto come faranno i nostri paladini dell'open source???Non tiratemi fuori ancora la storia della GPL che non attacca: tanto ognuno fa quello che gli pare e lo si vede giorno per giorno.La morale e' che il gratis non paga piu' di tanto e serve solo a diffondere una cosa che, al momento opportuno diventa a pagamento, con buona pace di chi si e' lasciato abbindolare. Pero' e' un ingenuita' che pagheremo tutti, anche chi, come me, e' per il closed software e per i sistemi operativi CHE SI PAGANO.ZioBill***no linux and no open source sw was used to write this post***PS Beh, in fondo, anche linux SI PAGA, pero' in un altro modo...
    • Anonimo scrive:
      Re: Approposito di cambi di licenza...
      - Scritto da: ZioBill
      ***no linux and no open source sw was used
      to write this post***Sei stato morsicato da un pinguino quando eri piccolo? :)))
      PS Beh, in fondo, anche linux SI PAGA, pero'
      in un altro modo...Per esempio? Spiegati meglio...
      • Anonimo scrive:
        Re: Approposito di cambi di licenza...
        - Scritto da: BeRToZ


        - Scritto da: ZioBill


        ***no linux and no open source sw was used

        to write this post***

        Sei stato morsicato da un pinguino quando
        eri piccolo? :)))
        :-))

        PS Beh, in fondo, anche linux SI PAGA,
        pero'

        in un altro modo...

        Per esempio? Spiegati meglio...Beh, le case che fanno le distribuzioni non lo fanno per amore della cultura e del progresso scientifico, ovviamente, ma legano ai servizi di assistenza post-vendita i propri introiti, e ovviamente non potrebbe essere altrimenti.Pero', in modo piu' sottile, mi viene in mente anche che, secondo il modello open source, gli sviluppatori non sono pagati e nemmeno i beta tester (a meno di progetti interni alle case che fanno le distribuzioni), per cui si paga in termini di lavoro 'gratuito', piu' o meno piacevole, piu' o meno entusiastico, pero' lavoro gratis per conto di chi poi ci guadagna 'vendendo' (nei termini di cui sopra) le distribuzioni.E' una cosa un po' articolata, e' un modello di business diverso da quello tradizionale, pero' se non ci fosse una previsione di profitto dietro credi che i colossi IBM, ORACLE, SUN sarebbero saliti su questo carro??Se mi chiedi a questo punto la mia opinione personale, dovrebbe essere chiara dal post precedente, ed e' che e' un modello di business che non funzionera' a medio e lungo termine e ora ne ho gia' i sentori (tra le altre cose, ci sono dei segnali di un preoccupante irrigidimento di RedHat...), ma, ovviamente, ora non c'e' niente di certo ed e' sempre e comunque una mia personale opinione. (prima che i taleban-linux si scaglino ancora una volta contro di me e le *mie* opinioni, giuste o sbagliate che siano...).ZioBill***no flame intended, today***
        • Anonimo scrive:
          Re: Approposito di cambi di licenza...
          - Scritto da: ZioBill

          Beh, le case che fanno le distribuzioni non
          lo fanno per amore della cultura e del
          progresso scientifico, ovviamente, ma legano
          ai servizi di assistenza post-vendita i
          propri introiti, e ovviamente non potrebbe
          essere altrimenti.[snip]Ma no! È possibile che bisogna ripetere le cose decine di volte?È così difficile distinguere?Ti connetti a internet per scaricare linux: paghi *la telefonata*, non *linux*.Tu non paghi windows, paghi *il permesso di usare il s.o.*, e poi paghi anche il supporto (CD) di windows, come in linux paghi il supporto e i tools di installazione/configurazione, ma non *linux* _in_sè_ nè il permesso di usarlo.Per capire meglio, se ho una connessione gratis a internet nell'azienda in cui lavoro, non pago proprio nulla, ma *nulla* per linux. Se dici "pago l'assistenza", l'assistenza non è linux, altrimenti avresti detto "pago linux".Quando compri una distro, la paghi 150 sacchi, il che comprende n cd, il reperimento in internet dei programmi (li devi cercare, installare, provare e considerare se inserirli o no) il lavoro di masterizzazione, i tool di config/install, i tool di autoriconoscimento dell'hw, la validazione del funziamento del sistema di installazione dei cd, il trasporto, i manuali, ecc. Tu accusi la gente che fa tutto questo di non fare un cacchio dalla mattina alla sera e vendere il lavoro degli altri!
          E' una cosa un po' articolata, e' un modello
          di business diverso da quello tradizionale,ogni tanto nel mondo cambia qualcosa.serve per l'evoluzione.
          precedente, ed e' che e' un modello di
          business che non funzionera' a medio e lungo
          termineNon so se ti sei fatto una vaga idea dell sw che gira sotto linux: ti assicuro che non potrei tornare a windows perché non ci sono programmi e utilities che uso quotidianamente (a volte mi chiedo coma facciano i windosiani che non hanno certi programmi). E secondo te se linux fallisce, tutto questo dove va a finire? Tutti quelli che lo usano se ne stanno con le mani in mano? Comprese le aziende (anche grandi) che stanno passando a linux? Compresi i governi di tutto il mondo?Perché la MS si dovrebbe preoccupare di un modello di business senza futuro? Anche la MS qualche anno fa diceva che l'opensurs non aveva futuro, ma avrebbe fatto meglio a porre la sua attenzione dove doveva: oggi non è più della stessa idea. E 550 mln di dollari al perù ne sono la prova. BTW, quei 550 mln sono anche i tuoi.Tit.*** questo post è scritto con un browser il cui autore è ben conscio che viene usato senza pagargli nulla. In compenso altri autori gli regalano i tool di sviluppo. Io segnalo i bachi che trovo. A volte traduco dei programmi. Non lo faccio gratis: vengo pagato col sw opensurs ***
          • Anonimo scrive:
            Re: Approposito di cambi di licenza...

            Tit.
            *** questo post è scritto con un browser il
            cui autore è ben conscio che viene usato
            senza pagargli nulla. In compenso altri
            autori gli regalano i tool di sviluppo. Io
            segnalo i bachi che trovo. A volte traduco
            dei programmi. Non lo faccio gratis: vengo
            pagato col sw opensurs ***ZioBill, leggi qua: altro che la tua signature cretina!
          • Anonimo scrive:
            Re: Approposito di cambi di licenza...

            Ma no! È possibile che bisogna ripetere le
            cose decine di volte?
            È così difficile distinguere?
            Ti connetti a internet per scaricare linux:
            paghi *la telefonata*, non *linux*.
            Tu non paghi windows, paghi *il permesso di
            usare il s.o.*, e poi paghi anche il
            supporto (CD) di windows, come in linux
            paghi il supporto e i tools di
            installazione/configurazione, ma non *linux*
            _in_sè_ nè il permesso di usarlo.
            Per capire meglio, se ho una connessione
            gratis a internet nell'azienda in cui
            lavoro, non pago proprio nulla, ma *nulla*
            per linux. Se dici "pago l'assistenza",
            l'assistenza non è linux, altrimenti avresti
            detto "pago linux".
            Quando compri una distro, la paghi 150
            sacchi, il che comprende n cd, il
            reperimento in internet dei programmi (li
            devi cercare, installare, provare e
            considerare se inserirli o no) il lavoro di
            masterizzazione, i tool di config/install, i
            tool di autoriconoscimento dell'hw, la
            validazione del funziamento del sistema di
            installazione dei cd, il trasporto, i
            manuali, ecc. Tu accusi la gente che fa
            tutto questo di non fare un cacchio dalla
            mattina alla sera e vendere il lavoro degli
            altri!potrei capire se questo miracoloso e miracolante software di detecting e installazione facesse il suo dovere... In molti casi gli installer di Linux NON rivelano le periferiche, in altri casi, come per la mia copia di mandrake 8.0 addirittura il SW di detecting mandava in standby la mia ventolina sulla CPU (non chiedermi come ma si femava quando l'installer entrava in second stage install). Insomma ormai le distro di Linux costano quando un SO commerciale, basta guardare SuSe che nella versione per imprese costa + di windows xp! Ammazza quanto costa il packaging e un programma di setup ad uno che fa tutto il resto del lavoro (quale? le distro mettono insieme dei programmi su cui non hanno alcun diritto) gratis! Inoltre il costo c'è anche se il SW fosse gratis: il tempo di configurazione! Non so dove vivi ma io quando mi devo reinstallare e riconfigurare Linux lo devo fare nel tempo libero e mi rode assai stare delle ore a smanettare con gli script di configurazione e a capire dove con la nuova distribuzione di questo o quel produttore sia andato a finire uno script che devo modoficare! Il tempo è denaro e questo vale per tutti. Tranne che per pochi idioti miopi che continuano a non vedere la necessità di mettere una bella dicitura sulla GPL:* PUOI FARE TUTTO QUELLO CHE VUOI COL SW E CON IL SORGENTE A PATTO CHE TU NON TRAGGA GUADAGNO PERSONALE DALL'USO O DAL SUPPORTO TECNICO DEL SOFTWARE SUDDETTO A SCOPO DI LUCRO *Non lo faranno mai, peché linux avvizzirebbe in poco tempo! E questo spiega anche perché sia uno dei sistemi meno performanti ed user-friendly per il desktop computing (chi pagherebbe l'assistenza se esistesse un SW con l'usablità di Windows o MacOS e la gratuità di Linux?): CHI LO DISTRIBUISCE LO FA CON IPOCRISIA PERCHE' SA CHE NEL GIRO DI UN ANNO HA ACCUMULATO PIU' SOLDI CON L'ASSISTENZA CHE CON LA VENDITA ALLO STESSO PREZZO DI UN SW PROPRIETARIO senza grandi problematiche tecniche o di utilizzo...E voi ancora che ci credete. Ricordate che quando nessuno speculava con Linux esisteva solo il Kernel e poco altro...
          • Anonimo scrive:
            Re: Approposito di cambi di licenza...
            - Scritto da: Z.e.r.o
            * PUOI FARE TUTTO QUELLO CHE VUOI COL SW E
            CON IL SORGENTE A PATTO CHE TU NON TRAGGA
            GUADAGNO PERSONALE DALL'USO O DAL SUPPORTO
            TECNICO DEL SOFTWARE SUDDETTO A SCOPO DI
            LUCRO *
            Ma te la sei mai letta le licenza???????????? Puoi vendere anche i programmi fatti con parti o con interi codifi protetti da gpl, ma se qualcuno ti domanda un giorno i tuoi , i codici del tuo programma fatto interamente/in parte con codice protetto da gpl, sei costretto a darglielo!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Approposito di cambi di licenza...
      Sono le persone come Te che fanno queste operazioni ...da come parli, da quello che dici...dal fatto che non ti sforzi a guardare oltre a quello che leggi...mi porta a dire che Tu sei uno di loro, una di quelle persone che metterebbero diritti anche sull'aria pur di farla pagare e avere soldi...Tu sei uno di quelli che vorrebbe l'acqua tutta per Se e poi, SEMPRE X FARE TANTI SOLDI, la venderebbe a caro prezzo...Comunque grazie, perche' ci dimostri che persone come Te esistono e si vantano pure di essere cosi'.
      • Anonimo scrive:
        Re: Approposito di cambi di licenza...
        Per come trai facilmente le tue conclusioni mi fai sinceramente paura.Non sono certamente io a pensare che bisogna mettere le tasse sull'aria, anzi! Solo che, non so se te ne sei accorto, ma il muro di Berlino e' caduto e il capitalismo selvaggio ha vinto.Credi che ne sia felice io? Sto solo cercando di capire come proveranno ad incularci anche col free software e con la balla dell'open source: se pensi che i CEO di IBM, ORACLE, SUN (e Transmeta... ;-)) ) siano tanto 'meglio' di Bill Gates, allora stai per prendere un grosso granchio. E non vorrei pagarne le conseguenze anche io con te.Nessuno ti 'regala' niente.Tronchetto- Scritto da: LaForge
        Sono le persone come Te che fanno queste
        operazioni ...da come parli, da quello che
        dici...dal fatto che non ti sforzi a
        guardare oltre a quello che leggi...mi porta
        a dire che Tu sei uno di loro, una di quelle
        persone che metterebbero diritti anche
        sull'aria pur di farla pagare e avere
        soldi...Tu sei uno di quelli che vorrebbe
        l'acqua tutta per Se e poi, SEMPRE X FARE
        TANTI SOLDI, la venderebbe a caro prezzo...
        Comunque grazie, perche' ci dimostri che
        persone come Te esistono e si vantano pure
        di essere cosi'.
        • Anonimo scrive:
          Re: Approposito di cambi di licenza...
          - Scritto da: Tronchetto
          Per come trai facilmente le tue conclusioni
          mi fai sinceramente paura.
          Non sono certamente io a pensare che bisogna
          mettere le tasse sull'aria, anzi! Solo che,
          non so se te ne sei accorto, ma il muro di
          Berlino e' caduto e il capitalismo selvaggio
          ha vinto.Chi scrive cosi', al di la' della constatazione vera solo in parte, mi fa' ancora piu' paura.
          Credi che ne sia felice io? Sto solo
          cercando di capire come proveranno ad
          incularci anche col free software e con la
          balla dell'open source: se pensi che i CEO
          di IBM, ORACLE, SUN (e Transmeta... ;-)) )
          siano tanto 'meglio' di Bill Gates, allora
          stai per prendere un grosso granchio. E non
          vorrei pagarne le conseguenze anche io con
          te.Preferisci la "balla" dell' OpenSource o quella del le licenze "OPen" (Vedi la cosiddetta OPen Licence) di M$?Noto con dispiacere che hai moltissima confusione in testa: IBM, ORACLE, SUN NON Rappresentano l'OPEN SOURCE nemmeno di sbieco, l' unico rappresentante e' la COMUNITA' DEGLI SVILUPPATORI, che ha anche la forza di coalizzarsi in associazioni, movmenti organizzati che sebbene non abbiano singolarmente le dimensioni e la forza delle grandi aziende sono intrinsecamente indistruttibili, si rigenerano in continuazione finche' ci sara' abbastanza gente che tiene alla propria liberta'. Questo posso scriverlo perche' E' UN FATTO che le idee e i valori promossi da questi moscerini hanno finito per condizionare profondamente ed indelebilmente anche ralta' imponenti come le grandi aziende commerciali.
          Nessuno ti 'regala' niente.Si ma quelli che parlano come te e' oltremodo giusto che paghino piu' del dovuto, da momento che gli va bene... e' giusto che ci sia qualcuno che ne approfitti.Il punto non e' il "regalare" o il "vendere" ma trovare un sistema per non dover sempre pagare degli spropositi.Quale altro sistema oltre all' OPenSource ci da' un minimo di possibilita' in questo? Quello proposto da M$? Non farmi dubitare della tua salute mentale...
      • Anonimo scrive:
        Re: Approposito di cambi di licenza...
        Beh, e se anche fosse???Devo pur guadagnare il pane anche io, no??? ;-)ZioBill- Scritto da: LaForge
        Sono le persone come Te che fanno queste
        operazioni ...da come parli, da quello che
        dici...dal fatto che non ti sforzi a
        guardare oltre a quello che leggi...mi porta
        a dire che Tu sei uno di loro, una di quelle
        persone che metterebbero diritti anche
        sull'aria pur di farla pagare e avere
        soldi...Tu sei uno di quelli che vorrebbe
        l'acqua tutta per Se e poi, SEMPRE X FARE
        TANTI SOLDI, la venderebbe a caro prezzo...
        Comunque grazie, perche' ci dimostri che
        persone come Te esistono e si vantano pure
        di essere cosi'.
    • Anonimo scrive:
      Re: Approposito di cambi di licenza...
      - Scritto da: ZioBill
      Ovviamente e' uno scandalo, ma, come ho
      sempre sostenuto, nulla vieta che un bel
      giorno anche linus o chi per esso rivendichi
      i diritti su una piccola porzioncina di
      codice del kernel di linux... e a quel punto
      come faranno i nostri paladini dell'open
      source???prenderanno la versione precedente ... esenteda tali royalti e continueranno a sviluppare una versione free
      Non tiratemi fuori ancora la storia della
      GPL che non attacca: tanto ognuno fa quello
      che gli pare e lo si vede giorno per giorno.invece studiati bene il sistema di licenza deiprogrammi, che e' differente da un brevetto .
      La morale e' che il gratis non paga piu' di
      tanto e serve solo a diffondere una cosa
      che,un altro lobotomizzato dalle ditte commerciali
      PS Beh, in fondo, anche linux SI PAGA, pero'
      in un altro modo...anche qui dimostri di non sapere la differenzatra libero e gratuito... nessuno ha mai detto che linux sia gratuito, pero' e' libero .http://www.gnu.org/philosophy/free-sw.html
      • Anonimo scrive:
        Re: Approposito di cambi di licenza...
        - Scritto da: samu


        - Scritto da: ZioBill

        Ovviamente e' uno scandalo, ma, come ho

        sempre sostenuto, nulla vieta che un bel

        giorno anche linus o chi per esso
        rivendichi

        i diritti su una piccola porzioncina di

        codice del kernel di linux... e a quel
        punto

        come faranno i nostri paladini dell'open

        source???

        prenderanno la versione precedente ... esente
        da tali royalti e continueranno a sviluppare
        una versione free
        evvai....e poi sempre cosi' e io che dico all'azienda a cui ho installato linux, che bisogna cambiare ancora???


        Non tiratemi fuori ancora la storia della

        GPL che non attacca: tanto ognuno fa
        quello

        che gli pare e lo si vede giorno per
        giorno.

        invece studiati bene il sistema di licenza
        dei
        programmi, che e' differente da un brevetto .
        Si, questo e' vero, pero' non mi sembra adeguatamente tutelato a livello legale e quindi ognuno fa il cazzo che gli pare.


        La morale e' che il gratis non paga piu'
        di

        tanto e serve solo a diffondere una cosa

        che,

        un altro lobotomizzato dalle ditte
        commerciali Grazie per il rispetto che porti per le opinioni degli altri: mi fai (e mi fate paura) paura. Non piu' di tanto pero'.E comunque, rispondo a tono: 'guarda! Un'altro lobotomizzato dalla balla del free, dell'open e del libero. Non sa che inculata paurosa lo aspetta...


