MS offre supporto tecnico ai rivali

Per dimostrare alla Commissione Europea di volersi adeguare alle richieste antitrust, il big di Redmond accelera nuovamente: dopo documentazione e codice sorgente offre anche il know how dei propri tecnici


Bruxelles – Un nuovo piccolo colpo di scena nella telenovela dell’antitrust europeo è arrivato ieri da Microsoft : la società di Bill Gates ha infatti annunciato l’intenzione di sostenere direttamente, con il proprio servizio di assistenza, i rivali che volessero realizzare middleware per Windows.

Si tratta di un annuncio dal forte sapore strategico. Microsoft viene infatti da settimane bollenti sul fronte comunitario dopoché la Commissione Europea ha fatto sapere che, a suo dire, né l’apertura dei codici sorgenti dei protocolli per l’interoperabilità con Windows né la documentazione tecnica presentata dal big di Redmond sono considerati sufficienti. Una dichiarazione che avvicina notevolmente la possibilità che le autorità comunitarie impongano una sanzione giornaliera alla società statunitense.

In una nota, Microsoft spiega che a quelle società che chiederanno una licenza per accedere a tutto il materiale di supporto per sviluppare software concorrenti da far girare su Windows, in particolare quelli multimediali, la softwarehouse fornirà “supporto tecnico illimitato”. Inoltre “espanderà il programma offrendo assistenza on-site ai licenziatari”.

Con questa operazione Microsoft cerca di mettersi al riparo in vista dell’udienza stabilita per la prossima settimana, in cui dovrà sostenere dinanzi alla Commissione la bontà delle azioni svolte per adempiere alle richieste dell’antitrust comunitario. Come noto, questo ha imposto all’azienda di sviluppare una versione di Windows priva del Media Player, di pagare 497 milioni di euro di multa per abuso di posizione dominante e, appunto, di fornire ai rivali tutte le informazioni necessarie per competere con gli applicativi che l’azienda propone agli utenti Windows.

Microsoft ha anche sottolineato che sta lavorando con l’ente di garanzia nominato dalla Commissione e che ha già preparato una lista dei nodi da chiarire all’interno della documentazione.

Da parte sua, la Commissione ancora una volta sembra pronta a dichiararsi insoddisfatta. Il portavoce dell’Esecutivo europeo, Jonathan Todd, ha infatti spiegato che la proposta di Microsoft è costruttiva, che andrà analizzata ma che “comunque, il supporto tecnico è utile soltanto quando la documentazione abbia raggiunto un certo standard di qualità… La posizione preliminare della COmmissione è che la documentazione ancora non soddisfi i requisiti della decisione (dell’antitrust, ndr.)”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    bellissmo... nuovo SPAM
    Si potra' ricevere lo spam direttamente su telefono.Se non costa nulla fare le telefonate tramite Internet, così come e' stato per l'email lo spam andra' alla grande, telefonate continue con registrazioni di "Pamela" che ti invita a visitare il suo sito ecc...
  • Riot scrive:
    Quello che vorrei
    E' una specie di dns che associ i numeri di telefono all'intestatario.Finalmente si potrà tranquillamente evitare di rispondere a quando compare il nome di una società di telemarketing...ops, ecco perchè non verrà mai fatto!
  • Anonimo scrive:
    router
    Tiscali ed altri, però, consentono il VoIP solo collegando un router alla presa telefonica principale.Cioè il loro VoIP avviene tramite ADSL.In questo modo, da una parte viene limitato l'uso di fax ed altre funzionalità simili. Dall'altra non si può nemmeno più usare le prese telefoniche supplementari; cosa che, invece, con Libero, Tele2 e Telecom si può fare.Ancora una volta, cioè, ci troveremo - forse - a risparmiare, ma sorgeranno problemi pratici?
    • Anonimo scrive:
      Re: router
      - Scritto da: Anonimo
      Tiscali ed altri, però, consentono il VoIP solo
      collegando un router alla presa telefonica
      principale.
      Cioè il loro VoIP avviene tramite ADSL.
      In questo modo, da una parte viene limitato l'uso
      di fax ed altre funzionalità simili. Dall'altra
      non si può nemmeno più usare le prese telefoniche
      supplementari; cosa che, invece, con Libero,
      Tele2 e Telecom si può fare.
      Ancora una volta, cioè, ci troveremo - forse - a
      risparmiare, ma sorgeranno problemi pratici?ti attacchi a un altro fornitore ...non credo che sono così scemi da segare SIPio per adesso uso Wengo su Tiscalihanno iniziato per primi con netphone ....ma adesso e' necessario che si adeguino agli standard !!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: router
      - Scritto da: Anonimo
      Tiscali ed altri, però, consentono il VoIP solo
      collegando un router alla presa telefonica
      principale.
      Cioè il loro VoIP avviene tramite ADSL.
      In questo modo, da una parte viene limitato l'uso
      di fax ed altre funzionalità simili. Dall'altra
      non si può nemmeno più usare le prese telefoniche
      supplementari; cosa che, invece, con Libero,
      Tele2 e Telecom si può fare.
      Ancora una volta, cioè, ci troveremo - forse - a
      risparmiare, ma sorgeranno problemi pratici?Io ho Tiscali anche se mantengo la linea Telecom.Mi sono informato per abbandonare Telecom e mettere il VoIP di Tiscali, non ci sono problemi ma hai l'obbligo di prendere a noleggio per 5 EURO al mese il loro router con porta RJ11 per un telefono standard.Ho detto loro che ho già gior di apparecchi VoIP con protocollo SIP o IAX2 e che non avevo bisogno del loro apparecchio ma mi bastano i parametri di connessione, non c'è stato verso, non hanno nessuna offerta di VoIP slegato dal noleggio del loro router.Come non c'è possibilità di avere IP statico su una connessione ADSL come utente privato, solo come azienda.Però la loro ADSL in ULL con 4M/512k a 19,95 al mese è proprio un'offerta molto buona e va anche molto meglio della Libero che avevo prima a 4M/320k.Ad oggi l'unico provider che da ip statici inclusi nell'offerta ADSL è il provider Infinito (British Telecom). Che consiglio caldamente a chi è raggiunto dalla loro rete anche se costa 4 euro in più al mese, il servizio è ottimo.
  • localhost scrive:
    Re: ma invece di..
    - Scritto da: Anonimo
    ..creare delle pagine gialle e tirare su dei
    gateway per passare da un protocollo ad un altro
    non fanno prima a mettersi daccordo e usare tutti
    sip o iax?Che c'entra, scusa, enum è un DNS per i numeri di telefono, la sua funzione è solo quella di sapere che indirizzo IP contattare quando chiamo un particolare numero telefonico i gateway servono se un provider usa uno standard (es. SIP) e uno ne usa un altro (es. IAX)se anche usassero tutti SIP, enum servirebbe lo stesso, così come il DNS serve anche se usano tutti HTTP per il web
    • Anonimo scrive:
      Re: ma invece di..
      - Scritto da: localhost

      - Scritto da: Anonimo

      ..creare delle pagine gialle e tirare su dei

      gateway per passare da un protocollo ad un altro

      non fanno prima a mettersi daccordo e usare
      tutti

      sip o iax?

      Che c'entra, scusa, enum è un DNS per i numeri di
      telefono, la sua funzione è solo quella di sapere
      che indirizzo IP contattare quando chiamo un
      particolare numero telefonico si ma visto che non tutti usano protocolli uguali i record presenti nella directory enum dovranno puntare a dei gateway dei vari isp che gestiscano e traducano i vari protocolli
      i gateway servono se un provider usa uno standard
      (es. SIP) e uno ne usa un altro (es. IAX)appunto
      se anche usassero tutti SIP, enum servirebbe lo
      stesso, così come il DNS serve anche se usano
      tutti HTTP per il webenum non ha senso, se tutti usassero lo stesso protocollo basterebbero indirizzi tipo utente@isp
      • tocomoro scrive:
        Re: ma invece di..


        se anche usassero tutti SIP, enum servirebbe lo

        stesso, così come il DNS serve anche se usano

        tutti HTTP per il web

        enum non ha senso, se tutti usassero lo stesso
        protocollo basterebbero indirizzi tipo utente@ispEnum ti permette di mantenere il tuo attuale numero telefonico, ma essere raggiungibile via protocolli come SIP e IAX.Penso intuirai che non è semplicissimo scrivere pippo@miodominio.com sul proprio telefono, mentre uno si aspetta di telefonare come ha sempre fatto...
  • Anonimo scrive:
    Re: ma invece di..
    così devono dividersi la torta, invece loro vogliono avere tutto
    • Anonimo scrive:
      Re: ma invece di..
      a proposito di chi vuole avere tutto:http://www.secdev.org/conf/skype_BHEU06.handout.pdfbello skype eh? :@
      • Anonimo scrive:
        Re: ma invece di..
        - Scritto da: Anonimo
        a proposito di chi vuole avere tutto:

        http://www.secdev.org/conf/skype_BHEU06.handout.pd

        bello skype eh? :@ Eh, si, perchè invece i protocolli che usano SIP e che non sono neanche criptati sono meglio... mavaaa...
        • Anonimo scrive:
          Re: ma invece di..
          - Scritto da: Anonimo


          - Scritto da: Anonimo

          a proposito di chi vuole avere tutto:




          http://www.secdev.org/conf/skype_BHEU06.handout.pd



          bello skype eh? :@

          Eh, si, perchè invece i protocolli che usano SIP
          e che non sono neanche criptati sono meglio...
          mavaaa...rotfl! ma l'hai letto il paper a quel link? il punto non e' crittare o meno
  • Anonimo scrive:
    ma invece di..
    ..creare delle pagine gialle e tirare su dei gateway per passare da un protocollo ad un altro non fanno prima a mettersi daccordo e usare tutti sip o iax?
Chiudi i commenti