Russia, Google e gli abusi di Android

Le autorità antitrust hanno stabilito che Mountain View violi la legge imponendo ai produttori di dispositivi di veicolare, insieme ad Android, i propri servizi e le proprie applicazioni

Roma – La Russia ha stabilito che Google, veicolando i propri servizi attraverso Android, abusi della propria posizione dominante sul mercato mobile del paese: il Cremlino prenderà provvedimenti, che potrebbero includere una multa e la modifica forzosa del contratto che la Grande G impone ai produttori.

Yandex

A segnalare le pratiche con cui Google tenta di avvantaggiarsi sul mercato dei servizi attraverso il proprio ecosistema mobile era stato Yandex, motore di ricerca che in Russia detiene la fetta più consistente del mercato del search, oltre il 50 per cento, e che compete con Google sul fronte di diversi servizi. Yandex contestava a Google qunto previsto dal Mobile Application Distribution Agreement (MADA), il contratto che Mountain View impone ai produttori di dispositivi che adottino Android: il vincolo indissolubile con le applicazioni preinstallate , i servizi di Google come il search e Play Store, parte del pacchetto Google Mobile Services (GMS), contribuirebbero a ingessare la competizione sul mercato, impedendo ad altri attori di conquistare l’attenzione degli utenti Android.

Si tratta di sospetti avanzati anche dall’Europa, di rivendicazioni sollevate anche da soggetti come produttori che vorrebbero far fruttare il mercato del software preinstallato a sviluppatori di marketplace alternativi a Google Play, che vorrebbero ritagliarsi la propria visibilità presso il mercato di utenti Android. Yandex, allo stesso modo, faceva leva sul rifiuto incassato da diversi produttori OEM, che non avrebbero concesso al motore di ricerca russo la possibilità di figurare sui dispositivi al primo avvio.

Yandex, nonostante gli accordi stipulati ad esempio con Mozilla, ha dovuto confrontarsi negli ultimi mesi con un calo di popolarità imputabile principalmente agli utenti che Google si sarebbe conquistata con la mediazione del proprio sistema operativo, con Android che regna sul mercato mobile locale con una quota di oltre il 60 per cento. È proprio questa la posizione dominante di cui Mountain View avrebbe abusato, a parere dell’autorità antitrust russa.

“Google ha violato la legge imponendo a coloro che volessero vendere dispositivi Android con l’app store Google Play di preinstallarlo alla condizione di presinstallare obbligatoriamente anche altre app Google e il sistema di ricerca Google – spiega la commissione che ha analizzato il caso – posizionando il tutto il maniera privilegiata sulla home page del dispositivo”, e determinando così l’impossibilità di preinstallare applicazione di terzi.