        PS Beh, in fondo, anche linux SI PAGA,
        pero'

        in un altro modo...
        anche qui dimostri di non sapere la
        differenza
        tra libero e gratuito... nessuno ha mai
        detto che linux sia gratuito, pero' e'
        libero .

        http://www.gnu.org/philosophy/free-sw.htmlLIBERTA'?? Perfino Berlusconi e' a capo di un polo delle 'liberta'... allora che cos'e' veramente libero?? Linux che perdera' importanti pezzi che diventeranno commerciali un po' alla volta, oppure chi mi vende, in modo tradizionale, un software che fa quello che dice, piu' o meno, a meno degli inevitabili bug??? Io glielo pago e finita li'. A me non dispiace il modo tradizionale di vendere e comprare il software, anche perche' il mio macellaio mica me la regala la carne, magari facendomi pagare servizi di assistenza post-vendita e hot-line telefonica per sapere come cucinarla.Se sono centinaia di anni che l'uomo esce di casa e va a fare la spesa, non vedo perche' non dovrebbe essere cosi' anche per il software.ZioBill
        • Anonimo scrive:
          Re: Approposito di cambi di licenza...
          - Scritto da: ZioBill
          evvai....e poi sempre cosi' e io che dico
          all'azienda a cui ho installato linux, che
          bisogna cambiare ancora???guarda che non cambi nulla e' sempre lo stesso software solo che invece di passare alla versione successiva di tizio sotto licenza proprietaria usi quella di caio sotto GPL tutto qui.
          Si, questo e' vero, pero' non mi sembra
          adeguatamente tutelato a livello legale e
          quindi ognuno fa il cazzo che gli pare.potresti documentare i casi in cui e' stato fatto "come cazzo gli pare" di software GPL?
          Linux che perdera'
          importanti pezzi che diventeranno
          commerciali un po' alla volta, oppure chi mima chi sei nostradamus? Atteniamoci ai fatti altrimenti io posso dire che tra 5 anni la M$ cerchera' di conquistare il mondo o che tra 6 mesi gli asini voleranno :)
          vende, in modo tradizionale, un software che
          fa quello che dice, piu' o meno, a meno
          degli inevitabili bug??? Io glielo pago e
          finita li'. A me non dispiace il modonessuno lo vieta, e comunque se il modello proposto dal software libero e' perdente non vedo perche' scagliarcisi contro in questa maniera; pensi non possa andare lontano? bene non dargli il tuo appoggio poi chi vivra' vedra'.
          tradizionale di vendere e comprare il
          software, anche perche' il mio macellaio
          mica me la regala la carne, magari facendomi
          pagare servizi di assistenza post-vendita e
          hot-line telefonica per sapere come
          cucinarla.certo la carne non e' copiabile all'infinito a costo zero, quindi il modello tradizionale di distribuzione e' il migliore in questo caso.
          Se sono centinaia di anni che l'uomo esce di
          casa e va a fare la spesa, non vedo perche'
          non dovrebbe essere cosi' anche per il
          software.tralasciando discorsi filosofici che sembrano non interessarti:perche' dall'avvento dei supporti digitali si sono create profonde mutazioni nel sistema; il modello di distribuzione tradizionale non e' il migliore in questo campo, perche' come potrai notare alcuni prodotti possono essere distribuiti e copiati da chiunque a costo zero, e' un utopia arginare questo fenomeno, ci si puo' solo adeguare al nuovo mercato e al nuovo modello di distribuzione; questa ovviamente e' solo la mia idea, vedremo in seguito chi finira' sotto il tavolino :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Approposito di cambi di licenza...
            P.S. se devi postare in ogni argomento (anche se non c'entra nulla) per sparare a zero su GNU/Linux potresti almeno mettere un [OT] nel titolo del post? Almeno per rispetto a chi legge il forum e non frega nulla delle tue opinioni su GNU/Linux in un contesto in cui non c'entrano nulla.
          • Anonimo scrive:
            Re: Approposito di cambi di licenza...
            Non mi sembra assolutamente OT quello che stiamo discutendo: stiamo parlando di modelli di licenza su un thread che parla di modelli di licenza.Se ti da fastidio leggere i miei post, fai pure a meno di leggerli non mi offendo mica.Per quanto mi riguarda, mi ritengo libero di dire quello che voglio, nei limiti del lecito, dove voglio, nei limiti di contesto, almeno fino a che non verra' re-istaurato il fascismo (e qualcuno ci sta provando...).Invece sembra che da queste parti sia molto gradita l'opinione unica, il partito unico, e, ultimamente, anche l'offesa gratuita di chi non la pensa come te. ZioBill- Scritto da: z2
            P.S. se devi postare in ogni argomento
            (anche se non c'entra nulla) per sparare a
            zero su GNU/Linux potresti almeno mettere un
            [OT] nel titolo del post? Almeno per
            rispetto a chi legge il forum e non frega
            nulla delle tue opinioni su GNU/Linux in un
            contesto in cui non c'entrano nulla.
          • Anonimo scrive:
            Re: Approposito di cambi di licenza...
            - Scritto da: ZioBill
            Non mi sembra assolutamente OT quello che
            stiamo discutendo: stiamo parlando di
            modelli di licenza su un thread che parla di
            modelli di licenza.no se ti rileggi il titolo della notizia nel cui forum hai postato il thread ( Gli mp3 ora si pagano, player a rischio http://punto-informatico.it/p.asp?i=41207 ) ti accorgerai che non c'entra nulla con il thread che hai aperto; chi legge il forum di una notizia si aspetta di trovarci post in topic non roba che non c'entra nulla, e' buona norma nei casi in cui non si puo' fare a meno di andare OT di mettere un bel [OT] nel subject del post/mail, se ci pensi capirai anche perche'.

            Se ti da fastidio leggere i miei post, fai
            pure a meno di leggerli non mi offendo mica.lo farei se almeno mettessi un [OT] nel titolo del post, non ti costa nulla ed evita spreco di tempo e banda a chi non e' interessato

            Per quanto mi riguarda, mi ritengo libero di
            dire quello che voglio, nei limiti del
            lecito, dove voglio, nei limiti di contesto,
            almeno fino a che non verra' re-istaurato il
            fascismo (e qualcuno ci sta provando...).certo che sei libero di dire quello che vuoi ma la tua liberta' finisce dove inizia quella altrui, esprimi le tue opinioni nelle sedi opportune non in postiove non c'azzeccano nulla e sono completamente OT

            Invece sembra che da queste parti sia molto
            gradita l'opinione unica, il partito unico,
            e, ultimamente, anche l'offesa gratuita di
            chi non la pensa come te. ???????????
          • Anonimo scrive:
            Re: Approposito di cambi di licenza...
            - Scritto da: z2

            Invece sembra che da queste parti sia
            molto

            gradita l'opinione unica, il partito
            unico,

            e, ultimamente, anche l'offesa gratuita di

            chi non la pensa come te.
            ???????????Guarda la lista dei topic... ovviamente non era riferito a te.ZioBill
          • Anonimo scrive:
            Re: Approposito di cambi di licenza...
            - Scritto da: z2
            - Scritto da: ZioBill

            evvai....e poi sempre cosi' e io che dico

            all'azienda a cui ho installato linux, che

            bisogna cambiare ancora???
            guarda che non cambi nulla e' sempre lo
            stesso software solo che invece di passare
            alla versione successiva di tizio sotto
            licenza proprietaria usi quella di caio
            sotto GPL tutto qui.Ma chi mi assicura che una particolare configurazione che, diciamo, RedHat ha fatto della sua distribuzione contenga dei pezzi che poi vengono chiusi e che questi pezzi, mancanti nella distribuzione fork(), mi costringano a rimanere con redhat anche per le versioni successive???

            Si, questo e' vero, pero' non mi sembra

            adeguatamente tutelato a livello legale e

            quindi ognuno fa il cazzo che gli pare.
            potresti documentare i casi in cui e' stato
            fatto "come cazzo gli pare" di software GPL?Ad essere sincero, ora come ora e' solo una mia personale considerazione. Siamo solo agli inizi di un mercato che cerca di guadagnarci anche dalla GPL...

            Linux che perdera'

            importanti pezzi che diventeranno

            commerciali un po' alla volta, oppure chi
            mi
            ma chi sei nostradamus? Atteniamoci ai fatti
            altrimenti io posso dire che tra 5 anni la
            M$ cerchera' di conquistare il mondo o che
            tra 6 mesi gli asini voleranno :)Beh, i linuxiani sono *tutti* convinti che M$ nel giro di pochi anni tentera' di conquistare il mondo, quindi perche' non mi lasci la mia convinzione?? ;-)

            vende, in modo tradizionale, un software
            che

            fa quello che dice, piu' o meno, a meno

            degli inevitabili bug??? Io glielo pago e

            finita li'. A me non dispiace il modo
            nessuno lo vieta, e comunque se il modello
            proposto dal software libero e' perdente non
            vedo perche' scagliarcisi contro in questa
            maniera; pensi non possa andare lontano?
            bene non dargli il tuo appoggio poi chi
            vivra' vedra'.Beh, si sta su questi forum per confrontare le proprie opinioni, no?? E io ho espresso la mia.

            tradizionale di vendere e comprare il

            software, anche perche' il mio macellaio

            mica me la regala la carne, magari
            facendomi

            pagare servizi di assistenza post-vendita
            e

            hot-line telefonica per sapere come

            cucinarla.
            certo la carne non e' copiabile all'infinito
            a costo zero, quindi il modello tradizionale
            di distribuzione e' il migliore in questo
            caso.Concordo con la prima parte dell'osservazione, ma la seconda parte e' comunque una tua opinione non suffragata dai fatti (tant'e' che bill gates, col modello 'tradizionale' di distribuzione anche per il software, e' diventato l'uomo piu' ricco del mondo). Se dici che dal lato utente non funziona, beh, se ne potrebbe anche discutere, pero' a me piace comprare il software e poi usarlo, non lavorare come un beta tester non retribuito, o, peggio, come uno sviluppatore a gratis...Se poi mi dici che, in realta', nel campo del software siamo tutti beta tester, oramai, potrei anche essere d'accordo, pero' quando accetto la EULA della Microsoft, accetto anche che abbia fatto una campagna di beta e abbia valutato con un rigoroso controllo di qualita' (che, evidentemente deve esserci da qualche parte, visto che il signor Gates, in fondo in fondo, tutti quei soldi non li ha fatti puntando dei fucili in fronte alla gente e obbligandola a comperare il sw...) il software che accetto di usare. Io preferisco questo modello e, comunque, nell'uso quotidiano, sono soddisfatto degli strumenti che ho a disposizione. Tutti regolarmente pagati e con assistenza compresa nel prezzo.Ecco, io mi chiedo, perche' molti, che definisco taleban-linuzzari, non accettano che io mi trovi bene col mio windows e le mie applicazioni?? Mi definiscono 'utonto', dicono che mi accontento...Eppure faccio il programmatore di professione, lavoro nel campo dell'editing audio/video con apparecchiature da centinaia di milioni, mi pagano bene ;-) per quello che faccio e sono tutti contenti dei risultati. E' difficile accettare che questa cosa puo' convivere anche con il modello di distribuzione alternativo che tanto piace ai linux-freak??Per me c'e' spazio per entrambi, anche se, ovviamente, io preferisco il modello tradizionale.ZioBill
          • Anonimo scrive:
            Re: Approposito di cambi di licenza...
            - Scritto da: ZioBill

