Nokia vs Apple: terzo atto

Il colosso finlandese incassa la controdenuncia e aumenta il calibro dei colpi da sferrare ai rivali: a Cupertino violerebbero non uno ma tutti i suoi brevetti

Roma – Tutti più buoni a Natale, tranne gli avvocati di Nokia, che hanno deciso di rincarare la dose di accuse mosse nei confronti di Apple per quella che ormai si sta definendo come una “guerra dei brevetti”: per i legali di Espoo l’azienda di Cupertino violerebbe tutti i brevetti depositati dal maggiore produttore mondiale di telefonini.

Non si salverebbe nessuno dei prodotti “in bianco”: da iPod ai Mac, passando per iPhone, tutti utilizzerebbero tecnologie sviluppate da Nokia e per le quali Apple non starebbe riconoscendo alcun compenso. “Nokia è tra i più prolifici sviluppatori di tecnologie fondamentali per periferiche di piccole dimensioni – ha dichiarato Paul Melin, direttore della divisione brevetti del gigante finlandese – abbiamo intrapreso questa azione per tutelare i risultati da noi conseguiti”.

A ottobre era stata Nokia a presentare una denuncia contro Apple presso la International Trade Commission (ITC) statunitense per violazione plurima di brevetto. Poco più di un mese dopo l’azienda di Jobs aveva replicato depositando una controdenuncia in cui sosteneva l’esatto contrario.

Per gli analisti questa “saga giudiziaria” sarebbe l’emblema di un radicale mutamento del mercato della telefonia cellulare, un settore in cui Nokia è stato ai vertici fin dai primissimi momenti ma che adesso deve far fronte a concorrenti agguerriti come Apple.

Tuttavia proprio la maggiore esperienza potrebbe giocare a vantaggio dell’azienda finlandese: “Per certi aspetti potrebbe sembrare una mossa azzardata – ha spiegato l’analista di mercato Greger Johansson – Nokia però ha il notevole vantaggio di conoscere più a fondo il settore, per cui è lecito che Apple si sia servita di alcuni suoi brevetti invece che viceversa”.

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Mr. Telecom scrive:
    VoIP in Italia
    In Italia, spero che a Telecom non venga in mente una pensata simile.Sono un amante del digitale e sono passato al VoIP ormai da anni, sfortunatamente ho recentemente fatto la malaugurata scelta di passare ad Alice.Il mio VoIP è peggiorato in maniera inverosimile e adesso ho tanta voglia di ritornare alla telefonia tradizionale.
    • Lorenzo scrive:
      Re: VoIP in Italia
      Io uso il voip con alice ( non di alice ) e senza apparecchiature di alice non trovo differenze rispetto al telefono "classico" anzi sono assenti i rumori di fondo , credo che generalizzare non serva molto .
      • Mr. Telecom scrive:
        Re: VoIP in Italia
        è un fatto risaputo che la situazione della Banda Larga in Italia è al di sotto degli standard qualitativi presenti in altri paesi europei. E non parlo solo dei Paesi più ricchi.Mi ricordo nel lontano 2002 che mi recai in Romania in una piccola cittadina di confine (Arad), avevano già una connessione con banda di diversi mega quando probabilmente in Italia il massimo era probabilmente 640Kb/s.
        • Hem scrive:
          Re: VoIP in Italia
          - Scritto da: Mr. Telecom
          Mi ricordo nel lontano 2002 che mi recai in
          Romania in una piccola cittadina di confine
          (Arad), avevano già una connessione con banda di
          diversi mega quando probabilmente in Italia il
          massimo era probabilmente
          640Kb/s.Riguardo al caso specifico nel 2002 avevo già una linea in fibra ottica con fastweb.Comunque sì sembra che in generale siamo messi male:http://www.speedtest.net/global.php
      • Mike07 scrive:
        Re: VoIP in Italia
        Io posseggo Alice Casa, con tecnologia VoIP, e ho notato una mare di problemi (linea che si stacca, rumore di fondo, a volte non disponibilità del servizio, senza contare il fatto che se va via la corrente elettrica sei fritto). Spero che tutti questi problemi siano dovuti solamente all'implementazione di questa relativamente nuova tecnologia e che presto verranno risolti, ma visto come si sta andando a finire con l'ADSL, sono pessimista.
    • Uomoveranda scrive:
      Re: VoIP in Italia
      - Scritto da: Mr. Telecom
      In Italia, spero che a Telecom non venga in mente
      una pensata simile.ti informo che le telefonate in Italia sono già trasportate da anni 100% in tencologia IP per buona parte della tratta (da centrale a centrale) e che il VoIP funziona benissimo, basta dedicargli pochi kb in modalita CBR.Il problema del VoIP su ADSL è che le linee ADSL sono ABR.Questo per mille emotivi economici: primo tra tutti che telecom non vuole che si smetta di pagare il canone.Ma questo non è cattiveria di Telecom è necesssità, come dimostra questo articolo. Infatti se tutti avessimo solo una linea dati a Telecom costerebbe esattamente zero dare a tutti un canale CBR con cui fare VoIP perfeetto.Ovviamente il giorno dopo Telecom per non fallire dovrebbe farci pagare l'ADSL nudo come ADSL di oggi più canone PSTN.L'algebra non è un opinione.
Chiudi i commenti