MySQL 5.1, una falsa partenza?

Sun lancia la nuova major release di MySQL, frutto di circa tre anni di lavoro da parte dell'ex team di MySQL AB. Ma secondo il principale padre del software, Michael Widenius, il software contiene ancora diversi bug gravi

Roma – È un debutto poco felice quello che negli scorsi giorni ha caratterizzato MySQL 5.1, nuova major release del famoso database management system open source. A poche ore dal rilascio della nuova versione, uno dei creatori di questo software ha infatti “spifferato” al mondo le principali magagne – alcune ritenute piuttosto serie – che ancora affliggono il nuovo MySQL.

A lavare i panni sporchi in pubblico è niente meno che Michael “Monty” Widenius , principale artefice dell’architettura di MySQL ed ex CTO di MySQL AB, società acquisita da Sun all’inizio dell’anno. Widenius, che fa tuttora parte del team di sviluppo di MySQL, ha pubblicato un lungo post sul proprio blog dove spiega perché, contrariamente a quanto affermato da Sun, la versione GA (Generally Available) di MySQL 5.1 non sia adatta per l’utilizzo in ambienti di produzione .

Widenius afferma che la nuova release del famoso database contiene dei “fatal bugs” capaci di causare il crash del software e, nei casi peggiori, corrompere tabelle e record. Il co-fondatore di MySQL AB elenca una ventina di bug noti di MySQL 5.1 GA , ed arriva persino a dichiarare che questa versione del software andrebbe considerata una beta.

“A mio parere non ci sono buone ragioni per dichiarare qualcosa GA, specialmente ricordando come la 5.0 GA fosse in uno stato terribile quando venne rilasciata”, scrive Monty. “La cosa peggiore è che la qualità delle nuove funzionalità di MySQL 5.1 non è migliore di quella che caratterizzava MySQL 5.0 quando venne dichiarato GA”.

La versione 5.0 di MySQL venne ufficialmente rilasciata nell’ottobre del 2005: l’attuale release 5.1 è dunque il frutto di almeno tre anni di lavoro.

Widenius sconsiglia l’aggiornamento a MySQL 5.1 a chi oggi utilizza la versione 5.0, ma ai nuovi utenti suggerisce invece l’installazione dell’ultima release : a suo dire, infatti, questa “è quanto meno migliore della versione community di MySQL 5.0, che non viene più aggiornata da tempo”.

Michael Widenius Le frizioni tra Widenius e Sun sono ben note, e sono all’incirca le stesse che lo scorso ottobre hanno spinto l’altro co-fondatore di MySQL AB, David Axmark, a lasciare Sun e il team di sviluppo di MySQL. Nonostante ciò, Widenius afferma che Sun non è responsabile dei difetti che affliggono MySQL 5.1 : lo sviluppatore dirige le proprie accuse soprattutto verso Mårten Mickos , senior vice president del Database Group di Sun ed ex CEO di MySQL AB. Secondo Widenius, il rilascio prematuro di una versione GA va cercata nel desiderio di Mickos di avere “qualcosa che si possa vendere, non importa se a scapito della qualità”.

A parere di Widenius urge un cambio di rotta nella gestione dello sviluppo di MySQL, pena un’irrimediabile perdita d’immagine per MySQL e Sun. In particolare, egli ritiene che lo sviluppo del database debba seguire un modello più community-driven e adottare test di qualità più rigorosi e standardizzati. Sebbene non lo dica espressamente, appare chiaro che Windenius si stia candidando a ricoprire un ruolo di comando all’interno della divisione database di Sun.

Monty sembra godere di un ampio consenso all’interno della comunità di MySQL, ma c’è anche chi ritiene che le sue prese di posizione siano strumentali , e mirate soprattutto a fare lo scalpo a Mickos per prenderne il posto. Sun afferma che la nuova release di MySQL è stata progettata per migliorare le performance e semplificare la gestione delle applicazioni basate su database di grandi dimensioni: in quest’ultimo campo applicativo, MySQL 5.1 fornirebbe in media il 15% in più di performance rispetto alla versione attuale.

Tra le novità della nuova release si citano il supporto a cinque differenti tipi di partizionamento orizzontale dei dati (range, hash, key, list e composite), replica ibrida e raw-based dei dati, tool per lo scheduling degli eventi, e un nuovo Upgrade Advisor per l’add-on commerciale MySQL Enterprise Monitor.

Il partitioning, che fa la prima comparsa in questa nuova release, permette una gestione dei dati suddivisa su diverse tabelle fisiche: la velocità di accesso alle informazioni aumenta notevolmente, ed è una soluzione fondamentale quando i dati crescono e non si disponga di un partizionamento “logico” lato applicazione. Tale caratteristica è presente in quasi tutte le edizioni enterprise dei principali database commerciali.

Tra le novità maggiormente attese da chi necessita di elevate performance e affidabilità c’è l’utilizzo del disco per lo storage NBD, che permette a MySQL Cluster, la versione parallela di MySQL sotto licenza GPL2, di non essere più un database totalmente in memoria, il che ne dovrebbe ampliare gli ambiti di utilizzo.

Da citare infine l’uso di uno scheduler interno al database, che permette di lanciare procedure o istruzioni SQL senza appoggiarsi al cron di Linux o al task scheduler di Windows.

Per approfondire le novità di MySQL 5.1, e scaricarne i binari per Windows, Linux e varie piattaforme Unix, si rimanda a questa pagina .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • francesco xxx scrive:
    intenet
    il Nostro paese è l'unico con le teriffe e costi cosi alti
  • ada scrive:
    fregnacce
    non credete ad Eurostat!...dicono un sacco di fregnacce...come tutti gl istituti di statistica "ufficiale"...
  • Un lettore scrive:
    10000 in meno
    Abito in un comune di 10.000 persone. Siamo nel 2008 (2009 fra poco poco) e qua NON C'E' COPERTURA ADSL.Digital divide? Io mi sento separato da un fossato rispetto a persone che abitano a fondo valle e hanno un 20mbit che non sanno usare. Io vi scrivo con un 48k via telefonino. Ops... ho finito i 480 MB mensili, mi tocca staccarmi (siamo sempre nel 2008).
  • Alvaro Vitali scrive:
    Maroni: "IP unico per ogni utente"!!!!!
    HAAAAAAAAAAAAAAAAA!Aiutoooooooooooooo!Fermate questi sciagurati, inetti e incompetenti totali!Tutto il mondo ci riderà dietro!http://www.ilmessaggero.it/articolo_app.php?id=12160&sez=HOME_SCIENZA&npl=&desc_sez=
  • Er Puntaro Ubuntaro scrive:
    Puffff! Ma dai che lo sapete benissimo.
    I dati Eurostat riferiti alle attività svolte online dagli utenti, indicano che gli italiani non considerano il commercio elettronico, diffidano dell'internet banking, utilizzano poco i servizi della pubblica amministrazione e non approfittano della rete nemmeno per cercare un posto di lavoro. E allora a cosa lo usano a fare internét, gli italiani? Lo sappiamo tutti che si va in rete per guardare della gran topa. Però arriva quel triste giorno (perchè inesorabilmente arriva) in cui ti rompi i maroni di vedere la solita topa in tutte le situazioni possibili e immaginabili (e anche oltre). A quel punto ti sorge spontanea una domanda: "E adesso? Che cazzo ci faccio con internet?"(newbie)Da qui le disconnessioni. Tutto torna, insomma, non c'è niente di strano.[yt]7LkQo8TWGMg[/yt]
    • Francesco_Holy87 scrive:
      Re: Puffff! Ma dai che lo sapete benissimo.
      Stupendo questo video, lo conoscevo già! :D
      • sconsolato scrive:
        Re: Puffff! Ma dai che lo sapete benissimo.
        Bel video. I sottotitoli invece sono l'ennesima dimostrazione che frequentare la Rete non è automaticamente segno di adeguatezza culturale.
  • AlexdelVier o scrive:
    in francia l'abbonamento costa 5 euro!
    So che in francia per collegarsi ad internet con adslpaghi anche solo 5 euro e senza canone fisso del telefono!Qui in italia costa un botto e molti levano telefono fisso e ADSL se non gli e' strettamente necessaria!Per un operaio telefono piu adsl telecom son decine di euro al mese e non son pochi oggi come oggi.Vogliano che cresciamo? Comincino a prenderci meno in giro e a non farci pagare tutto sempre un esagerazione!Ma che siamo in Italia il paese delle vacche da mungere???mah
  • miconsenta scrive:
    Strano ......
    Lui (ho le mani sulle palle) non aveva ancora parlato di internet (lo ha fatto oggi) e già c'era crisi ...... strano, di solito va tutto a guano dopo che ci ha messo mano o lingua (economia, attentati, terremoti, banche, ecc.ecc.) ....... l'attentato in America c'è stato dopo pochi mesi che era presidente, il terremoto in Basilicata idem, l'economia è crollata dopo 5 mesi che è stato rieletto ......Cambiamo mestiere, adesso che ci mette mano lui chissà che succede.
  • William Breviglier i scrive:
    Servizio Italia che vergogna
    Gli Italiani forse non sono zoticoni, forse non hanno voglia di farsi sempre prendere in giro.Eurostat dovrebbe fare una verifica della copertura a banda larga offerta sul territorio italiano ed analizzare lo stesso servizio offerto dagli altri paesi europei. Gli operatori italiani, Telecom in prima linea, offrono un servizio che a dir poco è vergognoso e al limite della truffa.C'è forse qualche persona che accetterebbe di andare da un negoziante ad acquistare un etto di prosciutto di Parma arrivare a casa e trovare un etto di mortadella? Per semplificare, questi vendono 7 Mega, 20 Mega, paghi per quelli e poi è effettivamente così?Il bello che nessuna associazione dei diritti dei consumatori dice niente.
    • mirco scrive:
      Re: Servizio Italia che vergogna
      la velocità di banda a 7 oppure 20 mega in down é pcr,ossia la velocità massima possibile,non effettiva...Negli altri paesi mica si lamentano
  • wisp scrive:
    diaciamo tutta la verità
    questi dati non sono attendibili in quanto la gente fugge dai "colossi" e grandi distributori di banda internet (sia tramite rame che telefonia mobile) e si abbona ai piccoli wisp e aziende locali che forniscono connettività a costi molto più bassi e concorrenziali... meglio così !!! telecom e company andate a quel paese e ben vi stà !!!
  • ginopico scrive:
    internet
    La scarsa diffusione secondo me è anche dovuta ai prezzi,alla scarsa serietà di alcuni operatori,le penali in caso di recesso anticipato..e poi perchè dovrebbe essere un segnale di scarsa cultura?
  • Anonimo scrive:
    arretratezza culturale?
    Ma perchè non avere l'adsl a casa significa ' profonda arretratezza culturale italiana '? Io programmo da 15 anni nei più svariati linguaggi (da Assembly a PHP, passando per c++, c#, VB, Java...) e progetto architetture di rete eppure, la sera, quando torno a casa ho piacere a giocare con mio figlio o leggere un libro (il pc, a casa, lo uso solo per scaricare la posta via modem 56k). E non mi sento arretrato nel mondo informatico (sia che parli di Windows, Mac, AS400, ecc.). Non vedo perchè fare due giri in Internet o navigare su google sia sintomo di avanzamento culturale... e non avere internet a casa arretratezza?
  • Willy Pasini scrive:
    italiani zoticoni/Telecom Italia pessima
    Unite l'arretratezza dell'italiano medio che è in mano alle decisioni prese da persone che hanno in media 65 annial fatto che Telecom Italia fornisce un servizio ADSL che dire pessimo è dire poco e il risultato è : ultimi in Europa per utilizzo ADSL.Se si incappa in qualche anomalia durante l'installazione di ALICE e si prova a chiedere assistenza ci si rende conto che è davvero un grande sforzo ottenere l'ADSL a casa. Ogni centralinista dice una cosa diversa, si evita il più possibile di inviare personale qualificato al domicilio per risolvere un guasto. è una vera e propria vessazione. Telecom Italia, con tutti i soldi che ti sei mangiata, nemmeno un servizio ADSL decente puoi offrire? Speriamo tu fallisca presto!
  • cabana scrive:
    di tutto di più
    l'arretratezza è dovuta a:1) paese sempre + vecchio!2) tariffe alte 3) il potere lo vede come un pericolo, non a caso il berlusca ora vuole regolarizzarlo.....chissà che combina!4) un corso base di informatica oltre 500 .... premettendo che non si arriva alla fine del mese!!5) che vergogna ci hanno superato persino i lituani ....
    • pippo scrive:
      Re: di tutto di più
      Arretratezza culturale? Ci son persone che non sanno quando metter l'h davanti al verbo avere e ci si lamenta di internet... Collegarsi ad una chat o su facebook è cultura è cultura avanzata? Ma va là...
  • ANONIMO scrive:
    INTERNET BERLUSCONI COMUNITà EBRAICA
    P.S per la redazione...non vi dice nulla il fatto che io stia postando?NEWS OGGI 13,39- LA STRANA CONGIUNTURA DI IDEE TRA LA PROPOSTA DI BERLUSCONI E QUELLA DELLE COMUNITà EBRAICHE ..NOSTRANE,-http://www.borsaitaliana.reuters.it/news/newsArticle.aspx?type=internetNews&storyID=2008-12-03T123911Z_01_MIE4B20G2_RTROPTT_0_OITIN-G8-INTERNET-BERLUSCONI.XMLINFATTI ERA DA TEMPO CHE QUESTE ULTIME,CON LA SCUSANTE DEL RAZZISMO E DELL'ANTISEMITISMO,FACEVANO PRESSIONI SUI VARI GOVERNI NEL TENMTATIVO DI ZITTIRE E CENSURARE SITI ANTISIONISTI E ANTISIARELIANI -L'EBREO SIONISTA ISRAELIANO ALESSANDRO RUBEN CHE PUò GODERE TRAMITE LA SUA ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE SIONISTA DI APPOGGI INTERNZAIONALI SI è FATTO PROMOTORE DI TALE LEGGE ERA DA TEMPO INFATTI CHE MIRAVA AD UNA LEGGE CHE CENSURASSE I SITI INTERNET -ANCHE RICCARDO PACIFICI http://80.241.231.25/ucei/PDF/2008/2008-11-20/2008112011155679.PDF HA PROPOSTO DI REGOLAMENTARE INTERNET PER COLMARE ,COME ESSO DEFINISCE "IL VUOTO MONDIALE"DELLA LEGISLAZIONE INTERNETLEGGETE QUI LA PROPOSTA DI LEGGE DEL PRESIDENTE DELLA COMUNITà EBRAICA DI ROMA PER SCHEDARE I VBLOGGER -UNA VOLTA OBLIGATI A DICHIARARE LA PROPIA IDENTITà ,TRAMITE LISTE DEGLI IP DIFFUSI ANCHE CLANDESTINAMENTE AI SERVER SARà IMPOSSIBILE PER CHIUNQUE RISULTI ESSERE SCOMODO AL SISTEMA APRIRE BLOG O DIFFONDERE IN RETE LA PROPIA OPINIONE-http://notizie.alice.it/notizie/politica/2008/10_ottobre/03/razzismo_presto_proposta_di_legge_contro_siti_web_ xenofobi,16298399.html(LA NOTIZIA LINKATA SOPRA NEL QUALE SI RIPORTAVALA PROPOSTA DI LEGGE ALESSANDRO RUBEN è STRANAMENTE SPARITA.....,MA è POSSIBILE RICUPERARLA DALLA COPIA CACHE DI GOOGLEhttp://209.85.135.104/search?q=cache:w2LaBBIGjIMJ:notizie.alice.it/notizie/politica/2008/10_ottobre/03/razzismo_presto_proposta_di_legge_contro_siti_web_ xenofobi,16298399.html+RAZZISMO+PRESTO+PROPOSTA+LE GGE+CONTRO+SITI+WEB+XENOFOBI&hl=it&ct=clnk&cd=1&gl =itP.Squesta notizi è stata tratta dalla copia cache di un blog oscurato
  • LeoC scrive:
    Digital divide??? Macchè!
    Siamo i primi in europa per rapporto sim attive/popolazione.Meno cellulari, più internet.Ma da noi non funzionerebbe.
  • ANONIMO scrive:
    ALLARMIBERLUSCONI VUOLE REGOLARE INTERNE
    ATTENZIONE!!BERLUSCONI VUOLE REGOLAMENTARE INTERNET NEWS OGGI 13,39- LA STRANA CONGIUNTURA DI IDEE TRA LA PROPOSTA DI BERLUSCONI E QUELLA DELLE COMUNITà EBRAICHE ..NOSTRANE,-http://www.borsaitaliana.reuters.it/news/newsArticle.aspx?type=internetNews&storyID=2008-12-03T123911Z_01_MIE4B20G2_RTROPTT_0_OITIN-G8-INTERNET-BERLUSCONI.XMLINFATTI ERA DA TEMPO CHE QUESTE ULTIME,CON LA SCUSANTE DEL RAZZISMO E DELL'ANTISEMITISMO,FACEVANO PRESSIONI SUI VARI GOVERNI NEL TENMTATIVO DI ZITTIRE E CENSURARE SITI ANTISIONISTI E ANTISIARELIANI -L'EBREO SIONISTA ISRAELIANO ALESSANDRO RUBEN CHE PUò GODERE TRAMITE LA SUA ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE SIONISTA DI APPOGGI INTERNZAIONALI SI è FATTO PROMOTORE DI TALE LEGGE ERA DA TEMPO INFATTI CHE MIRAVA AD UNA LEGGE CHE CENSURASSE I SITI INTERNET -ANCHE RICCARDO PACIFICI http://80.241.231.25/ucei/PDF/2008/2008-11-20/2008112011155679.PDF HA PROPOSTO DI REGOLAMENTARE INTERNET PER COLMARE ,COME ESSO DEFINISCE "IL VUOTO MONDIALE"DELLA LEGISLAZIONE INTERNETLEGGETE QUI LA PROPOSTA DI LEGGE DEL PRESIDENTE DELLA COMUNITà EBRAICA DI ROMA PER SCHEDARE I VBLOGGER -UNA VOLTA OBLIGATI A DICHIARARE LA PROPIA IDENTITà ,TRAMITE LISTE DEGLI IP DIFFUSI ANCHE CLANDESTINAMENTE AI SERVER SARà IMPOSSIBILE PER CHIUNQUE RISULTI ESSERE SCOMODO AL SISTEMA APRIRE BLOG O DIFFONDERE IN RETE LA PROPIA OPINIONE-http://notizie.alice.it/notizie/politica/2008/10_ottobre/03/razzismo_presto_proposta_di_legge_contro_siti_web_ xenofobi,16298399.html(LA NOTIZIA LINKATA SOPRA NEL QUALE SI RIPORTAVALA PROPOSTA DI LEGGE ALESSANDRO RUBEN è STRANAMENTE SPARITA.....,MA è POSSIBILE RICUPERARLA DALLA COPIA CACHE DI GOOGLEhttp://209.85.135.104/search?q=cache:w2LaBBIGjIMJ:notizie.alice.it/notizie/politica/2008/10_ottobre/03/razzismo_presto_proposta_di_legge_contro_siti_web_ xenofobi,16298399.html+RAZZISMO+PRESTO+PROPOSTA+LE GGE+CONTRO+SITI+WEB+XENOFOBI&hl=it&ct=clnk&cd=1&gl =itP.Squesta notizi è stata tratta dalla copia cache di un blog oscurato
  • marcov scrive:
    Ultim'ora OT Berlusconi e internet
    Berlusconi: "Regolamentare internet farò una proposta al G8 di gennaio"ROMA - "Regolamentare internet". Silvio Berlusconi, dopo la visita al polo tecnologico di poste italiane, lancia una proposta italiana che il governo s'impegna a portare sul tavolo del prossimo G8 - presieduto proprio dal nostro Paese. "A gennaio sarò per la terza volta presidente del G8, che sarà un G20 - dice il premier - e rappresenterà l'80% dell'economia mondiale e il 72% della popolazione mondiale".Berlusconi poi annuncia: "Porteremo sul tavolo una proposta di regolamentazione di internet in tutto il mondo, essendo internet un forum aperto a tutto il mondo". Il premier parla di una proposta fatta con una "prospettiva internazionale, in cui l'Italia possa essere avanguardia. Queste tecnologie sono il futuro per tutto il mondo".Non so perché ma non sono tranquillo
    • Stiv Giobs scrive:
      Re: Ultim'ora OT Berlusconi e internet
      Berlusconi dice così tante sciocchezze che di solito all'estero non lo prende nessuno sul serio. Speriamo non sia questa la volta in cui comincino a dargli retta.
      • Armisael Garrick scrive:
        Re: Ultim'ora OT Berlusconi e internet
        Non è stato preso in considerazione a Tokyo, credi che verrà preso in considerazione solo perchè si fa il G8 in italia?
    • pippo scrive:
      Re: Ultim'ora OT Berlusconi e internet