            guarda che non cambi nulla e' sempre lo

            stesso software solo che invece di passare

            alla versione successiva di tizio sotto

            licenza proprietaria usi quella di caio

            sotto GPL tutto qui.
            Ma chi mi assicura che una particolare
            configurazione che, diciamo, RedHat ha fatto
            della sua distribuzione contenga dei pezzi
            che poi vengono chiusi e che questi pezzi,
            mancanti nella distribuzione fork(), mi
            costringano a rimanere con redhat anche per
            le versioni successive???questa non l'ho capita, vale il discorso di prima, il pezzo incriminato continuera' a venire sviluppato da altri dall' ultima versione GPL

            potresti documentare i casi in cui e'
            stato

            fatto "come cazzo gli pare" di software
            GPL?
            Ad essere sincero, ora come ora e' solo una
            mia personale considerazione. Siamo solo
            agli inizi di un mercato che cerca di
            guadagnarci anche dalla GPL...perche' dici "anche"? La GPL prevede un ben preciso modello di business; nessuno ha mai detto che con la GPL non si debba guadagnare.
            Beh, i linuxiani sono *tutti* convinti che
            M$ nel giro di pochi anni tentera' di
            conquistare il mondo, quindi perche' non mi
            lasci la mia convinzione?? ;-)si certo ma fossi in te eviterei di esprimerle come verita' assolute a volte un bel "IMHO" in certe frasi ci sta bene :-)

            nessuno lo vieta, e comunque se il modello

            proposto dal software libero e' perdente
            non

            vedo perche' scagliarcisi contro in questa

            maniera; pensi non possa andare lontano?

            bene non dargli il tuo appoggio poi chi

            vivra' vedra'.
            Beh, si sta su questi forum per confrontare
            le proprie opinioni, no?? E io ho espresso
            la mia.quello che intendevo dire tra le righe e': se il modello del free software e' veramente perdente perche' la M$ perde tempo a buttargli fango addosso e a dare mazzette (se 550 milioni di dollari possono essere considerati una "mazzetta") a paesi come il peru' per non adottarlo?
            Concordo con la prima parte
            dell'osservazione, ma la seconda parte e'
            comunque una tua opinione non suffragata dai?? intendi che per distribuire carne e' meglio usare il modello della vendita dei servizi?? Io stavo per l'appunto dicendo che per vendere carne e' meglio usare il metodo di distribuzione tradizionale.
            fatti (tant'e' che bill gates, col modello
            'tradizionale' di distribuzione anche per il
            software, e' diventato l'uomo piu' ricco del
            mondo). Se dici che dal lato utente nonnon certo per la validita' del modello applicato al software ma per tutta una serie di motivi tra cui1) al tempo non esisteva un alternativa valida ai prodotti M$ nella fascia che andavano a coprire(lato desktop per utonti non addetti ai lavori che non avevano la minima idea di cosa fosse un computer)2) al tempo non si era ancora diffusa la concezione del modello di distribuzione adottato dal free software, quindi il modello tradizionale era l'unico preso in considerazione.3) una volta ottenuto il monopolio con il punto 1) oltre che a altre mille ragioni lo si e' mantenuto con pratiche scorrette
            funziona, beh, se ne potrebbe anche
            discutere, pero' a me piace comprare il
            software e poi usarlo, non lavorare come un
            beta tester non retribuito, o, peggio, come
            uno sviluppatore a gratis...1) come dici giustamente tu in seguito il beta tester lo fai anche con i prodotti M$2) levati dalla testa il mito degli sviluppatori a gratis, oramai chi sviluppa seriamente software opensource viene pagato profumatamente.
            quando accetto la EULA della Microsoft,
            accetto anche che abbia fatto una campagna
            di beta e abbia valutato con un rigoroso
            controllo di qualita' (che, evidentemente???? scusa ma se e' tanto rigoroso come spieghi il fatto che ad esempio software come IE o IIS o outlook abbiano moooolti piu' bug degli altri software della medesima tipologia (in questo caso browser, webserver e MUA)?
            deve esserci da qualche parte, visto che il
            signor Gates, in fondo in fondo, tutti quei
            soldi non li ha fatti puntando dei fucili in
            fronte alla gente e obbligandola a comperare
            il sw...) il software che accetto di usare.non c'e' bisogno di puntare fucili se fai credere che quello che offri tu e' l'unica alternativa.
            Io preferisco questo modello e, comunque,
            nell'uso quotidiano, sono soddisfatto degli
            strumenti che ho a disposizione. Tuttinessuno te ne vuole vietare l'uso
            regolarmente pagati e con assistenza
            compresa nel prezzo.
            Ecco, io mi chiedo, perche' molti, che
            definisco taleban-linuzzari, non accettano
            che io mi trovi bene col mio windows e le
            mie applicazioni?? Mi definiscono 'utonto',
            dicono che mi accontento...be'questo e' riconducibile ad una frustrazione accumulata dovuta a tutte le porcate che un utente non-windows e' costretto a subire (non sto' qui a fare l'elenco se no non la finiamo piu')
            Eppure faccio il programmatore di
            professione, lavoro nel campo dell'editing
            audio/video con apparecchiature da centinaia
            di milioni, mi pagano bene ;-) per quelloconsidera che ci sono persone che fanno il tuo stesso lavoro ad altissimi livelli usando software libero (vedi le ultime produzioni di holliwood fatte con GNU/Linux)
            che faccio e sono tutti contenti dei
            risultati. E' difficile accettare che questa
            cosa puo' convivere anche con il modello di
            distribuzione alternativo che tanto piace ai
            linux-freak??vedi il linuxaro medio (mi ci metto dentro anche io) non ce l'ha davvero con "l'utonto" in quanto lo ritiene fesso perche' usa roba M$, in realta' si sfoga con l'utonto delle frustrazioni che accumula grazie a M$ e soci, ad esempio fino a poco tempo fa' anche io bestemmiavo in aramaico antico quando ero costretto ad andare a casa di un amico che aveva win per poter leggere o scrivere uno stramaledettissimo .doc e magari se il giorno dopo beccavo un utente win che mi parlava di office come minimo gli davo del utonto ma non perche' gli volessi dare addosso o perche' pensassi fosse colpa sua ma solo perche' siamo umani e non sempre e' possibile controllare/indirizzare_bene la propria rabbia.
    • Anonimo scrive:
      Re: Approposito di cambi di licenza...
      1) linux non e' gratis e' libero2) anche se un software GPL un bel giorno cambiasse licenza si potrebbe fare un fork e continuare a sviluppare l'ultima versione rilasciata sotto GPL.3) se sei un troll sono fesso io a risponderti, se invece sei solo un ignorante informati prima di fare figuracce di questo tipo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Approposito di cambi di licenza...
        - Scritto da: z2
        1) linux non e' gratis e' libero1e Parole Sante (e funziona pure da dio .. )
        2) anche se un software GPL un bel giorno
        cambiasse licenza si potrebbe fare un fork e
        continuare a sviluppare l'ultima versione
        rilasciata sotto GPL.2e Parole Sante
        3) se sei un troll sono fesso io a
        risponderti, se invece sei solo un ignorante
        informati prima di fare figuracce di questo
        tipo.3e Parole Sante .. :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Approposito di cambi di licenza...
      - Scritto da: ZioBill
      Ovviamente e' uno scandalo, ma, come ho
      sempre sostenuto, nulla vieta che un bel
      giorno anche linus o chi per esso rivendichi
      i diritti su una piccola porzioncina di
      codice del kernel di linux... e a quel punto
      come faranno i nostri paladini dell'open
      source???Il copyright di Linux, se non sbalgio, appartiene a Torvalds in persona. Quindi SOLO LUI puà cambiare la licenza del kernel!!! E mi sembra una persona affidabile!Casomai in ambito Linux si verificherà l'esatto contrario: più che il passaggio al commerciale, il passaggio al free software obbligatorio! Non mi stupirei se un giorno la FSF cambiase la licenza di GCC introducendo una super-GPL estrema che OBBLIGA chiunque usi il compilatore e/o programmi da esso derivati a essere obbligatoriamente e solo open source!Anzi, credo che una mossa del genere sia segretamente nei piani di Stallman e soci!!! (Il che implicherebbe un ricatto e la fuga degli sviluppatori commerciali, nonchè dei produttori hardware per i drivers, ma Stallman è un radicale!)
      • Anonimo scrive:
        Re: Approposito di cambi di licenza...
        - Scritto da: Ekleptical
        - Scritto da: ZioBill

        Ovviamente e' uno scandalo, ma, come ho

        sempre sostenuto, nulla vieta che un bel

        giorno anche linus o chi per esso
        rivendichi

        i diritti su una piccola porzioncina di

        codice del kernel di linux... e a quel
        punto

        come faranno i nostri paladini dell'open

        source???

        Il copyright di Linux, se non sbalgio,
        appartiene a Torvalds in persona. Quindi
        SOLO LUI puà cambiare la licenza del
        kernel!!! E mi sembra una persona
        affidabile!
        Chi lo sa... a mio parere non e' ne' meglio e ne' peggio dei vari Gates, Jobs e dei vari CEO delle case di sw...eppoi una volta ho letto un'intervista a linus che proprio non mi e' piaciuta e mi ha fatto capire che, in fondo in fondo, anche lui ci vuol fare i soldi col suo bel 'libero' linux...
        Casomai in ambito Linux si verificherà
        l'esatto contrario: più che il passaggio al
        commerciale, il passaggio al free software
        obbligatorio! Non mi stupirei se un giorno
        la FSF cambiase la licenza di GCC
        introducendo una super-GPL estrema che
        OBBLIGA chiunque usi il compilatore e/o
        programmi da esso derivati a essere
        obbligatoriamente e solo open source!
        Anzi, credo che una mossa del genere sia
        segretamente nei piani di Stallman e soci!!!
        (Il che implicherebbe un ricatto e la fuga
        degli sviluppatori commerciali, nonchè dei
        produttori hardware per i drivers, ma
        Stallman è un radicale!)Sarebbe la fine totale, definitiva di linux e del free... sei proprio convinto che le case produttrici di drivers per dispositivi hw, che gia' latitano per linux, sarebbero contente di mostrare allegramente i segreti dei propri firmware e delle architetture hw-sw che fanno parte dei gelosissimi segreti industriali??Per fortuna che non esiste solo GCC...ZioBill***contro il software ipocritamente 'libero'***
        • Anonimo scrive:
          Re: Approposito di cambi di licenza...

          ...eppoi una volta ho
          letto un'intervista a linus che proprio non
          mi e' piaciuta e mi ha fatto capire che, in
          fondo in fondo, anche lui ci vuol fare i
          soldi col suo bel 'libero' linux...Veramente c'è un errore di fondo nella tua concezione di "libero"! La libertà del software non c'entra niente con la gratuità, ma con la disponibilità del sorgente! Nessuno ha mai detto che il software libero non debba essere a pagamento! La Free Software Foundation è la prima a vendere (a caro prezzo!!!) il sorgente del software GNU! L'importante per loro è che sia sempre modificabile da chiunque voglia farlo!
          Sarebbe la fine totale, definitiva di linux
          e del free... sei proprio convinto che le
          case produttrici di drivers per dispositivi
          hw, che gia' latitano per linux, sarebbero
          contente di mostrare allegramente i segreti
          dei propri firmware e delle architetture
          hw-sw che fanno parte dei gelosissimi
          segreti industriali??Assolutamente no! Sarebbe probabilmente la fine. Ma attueranno il piano solo quando sarà difficile e impegnativo sfuggirvi! :)Nel frattempo stanno preparando il nuovo OS su kernel Hurd che avrà la super-GPL come licenza già in partenza! (E che quindi avrebbe pochissime possibilità di avere successo, se non ci fosse il fascino di Stallman e delle sue idee su molti programmatori nerd!)
          • Anonimo scrive:
            Re: Approposito di cambi di licenza...
            - Scritto da: Ekleptical

            ...eppoi una volta ho

            letto un'intervista a linus che proprio
            non

            mi e' piaciuta e mi ha fatto capire che,
            in

            fondo in fondo, anche lui ci vuol fare i

            soldi col suo bel 'libero' linux...

            Veramente c'è un errore di fondo nella tua
            concezione di "libero"! La libertà del
            software non c'entra niente con la gratuità,
            ma con la disponibilità del sorgente!
            Nessuno ha mai detto che il software libero
            non debba essere a pagamento! La Free
            Software Foundation è la prima a vendere (a
            caro prezzo!!!) il sorgente del software
            GNU! L'importante per loro è che sia sempre
            modificabile da chiunque voglia farlo!



            Sarebbe la fine totale, definitiva di
            linux

            e del free... sei proprio convinto che le

            case produttrici di drivers per
            dispositivi

            hw, che gia' latitano per linux, sarebbero

            contente di mostrare allegramente i
            segreti

            dei propri firmware e delle architetture

            hw-sw che fanno parte dei gelosissimi

            segreti industriali??

            Assolutamente no! Sarebbe probabilmente la
            fine. Ma attueranno il piano solo quando
            sarà difficile e impegnativo sfuggirvi! :)
            Nel frattempo stanno preparando il nuovo OS
            su kernel Hurd che avrà la super-GPL come
            licenza già in partenza! (E che quindi
            avrebbe pochissime possibilità di avere
            successo, se non ci fosse il fascino di
            Stallman e delle sue idee su molti
            programmatori nerd!)Questo potrebbe essere interessante: confrontando questa nuova super-GPL con quella attuale e valutando che diffusione potrebbe avere un ipotetico prodotto di questo genere si potrebbe anche capire le vere intenzioni di chi ora, come 'squali' si butta su linux e sul suo modello di business, e parlo di IBM, ORACLE e SUN...ZioBill
      • Anonimo scrive:
        Re: Approposito di cambi di licenza...

        Il copyright di Linux, se non sbalgio,
        appartiene a Torvalds in persona. Quindi
        SOLO LUI puà cambiare la licenza del
        kernel!!! E mi sembra una persona
        affidabile!La maggiore anomalia del mondo OS è forse proprio questa.Il marchio è in mano ad una persona sola che ne puo' disporre liberamente e nel momento che ne avrà bisogno/voglia niente e nessuno potrà fermarlo.Perchè Linus non cede il marchio alla FSF?Perchè linus ancora oggi decide la varie modifiche/patch al Kernel?AggiungoHo letto un intervista a Linus rigardo Bill Gates che diveva pressapoco: a Gates non gli si può insegnare nulla e livello di Marketing mentre a me non si può insegnare nulla a livello tecnico...un filo presuntoso non credete...
        • Anonimo scrive:
          Re: Approposito di cambi di licenza...

          Perchè Linus non cede il marchio alla FSF?Perchè la FSF cambierebbe SUBITO licenza a Linux non appena le arrivasse fra le mani? :)La FSF è un gruppo di "estremisti" del software libero! Stallman non ha MAI visto di buon occhio il software commerciale che gira su Linux o i driver in versione binaria rilasciati da pressochè tutte le ditte di hardware!Farebbe immediatametne quello che ho detto!Non per niente fra FSF e Linux non corre proprio buon sangue!
          Perchè linus ancora oggi decide la varie
          modifiche/patch al Kernel?Mah, perchè l'ha inventato lui? :P
      • Anonimo scrive:
        Re: Approposito di cambi di licenza...

        Il copyright di Linux, se non sbalgio,
        appartiene a Torvalds in persona.il copyright del marchio linux, non di tutto il codice del kernel. puo cambiargli nome se vuole, non cambiargli licenza.
        Quindi
        SOLO LUI puà cambiare la licenza del
        kernel!!!NO. vedo che non te ne intendi affatto. linus non ha scritto tutto il codice del kernel attuale, solo piccole porzioni, e ne e uno dei manutentori ufficiali. per cambiare la licenza del kernel bisogna contattare tutte le migliaia di persone che hanno contribuito al kernel anche con una semplice patch e farsi dare il loro permesso, cosa assolutamente impossibile. quindi il kernel non cambiera mai licenza. se questo non ti bastasse (ma se ragioni ti basta eccome) devi capire che i sorgenti del kernel che hai sul tuo pc sono tuoi, a quelli non possono cambiare licenza. domani cambiano la licenza dei sorgenti di linux su www.kernel.org? chissenefrega, metti su un sito, ci metti dentro i sorgenti del tuo kernel, e tutti gli sviluppatori ti seguono e continuano a sviluppare esattamente come prima.
        E mi sembra una persona
        affidabile!anche a me ma e irrilevante, fosse anche il bill gates dei poveri non cambierebbe nulla, linux e gpl e resta gpl. PUNTO.
        obbligatorio! Non mi stupirei se un giorno
        la FSF cambiase la licenza di GCC
        introducendo una super-GPL estrema che
        OBBLIGA chiunque usi il compilatore e/o
        programmi da esso derivati a essere
        obbligatoriamente e solo open source!accidenti ma ragionate come le pecore... qua mi esibisci un ragionamento stile ziobill da far paura... la fsf cambia la licenza del gcc? ammettendo che abbiano i diritti su tutto il codice del gcc che mi pare inverosimile, ovvio. bene, ma il gcc che ho io in sorgenti sul mio pc e sempre gpl, non possono cambiare la licenza di quello. posso metterlo su un ftp e tutti gli sviluppatori che non sono daccordo sul cambio di licenza del gcc ufficiale possono prenderselo e continuare a sviluppare esattamente come prima, come se nulla fosse successo. e chiaro adesso perche non e possibile cambiare licenza a un software gpl gia rilasciato come gpl?
        Anzi, credo che una mossa del genere sia
        segretamente nei piani di Stallman e soci!!!no perche nessuno utilizzerebbe mai un compilatore del genere dopo. stallman vuole che si diffonda il piu possibile il software gpl, ma un compilatore simile non avrebbe possibilita di diffondersi, quindi non gli interessa.
        • Anonimo scrive:
          Re: Approposito di cambi di licenza...

          NO. vedo che non te ne intendi affatto.
          linus non ha scritto tutto il codice del
          kernel attuale, solo piccole porzioni, e ne
          e uno dei manutentori ufficiali.Lo so, ma forse tu non sai che l'unica cosa che conta, in linea teorica, è il copyright holder ufficiale del software! In parole povere, non ha nessun valore il fatto che tu abbia collaborato a scriverne una parte! Il detentore del copyright (e SOLO LUI) può farci quello che vuole!Se io lavoro per uan ditta e sforno un programa, il copyright del programma appartiene alla ditta, mica a me! Io non posso oppormi a nessun uso del programma stesso! (salvo esser citato fra gli autori)
          per
          cambiare la licenza del kernel bisogna
          contattare tutte le migliaia di persone che
          hanno contribuito al kernelPer niente! Basta che decida così il detentore del copyright!La licenza GPL non prevede niente di niente sul copyright holder! Non cambia minimamente con le modifiche!
          permesso, cosa assolutamente impossibile.
          quindi il kernel non cambiera mai licenza....e quindi il kernel puà cambiare licenza quando Linus "and others who actually wrote it" (non meglio specificati nella licenza del kernel che ho trovato!) lo desiderano! (e faccio notare che davanti ad "others" manca il "the", con tutte le implicazioni che comporta! ^_^)
          se questo non ti bastasse (ma se ragioni ti
          basta eccome) devi capire che i sorgenti del
          kernel che hai sul tuo pc sono tuoiAssolutamente NO! Dove sta scritto che i sorgenti sono miei????Riportami il passaggio della GPL, grazie!(Oh, magari m'è solo sfuggito! :D)
          accidenti ma ragionate come le pecore... qua
          mi esibisci un ragionamento stile ziobill da
          far paura... la fsf cambia la licenza del
          gcc? ammettendo che abbiano i diritti su
          tutto il codice del gcc che mi pare
          inverosimile, ovvio.va beh, tutto idem come sopra! :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Approposito di cambi di licenza...

