Prove tecniche di jukebox celestiale

Video e musica come servizio, da fruire sottoscrivendo un abbonamento insieme alla fornitura di connettività. Gli strumenti non mancano

Roma – Musica che si travasa dalla rete ai dispositivi dei netizen, modelli di business flat che richiedano agli utenti un piccolo contributo fisso e che sappiano retribuire gli artisti nella giusta proporzione. L’industria si sta muovendo, le tecnologie sviluppate per mettere in campo questo schema si fanno avanti.

Noank Media è cresciuta come una costola del Berkman Center for Internet and Society di Harvard . Scaturita dalle visioni del mercato dei contenuti prospettate da William W. Fisher , da anni sostenitore della necessità dell’avvento di un sistema di musica liquida distribuita come servizio, Noank Media si propone come strumento per mettere in atto un modello di licenze flat: ha dimostrato di saper monitorare flussi di video e di musica, ha dimostrato di poter rappresentare il versante tecnico di un modello di business basato sugli abbonamenti.

Dal 2006 Noank gestisce un registro di contenuti: i detentori dei diritti vi possono depositare le proprie opere, possono scegliere la licenza con cui metterle a disposizione e determinare gli utilizzi di cui Noank dovrebbe tenere traccia. Noank si occupa di mediare fra i detentori dei diritti e i fornitori servizi Internet : alcune sperimentazioni sono già state condotte con il provider di Hong Kong Cyberport e in Canada , e l’obiettivo di Noank è quello di coinvolgere quanti più soggetti possibile, dai fornitori di servizi di telefonia mobile a coloro che innervano i campus di connettività. Sono questi operatori che dovrebbero ricompensare Noank per il servizio fornito, operatori che potranno poi scegliere se riversare o meno i costi sui propri utenti finali che desiderassero approfittare dei contenuti messi a disposizione e tracciati.

Nessun sistema DRM a presidio dei contenuti, un semplice client da scaricare, attraverso il quale attingere al catalogo e attraverso il quale tenere traccia delle utilizzazioni dei contenuti, attraverso cui, con il supporto di terze parti, sarà possibile gestire sistemi di raccomandazione e di socializzazione. I contenuti scaricati dagli utenti possono essere fruiti su player a scelta: l’identificazione dei file, a mezzo hashing e audio fingerprinting, consente di conteggiare le riproduzioni di musica e video e di monitorare i comportamenti degli utenti che aderiscano al servizio, contente di stilare dei prospetti sulla base dei quali retribuire i detentori dei diritti , con l’85 per cento di quanto racimolato con la vendita delle licenze.

Devon Copley, a capo del reparto tecnico di Noank, ha ora ammesso che potrebbe volerci del tempo prima che l’industria dei contenuti si lasci convincere da un modello che non si fonda più sulla vendita di contenuti, ma sulla fornitura di un servizio agli utenti. Ma sono sempre più coloro che propongono di approfittare di una banda sempre più larga e della possibilità di monitorare lo sciamare di contenuti acquisiti su abbonamento per soddisfare e mettere a frutto la sete di intrattenimento dei cittadini della rete.

A scegliere il modello del jukebox celestiale non sono solo le autorità di contesti circoscritti come quelle dell’ Isola di Man che meditano di offrire dei modelli di fruizione che sembrano aderire meglio alle abitudini dei netizen. Sono numerose le proposte con cui si dimostra che un modello flat potrebbe rappresentare per l’industria dei contenuti un business fruttuoso. Oltre alle soluzioni avanzate da sostenitori della cultura open come Richard Stallman, ci sono studi come quello condotto dal centro di ricerca NEXA su Internet e società del Politecnico di Torino e come quello dell’Institute of European Media Law, con cui si simula l’introduzione di un modello basato sulle sottoscrizioni nel contesto europeo. Ma anche l’industria sembra timidamente disponibile a sperimentare : magari nel contesto universitario, sede dove per tradizione le pratiche di file sharing sembrano dimostrarsi incontenibili .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • alberto tonicelli scrive:
    sbagio
    Tutto sbagliato: moblin è basata su fedora e non è nemmeno lontana parente di remix!!
  • Graziano scrive:
    Suse e Ubuntu distribuzioni non libere
    Purtroppo le distribuzioni come Suse e Ubuntu non sono completamente libere:http://www.gnu.org/distros/common-distros.htmlIo preferisco usare una distribuzione completamente libera come queste:http://www.gnu.org/distros/free-distros.htmlUsare una distribuzione completamente libera aiuta a creare una massa di utenti. Piu' sono questi utenti, piu' sara' importante il messaggio lanciato: non vogliamo il software proprietario nelle nostre distribuzioni GNU/Linux.Se invece si continuano a usare distribuzioni non libere, si sta in qualche modo promuovendo il messaggio che cosi' va bene, che includere sw proprietario di cui non si ha il codice (un po' come con windows) dentro GNU/Linux sia giusto e accettabile.Ma il sistema GNU/Linux non era nato per ottenere un sistema operativo completamente libero?www.gnu.org
    • lroby scrive:
      Re: Suse e Ubuntu distribuzioni non libere
      - Scritto da: Graziano
      Ma il sistema GNU/Linux non era nato per ottenere
      un sistema operativo completamente
      libero?

      www.gnu.orgmmhh..missà che la maggior parte delle persone invece lo cataloga come libero...... dai costi di acquisto delle licenze...LROBY
    • Fraud Lauser scrive:
      Re: Suse e Ubuntu distribuzioni non libere
      Carissimo amico mi dispiace deluderti, ma esiste una versione ubuntu completamente libera. Informarsi prima di scrivere.http://www.ubuntu.com/products/whatisubuntu/gobuntu
    • gnulinux86 scrive:
      Re: Suse e Ubuntu distribuzioni non libere
      Ubuntu deriva da Debian e ne segue anche la politica, viene fornita con solo software Open, il software closed presente sui repository ufficiali serve per offrire il meglio all'utente finale, alcun driver ad esempio per l'accelerazione grafica di alcune schede video, oppure alcuni driver per il Wi Fi non sono sempre disponibili Open, non vedo il motivo per il quale un utente dovrebbe vedersi negate tali possibilità.
      • Dannata Ati scrive:
        Re: Suse e Ubuntu distribuzioni non libere
        - Scritto da: gnulinux86
        non vedo il motivo per il quale
        un utente dovrebbe vedersi negate tali
        possibilità.Già, prima o poi si lavorerà benissimo con dei sistemi del tutto open ma per ora è importante è che ci sia la scelta e ognuno possa fare come meglio crede.Personalmente simpatizzo con chi vuole un sistema completamente libero, ma ci sono ancora alcune difficoltà causate dall'eredità di decenni di software proprietario. Per esempio per ragioni di lavoro uso Skype tutti i giorni, ed è uno dei sistemi più chiusi del mondo, e ho deciso di usare il driver ATI per la mia scheda grafica invece che quello open, che per ora non ha ancora l'accelerazione 3D (anche per colpa di ATI che ha fatto molte difficoltà a rilasciare le specifiche).Se non potessi usare Skype e fossi obbligato ad un driver poco performante penso che anziché un Ubuntu con occasionalmente una VM Windows per i test, avrei tenuto XP con la VM Linux text-only per farci girare i programmi server per lo sviluppo software.
  • lroby scrive:
    FLP sui Netbook
    a Linux, XP, Vista & 7
    come da oggetto.. FLP sui netbook batte tutti gli altri s.o. MS e Gnu/Linux.come velocità, come compatibilità con i sw per il mondo Windows (e senza usare Wine), come leggerezza di risorse usate e come spazio su hdd occupato..Se solo la MS si fosse decisa a venderlo al dettaglio :(LROBY
    • pabloski scrive:
      Re: FLP sui Netbook
      a Linux, XP, Vista & 7
      mah a me sembra solo una versione ridimensionata di xp per hardware vecchioin tutta franchezza non credo che a parità di servizi offerti riuscirebbe a mantenersi più leggero di xp
      • lroby scrive:
        Re: FLP sui Netbook
        a Linux, XP, Vista & 7
        - Scritto da: pabloski
        mah a me sembra solo una versione ridimensionata
        di xp per hardware
        vecchiotradotto in parole povere? stai dicendo che ti sembra che sia una versione nlite di xp direttamente fatta dalla ms per macchine molto poco dotate? bene.. e se è 1 versione molto leggera, come girerà sui pc "normali" ??
        in tutta franchezza non credo che a parità di
        servizi offerti riuscirebbe a mantenersi più
        leggero di
        xpxp nlited è + leggero di xp normale? se si, perchè non dovrebbe essere lo stesso con questo os?LROBYpsnoto con dispiacere che la maggior parte (per fortuna non tutti) parlano solo per ipotesi.. e che pochi parlano solo dopo aver provato/testato/visionato le cose.
        • pabloski scrive:
          Re: FLP sui Netbook
          a Linux, XP, Vista & 7
          mi è capitato di usarlo una voltaè più leggero d'accordo ma sempre NT èi miracoli non si possono fare e il trunk di sviluppo è lo stesso per tutte le versioni di windowsquando nacque quest'idea, o meglio quando nacque l'idea del suo predeXXXXXre e cioè whistler si parlò di basarlo sul kernel Elate della Tao Systems che è un kernel da far impallidire Singularityma così non fu e nacque l'ennesimo versione nlite-like di windows xpquindi il punto è che con flp ottieni quelle performance perchè sacrificihi funzionalità non come linux che ha performance poco inferiori a xp ma fornendo nel contempo più funzionalità di vistala domanda è: "con quel setup andrà bene per i netbook?"...non è che ci ritroveremo con un OS a cui mancano elementi importanti?tu mi accusi di parlare per congetture, ma francamente senza avere il codice sotto mano si può dire ben pocoinnanzitutto quali sono esattamente le funzionalità che flp ha in meno di xp/vista? come hanno fatto ad ottenere queste fantomatiche performance da capogiro?
          • lroby scrive:
            Re: FLP sui Netbook
            a Linux, XP, Vista & 7
            - Scritto da: pabloski
            la domanda è: "con quel setup andrà bene per i
            netbook?"...non è che ci ritroveremo con un OS a
            cui mancano elementi
            importanti?
            innanzitutto quali sono esattamente le
            funzionalità che flp ha in meno di xp/vista? come
            hanno fatto ad ottenere queste fantomatiche
            performance da
            capogiro?Elementi mancanti : "DEV NULL", Outlook Express e la possibilita' di mountare le reti da riga di comandoper ora sono queste le cose che mi ricordo al volo..LROBY
          • krane scrive:
            Re: FLP sui Netbook
            a Linux, XP, Vista & 7
            - Scritto da: lroby
            - Scritto da: pabloski

