Miitomo, Nintendo si muove verso il mobile

La prima app di Nintendo è una sorta di social network che dovrebbe rappresentare il perno dell'ecosistema di applicazioni videoludiche in programma per il prossimo futuro

Nintendo ha lanciato ufficialmente Miitomo, l’ app per smartphone e tablet che permette di comunicare con gli amici tramite avatar Mii e che dovrebbe rappresentare il punto di partenza della nuova piattaforma di videogiochi mobile della casa giapponese.


L’app era stata anticipata già alla fine dello scorso anno e sfrutterà il look degli omini utilizzati sulla Wii in una via di mezzo tra social network e chat: anche se non supporta la messaggistica in tempo reale in stile WhatsApp si tratta di una scelta ragionata, in quanto vuole offrire un ambiente distinto con una propria atmosfera in cui far chiacchierare gli utenti tramite avatar. Un’atmosfera certamente segnata dallo stile giapponese e arricchita da mini giochi che sentono l’influenza di DeNA, l’altra gaming company giapponese con cui ha collaborato Nintendo.

I Mii potranno essere personalizzati a partire dall’aspetto, la voce ed il carattere (inteso come il modo di muoversi ed interagire con lo spazio circostante), ma anche con oggetti e capi di vestiario che potranno essere acquistati sullo store interno con le monete Miitomo (acquistabili attraverso il sistema di pagamento di App Store o Google Play o usando Miitomo), oppure vinti tramite mini giochi come “Sgancia Mii”, cui si può accedere tramite valuta Miitomo o ticket che ottenibili in vari modi tra cui bonus giornalieri.

Nintendo, in ogni caso, è in ritardo rispetto alla strategia recentemente intrapresa abbracciando il mobile: l’app era attesa, insieme all’annunciato servizio di videogiochi per smartphone, già a dicembre. Un ritardo considerato tra le principali cause di delusione per gli analisti al momento della presentazione della scorsa trimestrale.

Per il momento l’app è disponibile solo in Giappone e prossimamente farà il suo esordio negli Stati Uniti, anche se non è stata ancora rilasciata una data certa. In ogni caso l’attesa è soprattutto perché si tratta del perno nell’ecosistema di app di Nintendo che dovrebbe portare sui dispositivi mobile i suoi titoli di maggior successo entro i prossimi 12 mesi.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • khhg scrive:
    dubbio
    Quale sarà la ragione? I casi possibili sono: 1) Google si è presa un pacco comprando una società con una tecnologia molto meno avanzata di quanto proclamavano 2) Google ha comprato per copiare le ricerche e gli algoritmi e adesso si libere di un progetto che non gli interessa. 3) Bloomberg si è inventata tutto.
    • Salutista scrive:
      Re: dubbio
      - Scritto da: khhg
      Quale sarà la ragione? I casi possibili sono: 1)
      Google si è presa un pacco comprando una società
      con una tecnologia molto meno avanzata di quanto
      proclamavano

      2) Google ha comprato per copiare le ricerche e
      gli algoritmi e adesso si libere di un progetto
      che non gli interessa. 3) Bloomberg si è
      inventata
      tutto.ha perso il contratto con i militari e tanti saluti
  • AXEL scrive:
    peccato...davvero
    una delle poche aziende che traghettava il FUTURO nel qui e ora.
    • collione scrive:
      Re: peccato...davvero
      - Scritto da: AXEL
      una delle poche aziende che traghettava il FUTURO
      nel qui e
      ora.non esageriamoce ne sono migliaia di startup e meno startup che lavorano nel campo della roboticagiusto per citarne due che stanno facendo cose ben più grande di BD ( almeno sul fronte dell'IA ): Softbank e Aldebaran
      • AXEL scrive:
        Re: peccato...davvero
        sulla IA forse, ma sul campo della deambulazione autonoma io, in giro, non ho visto nulla di più impressionante della BD.
  • xcaso scrive:
    povero Atlas
    Ancor prima di trovare lavoro rischia già la "cassa integrazione".Amazon è un potenziale datore comunque, il video parla chiaro.Con le scatole ha un futuro assicurato, quindi problema risolto.
    • collione scrive:
      Re: povero Atlas
      - Scritto da: xcaso
      Ancor prima di trovare lavoro rischia già la
      "cassa
      integrazione".
      Amazon è un potenziale datore comunque, il video
      parla
      chiaro.
      Con le scatole ha un futuro assicurato, quindi
      problema
      risolto.Amazon possiede una sua società di robot e no, non sono robot umanoide ( che se ne farebbero?? ) [yt]quWFjS3Ci7A[/yt]
      • xcaso scrive:
        Re: povero Atlas
        - Scritto da: collione
        Amazon possiede una sua società di robot e no, non sono robot umanoide ( che se ne farebbero?? ) A me lo chiedi? Ma chiedilo a chi ha scritto l' articolo!(Io rispondo da me, ma non rispondo per altri)
  • Mario scrive:
    sicuramente
    il pentagono sarà sicuramente interessato, soprattutto ora che hanno tolto il cavo di alimentazione
    • khhg scrive:
      Re: sicuramente
      - Scritto da: Mario
      il pentagono sarà sicuramente interessato,
      soprattutto ora che hanno tolto il cavo di
      alimentazioneIl modello scartato non aveva cavi, era alimentato da un motore a scoppio.La storia della rumorosità sembra un pretesto. Sostituire il motore con uno meno rumoroso non mi sembra una cosa impossibile. Probabilmente c'erano altri problemi di cui non volevano parlare.
      • Salutista scrive:
        Re: sicuramente
        E' un bidone e i soldati non lo vogliono tra i piedi e' questo il segreto, non basta essere star di youtube sul campo di battaglia
      • Rettilaneo scrive:
        Re: sicuramente
        lento e rumoroso hai detto poco per delle unita' a piedi che si attirano l'attenzione di tutti!!!!E' arrivato il il circo americano signori e signore venite a vedere biglietti omaggio per i bambini
Chiudi i commenti