            Lo so, ma forse tu non sai che l'unica cosa
            che conta, in linea teorica, è il copyright
            holder ufficiale del software! guarda che anche le modifiche possono essere rilasciate sotto gpl. esempio, se reiserfs e rilasciato sotto gpl, nel caso il detentore del copyright del kernel decidesse di cambiare licenza al kernel dovrebbe eliminare ogni pezzo di reiserfs dal kernel. e questo per ogni altra modifica rilasciata sotto gpl. i piccoli bugfix posso capire che non pongano il problema. ma il kernel non lo ha scritto cosi come e tutto linus, grossi pezzi sono stati fatti da altri e rilasciati sotto gpl. non e possibile che 1 sola persona decida di cambiare la licenza al kernel.
            povere, non ha nessun valore il fatto che tu
            abbia collaborato a scriverne una parte! Il
            detentore del copyright (e SOLO LUI) può
            farci quello che vuole!andiamo a prendere tutte le modifiche fatte al kernel originario da persone diverse da torvalds, e saltano fuori molti pezzi rilasciati sotto gpl. a quelli il detentore del presunto copyright di linux non puo cambiare licenza.
            Se io lavoro per uan ditta e sforno un
            programa, il copyright del programma
            appartiene alla ditta, mica a me! Io non
            posso oppormi a nessun uso del programma
            stesso! (salvo esser citato fra gli autori)non centra niente. quel meccanismo e regolato direi dal contratto che hai con la ditta per cui lavori.
            Per niente! Basta che decida così il
            detentore del copyright!
            La licenza GPL non prevede niente di niente
            sul copyright holder! Non cambia minimamente
            con le modifiche!se tu prendi un pezzo di public domain e lo aggiungi al tuo programma gpl, non cambia niente. ma se tu ci aggiungi anche solo un pezzetto gpl di qualcun altro cambia. e mi pare che sia il caso del kernel linux, senza stare la a pensarci mi viene in mente subito reiserfs che e gpl, ma ci sono sicuramente moltissimi altri pezzi.
            ...e quindi il kernel puà cambiare licenza
            quando Linus "and others who actually wrote
            it" (non meglio specificati nella licenza
            del kernel che ho trovato!) lo desiderano!mi pare di avere dimostrato che non e possibile.ma anche se fosse possibile, nessuno puo cambiare la licenza dei sorgenti del kernel che ho adesso sul mio disco fisso, e dai quali e sempre possibile riprendere lo sviluppo in caso di cattivi comportamenti di chi porta avanti il progetto ufficiale. di quali altre garanzie avete bisogno accidenti?
            Assolutamente NO! Dove sta scritto che i
            sorgenti sono miei????non sono neanche di linus. non ha certo scritto lui il supporto reiserfs, sul quale non detiene alcun diritto.
            Riportami il passaggio della GPL, grazie!
            (Oh, magari m'è solo sfuggito! :D)purtroppo non ti e sfuggito un passaggio, ti sono sfuggite tutte le implicazioni pratiche che ha la gpl...
        • Anonimo scrive:
          Re: Approposito di cambi di licenza...
          - Scritto da: qweasdzxc
          no perche nessuno utilizzerebbe mai un
          compilatore del genere dopo. stallman vuole
          che si diffonda il piu possibile il software
          gpl, ma un compilatore simile non avrebbe
          possibilita di diffondersi, quindi non gli
          interessa.Be', per interessargli gli interesserebbe... anche perche' se non ricordo male, gcc era nato proprio con una licenza simile a quella ipotizzata qualche post sopra: in pratica qualsiasi cosa venisse compilata con gcc era automaticamente sotto GPL - non solo! ma addirittura ogni programma che incorporasse porzioni compilate con gcc DOVEVA essere sotto GPL...Dopodiche' - visto che pochi osavano utilizzare un simile compilatore, peraltro tecnicamente ottimo - la licenza e' stata modificata in quella attuale, ed e' stato grazie a questo che oggi gcc e' cosi' diffuso.bye, Andrea
          • Anonimo scrive:
            Re: Approposito di cambi di licenza...

            Be', per interessargli gli interesserebbe...
            anche perche' se non ricordo male, gcc era
            nato proprio con una licenza simile a quella
            ipotizzata qualche post sopra: in pratica
            qualsiasi cosa venisse compilata con gcc era
            automaticamente sotto GPL - non solo! questa cosa mi giunge nuova, hai qualche fonte? conoscendo un po lo stallman pensiero e verosimile, ma comunque va a conferma di quello che dicevo, un modello eccessivamente restrittivo non avrebbe potuto avere lo stesso successo
          • Anonimo scrive:
            Re: Approposito di cambi di licenza...

            questa cosa mi giunge nuova, hai qualche
            fonte? conoscendo un po lo stallman pensiero
            e verosimileVeramente è una cosa notoria! ^_^Stallman è un radicale!
          • Anonimo scrive:
            Re: Approposito di cambi di licenza...

            Veramente è una cosa notoria! ^_^
            Stallman è un radicale!non che stallman forse radicale. leggi bene quello che scrivo. quello che mi giunge nuovo e che gcc avesse una licenza diversa inizialmente.
    • Anonimo scrive:
      Re: Approposito di cambi di licenza...
      Hai mai pensato di leggerti la GPL? Così una volta per tutte capisci che quello che dici sono sciocchezze. Se ti interessa, ne ho una versione tradotta in italiano.
    • Anonimo scrive:
      Re: Approposito di cambi di licenza...
      è legalmente impossibile. linus andrebbe contro la legge.se tu dici che poi ognuno fa quello che ti pare, vabbè, viva la delinquenza! se le leggi non servono a niente tanto vale che non ne parliamo nemmeno...se anche fosse così, questo non mi sembra un argomento a favore del software closed.- Scritto da: ZioBill
      Ovviamente e' uno scandalo, ma, come ho
      sempre sostenuto, nulla vieta che un bel
      giorno anche linus o chi per esso rivendichi
      i diritti su una piccola porzioncina di
      codice del kernel di linux... e a quel punto
      come faranno i nostri paladini dell'open
      source???
      Non tiratemi fuori ancora la storia della
      GPL che non attacca: tanto ognuno fa quello
      che gli pare e lo si vede giorno per giorno.
      La morale e' che il gratis non paga piu' di
      tanto e serve solo a diffondere una cosa
      che, al momento opportuno diventa a
      pagamento, con buona pace di chi si e'
      lasciato abbindolare. Pero' e' un ingenuita'
      che pagheremo tutti, anche chi, come me, e'
      per il closed software e per i sistemi
      operativi CHE SI PAGANO.

      ZioBill
      ***no linux and no open source sw was used
      to write this post***