Le autorità antitrust russe formuleranno le accuse formali nel giro di dieci giorni, e proporranno a Google delle soluzioni per porre fine agli abusi e rinvigorire la competizione. Per la Grande G potrebbe profilarsi altresì una multa, pari a una cifra che può oscillare dall’1 per cento al 15 per cento del fatturato relativo al mercato sul quale si sia rilevata la violazione. Mountain View nega ogni commento, in attesa dei documenti ufficiali, mentre Yandex festeggia la decisione della autorità, incoraggiata anche dalla Borsa.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • prova123 scrive:
    Eccolo nel momento topico!
    [img]http://liberthalia.files.wordpress.com/2014/10/renzi-il-fichissimo.jpg[/img]
  • prova123 scrive:
    Eccolo nel momento topico!
    [img]http://liberthalia.files.wordpress.com/2014/10/renzi-il-fichissimo.jpg?w=450[/img]
  • Mio mao scrive:
    Lercioni
    La sede nei paradisi fiscali i server dove costa meno e pantalone la prende sempre in XXXX mentre i grossi azionisti e politici sono sempre a bere il coctel alle maurizius alla faccia di tutti quanti, poi uno non si deve arrabbiare. Apri la tua fottuta partita iva e paghi come tutti, usano i paroloni come competitivita' e altre XXXXXXXte simili ma chissa' poi perche' loro i XXXXXXXX li hanno nelle Antille oppure ad Anguilla o chissa' dove ma mai in Italia, fuori questi lercioni dall'Italia tutto ha un limite.
  • Aniello Caputo scrive:
    ...
    ma che me ne frega a me di renzie
  • xcaso scrive:
    Renzi e i suoi fratelli.
    Meccanismi eventuali:https://www.youtube.com/watch?v=fspd55hp6mk#t=93
  • Etype scrive:
    Illusionist
    Se ne sono accorti un pò troppo tardi.Renzi poi crede di stare continuamente in campagna elettorale,ragiona per spot per prendere consensi.Come la tassa sulla casa,lo diceva la destra apriti cielo non si poteva fare e grazie al PD quelle sulla prima casa sono state rimesse,ora vogliono fare la stesso facendo credere chissà cosa,caso strano ora i soldi ci sono (che in realtà è una bufala).Questo personaggio continua a fare il gioco delle 3 carte e molti ancora ci credono.
    • prova123 scrive:
      Re: Illusionist
      monti, letta, renzi sono tutti burattini della bilderberg come il pupazzo rockfeller.
      • Mio mao scrive:
        Re: Illusionist
        - Scritto da: prova123
        monti, letta, renzi sono tutti burattini della
        bilderberg come il pupazzo
        rockfeller.E' un gomblotto
      • ... scrive:
        Re: Illusionist
        - Scritto da: prova123
        monti, letta, renzi sono tutti burattini della
        bilderberg come il pupazzo
        rockfeller.LOL
      • wxfer scrive:
        Re: Illusionist
        - Scritto da: prova123
        monti, letta, renzi sono tutti burattini della
        bilderberg come il pupazzo
        rockfeller.Il bilderberg è solo uno spauracchio creato dalla casta per sviare l'attenzione. La vera mafia che controlla il paese è tutta italiana.
        • prova123 scrive:
          Re: Illusionist
          Negli altri paesi europei la mafia non esiste solo perchè non la cercano ...
          • ... scrive:
            Re: Illusionist
            - Scritto da: prova123
            Negli altri paesi europei la mafia non esiste
            solo perchè non la cercano
            ...LOLE non dimenticare che siamo migliori perché abbiamo il bidet.
          • prova123 scrive:
            Re: Illusionist
            Non è un caso che siamo primi in tutto ciò che ruota intorno alle cag*te!
  • wsscfs scrive:
    Interessi
    Non mi faccio illusioni. Se Renzi e company vogliono tassare i servizi online è perchè i primi a perderci sono quelli della casta. Mediaset vende sempre meno pubblicità e anche le altre aziende che si godevano un mercato protetto dalla burocrazia iniziano a soffrire. Ma forse una volta tanto i nostri interessi e quelli della casta coincidono.
    • Etype scrive:
      Re: Interessi
      - Scritto da: wsscfs
      Ma forse una volta tanto i nostri interessi e
      quelli della casta
      coincidono.Ma quando mai ?
    • ... scrive:
      Re: Interessi
      - Scritto da: wsscfs
      Non mi faccio illusioni. Se Renzi e company
      vogliono tassare i servizi online è perchè i
      primi a perderci sono quelli della casta.
      Mediaset vende sempre meno pubblicità e anche le
      altre aziende che si godevano un mercato protetto
      dalla burocrazia iniziano a soffrire.

      Ma forse una volta tanto i nostri interessi e
      quelli della casta
      coincidono.AHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHA!!!AHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHA!!!AHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHA!!!AHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHA!!!No dai, tu devi essere uno scherzo, non puoi essere vero... "Mediaset vende sempre meno pubblicità" e questo farebbe del male alla gente comune, MA CERTO, SICURO GUARDA! (rotfl)Ma dove andremo a finire...
  • gnago scrive:
    ok..
    ok, nessuno l'ha votato per distruggere l'italia, ma uno normodotato non si trovava?
  • wsscfs scrive:
    e-commerce è già tassabile
    Per gli acquisti fatti online già si può far pagare le tasse. In ogni caso quando un corriere porta un pacchetto da fuori dell'UE deve fare dogana.In altri paesi europei alla dogana il corriere deve dichiarare il valore del pacchetto (ma di solito il sito di ecommerce allega la fattura sull'esterno) e anticipare l'IVA. Ho visto personalmente un sacco di persone fare acquisti fuori dell'UE e ricevere dal corriere una seconda fattura per l'IVA.
    • bradipao scrive:
      Re: e-commerce è già tassabile
      - Scritto da: wsscfs
      Ho visto
      personalmente un sacco di persone fare acquisti
      fuori dell'UE e ricevere dal corriere una seconda
      fattura per l'IVA.Ma l'obiettivo di questa tassa non è l'IVA, che (per esempio) viene normalmente pagata quando compri un iPhone in un apple store.L'obiettivo di questa tassa sono i profitti al netto dell'IVA, che grazie ai meccanismi finanziari dei paradisi fiscali, di fatto subiscono una tassazione irrisoria.
      • dcsff scrive:
        Re: e-commerce è già tassabile

