Quei DDoS europei a pagamento

Programmavano malware che poi diffondevano tra i concorrenti dell'azienda che li aveva assoldati: due cyber-criminali agivano dall'Europa occidentale per portare scompiglio sui server statunitensi

Roma – Le frontiere della cyber-war avranno anche l’ asse spostato verso l’Europa dell’est e il Medio Oriente, ma nonostante questo non manca chi decide di assoldare sicari telematici che vivono al di qua del confine ideale – e sempre più sfumato grazie all’integrazione europea – tra “est” e “ovest” del Vecchio Continente. Le motivazioni, naturalmente, sono delle peggiori.

I sicari, nel caso in oggetto, sarebbero Lee Graham Walker, 24 anni, inglese, e Axel Gembe, tedesco di 25 anni, ritenuti membri di una crew di cybercriminali che sarebbe responsabile di aver lanciato due attacchi di tipo Distributed Denial of Service (DDoS) verso i server di due società statunitensi nel corso del 2003.

Frutto del lavoro di investigazione internazionale dell’FBI, le accuse rivolte a Walker e Gembe sono di cospirazione e danneggiamento intenzionale di sistemi informatici, reati che prevedono una pena massima di 15 anni ciascuno.

Il gruppo di fuoco avrebbe agito secondo le istruzioni fornite dai suoi committenti , tali Jay Echouafni e il socio in affari Paul Ashley proprietari della società Orbit Communications Corporation .

Tali istruzioni consistevano nello sfruttare il worm creato dal “malware writer” Gembe per direzionare attacchi DDoS contro i server di due competitor della società di Echouafni . L’attacco, sempre stando a quanto sostiene l’FBI, è perfettamente riuscito e i sistemi bersaglio sono rimasti offline per due settimane, con un danno stimato in centinaia di migliaia di dollari.

Se per Gembe e Walker i giochi legali sembrano oramai fatti, lo stesso non si può dire della mente del cyber-attacco, Echouafni, considerato ancora un fuggitivo dall’FBI mentre il suo socio Ashley si è già dichiarato colpevole e ha scontato una sentenza di due anni in una prigione dell’Ohio.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nitto scrive:
    Errata
    Nel testo si legge: "Lo ricorda Wired, che sottolinea come Luna 3, in funzione tra il gennaio del 1959 e l'ottobre del 1970".La traduzione però non è così corretta...La missione Luna 3 dura fino all'ottobre 1960, altre missioni Luna si susseguono invece fino al 1970.Chiedo scusa per la pignoleria.Nitto
  • sbav sbav scrive:
    E' il sogno della mia vita!
    sparare lassù anche solo una lattina dotata di webcam per fare foto come quelle :)E' un miracolo che quegli aggeggi meccanici (le foto venivano sviluppate, scansionate con dei fotodiodi, riga per riga, e trasmesse sulla terra tramite stessa banda-dati dei comandi!!!) siano riusciti a compiere quelle imprese, onore e gloria ai compagni Sovietici! :)[img]http://www.mentallandscape.com/V_CameraL3.jpg[/img] [img]http://www.mentallandscape.com/V_CameraL3b.jpg[/img][img]http://www.mentallandscape.com/V_Luna3_29.jpg[/img] [img]http://www.mentallandscape.com/V_Bratslavets.jpg[/img][img]http://www.mentallandscape.com/V_Luna3_28.jpg[/img](da http://www.mentallandscape.com/ )(e questa è una delle motivazioni perchè i "complottisti lunari" siano solo degli schiocchi ignoranti visionari e pure irrispettosi dell' ENORME lavoro altrui!)
    • vavava scrive:
      Re: E' il sogno della mia vita!
      - Scritto da: sbav sbav
      sparare lassù anche solo una lattina dotata di
      webcam per fare foto come quelle
      :)

      (......)
      (e questa è una delle motivazioni perchè i
      "complottisti lunari" siano solo degli schiocchi
      ignoranti visionari e pure irrispettosi dell'
      ENORME lavoro altrui!)Che fecero questi complottismi ? Racconta !
      • guidoz scrive:
        Re: E' il sogno della mia vita!
        - Scritto da: vavava
        - Scritto da: sbav sbav

        sparare lassù anche solo una lattina dotata di

        webcam per fare foto come quelle

        :)



        (......)

        (e questa è una delle motivazioni perchè i

        "complottisti lunari" siano solo degli schiocchi

        ignoranti visionari e pure irrispettosi dell'

        ENORME lavoro altrui!)

        Che fecero questi complottismi ? Racconta !Sono quelli che sostengono che l'uomo sulla luna non c'è mai arrivato e che è stata tutta una messa in scena made in hollywood per dimostrare, in pena guerra fredda, la propria supremazia tecnologica.Il movente è anche plausibile, ma non credo una bugia del genere avrebbe retto tanti anni (sopratutto con i sovietici che avrebbero avuto tutto l'interesse e mezzi sufficienti a smascherare l'eventuale imbroglio).
  • Reverendo Moon scrive:
    grande truffa
    I russi non sono mai andati sulla Luna.Quelle foto sono solo ingrandimenti del foruncolo sulla chiappa destra dell'allora presidente Nikita Sergeevič Chručёv...
Chiudi i commenti