Microsoft voleva Nokia tutta per sé

Le fonti bene informate parlano di un accordo che era vicino alla ratifica. Poi è saltato tutto per colpa del prezzo. Espoo si gode le attenzioni e guadagna in Borsa
Le fonti bene informate parlano di un accordo che era vicino alla ratifica. Poi è saltato tutto per colpa del prezzo. Espoo si gode le attenzioni e guadagna in Borsa

In passato Microsoft è arrivata molto vicina all’acquisizione di Nokia, dicono le fonti del Wall Street Journal , ma alla fine l’accordo non è stato raggiunto e le due aziende hanno continuato a operare come entità separate pur unite dal comune desiderio di veder crescere il market share dei terminali Windows Phone.

Una delle operazioni più chiacchierate della storia recente – l’inglobamento di Nokia da parte di Microsoft, appunto – era arrivata dunque davvero prossima alla concretizzazione, e a quanto pare Microsoft ha abbandonato il tavolo delle trattative a causa sia del prezzo fissato da Nokia che dell’incerta posizione di mercato dell’ex-colosso finlandese.

Acquisire Nokia avrebbe senso, almeno sulla carta, ma così come nel caso della tentata fusione con Yahoo! ci sarebbero non poche divisioni del produttore di telefonini inutili o superflue ai fini della strategia di Microsoft e della sua volontà di trasformarsi in un’azienda di “dispositivi e servizi” a tutto tondo.

Sia come sia, le speculazioni sui tentativi di acquisizione fanno bene al valore del titolo Nokia in borsa, che cresce (+4,1 per cento) in seguito alla rivelazione dei colloqui con Microsoft nella stessa maniera in cui si è apprezzato con la recente manifestazione di interesse – poi smentita – della cinese Huawei.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

20 06 2013
Link copiato negli appunti