      PS Beh, in fondo, anche linux SI PAGA, pero'
      in un altro modo...
    • Anonimo scrive:
      Re: Approposito di cambi di licenza...
      - Scritto da: ZioBill
      Ovviamente e' uno scandalo, ma, come ho
      sempre sostenuto, nulla vieta che un bel
      giorno anche linus o chi per esso rivendichi
      i diritti su una piccola porzioncina di
      codice del kernel di linux... e a quel punto
      come faranno i nostri paladini dell'open
      source???Stai facendo una confusione bestiale tra software libero (es. Linux o Vorbis) e software NON libero dato per uso personale e/o non commerciale (es. Netscape, ICQ, Internet Explorer e cosi' via).Ovviamente niente vieta a chi sviluppa il software libero di cambiare i termini di licenza.. ma non potrebbe essere un cambiamento retroattivo, per cui le release rilasciate fino a quel momento come libere resterebbero tale.PSL'MP3 non e' MAI stato libero, essendo proprieta' intellettuale brevettata di Thomson e FHG.Il fatto che finora sia stato fatto usare senza restrizioni o quasi non siginfica affatto che fosse libero.Chiaro ora?
      La morale e' che il gratis non paga piu' di
      tanto e serve solo a diffondere una cosa
      che, al momento opportuno diventa a
      pagamento, con buona pace di chi si e'
      lasciato abbindolare.Se ti riferisci al software non libero rilasciato "gratis" e' vero.. nel caso di qiello GPL perlomeno hai avuto il vantaggio di aver avuto a disposizione il codice sorgente liberamente utilizzabile.. non mi sembra una cosa da poco.
    • Anonimo scrive:
      Re: Approposito di cambi di licenza...
      - Scritto da: ZioBill
      Ovviamente e' uno scandalo, ma, come ho
      sempre sostenuto, nulla vieta che un bel
      giorno anche linus o chi per esso rivendichi
      i diritti su una piccola porzioncina di
      codice del kernel di linux... e a quel punto
      come faranno i nostri paladini dell'open
      source???
      Non tiratemi fuori ancora la storia della
      GPL che non attacca: tanto ognuno fa quello
      che gli pare e lo si vede giorno per giorno.Se ragioniamo in questi termini, visto che "ognuno fa quello che gli pare" anche in barba alle leggi vigenti, allora uno pirata il software commerciale e lo rivende senza licenza, copia dall'OpenSource e rivende software proprietario, se ne frega di brevetti di qualsiasi tipo e così via.Se invece ragioniamo in termini legali (e un fautore del software proprietario come te dovrebbe apprezzare questo piano di discussione) allora sappi che non è legalmente possibile mettere royalties, licenze e brevetti su codice OpenSource sia distribuito secondo la licenza BSD che secondo la più restrittiva licenza GPL.
      La morale e' che il gratis non paga piu' di
      tanto e serve solo a diffondere una cosa
      che, al momento opportuno diventa a
      pagamento, con buona pace di chi si e'
      lasciato abbindolare. Pero' e' un ingenuita'
      che pagheremo tutti, anche chi, come me, e'
      per il closed software e per i sistemi
      operativi CHE SI PAGANO.Non confondere freeware e OpenSpurce.Tu li hai messi nello stesso calderone del "gratis" ma sono due cose tecnicamente (e legalmente) diverse.Un saluto.Non è la libertà che manca. Mancano gli uomini liberi (Leo Longanesi).La servitù, in molti casi, non è una violenza dei padroni ma una tentazione dei servi (Indro Montanelli).
  • Anonimo scrive:
    Meglio così !!
    Il formato .ogg è più prestazionale dell'oramai vecchio mp3, solo che a causa dell'immensa popolarità e diffusione di quest'ultimo era praticamente impossibile un passaggio di massa verso altri formati, e cqm avrebbe richiesto tempi lunghissimi..... che questo sia il giro di boa? L'mp3 per quanto ancora ottimo ha fatto il suo tempo! Bisogna dare spazio ai formati che offrono + prestazioni, e al momento l'.ogg è il migliore! Questa notizia sono convinto darà la spinta necessaria per un cambiamento! Grazie Fraunhofer!Per quanto mi riguarda io ho gia sia player che encoder .ogg, invece per chi proprio non sa come cominciare consiglio cdex, semplice da usare e free!ciao!
    • Anonimo scrive:
      Re: Meglio così !!
      C'e' di meglio dell'Ogg Vorbis: Mp3Pro oppure AAC, oppure ancora il formato WMA nativo di windows (gratis, in quanto compreso nel prezzo pure quello, e mi sembra pure che non abbia royalties di nessun tipo da pagare per la distribuzione, in quanto i costi di Windows Media Server sono solo quelli iniziali di acquisto di Windows2000Server) che nell'ultima versione, quella implementata in XP e' stato ancora migliorato.Se poi mi dite che volete il gratis 'a tutti i costi', beh, allora usate il vorbis. Anche se, raggiunta la giusta diffusione, nulla mi vieta di pensare che facciano lo stesso giochetto dei ragazzacci dell'mp3.Sono sempre piu' convinto che il free e l'open siano una brutta ed ipocrita strada da intraprendere.TronchettoPS mi si potrebbe obiettare che la microsoft si fa pagare eccome il suo formato, nei costi di una licenza windows, pero' io preferisco pagare prima e poi usare senza altri obblighi, piuttosto che proporre una cosa open e gratis ad un'azienda, facendo leva sul 'gratis' e poi trovarmi a dire 'ehm, contrordine: ora e' a pagamento'...
      • Anonimo scrive:
        Re: Meglio così !!
        L'mp3pro è stato molto pubblicizzato ma non credo che sia molto meglio dell'mp3. wma invece fa cagare (tipo taglia a 10KHz e simili). Ogg invece va molto bene. Lo hai provato ? Anche a 48kb/s la qualità è buona. Così ad occhio ottene una compressione di circa il 40% superiore all'mp3.
        • Anonimo scrive:
          Re: Meglio così !!
          OGG l'ho provato e la codifica percettuale e' piena di artefatti che ad un orecchio allenato (sono un musicista) e con due buone casse (non le vostre casse multimediali da pc...), paragonato con mp3, o meglio, con mp3pro, non regge il confronto.WMA? l'ultima versione NON taglia assolutamente a 10KHz (neanche la precedente, per la verita'), armati di analizzatore di spettro a terzi di ottava e guarda con i tuoi occhi.Attualmente mp3pro e AAC sono il top. Devo pagarli?? Pazienza...Se, con i paraocchi dell'"open e libero e' sempre e comunque meglio" volete 'venderci' anche cose tecnicamente inferiori di alternative commerciali, fate pure, con me non attacca...Tronchetto- Scritto da: Me
          L'mp3pro è stato molto pubblicizzato ma non
          credo che sia molto meglio dell'mp3. wma
          invece fa cagare (tipo taglia a 10KHz e
          simili). Ogg invece va molto bene. Lo hai
          provato ? Anche a 48kb/s la qualità è buona.
          Così ad occhio ottene una compressione di
          circa il 40% superiore all'mp3.
          • Anonimo scrive:
            Re: Meglio così !!
            - Scritto da: Tronchetto

            OGG l'ho provato e la codifica percettuale
            e' piena di artefatti che ad un orecchio
            allenato (sono un musicista) e con due buone
            casse (non le vostre casse multimediali da
            pc...), paragonato con mp3, o meglio, con
            mp3pro, non regge il confronto.Non lo regge in che senso? a favore di mp3 ed mp3pro?
            Attualmente mp3pro e AAC sono il top. Devo
            pagarli?? Pazienza...Mp3pro è il top?!?? E' il top dei pubblicizzati, o forse il top a 64kbps, ma a 64 kbps siamo ad un compromesso spostato in favore della riduzione di spazio. a 128kbps è già meglio mp3
            Se, con i paraocchi dell'"open e libero e'
            sempre e comunque meglio" volete 'venderci'
            anche cose tecnicamente inferiori di
            alternative commerciali, fate pure, con me
            non attacca...Contento tu di pagare per l'mp3pro..
      • Anonimo scrive:
        Re: Meglio così !!
        - Scritto da: Tronchetto
        C'e' di meglio dell'Ogg Vorbis: Mp3Pro
        oppure AAC, oppure ancora il formato WMA
        nativo di windows (gratis, in quantosono formati proprietari!!!!!!!!!!!!lo sai la differenza tra formato proprietarioe quello aperto ??
        Se poi mi dite che volete il gratis 'a tutti
        i costi', beh, allora usate il vorbis. Anche
        se, raggiunta la giusta diffusione, nulla mi
        vieta di pensare che facciano lo stesso
        giochetto dei ragazzacci dell'mp3.no non possono. non e' stato brevettato .
        Sono sempre piu' convinto che il free e
        l'open siano una brutta ed ipocrita strada
        da intraprendere.vorrei tanto sapere perche'.. http://www.gnu.orge vai da un legale a chiedere spiegazioni
      • Anonimo scrive:
        Re: Meglio così !!
        - Scritto da: Tronchetto
        C'e' di meglio dell'Ogg Vorbis: Mp3Pro
        oppure AAC, oppure ancora il formato WMAIl WMA?? a parte il fatto che è proprietario.... ma hai mai sentito un file audio in wma??? credo di no, altrimento non avresti detto cio che invece hai detto. n00bs ... bah, del resto ci siamo passati tutti... o no? :D
      • Anonimo scrive:
        Re: Meglio così !!
        - Scritto da: Tronchetto
        Se poi mi dite che volete il gratis 'a tutti
        i costi', beh, allora usate il vorbis. Anche
        se, raggiunta la giusta diffusione, nulla mi
        vieta di pensare che facciano lo stesso
        giochetto dei ragazzacci dell'mp3.Il "giochetto" si può fare con il freeware, non è invece legalmente possibile con l'OpenSource (sia con licenza BSD che con la più restrittiva GPL).
        Sono sempre piu' convinto che il free e
        l'open siano una brutta ed ipocrita strada
        da intraprendere.Se la ragione di questa tua affermazione sta nel possibile "giochetto", allora contestualizzala solo al freeware e non estenderla anche all'OpenSource.
        PS mi si potrebbe obiettare che la microsoft
        si fa pagare eccome il suo formato, nei
        costi di una licenza windows, pero' io
        preferisco pagare prima e poi usare senza
        altri obblighi, piuttosto che proporre una
        cosa open e gratis ad un'azienda, facendo
        leva sul 'gratis' e poi trovarmi a dire
        'ehm, contrordine: ora e' a pagamento'...Vedi riposte precedenti.Un saluto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Meglio così !!
      - Scritto da: Wirelezz

      Per quanto mi riguarda io ho gia sia player
      che encoder .ogg, invece per chi proprio non
      sa come cominciare consiglio cdex, semplice
      da usare e free!

      ciao!due strumenti gratuiti:dMC Audio CD Input, per rippare i CDdBpowerAMP Music Converter, per convrtire gli mp3 in formato VorbisAmbedue gratuitiAmbedue efficienti
  • Anonimo scrive:
    [semiOT] OGG e bitrate
    Un file OGG può anche avere bitrate costante o bisogna per forza rippare con bitrate variabile?
    • Anonimo scrive:
      Re: [semiOT] OGG e bitrate
      tratto da "man oggenc"-m n Sets minimum bitrate to n (in kb/s).-M n Sets maximum bitrate to n (in kb/s).--managed Set bitrate management mode. This turns off the normal VBR encoding, but allows hard or soft bitrate constraints to be enforced by the encoder. This mode is much slower, and may also be lower quality. It is primarily useful for creating files for streaming.quindi si puo in piu di un modo pare, ma non e consigliabile farlo a meno che non sia assolutamente necessario come in alcuni casi di streaming
      • Anonimo scrive:
        Re: [semiOT] OGG e bitrate

        quindi si puo in piu di un modo pare, ma non
        e consigliabile farlo a meno che non sia
        assolutamente necessario come in alcuni casi
        di streamingBene :)L'importante è che si possa fare anche con OGG...
        • Anonimo scrive:
          Re: [semiOT] OGG e bitrate
          ma perche lo vuoi fare?
          • Anonimo scrive:
            Re: [semiOT] OGG e bitrate
            - Scritto da: qweasdzxc
            ma perche lo vuoi fare? Non voglio farlo, volevo solo sapere se è possibile, dao che con MP3 si può fare...
          • Anonimo scrive:
            Re: [semiOT] OGG e bitrate
            Il bit rate variabile puo' dare problemi di fase.Tronchetto
    • Anonimo scrive:
      Re: [semiOT] OGG e bitrate
      Dopo l'uscita dell'Ogg Vorbis 1.0 ho fatto alcune prove per constatare la qualità.L'ogg stravince nei confronti dell'MP3, soprattutto a bassi bitrate non c'e paragone ra i due! Peccato non sia possibile scendere sotto i 48 Kbps.
  • Anonimo scrive:
    Peccato ... potrà quindi succedere anceh a mpc
    Peccato perchè la qualità di mpc era desiderabile ... ma ormai parlare di mp3 o di mpc è la stessa cosa... in termini dell'argomento di questo articolo.Quindi OGG è il fatto che sia free saranno importantissimi.Auguri!E dovrò DI NUOVO cambiare e informarmi su questi cazzo di formati.Winamp diventerà un player di OGG ... :-)))))) he he he he!!!!!!!Chi ha le vecchie versioni di Winamp sarà un figo ... da scambiare nei programmi di filesharing.LAME comunque (per codificare mp3) è gratis da sempre! Come mai?
    • Anonimo scrive:
      Re: Peccato ... potrà quindi succedere anceh a mpc
      lame e sempre stato illegale...
      • Anonimo scrive:
        Re: Peccato ... potrà quindi succedere anceh a mpc
        - Scritto da: qweasdzxc
        lame e sempre stato illegale...Perchè illegale??? il prgetto è open (se non erro) e si ha la possibilità di scaricare anche il codice sorgente. Scusa l'ignoranza.......
        • Anonimo scrive:
          Re: Peccato ... potrà quindi succedere anceh a mpc
          - Scritto da: Ignoro