        Ma l'obiettivo di questa tassa non è l'IVA, che
        (per esempio) viene normalmente pagata quando
        compri un iPhone in un apple store.
        apple store non c'entra niente con un sito di e-commerce con sede legale fuori dall'europa.
        L'obiettivo di questa tassa sono i profitti al
        netto dell'IVA, Si. Però nel frattempo ci sono delle tasse che lo stato potrebbe già legalmente raccogliere, ma vengono ignorate.
        che grazie ai meccanismi
        finanziari dei paradisi fiscali, di fatto
        subiscono una tassazione irrisoria.
        • Izio01 scrive:
          Re: e-commerce è già tassabile
          - Scritto da: dcsff

          Si. Però nel frattempo ci sono delle tasse che lo
          stato potrebbe già legalmente raccogliere, ma
          vengono ignorate.
          Tranquillo che se lo stato può legalmente raccogliere delle tasse, non se le fa scappare. Il problema è che con le regole attuali <b
          non può </b
          esigere le tasse da aziende situate in altri stati UE. Non siamo dei babbalei, questa cosa vale anche per le aziende italiane che vendono in UE, va a vantaggio di tutti.Non puoi avere botte piena e moglie ubriaca, prendere le tasse sia dalle aziende italiane che da quelle estere. E poi credi davvero che i soldi incassati dai soliti quattro o cinque big cambierebbero qualcosa? Leggevo ieri una tizia che scriveva che se Google e Amazon pagassero le tasse in Italia, i dipendenti pagherebbero metà delle tasse che pagano oggi. La propaganda bocciofila riesce a far digerire ai suoi adepti le ipotesi più improbabili :)
          • u6nfnui scrive:
            Re: e-commerce è già tassabile
            - Scritto da: Izio01
            - Scritto da: dcsff



            Si. Però nel frattempo ci sono delle tasse
            che
            lo

            stato potrebbe già legalmente raccogliere, ma

            vengono ignorate.



            Tranquillo che se lo stato può legalmente
            raccogliere delle tasse, non se le fa scappare.Ti sbagli.
            Il problema è che con le regole attuali
            <b
            non può </b
            esigere le tasse da
            aziende situate in altri stati UE. Ma sapete leggere tra tutti quanti? Quante volte devo scrivere fuori dall'UE?
            Non siamo dei babbalei,
            questa cosa vale anche per le aziende
            italiane che vendono in UE, va a vantaggio di
            tutti.
            Non puoi avere botte piena e moglie ubriaca,
            prendere le tasse sia dalle aziende italiane che
            da quelle estere. E poi credi davvero che i soldi
            incassati dai soliti quattro o cinque big
            cambierebbero qualcosa? Leggevo ieri una tizia
            che scriveva che se Google e Amazon pagassero le
            tasse in Italia, i dipendenti pagherebbero metà
            delle tasse che pagano oggi. La propaganda
            bocciofila riesce a far digerire ai suoi adepti
            le ipotesi più improbabili
            :)Si bravo. Lo stato non raccoglie delle tasse perchè non ne vale la pena.Guarda caso altri paesi europei le tasse le raccolgono tutte e non sono sull'orlo della bancarotta come lo è l'Italia (e non tirare fuori le dichiarazioni di Renzi perchè non voglio sentire storie sui ristoranti pieni).
          • Izio01 scrive:
            Re: e-commerce è già tassabile
            - Scritto da: u6nfnui
            - Scritto da: Izio01

            - Scritto da: dcsff





            Si. Però nel frattempo ci sono delle
            tasse

            che

            lo


            stato potrebbe già legalmente
            raccogliere,
            ma


            vengono ignorate.






            Tranquillo che se lo stato può legalmente

            raccogliere delle tasse, non se le fa
            scappare.

