Samsung cucina le nuove memorie 3D per GPU

Il colosso sudcoreano annuncia l'avvio della produzione di massa dei nuovi chip HBM2, una tecnologia attesa al debutto commerciale nei prossimi mesi con le GPU di prossima generazione. Poi si passerà all'HPC

Roma – Samsung ha comunicato di aver messo in moto le macchine delle sue fonderie per la produzione di massa dei chip High Bandwidth Memory di seconda generazione (HBM2), una tecnologia di memoria DRAM a 20 nanometri teoricamente in grado di spingere in maniera sensibile le capacità dei co-processori grafici discreti in ambito videoludico (su PC) e non solo.

Le DRAM HBM2 garantiranno performance velocistiche sette volte superiori rispetto all’attuale limite prestazionale, promette Samsung, con tutti i vantaggi del caso per il computing hi-end in ambito di calcolo parallelo, rendering grafico (quindi videoludico), machine learning, High-Performance Computing (HPC) e supercomputer ibridi CPU-GPU.

Il principio di funzionamento base della tecnologia HBM2 è lo stesso dei chip HBM di prima generazione , vale a dire l’utilizzo di più die di memoria DRAM installati in verticale all’interno di un singolo chip, un collegamento diretto della memoria alla GPU tramite un circuito intermedio (“interposer”) e una banda dati disponibile sensibilmente superiore rispetto ai tradizionali chip GDDR5 prodotti in “2D”. Ridotti anche i consumi energetici.

La prima generazione di HBM era capace di arrivare a un data rate di 128 GBps usando quattro die da 2Gb in un singolo stack/chip da 1 Gigabyte, per un quantitativo di memoria totale che sulle GPU Fury X di AMD , le prime a fare uso della tecnologia di DRAM 3D, arrivava a 4 Gigabyte. HBM2, invece, userà 4 die da 8 Gb in un singolo chip da 4GB, con una banda dati di 256 GBps per stack e la stessa interfaccia a 1024-bit e 1,2V di consumi energetici di HBM.

In concreto, l’impiego di HBM2 permetterà di realizzare GPU consumer o professionali con 16 Gigabyte di memoria e una banda dati massima di 1024 Gigabyte al secondo – il doppio della succitata Fury X e addirittura il triplo della GeForce Titan X.

Polaris e Pascal, le prossime generazioni di GPU rispettivamente di AMD e NVIDIA, dovrebbero entrambe fare uso di chip di memoria HBM2. Per quanto riguarda Samsung, infine, nel corso del 2016 dovrebbe partire anche la produzione di stack da 8 Gigabyte ciascuno – il massimo di potenziale tecnologico proprio della tecnologia HBM2 come standardizzata da JEDEC.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • skkt scrive:
    Tutti soldi che sfuggono al fisco
    Il titolo del commento dice tutto.
  • Enjoy with Us scrive:
    Altra riprova del declino apple
    Evete notato la curva dei downloads? Piatta quella di apple in continua ascesa quella di Android, andate a guardarvi quella dei ricavi che qui ovviamente hanno omesso parlando solo dei ricavi nell'ultimo anno... beh siete sorpresi? anche qui Google play nonostante fatturi la metà di apple store sta anno dopo anno aumentantando le vendite ad un ritmo che surclassa quello di apple!Quindi la realtà è che per ora lo store più profittevole è quello di apple, ma che già nel corso dei prossimi uno due anni avverrà il sorpasso... quindi a me pare evidente che tutti gli sviluppatori che oggi obtorto collo sviluppano per apple, saranno ben felici di mollarla!Date retta a me, apple sta per fare il botto!
    • Izio01 scrive:
      Re: Altra riprova del declino apple
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Quindi la realtà è che per ora lo store più
      profittevole è quello di apple, ma che già
      <b
      nel corso dei prossimi uno due anni </b