            la domanda è: "con quel setup andrà bene per i

            netbook?"...non è che ci ritroveremo con un OS a

            cui mancano elementi

            importanti?


            innanzitutto quali sono esattamente le

            funzionalità che flp ha in meno di xp/vista?
            come

            hanno fatto ad ottenere queste fantomatiche

            performance da

            capogiro?
            Elementi mancanti : "DEV NULL", Outlook Express e
            la possibilita' di mountare le reti da riga di
            comando
            per ora sono queste le cose che mi ricordo al
            volo..
            LROBYMi fa un po' pensare al confronto tra android rispetto a linux
    • advange scrive:
      Re: FLP sui Netbook
      a Linux, XP, Vista & 7

      come da oggetto.. FLP sui netbook batte tutti gli
      altri s.o. MS e
      Gnu/Linux.
      come velocità, come compatibilità con i sw per il
      mondo Windows (e senza usare Wine), come
      leggerezza di risorse usate e come spazio su hdd
      occupato..Per curiosità hai dei dati a riguardo? Cioè qualcosa che dimostri che effettivamente FLP è più leggera di una Ubuntu Network Remix o simili? Che richieda meno risorse HW? Che occupi meno spazio?
      • lroby scrive:
        Re: FLP sui Netbook
        a Linux, XP, Vista & 7
        - Scritto da: advange

        come da oggetto.. FLP sui netbook batte tutti
        gli

        altri s.o. MS e

        Gnu/Linux.

        come velocità, come compatibilità con i sw per
        il

        mondo Windows (e senza usare Wine), come

        leggerezza di risorse usate e come spazio su hdd

        occupato..
        Per curiosità hai dei dati a riguardo? Cioè
        qualcosa che dimostri che effettivamente FLP è
        più leggera di una Ubuntu Network Remix o simili?
        Che richieda meno risorse HW? Che occupi meno
        spazio?installata da zero pulita ha occupato circa 90mb di ram, di cui 20mb il kernel.. l'installazione completa occupa circa 1,1gb di spazio.. ovviamente dopo ci devi aggiungere i soliti programmi di uso comune (AV / office / etc.etc)LROBY
        • krane scrive:
          Re: FLP sui Netbook
          a Linux, XP, Vista & 7
          - Scritto da: lroby
          - Scritto da: advange


          come da oggetto.. FLP sui netbook batte tutti


          gli altri s.o. MS e Gnu/Linux.


          come velocità, come compatibilità con i sw per


          il mondo Windows (e senza usare Wine), come


          leggerezza di risorse usate e come spazio su


          hdd occupato..

          Per curiosità hai dei dati a riguardo? Cioè

          qualcosa che dimostri che effettivamente FLP è

          più leggera di una Ubuntu Network Remix o

          simili ?

          Che richieda meno risorse HW? Che occupi meno

          spazio ?
          installata da zero pulita ha occupato circa 90mb
          di ram, di cui 20mb il kernel.. l'installazione
          completa occupa circa 1,1gb di spazio..
          ovviamente dopo ci devi aggiungere i soliti
          programmi di uso comune (AV / office / etc.etc)
          LROBYWOW Quindi e' poco piu' piccola delle piu' vaccuse distribuzioni linux.
          • lroby scrive:
            Re: FLP sui Netbook
            a Linux, XP, Vista & 7
            - Scritto da: krane
            Quindi e' poco piu' piccola delle piu' vaccuse
            distribuzioni
            linux.io arrivo a 2gb (forse 2,5gb ma non ricordo bene in questo momento) di spazio complessivo effettivamente utilizzato dopo aver installato tutti i miei programmi di uso comune.LROBY
          • krane scrive:
            Re: FLP sui Netbook
            a Linux, XP, Vista & 7
            - Scritto da: lroby
            - Scritto da: krane

            Quindi e' poco piu' piccola delle piu' vaccuse

            distribuzioni

            linux.
            io arrivo a 2gb (forse 2,5gb ma non ricordo bene
            in questo momento) di spazio complessivo
            effettivamente utilizzato dopo aver installato
            tutti i miei programmi di uso
            comune.
            LROBYCome la mia debian.
          • krane scrive:
            Re: FLP sui Netbook
            a Linux, XP, Vista & 7
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: lroby

            - Scritto da: krane


            Quindi e' poco piu' piccola delle piu' vaccuse


            distribuzioni


            linux.

            io arrivo a 2gb (forse 2,5gb ma non ricordo bene

            in questo momento) di spazio complessivo

            effettivamente utilizzato dopo aver installato

            tutti i miei programmi di uso

            comune.

            LROBY
            Come la mia debian.Ho controllato : la mia debian e' poco piu' grande, in compenso la slack e' piu' piccola, una damn small non oso pensare :D
          • lroby scrive:
            Re: FLP sui Netbook
            a Linux, XP, Vista & 7
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: lroby

            - Scritto da: krane


            Quindi e' poco piu' piccola delle piu' vaccuse


            distribuzioni


            linux.

            io arrivo a 2gb (forse 2,5gb ma non ricordo bene

            in questo momento) di spazio complessivo

            effettivamente utilizzato dopo aver installato

            tutti i miei programmi di uso

            comune.

            LROBY

            Come la mia debian.lo uso sull'eeepc900, alleggerito ed ottimizzato al massimo, lascio impressionate le persone per la velocità di un pc che monta un celeron 900mhz (cpu del 2001)LROBY
          • krane scrive:
            Re: FLP sui Netbook
            a Linux, XP, Vista & 7
            - Scritto da: lroby
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: lroby


            - Scritto da: krane



            Quindi e' poco piu' piccola delle piu'



            vaccuse distribuzioni



            linux.


            io arrivo a 2gb (forse 2,5gb ma non ricordo


            bene in questo momento) di spazio complessivo


            effettivamente utilizzato dopo aver installato


            tutti i miei programmi di uso comune.


