PI Test/ Intel Compute Stick

Un PC Windows 10 a tutti gli effetti, piccolo e funzionale. Valido per creare postazioni All-In-One economiche se non si hanno grandi pretese

Diciamoci la verità: ma chi è che sfrutta il proprio evoluto PC sempre al limite? Pochissimi utenti. Il dispositivo Compute Stick di Intel, con dimensioni di soli 3,8 x 11,3 x 1,2 centimetri, dotato di Windows 10 , potrà rivelarsi un’alternativa al PC per l’esecuzione di semplici operazioni? Per scoprirlo lo abbiamo testato.

Descrizione immagine

Windows sempre in tasca
Le dimensioni di questo stick sono un pregio determinante, infatti questo minuscolo PC Windows, inclusi tutti i dati principali, potrà passare agevolmente da un utente all’altro. Per funzionare, il Compute Stick necessita soltanto di un monitor o di un televisore con porta HDMI libera, nonché di un set tastiera/mouse e dell’indispensabile alimentazione, che potrà avvenire attraverso porta USB o con alimentatore a muro.


Semplice da installare: basta inserire il Compute Stick in una porta HDMI, alimentarlo via USB e attivarlo

Una ventola davvero fastidiosa
Non appena il Compute Stick viene attivato la rumorosità si fa sentire, dato che la ventolina interna provvede a proteggere il processore integrato ( Atom x5-Z8300 ) dal calore eccessivo. Il ronzio infastidisce particolarmente all’interno di ambienti tranquilli come, ad esempio, in soggiorno. Anche con semplici applicazioni Internet e Office, il valore della rumorosità raggiunge 1,8 Sone, mentre con software avidi di potenza, come Photoshop Elements, il rumore diventa insopportabile (2,6 Sone).

PC senza troppe pretese
Prima di procedere all’acquisto, gli utenti interessati a questo dispositivo dovranno essere consapevoli che lo Stick si rivela poco efficiente per gestire applicazioni complesse e avide di potenza, a causa del processore Atom piuttosto lento e dei soli 2GB di RAM , una dotazione estremamente scarsa per Windows 10. Si rivela striminzita anche la memoria interna per Windows, dati e programmi, dato che il ComputeStick anziché offrire un veloce SSD, è dotato di una lenta memoria eMMC 29GB . Nelle prove di velocità, eseguite durante il test, il Compute Stick ha ottenuto solo voti mediocri e gli utenti non potranno al momento aspettarsi molto di più.

Apprezzabile che la memoria interna possa essere ampliata o tramite un disco esterno USB o via microSD, grazie alla presenza di un lettore di schede.
Il dispositivo offre anche il Bluetooth per un set wireless tastiera/mouse e supporta la rapida connessione di rete WLAN-ac.


PC All-In-One convenientissimo, composto da Intel Compute Stick, set tastiera/mouse e monitor da 24 pollici: il tutto a partire da 330 euro

In conclusione…
Il raffreddamento rappresenta il punto debole più critico del Compute Stick: malgrado una ventola rotante ad alta velocità si scalda fino a 60 gradi centigradi. Il problema può essere comunque risolto, come dimostrato dai tablet Windows, che con le stesse CPU non necessitano di ventola e sono in grado di lavorare con estrema silenziosità senza scaldarsi eccessivamente. Chi riesce comunque ad accettare il livello di rumorosità non indifferente, con il Compute Stick potrà godere di una soluzione funzionale, che consentirà di trasformare un semplice monitor o un televisore in un PC All-In-One a pieno titolo.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • iRoby scrive:
    Cambiare il titolo
    Ma si può cambiare il titolo dato che non è stata lui a chiederla?
  • LA LEGA scrive:
    ...
    [yt]9QhkPihJPXY[/yt]
  • DIO CANE scrive:
    XXXXXXXXXX
    XXXXXXXX AL REFRESH XXXXX DIO OGNI CRISTO DI VOLTA DEVO SCRIVERE IL POST 2 VOLTE. XXXXXXXXXX PI
  • maxsix scrive:
    Quaquaraqua
    Prima sputtani l'establishment che ti dava da mangiare e da bere (per ottimi motivi eh) e ora gli chiedi perdono ammettendo di aver sbagliato?(la richiesta di grazia ha come base giuridica l'ammissione dello sbaglio e il pentimento).Spero solo che sia un idea di qualche ONG farlocca.Comunque, 10000 punti in meno.Sei a 1, o giù di li.
    • panda rossa scrive:
      Re: Quaquaraqua
      - Scritto da: maxsix
      Prima sputtani l'establishment che ti dava da
      mangiare e da bere (per ottimi motivi eh) e ora
      gli chiedi perdono ammettendo di aver
      sbagliato?(la richiesta di grazia ha come base
      giuridica l'ammissione dello sbaglio e il
      pentimento).Quindi sarebbe lui ad avere sbagliato?Non il governo spione sponsorizzato da apple.Lui e' il colpevole!Spiacente, ma a differenza di te, la gente non vuole vivere sotto schiavitu'.

      Spero solo che sia un idea di qualche ONG
      farlocca.

      Comunque, 10000 punti in meno.

      Sei a 1, o giù di li.Sempre qualche miliardo di punti in piu' di voi applefan.
      • maxsix scrive:
        Re: Quaquaraqua
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: maxsix

        Prima sputtani l'establishment che ti dava da

        mangiare e da bere (per ottimi motivi eh) e
        ora

        gli chiedi perdono ammettendo di aver

        sbagliato?(la richiesta di grazia ha come
        base

        giuridica l'ammissione dello sbaglio e il

        pentimento).

