Roborace, competizione per auto robotiche

La prossima stagione di Formula E includerà un nuovo evento dedicato alle driverless car, con i team partecipanti impegnati a sfidarsi a suon di algoritmi avanzati. I ritmi di gara saranno da primato

Roma – La prossima stagione di Formula E includerà l’evento ROBORACE, una competizione esclusiva per le driverless car a cui non mancheranno i brividi della velocità. L’organizzazione ufficiale di FIA (Federazione Internazionale dell’Automobile) che gestisce il campionato automobilistico dedicato alle auto elettriche , ha annunciato il nuovo evento gestito grazie a una partnership con Kinetik.

Roborace

Le gare ROBORACE si correranno prima di ogni gara di Formula E della stagione 2016/2017, dice l’organizzazione, con dieci team dotati di due auto ciascuno impegnati a personalizzare un modello di vettura che sarà identico per tutti.

I team – uno dei quali finanziato tramite le donazioni del crowdfunding , spiegano da Formula E – avranno la possibilità di modificare gli algoritmi pensati per controllare le auto robotiche, fatto che aiuterà a focalizzare l’attenzione sugli sviluppi dell’intelligenza artificiale e la loro importanza per l’evoluzione delle driverless car.

Oltre all’aspetto tecnologico, però, ROBORACE sarà prima di tutto una gara di velocità che non sfigurerà contro la ben più blasonata Formula 1: le auto in pista avranno una velocità di punta di 300 chilometri orari, prestazioni ben superiori ai 225 km/h tipici delle vetture della Formula E “tradizionale”.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Etype scrive:
    Pagliacciate
    Pagliacciate galattiche dei miliardari tanto per darsi un tono agli occhi del mondo, ciascuno di essi ha i propri interessi, ovvero a diventare sempre più ricco, non importa a quale condizione.Fanno ridere poi i termini che si danno, si parla del 2030 (rotfl) perché non dal 2100 ?Ci si comporta come se avessimo altri 1000 anni davanti a noi.Ieri stavo leggendo che se anche l'intera umanità smettesse di produrre CO2 per abbassare di 2 gradi la temperatura del pianeta che si sta scaldando in maniera anomala occorrerebbe almeno mezzo secolo, quindi di che parliamo ?
  • Dubbioso scrive:
    Capitalismo e verde non vanno d'accordo
    Una bella ricerca per far durare i prodotti informatici almeno 10 anni no?Anziche' andar a far guerre ovunque per la ricerca di materie prime e dopo due anni sbattere via tutto in pattumiera non e' meglio alzare la vita dei dispositivi? Capitalismo e verde non vanno d'accordo
Chiudi i commenti