            LROBY

            Come la mia debian.
            lo uso sull'eeepc900, alleggerito ed ottimizzato
            al massimo, lascio impressionate le persone per
            la velocità di un pc che monta un celeron 900mhz
            (cpu del 2001)
            LROBYDovremmo fare una gara di tuning io e te @^
          • lroby scrive:
            Re: FLP sui Netbook
            a Linux, XP, Vista & 7
            - Scritto da: krane
            Dovremmo fare una gara di tuning io e te @^Occhio a sfidarmi.. potresti avere delle belle sorprese scoprendo cosa si possa fare in ambito MS ;)(al di fuori di chi vince)LROBY
          • krane scrive:
            Re: FLP sui Netbook
            a Linux, XP, Vista & 7
            - Scritto da: lroby
            - Scritto da: krane

            Dovremmo fare una gara di tuning io e te @^
            Occhio a sfidarmi.. potresti avere delle belle
            sorprese scoprendo cosa si possa fare in ambito
            MS
            ;)
            (al di fuori di chi vince)
            LROBYAnche io potrei riservarti sorprese :DPenso che l'interesse tecnico ci farebbe dimenticare che era partita come una gara circa in 0.1' secondi.
          • lroby scrive:
            Re: FLP sui Netbook
            a Linux, XP, Vista & 7
            - Scritto da: krane
            Anche io potrei riservarti sorprese :D
            Penso che l'interesse tecnico ci farebbe
            dimenticare che era partita come una gara circa
            in 0.1'
            secondi.Netti o lordi :D ?però sarebbe molto interessante.. una gara tra i sistemi tunati MS e Linux.. con Mac os X che stà a guardare invidioso hehehehehLROBY
          • lroby scrive:
            Re: FLP sui Netbook
            a Linux, XP, Vista & 7
            ti aggiungo 1 schermatina interessante.. almeno credo che tu la reputerai tale.. ;)http://s4.imagestime.com/out.php/i357805_Flpappenaavviatosulleeepc900.jpgdimmi cosa ne pensi..ciaoLROBY
          • lroby scrive:
            Re: FLP sui Netbook
            a Linux, XP, Vista & 7
            - Scritto da: krane
            Anche io potrei riservarti sorprese :D
            Penso che l'interesse tecnico ci farebbe
            dimenticare che era partita come una gara circa
            in 0.1'
            secondi.Ho postato un link ma credo nel posto sbagliato.. qui dovresti ricevere l'avviso via email del mio post.http://s4.imagestime.com/out.php/i357805_Flpappenaavviatosulleeepc900.jpgguardatela questa immagine.. e vediamo che sai fare tu ;)LROBY
          • Shu scrive:
            Re: FLP sui Netbook
            a Linux, XP, Vista & 7
            - Scritto da: lroby
            http://s4.imagestime.com/out.php/i357805_Flpappena

            guardatela questa immagine.. e vediamo che sai
            fare tu
            ;)Non è che hai tempo/voglia di mettere su un blog e di dare un po' di informazioni per arrivare almeno vicino ai livelli di quello screenshot?No, perché mi sarebbe molto utile in alcuni casi, ma non in tanti da costringermi a smanettare per anni con Windows a fare test e reinstallare perché non funziona più niente... :)Bye.
          • krane scrive:
            Re: FLP sui Netbook
            a Linux, XP, Vista & 7
            - Scritto da: Shu
            - Scritto da: lroby



            http://s4.imagestime.com/out.php/i357805_Flpappena



            guardatela questa immagine.. e vediamo che sai

            fare tu

            ;)

            Non è che hai tempo/voglia di mettere su un blog
            e di dare un po' di informazioni per arrivare
            almeno vicino ai livelli di quello
            screenshot?
            No, perché mi sarebbe molto utile in alcuni casi,
            ma non in tanti da costringermi a smanettare per
            anni con Windows a fare test e reinstallare
            perché non funziona più niente...
            :)
            Bye.Spiace non ho avuto piu' tempo di seguire il tread, appena ho tempo ti mando un po' di schermate della slack che ho sul portatile.
          • nome e cognome scrive:
            Re: FLP sui Netbook
            a Linux, XP, Vista & 7

            Come la mia debian.Il mio fermaporte fa le stesse cose della tua debian e occupa molto meno spazio.
          • krane scrive:
            Re: FLP sui Netbook
            a Linux, XP, Vista & 7
            - Scritto da: nome e cognome

            Come la mia debian.

            Il mio fermaporte fa le stesse cose della tua
            debian e occupa molto meno
            spazio.Anch'io voglio un fermaporte che renderizza con PovRay (rotfl)
    • gnulinux86 scrive:
      Re: FLP sui Netbook
      a Linux, XP, Vista & 7
      Windows FLP ha requisiti hardware simili a Xubuntu e LXDE, ma quest ultimi non necessitano di software per la sicurezza al contrario di FLP.http://en.wikipedia.org/wiki/Windows_Fundamentals_for_Legacy_PCshttp://www.xubuntu.org/gethttp://www.lxde.org/lxdePs: non ho incluso distro come PuppyLinux e DamnSmallLinux, perchè sono distro troppo leggere, non ci sarebbe confronto.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 12 maggio 2009 18.01-----------------------------------------------------------
      • lroby scrive:
        Re: FLP sui Netbook
        a Linux, XP, Vista & 7
        - Scritto da: gnulinux86
        Windows FLP ha requisiti hardware simili a
        Xubuntu e LXDE, ma quest ultimi non necessitano
        di software per la sicurezza al contrario di
        FLP.e quindi? mi dici dove sta' il problema? se un utente del mondo MS comunque e' da sempre abituato ad avere software di sicurezza nei propri pc, non vedo il problema di doverlo usare anche su un s.o. che in cambio ti da' tutto quello che da' FLP.Prestazioni elevate, compatibilita' con XP e tutti i software per XP, perfino con i drivers di XP, meno spazio su hdd occupato e minore spreco di risorse hardware...Praticamente tutto il contrario della tendenza attuale (e parlo sia di MS che di Gnu/Linux)immagina un eeepc900 con 2gb di ddr2, e sdd da 20gb (4+16) come viaggia con questo s.o. ulteriormente alleggerito e tunato.Beh.. tu continua ad immaginarlo.. che io lo uso..LROBY
        • krane scrive:
          Re: FLP sui Netbook
          a Linux, XP, Vista & 7
          - Scritto da: lroby
          - Scritto da: gnulinux86

          Windows FLP ha requisiti hardware simili a

          Xubuntu e LXDE, ma quest ultimi non necessitano

          di software per la sicurezza al contrario di

          FLP.
          e quindi? mi dici dove sta' il problema? se un
          utente del mondo MS comunque e' da sempre
          abituato ad avere software di sicurezza nei
          propri pc, non vedo il problema di doverlo usare
          anche su un s.o. che in cambio ti da' tutto
          quello che da'
          FLP.
          Prestazioni elevate, compatibilita' con XP e
          tutti i software per XP, perfino con i drivers di
          XP, meno spazio su hdd occupato e minore spreco
          di risorse
          hardware...
          Praticamente tutto il contrario della tendenza
          attuale (e parlo sia di MS che di
          Gnu/Linux)
          immagina un eeepc900 con 2gb di ddr2, e sdd da
          20gb (4+16) come viaggia con questo s.o.
          ulteriormente alleggerito e
          tunato.
          Beh.. tu continua ad immaginarlo.. che io lo uso..
          LROBYE siamo di nuovo al discorso di prima : magari lo vendessero pubblicamente !E visto che non lo fanno comincio a chiedermi : perche' ???
        • advange scrive:
          Re: FLP sui Netbook
          a Linux, XP, Vista & 7

