MinnowBoard è hardware open source Intel

Santa Clara realizza la sua mini-board per sviluppare anche x86. Nel tentativo di tenere testa alla concorrenza ARM in un settore in crescita

Roma – Una volta c’era solo Raspberry Pi , poi vennero gli emuli ARM e ora anche Intel entra nel gioco delle board di sviluppo economiche con Minnowboard, un quadrato 4×4 (pollici) con tutti i componenti esposti senza protezione e un processore x86 ad alimentare il tutto. Il prezzo, però, non è esattamente comparabile al mini-sistema di origine britannica.

Minnowboard è basato su CPU Atom E640 a 1 GHz e architettura a 32-bit (classe 2010), con componente GPU integrato (GMA 600), 1 GB di memoria RAM DDR2, firmware flash da 4 gigabyte, supporto per unità di storage su USB, microSD, Ethernet 10/100/1000.

Oltre alla possibilità di accedere allo sconfinato archivio di codice e software per architetture PC/x86, spiega Intel, il vantaggio principale di Minnowboard è di fornire agli sviluppatori accesso a tutte quelle tecnologie e standard (SATA, PCIe, UEFI, Ethernet Gigabit e via elencando) in grado di garantire performance molto superiori alla concorrenza ARM – soprattutto, dicono, quando si prendono in considerazione le prestazioni in I/O.

Minnowboard è open source, dice Intel, nel senso che gli schemi della scheda sono stati pubblicatia sul sito della community con licenza FOSS. L’OS fornito a corredo della scheda è Angstrom, e la scheda stessa è compatibile con Yocto Project .

Santa Clara parla di un prodotto economico, ma andando nel concreto gli sviluppatori interessati ad acquistare un’unità Minnowboard dovranno sborsare 199 dollari – un livello di prezzo non esattamente stracciato se si prende in considerazione il costo (35 dollari) del precedentemente citato Raspberry Pi.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Cinguettant e scrive:
    Ma per favore
    "L'espressione finale "with friends" risulterebbe così in violazione del marchio controllato da Zynga"Certo, perché l'espressione "with Friends" l'ha inventata Zynga, come no.RIDICOLI loro e ridicoli chi accoglie queste presunte violazioni di brevetti demenziali.
    • Antony scrive:
      Re: Ma per favore
      D'altronde dal "Mi piace" di Facebook è tutta una discesa per chi vuole brevettare, per farle proprie, frasette di uso comune....mah!
    • luivul scrive:
      Re: Ma per favore
      Purtroppo negli stati uniti se può brevettare qualunque cosa
      • io sono leggenda scrive:
        Re: Ma per favore
        - Scritto da: luivul
        Purtroppo negli stati uniti se può brevettare
        qualunque
        cosapure il buco del XXXX :D
    • Riketto non loggato scrive:
      Re: Ma per favore
      Quindi se io dico "ciao amore, esco con gli amici" devo pagare il pizzo alla zynga?Pero'... che acume che hanno(mi sa che con oggi non gioco piu' a hidden chronicles, non vorrei rischiare oltre...)
Chiudi i commenti