Pisanu, WiFi in libertà provvisoria

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il maxi-decreto di fine anno. Confermate tutte le più ottimistiche previsioni della vigilia. Restano in piedi le proposte di legge in Parlamento

Roma – Dal 29 dicembre 2010, in tempo per rispettare la promessa del ministro Maroni, il WiFi è stato liberato in Italia : restano in piedi alcune norme sulle autorizzazioni per chi fornisce connessione wireless come prodotto esclusivo della propria impresa, ma di fatto la legge italiana ora assomiglia molto più a quella presente (o assente) nella maggior parte d’Europa e Nordamerica.

Nella Gazzetta Ufficiale n.225 del 2010 si legge:

19. All’articolo 7 del decreto-legge 27 luglio 2005, n.144, convertito, con modificazioni, dalla legge 31 luglio 2005, n.155, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) al comma 1, le parole: “fino al 31 dicembre 2010, chiunque”
sono sostituite dalle seguenti: “fino al 31 dicembre 2011, chiunque, quale attività principale,”;

Ovvero: come da alcune anticipazioni, tutti coloro che non svolgono preminentemente l’attività di fornitura di connessione (bar, ristoranti, hotel, esercizi pubblici che decidono di fornire una WiFi ai propri clienti come benefit) non rientrano in questa categoria e possono liberamente installare un access point pubblico senza alcuna comunicazione o autorizzazione dalla Questura . Restano invece in vigore, almeno fino a fine 2011, le procedure di comunicazione (con successiva licenza concessa entro 60 giorni) per coloro che decidano di avviare un’attività il cui scopo principale è la fornitura di connettività: call center, internet point ecc.

Inoltre, il successivo punto recita:

b) i commi 4 e 5 sono abrogati.

In pratica, in un colpo vengono cancellate le tafazziane norme che avevano fin qui costretto esercenti e cittadini a illogiche e poco pratiche raccolte di fotocopie di carta di identità , incomprensibili per i turisti stranieri di passaggio nel Belpaese:

4. (…) nonché le misure di preventiva acquisizione di dati anagrafici riportati su un documento di identità dei soggetti che utilizzano postazioni pubbliche non vigilate per comunicazioni telematiche ovvero punti di accesso ad Internet utilizzando tecnologia senza fili.

Cosa accade dunque da oggi? Un qualunque pubblico esercizio (bar, ristoranti e hotel in primis) potrà dotarsi di una rete WiFi dall’accesso molto più semplice che in passato: i locali adibiti alla ristorazione si limiteranno con tutta probabilità a tenere aperta una rete wireless per i propri avventori , mentre gli hotel opteranno quasi sicuramente per meccanismi di fatturazione analoghi a quelli presenti in molti alberghi all’estero (legati al numero della stanza). Per loro non sussiste alcun obbligo di comunicare l’avvio dell’attività o di schedare i naviganti: ma, diritto alla mano , dovrebbero sussistere gli obblighi (spesso disattesi) previsti dalla licenza generale di operatore di telecomunicazioni. Obblighi facilmente scavalcabili rivolgendosi a un fornitore terzo per il servizio.

Sul piatto, infine, restano la proposta di legge depositata a dicembre in Parlamento, nonché il passaggio obbligato di conversione del decreto in legge : sarà quello il reale terreno di prova per saggiare quanto la libertà provvisoria acquisita dal WiFi sarà longeva. All’epoca del primo annuncio , il ministro Maroni aveva lasciato intendere che nuove regole sarebbero state varate per l’identificazione dei naviganti, e in seguito aveva ribadito la ferma intenzione di dotare le Forze dell’Ordine di strumenti appositi per controlli legati al contrasto alla criminalità.

