MTV lancia con MS il suo jukebox web

Prezzi in linea con gli standard Apple: 99 centesimi di dollaro per canzone. La piattaforma, URGE, è stata sviluppata a quattro mani insieme a Microsoft e si basa su Windows Media Player

Los Angeles (USA) – MTV , il network televisivo che ha un ruolo centrale nella diffusione della cultura musicale contemporanea, sta per entrare nel mercato della musica digitale grazie alla piattaforma URGE , un vero e proprio anti-iTunes sviluppato insieme a Microsoft .

URGE verrà integrato nelle prossime versioni di Windows Media Player e permetterà di accedere ad un vasto repertorio digitale ricco d’oltre due milioni di canzoni.

Il servizio, operativo sin dai prossimi giorni, offrirà tariffe flat mensili per l’ascolto di radio digitali o per ottenere l’abilitazione al download illimitato di tracce audio: con 9,95 dollari al mese, si legge sul New York Times , sarà possibile ascoltare le canzoni in streaming mentre con 14,95 dollari si potranno caricare le canzoni sui propri player multimediali. I file saranno poi acquistabili singolarmente al prezzo di 99 centesimi , in linea con lo “standard” imposto da Apple .

Il formato digitale delle tracce vendute su URGE è compatibile con i lettori multimediali prodotti da Samsung e con qualsiasi altro apparecchio di riproduzione che utilizzi i DRM Microsoft. Anche MTV ha abbracciato la strategia adottata da RealNetworks e Napster : i file della libreria URGE non sono assolutamente compatibili con i lettori della famiglia iPod.

MTV intende utilizzare URGE come canale preferenziale per la vendita di contenuti esclusivi : registrazioni di concerti e trasmissioni televisive, speciali e programmazioni radiofoniche dedicate all’audience di URGE. Secondo Phil Leigh , uno dei maggiori esperti statunitensi nel campo dei nuovi media, MTV è destinata ad avere un grande successo in questa nuova impresa.

“Il brand di MTV è già vincente”, dice Leigh, “specialmente su quei segmenti demografici di consumatori che utilizzano più volentieri le tecnologie digitali”. L’accoppiata tra l’esperienza ventennale di MTV nel ruolo di trendsetter e l’onnipresenza di Windows Media Player, praticamente diffuso su qualsiasi terminale informatico equipaggiato con Windows, potrebbero rappresentare un problema non da poco per Apple, oggi leader pressoché incontrastato del settore.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Marco Battaglia scrive:
    www.mp3stor.com
    e da diverso tempo che mi sto documentanto su forum e internet dei siti come mp3stor,capisco che molte persone scaricano musica da questi siti (illegali) perchè effetivamente i costi sono irrisori,e qualcuno dirà pure "bene cosi queste multinazionali del disco non prenderanno i miei soldi" però non li prendono nemmeno gli artisti,certo nel caso di artisti grandi come U2 o mandonna o tanti altri forse può essere compreso ma per artisti minori che proprio di musica non ci vivono sono gabbati ben 2 volte io spero sempre che molte di queste persone che usufruiscono di questi sistemi un giorno siano dall'altra parte della barricata cioè musicista.E molto dura comprare strumenti,soldi per andare in tour etc,etc,beh vedremo poi cosa penseranno quando dovranno affrontare questi problemi.buona musica a tuttiMarco
  • Anonimo scrive:
    Come a scuola: Problema
    Dunque sono a NY per lavoro e in un negozio copro il cofanetto di Battlestar Galactica serie 1.Torno in italia con il suddetto e scopro che sul sito Itunes non lo avrei potuto comperare (forse perche' qui lo sta' giusto trasmettendo SKY) che faccio? Mi autodenuncio per cosa, importazione parallela? Brucio i DVD?
    • Anonimo scrive:
      Re: Come a scuola: Problema
      - Scritto da:
      Dunque sono a NY per lavoro e in un negozio copro
      il cofanetto di Battlestar Galactica serie
      1.
      Torno in italia con il suddetto e scopro che sul
      sito Itunes non lo avrei potuto comperare (forse
      perche' qui lo sta' giusto trasmettendo SKY) che
      faccio? Mi autodenuncio per cosa, importazione
      parallela? Brucio i
      DVD?ci dovresti solo pagare l'iva ma sicuramente non ti è concesso fare una pubblica visione dei dvd.e comunque il problema non è quello...ma può un sito russo subordinato alla legislazione russa in materia di diritti d'autore e cazzilli vari, vendere all'estero dove tali disposizioni sono ben diverse e fare concorrenza a chi vende seguento queste disposizioni più restrittive?
      • Anonimo scrive:
        Re: Come a scuola: Problema

        ma può un sito russo subordinato alla legislazione russa in
        materia di diritti d'autore e cazzilli vari,
        vendere all'estero dove tali disposizioni sono
        ben diverse e fare concorrenza a chi vende
        seguento queste disposizioni più
        restrittive?Si'.Per lo stesso principio per cui la SIAE mette i suoi bollini sugli anime della Daito (azienda di Hong Kong che tarocca ufficialmente anime giapponesi/coreani)
  • frizzo scrive:
    il sito è on.
    il sito è pienamente raggiungible dall'italia senza proxyhttp://www.allofmp3.com/
    • Anonimo scrive:
      Re: il sito è on.
      - Scritto da: frizzo
      il sito è pienamente raggiungible dall'italia
      senza
      proxy


      http://www.allofmp3.com/Grazie,corro a COMPRARE un paio di album che mi servono da venerdì (quando mi sono accorto che il sito era down) e che nei negozi italiani non esistono.
      • Anonimo scrive:
        Re: il sito è on.

