PalmSource passa ai giapponesi

L'azienda, nata dalla scissione con Palm, porterà il suo famoso sistema operativo per PDA nella terra del Sol Levante. Gli analisti ora si interrogano sul futuro di PalmOS e dei relativi piani di integrazione con Linux
L'azienda, nata dalla scissione con Palm, porterà il suo famoso sistema operativo per PDA nella terra del Sol Levante. Gli analisti ora si interrogano sul futuro di PalmOS e dei relativi piani di integrazione con Linux


Tokyo (Giappone) – La mamma di PalmOS, lo storico sistema operativo per computer palmari, verrà acquisita per 324 milioni di dollari dalla giapponese Access , sviluppatrice di software e contenuti per Internet e le reti mobili.

Access, nota soprattutto per il browser mobile NetFront, ha intenzione di rimettere in sesto i conti in rosso di PalmSource per rilanciarne il sistema operativo PalmOS. Al momento non è chiaro se l’azienda giapponese abbia intenzione di seguire la stessa strada recentemente intrapresa da PalmSource, quella dell’integrazione con Linux. Ciò che i vertici di Access hanno finora garantito è che PalmOS non morirà.

In particolare, Access è interessata a creare una piattaforma basata su PalmOS che abbia il proprio browser come interfaccia preferenziale verso Internet e i servizi wireless.

A causa delle forte concorrenza di Microsoft e Symbian, negli ultimi tempi PalmSource aveva perso diversi clienti di primo piano, tra cui Sony, e preziose quote di mercato. Negli ultimi due anni la quotazione di borsa della società ha fatto registrare una flessione di oltre il 70%.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

11 09 2005
Link copiato negli appunti