Nvidia svela un supercomputer di GPU

La società californiana ha lanciato la sua seconda generazione di schede Tesla dedicate all'high performance computing, le stesse che ha stipato su di un server blade capace di erogare una potenza di calcolo di 4 teraFLOPS

Santa Clara (USA) – Non si è fatta attendere la risposta di Nvidia al lancio, da parte della rivale AMD , della scheda FireStream 9250 . A poche ore di distanza, infatti, la mamma di GeForce ha presentato le sue nuove soluzioni Tesla Serie 10 per l’high performance computing, basate sulla propria piattaforma GPGPU.

Tesla C1060 Come le soluzioni FireStream di AMD, la famiglia di prodotti Tesla utilizza GPU derivate direttamente da quelle mainstream , differenziandosi però da queste ultime per caratteristiche, come il supporto al calcolo in virgola mobile a doppia precisione , che le rendono particolarmente adatte alle applicazioni scientifiche, finanziarie e ingegneristiche.

La famiglia Tesla Serie 10 si compone della scheda PCI Express C1060 , che integra un processore basato sulla stessa architettura delle neonate GPU desktop GTX 280 e GTX 260 , e del server blade 1U S1070 , che include quattro schede Tesla collegate tra loro da connettori External PCI Express 2.0.

La scheda C1060, che occupa due slot PCIe, è composta da 240 unità di stream processing con clock di 1,3 GHz, integra 4 GB di memoria GDDR con bus a 512 bit e clock di 800 MHz (1600 MHz effettivi), ha un consumo massimo di 225 watt e tipico di 160 watt, utilizza un’interfaccia PCI Express x16 2.0, e dispone di un sistema di raffreddamento attivo.

A differenza della C1060, le schede utilizzate dal sistema S1070 mancano di una ventola di raffreddamento (utilizzano un radiatore in rame) e adottano una frequenza di clock più elevata, pari a 1,5 GHz. Il resto delle specifiche rimane invariato.

Tesla S1070 Nvidia afferma che il suo sistema S1070 fornisce 4 terafLOPS di potenza : questo significa che ogni GPU di cui è composto è in grado di erogare 1 teraFLOPS. Per approssimazione, si può stimare che la potenza di calcolo (a singola precisione) di una C1060 dovrebbe essere di poco inferiore ai 900 gigaFLOPS , dunque non distante dal teraFLOPS dichiarato da AMD per la propria FireStream 9250. La soluzione di AMD monta però un solo gigabyte di memoria GDDR3 (con clock di 993 MHz) e consuma qualcosa meno di 150 watt. A differenziare le due schede interviene anche il prezzo, pari a 1000 dollari quello di FireStream 9250 e di 1699 dollari quello di C1060 . Il blade S1070 parte invece da un prezzo di circa 8mila dollari. Entrambi i prodotti saranno introdotti sul mercato nel mese di agosto.

La piattaforma di sviluppo che accompagna le nuove soluzioni Tesla è CUDA , la stessa supportata anche dalle più recenti GPU desktop di Nvidia. CUDA è compatibile con il linguaggio C, e consente agli sviluppatori di sfruttare la potenza di calcolo delle GPU compatibili per le applicazioni general purpose.

Nvidia afferma che Tesla apre l’era del “personal supercomputing” , ossia della possibilità, per individui e piccole imprese, di accedere a potenze di calcolo prima riservate esclusivamente a grandi aziende e istituti di ricerca. Va però considerato che le GPU, per loro natura, non sono adatte per accelerare qualsiasi tipo di applicazione , ma solo quelle che facciano un uso intensivo di calcoli matematici in virgola mobile e che si prestino ad essere fortemente parallelizzate: tra le applicazioni che possono trarre i maggiori vantaggi dalle architetture fortemente parallelizzate delle GPU vi sono quelle utilizzate nell’ambito della ricerca petrolifera, della biologia molecolare, della finanza, della diagnosi medica, della sismica, dell’astrofisica e della meteorologia.

