Nokia N1, il tablet cinese

L'ex-colosso finlandese presenta un nuovo tablet Android destinato al mercato asiatico, un primo passo verso il ritorno sul mercato dell'elettronica di consumo a cui ne seguiranno altri in futuro.

Roma – La vendita della divisione smartphone a Microsoft sembrava aver sancito la definitiva uscita di scena di Nokia dal settore dei prodotti di elettronica di consumo, e invece l’azienda finlandese si dichiara ora impegnata a ritornare sul mercato con il tablet a basso costo Nokia N1 .

Presentato ufficialmente nel corso dell’evento tecnologico Slush 2014 che si tiene a Helsinki in questi giorni, in seguito a una breve campagna promozionale via social network con tanto di box “misterioso” e conto alla rovescia, N1 è una tavoletta Android con SoC Intel Atom Z3580 quad-core a 64bit (x86-64), scheda grafica PowerVR G6430 da 533MHz, 2GB di RAM, schermo da 7,9 pollici con risoluzione maxi (2048×1536 pixel), design ricercato in alluminio (invero piuttosto simile alle forme dell’iPad mini) e porta USB tipo-C reversibile. Di sicuro interesse il peso dell’unità, 318 grammi, e il sistema operativo installato è la recente release 5.0 Lollipop.

Specifiche tecniche a parte, una delle caratteristiche distintive di N1 – non a caso opportunamente sottolineate dalla società produttrice – è la presenza di Z Launcher, progetto di “application launcher” per Android su cui Nokia lavora da tempo : il launcher è progettato per adattarsi alle esigenze e alle abitudini di utilizzo dell’utente, presentando una schermata “home” con una selezione delle app più usate dal proprietario del terminale.

Nokia N1 costerà 250 dollari e arriverà sul mercato cinese all’inizio del 2015, mentre la commercializzazione in altre regioni del mondo avverrà in un momento successivo. Il tablet Intel-Android non sarà l’unico dispositivo di consumo realizzato dalla “nuova” Nokia, spiegano da Espoo, e anche per il settore telefonico potrebbero esserci novità , ma con la produzione questa volta affidata alle fabbriche cinesi visto che quelle finlandesi se le è portate via Microsoft. Fermo restando i limiti imposti sullo sfruttamento del marchio contenuti nell’accordo di vendita a Redmond della divisione smartphone completata solo pochi mesi fa.

Il “trucco” potrebbe risiedere nella modalità di produzione e vendita dei nuovi prodotti: il design è made in Finlandia , ma la produzione e la distribuzione dell’N1 (e pure la garanzia) sono gestiti completamente da Foxconn. Quest’ultima pare stia procedendo a un cambio di strategia per quanto la riguarda, con maggiore attenzione al lato commerciale oltre che a quello produttivo: resta da vedere se Microsoft avrà qualcosa da ridire su questo accordo, anche se per ora non sono giunti commenti al riguardo da Redmond.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti