Samba mette le mani sui protocolli Microsoft

Dopo anni di denunce e battaglie legali, il progetto open source Samba è finalmente riuscito ad ottenere le specifiche che gli permetteranno di estendere l'interoperabilità tra sistemi di rete Linux e Windows

Roma – Il progetto open source Samba può finalmente accedere alle specifiche necessarie per migliorare l’interoperabilità fra i sistemi di rete Linux/Unix e quelli Windows. A renderlo possibile è stata la sentenza antitrust emessa lo scorso settembre contro Microsoft dal Tribunale europeo di prima istanza: una decisione che ha imposto a Microsoft di rivelare le informazioni sui protocolli (client-server, server-server) necessarie ai concorrenti per sviluppare software maggiormente integrati e interoperabili con la piattaforma Windows.

Free Software Foundation Europe ( FSFE ) fa sapere che la Protocol Freedom Information Foundation ( PFIF ) ha ricevuto da Microsoft le specifiche per l’interoperabilità di rete in cambio di 10mila euro una tantum , e le ha messe immediatamente a disposizione del team di sviluppo di Samba.

A vincere “sono gli utenti di tutti i programmi per la collaborazione di gruppo: Samba avrà ora accesso a tutte le informazioni necessarie per raggiungere la piena interoperabilità con i prodotti Workgroup Server di Microsoft di oggi e di domani”, ha affermato Jonas Öberg, vicepresidente di FSFE . “Tutti gli utenti ne trarranno beneficio, compresi gli utenti dei prodotti Microsoft, visto che la maggior concorrenza costringerà Microsoft a ridurre i propri prezzi e margini”.

“Nella situazione attuale, grazie ai miglioramenti che siamo riusciti ad ottenere, l’accordo rappresenta la miglior soluzione possibile”, ha dichiarato l’ avvocato Carlo Piana , che ha rappresentato e difeso FSFE nelle varie procedure giudiziarie. “Non risolve tutte le questioni che erano rimaste aperte con Microsoft, pone un rimedio parziale a una situazione ingiusta e illegale. Non è una transazione, ma rappresenta l’adeguamento alle decisioni imposte dalla Commissione e confermate dalle Corti europee. Inoltre è ora pienamente compatibile con le licenze free software”.

Piana rivela che FSFE e Samba hanno potuto mettere le mani su “un elenco di tutti i brevetti che Microsoft sostiene coprano le specifiche”. FSFE aveva chiesto che alcuni di questi brevetti venissero invalidati perché anticoncorrenziali, ma questo non è avvenuto. Öberg denuncia che “il sistema non funziona e ha bisogno di correzioni”, ammettendo tuttavia che “non era compito della Commissione dichiarare validi o non validi specifici brevetti”.

FSFE ha promesso che intende continuare a lavorare sul tema dei brevetti , facendo pressioni sulle autorità competenti perché risolvano questi problemi.

Il comunicato ufficiale di Samba, comprensivo di link ad altri dettagli sulla questione, si trova qui .

Come noto, Samba è una implementazione libera e gratuita dei protocolli di rete SMB / CIFS di Microsoft, gli stessi che permettono la condivisione di file, stampanti e altre risorse fra client Windows (e grazie a Samba, anche Linux e Unix).

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • pippo scrive:
    Come detto ieri
    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2147046&m=2147452#p2147452
  • Marco Marcoaldi scrive:
    Sempre più 1984 !!!!
    Questo è il risultato di chi invece di AGIRE rimane a GUARDARE chiedendosi : "ma io cosa posso fare ?"E' anche il risultato del lavaggio del cervello dell'americano medio portato a termine grazie l'ausilio del terrorismo mediatico su attentati, terroristi e compagnia bella.Ecco a cosa è servita la bella CAMPAGNA PUBBLICITARIA del 9/11.Hanno INVESTITO denaro PUBBLICO e vite ALTRUI per avere il controllo totale della vita di OGNI cittadino !A quando l'RFID sottopelle ?
    • CCC scrive:
      Re: Sempre più 1984 !!!!
      - Scritto da: Marco Marcoaldi
      Questo è il risultato di chi invece di AGIRE
      rimane a GUARDARE chiedendosi : "ma io cosa posso
      fare
      ?"

      E' anche il risultato del lavaggio del cervello
      dell'americano medio portato a termine grazie
      l'ausilio del terrorismo mediatico su attentati,
      terroristi e compagnia
      bella.

      Ecco a cosa è servita la bella CAMPAGNA
      PUBBLICITARIA del
      9/11.

      Hanno INVESTITO denaro PUBBLICO e vite ALTRUI per
      avere il controllo totale della vita di OGNI
      cittadino
      !

      A quando l'RFID sottopelle ?c'è già chi lo ha...
Chiudi i commenti