Prodi: viva Galileo

La costellazione satellitare per la geo-localizzazione è necessaria

Roma – Il presidente del Consiglio Romano Prodi non ha dubbi: anche se l’Europa è divisa sulle spese necessarie a rivitalizzare il progetto satellitare Galileo, si tratta di un obiettivo che l’Unione non deve mancare.

Secondo Prodi “l’Italia appoggia fortemente l’impegno comunitario” e “si adopererà per un compromesso affinché possano aderire quanti più Paesi possibili”.

A detta del presidente del Consiglio italiano “l’Europa, in un mondo globalizzato, ha bisogno del sistema Galileo per il suo futuro”.

Rimane da vedere quanti accetteranno di pagare per risollevare un progetto moribondo e soprattutto come i fondi necessari potranno saltar fuori.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ronkas scrive:
    il p2p? E chi lo ferma?
    Io continuo a dire che chi pensa di poter fermare il P2P è solo un utopico, nostalgico e stupido pazzo, e che in più non si intende niente di computer.Questo perché, se mi chiudono mininova, i server ed2k, ci sarà un grande esodo verso programmi come Mute, o ancora si potrebbe migliorare la rete TOR.L'unica cosa che potrebbe stroncare il P2P, sarebbe un incremento sostanziale degli abbonamenti con gli ISP, e questo credo, non conviene a nessuno.
    • stutthgrat scrive:
      Re: il p2p? E chi lo ferma?
      c'e' sempre una vena di compiacimento su PI quando si parla di censura repressione etc...bravi
    • Get Real scrive:
      Re: il p2p? E chi lo ferma?
      Lo fermano, lo fermano. Stai tranquillo che lo fermano, come e quando vogliono.Sei tu l'illuso, stai dietro un glorificato terminale quando la rete è in mano ad altri, e pensi di dettare le regole.Uno di questi giorni ti sveglierai e scoprirai che il Web è diventato TV 2.0, e che non si può tornare indietro.
  • Dioniso scrive:
    e da noi?
    Forse è meglio come sta succedendo in Francia piuttosto che dalle altre parti, che il P2P non possa rimanere come nel 2000-2001 è palese, anche che il copyright noo possa rimanere come è ora sembra palese.ci si dovrà pur mettere intorno ad un tavolo e discutere no? almeno lì da uno dei due lati ora c'è qualcuno; la domanda or arimane: chi si mette dall'altro?
  • Kartunaj scrive:
    Rivedere le leggi sul copyright
    70 anni dopo la morte dell' "artista"70 + 70 = 140 anni prima che un'opera d'arte diventi patrimonio dell'umanità e usufruibile da tutti noiun tempo del tutto inaccettabile e anacronistico20 anni dalla pubblicazione ed è anche troppo
  • Wiseman scrive:
    Non fatevi ingannare
    Il bersaglio di tutta questa bagarre non sono gli scambisti di file, né i cosiddetti pirati informatici.E neanche si tratta della difesa di una iniqua e obsoleta rendita di posizione.Il vero scopo è tutt'altro. Ed è anche piuttosto evidente.Ma ne parleranno i libri di storia solo quando sarà troppo tardi.
  • dodies scrive:
    Re: il colore del p2p
    Il p2p non dovrebbe avere colore, così come la divulgazione delle conoscenze, e la moralità individuale nel sostenere chi ha prodotto un bene anche se non materiale o solo edonistico.I governi di sinistra...non sono diversi da quelli di destra quando si parla di poltrone sotto al sedere dei politici, di stare il numero di mesi necessari per avere la pensione pagata da tutti, di incoerenza e di interessi monetari di livelli elevati... non è cambiato e non cambia da un governo all'altro nei confronti di questi argomenti.e fra destra e sinistra...ricorderei gaber.Saluti
    • MINUZ scrive:
      Re: il colore del p2p
      E' propio arrivato il momento di migrare tutto su freenet.......e col cappio che vedono o rintracciano quello che faccio!
      • Fedechicco scrive:
        Re: il colore del p2p
        scusami, ma in che senso il governo italiano sarebbe di destra?
        • /dev/null scrive:
          Re: il colore del p2p
          - Scritto da: Fedechicco
          scusami, ma in che senso il governo italiano
          sarebbe di destra?Be' dai, l'attuale governo è chiaramente a favore della condivisione. Hai visto come condividono bene l'aereo di Stato per andare a vedere il GP? (rotfl)
        • Joliet Jake scrive:
          Re: il colore del p2p
          Perchè l'attuale governo che si definisce di "sinistra" non ha fatto nessuna delle cose che aveva scritto nel suo programma ma ha fatto invece tutto quello che era scritto nel programma di quella che si definisce "destra".E vissero tutti felici e contenti (tranne noi). :|- Scritto da: Fedechicco