          Praticamente tutto il contrario della tendenza
          attuale (e parlo sia di MS che di
          Gnu/Linux)Ma non è vero: parla per MS non parlare per GNU / Linux. Ti abbiamo già dimostrato che stai sbagliando; ci sono distro GNU/Linux che hanno gli stessi requisiti di FLP. Quindi, evita di ricadere nell'errore di generalizzare. O)
          • lroby scrive:
            Re: FLP sui Netbook
            a Linux, XP, Vista & 7
            - Scritto da: advange

            Praticamente tutto il contrario della tendenza

            attuale (e parlo sia di MS che di

            Gnu/Linux)
            Ma non è vero: parla per MS non parlare per GNU /
            Linux. Ti abbiamo già dimostrato che stai
            sbagliando; ci sono distro GNU/Linux che hanno
            gli stessi requisiti di FLP. Quindi, evita di
            ricadere nell'errore di
            generalizzare.
            O)beh ovvio che non si intendono TUTTE le distro.. ma quelle + comuni/conosciute (opensuse,Ubuntu Mandriva ad esempio)LROBYpsnon cercate sempre il pelo nell'uovo dai :D
          • gnulinux86 scrive:
            Re: FLP sui Netbook
            a Linux, XP, Vista & 7
            Dipende da come le installi, se fai come me, ad esempio, io installo Ubuntu con il minimal cd, successivamente installo il DE che preferisco, e solo i programmi che mi servono in oltre li compilo pure, si ottiene una distro ancor più performante, pratica derivata dal mio lato ancora Debianizzato.... :p
          • lroby scrive:
            Re: FLP sui Netbook
            a Linux, XP, Vista & 7
            - Scritto da: gnulinux86
            Dipende da come le installi, se fai come me, ad
            esempio, io installo Ubuntu con il minimal cd,
            successivamente installo il DE che preferisco, e
            solo i programmi che mi servono in oltre li
            compilo pure, si ottiene una distro ancor più
            performante, pratica derivata dal mio lato ancora
            Debianizzato....
            :pScusa ma uno con le tue capacità perchè non usa direttamente Debian o Sidux invece che Ubuntu (visto che cmq alla fine lo installi tipo debian) ???LROBY
          • gnulinux86 scrive:
            Re: FLP sui Netbook
            a Linux, XP, Vista & 7
            Certo che la uso, Debian Lenny 5.0 insieme Ubuntu9.04 sono le mie distro Linux persistenti sul mio pc, le altre distro le testo su un pc da battaglia con un multiboot di 6 distro, mentre su Mac tengo Leopard e Vista con bootcamp.
          • lroby scrive:
            Re: FLP sui Netbook
            a Linux, XP, Vista & 7
            - Scritto da: gnulinux86
            Certo che la uso, Debian Lenny 5.0 insieme
            Ubuntu9.04 sono le mie distro Linux persistenti
            sul mio pc, le altre distro le testo su un pc da
            battaglia con un multiboot di 6 distro, mentre su
            Mac tengo Leopard e Vista con
            bootcamp.Vista? a che ti serve??LROBY
          • gnulinux86 scrive:
            Re: FLP sui Netbook
            a Linux, XP, Vista & 7
            Lo uso come gli altri sistemi.
          • advange scrive:
            Re: FLP sui Netbook
            a Linux, XP, Vista & 7

            beh ovvio che non si intendono TUTTE le distro..
            ma quelle + comuni/conosciute (opensuse,Ubuntu
            Mandriva ad esempio)
            LROBY
            ps
            non cercate sempre il pelo nell'uovo dai :DScusami, era solo per essere precisi, perché dal tuo post pareva che veramente Windows potesse sfidare Linux su certi campi.Come avrai notato non ho risposto al thread sul tuning: sono un programmatore e non mi interessa fare tuning sui miei PC (qualche ottimizzazione sì, ma senza esagerare). Ma mi hai dato una conferma interessante: ottimizzando XP si ottengono dei risultati molto buoni, anche su PC datati.Mi sembrava logico visto che ricordo come XP riuscisse a funzionare persino con 128 MB di Ram (disabilitando qualche servizio, arrancando, ma funzionava).Ti consiglio di evitare gare di tuning con distribuzioni Linux: è un confronto impari. Un sistemista Linux potrebbe persino ricompilarsi il kernel ad hoc per quella macchina. E ti assicuro, le nuove versioni del kernel hanno portato a dei miglioramenti davvero spaventosi: provare per credere. E' come cercare di sfidare una Ferrari con una bicicletta.Tutto questo IMHO.
          • lroby scrive:
            Re: FLP sui Netbook
            a Linux, XP, Vista & 7
            - Scritto da: advange
            Ti consiglio di evitare gare di tuning con
            distribuzioni Linux: è un confronto impari. Un
            sistemista Linux potrebbe persino ricompilarsi il
            kernel ad hoc per quella macchina. E ti assicuro,
            le nuove versioni del kernel hanno portato a dei
            miglioramenti davvero spaventosi: provare per
            credere. E' come cercare di sfidare una Ferrari
            con una
            bicicletta.
            Tutto questo IMHO.rispetto la tua opinione, però dovresti vedere prima cosa si può realizzare su windows parlando di tuning.Proprio questa possibilità di essere molto ottimizzato e pompato alla grande ha fatto e stà facendo la mia fortuna ;)LROBY
        • gnulinux86 scrive:
          Re: FLP sui Netbook
          a Linux, XP, Vista & 7
          Sei partito col discorso della velocità, volevo farti notare che a parità di richieste hardware, il sistema che necessita di software per la sicurezza diventa più pesante.Posso sapere dove hai letto che FLP ha la compatibilità(totale) con Xp e con i driver??Io da Wikipedia leggo:Possibili incompatibilità con programmi più vecchi (Windows 95, Windows 98, Windows ME), più nuovi (Windows 2000, Windows XP) e alcuni tipi di driver.http://it.wikipedia.org/wiki/Windows_Fundamentals_for_Legacy_PCsPrima di decantare un prodotto è meglio informarsi bene ;)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 12 maggio 2009 19.42-----------------------------------------------------------
          • lroby scrive:
            Re: FLP sui Netbook
            a Linux, XP, Vista & 7
            - Scritto da: gnulinux86
            Posso sapere dove hai letto che FLP ha la
            compatibilità(totale) con Xp e con i
            driver??

            Io da Wikipedia leggo:

            Possibili incompatibilità con programmi più
            vecchi (Windows 95, Windows 98, Windows ME), più
            nuovi (Windows 2000, Windows XP) e alcuni tipi di
            driver.

            http://it.wikipedia.org/wiki/Windows_Fundamentals_

            Prima di decantare un prodotto è meglio
            informarsi bene
            ;)mah..se consideri che lo uso dal 12 Giugno 2008 sul mio eeepc900.. e poi Wiki dice "POSSIBILI".. non significa obbligatori o scontati.. ;)LROBY
          • gnulinux86 scrive:
            Re: FLP sui Netbook
            a Linux, XP, Vista & 7
            Basta il possibile per escludere la compatibilità totale, il fatto che tu non abbia problemi non esclude nulla... ;)Comunque " De gustibus non disputandum est "Se ti trovi bene e non hai problemi, son contento per te... ;)
          • lroby scrive:
            Re: FLP sui Netbook
            a Linux, XP, Vista & 7
            - Scritto da: gnulinux86
            Basta il possibile per escludere la compatibilità
            totale, il fatto che tu non abbia problemi non
            esclude nulla...
            ;)

            Comunque " De gustibus non disputandum est "

            Se ti trovi bene e non hai problemi, son contento
            per te...
            ;)Se uno dovesse guardare sempre i possibili problemi di incompatibilità non userebbe più nulla.. carta e matita apparte.. ad esempio la mancanza di Outlook Express si fà sentire purtroppo.. e rompe le scatole ANCHE all'Outlook 2000 che cerca l'express x funzionare (chissà perchè poi)..La versione 2003 funziona tranquillamente.LROBY
  • sicurochelo sia scrive:
    puppy
    trovo comodissimo puppy linux su chiavetta, non si installa e il netbook è pronto per "la qualsiasi"! Certo i video formato DVD "scattano" sul mio aspirone ma pazienza, per quelli funge bene XP!
  • zzz scrive:
    Ubuntu Remix ?!
    Ubuntu Remix è qualsiasi derivativa !Ubuntu Netbook Remix è quello di cui parli tu."Remix" è la parola da aggiungere _obbligatoriamente_ a qualsiasi derivativa che usi il ubuntu o *buntu all'interno del suo nome.So che non hai capito. E siamo al punto di prima.
    • FreeLandER scrive:
      Re: Ubuntu Remix ?!
      capito capito, ma nel titolo non c'era spazio per il nome intero, sorry :) cmq all'interno dell'articolo il nome è completocontento? :)- Scritto da: zzz
      Ubuntu Remix è qualsiasi derivativa !
      Ubuntu Netbook Remix è quello di cui parli tu.