      Non so perché ma non sono tranquillorilassati il nano fa danni solo in itaGlia, fuori nessuno se lo fila
    • Staff scrive:
      Re: Ultim'ora OT Berlusconi e internet
      Bene, prepariamoci alla guerra (digitale, s'intende !)
    • pippo scrive:
      Re: Ultim'ora OT Berlusconi e internet
      - Scritto da: marcov
      Berlusconi: "Regolamentare internet farò una
      proposta al G8 di
      gennaio"

      ROMA - "Regolamentare internet". Silvio
      Berlusconi, dopo la visita al polo tecnologico di
      poste italiane, lancia una proposta italiana che
      il governo s'impegna a portare sul tavolo del
      prossimo G8 - presieduto proprio dal nostro
      Paese. "A gennaio sarò per la terza volta
      presidente del G8, che sarà un G20 - dice il
      premier - e rappresenterà l'80% dell'economia
      mondiale e il 72% della popolazione
      mondiale".
      Berlusconi poi annuncia: "Porteremo sul tavolo
      una proposta di regolamentazione di internet in
      tutto il mondo, essendo internet un forum aperto
      a tutto il mondo". Il premier parla di una
      proposta fatta con una "prospettiva
      internazionale, in cui l'Italia possa essere
      avanguardia. Queste tecnologie sono il futuro per
      tutto il
      mondo".

      Non so perché ma non sono tranquilloMa cazzo qua c'è gente che fa la file per prendere un pezzo di pane alla caritas e lui pensa a regolamentare internet...ma che se ne vada un pò affanculo.Ma guarda te per chi cazzo ho votato.....
      • pippo scrive:
        Re: Ultim'ora OT Berlusconi e internet
        - Scritto da: pippo
        - Scritto da: marcov

        Berlusconi: "Regolamentare internet farò una

        proposta al G8 di

        gennaio"



        ROMA - "Regolamentare internet". Silvio

        Berlusconi, dopo la visita al polo tecnologico
        di

        poste italiane, lancia una proposta italiana che

        il governo s'impegna a portare sul tavolo del

        prossimo G8 - presieduto proprio dal nostro

        Paese. "A gennaio sarò per la terza volta

        presidente del G8, che sarà un G20 - dice il

        premier - e rappresenterà l'80% dell'economia

        mondiale e il 72% della popolazione

        mondiale".

        Berlusconi poi annuncia: "Porteremo sul tavolo

        una proposta di regolamentazione di internet in

        tutto il mondo, essendo internet un forum aperto

        a tutto il mondo". Il premier parla di una

        proposta fatta con una "prospettiva

        internazionale, in cui l'Italia possa essere

        avanguardia. Queste tecnologie sono il futuro
        per

        tutto il

        mondo".



        Non so perché ma non sono tranquillo

        Ma cazzo qua c'è gente che fa la file per
        prendere un pezzo di pane alla caritas e lui
        pensa a regolamentare internet...ma che se ne
        vada un pò
        affanculo.

        Ma guarda te per chi cazzo ho votato.....Immagino già la popolazione di tutto il mondo preoccuparsi perchè internet non è regolamentata: "oddio oddio, chi ci salverà? chi regolamenterà internet? internet così com'è oggi è un pericolo per tutti! silvio salvaci tu...Silvio salvaci da chi può esprimere idee gratuitamente e senza prima averle fatte approvare da te..."
    • anonimo scrive:
      Re: Ultim'ora OT Berlusconi e internet
      - Scritto da: marcov
      Berlusconi: "Regolamentare internet farò una
      proposta al G8 di
      gennaio"

      ROMA - "Regolamentare internet". Silvio
      Berlusconi, dopo la visita al polo tecnologico di
      poste italiane, lancia una proposta italiana che
      il governo s'impegna a portare sul tavolo del
      prossimo G8 - presieduto proprio dal nostro
      Paese. "A gennaio sarò per la terza volta
      presidente del G8, che sarà un G20 - dice il
      premier - e rappresenterà l'80% dell'economia
      mondiale e il 72% della popolazione
      mondiale".
      Berlusconi poi annuncia: "Porteremo sul tavolo
      una proposta di regolamentazione di internet in
      tutto il mondo, essendo internet un forum aperto
      a tutto il mondo". Il premier parla di una
      proposta fatta con una "prospettiva
      internazionale, in cui l'Italia possa essere
      avanguardia. Queste tecnologie sono il futuro per
      tutto il
      mondo".Evvai col turbo!!!
    • Funz scrive:
      Re: Ultim'ora OT Berlusconi e internet
      - Scritto da: marcovBene, farà fare l'ennesima monumentale figura di mer*a al Paese intero.I berluscones non lo capiscono, ma al di fuori dell'Italia Berlusconi è visto come un inaffidabile buffone, un cialtrone poco onesto.
    • ginopico scrive:
      Re: Ultim'ora OT Berlusconi e internet
      neppure io..
    • ginopico scrive:
      Re: Ultim'ora OT Berlusconi e internet
      - Scritto da: marcov
      Berlusconi: "Regolamentare internet farò una
      proposta al G8 di
      gennaio"

      ROMA - "Regolamentare internet". Silvio
      Berlusconi, dopo la visita al polo tecnologico di
      poste italiane, lancia una proposta italiana che
      il governo s'impegna a portare sul tavolo del
      prossimo G8 - presieduto proprio dal nostro
      Paese. "A gennaio sarò per la terza volta
      presidente del G8, che sarà un G20 - dice il
      premier - e rappresenterà l'80% dell'economia
      mondiale e il 72% della popolazione
      mondiale".
      Berlusconi poi annuncia: "Porteremo sul tavolo
      una proposta di regolamentazione di internet in
      tutto il mondo, essendo internet un forum aperto
      a tutto il mondo". Il premier parla di una
      proposta fatta con una "prospettiva
      internazionale, in cui l'Italia possa essere
      avanguardia. Queste tecnologie sono il futuro per
      tutto il
      mondo".

