Quando in passato Microsoft escludeva l'ipotesi Windows 11

Quando Microsoft escludeva l'ipotesi Windows 11

Anni fa il debutto di un nuovo sistema operativo non era previsto: solo il tempo darà ragione o torto al ripensamento di Microsoft.
Anni fa il debutto di un nuovo sistema operativo non era previsto: solo il tempo darà ragione o torto al ripensamento di Microsoft.

Da qualche giorno conosciamo il nome del prossimo sistema operativo di casa Microsoft: sarà Windows 11. In arrivo entro la fine dell'anno, porterà con sé alcune modifiche all'interfaccia e una serie di altre novità di rilievo come la possibilità di eseguire le applicazioni Android. Forse non tutti lo ricordano, ma tempo fa il gruppo di Redmond dichiarò che W10 sarebbe stata l'ultima versione della piattaforma. Una dichiarazione d'intenti attribuita a Jerry Nixon (Senior Software Development Engineer), che ne parlò in occasione della conferenza Ignite nel maggio 2015, poco prima del lancio di luglio.

A quando Windows 12?

Una visione più volte ribadita anche da coloro che, pur non essendo parte integrante della società, sono stati eletti a moderatori del forum ufficiale. Insomma, i membri più attivi della community. Riportiamo di seguito in forma tradotta quanto si legge in una conversazione datata 25 ottobre 2020, dal titolo già di per sé piuttosto esplicativo: “Non esiste alcun Windows 11”.

Circolano rumor e domande a proposito di una prossima versione di Windows chiamata Windows 11. Molti credono possa essere il successore di Windows 10. Ci sono sempre state diverse versioni di Windows come XP, Vista e 8, ognuna con nuove funzionalità e miglioramenti. Abbiamo assistito al rilascio dei cosiddetti Service Pack con fix e progressi. Ciò nonostante, a partire da Windows 10 tutto è cambiato. Non esistono più i Service Pack e non c'è alcun piano di rilasciare un successore per Windows 10, come vorrebbero le indiscrezioni su Windows 11.

Ora sappiamo che le cose andranno diversamente e che Microsoft si appresta a portare Windows 11 su PC e dispositivi di tutto il mondo. Prosegue l'intervento.

Perciò, non credete alle notizie in merito a qualcosa chiamato Windows 11, seguite solo gli aggiornamenti da fonti verificate e affidabili.

Il tempo darà ragione o torto al gruppo di Redmond, stabilendo se il dietrofront rispetto a quanto annunciato anni fa si rivelerà una scelta azzeccata e lungimirante. Restando in tema, a quando Windows 12?

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti