Sam Altman entusiasta di Apple Vision Pro

Sam Altman entusiasta di Apple Vision Pro

L’Apple Vision Pro è un visore per la realtà mista che ha fatto parlare di sé tra i media, i competitor e i fondatori di startup di successo. Tra questi, c’è anche Sam Altman, il CEO di OpenAI. Altman ha dichiarato su X di aver provato il Vision Pro e di averlo trovato il secondo prodotto tecnologico più impressionante che abbia mai visto, dopo l’iPhone.

Perché l’iPhone resta il primo

Altman non ha spiegato perché considera l’iPhone il prodotto tecnologico più impressionante di tutti i tempi, ma il suo giudizio è condiviso da molti esperti e appassionati. L’iPhone, infatti, ha rivoluzionato il mercato degli smartphone nel 2007, introducendo il concetto di touch screen, di app store e di assistente vocale. Da allora, l’iPhone ha continuato a innovare e a influenzare il settore, diventando uno dei prodotti più venduti e apprezzati al mondo.

I limiti e le potenzialità dell’Apple Vision Pro

L’Apple Vision Pro, tuttavia, non è da meno. Si tratta di un dispositivo che permette di sperimentare la realtà mista, ovvero una combinazione di realtà virtuale e aumentata. Il visore offre un’esperienza immersiva e coinvolgente, con una grafica di alta qualità e una varietà di applicazioni. Tuttavia, il suo prezzo di 3.499 dollari per il modello base lo rende accessibile solo a una nicchia di utenti.

Inoltre, al momento è disponibile solo negli Stati Uniti, quindi il suo impatto globale è ancora limitato. Un altro aspetto che Altman ha criticato è il nome del prodotto, che ha definito poco accattivante. Ha anche ironizzato sul fatto che il suo chatbot, ChatGPT, ha un nome ancora peggiore, ma ormai è troppo tardi per cambiarlo.

L’iPhone dell’AI: il progetto segreto di OpenAI

Altman, però, non si limita ad ammirare i prodotti altrui. Il suo obiettivo è quello di creare qualcosa di altrettanto rivoluzionario nel campo dell’intelligenza artificiale. Per questo, ha reclutato due ex dipendenti di Apple: Jony Ive, il leggendario capo del design industriale, e Tang Tan, un dirigente che ha lavorato allo sviluppo dell’iPhone. Insieme al team di OpenAI, stanno lavorando a un progetto segreto che sfrutta le capacità di ChatGPT. Secondo alcune fonti, il progetto è talmente ambizioso che viene chiamato “l’iPhone dell’AI”. Forse, in futuro, sarà questo il prodotto tecnologico più impressionante di tutti?

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 12 feb 2024
Link copiato negli appunti