        Grazie,

        corro a COMPRARE un paio di album che mi
        servono da venerdì (quando mi sono accorto che il
        sito era down) e che nei negozi italiani non
        esistono.La situazione è tornata come a settimana scorsa:il sito è UP senza alcuna possibilità di ricaricare il conto o portare a termine un acquisto.
  • Anonimo scrive:
    Quale differenza col P2P?
    Scusate ma dopo che avete scaricato e pagato un mp3 da un sito del genere, cosa lo differenzia da un file preso dal p2p? c'è del codice dentro al file?Vi fanno stampare una ricevuta? E' così difficile falsificarla?Se arriva un controllo, come fate a dire "ah ma io questo file l'ho comprato legalmente". Come fate a provarlo?Se non paga la SIAE non è legale, come non è legale comprare CD musicali all'estero e portarli in Italia, teoricamente dovreste pagare la SIAE alla dogana.Spiegatemelo perché io non capisco che gusto ci provi la gente a pagare qualcosa che è identico a ciò che può avere gratis col p2p, anche dal punto di vista legale.
    • Anonimo scrive:
      Re: Quale differenza col P2P?

      Se non paga la SIAE non è legale, come non è
      legale comprare CD musicali all'estero e portarli
      in Italia, teoricamente dovreste pagare la SIAE
      alla
      dogana.Sorry?Questa me la devi spiegare... e documentare.Quella pretesa dalla SIAE non è né un'imposta né un dazio. Perchè mai dovrei pagare la SIAE alla dogana?In secondo luogo, se proprio vogliamo vedere il balzello imposto dalla siae dovrebbe eqiovalere ad un riconoscimento del diritto d'autore nato per tutelare e remunerare l'opera ed il suo autore, non il supporto su cui l'opera è pubblicata.In parole povere pagando la siae (un po' come con le licenze software) io acquisisco il diritto all'ascolto (fruizione) del brano, ma a voler vedere, e qui si invade il campo del diritto alla copia privata, se io possiedo ad esempio un vecchio vinile di Cocciante (per il quale ho già pagato i diritti SIAE), posso possedere ed ascoltare anche una copia digitale (i recenti MP3) degli stessi brani contenuti nel lo LP, senza che ciò possa essere considerato illegale.
      • Anonimo scrive:
        Re: Quale differenza col P2P?
        - Scritto da:

        Se non paga la SIAE non è legale, come non è

        legale comprare CD musicali all'estero e
        portarli

        in Italia, teoricamente dovreste pagare la SIAE

        alla

        dogana.

        Sorry?

        Questa me la devi spiegare... e documentare.
        Quella pretesa dalla SIAE non è né un'imposta né
        un dazio. Perchè mai dovrei pagare la SIAE alla
        dogana?

        In secondo luogo, se proprio vogliamo vedere il
        balzello imposto dalla siae dovrebbe eqiovalere
        ad un riconoscimento del diritto d'autore nato
        per tutelare e remunerare l'opera ed il suo
        autore, non il supporto su cui l'opera è
        pubblicata.

        In parole povere pagando la siae (un po' come con
        le licenze software) io acquisisco il diritto
        all'ascolto (fruizione) del brano, ma a voler
        vedere, e qui si invade il campo del diritto alla
        copia privata, se io possiedo ad esempio un
        vecchio vinile di Cocciante (per il quale ho già
        pagato i diritti SIAE), posso possedere ed
        ascoltare anche una copia digitale (i recenti
        MP3) degli stessi brani contenuti nel lo LP,
        senza che ciò possa essere considerato
        illegale.si ok...ma non è quello che voleva dire lui...almeno da quanto ho capito io.Penso si riferisse al fatto se è legale acquistare in Italia su internet questi mp3 venduti sotto legislazione russa con la problematica diritti d'autore che diverge da un paese all'altro.
        • Anonimo scrive:
          Re: Quale differenza col P2P?
          Eh beh comunque lo stesso ragionamento può essere applicato ad emusic, sito che ti permette di scaricare tot di mp3 con un canone mensile (quindi no fattura brano per brano). A questo punto è illegale pure quello visto che non è UE? Mi sembra strano visto che gode dell'appoggio delle indie labels che vi adersicono e che, per quanto ne so, alcune sono pure italiane.
          • Anonimo scrive:
            prova d'acquisto?
            Ma uno come fa a provare l'acquisto? Altrimenti chiunque abbia scaricato mp3 con il p2p potrebbe dire "li ho comprati da siti web legali".Se l'acquirente non ha nessuna prova d'acquisto per quel file, che spende soldi a fare?
    • Anonimo scrive:
      Re: Quale differenza col P2P?
      - Scritto da:
      Scusate ma dopo che avete scaricato e pagato un
      mp3 da un sito del genere, cosa lo differenzia da
      un file preso dal p2p? c'è del codice dentro al
      file?
      Vi fanno stampare una ricevuta? E' così difficile
      falsificarla?

