OnLive, il ritorno del cloud gaming

La società che voleva rivoluzionare il mondo dei videogiochi torna in attività con un profilo diverso, tendenzialmente di più corto respiro e maggiormente focalizzato. Sui profitti, possibilmente

Roma – Archiviate le ambizioni rivoluzionarie che l’avevano portata sull’ orlo del fallimento quasi due anni or sono, una neonata OnLive si prepara a svolgere il ruolo di servizio “ancillare” alle esigenze dei videogiocatori hardcore puntando sull’integrazione con Steam di Valve e la portabilità su dispositivi diversi.

OnLive è in piena fase di rinascita, anzi, di ” respawn “, una rinascita che passa attraverso il nuovo servizio CloudLift grazie al quale gli utenti PC potranno scaricare un titolo per giocare sulla macchina locale, continuare a giocare su gadget mobile o TV set di amici tramite streaming telematico – vale a dire il sevizio originariamente offerto da OnLive – e poi concludere la partita una volta tornati a casa.

Come detto OnLive è ora integrato in Steam, e sarà dunque possibile giocare in streaming ai giochi già acquistati sul servizio di digital delivery marchiato Valve. Il costo di CloudLift sarà di 15 dollari al mese, con la possibilità di farsi un giro di prova gratuito e avere accesso completo a tutti i giochi OnLive ( comprendente al momento 20 titoli con altri in arrivo) pagando 10 dollari al mese.

Il servizio di cloud gaming OnLive prova a reinventarsi per sopravvivere all’eccesso di ambizioni con cui si era bruciato all’inizio, e anche Ouya intende seguire questa strada con la nuova offerta Ouya Everywhere : la micro-console Android che ha provato (fallendo, almeno per il momento) a sostituire le tradizionali console videoludiche sul TV set domestico vuole ora distribuire i “suoi” giochi su dispositivi diversi dalla console stessa.

Le piattaforme videoludiche “alternative” sono alla ricerca di un riscatto che però potrebbe arrivare molto in là nel tempo, visto che le macchine di ottava generazione hanno riacceso l’interesse dei giocatori verso le piattaforme di gioco tradizionali.

Particolarmente popolare al momento risulta essere la PlayStation 4 di Sony , la console “per i giocatori” che macina record su record raggiungendo i 6 milioni di unità vendute in tutto il mondo. Con buona pace di chi periodicamente preannuncia la morte delle console, le ultime previsioni IDATE assegnano al settore un “peso” del 42,6 per cento dell’intero mercato videoludico per un valore di 35 miliardi di euro entro l’anno 2016.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    Tutto legale
    ...enorme schifo. Diciamolo pure chiaramente: chi compra Apple è complice di questa gigantesca elusione fiscale, e ruba soldi dalle tasche di chi lavora e paga le tasse onestamente.
    • krane scrive:
      Re: Tutto legale
      - Scritto da: Funz
      ...enorme schifo.
      Diciamolo pure chiaramente: chi compra Apple è
      complice di questa gigantesca elusione fiscale, e
      ruba soldi dalle tasche di chi lavora e paga le
      tasse onestamente.E quindi ? Non c'e' niente di illegale, qual e' il tuo problema ?Prenditela con le nazione e la disunione del pianeta.
      • Funz scrive:
        Re: Tutto legale
        - Scritto da: krane
        - Scritto da: Funz

        ...enorme schifo.

        Diciamolo pure chiaramente: chi compra Apple
        è

        complice di questa gigantesca elusione
        fiscale,
        e

        ruba soldi dalle tasche di chi lavora e paga
        le

        tasse onestamente.

        E quindi ? Non c'e' niente di illegale, qual e'
        il tuo problema
        ?Neanche scaricare un mp3 è illegale, eppure certi macachi sono sempre qua a dare dei ladri a destra e a manca.
        • krane scrive:
          Re: Tutto legale
          - Scritto da: Funz
          - Scritto da: krane

          - Scritto da: Funz


          ...enorme schifo.


          Diciamolo pure chiaramente: chi compra
          Apple

          è


          complice di questa gigantesca elusione

          fiscale,

          e


          ruba soldi dalle tasche di chi lavora e
          paga

          le


          tasse onestamente.



