Project Titan, una rete indistruttibile?

La promette VeriSign che intende proteggere i server DNS, oggetto di recenti attacchi DDoS, per impedire che il funzionamento di Internet possa essere compromesso da cracker che gestiscono botnet di zombie

Roma – Il suo nome è di quelli ambiziosi, Project Titan , e i suoi contenuti lo sono forse ancora di più: investire in infrastruttura e sicurezza nei prossimi tre anni per consentire ad Internet di vivere la propria vita senza doversi curare dei pericolosi attacchi distribuiti, i temibili DDoS che nei giorni scorsi sono tornati a prendere di mira il sistema di indirizzamento di base del traffico internet.

A lanciare il progettone è VeriSign , gigante delle tecnologie di rete che ha in gestione alcuni dei root server presi di mira dagli attacchi. A suo dire è possibile dar vita ad una muraglia digitale che metta al sicuro i server da quel genere di aggressioni telematiche, effettuate perlopiù attraverso vaste reti (botnet) di PC connessi alla rete e, poiché infettati da codici malevoli, controllabili da remoto dagli aggressori.

L’idea di fondo del progetto è aumentare a dismisura sia la potenza dell’infrastruttura di Verisign che la sua localizzazione (aumento dei server distribuiti in location diverse), mettendoci sopra anche una revisione sostanziale degli strumenti software di gestione delle crisi.

“Nei prossimi tre anni – spiega l’azienda in una nota – VeriSign aumenterà le proprie capacità di gestione delle query DNS (le richieste di indirizzamento tramite i root server, ndr.) da 400 miliardi al giorno ad oltre 4mila miliardi, e aumenterà la propria capacità infrastrutturale per far passare la banda disponibile dagli attuali 20 gigabit al secondo, a più di 200″.

VeriSign ha dedicato un’intera sezione del proprio sito al Progetto Titano.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    PER LA REDAZIONE: traduzione!!!
    Corporation in inglese NON vuol dire corporazione, ma multinazionale.ma dove li prendete i traduttor???
    • Anonimo scrive:
      Re: PER LA REDAZIONE: traduzione!!!
      - Scritto da:
      Corporation in inglese NON vuol dire
      corporazione, ma
      multinazionale.