      Non so perché ma non sono tranquilloneppure io..
    • francososo scrive:
      Re: Ultim'ora OT Berlusconi e internet
      Quando si tratta di controllo non c'è mai stare tranquilli :anche con i paesi cosidetti "democratici" !
    • AlexdelVier o scrive:
      Re: Ultim'ora OT Berlusconi e internet
      per fortuna che all'estero sanno tutti che e' un malfattore(guardatevi il filmato zenit della bbc) e quindi non gli permetteranno di estendere le leggi che vuol fare per limitare la liberta di parola anche all'estero.Una volta limitato internet solo lui potra' dire le sue "verita" dai suoi giornali e tv...
  • Giechi Cian scrive:
    Internet e cucina
    Ma vogliamo mettere come si mangia in Italia rispetto agli altri paesi dell'UE? Ma vogliamo confrontare gli indicatori di longevità rispetto agli altri paesi dell'UE?Ma di cosa stiamo parlando?
    • Mike Bulgarelli scrive:
      Re: Internet e cucina
      Nel 2008, nonstante la crisi, negli Stati Uniti per il commercio elettronico si prevede un fatturato di 270 miliardi di dollari. Nell'Unione Europea 170 miliardi di Euro.Invece secondo le stime del Rapporto 2008 dell'Osservatorio sull'eCommerce B2c in Italia, realizzato dal Politecnico di Milano, nell'anno in corso le aziende italiane realizzeranno vendite online per un totale di appena 6 miliardi di Euro....Ecco, in pratica siamo un paese rimasto fermo al Medioevo: fermi alle ricette dell'Artusi.
  • Marco Ravich scrive:
    Aumentiamo l'IVA alle TV !!!
    Io sono per aumentare l'IVA su TUTTE le TV (pubblica, privata, satellite, DVB-T, ecc) anche fino al 50%.Però contemporaneamente abbassiamo (se non azzeriamo) quella sulla banda larga (ma NON sulla telefonia, specie se cellulare).Questa è innovazione, il resto son chiacchiere !
    • tuba scrive:
      Re: Aumentiamo l'IVA alle TV !!!
      e chi lo farebbe? l'attuale presidente del consiglio? (rotfl)
    • Max scrive:
      Re: Aumentiamo l'IVA alle TV !!!
      Personalmente preferirei non pagare il canone RAI e scegliere che tivù private guardare,anche con anche con l'Iva aumentata del 50%. Buttare via i soldi per una televisione così puerile mi sembra veramente assurdo. Siamo proprio arrivati al massimo della spazzatura secondo la mia modesta opinione.Probabilmente ci sarebbe più concorrenza e programmi migliori,e forse alla fine anche offerte migliori per accaparrarsi più utenti da parte di Sky o altri.
      • belzebu scrive:
        Re: Aumentiamo l'IVA alle TV !!!
        - Scritto da: Max
        Personalmente preferirei non pagare il canone RAI
        e scegliere che tivù private guardare,anche con
        anche con l'Iva aumentata del 50%. Buttare via i
        soldi per una televisione così puerile mi sembra
        veramente assurdo. Siamo proprio arrivati al
        massimo della spazzatura secondo la mia modesta
        opinione.Probabilmente ci sarebbe più concorrenza
        e programmi migliori,e forse alla fine anche
        offerte migliori per accaparrarsi più utenti da
        parte di Sky o
        altri.Vieni qualche mese negli stati uniti, e guardati alcuni canali spazzatura, scoprirai che di strada ce n'e' tanta da fare
  • Carlo S. scrive:
    E' veramente un problema?
    Non avere intenet in casa è veramente un problema?!?o è brutto essere sempre gli ultimi?Discutiamone...
    • Marco S. scrive:
      Re: E' veramente un problema?
      Quoto.Personalmente, faccio parte dell'1% che ha abbandondato internet a casa.Uso il PC 8 ore al giorno, 5 giorni alla settimana.Francamente, il mio primo desiderio al ritorno a casa è quello di giocare con mia figlia, non vedere la posta elettronica.....
      • carlo scrive:
        Re: E' veramente un problema?
        - Scritto da: Marco S.
        Quoto.

        Personalmente, faccio parte dell'1% che ha
        abbandondato internet a
        casa.
        Uso il PC 8 ore al giorno, 5 giorni alla
        settimana.
        Francamente, il mio primo desiderio al ritorno a
        casa è quello di giocare con mia figlia, non
        vedere la posta
        elettronica.....Non si dice di leggersi la posta da casa, ma pagare le utenze, comprare oggetti via ecommerce, ricaricare il cellulare, fare bonifici e raccomandate, segnalare i consumi di luce e gas, pagare le assicurazioni, etc...Sono tutte cose che devi fare comunque.Farla da casa con internet ti fa risparmiare tempo che puoi dedicare per giocare con tua figlia.Tu sei l'esempio dell'arretratezza culturale: molta gente pensa che un pc sia un mezzo diabilico che toglie tempo a tutto il resto. Non è così: se usata con buon senso, la tecnologia da più tempo libero.
        • skyeye scrive:
          Re: E' veramente un problema?
          Lo si fa meglio al lavoro, con piu' tranquillita', c'hai mai provato? poi arrivi a casa e non hai piu' da pensare a bollette, banche, e cazzate varie e ti liberi dal rincoglionimento digitale
          • carlo scrive:
            Re: E' veramente un problema?
            - Scritto da: skyeye
            Lo si fa meglio al lavoro, con piu'
            tranquillita', c'hai mai provato? poi arrivi a
            casa e non hai piu' da pensare a bollette,
            banche, e cazzate varie e ti liberi dal
            rincoglionimento
            digitaleSarà che io al lavoro...lavoro. Del resto mi pagano per questo, non per farmi i cazzi miei. Mi rendo conto però che essendo in Italia questo ragionamento non troverà molti sostenitori....
          • carlo scrive:
            Re: E' veramente un problema?
            - Scritto da: skyeye
            Lo si fa meglio al lavoro, con piu'
            tranquillita', c'hai mai provato? poi arrivi a
            casa e non hai piu' da pensare a bollette,
            banche, e cazzate varie e ti liberi dal
            rincoglionimento
            digitaleSarà che io sono al lavoro...lavoro. Del resto mi pagano per questo, non per farmi i cazzi miei. Mi rendo conto però che essendo in Italia questo ragionamento non troverà molti sostenitori....
          • carlo scrive:
            Re: E' veramente un problema?
            - Scritto da: skyeye
            Lo si fa meglio al lavoro, con piu'
            tranquillita', c'hai mai provato? poi arrivi a
            casa e non hai piu' da pensare a bollette,
            banche, e cazzate varie e ti liberi dal
            rincoglionimento
            digitaleSarà che io quando sono al lavoro...lavoro. Del resto mi pagano per questo, non per farmi i cazzi miei. Mi rendo conto però che essendo in Italia questo ragionamento non troverà molti sostenitori....
          • skyeye scrive:
            Re: E' veramente un problema?
            Quindi adesso non sei al lavoro?
          • pippo scrive:
            Re: E' veramente un problema?
            - Scritto da: skyeye
            Quindi adesso non sei al lavoro?No sono a casa con la febbre.
          • pippo scrive:
            Re: E' veramente un problema?
            - Scritto da: skyeye
            Quindi adesso non sei al lavoro?Io no, ma deduco che tu lo sia.
          • pippo scrive:
            Re: E' veramente un problema?
            - Scritto da: pippo
            - Scritto da: skyeye

            Quindi adesso non sei al lavoro?

            Io no, ma deduco che tu lo sia.PSHo cambiato nick perchè quello di prima non lo prendeva, ma sono "carlo"-
          • carlo scrive:
            Re: E' veramente un problema?
            - Scritto da: skyeye
            Lo si fa meglio al lavoro, con piu'
            tranquillita', c'hai mai provato? poi arrivi a
            casa e non hai piu' da pensare a bollette,
            banche, e cazzate varie e ti liberi dal
            rincoglionimento
            digitaleRincoglionimento....digitale?E mi sa che stiamo proprio sprofondando.
          • skyeye scrive:
            Re: E' veramente un problema?
            e poi ero un po' sarcastico, non si capiva?
            ma pagare le utenzenon te l'ha mai detto che esistono le RID o domiciliazione bancaria?
            comprare oggetti via ecommercetutti i giorni ti compri qualcosa?
            ricaricare il cellularenon mi dire che i due minuti per fare la ricarica sono un furto per l'azienda (quante volte ti fermi 5 10 20 minuti in piu' per finire quella roba..)
            fare bonifici e raccomandate, stai confondendo dopo lavoro e lavoro forse?
            segnalare i consumi di luce e gas,5 minuti ogni due mesi
            pagare le assicurazioni,cavolo ma quante ne hai?!?! ti senti poco sicuro?!?
            etc...infatti ci sarebbero molte altre cose piu' interessanti ma dovevi scriverle tu..
          • pippo scrive:
            Re: E' veramente un problema?
            - Scritto da: skyeye
            Lo si fa meglio al lavoro, con piu'
            tranquillita', c'hai mai provato? poi arrivi a
            casa e non hai piu' da pensare a bollette,
            banche, e cazzate varie e ti liberi dal
            rincoglionimento
            digitaleEcco tu sei la foto dell'italiano medio: al lavoro mi faccio i cazzi miei e tutto quello che passa dal monitor collegato ad un pc mi rincoglionisce.Mica come il celluare e la tv....li si che ti senti rinvigorito vero?
          • skyeye scrive:
            Re: E' veramente un problema?
            Io lavoro a Londra e non mi sento proprio italiano medio.. anche perche' altrimenti avevi votato Berlusconi, no?
          • antitecnofo bia scrive:
            Re: E' veramente un problema?
            - Scritto da: skyeye
            Lo si fa meglio al lavoro, con piu'
            tranquillita', c'hai mai provato? poi arrivi a
            casa e non hai piu' da pensare a bollette,
            banche, e cazzate varie e ti liberi dal
            rincoglionimento
            digitale E allora prendi la zappa e va' in Patagonia a coltivare rape, tutto contatto con la natura e via dalla "cattiva tecnologia".
          • 3DA9FqKI0a scrive:
            Re: E' veramente un problema?
            - Scritto da: antitecnofo bia
            E allora prendi la zappa e va' in Patagonia a
            coltivare rape, tutto contatto con la natura e
            via dalla "cattiva
            tecnologia".ci torneremo a zappare comunque prima o poi,si starà preparando
          • skyeye scrive:
            Re: E' veramente un problema?
            Mamma mia!! ma ve la siete proprio presa per quel "rincoglionimento digitale", eh? non e' che forse ve ne rendete conto e non ce la fate a smettere?
      • The_GEZ scrive:
        Re: E' veramente un problema?
        Ciao Marco S. !
        Francamente, il mio primo desiderio al ritorno a
        casa è quello di giocare con mia figlia, non
        vedere la posta
        elettronica.....E' sempre bello leggere i post di presone che hanno capito tutto della discussione ...:'( Tristessa ....
    • carlo scrive:
      Re: E' veramente un problema?
      Si lo è! Dato che a quanto pare più un paese è ricco e più sta bene, usare internet è sinonimo di vantaggio culturale (di solito, chi usa internet, non ha problemi ad usare la maggior parte dei comuni aggeggi elettronici che permettono di risparmiare tempo, quindi denaro).In un mondo sempre più competitivo, il paese con i cittadini più "avanzati" sta meglio di quello con i cittadini meno avanzati.E dato che molti di noi vogliono stare bene, vivere in un paese che arretra con l'uso di nuove tecnologie è un problema.Serio.Se tutti viaggiano in bici e io mi ostino ad andare a piedi perchè penso che la bici sia una diavoleria inutile, farò sempre meno strada degli altri e farò sempre più fatica per stare al loro passo. Checchè se ne dica, la tecnologia. tutto sommato, fa vivere meglio.Meno la si usa, peggio è per tutto il paese.
    • Mike Bulgarelli scrive:
      Re: E' veramente un problema?
      La diffusione di internet nelle aziende europee consente maggiore competitività e più facilità di penetrazione dei vari mercati mondiali. Noi ci dobbiamo accontentare della penetrazione perpretata a scapito degli utenti da parte dei Tronchetti e monopolisti vari. Ormai siamo un paese che rasenta il ridicolo.
    • Putrescente Maleolente scrive:
      Re: E' veramente un problema?
      - Scritto da: Carlo S.
      Non avere intenet in casa è veramente un
      problema?!?Effettivamente non hai tutti i torti, ci sono già troppi niubbi e troll in giro.
  • CSOE scrive:
    Colpa dell'open source
    La diffusione di programmi e siti scadenti fa allontanare gli utenti.
    • pabloski scrive:
      Re: Colpa dell'open source
      o forse è la diffusione di worm e trojan per windows ad avere spaventato gli utenti :D
      • Mike Bulgarelli scrive:
        Re: Colpa dell'open source
        La colpa è dei boiardi di stato che in Europa hanno relegato l'Italia insieme all'Albania. Winzoz è bacato come i nostri governanti.
      • Maurizio scrive:
        Re: Colpa dell'open source
        L'Open Source non centra assolutamente niente. Possiamo dire allora che in Italia non si vendono auto perchè l'idrogeno ha due elettroni.
    • freeeak scrive:
      Re: Colpa dell'open source
      wow analisi geniale! ore e ore di studi immagino...
    • trollallero scrive:
      Re: Colpa dell'open source
      - Scritto da: CSOE
      La diffusione di programmi e siti scadenti fa
      allontanare gli
      utenti.Evvai di troll!
    • Giacomo Marvelli scrive:
      Re: Colpa dell'open source
      Complimenti, il tuo messaggio è un perfetto esempio di "quine". Nel rispondere, espliciti l'arretratezza culturale denunciata dall'articolo.GM
  • BLah scrive:
    Ma non funziona!!
    Grazie ai prezzi e alle infrastrutture! Conosco amici che a lavoro hanno internet, e a casa no per i prezzi.Io personalmente negli ultimi mesi ci sono andato poco perché a casa ho problemi con la linea (e al 187 me l'hanno confermato).E pensare che internet ce l'ho da tantissimi anni, e solo adesso mi va male... nel 2008/09 che dovrebbe andare meglio!!
  • Uto Uti scrive:
    Le tre I
    No, non è colpa di Berlusconi, no. Lui che interesse avrebbe a favorire la televisione rispetto ad Internet che gli sta drenando quattrini della pubblicità? No, non è colpa sua. Ricordiamo tutti il vecchio slogan, no?Internet - Inglese - In culo a voi...
    • Franco scrive:
      Re: Le tre I
      - Scritto da: Uto Uti
      No, non è colpa di Berlusconi, no. Lui che
      interesse avrebbe a favorire la televisione
      rispetto ad Internet che gli sta drenando
      quattrini della pubblicità? No, non è colpa sua.