      "Remix" è la parola da aggiungere
      _obbligatoriamente_ a qualsiasi derivativa che
      usi il ubuntu o *buntu all'interno del suo
      nome.

      So che non hai capito. E siamo al punto di prima.
  • pinkfloido scrive:
    Linux al 50%
    E mentre nascono nuove distribuzioni, è di oggi la notizia che Linpus - che cura il Linux di Acer Aspire One - prevede la crescita fino al 50% di GNU/Linux entro gli inizi 2010 (http://www.tuxjournal.net/?p=7744). Sarà vero?
    • gnulinux86 scrive:
      Re: Linux al 50%
      Linpus a mia avviso è una distro oscena, non credo proprio che possa riuscire a far aumentare la diffusione di Linux sui netbook, al massimo potrebbe provocare l'effetto contrario, come già sta accadendo.Se si vuole realmente proporre Linux, bisogna fare come Dell che punta su distro Linux mainstream come Ubuntu.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 12 maggio 2009 09.44-----------------------------------------------------------
      • mirko.it scrive:
        Re: Linux al 50%

        Se si vuole realmente proporre Linux, bisogna
        fare come Dell che punta su distro Linux
        mainstream come Ubuntu.sono d'accordo.per aumentarne la diffusione credo sia l'unica via.anche il supporto nativo dell'hardware è fondamentale,come già accade per unr sui netbook più diffusi.
    • attonito scrive:
      Re: Linux al 50%
      - Scritto da: pinkfloido
      E mentre nascono nuove distribuzioni, è di oggi
      la notizia che Linpus - che cura il Linux di Acer
      Aspire One - prevede la crescita fino al 50% di
      GNU/Linux entro gli inizi 2010
      (http://www.tuxjournal.net/?p=7744). Sarà
      vero?Le previsioni sono come il buco del c*lo, ognuno ha il suo.un incremento del 50% che si traduce in "siamo passati da 3000 a 4500 istallazioni" puo far sorridere.Quindi, previsioni, va bene, ma poi e' il consuntivo che conta.
    • pabloski scrive:
      Re: Linux al 50%
      beh in ogni caso non sarà mai meno probabile della possibilità che ms sviluppi finalmente singularity
  • Enjoy with Us scrive:
    Per M$ sarà dura!
    Il fenomeno netbook l'ha presa completamente in contropiede e non ha prodotti adeguati a presidiare tale mercato, specie se si realizzeranno le previsioni di una larga adozione da parte di tali dispositivi di architetture ARM... XP con Seven per forza di cose non sarà più commercializzato e Seven da quello che si sta vedendo ha gli stessi requisiti di Vista, che oggi non sono più un problema per un desktop od un notebook tradizionale (forse nel caso dei notebook più economici...) ma certo non si può dire lo stesso per i netbook.Perdere il 30% od oltre dell'intero mercato PC (questi sono i dati delle società di analisi) entro il 2012 potrebbe scuotere alle fondamenta il monopolio di M$ sui SO aprendo finalmente la strada ad una larga diffusione di Linux!
    • vodella scrive:
      Re: Per M$ sarà dura!
      Certo che siamo arrivati a livelli di fanatismo religioso assurdi... mi sa che neanche i seguaci di bin laden sono così infervorati... ma scusate, per caso vi arriva una percentuale sulla vendita di ogni netbook con linux preinstallato? Perché se la risposta è no, ditemi che cavolo ve ne frega di cosa montano su quei portatili castrati che chiamano netbook...
      • Funz scrive:
        Re: Per M$ sarà dura!
        A me interessa poter scegliere tra i vari modelli senza essere obbligato a comprarci Windows assieme. Della diffusione di Linux mi interessa assai relativamente.Peccato che quando dico che voglio un mercato dei computer senza l'imposizione di Windows preinstallato mi saltano subito agli occhi, come se volessi obbligare tutti quanti a usare Linux. Forse sono io che mi spiego male, o è l'utente medio di Windows che ha carenze nella comprensione del testo. Mah.
      • gnulinux86 scrive:
        Re: Per M$ sarà dura!
        Ti consiglio solamente una buona lettura:http://blog.canonical.com/?p=151http://www.linux-netbook.com/netbookshttp://www.computerworld.com/action/article.do?command=viewArticleBasic&articleId=9077678http://www.dell.com/content/topics/segtopic.aspx/linux_3x?c=us&cs=19&l=en&s=dhshttp://notebookitalia.it/inspiron-mini-10-con-ubuntu-8.04-5467.html
      • modella scrive:
        Re: Per M$ sarà dura!
        Perchè ti arrabbi?Nelle loro mente accade questo da anni!
      • Brevetto man scrive:
        Re: Per M$ sarà dura!
        - Scritto da: vodella
        Certo che siamo arrivati a livelli di fanatismo
        religioso assurdi... mi sa che neanche i seguaci
        di bin laden sono così infervorati... ma scusate,
        per caso vi arriva una percentuale sulla vendita
        di ogni netbook con linux preinstallato? Perché
        se la risposta è no, ditemi che cavolo ve ne
        frega di cosa montano su quei portatili castrati
        che chiamano
        netbook...No, il discorso e' puramente di liberta'. Non vedo perche' debbono obbligarmi a tirar fuori dei soldi per una cosa che non voglio. Non sei daccordo con me? Bene se vuoi posso comunicarti le mie coordinate bancarie e mi mandi 30/40 euro, visto che a te non servono.Per quanto riguarda poi le performance, mettendoci windows su queste scandalose macchine, diventano ancora scandalosamente piu' lente. Senza contare poi l'antivirus OBBLIGATORIO (una versione senza troppi fronzoli) da metterci su, che te li trasformano DEFINITIVAMENTE in degli zombie...
      • pabloski scrive:
        Re: Per M$ sarà dura!
        non capisco perchè ti scaldi tantoha solo detto delle cose ovvie e cioè che ARM sta entrando nel mercato netbook, che XP scomparirà dai netbook il prossimo anno e che Linux ha la possibilità di espandersi in questo settorea tutti noi, e credo anche a te utente MS, deve XXXXXXX, perchè più Linux vuol dire più standard open e quindi meno tangenti da pagare solo per compilare il 730 onlineieri ho sentito il ministro Brunetta al convegno della PA che elogiava il suo sistema di PA informatizzata al servizio del cittadino, elencava tutte le cose che lanceranno a breve, ecc....documentandomi ho scoperto che tutto ciò è basato su tecnologie MS....quindi documenti .doc, .docx e non .odf, audio/video wma/wma invece di usare theora, xvid e sociquesto vuol dire che nel momento in cui entrerà in funzione quel sistema dovrai per forza usare Windows, altrimenti sei fuori dal mondoti pare una scelta logica? è come se si autorizzasse Nestlè ad avere il monopolio sull'acqua potabileuno Stato inoltre dovrebbe fare il proprio mestiere e permettere la concorrenza, creare piattaforme aperte non chiuse, se proprio vuole usare Windows almeno imporre l'uso di formati apertiche succederà alla famigliola che non ha migliaia di euro da spendere in licenze per windows, office e compagnia? quella famigliola sarà ghettizzata, sarà fuori dal mondoecco perchè c'inXXXXXamo tanto, a noi non frega un tubo di Windows, ma vogliamo che il mercato sia libero, che i dati possano passare da un sistema all'altro e che le autorità antitrust facciano il loro dovere
        • advange scrive:
          Re: Per M$ sarà dura!