            Ti sbagli.Se lo dici con argomentazioni così inoppugnabili... (rotfl)
            Si bravo. Lo stato non raccoglie delle tasse
            perchè non ne vale la pena.
            Guarda caso altri paesi europei le tasse le
            raccolgono tutte e non sono sull'orlo della
            bancarotta come lo è l'Italia (e non tirare fuori
            le dichiarazioni di Renzi perchè non voglio
            sentire storie sui ristoranti pieni).Oh mamma mia, ok, smetto di risponderti perché sembri veramente convinto che:1. L'Italia sia sull'orlo della bancarotta perché non raccoglie le tasse2. Le tasse non le raccolga perché non ne vale la pena (e già contraddici il punto 1)3. Gli altri paesi europei le tasse le raccolgano tutte, come se l'elusione fiscale non colpisse anche loro allo stesso modo.[img]http://4.bp.blogspot.com/-0IKTyetWyqM/VDys8eyd1nI/AAAAAAABKso/PwQ_aZfS_sk/s1600/15-The-Walking-Dead-S05E01marmotta-cioccolata.gif[/img]Ti mancano solo le scie chimiche, aggiornati! :)
  • Mastro Lindo scrive:
    Dogana
    Visto che si tratta in gran parte di pubblicita' un bel adblock statale oppure mettere una dogana digitale potrebbe essere un'idea, si potrebbe filtrare tutto i contenuti pirata di tor e streaming vari, chi vuole paga e passa.
    • Doganiere scrive:
      Re: Dogana
      Il problema è che la dogana, digitale o fisica, non può essere applicata tra paesi europei.Dunque non puoi tassare gli acquisti digitali tra paesi europei.
      • tjkln scrive:
        Re: Dogana
        - Scritto da: Doganiere
        Il problema è che la dogana, digitale o fisica,
        non può essere applicata tra paesi
        europei.
        Dunque non puoi tassare gli acquisti digitali tra
        paesi europei.Inizia a tassare gli acquisti fatti fuori dell'UE che non sono pochi.
        • Izio01 scrive:
          Re: Dogana
          - Scritto da: tjkln
          - Scritto da: Doganiere

          Il problema è che la dogana, digitale o fisica,

          non può essere applicata tra paesi

          europei.

          Dunque non puoi tassare gli acquisti digitali
          tra

          paesi europei.

          Inizia a tassare gli acquisti fatti fuori dell'UE
          che non sono pochi.In questo thread si parla di "dogana digitale", non di beni fisici (che sono GIA' sottoposti a tassazione). In pratica tu vorresti regolamentare l'acXXXXX a tutti i siti extra UE? Grazie: pur con tutti i suoi difetti, io continuo a preferire l'Italia alla Cina e ai suoi metodi.
      • Ingenuo scrive:
        Re: Dogana
        - Scritto da: Doganiere
        Il problema è che la dogana, digitale o fisica,
        non può essere applicata tra paesi
        europei.
        Dunque non puoi tassare gli acquisti digitali tra
        paesi
        europei.Mi piacerebbe che qualcuno riandasse a pescare il servizio fatto da Report un paio di anni fa, in cui si esortava il governo a tassare gli acquisti fatti in Europa, con il classico metodo giornalistico scassa ... che hanno.La legge è stata approvata anche tramite sede UE e ora se un oggetto è venduto in Italia si paga l'IVA italiana, con il risultato che sia i prodotti fisici come quelli venduti da Amazon, che le APP sono tassate.Un altro effetto è che se pubblichi una APP su Google Player dall'Italia il 30% se lo becca Google e il rimanente 20% se lo becca lo stato Italiano con ritenuta richiesta direttamente alla fonte (Google) , poi sul 50% che ti rimane ci paghi le tasse e se con quei soldi ti compri un prodotto su Amazon paghi un'altra volta la solita tassa che non c'era.Ciò che non si può far pagare è quello che fanno i signori cinesi cioè aggirare le tasse doganali, senza passare dai paradisi fiscali ma semplicemente dall'Inghilterra, che permette la creazione delle Company per procura, cioè aziende al costo di 1 sterlina con sede legale in Inghilterra e sede produttiva altrove.Ora non dico di essere ladri, come il caso di una batteria che comprai anni fa dalla Cina e che mi venne sottratta in dogana obbligandomi a pagare il triplo del suo valore perché il prezzo era arbitrariamente sottostimato, però ci sarebbe da lucrare parecchio, anche perché i proventi dalle NOSTRE tasche e non da quelle delle aziende che si limitano ad alzare i prezzi, è stimato quanto il gettito della Tasi.
  • uto scrive:
    Declaration of the Independence of Cyber
    Declaration of the Independence of Cyberspace - 1996Governments of the Industrial World, you weary giants of flesh and steel, I come from Cyberspace, the new home of Mind. On behalf of the future, I ask you of the past to leave us alone. You are not welcome among us. You have no sovereignty where we gather.We have no elected government, nor are we likely to have one, so I address you with no greater authority than that with which liberty itself always speaks. I declare the global social space we are building to be naturally independent of the tyrannies you seek to impose on us. You have no moral right to rule us nor do you possess any methods of enforcement we have true reason to fear.Your legal concepts of property, expression, identity, movement, and context do not apply to us. They are all based on matter, and there is no matter here.Our identities have no bodies, so, unlike you, we cannot obtain order by physical coercion. We believe that from ethics, enlightened self-interest, and the commonweal, our governance will emerge . Our identities may be distributed across many of your jurisdictions. The only law that all our constituent cultures would generally recognize is the Golden Rule. We hope we will be able to build our particular solutions on that basis. But we cannot accept the solutions you are attempting to impose.
    • Dichiarazio ni del Menga scrive:
      Re: Declaration of the Independence of Cyber
      Fatto salvo che il "Cyberspace" risieda su un' infrastruttura costruita e gestita da governi e imprese, mica dai bimbiminkia. Buono da stampare e pulircisi il ...
      • uto scrive:
        Re: Declaration of the Independence of Cyber
        Non sono un fan del liberismo, ma l'esito della competizione tra i mercati e' che le aziende svolgono le attivita dove costa di meno o conviene di puo, l'introduzione di una nuova tassa rischia di marginalizzarci ulteriormente, se non ci credi domandati come mai una trovata cosi brillante non l'hanno gia applicata nella silicon valley?inoltre quale e' la ragione morale (a parte fare cassa) per l'introduzione di questa tassa, come mai renzi non ha proposto un analoga iniziativa contro la fiat che ha spostato la sede in olanda e la residenza fiscale in gran bretagna?
  • panda rossa scrive:
    La Spagna non ha insegnato niente?
    Mi stupisco.Davvero la Spagna non ha insegnato niente?Gli editori parassiti spagnoli che hanno DETTATO al loro governo la legge che OBBLIGAVA google a pagare tasse per offrire un servizio di indicizzazione agli articoli, e avevano gia' messo a bilancio milionate di euro illudendosi che google avrebbe pagato, si sono sentiti rispondere col gesto dell'ombrello, col risultato che:1) google ha rinunciato ad uno zero virgola zero di introiti2) gli editori spagnoli stanno fallendo uno dopo l'altro3) i cittadini spagnoli hanno perso un ottimo servizio di indicizzazione4) il governo spagnolo ha perso un introito fiscale di tutto l'indottoVogliamo fare altrettanto?
    • Luca scrive:
      Re: La Spagna non ha insegnato niente?
      Il caso Spagna non è attinente. Lì si discuteva di compensare gli editori che si sentivano danneggiati da google news, qua si tratta, giustamente, di far pagare le tasse a chi realizza profitti sul suolo italiano.La questione è comunque MOLTO complessa e ho poca fiducia che venga fuori qualcosa di apprezzabile.....
      • Izio01 scrive:
        Re: La Spagna non ha insegnato niente?
        - Scritto da: Luca
        Il caso Spagna non è attinente. Lì si discuteva
        di compensare gli editori che si sentivano
        danneggiati da google news, qua si tratta,
        giustamente, di far pagare le tasse a chi
        realizza profitti sul suolo italiano.
        Grande, la tesi di Boccia!Quindi le aziende italiane che vendono - ad esempio - in Germania, dovrebbero pagare le tasse in quel paese e non in Italia? O magari in entrambe le nazioni, così le chiudiamo al volo? (rofl)In UE c'è la libera circolazione, e non si può cancellarla a proprio piacere senza incorrere in pasticci.Diciamo che Renzi parla secondo l'articolo di "aziende che operano in Italia", il che potrebbe essere inteso come aziende che abbiano una succursale italiana. Detto fatto, si chiudono le succursali italiane e si vende direttamente dal Lussemburgo.Insomma, la voglia di ficcare le mani nelle tasche delle aziende che vanno bene è un vizietto che i nostri politici non perdono mai, e magari non è nemmeno del tutto ingiustificato. Però va fatto mediante iniziative europee e non locali; creare leggi mirate, fatte per penalizzare Google o Amazon, certamente non difende i cittadini. Casomai difende chi è stato cronicamente incapace di innovare e da queste aziende sente minacciato il proprio business.
        La questione è comunque MOLTO complessa e ho poca
        fiducia che venga fuori qualcosa di
        apprezzabile.....
        • ... scrive:
          Re: La Spagna non ha insegnato niente?
          - Scritto da: Izio01
          Grande, la tesi di Boccia!
          Quindi le aziende italiane che vendono - ad
          esempio - in Germania, dovrebbero pagare le tasse
          in quel paese e non in Italia? O magari in
          entrambe le nazioni, così le chiudiamo al volo?
          (rofl)???le aziende italiane che vendono prodotti in germania, certo che pagano le tasse *anche* in germania (p.e. omologo IVA).
          • Izio01 scrive:
            Re: La Spagna non ha insegnato niente?
            - Scritto da: ...
            - Scritto da: Izio01

            Grande, la tesi di Boccia!