      Ricordiamo tutti il vecchio slogan, no?
      Internet - Inglese - In culo a voi...O la sempreverde Illegalità,interesse privato e ignoranza.Un pò le qualità di un deputato del pdl e di un suo elettore
  • stefano scrive:
    adesso ci pensa telecom
    che attiverà tante adsl anche se uno non la vuolehanno attivato a casa di nonna l'adsl... Ha 75 anni mia nonna!Non sa manche che è un telefonino...grazie telecom!
    • fox82i scrive:
      Re: adesso ci pensa telecom
      Sono proprio curioso di capire come Telecom risolverà il problema della propria infrastuttura di rete: vecchia , obsoleta e già satura...Con la situazione finanziaria attuale di Telecom (ringraziando Tronchetti Provera) sono veramente curioso che cosa tirerà fuori dal suo cappello magico!
      • The_GEZ scrive:
        Re: adesso ci pensa telecom
        Ciao fox82i !
        Con la situazione finanziaria attuale di Telecom
        (ringraziando Tronchetti Provera) sono veramente
        curioso che cosa tirerà fuori dal suo cappello
        magico!COMUNISTA !!!!Tronchetti Provera è il fior fiore dell' imprenditoria italiana e grazie alla nostra grande tradizione imprenditoriale affronterà la situazione con una soluzione perfettamente allineata al pensiero industriale del nostro Bel Paese (delle banane)http://tinyurl.com/5byf7wHo linkato un sito svizzero ... per evitare di incorrere in qualche caso di di informazione "creativa"
        • fox82i scrive:
          Re: adesso ci pensa telecom
          Comunista a me??Ueh sei fuori??? Ma per favore!! Il tronchetto della felicità ha fatto danni e basta!Tsk comunista anche...
  • Pino scrive:
    Macché arretratezza culturale!!!!!!!!
    Bisogna tirare la cinghia, è questa la realtà di molte famiglie!Chi si può permettere il lusso di un abbonamento a internet quando non si hanno neanche i soldi per tirare avanti!E' questa la prima spesa che si taglia.No?
    • fox82i scrive:
      Re: Macché arretratezza culturale!!!!!!!!
      non sono della tua idea!Molte famiglie rinunciano ai pasti pur di pagarsi il suo ultimo cellulare con tanti servizi inutili e mai utilizzati.Oppure spendono soldi in macchine o giochi d'azzardo...In questi casi gli italiani non battono ciglio, anzi ora fanno pure gli spot per giocare al lotto!Forse invece di dire tirare la cinghia, è meglio dire iniziare a svegliarsi ed icominciare a ragionare
    • beebox scrive:
      Re: Macché arretratezza culturale!!!!!!!!
      - Scritto da: Pino
      Bisogna tirare la cinghia, è questa la realtà di
      molte
      famiglie!
      Chi si può permettere il lusso di un abbonamento
      a internet quando non si hanno neanche i soldi
      per tirare
      avanti!
      E' questa la prima spesa che si taglia.
      No?Si e no. La si taglia perché costa troppo, e costa troppo perché non viene considerata un bene essenziale (un servizio universale, come il telefono, e infatti in molte perti d'Italia ancora non c'è). Ma è un gioco al ribasso: se "tagli" internet vai a fare la coda in posta, all'ACI e in banca, spendendo ancora di più in tempo, benzina, e diventando ancora più dipendenti dall'automobile, che non cosa certo di meno. Il problema è culturale, altroché.
    • Pigrotta scrive:
      Re: Macché arretratezza culturale!!!!!!!!
      Sono daccordo con te...parlo per le mie tasche, che ad ogni modo sono simili a quelle di tantissime altre persone... l'accesso a internet è troppo costoso, e dove il prezzo è accessibile il servizio tecnico e quello alla clientela sono pessimi... negli anni 90 avevo una flat economicissima, certo utilizzavo un 56k per la connessione, ma alla fine non era male. Adesso tra canoni, differenziazioni dei servizi (per guadagnare ancora di + hanno pensato bene di differenziare le tariffe in base all'utilizzo che fai della rete.. abominevole dal mio punto di vista) etc.... l'accesso alla rete è una fonte di lucro per gli ISP. Sinceramente non mi piacciono il rapporto limitazioni/prezzi assurdi ne il cattivo o pessimo servizio alla clientela. Vieni visto come un limone da mungere e come una mucca da spremere... Fanno delle offerte ridicole, che propongono prezzi accettabili per 4, 6 mesi un anno, poi scattano i prezzi veri. Io no me lo posso + permettere e non esagero purtroppo. Conosco altre persone che hanno tagliato telefono fisso e internet per gli stessi motivi. Vorrà dire che scrocco un po quà e un po la.
      • fox82i scrive:
        Re: Macché arretratezza culturale!!!!!!!!
        Permettimi una cosa:se tolgo internet mi privo:- possibilità di pagare le tasse via internet (non muovo la macchina);- possibilità di acquistare a prezzi minori cose che mi interessano (evito di utilizzare la macchina per spostarmi);- posso esguire telefonate a gratis oppure, tramite un contributo esiguo, chiamo chiunque senza limiti;- posso informarmi in tempo reale sulle notizie mondiali, senza aspettare i tg nazionali (che sono censurati);- posso documentarmi grazie all'enciclopedia libera;- posso cercare lavoro o creare lavoro (un idea semplice può cambiare la mia vita);- posso farmi i miei viaggi a prezzo ridotto rispetto a quello che offrono le agenzie di viaggio; - posso fare tante cose...Ti dirò io pago 19 al mese per una adsl 8Mbit (sono fortunato mediamente viaggio a 6 Mbit), ho eliminato il telfono ed utilizzo i servizi di skype. Ho acquistato credito skype e grazie a 2,5 al mese chiamo chiunque a costo zero. Ho risparmiato un sacco , su base annua, in fatto di telefonate. Insomma grazie ad Internet ho risparmiato su tante cose e, su quel risparmio, riesco a compensare il fatto del canone mensile
        • ottomano scrive:
          Re: Macché arretratezza culturale!!!!!!!!
          - Scritto da: fox82i
          Insomma grazie ad Internet ho risparmiato su
          tante cose e, su quel risparmio, riesco a
          compensare il fatto del canone
          mensileSi, e no... mi spiego:Tu hai la possibilità di risparmiare perchè fai parte dei tuoi acquisti online.Risparmi tempo perchè paghi le tasse online, fai internet banking ecc...Anche io faccio come te. Giusto per dirne una, qualche mese fa ho comprato un obiettivo fotografico su internet, risparmiando quasi il 30% rispetto al prezzo di negozio.Immagina però di essere un manovale con famiglia monoreddito: 800/1000 Euro al mese se ti va bene.E' ovvio che le priorità non sono le telefonate, non è l'internet banking (magari il tizio non ha neanche un conto corrente), gli acquisti di cose "superflue".Il manovale non può permettersi un hobby costoso come la fotografia.E quelle persone (quasi 2 milioni si stima) che stanno perdendo il lavoro per la crisi? Dove taglieranno sulle spese familiari? Internet, telefono, abbigliamento... il superfluo, dal loro punto di vista.Quindi tu ed io abbiamo un reale e tangibile vantaggio ad usare la Rete. Il manovale del nostro esempio non ha poi così tanti vantaggi.Nicola
          • The_GEZ scrive:
            Re: Macché arretratezza culturale!!!!!!!!
            Ciao ottomano !
            E quelle persone (quasi 2 milioni si stima) che
            stanno perdendo il lavoro per la crisi? Dove
            taglieranno sulle spese familiari? Internet,
            telefono, abbigliamento... il superfluo, dal loro
            punto di
            vista.Si e No ... (ok ti ho copiato). :)Io lavoro in una piccola azienda del settore metalmeccanico tra colleghi e titolari siamo una ventina.I titolari sono miliardari quindi per loro il problema economico non si pone, i miei colleghi sia operai che impiegati non fanno i salti di gioia, gli stipendi sono tutt' altro che soddisfacenti ma nessuno fa "la fame".A rigor di logica quasi tutti a casa doveremmo avere (ed usare !) internet senza particolari problemi ... tuttavia solo io ed un mio collega lo facciamo ?Il problema è culturale, e di brutto anche !
    • Antonio Macchi scrive:
      Re: Macché arretratezza culturale!!!!!!!!
      ma va'... considerando che grazie ad internet si puo' tagliare 1000 altre cose... direi che farsi internet e' un modo per risparmiaredai CD, agli spettacoli, a libri, riviste, giornali,,, praticamente se hai internet non ti serve altro.
      • Terminator scrive:
        Re: Macché arretratezza culturale!!!!!!!!
        Senza contare che quanto costerá mai l'abbonamento? Tiscali dice che si parte da 10 euro/mese... 120 euro l'anno saranno mica una spesa esagerata o impossibile!! Basta che prendi qualche offerta on-line o semplicemente confronti i prezzi di diversi posti e compri a meno e le recuperi. E' arretratezza culturale altroché!
        • fox82i scrive:
          Re: Macché arretratezza culturale!!!!!!!!
          Stai chiedendo troppo!!Non tutti sono al tuo livello... :-)Purtroppo fino a che la gente non percepisce il reale risparmio che può avere tramite la rete, preferisce spendere i soldi in cavolate.. E' la realtà! purtroppo :-S
          • Max scrive:
            Re: Macché arretratezza culturale!!!!!!!!
            Tutte considerazioni vere. Vero l'arretratezza culturale, vera la campagna mediatica contro il "mostro" internet, vera la poca conoscenza di quanto si potrebbe risparmiare con i vari servizi.Ma mi pare si stia parlando sempre di persone benestanti o quantomeno senza problemi, perche` in italia ci sono si molte persone che hanno sempre l'ultimo modello di cellulare, vanno a cena fuori, comprano cd, dvd, ecc, ma ce ne sono molte altre (e sono sempre di piu`) che il cellulare se lo hanno e` di qualche anno fa, al ristorante non ci vanno, al cinema nemmeno, cd e dvd non li acquistano, e nemmeno internet, soprattutto con le tariffe italiane che sono le piu` care d'europa.Se in Italia c'e` il 40% di connessioni nelle famiglie e` perche` il 40% se lo possono permettere, ma quelle che non possono piano piano aumentano (e la percentuale cala...)
          • Max scrive:
            Re: Macché arretratezza culturale!!!!!!!!
            - Scritto da: Max
            ...il cellulare se lo hanno e` di qualche anno fail mio ha qualche anno
            al ristorante non ci vannoun paio di volte all'anno, al cinema nemmeno3-4 volte l'anno
            cd e dvd non li acquistanonon ne compro
            e nemmeno internetInternet ce l'ho... ma per quanto ancora potrò permettermelo? :$
        • Kingsley scrive:
          Re: Macché arretratezza culturale!!!!!!!!
          - Scritto da: Terminator
          Senza contare che quanto costerá mai
          l'abbonamento? Tiscali dice che si parte da 10
          euro/mese... 120 euro l'anno saranno mica una
          spesa esagerata o impossibile!! Basta che prendi
          qualche offerta on-line o semplicemente confronti
          i prezzi di diversi posti e compri a meno e le
          recuperi. E' arretratezza culturale
          altroché!Tiscali non c'è in tutta Italia. Io per esempio l'offerta di cui parli la vedo col binocolo.
          • Awesome scrive:
            Re: Macché arretratezza culturale!!!!!!!!
            - Scritto da: Kingsley
            - Scritto da: Terminator

            Senza contare che quanto costerá mai

            l'abbonamento? Tiscali dice che si parte da 10

            euro/mese... 120 euro l'anno saranno mica una

            spesa esagerata o impossibile!! Basta che prendi

            qualche offerta on-line o semplicemente
            confronti

            i prezzi di diversi posti e compri a meno e le

            recuperi. E' arretratezza culturale

            altroché!

