Ooops, nell'Eee Box si annida un virus

Asus ha dovuto ammettere che gli Eee Box consegnati ad alcuni utenti giapponesi contengono un worm. Per il momento il problema è limitato al solo Giappone, ma non è escluso che unità infette siano state vendute anche in altri paesi
Asus ha dovuto ammettere che gli Eee Box consegnati ad alcuni utenti giapponesi contengono un worm. Per il momento il problema è limitato al solo Giappone, ma non è escluso che unità infette siano state vendute anche in altri paesi

Nella giornata di ieri Asus ha ammesso che alcune unità del proprio nettop Eee Box contengono un virus per Windows . A mitigare la portata della gaffe c’è il fatto che gli Eee Box “con sorpresa” sarebbero stati venduti solo in Giappone .

l'eeboox Secondo quanto spiegato da un’imbarazzata Asus Japan, il virus che ha infestato la versione giapponese dell’Eee Box B202 è contenuto in un file denominato recycled.exe . Tale file si trova sul volume D: del disco interno e, se eseguito, copia automaticamente se stesso sulla partizione C: e su qualsiasi unità disco presente nel sistema, inclusi eventuali drive USB e schede SD.

Il produttore taiwanese non ha ancora fornito una spiegazione di quanto è accaduto , ma dal momento che tutte le unità giapponesi sembrano infette, gli esperti sospettano che il virus si trovi all’interno dell’immagine utilizzata da Asus per installare il software sui propri nettop.

Secondo alcuni osservatori, il fatto che l’allarme sia stato lanciato da Asus Japan non escluderebbe che il virus possa celarsi anche sugli Eee Box destinati ad altri mercati . Per tale ragione gli esperti invitano tutti i possessori di Eee Box ad eseguire una scansione antivirus del disco.

La celebre società di sicurezza Symantec sostiene che l’identità del codicillo è con tutta probabilità quella del worm W32/Usbalex , considerato una minaccia di basso rischio.

Il primo allarme virus era arrivato la scorsa settimana da The Register , che aveva scovato il worm W32/Taterf ( kavo.exe ) all’interno dell’Eee Box ricevuto in prova da Asus. Il celebre sito britannico, tuttavia, non è riuscito ad appurare se il virus sia stato introdotto da un precedente recensore o si trovasse già lì quando l’Eee Box è uscito dalla fabbrica.

Questo incidente sembra destinato a rafforzare la posizione di chi contesta l’assenza di una versione Linux-based di Eee Box, versione che risulterebbe del tutto immune ai diffusi malware per Windows.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

08 10 2008
Link copiato negli appunti