Nokia annuncia cellulari e licenziamenti

Nuovi cell e servizi per tutti i mercati. Ma neppure Nokia rimane indenne dalla crisi e, come Motorola, annuncia alcuni tagli

Roma – Non uno, ma sette nuovi cellulari. Nokia , dalla sua posizione di leadership nel mondo della telefonia mobile, punta sempre a tutte le fasce di mercato: nei suoi obiettivi non c’è solamente chi può permettersi computer multimediali come i modelli N95 e N96 o touch-phone il Tube . Anche gli entry level sono un mercato interessante, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo. E proprio lì punta a lanciare i suoi nuovi modelli.

Questi i nuovi apparecchi che il colosso finlandese si accinge a presentare per aggredire i mercati emergenti:
7100 Supernova , con ampio schermo a colori, player multimediale, radio FM, fotocamera da 1,3 Megapixel, supporto per Share on Ovi e Mail on Ovi, sarà venduto al prezzo indicativo di 75 euro;
5130 XpressMusic , cellulare musicale a buon mercato che offre una fotocamera da 2 Megapixel, supporto per Share on Ovi e Mail on Ovi. Prezzo di vendita stimato di 90 euro.i e Ovi Email;
– il trittico formato da 2320 Classic, 2323 Classic e 2330 Classic , che offrono il supporto per Mail on Ovi e Nokia Life Tools. Il Nokia 2323 ha in più una radio FM con registratore e un browser web. Il modello 2330, oltre a quanto già presente sugli altri due apparecchi, ha in più la fotocamera integrata. Il prezzo dei primi due dovrebbe aggirarsi attorno ai 40 euro, mentre il Nokia 2330 classic dovrebbe costare una decina di euro in più;
– in coda c’è il duo formato dai modelli 1202 e 1661 , due cellulari semplici che offrono telefonate ed SMS – i fondamentali della telefonia mobile – rispettivamente al prezzo di 25 e 30 euro. Il primo è dotato di una torcia elettrica, di una batteria con lunga autonomia; il secondo potrebbe essere adatto ad un’utenza “su di età”: oltre alla torcia offre un ampio e leggibile display, ma anche suonerie che possono essere impostate ad altissimo volume.

Anche per Nokia, però, non è un periodo completamente roseo: il gruppo ha annunciato l’attuazione di un progetto di riorganizzazione, avviato ad inizio 2008, che prevede una riduzione di complessivi 600 posti di lavoro, nell’ambito dei settori marketing e vendite. Alcune decine i posti a rischio in Finlandia, 130 i licenziamenti nell’ambito del Nokia Research Center e oltre 400 quelli nell’area commerciale.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • babelzeta scrive:
    firefox 3 e acrobat reader 9
    non so se il problema è comune ma su un pc di un mio amico con windows xp, utilizzando firefox 3 con acrobat reader, non riesco ad aprire + i file pdf all'interno del browser, devo per forza salvarli e po aprirli con acrobat reader... quancun altro ha lo stesso problema?grazie per l'eventuale aiuto
  • Anonimo scrive:
    Mah...!
    Se non ho letto male è da giugno che circola la versione 9 ed io avevo ancora la 8 perchè sto programma non si autoaggiorna e se non lo leggevo qui probabilmente l'avrei ancora avuta! Che cavolo di programma, quasi quasi mi cervo una bella alternativa open source alla facciaccia di Adobe.
  • Need a Wall scrive:
    Non ci si salva piu'
    Pure Adobe ci mancava e fa seguito ai buchi di 3.000.000.000 di altri software che ci troviamo normalmente installati.Urgono 2 cose:1) sviluppare non solo con attenzione alle funzioni, sempre di piu' e sempre piu' codice, ma anche alla sicurezza del sistema con tool che verificano il codice2) un sistema di aggiornamento globale di TUTTO il software installato sulla macchina, altrimenti ogni mattina, update del sistema operativa, update dell'antivirus, diamo una occhiata ad Adobe, ma RealPlayer dove lo mettiamo e lo shockwave e il flashplayer e .... Ops, qualcuno ha detto apt-get o roba del genere???? MS tu che presto o tardi (spesso tardi) arrivi, prendi nota se non per Windows 7 per Windows 8 anche se effettivamente e' difficilino dato che tu non hai un modello di repository con cui distribuisci il software anche di terze parti, ma puoi pensarci.
    • 200 OK scrive:
      Re: Non ci si salva piu'
      Forse in un mondo ideale...Il fatto che nello scrivere codice si possono inserire dei bug che appaiono solo in determinate condizioni.Con tutta l'attenzione di questo mondo dubito si possa scrivere codice perfetto la prima volta.Essere metodici ed usare delle linee guida per scrivere il codice aiuta comunque moltissimo.
      • H5N1 scrive:
        Re: Non ci si salva piu'
        A volte non basta neanche questo.Anzi, per dare un colpo al cerchio ed uno alla botte, bisogna anche dire che alcuni bug che poi si sono rilevati relativi alla sicurezza in principio non lo erano considerati e pertanto molte software house li inserivano com minor-fix.Quando poi si scopriva come sfruttarli per "bucare" un programma od un sistema si correva ai ripari.Questo perchè non è sempre semplice capire cosa un piccolo errore può far scaturire :)
      • Need a Wall scrive:
        Re: Non ci si salva piu'
        - Scritto da: 200 OK
        Forse in un mondo ideale...