            Quindi le aziende italiane che vendono - ad

            esempio - in Germania, dovrebbero pagare le
            tasse

            in quel paese e non in Italia? O magari in

            entrambe le nazioni, così le chiudiamo al
            volo?

            (rofl)

            ???
            le aziende italiane che vendono prodotti in
            germania, certo che pagano le tasse *anche* in
            germania (p.e. omologo IVA).Se non sbaglio, adesso in UE l'IVA si pagherà nel paese di vendita e non in quello di origine, contrariamente a ciò che succedeva pochi mesi fa. In ogni caso, se pagano l'IVA in Germania, non la pagano certo in Italia - e viceversa. A maggior ragione le altre tasse, quelle sul fatturato/profitto. Pensa a te stesso: se vai a lavorare all'estero, mica penserai di dover pagare un buon 40% dei tuoi guadagni all'Italia e un altro 40% all'altro stato, no? Ora, cosa ti fa pensare che per Amazon e Google sia diverso? Semplicemente fanno risultare i guadagni alla sede fiscale europea più conveniente, diciamo ad esempio quella in Lussemburgo.Renzi decide che queste aziende dovranno pagare le tasse (e quindi non solo l'IVA) in Italia. Non è mica una cosa così scontata: come fai tu, governo italiano, a decidere che un'azienda basata in un altro paese debba pagare le tasse a te anziché all'altro paese? Non pensi che la Germania potrebbe fare lo stesso per l'azienda italiana di cui abbiamo parlato nell'esempio?Nel momento in cui la UE riuscirà a regolamentare la materia in modo da prevenire l'elusione fiscale, non ci saranno rischi di conflitto. Fino ad allora, le iniziative dei singoli stati membri non possono andare contro l'accordo di libera circolazione dei beni.
          • ... scrive:
            Re: La Spagna non ha insegnato niente?
            la proposta Boccia va proprio nella direzione di pagare parte delle tasse nel paese di consumo.ad oggi siamo all'assurdo che se una società italiana utilizza i servizi di pubblicità di google su potenziali compratori italiani, le tasse se le pappano tutte all'estero (e con quelle tasse si pagano i servizi pubblici eh!)
          • Izio01 scrive:
            Re: La Spagna non ha insegnato niente?
            - Scritto da: ...
            la proposta Boccia va proprio nella direzione di
            pagare parte delle tasse nel paese di
            consumo.
            ad oggi siamo all'assurdo che se una società
            italiana utilizza i servizi di pubblicità di
            google su potenziali compratori italiani, le
            tasse se le pappano tutte all'estero (e con
            quelle tasse si pagano i servizi pubblici
            eh!)E se un'azienda italiana vende tavoli, valvole o sistemi di iniezione elettronica in Germania, le tasse "se le pappa" tutte l'Italia.Il perché vogliate una tassa specifica per Google e contraria al principio di libera circolazione in UE continua a sfuggirmi.Google guadagna bene, idem Amazon, idem Apple. Saranno anche soldi che fanno invidia, ma non è una buona base per fare una legge. In particolare, il genio di Boccia prevedeva l'obbligo di aprire una partita IVA in Italia per vendere pubblicità (!!!). Bene, applichiamo quella logica a tutti i servizi, ed ecco che le aziende comunitarie verranno affossate dalla burocrazia di ogni singolo stato in cui vogliono vendere, per me è puro delirio! Se la sede è in Italia, puoi liberamente vendere in UK, Germania, eccetera. Non va bene? Rivediamo tutti assieme [gli stati UE] trattati e procedure comunitarie, ma evitiamo le iniziative fantasiose e rapaci, diverse da stato a stato.
        • Thepassenge r scrive:
          Re: La Spagna non ha insegnato niente?
          Credo che lo scopo di quei criminali al governo sia proprio questo, deindustrializzare le nostre aziende cosicchè vengano vendute ai crucchi o yankee, tutto in accordo con la distruzione sociale ed economica dei paesi del sud, pronti per essere privatizzati e colonizzati (come la Grecia sta subendo al momento).Alle grandi aziende come apple e google cambierà un XXXXX, chi ci rimetterà saranno solo le piccole imprese italiane, tutto in accordo con il piano neocoloniale delinquenziale spalleggiato dal governo.O credevate davvero che il renzie avrebbe messo i bastoni fra le ruote a un'azienza americana? C'è il doppio fine mascherato, come sempre, perchè come sempre questi non fanno i nostri interessi, mai, ma quello delle multinazionali straniere.- Scritto da: Izio01
          Grande, la tesi di Boccia!
          Quindi le aziende italiane che vendono - ad
          esempio - in Germania, dovrebbero pagare le tasse
          in quel paese e non in Italia? O magari in
          entrambe le nazioni, così le chiudiamo al volo?
          (rofl)
        • Luca scrive:
          Re: La Spagna non ha insegnato niente?
          La questione dei regimi fiscali è una pigna che esiste da anni, ben prima di google o amazon.Tanto che un'azienda produttrice di occhiali (Luxottica) si è beccata più di una multa per elusione ed evasione fiscale. Cosa facevano di male? Semplice, intestavano ricavi alle sedi del Lussemburgo e affini.Internet rende più difficile capire dove localizzare la tassazione, ma è comunque un tema che va affrontato anche solo per chiarire la situazione (che chiara non è).Ho fiducia che in Italia venga fatta una buona legge? No, sinceramente no, la cosa andrebbe affrontata in UE, ma al momento non vogliono. Che si fa?
          • Izio01 scrive:
            Re: La Spagna non ha insegnato niente?
            - Scritto da: Luca