      Se arriva un controllo, come fate a dire "ah ma
      io questo file l'ho comprato legalmente". Come
      fate a
      provarlo?Non voglio polemizzare, ma riflettere sul sistema imperfetto che la SIAE e le major vorrebbero imporre...Non dirmi che tieni gli scontrini di tutti i CD che acquisti LEGALMENTE in Italia.E come ti comporti con i CD che acquisti LEGALMENTE all'interno della Unione Europea (che non riportano la scritta SIAE nemmeno sul supporto)?Altro dubbio. Avrai sicuramente fatto caso che spesso il bollino SIAE dei cd Import venduti in Italia è applicato sul film plastico che avvolge il Jewel Box. Non dirmi che tieni religiosamente tutti i bollini SIAE.E se si rompe la confezione originale del CD (mai successo?) La tieni rotta o la cambi con una nuova e te ne sbatti del bollino?In tutte queste situazioni come faresti in caso di controllo a dimostrare che il cd è legalmente acquistato? e non importato illegalmente o ricettato (diciamo frutto di incauti acquisti).
      • Anonimo scrive:
        Re: Quale differenza col P2P?

        governo Berlusconi ha pure messo una tassa sui
        masterizzatori e sui programmi per
        masterizzare.Già!In quanto autore delle foto dei miei figli, dei backup domestici e di quelli aziendali... quanto mi spetta dalla SIAE?
    • Anonimo scrive:
      Re: Quale differenza col P2P?
      - Scritto da:
      Se non paga la SIAE non è legale, come non è
      legale comprare CD musicali all'estero e portarli
      in Italia, teoricamente dovreste pagare la SIAE
      alla
      dogana.Assolutamente falso, ho svariati CD e DVD comprati all'estero (nello specifico: fuori UE ne ho presi da USA e Giappone, dentro l'UE da UK e Francia) e tutti regolarmente nella dichiarazione del contenuto (e nella bolla doganale per i pacchi provenienti fuori dall'UE) avevano scritto CD o DVD e quando provenienti da USA e Giappone sono stati tassati (e ivati) come tali. Quando provenienti da Francia e UK non sono ovviamente stati tassati.Ma in nessun caso, sia di CD/DVD tassati che non, ho trovato una voce "pagamento SIAE", ma soltanto "Dazio" (3.5% del valore dichiarato) e "IVA" (20% del valore dichiarato).PS Erano CD e DVD comprati su Internet da negozi online di chiara fama quindi il valore e' quello, per gli invii da privati senza valore dichiarato immagino che abbiano delle tabelle, non lo so perché finora non ho comprato dall'estero da privati ma solo da negozi.
  • Anonimo scrive:
    Volumi o margini?
    E' un mercato che le major dovrebbero analizzare in temini di disponibilità alla spesa. Il budget del consumatore medio può essere (per esempio) 20 Euro/mese per l'acquisto di prodotti musicali?Che stimolino il consumatore a spendere quei soldi. Punto.Ho comprato circa 20 album su allofMP3 e MP3Search.In negozio avrei comprato al massimo 1 o 2 CD garantendo al rivenditore di turno sempre e comunque lo stesso introito senza superare il budget previsto.E' inutile che le major pensino: "questo tizio ha acquistato 20 album a 20 Euro (in tutto) e quindi abbiamo avuto un mancato introito di 390 Euro"Io avrei comunque speso solo 20 euro per acquistare un solo CD evitando dunque l'acquisto di altri album. Tutto ciò senza vivere la situazione con senso di rinuncia.Non credo di essere l'unico a ragionare così.
    • Anonimo scrive:
      Re: Volumi o margini?
      No infatti, è un ottimo ragionamento il fattore spesa mensile. Io non ho ancora sperimentato l'acquisto tramite questo sito, ma è vero che mi concedo relativamente pochi album originali per motivi di costi.
    • Cpt_Crunch scrive:
      Re: Volumi o margini?
      - Scritto da:
      Ho comprato circa 20 album su allofMP3 e
      MP3Search.

      In negozio avrei comprato al massimo 1 o 2 CD
      garantendo al rivenditore di turno sempre e
      comunque lo stesso introito senza superare il
      budget
      previsto.

      E' inutile che le major pensino: "questo tizio ha
      acquistato 20 album a 20 Euro (in tutto) e quindi
      abbiamo avuto un mancato introito di 390
      Euro"Se compri 1 album o 20 su allofmp3, alle major e agli artisti NON ARRIVA NIENTE comunque. Quando capirete che allomp3 equivale al mulo sarà sempre troppo tardi. Solo che il mulo è gratis...
      • Anonimo scrive:
        Re: Volumi o margini?

        prova a fare un commento che non sia una frase
        fatta...ma mettici del tuo...poi potrai
        pretendere delle
        risposte...Non è una questione di frasi fatte (dove poi?)Non compro musica né DVD.Non vado ai concerti.Non vado al cinema.Etc.Cerco di evitare di regalare soldi che mi son costati sacrificio a qualcuno che vende qualsiasi cosa (prodotto o servizio) che non ritengo valga il denaro richiesto.In generale il mondo dell'entertainment offre prodotti qualitativamente scadenti, facendoli pagare oro.Il prezzo richiesto dai servizi quali AllofMP3 è equo. Se tutti gli operatori del settore ragionassero in questi termini, non esisterebbe la crisi che lamentano.
  • Anonimo scrive:
    ottimo sito
    Ottimo sito, l'ho usato qualche volta con soddisfazione. Questo dovrebbe far riflettere sul fatto che io non ho problemi a PAGARE (avrei potuto usare il P2P aggratis), ho invece problemi a pagare una cifra spropositata per ottenere file pure protetti (pago e non posso sentirli sull'autoradio)Meditate, major, meditate.
    • Anonimo scrive:
      Re: ottimo sito
      - Scritto da:
      Ottimo sito, l'ho usato qualche volta con
      soddisfazione. Questo dovrebbe far riflettere
      sul fatto che io non ho problemi a PAGARE (avrei
      potuto usare il P2P aggratis), ho invece problemi
      a pagare una cifra spropositata per ottenere file
      pure protetti (pago e non posso sentirli
      sull'autoradio)

