Riconoscimento dell'iride anche a Gatwick

Anche il secondo aeroporto di Londra è stato dotato del nuovo Iris Recognition Immigration System; i passeggeri che l'hanno provato dicono che non è ancora molto efficiente
Anche il secondo aeroporto di Londra è stato dotato del nuovo Iris Recognition Immigration System; i passeggeri che l'hanno provato dicono che non è ancora molto efficiente

Londra – In Gran Bretagna, a breve, sarà sufficiente un colpo d’occhio per il controllo dell’identità dei turisti. La tecnologia Iris ( Iris Recognition Immigration System ) – la soluzione biometrica che permette il riconoscimento dell’iride dei viaggiatori – dopo la buona accoglienza ricevuta dal Terminal 1 di Heathrow è stata implementata anche al Terminal Sud di Gatwick.

L’obiettivo è quello di permettere ai passeggeri registrati di varcare i confini del Regno Unito velocemente, senza la classica trafila di controllo effettuata dagli agenti di Polizia. Una volta archiviata la foto della propria iride e registrati i dettagli del proprio passaporto, nonché lo status d’immigrazione, i tempi di attesa per i successivi controlli vengono pressoché annullati.

Il passeggero registrato viene condotto attraverso un percorso preferenziale, guarda in una macchina digitale e una volta riconosciuto prosegue verso il recupero bagagli. Questa la teoria: nella pratica, come sostengono alcuni , il sistema non è ancora perfetto e molto spesso i tempi di “riconoscimento” sono simili – se non superiori – a quelli spesi di fronte al gabbiotto della Polizia doganale.

La situazione sembra dunque ancorata ad una fase sperimentale sebbene la cosiddetta ” frontiera biometrica ” anglosassone sia ormai una realtà. Bisogna infatti ricordare che in meno di cinque anni il Governo Blair è riuscito – in questo ambito – ad avvicinare la cittadinanza alla carta d’identità biometrica e a sostenere attivamente i primi esperimenti di scansione dell’iride e del volto . Ovviamente il tema del riconoscimento biometrico è caldo, e ancora al centro di dibattito per le evidenti implicazioni sulla privacy delle persone. Ma almeno a Heathrow e Gatwick i problemi sollevati riguardano più l’efficienza degli apparati che il loro potenziale impatto sulle libertà civili.

Dario d’Elia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

22 05 2007
Link copiato negli appunti