Privacy email, Microsoft ci ripensa

Marcia indietro di Redmond. Niente più indagini nella posta elettronica dei clienti senza il mandato di un giudice. Prossimamente saranno cambiate le condizioni di servizio, con l'aiuto di tutti

Roma – Questa volta il cambio di politica lo annuncia direttamente Brad Smith, massima autorità legale negli uffici di Microsoft: l’idea di un’azienda dotata del potere e del diritto di mettere il naso nella corrispondenza dei suoi clienti non è piaciuta al pubblico e a Redmond se ne sono resi conto, dunque le regole e le policy dovranno cambiare. Per farlo , Microsoft chiederà aiuto a voci riconosciute nelle battaglie dei diritti civili, tra tutte EFF e CDT.

“Non è mai piacevole ascoltare le critiche – scrive Brad Smith sul blog aziendale – (…) Siamo entrati in un’era post-Snowden in cui gli individui pongono molta attenzione nel modo in cui altre persone utilizzano i loro dati. Come azienda abbiamo partecipato attivamente alla discussione pubblica sull’appropriato bilanciamento tra i diritti alla privacy dei cittadini e il potere del governo. Abbiamo sostenuto che i governi dovrebbero attenersi a un procedimento legale consolidato e alle regole delle leggi sulle attività di sorveglianza. (…) appare evidente che dovremmo applicare principi simili e attenerci a procedimenti legali consolidati per le nostre stesse indagini”.

Dunque la nuova regola, per ora non scritta, che Microsoft si è auto-imposta è di non curiosare più nelle caselle altrui, anche se tecnicamente sarebbe autorizzata a farlo stando alle condizioni di servizio attualmente in vigore per i suoi servizi (Outlook.com, già Hotmail) e per quasi tutte le offerte concorrenti. Se ci fossero in ballo questioni relative alla proprietà intellettuale Microsoft violata, come nel caso del 2012 venuto alla luce in queste settimane, l’azienda denuncerà tutto alle autorità competenti e lascerà a loro le indagini : per ora si tratta di un buon proposito, che riscrive le policy aggiornate solo una settimana fa, ma nei prossimi mesi Smith promette che sarà tutto messo nero su bianco nei termini di servizio vergati nei contratti sottoscritti dagli utenti.

In più , Microsoft ha voluto anche dare sfoggio di buona volontà: così Smith lancia anche una campagna di discussione pubblica , coinvolgendo direttamente Electronic Frontier Foundation e The Center for Democracy and Technology nella elaborazione di un progetto comune che possa identificare linee guida potenzialmente adottabili da tutti per garantire il rispetto della legge e dei diritti degli utenti. Per ora la questione rimane molto teorica, si vedrà in futuro se Redmond riuscirà davvero a convincere altre aziende a partecipare alla stesura di queste linee guida e promuoverne l’adozione in tutta l’industria.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bubba scrive:
    siamo ricchi
    (..)One Lookout Mobile analyst reported that it took SEVEN days to mine for $0.20 worth of litecoin
    • aphex_twin scrive:
      Re: siamo ricchi
      Vedo hai colto in pieno in problema. :$
      • bubba scrive:
        Re: siamo ricchi
        - Scritto da: aphex_twin
        Vedo hai colto in pieno in problema. :$si lo sappiamo che per i macachi "il problema" e' cercare articoli sui "disastri" di google/android/market & co, per poi vantarsene al Genius Bar. A ognuno il suo lavoro di PR... :)
        • aphex_twin scrive:
          Re: siamo ricchi
          Se per te il vero problema é che usando la tua auto a tua insaputa hanno fatto solo pochi chilometri sbattendotene di tutto il resto non so che dirti. :-o
          • bubba scrive:
            Re: siamo ricchi
            - Scritto da: aphex_twin
            Se per te il vero problema é che usando la tua
            auto a tua insaputa hanno fatto solo pochi
            chilometri sbattendotene di tutto il resto non so
            che dirti.
            :-oe chi dice cio'? io ironizzavo (ma neanche tanto) sul fatto che industriarsi a infilare un miner in un app e' bello come PoC, ma inutile dal pdv pratico.Che poi nei vari app store si possa infilare delle app-trojan (con diversi gradi di pericolosita') o delle app-bacate (che de facto la trasformano in trojan) questo e' un fatto direi sistemico e banale. Vale per TUTTI gli app store, ovviamente. ( E altrettanto ovviamente in un mondo perfetto non dovrebbe accadere, come non dovrebbe accadere di avere balie censorie come lo staff di Apple (presente tutte le lagnanze sui client bitcoin... quelli VERI intendo?))Tant'e' che ironizzavo sull'impegno macaco a cercare ogni elemento nell'android-world, per poi sparlarne come comari al Genius Bar.
          • lullo scrive:
            Re: siamo ricchi
            Inutile dal punto di vista pratico lo è sicuramente per l'utente che si trova a dover pagare l'energia elettrica, ma un malware maker che riesca a mettere il suo miner imboscato in un'applicazione da, toh, anche soli 20'000 download attivi si ritrova in tasca $4000 alla settimana.
  • aphex_twin scrive:
    Android Marketplace
    "Due di queste app "infedeli" sono state recentemente scoperte da Trend Micro sul marketplace di Android, e sono ancora disponibili per il download da parte degli utenti. "La notizia é uscita giorni fa e le app stanno ancora la.Happy mining ! (rotfl)
    • Joshthemajor scrive:
      Re: Android Marketplace
      Perchè non sono state nominate queste applicazioni all'interno dell'articolo?
      • krane scrive:
        Re: Android Marketplace
        - Scritto da: Joshthemajor
        Perchè non sono state nominate queste
        applicazioni all'interno dell'articolo?La solita causa mistro barbera e traduttore automatico.
        • Joshthemajor scrive:
          Re: Android Marketplace
          Ma poi, le fonti dell'articolo non vengono mai citate? Forse sono io che non ho idea di dove cercarle.
          • aphex_twin scrive:
            Re: Android Marketplace
            Google -
            "android btc miner hidden" -
            https://coinreport.net/android-apps-cryptocoin-mining/
          • collione scrive:
            Re: Android Marketplace
            http://arstechnica.com/security/2014/03/apps-with-millions-of-google-play-downloads-covertly-mine-cryptocurrency/About 12 hours after this post went live, one of the two mentioned Android apps, Prized, was no longer available in Google Play.sperando che stavolta non cancellino il commento
          • ... scrive:
            Re: Android Marketplace
            - Scritto da: collione
            http://arstechnica.com/security/2014/03/apps-with-