“La strada verso la grande scoperta è piena di sfide e per gli scienziati di oggi, ingegneri e ricercatori in campi come ricerca medica, l’esplorazione sismica o la scienza medica, una delle più grandi sfide è proprio la potenza di calcolo”, ha commentato Jen-Hsun Huang, presidente e CEO di Nvidia. “La GPU sta raggiungendo performance elevate nel calcolo in una direzione fondamentalmente nuova. Ora, centinaia di processor-core sono in grado di lavorare insieme per permettere a scienziati ed ingegneri evoluzioni massicce in performance, riducendo lo spazio occupato nei data-center”

Le GPU Tesla e FireStream rappresentano oggi l’espressione più avanzata del cosiddetto GPGPU (General Purpose computation using GPU), un recente settore della ricerca che studia l’utilizzo dei processori grafici per accelerare anche le applicazioni che non prevedono il rendering di immagini 3D. Tale possibilità è data dalla programmabilità delle schede grafiche più recenti, che va sotto il nome di shader model .

“GPU Computing sta prendendo piede proprio nel momento in cui viene a mancare la potenza dei cluster convenzionali per previsioni atmosferiche time-critical”, ha commentato John Michalakes, sviluppatore presso il National Center of Atmospheric Research . “Puntiamo a dimezzare il tempo per una previsione utilizzando la tecnologia del GPU Computing di Nvidia. Credo che l’arrivo degli acceleratori nell’ambito delle previsioni meteo comporterà non poche trasformazioni”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • federico dellancora scrive:
    DRM
    Ma questa DRM funziona?
  • Pao6 scrive:
    Voglio comprare della musica! Ma..come??
    Io vorrei comprare un bel po' di musica, solo che mi serve un sito che venda MP3 senza DRM, legale e con prova di acquisto in caso di controlli, a prezzo contenuto (1 euro o meno a traccia), che mi permetta di fare copie personali ed usare qualsiasi dispositivo senza problemi.Ne esiste qualcuno? AllofMp3 è legale e riconosciuto o no?(ovviamente non considero il normale ed obsoleto negozio di cd musicali).Grazie, ciaoP.S: Stessa cosa per i film, per i quali mi basterebbero i divx da 700Mb o 1500Mb ad un prezzo minore dei dvd (compressi in maniera ottimale risultano perfetti).
  • amedeo scrive:
    meglio downlovers
    Meglio downlovers, almeno qualche MP3 senza DRM lo mette a disposizione.
    • mah scrive:
      Re: meglio downlovers
      Io preferisco deezer,l'ascolti dal sito e se vuoi comprarla la compri,ti fai anche le playlist.
      • amedeo scrive:
        Re: meglio downlovers
        io mi riferivo a brani scaricabili gratuitamente, di ascoltare dal sito non me ne faccio niente quando non ho la rete ed utilizzando Linux non mi servono a niente i brani con drm
      • Nathaniel Hornblower scrive:
        Re: meglio downlovers
        Ma Deezer non aveva smesso di funzionare per i non francesi? Ha fatto accordi con la SIAE?
  • Sgabbio scrive:
    Se lo possono tenere.
    Con questi limiti, non è appetibile per ora.
    • luna scrive:
      Re: Se lo possono tenere.
      quoto in pieno, troppo limitante il DRM.Ma non era morto ? Le stesse indagini delle grandi major hanno evidenziato come con DRM si venda di meno, non di più. Mah.
      • pelle scrive:
        Re: Se lo possono tenere.
        ma se c'è gente come me che ascolta solo musica su pc e in macchina attacca la radio mi accontento anche dei drm come compromesso per scaricare musica legalmente.... ora bisogna vedere quando arriva in europa
        • Homo Technicus scrive:
          Re: Se lo possono tenere.
          - Scritto da: pelle
          ma se c'è gente come me che ascolta solo musica
          su pc e in macchina attacca la radio mi
          accontento anche dei drm come compromesso per
          scaricare musica legalmente.... ora bisogna
          vedere quando arriva in
          europaGià ma in USA c'è Amazon, che vende musica legale in mp3 senza DRM a mezzo euro o giù di lì.Questo offre un servizio peggiore e con un catalogo inferiore.Non ha speranza.;-)
Chiudi i commenti