      Meditate, major, meditate.medita tu...visto che nessuno ha ancora stabilito se è legale da paesi terzi acquistare online su siti russi musica a prezzi così ridotti
      • Anonimo scrive:
        Re: ottimo sito

        medita tu...visto che nessuno ha ancora stabilito
        se è legale da paesi terzi acquistare online su
        siti russi musica a prezzi così
        ridottiMedita tu invece su questo fatto: è principio fondamentale del diritto che ogni comportamento non DICHIARATAMENTE illegale sia lecito.Ne consegue che finchè non dicono che è illegale si può benissimo acquistare.Ma per quelli come te lo stato come una mamma ci dice tutto quello che possiamo fare vero?
        • Anonimo scrive:
          Re: ottimo sito
          - Scritto da:


          medita tu...visto che nessuno ha ancora
          stabilito

          se è legale da paesi terzi acquistare online su

          siti russi musica a prezzi così

          ridotti

          Medita tu invece su questo fatto: è principio
          fondamentale del diritto che ogni comportamento
          non DICHIARATAMENTE illegale sia
          lecito.non c'azzecca!
          Ne consegue che finchè non dicono che è illegale
          si può benissimo
          acquistare.
          Ma per quelli come te lo stato come una mamma ci
          dice tutto quello che possiamo fare
          vero?non c'azzecca.invece di propinare risposte da avvocatucolo azzeccagarbugli...medita sulla problematica
  • Anonimo scrive:
    Ma è legale?
    Se non pagano diritti d'autore, comprare canzoni presso questo sito non equivale a scaricarle con il P2P?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma è legale?
      E se lo scarichi da Itunes Music Store versione USA è legale o no?La risposta è no, non è legale. E' come averlo scaricato dal P2P.Solo che lo avrai pagato .99$ e non potrai usarlo immediatamente su tutti i lettori di MP3.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma è legale?
        - Scritto da:
        E se lo scarichi da Itunes Music Store versione
        USA è legale o
        no?Non è legale? Che bella cosa ...
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma è legale?
          - Scritto da: La Febbra

          - Scritto da:

          E se lo scarichi da Itunes Music Store versione

          USA è legale o

          no?

          Non è legale? Che bella cosa ...si chiamano legislazioni nazionali...che poi a te piacciano o meno...esistono comunque
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma è legale?
            - Scritto da:

            - Scritto da: La Febbra



            - Scritto da:


            E se lo scarichi da Itunes Music Store
            versione


            USA è legale o


            no?



            Non è legale? Che bella cosa ...

            si chiamano legislazioni nazionali...che poi a te
            piacciano o meno...esistono
            comunqueNo, è che non sapevo che non si potesse utilizzare l'Itunes USA dall'Italia. Ne so pochissimo di Itunes.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma è legale?
            - Scritto da: La Febbra

            - Scritto da:



            - Scritto da: La Febbra





            - Scritto da:



            E se lo scarichi da Itunes Music Store

            versione



            USA è legale o



            no?





            Non è legale? Che bella cosa ...



            si chiamano legislazioni nazionali...che poi a
            te

            piacciano o meno...esistono

            comunque

            No, è che non sapevo che non si potesse
            utilizzare l'Itunes USA dall'Italia. Ne so
            pochissimo di
            Itunes.ah ecco...beh ognuno puo regolarmente acquistare dal proprio itunes nazionale...se non esiste v'era all'inizio la possibilità di acquistare su quello americano ma era un trucchetto e non una procedura regolare
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma è legale?
            è legale comprare CD su amazon?
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma è legale?
            - Scritto da:
            è legale comprare CD su amazon?Sì
        • Cpt_Crunch scrive:
          Re: Ma è legale?
          - Scritto da: La Febbra

          - Scritto da:

          E se lo scarichi da Itunes Music Store versione

          USA è legale o

          no?

          Non è legale? Che bella cosa ...Non "sarebbe" legale, visto che NON è possibile farlo.Puoi scaricare da iTMS USA solo se sei americano.Un italiano può scaricare solo da iTMS italiano, e così via per gli altri Paesi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma è legale?

      Se non pagano diritti d'autore, comprare canzoni
      presso questo sito non equivale a scaricarle con
      il P2P?In realta' loro li pagano, i diritti d'autore. Solo che lo fanno all'ente russo.E tu, comprando in Russia, paghi giustamente le royalty in Russia e con la legge sei a posto.E' solo che i discografici non si accontentano delle percentuali che la Russia concede loro e hanno impedito fino ad oggi che l'ente russo venisse riconosciuto ...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma è legale?
        - Scritto da:

        Se non pagano diritti d'autore, comprare canzoni

        presso questo sito non equivale a scaricarle con

        il P2P?

        In realta' loro li pagano, i diritti d'autore.
        Solo che lo fanno all'ente
        russo.
        E tu, comprando in Russia, paghi giustamente le
        royalty in Russia e con la legge sei a
        posto.
        E' solo che i discografici non si accontentano
        delle percentuali che la Russia concede loro e
        hanno impedito fino ad oggi che l'ente russo
        venisse riconosciuto
        ...ma se l'ente russo è ben riconosciuto a tal punto che è stato espulso dall'organismo internazionale perchè non versa quanto deve.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma è legale?
          la motivazione in realtà non è stata spiegata ma in effetti 2+2 fa sempre 4....
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma è legale?

          ma se l'ente russo è ben riconosciuto a tal punto
          che è stato espulso dall'organismo internazionale
          perchè non versa quanto
          deve.Semplicemente non gli sta bene che esista un servizio legale che venda a prezzi inferiori del cartello perche' genererebbe concorrenza.Un discorso di antitrust insomma.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma è legale?