            About 12 hours after this post went live, one of
            the two mentioned Android apps, Prized, was no
            longer available in Google
            Play.

            sperando che stavolta non cancellino il commentopovero illuso...
          • collione scrive:
            Re: Android Marketplace
            - Scritto da: ...
            povero illuso...peggio per lorose continuano così, non visito più questo sito e perdono ulteriori ricavi pubblicitaritanto già è con un piede nella fossa, è ormai popolato quasi solo da troll, le notizie arrivano in ritardo ( a volte di 3-4 giorni ) e non sono nemmeno scritte a dovere
          • cicciobello scrive:
            Re: Android Marketplace
            - Scritto da: collione
            - Scritto da: ...


            povero illuso...

            peggio per loro

            se continuano così, non visito più questo sito e
            perdono ulteriori ricavi
            pubblicitari

            tanto già è con un piede nella fossa, è ormai
            popolato quasi solo da trollGuarda che è così da anni:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2725836&m=2727584#p2727584http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2744796&m=2745998#p2745998Se è sopravvissuto da allora, può sopravvivere anche adesso.
          • collione scrive:
            Re: Android Marketplace
            per questo hanno implementato adv dappertutto, pure nel link che porta alla sezione commenti degli articoli ( quella nell'homepage ), che spesso ci clicchi sopra e compare una pubblicità ( mi succede spessissimo quando uso l'iphone per accedere a questo sito )
          • krane scrive:
            Re: Android Marketplace
            - Scritto da: collione
            per questo hanno implementato adv dappertutto,
            pure nel link che porta alla sezione commenti
            degli articoli ( quella nell'homepage ), che
            spesso ci clicchi sopra e compare una pubblicità
            ( mi succede spessissimo quando uso l'iphone per
            accedere a questo sito )Ad block e passa la paura, non cel'hai per l'itelefono ?
          • ... scrive:
            Re: Android Marketplace
            - Scritto da: Joshthemajor
            Ma poi, le fonti dell'articolo non vengono mai
            citate? Forse sono io che non ho idea di dove
            cercarle.PI e' la "novella 3000" dell'informatica, affidabilita' tendente a zero.
        • ... scrive:
          Re: Android Marketplace
          - Scritto da: krane
          - Scritto da: Joshthemajor

          Perchè non sono state nominate queste

          applicazioni all'interno dell'articolo?

          La solita causa mistro barbera e traduttore
          automatico.questa tua frase mi fa sospettare che l'articolista sia alfonso "portace-n'antro-litro" maruccia, aspetto che guardo (pagina su, pagina su, pagina giu', pagina giu') si, e' lui. ecchettipareva...
    • collione scrive:
      Re: Android Marketplace
      "About 12 hours after this post went live, one of the two mentioned Android apps, Prized, was no longer available in Google Play."http://arstechnica.com/security/2014/03/apps-with-millions-of-google-play-downloads-covertly-mine-cryptocurrency/non prendertela con google se pi scrive XXXXXXX
Chiudi i commenti