Lo scenario più plausibile vede la nascita di norme analoghe a quelle per le intercettazioni telefoniche , ovvero la possibilità per gli inquirenti di ordinare (dietro autorizzazione di un giudice) il tracciamento del traffico su specifiche reti o utenze. Non è escluso, come paventato da alcune dichiarazioni, che la sempre rinviata ( anche quest’anno ) carta d’identità elettronica possa fungere da meccanismo di identificazione, o in alternativa si possa optare per la fornitura del numero di cellulare a cui ricevere la password di accesso via SMS. L’auspicio è comunque che questa liberalizzazione promuova la diffusione e la concorrenza in questo settore.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • il solito bene informato scrive:
    Finita la campagna?...
    Ok ma quand'é che sparisce il faccione di Jimmy Wales da Wikipedia? ha un che di inquietante...
    • krane scrive:
      Re: Finita la campagna?...
      - Scritto da: il solito bene informato
      Ok ma quand'é che sparisce il faccione di Jimmy
      Wales da Wikipedia? ha un che di inquietante...A me ha rotto e l'ho ADbloccato.
    • Number 6 scrive:
      Re: Finita la campagna?...
      - Scritto da: il solito bene informato
      Ok ma quand'é che sparisce il faccione di Jimmy
      Wales da Wikipedia? ha un che di
      inquietante...Si, cactus, perché non ci mette Kristen Bell?
      • Drummer scrive:
        Re: Finita la campagna?...
        - Scritto da: Number 6
        - Scritto da: il solito bene informato

        Ok ma quand'é che sparisce il faccione di Jimmy

        Wales da Wikipedia? ha un che di

        inquietante...

        Si, cactus, perché non ci mette Kristen Bell?Perché dovrebbe pagarla, ovviamente, e la gente non sarebbe più tanto contenta di donare i propri sudati soldini, sapendo che un po' vanno al solito testimonial.Scherzi a parte, il faccione di Wales lo hanno tolto proprio oggi, sostituito da una lampadina: che vi abbiano ascoltato?
        • il solito bene informato scrive:
          Re: Finita la campagna?...
          - Scritto da: Drummer
          - Scritto da: Number 6

          - Scritto da: il solito bene informato


          Ok ma quand'é che sparisce il faccione di
          Jimmy


          Wales da Wikipedia? ha un che di


          inquietante...



          Si, cactus, perché non ci mette Kristen Bell?

          Perché dovrebbe pagarla, ovviamente, e la gente
          non sarebbe più tanto contenta di donare i propri
          sudati soldini, sapendo che un po' vanno al
          solito
          testimonial.
          Scherzi a parte, il faccione di Wales lo hanno
          tolto proprio oggi, sostituito da una lampadina:
          che vi abbiano
          ascoltato?nella versione inglese... in quella italiana c'é ancora.
      • il solito bene informato scrive:
        Re: Finita la campagna?...
        - Scritto da: Number 6
        - Scritto da: il solito bene informato

        Ok ma quand'é che sparisce il faccione di Jimmy

        Wales da Wikipedia? ha un che di

        inquietante...