            Semplicemente non gli sta bene che esista un
            servizio legale che venda a prezzi inferiori del
            cartello perche' genererebbe
            concorrenza.
            Un discorso di antitrust insomma.Beata ignoranza. Se non pagano i diritti degli autori, equivale ad un furto. Che poi il prezzo al pubblico sia il punto forte, granzie graziella e graziealcaso: non paghi i diritti, quel che incassi è tutto tuo, gli ingnoranti ti mollano tutti i loro dati e carte di credito... il business è sicuramente buono: PER I RUSSI!Svegliatevi, risparmiare 50 centesimi e uccidere i vosri artisti preferiti (escludere le major) e contemporaneamente regalare i vostri dati personali e bancari a gente che fa dell'illegalità il proprio modello di business.... non è poi un grande affare.
  • Anonimo scrive:
    Re: Mp3 russi sempre più popolari
    "evitando di pagare regolarmente le royalty che spettano alle case discografiche, ogni canzone viene venduta all'eclatante prezzo di circa 10 centesimi - quasi dieci volte meno rispetto al "prezzo standard" fissato da Apple."allora; questi hanno una lista incredibile di pezzi, ti offrono la possibilità di scegliere la codifica al volo. In pratica offrono un ottimo servizio che nessun altro fa. Riescono a pagare tutte le loro spese, guadagnare e in più dicono che pagano anche gli autori.Adesso non sono molto forte in matematica, ma aggiungendo una percentuale credibile per il lavoro di pubblicità e finanziamento dei gruppi da parte delle case discografiche, come si fa matematicamente ad arrivare da 10 + 10 * x % = 100 ?Chi chiede interessi del genere non é mica perseguibile legalmente?Saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: Mp3 russi sempre più popolari
      - Scritto da:
      "evitando di pagare regolarmente le royalty che
      spettano alle case discografiche, ogni canzone
      viene venduta all'eclatante prezzo di circa 10
      centesimi - quasi dieci volte meno rispetto al
      "prezzo standard" fissato da
      Apple."

      allora; questi hanno una lista incredibile di
      pezzi, ti offrono la possibilità di scegliere la
      codifica al volo. In pratica offrono un ottimo
      servizio che nessun altro fa. Riescono a pagare
      tutte le loro spese, guadagnare e in più dicono
      che pagano anche gli
      autori.

      Adesso non sono molto forte in matematica, ma
      aggiungendo una percentuale credibile per il
      lavoro di pubblicità e finanziamento dei gruppi
      da parte delle case discografiche, come si fa
      matematicamente ad arrivare da 10 + 10 * x % =
      100
      ?

      Chi chiede interessi del genere non é mica
      perseguibile
      legalmente?

      Salutida una discussione recente sempre qui su PI...risultava che quel sito non paga per nulla gli autori
      • Anonimo scrive:
        Re: Mp3 russi sempre più popolari

        da una discussione recente sempre qui su
        PI...risultava che quel sito non paga per nulla
        gli autoriio credo che loro paghino la SIAE russa, che poi detta siae non paghi gli autori, questo è un altro problema. Tu credi davvero che se io acquisto in Italia il CD dei Fischerspooner, la SIAE italiana paghi a loro? Da quello che diceva Report no. Quei soldi li intascava Ramazzotti o La banda del liscio. Ah. già. ma è diverso in quel caso. Ho comunque speso 16 euro (se va bene)
        • Anonimo scrive:
          Re: Mp3 russi sempre più popolari
          - Scritto da:

          da una discussione recente sempre qui su

          PI...risultava che quel sito non paga per nulla

          gli autori

          io credo che loro paghino la SIAE russa, che poi
          detta siae non paghi gli autori, questo è un
          altro problema. Tu credi davvero che se io
          acquisto in Italia il CD dei Fischerspooner, la
          SIAE italiana paghi a loro? Da quello che diceva
          Report no. Quei soldi li intascava Ramazzotti o
          La banda del liscio. Ah. già. ma è diverso in
          quel caso. Ho comunque speso 16 euro (se va
          bene)quello che succedeva in russia era chiaro...non veniva pagata la siae russa che non pagava gli autori..ed è stata radiata dall'organismo internazionale di cui faceva parte
          • Anonimo scrive:
            Re: Mp3 russi sempre più popolari
            Pagano la ROMS che equivale alla SIAE russa. Effettivamente è stata espulsa dalla organizzazione internazionale, ufficialmente non si sa il perchè, ma non mi sembra impossibile capirlo...Domanda mia OT: visto che cmq. la ROMS viene pagata anche sui CD acquistati in Russia, allora diventano pirati anche i rivenditori normali di musica alla luce di quanto detto sopra?
    • Anonimo scrive:
      Re: Mp3 russi sempre più popolari

      "evitando di pagare regolarmente le royalty che
      spettano alle case discografiche, ogni canzone
      viene venduta all'eclatante prezzo di circa 10
      centesimi - quasi dieci volte meno rispetto al
      "prezzo standard" fissato da
      Apple."Parlando di CD (fisici ed autentici), se le case discografiche cercassero di vendere musica in russia agli stessi prezzi applicati nell'ovest europeo non riuscirebbero a venderne un solo pezzo.Accantono per un attimo il discorso SIAE & C.E' un dato di fatto che a seconda dei mercati su cui il prodotto viene commercializzato, i produttori/distributori applicano differenti pesi e misure.Se io acquistassi un cd autentico nell'est europeo lo pagherei l'equivalente di 8 o 10 Euro; Scaricando un album da AllofMP3 in qualità CD lo pagherei 8, 10, 12 Euro.Dove sta la differenza?In primo luogo nella corretta attribuzione di un valore del brano legato alla qualità di codifica ed al peso (in termini di quantità di dati trasferiti) del brano stesso.Si sa benissimo che un MP3 non offre la qualità di ascolto tipica di un CD.In secondo luogo nel valore attribuito al prodotto rispetto al reddito medio pro capite del paese in cui viene commercializzato.Ad ogni modo sembra che le leggi della domanda e dell'offerta siano state dimenticate o distorte da un mercato troppo avido.
      • Anonimo scrive:
        Re: Mp3 russi sempre più popolari
        - Scritto da:

        "evitando di pagare regolarmente le royalty che

        spettano alle case discografiche, ogni canzone

        viene venduta all'eclatante prezzo di circa 10

        centesimi - quasi dieci volte meno rispetto al

        "prezzo standard" fissato da

        Apple."