        Il fatto che nello scrivere codice si possono
        inserire dei bug che appaiono solo in determinate
        condizioni.
        Io penso questo: esiste tutta una serie di applicativi pre-internet tirati avanti e li' il concetto di sicurezza era il virus dal floppy, roba che il codice di una applicazione non c'entrava niente. Esiste tutta una serie di programmatori pre-internet.Gli uni e gli altri ci sono ancora adesso e imperversano (senza che si siano molto aggiornati, un po' i programmatori cominciano a essere vecchietti con poca voglia di aggiornarsi e un po' i programmi sono strutturati in maniera tale che bisognerebbe riscriverli da zero) e so' cavoli.Quindi buona parte del codice di cui parlavo (e il mio appello) si rivolge in questa direzione.Circa tutto il resto hai ragione si' e no, il cliente vuole che la roba funzi, la software house e' impegnata a fargli digerire gia' uno stra-preventivo, spazio per impegnarsi di piu' sul codice non ne avanza tanto. Questa e' un'altra grande fonte di pessimo codice. Poi il codice perfetto non esiste e un tot di buchi ci sara' sempre, piu' o meno sfruttabili, ma ragazzi un tot e' un tot, tanti buchi e gravi un'altra faccenda!!!!Insomma ho l'impressione che molti, troppe volte non facciano tutto quello che si puo' per evitare questi buchi. Per questioni di incuria, incompetenza, costi ecc. E non va bene.
        • krane scrive:
          Re: Non ci si salva piu'
          - Scritto da: Need a Wall
          - Scritto da: 200 OK

          Forse in un mondo ideale...

          Il fatto che nello scrivere codice si possono

          inserire dei bug che appaiono solo in

          determinate condizioni.
          Io penso questo: esiste tutta una serie di
          applicativi pre-internet tirati avanti e li' il
          concetto di sicurezza era il virus dal floppy,
          roba che il codice di una applicazione non
          c'entrava niente. Esiste tutta una serie di
          programmatori
          pre-internet.

          Gli uni e gli altri ci sono ancora adesso e
          imperversano (senza che si siano molto
          aggiornati, un po' i programmatori cominciano a
          essere vecchietti con poca voglia di aggiornarsi
          e un po' i programmi sono strutturati in maniera
          tale che bisognerebbe riscriverli da zero) e so'
          cavoli.

          Quindi buona parte del codice di cui parlavo (e
          il mio appello) si rivolge in questa
          direzione.

          Circa tutto il resto hai ragione si' e no, il
          cliente vuole che la roba funzi, la software
          house e' impegnata a fargli digerire gia' uno
          stra-preventivo, spazio per impegnarsi di piu'
          sul codice non ne avanza tanto. Questa e'
          un'altra grande fonte di pessimo codice. Poi il
          codice perfetto non esiste e un tot di buchi ci
          sara' sempre, piu' o meno sfruttabili, ma ragazzi
          un tot e' un tot, tanti buchi e gravi un'altra
          faccenda!!!!

          Insomma ho l'impressione che molti, troppe volte
          non facciano tutto quello che si puo' per evitare
          questi buchi. Per questioni di incuria,
          incompetenza, costi ecc. E non va bene.E' per quello che il sistema operativo deve isolare i processi, offrire loro le risorse (in modo che non se le prendano autonomamente), avere delle robuste policy di task switching, possibilmente una divisione di utenze e tutte quelle cose che window comincia a fare decentemente con vista. (Visto che XP isola solo i primi 4 Mb di processo in memoria)
  • 200 OK scrive:
    Foxit Reader
    Per chi fosse stufo del Reader di Acrobat consiglio Foxit Reader, rapido e snello.Tra l'altro anche Okular su KDE 4.1 non sembra niente male...
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Foxit Reader
      contenuto non disponibile
      • 200 OK scrive:
        Re: Foxit Reader
        Rendering professionale...ouch.In effetti un programma potrebbe perdere alcune informazioni nella lettura del codice PostScript... e miriadi di altre cose...Buono a sapersi.Eh nessun software è perfetto, l'ho nominato perchè è molto rapido e comodo da utilizzare. Premetto che è per un uso "normale" per privati ;)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 05 novembre 2008 14.46-----------------------------------------------------------
        • H5N1 scrive:
          Re: Foxit Reader
          Prova Sumatra PDF: si tratta di un singolo eseguibile di 1.12MB e pertanto si presta ad essere "portable" :)Molto veloce.
          • 200 OK scrive:
            Re: Foxit Reader
            Grazie :P ecco come si chiamava! Oggi lo stavo cercando ma non ricordavo il nome.
        • Ale scrive:
          Re: Foxit Reader
          Non puoi più "premettere", a questo puoi solo "chiarire".La premessa viene prima di quello che si vuole dire."Vorrei fare una dichiarazione di intenti, ma devo anche fare una premessa.."
          • 200 OK scrive:
            Re: Foxit Reader
            Io e l'itagliano non andiamo molto d'accordo (rotfl) preferisco un discorso più "elastico" dove si capisce subito il contesto, anche se i "puristi" dissentiranno.In ogni caso hai fatto bene a puntualizzare.
Chiudi i commenti