          non capisco perchè ti scaldi tanto

          ha solo detto delle cose ovvie e cioè che ARM sta
          entrando nel mercato netbook, che XP scomparirà
          dai netbook il prossimo anno e che Linux ha la
          possibilità di espandersi in questo settore
          a tutti noi, e credo anche a te utente MS, deve
          XXXXXXX, perchè più Linux vuol dire più standard
          open e quindi meno tangenti da pagare solo per
          compilare il 730 online

          ieri ho sentito il ministro Brunetta al convegno
          della PA che elogiava il suo sistema di PA
          informatizzata al servizio del cittadino,
          elencava tutte le cose che lanceranno a breve, ecc....

          documentandomi ho scoperto che tutto ciò è basato
          su tecnologie MS....quindi documenti .doc, .docx
          e non .odf, audio/video wma/wma invece di usare
          theora, xvid e sociHai qualche fonte? Se è vero quello che dici è scandaloso: dovrebbe nascere un movimento di opinione contro quella che diventerebbe la "Tassa Microsoft".A margine: quale convegno? ForumPA?
          questo vuol dire che nel momento in cui entrerà
          in funzione quel sistema dovrai per forza usare
          Windows, altrimenti sei fuori dal mondo

          ti pare una scelta logica? è come se si
          autorizzasse Nestlè ad avere il monopolio
          sull'acqua
          potabile

          uno Stato inoltre dovrebbe fare il proprio
          mestiere e permettere la concorrenza, creare
          piattaforme aperte non chiuse, se proprio vuole
          usare Windows almeno imporre l'uso di formati
          aperti

          che succederà alla famigliola che non ha migliaia
          di euro da spendere in licenze per windows,
          office e compagnia? quella famigliola sarà
          ghettizzata, sarà fuori dal
          mondo

          ecco perchè c'inXXXXXamo tanto, a noi non frega
          un tubo di Windows, ma vogliamo che il mercato
          sia libero, che i dati possano passare da un
          sistema all'altro e che le autorità antitrust
          facciano il loro
          dovereSottoscrivo tutto il contenuto del tuo post
          • pabloski scrive:
            Re: Per M$ sarà dura!
            - Scritto da: advange
            Hai qualche fonte? Se è vero quello che dici è
            scandaloso: dovrebbe nascere un movimento di
            opinione contro quella che diventerebbe la "Tassa
            Microsoft".
            A margine: quale convegno? ForumPA?non saprei esattamente, ne parlò ieri in tv il tgr neapolis http://neapolis.blog.rai.it/il forum di cui parlo è questo qua http://www.asca.it/regioni-P_A___11_MAGGIO_SI_APRE_FORUM_A_ROMA_CON_BRUNETTA-394681-emrom-6.htmlhttp://iniziative.forumpa.it/page/36326/forum-pa-2009-un-evento-lungo-365-giornihttp://portal.forumpa.it/e infine un pò di immagini http://www.flickr.com/photos/26475712@N05/ad ogni modo nel tg si parlò chiaramente di una partnership con MS e giudicando da quello che hanno combinato con la RAI direi che non ci sono speranze
          • advange scrive:
            Re: Per M$ sarà dura!
            Grazie mille per le info: è proprio il forum PA.Approfondirò la questione nel dettaglio.
          • germanux scrive:
            Re: Per M$ sarà dura!
            non è vero che non ci sono speranze.alla rai si sono accorti che c'eè anche linux.adesso i video si possono vedere grazie a moonlight (testato con opensuse)
          • pabloski scrive:
            Re: Per M$ sarà dura!
            in parte, se proprio erano così tanto interessati ad offrire un servizio interoperabile, perchè hanno usato silverlight?ad esempio se parliamo di market share, flash era la strada da privilegiarepoi è sospetto tutto l'interesse dei ministeri competenti verso MS...è mai possibile che c'è solo MS sul mercato?adesso escono con la storia della PA e sotto sotto ti sbattono in faccia i formati MS Office....insomma, non vorrei pensare male, però ;)
          • picard12 scrive:
            Re: Per M$ sarà dura!
            come osi pensare male... datti due librate sulle dita..Sti s.......i parlano di risparmio, dei diritti del cittadino, di risparmio, di legalità ma poi ti costringono a comprare sw proprietario non proprio economico per poter interoperare con la PA.. poi la gente che magari centiania di euro per un sw non lo vuole spendere perchè obbligato da qualche incompetente da 16mila euro al mese, lo scarica illegalmente.. bella gente!!! Idee vecchie e sempre il contrario di quello che raccontano..soprattutto in periodo di campagna elettorale.Intanto loro fanno sottobanco accordi per avere delle "agevolazioni" come si confà in italia..
        • shevathas scrive:
          Re: Per M$ sarà dura!

          ieri ho sentito il ministro Brunetta al convegno
          della PA che elogiava il suo sistema di PA
          informatizzata al servizio del cittadino,
          elencava tutte le cose che lanceranno a breve,
          ecc....

          documentandomi ho scoperto che tutto ciò è basato
          su tecnologie MS....quindi documenti .doc, .docx
          e non .odf, audio/video wma/wma invece di usare
          theora, xvid e
          soci
          piaccia o no sono i formati più diffusi e office è la suite da ufficio più diffusa.
          questo vuol dire che nel momento in cui entrerà
          in funzione quel sistema dovrai per forza usare
          Windows, altrimenti sei fuori dal
          mondo
          per le procedure interne alla PA.
          ti pare una scelta logica? è come se si
          autorizzasse Nestlè ad avere il monopolio
          sull'acqua
          potabileche esempio del cactus, se la PA decide di mettere nelle sue macchinette i prodotti nestle' questo non significa che al supermercato tu non ti possa comprare l'acqua XYZ.
          uno Stato inoltre dovrebbe fare il proprio
          mestiere e permettere la concorrenza, creare
          piattaforme aperte non chiuse, se proprio vuole
          usare Windows almeno imporre l'uso di formati
          apertiOO riesce a salvare in doc ?
          che succederà alla famigliola che non ha migliaia
          di euro da spendere in licenze per windows,
          office e compagnia? quella famigliola sarà
          ghettizzata, sarà fuori dal
          mondodoppio rotfl, cosa vieta a quella famigliola di usare OOffice e salvare in RTF o in DOC ?
          ecco perchè c'inXXXXXamo tanto, a noi non frega
          un tubo di Windows, ma vogliamo che il mercato
          sia libero, che i dati possano passare da un
          sistema all'altro e che le autorità antitrust
          facciano il loro
          doverei dati se sai usare il pc li puoi passare da un sistema all'altro facilmente.Quello che a me fa ridere è che prima si prende in giro office perché è un sistema utont-friendly poi ci si lamenta perché gli utonti di OO non sono in grado di capire il salva con nome.
          • geppo scrive:
            Re: Per M$ sarà dura!
            E' una questione di giustizia sociale altro che XXXXXXX informatiche.La Pubblica Amministrazione visto che usa soldi pubblici delle tasse dei cittadini onesti (certo che se non le paghi perche' evadi allora tutto ti e' lecito, anche pensare certe XXXXXXX), DEVE investire sulle tecnologie OPEN per permettere a CHIUNQUE di interfacciarsi con le sue infrastrutture informatiche.E una questione di correttezza e chiarezza (come direbbe Brunetta che poi poverino non si rende conto che fanno il contrario) e LIMPIDEZZA degli investimenti.Inoltre evita a certe ditte private di lucrare sulle pochissime risorse pubbliche.In una repubblicha che si rispetti le cose si devono fare in questo modo.Siamo ancora anni luce pero'.
          • pabloski scrive:
            Re: Per M$ sarà dura!
            - Scritto da: shevathas
            piaccia o no sono i formati più diffusi e office
            è la suite da ufficio più
            diffusa.
            questo non vuol dire che uno Stato non può chiedere al monopolista di implementare dei formati openin fondo l'Italia è uno Stato, se hanno creato un WinXP apposito per l'US air force, possono creare formati dati appositi per l'Italia
            per le procedure interne alla PA.
            appunto, ma questo vuol dire ghettizzare chi non usa/non può usare quel sistema e quei formati datiergo lo Stato non sta facendo il proprio dovere
            che esempio del cactus, se la PA decide di
            mettere nelle sue macchinette i prodotti nestle'
            questo non significa che al supermercato tu non
            ti possa comprare l'acqua
            XYZ.
            ma se la PA decide di usare l'ultimissimo formato Word non è così facile poi leggerlo con OpenOffice
            OO riesce a salvare in doc ?
            e Office riesce a salvare in ODF?
            doppio rotfl, cosa vieta a quella famigliola di
            usare OOffice e salvare in RTF o in DOC ?
            ma quella famigliola non potrà leggere i DOC della PAnon potrà compilare il 730 se non usa Windowsti pare poco?
            i dati se sai usare il pc li puoi passare da un
            sistema all'altro
            facilmente.si certo, tu i video li riproduci col cervello vero?
            Quello che a me fa ridere è che prima si prende
            in giro office perché è un sistema utont-friendly
            poi ci si lamenta perché gli utonti di OO non
            sono in grado di capire il salva con
            nome.ma che diavolo stai dicendo? io sto parlando di interoperabilità e formati proprietari, formati protetti da brevetti per cui i concorrenti non possono implementarliil tuo intervento è totalmente fuori luogo e a quanto vedo o non capisci o fai finta di non capireio ti dico che Mario Rossi vuole usare Linux...è libero di farlo giusto? così come Mario Rossi è libero di comprare una Opel invece che una FIATebbene Mario Rossi quando va a fare benzina riesce a rifornire pure la Opel, perchè le bocchette delle pompe sono standard e sono open, ognuno le può implementare secondo quelle specificheMario Rossi, però, quando scarica il .doc dal sito della PA si accorge che non è standard, non è aperto, che non c'è modo di leggerlo se non di usare MS Office....capisci il punto?
          • shevathas scrive:
            Re: Per M$ sarà dura!
            - Scritto da: pabloski
            - Scritto da: shevathas


