I millennial adottano le criptovalute per difendersi dall'inflazione

I millennial adottano le criptovalute per difendersi dall'inflazione

Dal 2021 i millenial stanno aumentato l'adozione di criptovalute per difendersi dall'inflazione e dal Covid-19 e aumentare il proprio benessere.
Dal 2021 i millenial stanno aumentato l'adozione di criptovalute per difendersi dall'inflazione e dal Covid-19 e aumentare il proprio benessere.

Da un rapporto intitolato The State of Consumer Banking & Payments della Morning Consult, è emerso che i millennial stanno aumentado l’adozione di criptovalute. In altre parole, la cosiddetta Generazione Y starebbe trovando nel mondo degli asset digitali un modo per crescere a livello economico. Secondo quanto dichiarato dai ricercatori, i giovani stanno cercando di proteggersi dall’inflazione dilagante del dollaro. Inoltre, anche le varianti Delta e Omicron avrebbero fatto la loro parte come attori e promotori di nuovi investimenti. Infine, il motivo che comprende anche tutti gli altri, è che i millennial stanno cercando di aumentare il loro benessere.

La scelta delle Generazioni Y si sposta su piattaforme digitali all’avanguardia che permettono anche di attivare un piano di accumulo programmato in criptovalute. Una tra le più amate dai giovani è Coinbase proprio per la sua praticità, semplicità di utilizzo e la sua applicazione mobile smart e intuitiva.

Le criptovalute sono sempre più smart

Il salto di adozione si è visto in modo preponderante dal 2021, se confrontato con il 2020. Per i giovani millennial le criptovalute sono sempre di più un modo smart per guadagnare. Tra l’altro, secondo i dati registrati dalla Morning Consult, i risultati raggiunti sono decisamente positivi.

Infatti, il 70% degli uomini millennial ha adottato le criptovalute e di questi, il 25% guadagna all’incirca 100.000 dollari all’anno. Ma qual è la situazione che ha portato la Generazione Y a vedere il mondo crittografico come una possibile soluzione del problema legato al benessere? Lo ha rivelato Morning Consult in una nota ufficiale:

Le tendenze generazionali in materia di benessere finanziario sono state esacerbate a gennaio, poiché i millennial e gli adulti della Generazione Z hanno subito i maggiori cali del benessere finanziario, mentre i sentimenti della Generazione X e dei baby boomer sono rimasti relativamente stagnanti. I sentimenti di benessere finanziario sia a breve che a lungo termine sono smorzati: in particolare i millennial avevano meno probabilità di riferire di essere in grado di gestire una grossa spesa imprevista a gennaio (24%) rispetto a dicembre (32%) o affermare di essersi assicurati i loro futures finanziari (rispettivamente 28% e 38%).

I millennial scelgono Coinbase

Dalle indagini della Morning Consult è inoltre emerso che i millennial sono molto più propensi a scegliere l’exchange statunitense Coinbase come piattaforma per gli acquisti di criptovalute. Questo, probabilmente, perché è tra le piattaforme più sicure ed è compatibile con le normative di tantissimi Stati. Inoltre, la sua politica smart permette di attingere anche a lezioni informative immediate che forniscono nozioni sul mondo crypto e permettono di guadagnare qualche soldo.

Secondo il rapporto, la criptovaluta esploderà nel 2022 e a contribuire a questo sarà anche l’adozione delle giovani generazioni. Coinbase è quindi un’exchange giovane, ma anche completo per investire in asset digitali. Infatti, proprio qualche settimana fa Coinbase ha annunciato che in America è possibile ricevere rimborsi fiscali in criptovalute.

*Il 67% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 18 feb 2022
Link copiato negli appunti