          E quindi ? Non c'e' niente di illegale, qual
          e'

          il tuo problema

          ?

          Neanche scaricare un mp3 è illegale, eppure
          certi macachi sono sempre qua a dare dei
          ladri a destra e a manca.Beh, come i videotecari psicotici, ma tu vorresti essere paragonato a quella gente ?
  • eheheh scrive:
    E' dal tempo della Compagnia delle Indie
    che le multinazionali fanno così:-)
    • Comunione e Fatturazio ne scrive:
      Re: E' dal tempo della Compagnia delle Indie
      - Scritto da: eheheh
      che le multinazionali fanno così

      :-)Dalla Compagnia delle Indie alla Compagnia delle Opere... @^
  • Fabrizio scrive:
    fiscale italiano
    Pensavo che fosse una specialità italiana l'evasione fiscale,ma vedo che Apple fa di meglio che peggiore evasore fiscale italiano.
    • bradipao scrive:
      Re: fiscale italiano
      - Scritto da: Fabrizio
      Pensavo che fosse una specialità italiana
      l'evasione fiscale,
      ma vedo che Apple fa di meglio che peggiore
      evasore fiscale italiano.Il nuovo Chief FInancial Officer di Apple è un italiano... sarà un caso? XD
  • Etype scrive:
    Furbetti...
    "Ogni 1.000 dollari guadagnati, secondo le stime AFR, appena 50 centesimi sono pagati in tasse australiane"Va bene fare i furbetti,ma cavolo non esageriamo !!!Comunque le famose triangolazioni fiscali ci sono per volere delle lobbies a cui piace muovere ingenti somme di denaro senza dare nell'occhio...difficile combatterle quando sono gli stessi poteri forti a creare volutamente il meccanismo.
    • Leguf Iussef Khalifa scrive:
      Re: Furbetti...
      - Scritto da: Etype
      "Ogni 1.000 dollari guadagnati, secondo le stime
      AFR, appena 50 centesimi sono pagati in tasse
      australiane"

      Va bene fare i furbetti,ma cavolo non esageriamo
      !!!

      Comunque le famose triangolazioni fiscali ci sono
      per volere delle lobbies a cui piace muovere
      ingenti somme di denaro senza dare
      nell'occhio...difficile combatterle quando sono
      gli stessi poteri forti a creare volutamente il
      meccanismo.Già e comunque non è che Apple sia il solo "furbetto del quartierino".
      • cherrymx scrive:
        Re: Furbetti...
        - Scritto da: Leguf Iussef Khalifa
        - Scritto da: Etype

        "Ogni 1.000 dollari guadagnati, secondo le stime

        AFR, appena 50 centesimi sono pagati in tasse

        australiane"



        Va bene fare i furbetti,ma cavolo non esageriamo

        !!!



        Comunque le famose triangolazioni fiscali ci
        sono

        per volere delle lobbies a cui piace muovere

        ingenti somme di denaro senza dare

        nell'occhio...difficile combatterle quando sono

        gli stessi poteri forti a creare volutamente il

        meccanismo.
        Già e comunque non è che Apple sia il solo
        "furbetto del
        quartierino".peccato che due torti non facciano una ragione
      • Etype scrive:
        Re: Furbetti...
        Io non l'ho citata espressamente,questo avviene anche con altri settori...purtroppo ci si trova nella classica condizione dove il controllato strizza l'occhio al controllore,in questi termini non si farà mai nulla.
  • ... scrive:
    ma luca annunuziata e' un venduto?
    metto il punto di domanda, cosi mi paraXXXX anche io. Vai luca, la vostra mancanza di XXXXXXXX e' la barzelletta del web italiano.
    • panda rossa scrive:
      Re: ma luca annunuziata e' un venduto?
      - Scritto da: ...
      metto il punto di domanda, cosi mi paraXXXX anche
      io. Vai luca, la vostra mancanza di XXXXXXXX <s
      e' </s
      <b
      sarebbe </b

      la barzelletta del web
      italiano.Fixed. 8)
Chiudi i commenti