        Parlando di CD (fisici ed autentici), se le case
        discografiche cercassero di vendere musica in
        russia agli stessi prezzi applicati nell'ovest
        europeo non riuscirebbero a venderne un solo
        pezzo.

        Accantono per un attimo il discorso SIAE & C.

        E' un dato di fatto che a seconda dei mercati su
        cui il prodotto viene commercializzato, i
        produttori/distributori applicano differenti pesi
        e
        misure.
        Se io acquistassi un cd autentico nell'est
        europeo lo pagherei l'equivalente di 8 o 10 Euro;
        Scaricando un album da AllofMP3 in qualità CD lo
        pagherei 8, 10, 12
        Euro.

        Dove sta la differenza?

        In primo luogo nella corretta attribuzione di un
        valore del brano legato alla qualità di codifica
        ed al peso (in termini di quantità di dati
        trasferiti) del brano
        stesso.
        Si sa benissimo che un MP3 non offre la qualità
        di ascolto tipica di un
        CD.

        In secondo luogo nel valore attribuito al
        prodotto rispetto al reddito medio pro capite del
        paese in cui viene
        commercializzato.

        Ad ogni modo sembra che le leggi della domanda e
        dell'offerta siano state dimenticate o distorte
        da un mercato troppo
        avido.guarda che i prezzi di zona li fa da una vita anche la lewis coi jeans...
        • Anonimo scrive:
          Re: Mp3 russi sempre più popolari

          guarda che i prezzi di zona li fa da una vita
          anche la lewis coi
          jeans...C'è una differenza.Il CD di un determinato autore è tipicamente pubblicato in uno specifico territorio da una sola etichetta che ne detiene l'esclusiva.Se vuoi il cd di Sting o compri quello o non lo compri.Per quanto riguarda altri beni di consumo (jeans inclusi) c'è modo di scegliere prodotti alternativi a prezzi concorrenziali e (diciamolo pure) di qualità migliore del marchio che hai menzionato tu.Ad ogni modo non mi porrei il problema dei jeans: avanti di questo passo saremo tutti in giro in mutande :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Mp3 russi sempre più popolari
            - Scritto da:

            guarda che i prezzi di zona li fa da una vita

            anche la lewis coi

            jeans...

            C'è una differenza.
            Il CD di un determinato autore è tipicamente
            pubblicato in uno specifico territorio da una
            sola etichetta che ne detiene
            l'esclusiva.

            Se vuoi il cd di Sting o compri quello o non lo
            compri.

            Per quanto riguarda altri beni di consumo (jeans
            inclusi) c'è modo di scegliere prodotti
            alternativi a prezzi concorrenziali e (diciamolo
            pure) di qualità migliore del marchio che hai
            menzionato
            tu.

            Ad ogni modo non mi porrei il problema dei jeans:
            avanti di questo passo saremo tutti in giro in
            mutande
            :)ho semplicemente detto che il prezzo di zona è anche applicato a prodotti di largo consumo che non siano la musica...non ho ragionato sulle alternative. PUNTO
    • Anonimo scrive:
      Re: Mp3 russi sempre più popolari

      allora; questi hanno una lista incredibile di
      pezzi, ti offrono la possibilità di scegliere la
      codifica al volo. In pratica offrono un ottimo
      servizio che nessun altro fa. Riescono a pagare
      tutte le loro spese, guadagnare e in più dicono
      che pagano anche gli
      autori.Non sei obiettivo. In realtà offrono un ottimo servizio violando le regole.
      • Anonimo scrive:
        Re: Mp3 russi sempre più popolari

        Non sei obiettivo. In realtà offrono un ottimo
        servizio violando le
        regole.Ti sfugge il problema.Visto che il servizio è comparabile (leggasi costi tecnico/amministrativi uguali a quelli di Itunes) in che tasche finiscono i 90 eurocent in più? A parte qualche cent come costo di produzione direi che la gran parte serva a mantenere nel lusso più volgare star, markettari, maGnager e compagnia bella.Questi simpatici personaggini non voglio la pirateria? Abbassino i prezzi, magari tagliando cosette come i loro yacht con i cessi in oro...
      • Anonimo scrive:
        Re: Mp3 russi sempre più popolari

        Non sei obiettivo. In realtà offrono un ottimo
        servizio violando le
        regole.io volevo solo dire che il prezzo per la distribuzione di un pezzo può essere 10 centesimi o meno e LEGALMENTE. La parte illegale sta nel non pagare le royalty agli autori dei brani. Se si calcola che per un album ricavano circa un euro diventa circa 10 centesimi per pezzo (a me sembra tanto, o almeno il calcolo dovrebbe essere fatto in base alla vendita).Siamo arrivati a 20 centesimi io vorrei solo sapere chi reclama gli altri 80 e per quale motivo. Non esiste nessun controllo? Non esistono delle leggi per i prezzi? Non dovrebbe esserci trasparenza?
        • Anonimo scrive:
          Re: Mp3 russi sempre più popolari
          - Scritto da:


          Non sei obiettivo. In realtà offrono un ottimo

          servizio violando le

          regole.

          io volevo solo dire che il prezzo per la
          distribuzione di un pezzo può essere 10 centesimi
          o meno e LEGALMENTE.legalmente al di fuori della russia no. La parte illegale sta nel
          non pagare le royalty agli autori dei brani. forse sta anche nel non poter vendere al di fuori della russia brani che sottostanno solo ai diritti russi in russiaSe
          si calcola che per un album ricavano circa un
          euro diventa circa 10 centesimi per pezzo (a me
          sembra tanto, o almeno il calcolo dovrebbe essere
          fatto in base alla
          vendita).