            piaccia o no sono i formati più diffusi e office

            è la suite da ufficio più

            diffusa.



            questo non vuol dire che uno Stato non può
            chiedere al monopolista di implementare dei
            formati
            open
            open significa solo odf oppure anche rtf ?open significa solo odx oppure anche csv ?
            in fondo l'Italia è uno Stato, se hanno creato un
            WinXP apposito per l'US air force, possono creare
            formati dati appositi per
            l'Italia
            sistema operativo != formato.

            per le procedure interne alla PA.



            appunto, ma questo vuol dire ghettizzare chi non
            usa/non può usare quel sistema e quei formati
            dati
            quale parte di procedure interne non ti è chiaro ?
            ergo lo Stato non sta facendo il proprio dovere


            che esempio del cactus, se la PA decide di

            mettere nelle sue macchinette i prodotti nestle'

            questo non significa che al supermercato tu non

            ti possa comprare l'acqua

            XYZ.



            ma se la PA decide di usare l'ultimissimo formato
            Word non è così facile poi leggerlo con
            OpenOffice
            stiamo parlando di procedure interne o di documenti da divulgare al pubblico ?se io al pubblico consegno un RTF a chi importa se quello è un salva con nome da OO, Office2007 o da wordpad ?

            OO riesce a salvare in doc ?



            e Office riesce a salvare in ODF?
            a che serve odf quando esiste già e per quello che serve funziona anche egregiamente l'RTF ?
            il tuo intervento è totalmente fuori luogo e a
            quanto vedo o non capisci o fai finta di non
            capire

            io ti dico che Mario Rossi vuole usare Linux...è
            libero di farlo giusto? così come Mario Rossi è
            libero di comprare una Opel invece che una
            FIAT

            ebbene Mario Rossi quando va a fare benzina
            riesce a rifornire pure la Opel, perchè le
            bocchette delle pompe sono standard e sono open,
            ognuno le può implementare secondo quelle
            specifiche
            e infatti una cosa sono i documenti per uso interno ed un'altra quelli divulgati al pubblico.A mario rossi non interessa se sia standard o meno il bocchettone che scarica la benzina dall'autocisterna al distributore.Basta che sia standard il bocchettone dal distributore alla sua macchina.
            Mario Rossi, però, quando scarica il .doc dal
            sito della PA si accorge che non è standard, non
            è aperto, che non c'è modo di leggerlo se non di
            usare MS Office....capisci il
            punto?http://office.microsoft.com/it-it/downloads/CD011197531040.aspx
          • bollito scrive:
            Re: Per M$ sarà dura!

            e infatti una cosa sono i documenti per uso
            interno ed un'altra quelli divulgati al
            pubblico.
            A mario rossi non interessa se sia standard o
            meno il bocchettone che scarica la benzina
            dall'autocisterna al
            distributore.
            Basta che sia standard il bocchettone dal
            distributore alla sua
            macchina.Continui a negare il vero punto della questione e cioe' che gli amministratori della PA non possono permettersi di decidere di utilizzare software non OPEN.Sia per incompetenza tecnica, sia per questioni legate alla trasparenza, sia per questioni legate alla proprieta' dei dati e all'uso di formati chiusi o totalmente assurdi.
          • pabloski scrive:
            Re: Per M$ sarà dura!
            - Scritto da: shevathas
            open significa solo odf oppure anche rtf ?
            open significa solo odx oppure anche csv ?
            no open significa che tutti lo possono implementare liberamente e quindi l'utente potrà leggerlo con qualsiasi software che lo implementa
            sistema operativo != formato.
            quindi secondo te è più semplice creare una versione customizzata di xp pro che del formato .doc?
            quale parte di procedure interne non ti è chiaro ?
            quale parte di "lo Stato ha il dovere di rimuovere qualsiasi barriera si opponga allo sviluppo e alla crescita dell'individuo" non ti chiara?
            stiamo parlando di procedure interne o di
            documenti da divulgare al pubblico
            ?ho parlato di Brunetta e del forum PA 2009 e dei servizi offerti al cittadino, quindi parliamo di interazione cittadino-PA, ergo che c'entrano i documenti interni?
            se io al pubblico consegno un RTF a chi importa
            se quello è un salva con nome da OO, Office2007 o
            da wordpad
            ?
            primo perchè è un formato proprietario e quindi soggetto a chiusure, secondo perchè un rtf non implementa minimamente tutte le feature dei formati office o openofficeti ricordo che parliamo di interazione cittadino-PA, quindi non stiamo parlando solo di scaricare pagine di testo, altrimenti basterebbe usare i pdf che sono i più diffusi in assoluto
            a che serve odf quando esiste già e per quello
            che serve funziona anche egregiamente l'RTF
            ?
            rtf paragonabile a odf? no dico dai i numeri?
            e infatti una cosa sono i documenti per uso
            interno ed un'altra quelli divulgati al
            pubblico.ma io parlo dei secondi, che poi all'interno vogliano usare microsoft vatte-la-pesca non me ne frega un tubo
            A mario rossi non interessa se sia standard o
            meno il bocchettone che scarica la benzina
            dall'autocisterna al
            distributore.
            Basta che sia standard il bocchettone dal
            distributore alla sua
            macchina.
            e infatti io di questo parlo, ma tu per difendere MS hai stravolto l'intero discorso....ripeto parliamo di documenti che il cittadino dovrà leggere
            http://office.microsoft.com/it-it/downloads/CD0111mmm pagina web non disponibile :Dbella trollata
          • advange scrive:
            Re: Per M$ sarà dura!

            piaccia o no sono i formati più diffusi e office
            è la suite da ufficio più diffusa.Piaccia o no la MS sta abbandonando questi formati a favore di OOXML; piaccia o no OOXML è uno dei formati meno usati. Piaccia o no OpenOffice 3.0 è stato scaricato 5 milioni di volte nella sola Italia; piaccia o no, io non sono tra quei 5 perché usando Linux me lo trovo già preinstallato.
            per le procedure interne alla PA.Domanda: perché? A cosa serve?E inoltre: ma anche no. Ricordi la storia del 730 compilabile solo avendo Windows?
            che esempio del cactus, se la PA decide di
            mettere nelle sue macchinette i prodotti nestle'
            questo non significa che al supermercato tu non
            ti possa comprare l'acqua XYZ.Vedi es. precedente.
            OO riesce a salvare in doc ? Sì, e anche in OOXML, a differenza di Office; anche se pare che con la 2007 SP2 siano riusciti ad implementare il formato che essi stessi hanno inventato.
            doppio rotfl, cosa vieta a quella famigliola di
            usare OOffice e salvare in RTF o in DOC ?Vedi esempio di prima.