      ma dove li prendete i traduttor???ma che diciapple non è mica una multinazionale, è una azienda americana punto
  • MeX scrive:
    normale... è un marchio...
    provate a fare un sito è chiamatelo "Vespa Aperitivo" o "Fiat Lounge" con i loghi Fiat, Vespa o Piaggio... organizzate l'evento in un bar qualsiasi di Torino... e poi vediamo cosa succede da li a 2 mesi :)
  • Anonimo scrive:
    non é poi tanto strano o sbagliato
    credo che alla apple vogliano affermare il principio che il marchio ipod non deve essere utilizzato per iniziative non strettamente legate ad apple. non é una cosa poi tanto criticabile: walkman é un marchio registrato sony, ma ormai tutti i lettori a cassetta portatili sono identificati come walkman anche e soprattutto quelli non fabbricati da sony. una cosa simile in effetti é già successa con apple: anche se ipod é il lettore musicale digitale portatile per definizione ,quasi ogni costruttore di elettronica vende lettori più piccoli , con pila esterna e che costano meno degli ipod. quindi pur essendo ipod il marchio dei lettori per eccellenza, le vendite di ipod sono solo una piccola frazione dei lettori portatili. e più si annacqua il marchio ipod mettendolo un pò ovunque più il valore aggiunto costrituito dal marchio si perde e le vendite di ipod diminuiscono.
    • Anonimo scrive:
      Re: non é poi tanto strano o sbagliato
      Si annacqua che? Antani?Ma che stai a di'? Arripijatee!Ipod non è il nome dei player mp3 per definizione, è una diceria giornalistica! Qui da noi dicono "ho comprato un mp3" per dire il lettore, quale che sia. Apple paga alla Creative 100 milioni di dollari l'anno per usare i brevetti Creative sull'iPod, per intenderci!Non ci si accorge che comprando questi ammennicoli si dà troppo potere ad una multinazionale che ti bacchetta o ti stronca se chiami "pod" una qualsiasi cosa anche se nulla ha a che fare con ipod? No eh? Anche se fondi un club o promuovi indirettamente in qualche modo il loro prodotto perchè ti piace questi ti stroncano, non mi pare che sia tanto normale! In tutto ciò c'è qualcosa di molto pericoloso e distorto che coinvolge la libertà di espressione, di questo passo diventerà proibito chiamare "Franco" il proprio figlio perchè è un marchio industriale! Ma per piacere! C'è un solo modo per limitare i danni anche se ormai i buoi sono scappati, ed è suggerito dal buon senso...
  • Anonimo scrive:
    ferrari
    anche la ferrari tempo fa fece qualcosa di stranohttp://www.repubblica.it/2005/f/motori/luglio2005/ferraririvolta/ferraririvolta.html
    • Anonimo scrive:
      Re: ferrari
      - Scritto da:
      anche la ferrari tempo fa fece qualcosa di strano
      http://www.repubblica.it/2005/f/motori/luglio2005/Cose che noi mortali non possiamo comprendere...
  • Anonimo scrive:
    sono i legali a muoversi
    dubito sia jobs in persona a voler ciò.In genere queste corporazioni hanno soldati di legali che cercano fino all'esasperazione di far valere "i diritti" del loro cliente, e del marketing e delle "brutte" figure poco gli interessa, si muovono perché sono "secondo legge" e quindi in pieno diritto.Questo è una precisazione, il mio dubbio... Jobs permette ciò ? Scrive contro il DRM e lascia sti legali a briglie sciolte contro iniziative così piccole che usano un loro nome? mah. :s
    • Anonimo scrive:
      Re: sono i legali a muoversi
      - Scritto da:
      dubito sia jobs in persona a voler ciò.
      vabbe', non mi va neanche di riderti in faccia.non voglio neanche ritirare fuori la preistoria dei famosi macachi ... certo, un premio per l'impegno nel rimanere ingenuo ...
    • Anonimo scrive:
      Re: sono i legali a muoversi
      Jobs non decide nulla .......lui è solo la facciata di Applecome lo è lo zio Bill per MS
  • Anonimo scrive:
    Qualcuno gli parli...
    ...a Jobs, ma si rende conto delle figure da pescecane che fa?Se gli piace l'idea dell'iPod Monday, faccia un accordo con chi l'ha avuta e gli dia una percentuale, rubargliela e basta perché è un piccolo bar che non può permettersi avvocati da milioni di $ è una cosa schifosa.
  • Anonimo scrive:
    Uhm...
    "Faccio questa piccola cosa chiamata iPod Monday in un piccolo bar a Des Moines - spiega Curtis al DesMoinesRegister - una cosa che attrae al massimo 45 persone. Perché questa corporazione da miliardi di dollari si preoccupa degli iPod Monday?" Forse perche' adesso piace a loro l'idea e vogliono $$$ da chiunque ne faccia una simile ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Uhm...
      - Scritto da:
      "Faccio questa piccola cosa chiamata iPod
      Monday in un piccolo bar a Des Moines - spiega
      Curtis al DesMoinesRegister - una cosa che attrae
      al massimo 45 persone. Perché questa corporazione
      da miliardi di dollari si preoccupa degli iPod
      Monday?"

      Forse perche' adesso piace a loro l'idea e
      vogliono $$$ da chiunque ne faccia una simile
      ?No.non e' la prima volta. E' incredibile.. Apple ha un leader carismatico che non fa altro che promuovere una immagine, e poi se gli utenti si gasano e si organizzano gli sega le gambee' demenziale, tanto piu che SANNO che poi queste cose ormai finiscono sputtanate in retenon e' la prima, non sara' l ultima.. ma vi ricordate la storia del dominio degli ibook si ? O.
    • riddler scrive:
      Re: Uhm...
      Sono paranoici come (quasi?) tutte le grandi corporation...
Chiudi i commenti