          Siamo arrivati a 20 centesimi io vorrei solo
          sapere chi reclama gli altri 80 e per quale
          motivo.
          gli altri 80 vanno in minima parte agli intermediari e il grosso alle major...e di quel grosso gli artisti vedono solo le bricciole


          Non esiste nessun controllo? Non esistono delle
          leggi per i prezzi? Non dovrebbe esserci
          trasparenza?
          • Anonimo scrive:
            Re: Mp3 russi sempre più popolari


            io volevo solo dire che il prezzo per la

            distribuzione di un pezzo può essere 10
            centesimi

            o meno e LEGALMENTE.

            legalmente al di fuori della russia no.
            ...rispiego: i server sono loro, non penso che rubino qualcosa a qualcuno, gli stabili se ne hanno li pagano, non penso che rubino qualcosa a qualcuno, gli impiegati sono maggiorenni e lavorano regolarmente, l'elettricità la pagano, non penso che rubino qualcosa a qualcuno,...questo é tutto legale, ed é identico a quello che necessitano tutti gli altri distributori di musica on-line
          • Anonimo scrive:
            Re: Mp3 russi sempre più popolari
            - Scritto da:



            io volevo solo dire che il prezzo per la


            distribuzione di un pezzo può essere 10

            centesimi


            o meno e LEGALMENTE.



            legalmente al di fuori della russia no.



            ...rispiego: i server sono loro, non penso che
            rubino qualcosa a qualcuno, gli stabili se ne
            hanno li pagano, non penso che rubino qualcosa a
            qualcuno, gli impiegati sono maggiorenni e
            lavorano regolarmente, l'elettricità la pagano,
            non penso che rubino qualcosa a
            qualcuno,...

            questo é tutto legale, ed é identico a quello che
            necessitano tutti gli altri distributori di
            musica
            on-lineNO....ITMS deve costiture stores nazionali per rispettare le regole delle majors presenti nei vari paesi così come le legislazioni nazionali.il resto sui server e quant'altro è tutta tappezzeria
          • Anonimo scrive:
            Re: Mp3 russi sempre più popolari
            Domanda non polemica:ma allora è illegale anche emusic ? ed è illegale pure comprare CD su amazon o siti simili comunque non UE?
          • Anonimo scrive:
            Re: Mp3 russi sempre più popolari
            Avevo chiesto per amazon.com o siti fuori UE... ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: Mp3 russi sempre più popolari

            Avevo chiesto per amazon.com o siti fuori UE... ;)Lo so, ma già su questi il bollino è invisibile :) e tieni conto che l'equivalente della siae inglese ha pure una licenza per DJ!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Mp3 russi sempre più popolari
            Ci vuole proprio un'avvocato qui dentro allora che possa delucidarci..... :|
      • Anonimo scrive:
        Re: Mp3 russi sempre più popolari


        allora; questi hanno una lista incredibile di

        pezzi, ti offrono la possibilità di scegliere la

        codifica al volo. In pratica offrono un ottimo

        servizio che nessun altro fa. Riescono a pagare

        tutte le loro spese, guadagnare e in più dicono

        che pagano anche gli

        autori.

        Non sei obiettivo. In realtà offrono un ottimo
        servizio violando le regole.No, non violano le regole: applicano solamente quelle del loro stato - sono gia' stati citati in giudizio e i giudici russi hanno dato loro ragione.Il servizio e' legale in Russia e chi compra compra in Russia e quindi non fa nulla di illegale;solo che i prezzi non piacciono ai soliti noti, che vogliono sempre mettere le mani nei nostri portafogli senza chiederci il permesso...
        • Anonimo scrive:
          Re: Mp3 russi sempre più popolari
          - Scritto da:


          allora; questi hanno una lista incredibile di


          pezzi, ti offrono la possibilità di scegliere
          la


          codifica al volo. In pratica offrono un ottimo


          servizio che nessun altro fa. Riescono a
          pagare


          tutte le loro spese, guadagnare e in più
          dicono


          che pagano anche gli


          autori.



          Non sei obiettivo. In realtà offrono un ottimo

          servizio violando le regole.