            Ho fiducia che in Italia venga fatta una buona
            legge? No, sinceramente no, la cosa andrebbe
            affrontata in UE, ma al momento non vogliono. Che
            si fa?Come non vogliono? Io ricordo l'impegno ufficiale a studiare la problematica in ambito comunitario, roba di pochi mesi fa. L'idea era studiare delle regole che riescano a soffocare l'elusione fiscale, pur mantenendo i notevoli vantaggi della libera circolazione. Niente leggi anti-Google o anti-Amazon, piuttosto regole generali che vadano a vantaggio della collettività. E soprattutto, che non siano furbate dei singoli stati membri, stile proposta di Boccia, ma abbiano un'applicazione uguale per tutti.Vedi? Qua trovi il progetto teorico della Comunità Europea:https://www.etuc.org/documents/etuc-resolution-tackling-tax-evasion-avoidance-and-tax-havens
          • Luca scrive:
            Re: La Spagna non ha insegnato niente?
            Sono al corrente che vi sia l'idea, ma al momento è tutto fermo.
      • panda rossa scrive:
        Re: La Spagna non ha insegnato niente?
        - Scritto da: Luca
        Il caso Spagna non è attinente.E' attinentissimo.
        Lì si discuteva
        di compensare gli editori che si sentivano
        danneggiati da google news, qua si tratta,
        giustamente, di far pagare le tasse a chi
        realizza profitti sul suolo
        italiano.Ma quale suolo italiano?Questi realizzano profitti coi loro server che non e' su suolo italiano.
        La questione è comunque MOLTO complessa e ho poca
        fiducia che venga fuori qualcosa di
        apprezzabile.....La questione e' molto sempice.Se il PdC vuole fare cassa, puo' cominciare col tagliare i finanziamenti a tutte le caste parassite: partiti politici, editori, ammanicati vari.Poi un bel taglio agli emolumenti di tutti gli eletti, dal micro comune da 300 abitanti al senatore, al ministro.E poi potrebbe andare a vedersi le partite di tennis pagando di tasca sua un volo di linea.
        • Luca scrive:
          Re: La Spagna non ha insegnato niente?
          1) Realizzano profitti con i server su suolo straniero? IP Google.it: 217.19.150.91Localizzato a Milano.
          • Izio01 scrive:
            Re: La Spagna non ha insegnato niente?
            - Scritto da: Luca
            1) Realizzano profitti con i server su suolo
            straniero?