        Si, cactus, perché non ci mette Kristen Bell?Bell è Bell, sì... ma preferisco Catherine Bell :-D
  • Sandro kensan scrive:
    Io c'ero
    Anche quest'anno io c'ero.P.S. Jimbo non raddoppiare la cifra il prossimo anno, risparmia un po'.
  • pacca scrive:
    Wiki..pedia Wiki..leaks
    Ma non e' che molta gente abbia contribuito al finanziamento solo per l'assonanza dei 2 nomi ?In effetti un più che raddoppiato finanziamento rispetto l'anno precedente, proprio nel periodo i cui wikileaks stava sparando i suoi colpi migliori, mi risulta sospetto.
    • bubba scrive:
      Re: Wiki..pedia Wiki..leaks
      - Scritto da: pacca
      Ma non e' che molta gente abbia contribuito al
      finanziamento solo per l'assonanza dei 2 nomi
      ?
      In effetti un più che raddoppiato finanziamento
      rispetto l'anno precedente, proprio nel periodo i
      cui wikileaks stava sparando i suoi colpi
      migliori, mi risulta
      sospetto.Magari per una piccola percentuale puo' aver influenzato... ma in generale non credo.Vero e' che Wikimedia nel report 2009-2010 diceva:Q: What happened to donations in 2009-10, compared with 2008-09?A: Compared with 2008-09, in 2009-10 donations increased 87%, from $7.7 million to $15.1 million. Community gifts (gifts of less than 10K) increased significantly to $9.0 million from $5.1 million. Overall, revenue increased to $16.6 million from $8.7 million. e nel report 2008-2009:Q: What happened to donations in 2008-09, compared with 2007-08?A: Compared with 2007-08, in 2008-09 donations increased 20%, from $6.4mm to $7.7mm. This increase is very significant given the fact that the 2007-08 donations included the $3mm pledge from Sloan Foundation while 2008-09 did not. Community gifts (gifts of less than 10K) increased significantly to $5.1mm from $2.6mm. Overall, revenue increased to $8.7mm from $7.1mm.IMHO si spiega in diversi modi:- la tendenza e' sempre stata di aumentare i fondi (anche di parecchio)- aumentando le cose che Wikimedia fa' (la versione mobile, filmati, ecc, ecc) cerca (e trova!) piu fondi... - sono cresciuti i posti dove wikipedia (e wikimedia in generale) e' robustamente presente (= piu gente che la trova utile/collabora, piu fondi)- gli utenti di internet (e quindi i potenziali utenti di wiki) sono sempre in aumento- sono aumentati (in quantita') le donazioni 'aziendali'
  • GGG scrive:
    13.700 mila dollari
    Non è che sia molto chiaro parlare di tredicimilasettecento migliaia...Magari era meglio scrivere:Circa 13,7 dei 16 milioni di dollari sono stati raccolti attraverso donazioni effettuate online dagli utenti, mentre i restanti provengono da...
    • non fumo non bevo e non dico parolacce scrive:
      Re: 13.700 mila dollari
      Hai ragione. Giuro che, leggendolo distrattamente, avevo capito che solo tredicimila dollari dei 16 milioni erano stati raccolti in rete!- Scritto da: GGG
      Non è che sia molto chiaro parlare di
      tredicimilasettecento
      migliaia...

      Magari era meglio scrivere:

      Circa 13,7 dei 16 milioni di dollari sono stati
      raccolti attraverso donazioni effettuate online
      dagli utenti, mentre i restanti provengono
      da...
  • macs scrive:
    TG5
    Propio ieri al tg5 delle 13.00 hanno fatto un servizio contro wikipedia, dicendo quanto di peggio potessero trasmettere, in particolare sull'attendibilita' dei contenuti.E sulla campagna di finanziamento...Parlano loro che da anni iòl giorno di natale trasmettono il loro servizio becero con l'animazzione di babbo natale ion giro per il mondo :-(Questa e' la giusta risposta (chissa' quanto raccoglierebbero loro se facessero un iniziativa del genere.) ...
    • bubba scrive:
      Re: TG5
      - Scritto da: macs
      Propio ieri al tg5 delle 13.00 hanno fatto un
      servizio contro wikipedia, dicendo quanto di
      peggio potessero trasmettere, in particolare
      sull'attendibilita' dei
      contenuti.forse Mimun ha digitato 'silvio berlusconi' su it.wikipedia e l'ha bollata subito come criptopedosatancomunista !
    • Alvaro Vitali scrive:
      Re: TG5
      Il TG5 che parla di attendibilità dei contenuti?Bhuahahahahahahahahahaha!
    • IlTester scrive:
      Re: TG5
      Il solito servizio penoso made in mediaset. Per carità, wikipedia va presa con le pinze, lo dice un utente contributore con una certa esperienza. Soprattutto nella versione italiana si citano troppo poco le fonti. Però questo non è un valido motivo per sparare a zero sul progetto. Poi a tanta gente consiglierei una bella lettura del general disclaimer...
Chiudi i commenti