            Tiscali non c'è in tutta Italia. Io per esempio
            l'offerta di cui parli la vedo col
            binocolo.Si ricorda che il prezzo è senza Iva e poi con il passare dei mesi non saranno più 12 al mese...occhio che Tiscali come gli altri Isp pagano il canone a telecom quindi non fidatevi delle 10 che pubblicizzano.ciao :D
  • fox82i scrive:
    Pigriazia mentale
    La causa maggiore è la prigrizia mentale di non voler imparare niente....Basta vedere gli impiegati di una qualsiasi azienda! Essendo sysadmin mi capita spesso di dire da un/una di 30 anni che non ha tempo e voglia di imparare ad utilizzare winzip..la dice lunga su come sarà il futuro italiano in fatto di tecnologie!Fino a che l'Italia a questo tipo di persone, pigre addormentate e con poca voglia di cambiare mentalità, ben venga allora le persone più intelligenti che sanno spillare soldi a questi caproni!
  • miele millefiori scrive:
    mantide berluscoide
    C'è un chiaro disegno dietro l'arretratezza culturale e sociale che caratterizza sempre più il nostro paese, la cultura è sempre stata un'ostacolo per il controllo del potere...qui un gruppo, neanche tanto in ombra, di "persone" (?) vuole creare la nuova casta "schiavi lobotomizzati" con l'espressione ebete "sono contento" (?)... Se il popolo (ma esiste?) non si sveglia ci ritroviamo velocemente "inseriti" (in tutti i sensi).... Bisogna fare qualcosa! Guradarsi intorno e cercare chi ancora non è morto dentro....e lottare... Auguri a tutti....
    • pippo scrive:
      Re: mantide berluscoide

      C'è un chiaro disegno dietro l'arretratezza
      culturale e sociale che caratterizza sempre più
      il nostro paese, la cultura è sempre stata
      un'ostacolo per il controllo del potere...qui un
      gruppo, neanche tanto in ombra, di "persone" (?)
      vuole creare la nuova casta "schiavi
      lobotomizzati" con l'espressione ebete "sono
      contento" (?)... Se il popolo (ma esiste?) non si
      sveglia ci ritroviamo velocemente "inseriti" (in
      tutti i sensi).... Bisogna fare qualcosa!
      Guradarsi intorno e cercare chi ancora non è
      morto dentro....e lottare... Auguri a
      tutti....Per non parlare di tutti i tentativi di demonizzazione della rete. @^Qui l'intento di controllare l'accesso alle informazioni con la solita scusa: pedofili/terroristi e i sosia delle VELINE è veramente PATETICO! :@Ma purtroppo vedendo le reazioni degli italioti direi che sta funzionando... :'(
      • francososo scrive:
        Re: mantide berluscoide
        Straquoto ! Ma basterebbe anche andare a vedere che cosa è successo al G8 di Genova per vedere qualcosa ancora di più grave e gli italioti ,tutti dietro a dire brave forze dell'ordine per partito preso !
    • Franco scrive:
      Re: mantide berluscoide
      - Scritto da: miele millefiori
      C'è un chiaro disegno dietro l'arretratezza
      culturale e sociale che caratterizza sempre più
      il nostro paese, la cultura è sempre stata
      un'ostacolo per il controllo del potere...qui un
      gruppo, neanche tanto in ombra, di "persone" (?)
      vuole creare la nuova casta "schiavi
      lobotomizzati" con l'espressione ebete "sono
      contento" (?)... Se il popolo (ma esiste?) non si
      sveglia ci ritroviamo velocemente "inseriti" (in
      tutti i sensi).... Bisogna fare qualcosa!
      Guradarsi intorno e cercare chi ancora non è
      morto dentro....e lottare... Auguri a
      tutti....Una volta silvione disse:"il mio elettorato è composto da gente con la seconda media".Che ci si aspetta?una riforma della scuola che faccia uscire dalle università gente veramente preparata!Ahahaahh bella questa!
    • Marco Ravich scrive:
      Re: mantide berluscoide
      - Scritto da: miele millefiori
      Bisogna fare qualcosa!
      Sì, emigrare (io lo sto pianificando e spero riuscirci relativamente presto).
  • BluEdoG scrive:
    Arretrati culturali
    Certo che è proprio triste, il paese simbolo della cultura, ingegno ed arte, con un passato che tutti ci invidiano, siamo degli arretrati culturali...
    • Marco Ravich scrive:
      Re: Arretrati culturali
      Guarda ieri ho seguito un pezzetto del Costanzo Show dove c'era Brunetta, e per la prima volta mi son trovato d'accordo con lui:Pagnoncelli (IPSOS): "Secondo i nostri sondaggi Tremonti, Maroni e Brunetta sono ministri apprezzati/appoggiati da una larga maggioranza degli italiani"Brunetta: "Questo la dice lunga sull'intelligenza degli Italiani !":O
    • Homer S. scrive:
      Re: Arretrati culturali
      - Scritto da: BluEdoG
      Certo che è proprio triste, il paese simbolo
      della cultura, ingegno ed arte, con un passato
      che tutti ci invidiano, siamo degli arretrati
      culturali...Una volta c'era anche l'Impero Romano.Fichissimo, fortissimo, avanzatissimo.Poi è scomparso...Son cose che capitano. Fattene una ragione.
      • BluEdoG scrive:
        Re: Arretrati culturali

        Una volta c'era anche l'Impero Romano.
        Fichissimo, fortissimo, avanzatissimo.
        Poi è scomparso...
        Son cose che capitano. Fattene una ragione.Piu' che essere sarcastici direi che fortuna averlo avuto, perchè ancora oggi molti ci campano. Pensa ai turisti che portano dindini dall'estero per vedere opere di cui noi, italioti, sappiamo solo graffitarci sopra qualche scarabocchio.
    • freeeak scrive:
      Re: Arretrati culturali
      è proprio questo il punto gli italiani vivono dei loro ricordi...niente di male, ma cè anche dell'altro.
  • Bruno GIuseppe scrive:
    diffusione Internet
    Gli italiani trovano sempre i soldini per ciò che gli interessa veramente...ad esempio per usare i telefonini cellulari non badano a spese...Se poi siano le scelte più intelligenti è difficile dirlo ed ancor difficile più trarre conclusioni..Certo che personalmente rimango assai perplesso..Saluti Bruno Giuseppe Trento
    • Brenji Ahiai scrive:
      Re: diffusione Internet
      Come non quotarti ;)Tra l'altro si parla sempre di crisi, ma a parte tristi eccezioni, per il resto mi sembra che l'asticella della qualità di vita è rimasta troppo in alto...
    • pippo scrive:
      Re: diffusione Internet
      - Scritto da: Bruno GIuseppe
      Gli italiani trovano sempre i soldini per ciò che
      gli interessa veramente...ad esempio per usare i
      telefonini cellulari non badano a spese...Se poi
      siano le scelte più intelligenti è difficile
      dirlo ed ancor difficile più trarre
      conclusioni..Certo che personalmente rimango
      assai perplesso..Saluti

      Bruno Giuseppe TrentoVero: trovano i soldi per quelle cose che permette loro di far vedere agli altri che hanno i soldi.Dato che un pc a casa connesso ad internet non lo vede nessuno, è inutile. Meglio 3 celullari che mi porto in giro e faccio vedere agli altri quanto "valgo" e quanto sono figo...
    • nyko scrive:
      Re: diffusione Internet
      sinceramente non capisco per quale motivo gli italiani dovrebbero usare internet quanto gli altri paesi europei.gli italiani sono più vecchi della media europea, hanno tittoli di studio inferiori , competente tecniche e di lingue straniere molto inferiori. in parole povere, non hanno idea di che cavolo farsene di internet ( tolto il porno, il p2p e i filmati demenziali da mettere su youtube ovviamente)
  • uno scrive:
    per esempio
    finchè si scriveranno cose come questa:Alle medie chattano e scaricano video o musica ormai tutto il giornodi A.G.A realizzare il desolante quadro, che si aggiunge all'uso sempre maggiore di droghe e all'aumento del bullismo, è stata la Società italiana di Pediatria, che ha svolto l'indagine 2008 "Abitudini e Stili di vita degli adolescenti": il tempo libero è ormai divorato dalla voglia di scaricare musica e video, chattare, attaccarsi al messenger o cliccare su YouTube. Occorre un intervento tempestivo e congiunto di famiglia, scuola, pediatri e Istituzioni,trovata qui:http://www2.tecnicadellascuola.it/index.php?id=24530&action=viewcome si fà a pensare che le cose possano migliorare?
  • diego delgado scrive:
    secondo me...
    ...è perché tutti, da bravi italiani, fregano il wireless al vicino!queste percentuali sono fasulle! bisognerebbe quantomeno raddoppiarle, senza contare che nei palazzi 1-2 wireless non criptate forniscono tutte le famiglie!no, seriously, facciamo schifo.è pazzesco scoprire che puoi comunicare la lettura del contatore online, pagare le bollette e, con la carta dei servizi effettuare un po' di operazioni senza andare in comune e ogni cavolo di mattina alla posta sottocasa c'è una fila di 35 persone a pagare la bolletta.neanche le ricariche del cellulare al bancomat facciamo!semplicemente siamo (sono?) vecchi e i nostri (loro?) schemi mentali del menga di andare in posta, in banca, in comune e pagare il casello in contati sono così radicate nella nostra provincialità che ci va bene così.abbiamo quel che ci meritiamo eh!saluti :)
    • Cammello Turco scrive:
      Re: secondo me...

      di mattina alla posta sottocasa c'è una fila di
      35 persone a pagare la
      bolletta.
      neanche le ricariche del cellulare al bancomat
      facciamo!
      parlando di code e popolo arretrato per me il culmine e' quando passi dal casello autostradale e c'e' ancora la gente in coda per pagare con gli spiccioli all'unico operatore rimasto quando le altre corsie automatizzate sono vuote!! non dico il telepass, ma dico quella gente il bancomat in tasca ce l'avra' ?? possibile che nessuno glielo abbia detto che possono usarlo come una viacard ?
      • Wire scrive:
        Re: secondo me...
        - Scritto da: Cammello Turco
        non dico il telepass, ma dico quella gente
        il bancomat in tasca ce l'avra' ?? possibile
        che nessuno glielo abbia detto che possono
        usarlo come una viacard ?SSSSHHHH!!! Zitto! Non mettere in giro questa voce! Altrimenti ci ritroviamo la coda anche lì... ;)
        • pietrom scrive:
          Re: secondo me...
          hahaha grande
        • pippo scrive:
          Re: secondo me...


          non dico il telepass, ma dico quella gente

          il bancomat in tasca ce l'avra' ?? possibile

          che nessuno glielo abbia detto che possono

          usarlo come una viacard ?


          SSSSHHHH!!! Zitto! Non mettere in giro questa
          voce! Altrimenti ci ritroviamo la coda anche
          lì...
          ;)Già tenendo conto che i versi di inserzione possibili sono quattro, più trovare la card giusta al primo tentativo... :D
      • Trunk scrive:
        Re: secondo me...
        - Scritto da: Cammello Turco
        possibile che nessuno glielo
        abbia detto che possono usarlo come una viacard
        ?ma scherzi varie volte mi è capitato di spiegare alal gente che avevo la via card e constatare che loro la avevano e non sapevano cosa fosse
    • Anonimo scrive:
      Re: secondo me...
      Sono una bella cosa i pagamenti on-line e gli addebiti su conto corrente, bancomat e carta di credito. Per non parlare di bollette via mail et simila.In teoria.In pratica, siccome il cittadino italiota gode di protezione nulla e diritti inesistenti contro gli abusi, addebiti ingiustificati, ecc.. preferisce pagare lui quando vuole e non in maniera virtuale ma in maniera reale. E ricevere della carta stampata da loro e non da me.Chiama il servizio clienti di telco, municipalizzate, grandi aziende, banche & co per eclami e ho problemi di contabilita'/amministrazione... il muro di gomma !!Perche' a me Telecom, che pago in posta, l'unica volta che mi ha fatto un addebito sbagliato (guarda caso sempre in piu') mi volevano costringere a pagare e poi mi han detto "Lei paghi che dopo le restituiamo l'eccesso !!".Siccome sono io che pago, in posta ho versato i soldi che gli dovevo e gli ho faxato dicendogli di farsi i loro conti e stornare tutto da soli. Perche' se no i soldi chissa' quando li vedevo.Se pagavo in banca, o me ne accorgevo subito, oppure se arrivava la bolletta in ritardo (cosa comunissima visto che ad un mio amico la bolletta di Telecom arriva sempre gia' scaduta solo perche' abita in un paesino di provincia) io pagavo e poi valli a recuperare.Perche' se fai l'addebito su carta di credito, non puoi bloccare in nessun modo i pagamenti perche' viene visto come un contratto e per bloccarli devi disdire il contratto. Ma scherziamo ?!? I soldi sono i miei e se ti dico di non pagare la ditta tal dei tali dal giorno x perche' mi han fatto pagare qualcosa che non dovevo, tu lo fai perche' la carta e' mia. E invece in Italia no.Perche' quando stampo il tagliando provvisorio della mia assicurazione on-line, e la stradale mi ferma, ci devo mettere del bello e del buono per convincerli che ho un'assicurazione on-line e non tradizionale e che quel tagliando stampato da me e' valido a tutti gli effetti e non e' un falso ?!?Perche' io so di un conoscente che ha stampato un documento in bianco e nero che gli e' stato spedito on-line, ed e' capitato che allo sportello gli chiedessero l'originale perche' quella secondo loro era una fotocopia ?Per concludere con Autostrade S.p.a. , se paghi con il Bancomat, hai anche la commissione di solito.Alla faccia che dovrebbe essere un pagamento economico, e del futuro.Ma che incentivo ho ad usare il Bancomat se mi fai pagare di piu' ?
      • Jester24 scrive:
        Re: secondo me...
        "Per concludere con Autostrade S.p.a. , se paghi con il Bancomat, hai anche la commissione di solito."No, guarda ... o c'è sempre o non c'è ... non "di solito" ...In ogni caso, non c'è la commissione.Dal sito di autostrade ti riporto:"Bancomat aderenti al circuito Fast Pay senza digitazione del codice PIN e senza maggiorazioni di spesa"E questa è l'unica su cui posso contestare, le altre sinceramente non lo so, ma la tua "sicurezza" mi fa pensare che non è che ne sai poi molto nemmeno tu.
        • marco fi scrive:
          Re: secondo me...

          "Bancomat aderenti al circuito Fast Pay senza
          digitazione del codice PIN e senza maggiorazioni
          di
          spesa"
          Io ho la postepay ed un bancomat, ma in entrambi non c'è nessun riferimento a FastPay, quindi che succede? Pago le spese di commissione (che di solito quanto sono? 1,24 euro circa mi sembra?)
      • Joe Tornado scrive:
        Re: secondo me...
        Riguardo il tagliando provvisorio dell'assicurazione, con tutte quelle false che girano, è doveroso che la polizia stradale si faccia un po' di paranoie. E' il loro lavoro.
        • pippo scrive:
          Re: secondo me...