            i dati se sai usare il pc li puoi passare da un
            sistema all'altro facilmente.Cosa c'entra?
            Quello che a me fa ridere è che prima si prende
            in giro office perché è un sistema utont-friendly
            poi ci si lamenta perché gli utonti di OO non
            sono in grado di capire il salva con nome.Io mi lamento che una persona sia contenta che il proprio Stato adotti e supporti formati chiusi e proprietari anche in presenza di alternative aperte FUNZIONANTI e VALIDE.
        • w la cantina scrive:
          Re: Per M$ sarà dura!
          - Scritto da: pabloski
          ieri ho sentito il ministro Brunetta al convegno
          della PA che elogiava il suo sistema di PA
          informatizzata al servizio del cittadino,
          elencava tutte le cose che lanceranno a breve,
          ecc....

          documentandomi ho scoperto che tutto ciò è basato
          su tecnologie MS....quindi documenti .doc, .docx
          e non .odf, audio/video wma/wma invece di usare
          theora, xvid e
          soci

          questo vuol dire che nel momento in cui entrerà
          in funzione quel sistema dovrai per forza usare
          Windows, altrimenti sei fuori dal
          mondo

          ti pare una scelta logica? è come se si
          autorizzasse Nestlè ad avere il monopolio
          sull'acqua
          potabile

          uno Stato inoltre dovrebbe fare il proprio
          mestiere e permettere la concorrenza, creare
          piattaforme aperte non chiuse, se proprio vuole
          usare Windows almeno imporre l'uso di formati
          aperti

          che succederà alla famigliola che non ha migliaia
          di euro da spendere in licenze per windows,
          office e compagnia? quella famigliola sarà
          ghettizzata, sarà fuori dal
          mondo

          ecco perchè c'inXXXXXamo tanto, a noi non frega
          un tubo di Windows, ma vogliamo che il mercato
          sia libero, che i dati possano passare da un
          sistema all'altro e che le autorità antitrust
          facciano il loro
          dovereGià. Se ne parlò anche su PI tempo fa.Ecco la notizia: http://punto-informatico.it/2529682/PI/News/microsoft-omaggia-pa.aspx che effettivamente sa tanto di "omaggio della 1a dose".
      • picard12 scrive:
        Re: Per M$ sarà dura!
        si a me arriva la percentuale!!! quindi rassegnati..Mi risparmio i soldi della licenza che non voglio acquistare, antivirus etc e ci installo una versione di Linux a pagamento come mandriva powerpack..
      • Alibaba scrive:
        Re: Per M$ sarà dura!
        A me danno 10 euro per ogni netbook linux che vendono in Italia per cui ci tengo che ne vendano tanti. Comprate, comprate!:-DE anche se non fosse vero, dopo 15 anni che l'ho dovuto usare meno Windows vedo e meglio sto per cui tutto ciò che l'affossa è benvenuto. Oddio, con il Mac è una bella lotta... è tecnicamente migliore ma è ancora più closed. Meglio la terza via!- Scritto da: vodella
        Certo che siamo arrivati a livelli di fanatismo
        religioso assurdi... mi sa che neanche i seguaci
        di bin laden sono così infervorati... ma scusate,
        per caso vi arriva una percentuale sulla vendita
        di ogni netbook con linux preinstallato? Perché
        se la risposta è no, ditemi che cavolo ve ne
        frega di cosa montano su quei portatili castrati
        che chiamano netbook...
    • attonito scrive:
      Re: Per M$ sarà dura!

      Perdere il 30% od oltre dell'intero mercato PC
      (questi sono i dati delle società di analisi)
      entro il 2012 potrebbe scuotere alle fondamenta
      il monopolio di M$ sui SO aprendo finalmente la
      strada ad una larga diffusione di Linux!ah, troppo tardi! lo sanno tutti che il modo vinira' nel 2012 :D
      • pabloski scrive:
        Re: Per M$ sarà dura!
        e chi l'ha detto?i Maya predissero l'inizio di un nuovo ciclo cosmico nel 2012, ma non hanno mai detto che il mondo finirà nel 2012
      • nome e cognome scrive:
        Re: Per M$ sarà dura!

        ah, troppo tardi! lo sanno tutti che il modo
        vinira' nel 2012
        :DIl 2012 sarà l'anno di linux, lo sento.
        • pabloski scrive:
          Re: Per M$ sarà dura!
          no no sarà l'anno di singularity, sempre che riescano prima o poi a trasformarlo in qualcosa di reale ed usabile
        • advange scrive:
          Re: Per M$ sarà dura!

          Il 2012 sarà l'anno di linux, lo sento.No, penso sarà l'anno in cui Windows potrà andare in rete senza anti virus. Me lo sento! Sì, lo so, lo promettono dal 2006: ma sono sicuro che quello sarà l'anno giusto!
    • iRoby scrive:
      Re: Per M$ sarà dura!
      Microsoft sta facendo dumping."Regalare" XP agli OEM a $7 per metterlo sui netbook pur di impedire la creascita di Linux è una pratica scorretta. E gli antitrust di USA ed EU continuano a latitare.
  • Dell scrive:
    Inspiron Mini 10 con Ubuntu.
    http://notebookitalia.it/inspiron-mini-10-con-ubuntu-8.04-5467.html
    • gnulinux86 scrive:
      Re: Inspiron Mini 10 con Ubuntu.
      Grazie della info.
    • mura scrive:
      Re: Inspiron Mini 10 con Ubuntu.
      Giusto per curiosità, hai anche una idea del prezzo finale di vendita e se e quando sarà venduto in italia ?
      • Graziano scrive:
        Re: Inspiron Mini 10 con Ubuntu.
        Ti sconsiglio di comprarlo.Il netbook Dell mini inspiron 9,10,12 pollici contengono un chipset grafico chiamato Intel GMA 500 Poulsbo.Usare questo chipset e' possibile soltanto appoggiandosi a firmware proprietario. Per questo motivo e' impossibile far funzionare il netbook solamente con sw libero.Esiste un netbook chiamato Lemote Yeeloong che puoi comprare qui:www.tekmote.nlin grado di funzionare soltanto con software libero (bios compreso).Anche qui si tratta di mandare un messaggio forte ai produttori.Non compro il tuo hardware se non posso farci girare software libero.
        • lroby scrive:
          Re: Inspiron Mini 10 con Ubuntu.
          - Scritto da: Graziano
          Esiste un netbook chiamato Lemote Yeeloong che
          puoi comprare
          qui:

          www.tekmote.nl

          in grado di funzionare soltanto con software
          libero (bios
          compreso).Intendi dire che non ci posso installare sopra il s.o. che più mi aggrada? cioè che lui è libero di far girare solo sw che piace a lui privandomi della possibilità e quindi della libertà di installarci quello che voglio?non mi piace, molto meglio un eeepc dell'ASUSLROBY
        • Roberto Di scrive:
          Re: Inspiron Mini 10 con Ubuntu.
          - Scritto da: Graziano
          Anche qui si tratta di mandare un messaggio forte
          ai
          produttori.
          Non compro il tuo hardware se non posso farci
          girare software
          libero.Perche?PS: Debian user da anni
        • Shu scrive:
          Re: Inspiron Mini 10 con Ubuntu.
          - Scritto da: Graziano
          Usare questo chipset e' possibile soltanto
          appoggiandosi a firmware proprietario.Non è un problema di firmware, ma proprio di driver. Non esistono specifiche nemmeno per il 2D, figurarsi per il 3D.Inoltre il driver è (ad oggi) compatibile solo con una certa (vecchia) versione di Xorg, quindi:- lo puoi usare solo con la Ubuntu che ci trovi installata- non la puoi aggiornareLa Intel sta cercando di ottenere la liberazione delle specifiche da parte della (mi pare) Tseng Labs, che ha progettato il chip, ma non stanno andando lontano.Bye.
Chiudi i commenti