            IP Google.it: 217.19.150.91
            Localizzato a Milano.Ora chiediti una cosa: nel momento in cui fornire un server italiano obbligasse Google a versare duecento milioni di tasse in Italia, secondo te quale delle due cose sceglieranno?1. Pagheranno i duecento milioni in tasse2. Google.it punterà ad un server localizzato in LussemburgoInsomma, la lezione spagnola qualcosa dovrebbe averlo insegnato. I politici e gli altri castaioli sbavano da sempre all'idea di mettere le mani sui soldi altrui, ma se il risultato reale è quello di eliminare un servizio utile ai cittadini e ridurre le entrate di un intero settore industriale, come appunto è accaduto in Spagna, forse è meglio frenarle, quelle brame.
          • Luca scrive:
            Re: La Spagna non ha insegnato niente?
            Io ho risposto a panda rossa che affermava che i server google fossero solo su suolo straniero.Detto ciò, colgo l'occasione per usare il ragionamento da te espresso per precisare perché non si possa tassare alla grande i ricconi. Come google anche loro cambierebbero residenza, nazionalità, ecc ecc.Pensiamoci.
          • Izio01 scrive:
            Re: La Spagna non ha insegnato niente?
            - Scritto da: Luca
            Io ho risposto a panda rossa che affermava che i
            server google fossero solo su suolo
            straniero.

            Detto ciò, colgo l'occasione per usare il
            ragionamento da te espresso per precisare perché
            non si possa tassare alla grande i ricconi. Come
            google anche loro cambierebbero residenza,
            nazionalità, ecc ecc.
            Pensiamoci.Non ricordo se la Francia o la Spagna, un bel giorno ha fatto un comunicato ufficiale chiedendo ai ricchi emigrati per ragioni fiscali (ad esempio Depardieu per l'una, Penelope Cruz per l'altra) di rientrare e fare il loro dovere di cittadini, pagando le tasse nel paese d'origine. Mi fa ridere il pensiero della pernacchia gigante che questi devono aver fatto in risposta :)Però probabilmente non è così conveniente perdere contribuenti importanti, che dici?
          • Luca scrive:
            Re: La Spagna non ha insegnato niente?
            Indubbio, si tratta di essere equi e di contrastare l'elusione fiscale.
          • Ingenuo scrive:
            Re: La Spagna non ha insegnato niente?
            - Scritto da: Luca
            Detto ciò, colgo l'occasione per usare il
            ragionamento da te espresso per precisare perché
            non si possa tassare alla grande i ricconi. Come
            google anche loro cambierebbero residenza,
            nazionalità, ecc
            ecc.
            Pensiamoci.Peccato che le tasse internazionali si paghino in ritenuta fiscale, cioè sul servizio che vale 100$ lo stato preleva alla fonte (cioè da chi compra) diciamo 20$ sulla transazione.A questo punto ci sono due possibilità, o Google ti scriverà personalmente dicendoti che per ringraziarti del sole, degli spaghetti e della Fontana di Trevi, per te che sei italiano, si accontenta di 80$ o che Google metterà il servizio a 125$ per chi compra dall'Italia in modo che con la ritenuta di 20$ possa continuare a guadagnare 100$. Secondo te cosa succederà ?
  • non fumo non bevo e non dico parolacce scrive:
    PER FAVORE PUNTO INFORMATICO
    VOGLIAMO TOGLIERE QUESTO REFRESH AUTOMATICO ???????????
    • Esprit scrive:
      Re: PER FAVORE PUNTO INFORMATICO
      Esatto !!!! Ma che ca**o hanno in testa a PI ?? Un refresh su un forum ? Idiots
    • panda rossa scrive:
      Re: PER FAVORE PUNTO INFORMATICO
      - Scritto da: non fumo non bevo e non dico parolacce
      VOGLIAMO TOGLIERE QUESTO REFRESH AUTOMATICO
      ???????????E toglitelo da solo, no?
    • MicroShit Supporter scrive:
      Re: PER FAVORE PUNTO INFORMATICO
      Firefox
      Opzioni
      Avanzate
      Avvisa se un sito web cerca di reindirizzare o ricaricare la paginaAggiungi uBlock Origin e Disconnect alle estensioniSaluti
    • bradipao scrive:
      Re: PER FAVORE PUNTO INFORMATICO
      - Scritto da: non fumo non bevo e non dico parolacce
      VOGLIAMO TOGLIERE QUESTO REFRESH AUTOMATICO ???????????straquoto!!
  • M.R. scrive:
    Il problema...
    ...sarà convincere quei paesi in cui adesso vengono pagate quelle (misere) tasse a rinunciarvi perchè verranno pagate in un altro paese.O forse si vorrà introdurre una sorta di "deducibilità per differenza" per pagare un po' la e tanto qua?Inoltre è come tassare "l'aria che respiriamo": beni immateriali che non lasciano tracce e non sono "aggredibili" fisicamente.
Chiudi i commenti