          Riguardo il tagliando provvisorio
          dell'assicurazione, con tutte quelle false che
          girano, è doveroso che la polizia stradale si
          faccia un po' di paranoie. E' il loro
          lavoro.Rompere i ma@@oni? :D
  • DemiGod scrive:
    MHA!!!
    Io mi abbonerei ad una qualsiasi ADSL se potessi...... Mortacci loro :@
  • El Castigador scrive:
    I motivi sono due
    1. L'Italia è un paese di vecchi e parlo di età ancor prima che di testa. Vecchi che non sanno distinguere il mouse dalla tastiera. E gli vuoi dare internet?2. Abbiamo una casta "culturale" che strafracassa i maroni a tutte le ore sui pericoli di internet, internet che è il male, che è il covo dei pedoterrosatanisti, che aliena dalla realtà, che distrugge i bei vecchi tempi quando si parlava faccia a faccia e tutto era più vero , eccetera eccetera. Questo atteggiamento è poi rivolto verso ogni tipo di nuova tecnologia.I due motivi ovviamente si rafforzano a vicenda.Se poi aggiungiamo gli ostacoli burocratici facciamo il pieno. Ma gli ostacoli burocratici tipo il decreto Pisanu che ha azzoppato internet point, wi-fi ecc derivano anche dal secondo punto...
    • francososo scrive:
      Re: I motivi sono due
      - Scritto da: El Castigador
      1. L'Italia è un paese di vecchi e parlo
      di età ancor prima che di testa. Vecchi che non
      sanno distinguere il mouse dalla tastiera. E gli
      vuoi dare
      internet?
      2. Abbiamo una casta "culturale" che strafracassa
      i maroni a tutte le ore sui pericoli di internet,
      internet che è il male, che è il covo dei
      pedoterrosatanisti, che aliena dalla realtà, che
      distrugge i bei vecchi tempi quando si parlava
      faccia a faccia e tutto era più vero ,
      eccetera eccetera. Questo atteggiamento è poi
      rivolto verso ogni tipo di nuova
      tecnologia.

      I due motivi ovviamente si rafforzano a vicenda.

      Se poi aggiungiamo gli ostacoli burocratici
      facciamo il pieno. Ma gli ostacoli burocratici
      tipo il decreto Pisanu che ha azzoppato internet
      point, wi-fi ecc derivano anche dal secondo
      punto...Straquoto alla grande ! 8)
      • Den Lord Troll scrive:
        Re: I motivi sono due
        - Scritto da: francososo
        - Scritto da: El Castigador
        Straquoto alla grande !veramente è un paese nato per dire una cosa e NON fare nulla .... "Noi siamo da secoli Calpesti, derisi, Perché non siam popolo, Perché siam divisi." [inutile chiedersi da che cosa ho riportato questa frase, sarebbe solo palese ignoranza e avvalora soltanto la tesi del *self-censored* ]già all'epoca dei Romani le tribù Germaniche alle prese con lotte fratricide quando attaccati da Roma, erano più coesi che gli Spartani .... pensate che qua possa accadere lo stesso ? Si è già visto durante la 'liberazione' quanto siamo uniformi....cit."Come può diventare l'Italia una completa società multi-razziale quando siam razzisti anche tra di noi?"
        • pierg75 scrive:
          Re: I motivi sono due
          - Scritto da: Den Lord Troll
          "Noi siamo da secoli
          Calpesti, derisi,
          Perché non siam popolo,
          Perché siam divisi."
          [inutile chiedersi da che cosa ho riportato
          questa frase, sarebbe solo palese ignoranza e
          avvalora soltanto la tesi del *self-censored*
          ]
          cit."Come può diventare l'Italia una completa
          società multi-razziale quando siam razzisti anche
          tra di
          noi?"Come non quotarti!
        • Diego scrive:
          Re: I motivi sono due
          - Scritto da: Den Lord Troll
          - Scritto da: francososo

          - Scritto da: El Castigador

          Straquoto alla grande !


          veramente è un paese nato per dire una cosa e NON
          fare nulla ....


          "Noi siamo da secoli
          Calpesti, derisi,
          Perché non siam popolo,
          Perché siam divisi."
          [inutile chiedersi da che cosa ho riportato
          questa frase, sarebbe solo palese ignoranza e
          avvalora soltanto la tesi del *self-censored*
          ]

          già all'epoca dei Romani le tribù Germaniche alle
          prese con lotte fratricide quando attaccati da
          Roma, erano più coesi che gli Spartani ....
          pensate che qua possa accadere lo stesso ? Si è
          già visto durante la 'liberazione' quanto siamo
          uniformi....

          cit."Come può diventare l'Italia una completa
          società multi-razziale quando siam razzisti anche
          tra di
          noi?"Hai centrato il punto!Aggiungo, per completare il quadro: divide et impera!
    • Trunk scrive:
      Re: I motivi sono due

      2. Abbiamo una casta "culturale" che strafracassa
      i maroni a tutte le ore sui pericoli di internet,Concordo: la chiave cattolica domina e questo non è curioso perché il Vaticano ha da sempre coltivato i "media", ma non bidirezionali. Radio Maria si sente anche in cima al Monte Bianco, ma un media dve la gente può paralre e dire la propria non va bene.Secondo nella scuola domina la cultura umanistica: la matematica si può "non cpirla", coi computer si può "non saperci fare" ma Manzoni e Dante no non si uò non conoscerli a memoria.
      • Terminator scrive:
        Re: I motivi sono due
        - Scritto da: Trunk
        Secondo nella scuola domina la cultura
        umanistica: la matematica si può "non cpirla",
        coi computer si può "non saperci fare" ma Manzoni
        e Dante no non si uò non conoscerli a
        memoria.Cavolo, io sono anni che lo dico. Non che non siano importanti Manzoni e Dante ma anziché scassare le scatole con i tomi completi, facciano fare solo una selezione di bravi e le altre ore, via informatica o scienze.Io mi son fatto tutto l'Inferno... che palle!!!
        • franco frattali scrive:
          Re: I motivi sono due
          oh, guardate che anche gli studi umanistici sono più che utili, se fatti come si deve...(hint: pare che lo studio del latino apra la mente. non è una frase fatta, ammesso che *tutto* venga preso [i]cum grano salis[/i])
          • anonimo scrive:
            Re: I motivi sono due
            - Scritto da: franco frattali
            oh, guardate che anche gli studi umanistici sono
            più che utili, se fatti come si
            deve...

            (hint: pare che lo studio del latino apra la
            mente. non è una frase fatta, ammesso che *tutto*
            venga preso [i]cum grano
            salis[/i])Ancora con questa storia del latino che apre la mente, ma vergognati vecchio fossile!!!Nel Regno Unito hanno abolito lo studio del latino e del greco antico alla fine della seconda guerra mondiale!!!
          • Marco scrive:
            Re: I motivi sono due
            - Scritto da: franco frattali
            oh, guardate che anche gli studi umanistici sono
            più che utili, se fatti come si
            deve...

            (hint: pare che lo studio del latino apra la
            mente. non è una frase fatta, ammesso che *tutto*
            venga preso [i]cum grano
            salis[/i])Personalmente, avendo studiato latino e greco alle superiori per poi darmi a ingegneria, concordo pienamente. Latino e greco impongono di applicare il processo i analisi e sintesi che è la base dell'ingegneria e di molte altre discipline scientifiche.
          • anonimo scrive:
            Re: I motivi sono due
            - Scritto da: Marco
            - Scritto da: franco frattali

            oh, guardate che anche gli studi umanistici sono

            più che utili, se fatti come si

            deve...



            (hint: pare che lo studio del latino apra la

            mente. non è una frase fatta, ammesso che
            *tutto*

            venga preso [i]cum grano

            salis[/i])

            Personalmente, avendo studiato latino e greco
            alle superiori per poi darmi a ingegneria,
            concordo pienamente. Latino e greco impongono di
            applicare il processo i analisi e sintesi che è
            la base dell'ingegneria e di molte altre
            discipline
            scientifiche.Complimenti ingegnere che bella analisi!allora perché non studiare il sanscrito?Che indubbiamente impone di applicare "il processo di analisi e sintesi" da lei citato.
          • Marco scrive:
            Re: I motivi sono due

            Complimenti ingegnere che bella analisi!
            allora perché non studiare il sanscrito?
            Che indubbiamente impone di applicare "il
            processo di analisi e sintesi" da lei
            citato.Probabilmente anche il sanscrito andrebbe bene, non è che tutte le lingue sono uguali e ad esempio il greco da questo punto di vista "funziona" molto meglio del latino... Capisco che sia facile fare dell'ironia in questi casi, ma se tu avessi studiato queste materie probabilmente lo capiresti. Provo a spiegarmi: tradurre dal greco non è la stessa cosa che farlo dall'inglese o dal tedesco. Ci sono un'infinità di regole da applicare e per farlo è necessario applicare analisi (scomponi i periodi in frasi, le frasi in parti del discorso tipo complementi e queste ultime in parole), poi sintetizzi il tutto e ottieni una traduzione fatta bene. Esattamente lo stesso principio che si applica in un qualunque processo ingegneristico degno di questo nome.
          • anonimo scrive:
            Re: I motivi sono due
            - Scritto da: Marco

            Complimenti ingegnere che bella analisi!

            allora perché non studiare il sanscrito?

            Che indubbiamente impone di applicare "il

            processo di analisi e sintesi" da lei

            citato.

            Probabilmente anche il sanscrito andrebbe bene,
            non è che tutte le lingue sono uguali e ad
            esempio il greco da questo punto di vista
            "funziona" molto meglio del latino... Capisco che
            sia facile fare dell'ironia in questi casi, ma se
            tu avessi studiato queste materie probabilmente
            lo capiresti. Provo a spiegarmi: tradurre dal
            greco non è la stessa cosa che farlo dall'inglese
            o dal tedesco. Ci sono un'infinità di regole da
            applicare e per farlo è necessario applicare
            analisi (scomponi i periodi in frasi, le frasi in
            parti del discorso tipo complementi e queste
            ultime in parole), poi sintetizzi il tutto e
            ottieni una traduzione fatta bene. Esattamente lo
            stesso principio che si applica in un qualunque
            processo ingegneristico degno di questo
            nome.Il latino l'ho dovuto studiare perché era obbligatorio anche allo scientifico. Il fatto che tu sostenga questa bislacca teoria, peraltro molto diffusa, la dice lunga sull'arretratezza culturale dell'Italia.Dimmi solo una cosa: secondo te perché nel Regno Unito alla fine della seconda guerra mondiale hanno abolito lo studio del latino e del greco antico? Perché in tutto il mondo siamo molto probabilmente solo noi a imporre lo studio liceale di queste lingue morte?Siamo solo noi nel giusto e tutti gli altri nel torto?
          • Marco scrive:
            Re: I motivi sono due

            Il latino l'ho dovuto studiare perché era
            obbligatorio anche allo scientifico. Il fatto che
            tu sostenga questa bislacca teoria, peraltro
            molto diffusa, la dice lunga sull'arretratezza
            culturale
            dell'Italia.
            Dimmi solo una cosa: secondo te perché nel Regno
            Unito alla fine della seconda guerra mondiale
            hanno abolito lo studio del latino e del greco
            antico? Perché in tutto il mondo siamo molto
            probabilmente solo noi a imporre lo studio
            liceale di queste lingue
            morte?
            Siamo solo noi nel giusto e tutti gli altri nel
            torto?La teoria evidentemente non è tanto bislacca se in molti la sostengono. Cmq per tua informazione tra gli italiani che vivono come me all'estero e che hanno dovuto impararsi almeno una lingua straniera molto bene l'idea che latino e greco siano utili almeno per questo scopo (oltre che per quello che dicevo prima) è molto diffusa.Per quanto riguarda l'altro punto, potremmo ovviamente chiederci perchè illustri studiosi di pedagogia invece le consiglino come materie di studio. Un breve riassunto di almeno alcune delle idee a favore o contro il loro studio lo puoi trovare qui (http://wiki.idebate.org/index.php/Debate:Classics_(Latin_and_Ancient_Greek),_should_be_taught_in_schools). Poi ovviamente dipende anche da quali materie si pensa di introdurre al posto di latino e greco. Ti faccio un esempio: se dovessimo aggiungere altra metematica, sarebbe totalmente inutile, perchè già tutta la matematica dello scientifico a ingegneria viene fatta ad analisi I, quindi qualche ora a settimana in più durante le superiori non preparerebbe molto di più gli studenti ad affrontare l'università... Ragionamenti simili si possono fare per altre materie. Fra l'altro mi viene anche da chiedermi: lo studio della letteratura italiana in che modo aiuta nel mondo di oggi? Potremmo abolirla in favore di qualcosa di più tecnico magari... Non sto dicendo che tutto quello che viene fatto studiare sia corretto, però attenzione ad andarci giù con l'accetta e dire che questa o quella materia sono del tutto inutili...Poi tu trovi la mia idea sintomo di arretratezza culturale, a me sembra più arretrato curturalmente non riuscire a discutere "pacificamente" una questione, dovendo invece ricorrere sempre all'ironia o all'offesa...
          • anonimo scrive:
            Re: I motivi sono due
            - Scritto da: Marco

            Il latino l'ho dovuto studiare perché era

            obbligatorio anche allo scientifico. Il fatto
            che

            tu sostenga questa bislacca teoria, peraltro

            molto diffusa, la dice lunga sull'arretratezza

            culturale

            dell'Italia.