          scusami, ma in che senso il governo italiano
          sarebbe di
          destra?
  • nec scrive:
    Re: il colore del p2p
    destra sinistra.. è ugualequi ci sono le majors e le software house che spingono e danno tangenti a chi deve fare le leggi.non sono pro-pirateria, ma sono convinto che la condivisione sia un bene ancora maggiore.La condivisione di esperienze di vita, di discussioni, di tempo, di arte, di idee, la condivisione nel suo significato base è riconducibile a interessi comuni.La condivisione per me genera innanzi tutto cultura, aggregazione e progresso.Con questo non dico che i produttori di contenuti o software non debbano avere un guadagno.Trovo l'equo compenso (anche se è fondamentalmente illegale, essendo una tassa su un crimine penale per giunta non ancora compiuto) un compromesso POTENZIALMENTE buono, non ancora ottimo ovviamente, soprattutto perchè coloro che producono contenuti non ci ricavano nulla.. ci guadagnano solo le società che si occupano di "tutelare" i diritti di chi detiene il copyright.Quindi...bisogna studiare un metodo che possa permettere ad autori e sviluppatori di continuare le loro opere guadagnando, ma la strada intrapresa nel mondo fino ad ora è pessima e non porterà un aumento delle vendite.Anche perchè se tu che guadagni 1000 euro al mese ti scarichi contenuti per 12.000 euro al mese dalla rete e ne spendi 40 al mese per licenze di contenuti legali, se non ci dovesse essere più la condivisione online, ne spenderesti sempre + o - 40...
    fateci caso, sono tutti governi di destra e la
    lista continua solo che non me la
    ricordo.....
  • lucente scrive:
    major fuori dalle balle!!!
    farete tutte una brutta fine,la via della repressione non porta buoni frutti!! le net-label indipendenti prenderanno quota e la musica girerà liberamente su internet!!!
  • mavaa scrive:
    e il p2p da chi sarebbe rappresentato ?
    "Si è dato il via alla consultazione..."e il p2p da chi sarebbe rappresentato ? sono pur milioni di personeda nessuno, come al solito se la suonano e se la cantano da solifacile così
  • Michele scrive:
    I ladri chi sarebbero?
    E i ladri chi sarebbero? Noi o loro?Dalla parte della major ci sono queste fantomatiche associazioni (associazioni di cosa, di che? non credo proprio di cittadini...) che spingono il governo a queste prese di posizione e dalla parte dei cittadini? Ma le leggi si fanno per i cittadini (maggioranza del popolo?!) o per le major (maggioranza economica?!) proprio mi viene da ridere, di certo hanno un bel coraggio a discuterne in certi termini.
    • styx scrive:
      Re: I ladri chi sarebbero?
      - Scritto da: Michele
      E i ladri chi sarebbero? Noi o loro?
      Dalla parte della major ci sono queste
      fantomatiche associazioni (associazioni di cosa,
      di che? non credo proprio di cittadini...) che
      spingono il governo a queste prese di posizione e
      dalla parte dei cittadini? Ma le leggi si fanno
      per i cittadini (maggioranza del popolo?!) o per
      le major (maggioranza economica?!) proprio mi
      viene da ridere, di certo hanno un bel coraggio a
      discuterne in certi
      termini.fantastica poi la risposta dell'associazione degli ISP, che sostanzialmente dice "siamo favorevoli ad agire come Mediadefender , basta che qualcuno (=lo stato) ci paghi per farlo"
      • gohan scrive:
        Re: I ladri chi sarebbero?
        quando poi la gente comincerà a disdire le adsl, vedrai che ritorneranno sui loro passi ;)
        • Gesù scrive:
          Re: I ladri chi sarebbero?
          non lo faranno mai, il web è innavigabile con una 56k
          • ... scrive:
            Re: I ladri chi sarebbero?
            per scaricare la posta e leggere qualche news basta e avanza
          • Get Real scrive:
            Re: I ladri chi sarebbero?
            Ma la gente vuol vedere i video, i contenuti flash e un sacco di altre cose che sono impossibili senza la banda larga.Guarda in faccia la realtà, NESSUNO andrà a disdire il proprio contratto ADSL per sostenere il P2P. Siamo ormai irrimediabilmente assuefatti. Siamo drogati di web.Ci tengono per le palle.
  • claudio1980 scrive:
    ce ne sono altri
    si sono aggiunti alla vendita diretta anche i Charlatans e pare persino gli Oasis
Chiudi i commenti