        Quindi sarebbe lui ad avere sbagliato?Non hai capito niente come al solito.Ho detto che SE HA CHIESTO LUI LA GRAZIA (o chi per lui) sbaglia ed è un quaquaraqua.Hai presente quando tu fai l'ipocrita?Ecco, stessa roba.Il resto non lo commento perchè figlio del solito peccato originale.
        • un cane di tre lettere scrive:
          Re: Quaquaraqua
          - Scritto da: maxsix
          Ho detto che SE HA CHIESTO LUI LA GRAZIA (o chi
          per lui) sbaglia ed è un
          quaquaraqua.ha chiesto la grazia, mica ha chiesto scusa.Anche un fesso può capire la differenza.
          • maxsix scrive:
            Re: Quaquaraqua
            - Scritto da: un cane di tre lettere
            - Scritto da: maxsix


            Ho detto che SE HA CHIESTO LUI LA GRAZIA (o
            chi

            per lui) sbaglia ed è un

            quaquaraqua.

            ha chiesto la grazia, mica ha chiesto scusa.Chiedere la grazia è un'ammissione de facto di aver sbagliato, di essersi pentito e chiede di non essere punito ulteriormente.E' un perdono a tutti gli effetti.Quello che dici tu, mi sembra di capire è l'amnistia che è un altra cosa.
            Anche un fesso può capire la differenza.Già.
    • rico scrive:
      Re: Quaquaraqua
      Ed Snowden non ha chiesto niente, è l' ONG a chiedere la grazia per lui.Inoltre la grazia non è subordinata al pentimento (quella è la condizionale) ma anche ad una legge sbagliata come il Patriot act.
      • maxsix scrive:
        Re: Quaquaraqua
        - Scritto da: rico
        Ed Snowden non ha chiesto niente, è l' ONG a
        chiedere la grazia per
        lui.Me lo auguro per lui.E a dirla tutta manco grazie dovrebbe dirgli, dovrebbe dire na roba del tipo "fatevi i razzi vostri".O giù di li, insomma.
        Inoltre la grazia non è subordinata al pentimento
        (quella è la condizionale) No, sbagliato.Il pentimento è necessario come criterio di valutazione sulla recidività.Na roba del tipo "mi sono pentito e non lo farò mai più".
        ma anche ad una legge
        sbagliata come il Patriot
        act.E cosa centra?
        • panda rossa scrive:
          Re: Quaquaraqua
          - Scritto da: maxsix
          No, sbagliato.
          Il pentimento è necessario come criterio di
          valutazione sulla
          recidività.
          Na roba del tipo "mi sono pentito e non lo farò
          mai
          più".Pur sapendo benissimo di avere a che fare con il peggior cialtrone del forum, che qualunque cosa dica e' una micniata a prescindere, sono andato comunque a docimentarmi.E infatti DA NESSUNA PARTE viene fatto cenno al prerequisito del pentimento per ottenere la grazia.Il solito cialtrone che non si smentisce mai!
          • ... scrive:
            Re: Quaquaraqua
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: maxsix


            No, sbagliato.

            Il pentimento è necessario come criterio di

            valutazione sulla

            recidività.

            Na roba del tipo "mi sono pentito e non lo
            farò

            mai

            più".

            Pur sapendo benissimo di avere a che fare con il
            peggior cialtrone del forum, che qualunque cosa
            dica e' una micniata a prescindere, sono andato
            comunque a
            docimentarmi.

            E infatti DA NESSUNA PARTE viene fatto cenno al
            prerequisito del pentimento per ottenere la
            grazia.

            Il solito cialtrone che non si smentisce mai!la differenza tra maxsix e un povero XXXXXXXX, e' che maxsix non e' povero. fa lo sburone con iphone e rolex, ma sempre XXXXXXXX resta.
          • maxsix scrive:
            Re: Quaquaraqua
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: maxsix


            No, sbagliato.

            Il pentimento è necessario come criterio di

            valutazione sulla

            recidività.

            Na roba del tipo "mi sono pentito e non lo
            farò

            mai

            più".

            Pur sapendo benissimo di avere a che fare con il
            peggior cialtrone del forum, che qualunque cosa
            dica e' una micniata a prescindere, sono andato
            comunque a
            docimentarmi.

            E infatti DA NESSUNA PARTE viene fatto cenno al
            prerequisito del pentimento per ottenere la
            grazia.

            Il solito cialtrone che non si smentisce mai!Reminiscenze degli studi di diritto.Comunque tranquillo il pentimento è requisito richiesto di fatto diretto e indiretto.Diretto in quanto "allegato" alla richiesta di grazia e messo agli atti dal ministro degli interni (che viene verificato sul "campo" dagli istituti penitenziari) e indiretto, in quanto necessario al perdono delle persone che sono state danneggiate a suo tempo criterio oggettivamente obbligatorio (e ci mancherebbe anche).Ti ricordo comunque che la domanda di grazia non è una pratica con una meccanica precisa, ci sono degli indirizzi dati dalle consuetudini che caso per caso vengono valutate attentamente.Lo sappiamo che legalmente sei una XXXXX PR.Niente di nuovo eh.
    • xx tt scrive:
      Re: Quaquaraqua

      Prima sputtani l'establishment che ti dava da
      mangiare e da bere (per ottimi motivi eh) e ora
      gli chiedi perdono ammettendo di aver
      sbagliato?Si vede che in qualche modo considera l'NSA e il presidente due entità separate.Non vedo comunque il senso di chiedere la grazia: anche avendola non credo potrebbe sopravvivere a lungo nelle terre selvagge.
Chiudi i commenti