            Dimmi solo una cosa: secondo te perché nel Regno

            Unito alla fine della seconda guerra mondiale

            hanno abolito lo studio del latino e del greco

            antico? Perché in tutto il mondo siamo molto

            probabilmente solo noi a imporre lo studio

            liceale di queste lingue

            morte?

            Siamo solo noi nel giusto e tutti gli altri nel

            torto?

            La teoria evidentemente non è tanto bislacca se
            in molti la sostengono. Cmq per tua informazione
            tra gli italiani che vivono come me all'estero e
            che hanno dovuto impararsi almeno una lingua
            straniera molto bene l'idea che latino e greco
            siano utili almeno per questo scopo (oltre che
            per quello che dicevo prima) è molto
            diffusa.

            Per quanto riguarda l'altro punto, potremmo
            ovviamente chiederci perchè illustri studiosi di
            pedagogia invece le consiglino come materie di
            studio. Un breve riassunto di almeno alcune delle
            idee a favore o contro il loro studio lo puoi
            trovare qui
            (http://wiki.idebate.org/index.php/Debate:Classics

            Poi tu trovi la mia idea sintomo di arretratezza
            culturale, a me sembra più arretrato
            curturalmente non riuscire a discutere
            "pacificamente" una questione, dovendo invece
            ricorrere sempre all'ironia o
            all'offesa...Ti ho offeso? Mi pare proprio di no. Per quanto riguarda l'ironia, come non farne, di fronte alla teoria da te citata? E soprattutto di fronte a chi, con grande naïveté, di mussoliniana memoria, crede che l'Italia abbia ragione e il resto del mondo torto? Perché di fatto, di fronte al dato incontrovertibile che nel mondo solo in Italia si insegna ai liceali il Latino e il Greco antico, non mi hai potuto rispondere nulla.Bravo, resta con le tue fasulle certezze. Mi sembri un personaggio di Amarcord.
          • Marco scrive:
            Re: I motivi sono due

            Ti ho offeso? Mi pare proprio di no. Beh insomma... sparare subito dicendo che uno è arretrato culturalmente non è che sia proprio carino.
            Per quanto riguarda l'ironia, come non farne, di
            fronte alla teoria da te citata? E soprattutto di
            fronte a chi, con grande naïveté, di mussoliniana
            memoria, crede che l'Italia abbia ragione e il
            resto del mondo torto? Perché di fatto, di fronte
            al dato incontrovertibile che nel mondo solo in
            Italia si insegna ai liceali il Latino e il Greco
            antico, non mi hai potuto rispondere
            nulla.
            Bravo, resta con le tue fasulle certezze. Sto solo descrivendo la mia esperienza, nella quale ho trovato utile lo studio del greco, da cui la certezza che (almeno per me, ma quindi perchè non anche per altri?) abbia funzionato. Inoltre chiedo siamo sicuri che solo in Italia si facciano questo tipo di studi? Basta fare una velocissima ricerca su internet per vedere che esistono molte high school in USA e UK dove il latino e il greco vengono insegnati, quindi non si tratta solo dell'Italia. Alla faccia del dato incontrovertibile... Come ti ho detto prima, è una questione aperta (non da me o da te, ma da pedagoghi che sicuramente ne capiscono di più) se lo studio di queste materie sia o meno utile o cmq più utile rispetto ad altri tipi di studio. Tu invece sei certo che non lo siano...
            Mi sembri un personaggio di Amarcord.Sempre in tema di ironia, di cui evidentemente non riesci a fare a meno...
      • Diego scrive:
        Re: I motivi sono due
        - Scritto da: Trunk
        Concordo: la chiave cattolica domina e questo non
        è curioso perché il Vaticano ha da sempre
        coltivato i "media", ma non bidirezionali. Radio
        Maria si sente anche in cima al Monte Bianco, ma
        un media dve la gente può paralre e dire la
        propria non va
        bene.
        Secondo nella scuola domina la cultura
        umanistica: la matematica si può "non cpirla",
        coi computer si può "non saperci fare" ma Manzoni
        e Dante no non si uò non conoscerli a
        memoria.A mio avviso, Manzoni e Dante sono frutto e specchio più della cultura cattolica, che di quella umanistica. Quindi dici una cosa sola, che mi vede d'accordo.Ci vorrebbe, invece, più umanesimo.
    • beebox scrive:
      Re: I motivi sono due
      - Scritto da: El Castigador
      1. L'Italia è un paese di vecchi e parlo
      di età ancor prima che di testa. Vecchi che non
      sanno distinguere il mouse dalla tastiera. E gli
      vuoi dare
      internet?Quoto e sottoscrivo il resto del post, ma con una piccola correzione: siamo soprattutto vecchi di testa , prima ancora che di età anagrafica, perché conosco molti "dirigenti" di 40-50 anni (quindi non vecchi in senso stretto) che le e-mail se le fanno stampare dalla segretaria e che considerano la lettura delle e-mail una perdita di tempo. Ma sia come sia, il succo dell'articolo sta in una frase: profonda arretratezza culturale italiana . Qui quando una cosa smette di essere vietata diventa immediatamente obbligatoria (vedi PEC: prima l'e-mail non veniva considerata uno strumento "ufficiale" perchè non era abbastanza burocratico, adesso si che si comincia a ragionare!). Perché, come dici tu, lo sport nazionale è "strafracassare i maroni". Sappiamo tutti che erogare servizi via Internet costa meno, ma siccome fruirne è più comodo allora in Italia te li fanno pagare di più (vedi bollo ACI e tanti altri esempi).Cosa vogliamo pretendere da un paese come il nostro ?
      • anonimo scrive:
        Re: I motivi sono due
        - Scritto da: beebox

        Cosa vogliamo pretendere da un paese come il
        nostro
        ?Se la metti così, in effetti non possiamo pretendere nulla!
    • Winston Wolf scrive:
      Re: I motivi sono due
      - Scritto da: El Castigador
      1. L'Italia è un paese di vecchi e parlo
      di età ancor prima che di testa. Vecchi che non
      sanno distinguere il mouse dalla tastiera. E gli
      vuoi dare
      internet?Assolutamente d'accordo, nel posto dove lavoro molti coetanei trentacinquenni non hanno affatto un buon rapporto con l'informatica.E ti parlo delle punte di diamante perchè andando avanti verso la dirigenza la cosa peggiora.Fino al punto che il sottoscritto che ha una conoscenza dei computer da utente esperto (ma fai da te), viene considerato un super esperto che tutto risolve.Il Digital Divide mi avvantaggia, ma il quadro complessivo è desolante.Ovviamente quoto tutto ciò che hai detto.
    • Willy Pasini scrive:
      Re: I motivi sono due
      sottoscrivo!
    • Might scrive:
      Re: I motivi sono due
      Hai centrato in pieno entrambi i punti (purtroppo)
    • alex scrive:
      Re: I motivi sono due
      - Scritto da: El Castigador
      1. L'Italia è un paese di vecchi e parlo
      di età ancor prima che di testa. Vecchi che non
      sanno distinguere il mouse dalla tastiera. E gli
      vuoi dare
      internet?
      2. Abbiamo una casta "culturale" che strafracassa
      i maroni a tutte le ore sui pericoli di internet,
      internet che è il male, che è il covo dei
      pedoterrosatanisti, che aliena dalla realtà, che
      distrugge i bei vecchi tempi quando si parlava
      faccia a faccia e tutto era più vero ,
      eccetera eccetera. Questo atteggiamento è poi
      rivolto verso ogni tipo di nuova
      tecnologia.

      I due motivi ovviamente si rafforzano a vicenda.

      Se poi aggiungiamo gli ostacoli burocratici
      facciamo il pieno. Ma gli ostacoli burocratici
      tipo il decreto Pisanu che ha azzoppato internet
      point, wi-fi ecc derivano anche dal secondo
      punto...si aggiunge anche il rapporto banda/prezzo...per esempio in romania, da dove arrivano i rumeni, persone spesso mal viste dagl'italiani, ci sono offerte di 50Mbit/s up&down per 20 Euro full duplex in fibra !!!! (fastweb offre solo halfduplex)Io studio ingegneria delle TLC 3° anno e quando sento delle notizie del genere mi viene un nervoso !!!!
  • 3my78 scrive:
    mah...
    Sinceramente non so come espormi. E' una marcia indietro che mi lascia perplesso e con molte domande.Cetrto in Italia abbiamo costi molto alti riguardante internet. Se facessero una politica più morbida... http://3my78.blogspot.com/
  • Bic Indolor scrive:
    E andrà peggio...
    ... quando ci infileranno (per decreto legge, naturalmente, dall'oggi al domani) la dottrina sarkozy, e partiranno le disconnessioni forzate. Per non parlare di filtri e trojan di stato.Se in rete diminuirà la fruibilità e aumenterà il tecnocontrollo, difficilmente la gente ci si affezionerà. Anzi: io mi sto cercando di abituarla all'idea di usarla un giorno al minimo dei minimi possibile.
    • Utonto scrive:
      Re: E andrà peggio...
      - Scritto da: Bic Indolor
      ... quando ci infileranno (per decreto legge,
      naturalmente, dall'oggi al domani) la dottrina
      sarkozy, e partiranno le disconnessioni forzate.

      Per non parlare di filtri e trojan di stato.
      Se in rete diminuirà la fruibilità e aumenterà il
      tecnocontrollo, difficilmente la gente ci si
      affezionerà. Anzi: io mi sto cercando di
      abituarla all'idea di usarla un giorno al minimo
      dei minimi
      possibile.Cominciamo a preoccuparci:http://www.repubblica.it/2008/11/sezioni/politica/berlusconi-varie/regola-internet/regola-internet.htmle attenzione le mire sono mica da poco! :( :( :(
  • Dti Revenge scrive:
    finchè sono 50enni...
    L'italia è il paese più vecchio d'europa!!!Finchè il campione comprende 50-60 enni e pensionati che a malapena sanno come funziona un cellulare (figuriamoci internet) grazie che il valore non è più attendibile.Quello che invece mi lascia basito è l'ignoranza informatica di moltissimi ragazzi che hanno un pc ma non sanno usarlo (o si limitano a facebook e msn) o non ne conoscono le effettive potenzialità.La spinta per avere una connessione ad internet deve partire dai più giovani e stimolare le fascie più "anziane"
    • emmeesse scrive:
      Re: finchè sono 50enni...
      Ai giovani gli frega poco di internetNon si cucca passera in reteAi lug e ai linux day ci vanno i 30/40enni perlopiu'Ed anche negli hackmeeting l'eta' si e' alzata.Il problema e' quella la generazione che dovrebbe governare,per accudire gli anziani ed educare i fanciulliSe l'Italia non ha un ricambio generazionalela colpa e' degli italiani che dovrebbero attuare questo ricambio...Piu' o meno il target dei lettori di quest'inclita rivista telematica
      • Dti Revenge scrive:
        Re: finchè sono 50enni...
        Però di solito la curiosità scatta dal figlio (vede che molti suoi amici hanno l'ultimo COD o Unreal) che chiede alla famiglia, come regalo, una bella connessione internet da n MB (fregature a parte)e poi quello del cuccare in rete, ti sbagli. Non hai visto il boom dei social network? facebook, netlog,badoo?Se dalla statistica si eliminassero anche questi elementi (utenti che usano only facebook&msn + chi gioca online) vedrai che il ribasso sarebbe molto più accentuato.
        • Brenji Ahiai scrive:
          Re: finchè sono 50enni...
          Pochi sono capaci ad usare veramente la tecnologia.Tantissimi giovani invece sanno a malapena accendere un pc, entrare in msn e facebook e simili...Non sanno neanche usare correttamente Google.E sfortunatamente no, non sono esagerato o ultrapignolo :'(
      • El Castigador scrive:
        Re: finchè sono 50enni...
        - Scritto da: emmeesse
        Ai giovani gli frega poco di internet
        Non si cucca passera in rete
        Ai lug e ai linux day ci vanno i 30/40enni
        perlopiu'
        Ed anche negli hackmeeting l'eta' si e' alzata.

        Il problema e' quella la generazione che dovrebbe
        governare,
        per accudire gli anziani ed educare i fanciulliMah, a volte leggi anche qui commenti di gente che dice che bisogna vietare internet e cellulari per i minorenni... e allora capisci come mai siamo allo sfascio.
        • francesco p. scrive:
          Re: finchè sono 50enni...
          non centrano niente i cinquantenni, la germania ha una popolazione anziana paragonabile in percentuale a quella italiana e tanto la tecnologia non è tutto questo disastro, il problema è che chi governa un paese (che sia di destra o di sinistra) dovrebbe avere un età che gli consenta di distinguere una tastiera dal suo deretano
    • Daniel_Cort o scrive:
      Re: finchè sono 50enni...
      Penso che l'anagrafe non sia il vero ostacolo alla diffusione della rete, assolutamente. Il vero ostacolo è la mancanza di conoscenza.
    • Paolo scrive:
      Re: finchè sono 50enni...
      Leggendo questo post e relative risposte mi sono chiesto se i giovani di oggi super "smanettoni" su varie tipologie di apparecchiature informatiche-elettroniche saranno i futuri 50enni che porteranno innovazioni e l'aumento dell'informatizzazione nelle case. La risposta, a mio avviso, è proprio no. Mi spiego. Intanto, seguendo sempre i vari ragionamenti degli altri, quelli (di 30 o poco più anni) che dovrebbero usare internet in ufficio solo per lavoro lo usano anche per fare tante altre cose; a casa lo avrebbero solo per farci giocare i figli o per passare le ore a farsi gli affari degli altri su facebook (credetemi, ce ne sono tantissimi!). Per i più giovani o giovanissimi lo usano in casa per giochi, chat, (ancora) facebook, il tutto rigorosamente utilizzato online. Se poi ci aggiungiamo che la stragrande maggioranza delle persone sono pigre per : imparare qualcosa di nuovo oltre a quello di scrivere www.webmail.it, di pensare solo a perdere tempo, il più delle volte a far girare lo screen saver, di giocare con la community online, etc...se poi a tutto questo ci sono anche problemi fuori dalla nostra sfera personale (economia in primis) allora la frittatina sbattuta è pronta.Cosa aggiungere? Chi vivrà, vedrà... :)Paolo
    • si scherza... .. scrive:
      Re: finchè sono 50enni...