          No, non violano le regole: applicano solamente
          quelle del loro stato - sono gia' stati citati in
          giudizio e i giudici russi hanno dato loro
          ragione.
          Il servizio e' legale in Russia e chi compra
          compra in Russia e quindi non fa nulla di
          illegale;solo che i prezzi non piacciono ai
          soliti noti, che vogliono sempre mettere le mani
          nei nostri portafogli senza chiederci il
          permesso...in Russia..ma chi compra dall'estero?è quello il problema
  • Anonimo scrive:
    Re: Mp3 russi sempre più popolari
    lo stop che si vede sul sito è un filtro applicato agli ip sorgenti di alcuni paesi, l'italia viene filtrata cosi'. se usate un proxy esterno, il sito è perfettamente raggiungibile, probabilmente qualcuno gli ha chiesto di bannarci.
    • Anonimo scrive:
      Re: Mp3 russi sempre più popolari
      - Scritto da:
      lo stop che si vede sul sito è un filtro
      applicato agli ip sorgenti di alcuni paesi,
      l'italia viene filtrata cosi'.sicuro? Dice chiuso per manutenzione. Non è la prima volta che succede :
    • Anonimo scrive:
      Re: Mp3 russi sempre più popolari
      - Scritto da:
      se usate un proxy esterno, il sito è
      perfettamente raggiungibileNon mi pare proprio.
  • Anonimo scrive:
    andate su http://www.mp3stor.com/
    Allofmp3 e' giu apparentemente per manutenzione ma sui forum si discute la possibilita' che sia stato chiuso in relazione alla richiesta della Russia di entrare nel WTO dove l'america ha posto di fare qualcosa per la protezione del copyright.Attualmente dire se sia vero e' impossibile ma di certo e' che il dominio sta migrando di dns quindi dove andra a finire.I gestori di AllOfmp3 hanno comunque aperto questo http://www.mp3stor.com/ dove, se ho letto bene, chi aveva un acconto su primo se lo ritrovera' attivo sul secondo ovvero il database degli utenti e' stato importato.
    • Anonimo scrive:
      Re: andate su http://www.mp3stor.com/
      A me però non funziona questo giochino. Ho provato ma apparentemente non riconosce l'account come valido. A qualcuno è riuscito ? Come sai che sono gli stessi di allofmp3?
  • Anonimo scrive:
    Re: Mp3 russi sempre più popolari
    :Dci compro soltanto per fare dispetto alle lobbies.Però adesso il sito è fermo per manutenzione
    • Anonimo scrive:
      Re: Mp3 russi sempre più popolari
      - Scritto da:
      :D
      ci compro soltanto per fare dispetto alle
      lobbies.
      Però adesso il sito è fermo per manutenzioneuhhh che dispettone...
      • Anonimo scrive:
        Re: OT+OT- Mp3 russi sempre più po
        Dispettone o non dispettone .... ma saranno cakki miei?
        • Anonimo scrive:
          Re: OT+OT- Mp3 russi sempre più po
          - Scritto da:
          Dispettone o non dispettone .... ma saranno cakki
          miei?
          e allora che ce li racconti a fare?sai che ce frega...cacchione
    • Anonimo scrive:
      Re: Mp3 russi sempre più popolari
      ma è legale al fine questo sito?
      • Anonimo scrive:
        Re: Mp3 russi sempre più popolari
        - Scritto da:
        ma è legale al fine questo sito?è la domanda di sempre...
      • Anonimo scrive:
        Re: Mp3 russi sempre più popolari

        ma è legale al fine questo sito?La magistratura russa ha detto di si.Che poi la decisione non piaccia ai soliti (avidi) noti è un'altro discorso.
        • Anonimo scrive:
          Re: Mp3 russi sempre più popolari
          - Scritto da:


          ma è legale al fine questo sito?

          La magistratura russa ha detto di si.
          Che poi la decisione non piaccia ai soliti
          (avidi) noti è un'altro
          discorso.ma che c'azzecca la magistratura russa col diritto vigente negli altri paesi?
          • Anonimo scrive:
            Re: Mp3 russi sempre più popolari
            Essendo il sito in russia c'azzecca abbastanza. ;) Piuttosto ci vorrebbe un esperto in merito per chiarirci la situazione. Ogni volta che compare una notizia riguardante allofmp3 o mp3search si scatena sempre una gazzarra di pareri contrastanti senza mai arrivare ad una conlusione.
          • Cpt_Crunch scrive:
            Re: Mp3 russi sempre più popolari
            - Scritto da:
            Essendo il sito in russia c'azzecca abbastanza.La magistratura Araba condanna a morte le donne adultere e gli omosessuali. La magistratura olandese non condanna nessuno per vendita o acquisto di erba o haschisc.In Italia valgono SOLO le leggi italiane e europee.
            ;) Piuttosto ci vorrebbe un esperto in merito per
            chiarirci la situazione. Ogni volta che compare
            una notizia riguardante allofmp3 o mp3search si
            scatena sempre una gazzarra di pareri
            contrastanti senza mai arrivare ad una
            conlusione."Esperto"? E in cosa dovrebbe essere esperto, in logica?È stato spiegato mille volte che la musica venduta su allofmp3 è RUBATA ai suoi legittimi proprietari perchè dalla russia NON ESCE un centesimo.Gli autori, i tecnici, i produttori che hanno LAVORATO per creare quella stessa musica NON VENGONO PAGATI da allofmp3, né dalla SIAE russa!!!!Apri gli occhi e smettila di trollare, ci sono siti russi identici nella forma a allofmp3 che VENDONO Photoshop, WindowsXP, MSOffice a pochi dollari. Credi che Adobe o Microsoft vedano qualche soldo di quelli incassati da quei siti?Apple ha DOVUTO aprire iTMS diversi per ogni Paese perché le leggi nazionali sono diverse, chi glielo ha fatto fare se basta andare aprire un sito in Russia e intascare tutto quello che si incassa fregandosene dei legittimi proprietari della merce trattata? E perché preoccuparsi di tenere su un sistema di fatturazione per SINGOLO BRANO?Tutti furbi....con i soldi degli altri.Facciamo così, TU prepari un sito web (o scrivi un'applicazione, sviluppi un database o quello che ti pare) IO lo vendo al cliente, IO guadagno e TU non vedi una lira.Bello, no?QUESTO succede con allofmp3
          • Anonimo scrive:
            Re: Mp3 russi sempre più popolari
            Cos'è hai dei problemi???Sei avvocato, giudice o quant'altro?Voglio solo sapere qualcosa in più da qualcuno che se ne intende tutto qui...rilassati un pochino che è meglio
Chiudi i commenti