          - Scritto da: qweasdzxc

          lame e sempre stato illegale...

          Perchè illegale??? il prgetto è open (se non
          erro) e si ha la possibilità di scaricare
          anche il codice sorgente. Scusa
          l'ignoranza.......Perche' utilizza brevetti del Fraunhofer senza autorizzazione.
          • Anonimo scrive:
            Re: Peccato ... potrà quindi succedere anceh a mpc

            Perche' utilizza brevetti del Fraunhofer
            senza autorizzazione.E perchè, che io sappia, l'enconding è DA SEMPRE stato soggetto a pagamento di royalties! :)))Doppiamente illegale quindi!
        • Anonimo scrive:
          Re: Peccato ... potrà quindi succedere anceh a mpc

          Perchè illegale??? il prgetto è open (se non
          erro) e si ha la possibilità di scaricare
          anche il codice sorgente. Scusa
          l'ignoranza.......il progetto e open, ed e splendido, funziona da dio, e un esempio eccellente di sviluppo opensource di successo.. ma c'e il problema che fraunhofer ha brevettato in germania e poi negli usa gli algoritmi che permettono di produrre uno stream mp3 compatibile. ora con tutta la buona volonta del mondo non ci sono modi alternativi per creare uno stream mp3 compatibile senza usare almeno in parte quegli algoritmi...
    • Anonimo scrive:
      Re: Peccato ... potrà quindi succedere anceh a mpc
      - Scritto da: Doktor
      Quindi OGG è il fatto che sia free saranno
      importantissimi.Ormai è il futuro :-)
      Auguri!

      E dovrò DI NUOVO cambiare e informarmi su
      questi cazzo di formati.

      Winamp diventerà un player di OGG ...
      :-)))))) he he he he!!!!!!!Lo è già dalla 2.80, e nelle versioni prima con il plugin :)
      LAME comunque (per codificare mp3) è gratis
      da sempre! Come mai?E' illegale, come l'altro strausato codec, il Radium derivato dal Fraunhofer...
  • Anonimo scrive:
    Io mi tengo WinAmp 2.81...
    E casomai mi crakkero il player MP3 :p
    • Anonimo scrive:
      Re: Io mi tengo WinAmp 2.81...
      - Scritto da: NiKo
      E casomai mi crakkero il player MP3 :pPer adesso in Winamp3 c'è il supporto MP3 (e anche il supporto OGG), già che ci sei scaricati l'ultima versione free :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Io mi tengo WinAmp 2.81...
        - Scritto da: Oberon

        - Scritto da: NiKo

        E casomai mi crakkero il player MP3 :p

        Per adesso in Winamp3 c'è il supporto MP3 (e
        anche il supporto OGG), già che ci sei
        scaricati l'ultima versione free :)Comunque a parte chicchette che funzionano solo da un pentium III in poi, winamp3 fa kakare. Fa errori in riproduzione audio e ci sta mezz'ora a partire.Mi terrò la mia vecchia buona 2.76 ... che parte a scheggia e va sempre.
  • Anonimo scrive:
    Lasciate perdere Theora
    Va beh, per l'audio convertiremo tutti gli mp3 in Ogg Vorbis (la cosa inquietante è che is potrà fare solo con un programma a pagamento o "illegale" da oggi!).Ma per i video non c'è proprio storia, al momento! I codec open source sono quel che sono. L'ON2 su cui si basa Theora è obsoleto (la versione nuova è la 5!!!) e produce file di dimensioni spropositate, rispetto agli altri codec!
    • Anonimo scrive:
      Re: Lasciate perdere Theora
      beh, xvid e ancora in fervido sviluppo mi pare (stop causa violazione gpl a parte) e non mi pare che sfiguri troppo rispetto ad altri mpg4...
      • Anonimo scrive:
        Re: Lasciate perdere Theora
        - Scritto da: qweasdzxc
        beh, xvid e ancora in fervido sviluppo mi
        pare (stop causa violazione gpl a parte) e
        non mi pare che sfiguri troppo rispetto ad
        altri mpg4...Veramente è migliore di divx5...
    • Anonimo scrive:
      Re: Lasciate perdere Theora
      - Scritto da: Ekleptical
      Va beh, per l'audio convertiremo tutti gli
      mp3 in Ogg Vorbis (la cosa inquietante è che
      is potrà fare solo con un programma a
      pagamento o "illegale" da oggi!).No ti prego! :)Con gli mp3 c'è più poco da fare, ce n'è in giro di pessimi a causa di cattivi encoder utilizzati (vedi blade o xing) e varie conversioni di bitrate (si perde sempre comunque comprimendo con un nuovo bitrate o variando formato).Se ora c'è da "partire" con un nuovo formato, vediamo di creare Ogg a partire da cd originali, magari informandoci un po' prima di mettere mano agli attrezzi (vedi newsgroup tipo it.comp.musica.mp3)
    • Anonimo scrive:
      Re: Lasciate perdere Theora
      se non sbaglio con mencoder puoi encodare video scegliendo il codec audio che preferisci! quindi anche ogg!(bello, un divx in ogg!)- Scritto da: Ekleptical
      Va beh, per l'audio convertiremo tutti gli
      mp3 in Ogg Vorbis (la cosa inquietante è che
      is potrà fare solo con un programma a
      pagamento o "illegale" da oggi!).
      Ma per i video non c'è proprio storia, al
      momento! I codec open source sono quel che
      sono. L'ON2 su cui si basa Theora è obsoleto
      (la versione nuova è la 5!!!) e produce file
      di dimensioni spropositate, rispetto agli
      altri codec!
  • Anonimo scrive:
    e Winamp allora? E il MAD?
    Diventeranno tutti a pagamento? E il lame, che è il miglior encoder mp3 attualmente disponibile?Poco male, in fondo esistono già alternative migliori per l'audio (MPC. OGG)... tanto per capire.
    • Anonimo scrive:
      Re: e Winamp allora? E il MAD?

      Diventeranno tutti a pagamento? E il lame,
      che è il miglior encoder mp3 attualmente
      disponibile?fino ad oggi illegale in germania e negli stati uniti.
      Poco male, in fondo esistono già alternative
      migliori per l'audio (MPC. OGG)... tanto per
      capire.mpc e 10 volte piu illegale di lame... buttiamoci su ogg finche possiamo...
  • Anonimo scrive:
    C'era da aspettarselo, passiamo tutti a Ogg Vorbis
    Sigh, prima o poi doveva succedere, hanno solo aspettato che il formato si diffondesse... :(Mi sa che è l'ora di passare definitivamente ad Ogg Vorbis, almeno si ha la certezza che nessuno potrà applicare royalties...Pian piano si stanno muovendo anche gli sviluppatori di lettori audio (es. Winamp chedalla versione 2.80 ha il supporto Ogg integrato) e di programmi per il file sharing (eDonkey riconosce già gli ogg, WinMX introdurrà il supporto completo nella prossima versione, c'è già la beta 3.29)
    • Anonimo scrive:
      Re: C'era da aspettarselo, passiamo tutti a Ogg Vorbis
      - Scritto da: A Lad
      Sigh, prima o poi doveva succedere, hanno
      solo aspettato che il formato si
      diffondesse... :(

      Mi sa che è l'ora di passare definitivamente
      ad Ogg Vorbis, almeno si ha la certezza che
      nessuno potrà applicare royalties...

      Pian piano si stanno muovendo anche gli
      sviluppatori di lettori audio (es. Winamp
      chedalla versione 2.80 ha il supporto Ogg
      integrato) e di programmi per il file
      sharing (eDonkey riconosce già gli ogg,
      WinMX introdurrà il supporto completo nella
      prossima versione, c'è già la beta 3.29)SI ma questo cazzo????????ho comperato un lettore mp3 per la mia macchina neanche da 2 mesiPORCODDUE
      • Anonimo scrive:
        Re: C'era da aspettarselo, passiamo tutti a Ogg Vorbis

        SI ma questo cazzo????????
        ho comperato un lettore mp3 per la mia
        macchina neanche da 2 mesiForse puoi aggiornare il firmware, se è così nessun problema :)
        • Anonimo scrive:
          Re: C'era da aspettarselo, passiamo tutti a Ogg Vo
          e dov'e' il problema?ti tieni il codec che usi attualmente per creare gli mp3 e ti converti i files per la macchina :)
      • Anonimo scrive:
        IDEM
        IDEM (però da un anno)Zio Cantante (in MP3, naturalmente)!
Chiudi i commenti