      Quello che invece mi lascia basito è l'ignoranza
      informatica di moltissimi ragazzi che hanno un pc
      ma non sanno usarlo (o si limitano a facebook e
      msn) o non ne conoscono le effettive
      potenzialità.
      La spinta per avere una connessione ad internet
      deve partire dai più giovani e stimolare le
      fascie più "anziane"...anche l'ignoranza grammaticale...
  • cip e ciop scrive:
    cazzeggiano in ufficio
    Conosco tantissime persone che hanno fatto questo ragionamento:1) internet cell'ho in ufficio2) posso usarla3) la tolgo da casa, al posto dell'adsl mi ci faccio scai per guardarmi le partite....semplice
    • Uto Uti scrive:
      Re: cazzeggiano in ufficio
      Semmai "Internet ce l'ho...." zappaterra
    • Terminator scrive:
      Re: cazzeggiano in ufficio
      Vero, tristissimo. :-(
      • Max scrive:
        Re: cazzeggiano in ufficio
        Oppure:io davanti ad internet e al pc ci passo gia` 8/10 ore al giorno per lavoro (e nel frattempo ci faccio tutto quello che mi serve, pagamenti bollette, operazioni bancarie, acquisti, ecc) e quando vado a casa voglio fare altro che passare altre ore davanti ad un monitor.Oltretutto cosi` risparmio pure!
        • Homer S. scrive:
          Re: cazzeggiano in ufficio
          - Scritto da: Max
          Oppure:
          io davanti ad internet e al pc ci passo gia` 8/10
          ore al giorno per lavoro (e nel frattempo ci
          faccio tutto quello che mi serve, pagamenti
          bollette, operazioni bancarie, acquisti, ecc) e
          quando vado a casa voglio fare altro che passare
          altre ore davanti ad un
          monitor.
          Oltretutto cosi` risparmio pure!Mi sembra giusto. E' per quello che ti pagano...Ecco perchè l'Italia è un paese così produttivo.
  • Giorgio scrive:
    Vedrai
    Che gira e rigira la colpa è di Berlusconi.Forza saccentoni
    • Gold Partner scrive:
      Re: Vedrai
      No, la colpa è di Linux. La gente seguendo acriticamente i sermoni dei sacerdoti dell'opensource ha iniziato a comprare dei computer lunix-capable totalmente inadatti alla navigazione a causa si gravi incompatibilità con modem usb, wifi etc etc.(win)
      • uno scrive:
        Re: Vedrai
        ma che stai dicendo? non date retta a questo, che linux non sà nemmeno bene cosa sia.
      • ria12 scrive:
        Re: Vedrai
        Linux? Certo che è un problema! Il problema di essere gratuito, di funzionare troppo bene e di avere migliaia di programmi. Sai quello che fa in ogni momento perché sei tu che controlli la macchina e non qualcun altro, tuttavia c'è un prezzo per tutto questo: devi studiare come funziona. Ma non è lo stesso con Windows? ;)Ho visto un ragazzino di quinta elementare usare con disinvoltura la eduKnoppix senza mai averla vista. Ho visto persone adulte, ahimé colleghi, che dopo due corsi non sapevano ancora impostare la pagina di word, usare IE perché non trovavano l'icona sul desktop oppure zippare un documento. Siamo lontanissimi dall'usare e dal comprendere a fondo il concetto di sicurezza di un firewall, spesso lasciati su configurazioni di default, di un antivirus, di un proxy e dei certificati digitali. Ieri mi è stato detto, da un amico, in modo molto perplesso e preoccupato: "Ma sai che la posta viaggia in chiaro!" No comment.Il problema non è il sistema operativo o internet, ma la pigrizia. Pigrizia e furberia sono le attuali mode italiane. Mi auguro sempre che cambi qualcosa, ma la verità è che nulla cambierà se il singolo non farà, come sempre, nulla.
      • alfredoR scrive:
        Re: Vedrai
        Sono cascato dalla sedia dal ridere!.....Continua cosi' per piacere.
      • enricox scrive:
        Re: Re: Vedrai
        - Scritto da: Gold Partner
        No, la colpa è di Linux. La gente seguendoQuesta è la risposta migliore che gli si poteva dare ! Menomale che qualcuno mi fà ancora sorridere.
    • Mario scrive:
      Re: Vedrai
      Sciruamente sarai a casa con mammina, quindi certe cose non puoi capirle ma (Berlusconi o no, sia chiaro) quando devo pagare il mutuo e mantenere due bambini, forse internet passa in secondo piano. In Francia, Paese citato nell'articolo, la politica di incentivazione famigliare è ben diversa (RIPETO: Destra o sinistra che sia). Allora ecco riesci a spendere volentieri 30 al mese per internet!- Scritto da: Giorgio
      Che gira e rigira la colpa è di Berlusconi.
      Forza saccentoni
      • asd scrive:
        Re: Vedrai
        - Scritto da: Mario
        Sciruamente sarai a casa con mammina, quindi
        certe cose non puoi capirle ma (Berlusconi o no,
        sia chiaro) quando devo pagare il mutuo e
        mantenere due bambini, forse internet passa in
        secondo piano.scusa ma il mutuo nessuno te lo ha imposto,quindi di quello non lamentarti -.-"
        • pierg75 scrive:
          Re: Vedrai
          - Scritto da: asd
          scusa ma il mutuo nessuno te lo ha imposto,quindi
          di quello non lamentartiSe non e' mutuo e' affitto...se non e' nemmeno quello allora stai con la mammina...bella la vita cosi.
    • Lepaca scrive:
      Re: Vedrai
      Ti poni come saccente per dare del saccente agli altri... geniale! :DComunque ti do ragione... Berlusconi non e' la causa, ma l'effetto! Figlio nato dalla "profonda arretratezza culturale italiana"...
      • Antonio Macchi scrive:
        Re: Vedrai
        - Scritto da: Lepaca
        Ti poni come saccente per dare del saccente agli
        altri... geniale!
        :D
        Comunque ti do ragione... Berlusconi non e' la
        causa, ma l'effetto! Figlio nato dalla "profonda
        arretratezza culturale
        italiana"...BRAVO!giusto... andiamo all'origine dei mali.
    • Funz scrive:
      Re: Vedrai
      - Scritto da: Giorgio
      Che gira e rigira la colpa è di Berlusconi.No, sono due facce dello stesso problema: gli italiani sono stupidi e ignoranti, quindi non sanno cosa farsene di Internet, e votano Berlusconi.
      • Franco scrive:
        Re: Vedrai
        - Scritto da: Funz
        - Scritto da: Giorgio

        Che gira e rigira la colpa è di Berlusconi.

        No, sono due facce dello stesso problema: gli
        italiani sono stupidi e ignoranti, quindi non
        sanno cosa farsene di Internet, e votano
        Berlusconi.Aspetta!troppo banale cosi.Dove la metti la categoria dei mafiosi come Dell'Utri(fondatore di ForzaItalia)???Siamo la vergogna di ogni paese democratico,solo noi abbiamo un mafioso condannato che siete in Parlamento(assieme ad una lunga serie di personaggi condannati sempre tra le fila del partito azienda)
        • asd scrive:
          Re: Vedrai
          - Scritto da: Franco
          - Scritto da: Funz

          - Scritto da: Giorgio


          Che gira e rigira la colpa è di Berlusconi.



          No, sono due facce dello stesso problema: gli

          italiani sono stupidi e ignoranti, quindi non

          sanno cosa farsene di Internet, e votano

          Berlusconi.

          Aspetta!troppo banale cosi.
          Dove la metti la categoria dei mafiosi come
          Dell'Utri(fondatore di
          ForzaItalia)???
          Siamo la vergogna di ogni paese democratico,solo
          noi abbiamo un mafioso condannato che siete in
          Parlamento(assieme ad una lunga serie di
          personaggi condannati sempre tra le fila del
          partito
          azienda)e dopo queste parole è cambiato qualcosa? no xkè io qui leggo vergogna di qui vergogna di li,e poi? cioè ma vi siete resi conto che non abbiamo qualcuno a cui dare il voto che non sia una vergogna?
          • Antonio Macchi scrive:
            Re: Vedrai

            e dopo queste parole è cambiato qualcosa? no xkè
            io qui leggo vergogna di qui vergogna di li,e
            poi? cioè ma vi siete resi conto che non abbiamo
            qualcuno a cui dare il voto che non sia una
            vergogna?non mi pare che Di Pietro abbia condanne alle spalle, ne che abbia partecipato a nozze o compleanni di mafiosi... ne che abbia proposto leggi ad personam... anzi... a me risulta che di mafiosi e corrotti ne ha messi in galera!!!direi -sveglia-... ma qui son tutti che dormono come sassi!
      • 5Lire scrive:
        Re: Vedrai
        - Scritto da: Funz
        - Scritto da: Giorgio

        Che gira e rigira la colpa è di Berlusconi.

        No, sono due facce dello stesso problema: gli
        italiani sono stupidi e ignoranti, quindi non
        sanno cosa farsene di Internet, e votano
        Berlusconi.e basta con queste critiche futili e poco costruttive! secondo me la vostra è tutta invidia verso una persona che è riuscita ad arrivare molto molto in alto, in modo più o meno legale/lecito, d'altronde in italia per farti strada o devi essere figlio di tale pezzo da novanta, o figlio di tale mafioso o scalare in maniera illecita...la meritocrazia non esiste, almeno qui in italia; non so e non azzardo teorie o asserzioni in merito a quello che succede all'estero...Smettiamola di attaccare chi è stato più furbo di noi nella vita o chi ha avuto più fortuna di noi ed è riuscito a sfruttare la nostra ignoranza....qualcuno lo avrà pur votato berlusconi per trovarsi al posto in cui si trova adesso? non credete?
        • Lepaca scrive:
          Re: Vedrai
          basta con le critiche futili?ma basta con questa cazzata dell'invidia!!!a parte il fatto che se dovessi invidiare qualcuno, perche' limitarmi ad invidiare berlusconi? potei invidiare direttamente l'uomo piu' potente del pianeta che in questo momento e' obama, o sbaglio?guarda, il tuo post e' drammatico, e non perche' hai detto fesserie. hai descritto esattamente l'italia.la cosa drammatica e' che tutto questo ti stia bene!!!se continuate ad appoggiare persone che arrivano in alto senza meriti, perche' e' raccomandato, perche' alleato della malavita... dove credi che si arrivera'?per quanto riguarda l'estero, ti posso assicurare che non e' il paradiso, ma ti consiglio di fartelo un bel giretto, perche' la situazione non e' neanche lontanamente paragonabile a quella italiana...
        • franco frattali scrive:
          Re: Re: Vedrai
          - Scritto da: 5Lire
          - Scritto da: Funz

          - Scritto da: Giorgio


          Che gira e rigira la colpa è di Berlusconi.



          No, sono due facce dello stesso problema: gli

          italiani sono stupidi e ignoranti, quindi non

          sanno cosa farsene di Internet, e votano

          Berlusconi.

          e basta con queste critiche futili e poco
          costruttive!giusto! più pensiero unico per tutti!
          secondo me la vostra è tutta invidia
          verso una persona che è riuscita ad arrivare
          molto molto in alto, in modo più o meno
          legale/lecito,ah sì?! perché, dovrei dirgli "bravo" per essere riuscito ad arrivare dov'è con mezzi leciti?guarda che quando si SUCCHIANO soldi in un certo modo, ci si impoverisce tutti. e questa non è politica, è semplice matematica.
          d'altronde in italia per farti
          strada o devi essere figlio di tale pezzo da
          novanta, o figlio di tale mafioso o scalare in
          maniera illecita......e allora? legittimiamo tutti quelli che lo fanno?o sei un troll o sei un pericoloso istigatore a delinquere.
          la meritocrazia non esiste,
          almeno qui in italia; non so e non azzardo teorie
          o asserzioni in merito a quello che succede
          all'estero...ci sono posti dove esiste. e si vive meglio. personalmente non vedo l'ora di trasferirmici: almeno sarò apprezzato per quello che sono e non per quanti cu|i di politici sono stato bravo a leccare.
          Smettiamola di attaccare chi è stato più furbo di
          noi nella vita o chi ha avuto più fortuna di noi
          ed è riuscito a sfruttare la nostra
          ignoranza....e semplicemente smetterla di essere ignoranti? no, eh?
          qualcuno lo avrà pur votato
          berlusconi per trovarsi al posto in cui si trova
          adesso? non
          credete?certo. ma bisognerebbe chiedersi il perché.ah già, porsi dei problemi è fuori moda ormai...
    • Antonio Macchi scrive:
      Re: Vedrai
      - Scritto da: Giorgio
      Che gira e rigira la colpa è di Berlusconi.
      Forza saccentoninon serve rigirare tantola tv non fa che parlare male di internet...tanto per dire... perche' invece della famosa gara di yo-yo, al TG non danno questa interessante notizia?dove va il branco lo decide sempre il capobranco...
Chiudi i commenti