      avverrà il
      sorpasso... quindi a me pare evidente che tutti
      gli sviluppatori che oggi obtorto collo
      sviluppano per apple, saranno ben felici di
      mollarla!
      Date retta a me, apple sta per fare il botto!Previsione precisa ma alquanto azzardata.Tra due anni sapremo se hai ragione :)
    • Il fuddaro scrive:
      Re: Altra riprova del declino apple
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Evete notato la curva dei downloads? Piatta
      quella di apple in continua ascesa quella di
      Android, andate a guardarvi quella dei ricavi che
      qui ovviamente hanno omesso parlando solo dei
      ricavi nell'ultimo anno... beh siete sorpresi?
      anche qui Google play nonostante fatturi la metà
      di apple store sta anno dopo anno aumentantando
      le vendite ad un ritmo che surclassa quello di
      apple!
      Quindi la realtà è che per ora lo store più
      profittevole è quello di apple, ma che già nel
      corso dei prossimi uno due anni avverrà il
      sorpasso... quindi a me pare evidente che tutti
      gli sviluppatori che oggi obtorto collo
      sviluppano per apple, saranno ben felici di
      mollarla!
      Date retta a me, apple sta per fare il botto!Dimentichi una cosa però, gli utenti apple, sono i classici utenti fregati è contenti.Dovresti tenere sta cosa a mente anche.Io sono il fuddaro io fuddo :^()
      • ... scrive:
        Re: Altra riprova del declino apple
        - Scritto da: Il fuddaro
        Io sono <s
        il fuddaro </s
        prova123 io <s
        fuddo </s
        rompo i XXXXXXXX :^()
  • ... scrive:
    cliente apple: fiero di prederlo in XXXX
    mica male come slogan, quasi quasi ci faccio gli adesivi per il lunotto termico.
  • angelo scrive:
    rosiconi
    che strano... tutti i thread di questo articolo sono stati iniziati da rosiconi che cercano inutili giustificazioni. ma quanto siete ridicoli?
  • bradipao scrive:
    interpretazione
    L'interpretazione di questi dati è che AppStore è l'ideale per chi vende, mentre PlayStore è l'ideale per gli utenti. Entrambi gli aspetti hanno un valore.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 gennaio 2016 15.22-----------------------------------------------------------
    • bertuccia scrive:
      Re: interpretazione
      4 anni fa questo era ideale per gli utentihttps://www.youtube.com/watch?v=4AXu0XuDIUYoggi questo è ideale per gli utentihttps://www.youtube.com/watch?v=-TQrCRcPIT4e com'è che invece su Android state ancora col pulcino pio? (cit.)dici che è ideale per gli utenti?
      • panda rossa scrive:
        Re: interpretazione
        - Scritto da: bertuccia
        4 anni fa questo era ideale per gli utenti

        https://www.youtube.com/watch?v=4AXu0XuDIUY

        oggi questo è ideale per gli utenti

        https://www.youtube.com/watch?v=-TQrCRcPIT4

        e com'è che invece su Android state ancora col
        pulcino pio?
        (cit.)
        dici che è ideale per gli utenti?Chi lo dice che quello e' l'ideale?Quella e' l'unica opzione.Oppure vuoi dirci che ci sono alternative?Senza contare che ad un buon 99% dell'utenza, non gliene puo' XXXXXXX di meno di quella roba li'.
        • bertuccia scrive:
          Re: interpretazione
          Voglio dire che per la roba buona c'è l'App Store, mentre per il pulcino pio et simila c'è il Play Store.A ognuno il suo.
          • passavo... scrive:
            Re: interpretazione
            Fantastico!Continua, non fermarti qui!
          • Il fuddaro scrive:
            Re: interpretazione
            - Scritto da: passavo...
            Fantastico!
            Continua, non fermarti qui!Beh si è fatto vedere apposta, è solo in quei casi quando cè un qualche minimo motivo di vanto per i macachi, altrimenti LATITANO!chiedigli ultimamente era in ferie su dei campi da golf? ha ha.Io sono il fuddaro io fuddo :^()
          • prova123 scrive:
            Re: interpretazione
            Paghi di più ... ma è roba buona ... non avevo dubbi! :D
          • bertuccio scrive:
            Re: interpretazione
            Orgoglioni come sempre di pagare il sovrapizzo. Bravi! Ve lo meritate.
          • bubba scrive:
            Re: interpretazione
            - Scritto da: bertuccia
            Voglio dire che per la roba buona c'è l'App
            Store, mentre per il pulcino pio et simila c'è il
            Play
            Store.
            A ognuno il suo.ma se l'app piu' scaricata era iFart... dai non vergognamoci dei successi :)
          • bertuccia scrive:
            Re: interpretazione
            - Scritto da: bubba

            ma se l'app piu' scaricata era iFart... dai non
            vergognamoci dei successi
            :)anche se non lo ammetterà, bradipao voleva solo provocare con quel commento.. Sono sicuro al 100% che non pensa realmente quello che ha scritto, perchè significherebbe essere stupidi.quindi ho risposto con una provocazione, che però contiene un fatto: app del livello qualitativo di Garageband e Music Notes, sul Play Store non le avrete MAI.Altra cosa che mi fa ridere è che cerchiate mille scuse per non ammettere un semplice fatto: l'utente tipico android NON SCUCE UN CENTESIMO per le app, piuttosto si riempie il telefono di m*rda con le app pirata.Questo, unito al fatto che sviluppare per android è più costoso, fa si che gli sviluppatori non investano più di tanto nell'ecosistema: ecco perchè non avrete mai app di qualità
          • IO Spendaccio ne scrive:
            Re: interpretazione
            Il cliente Apple pfff, sempre a cercare appigli per giustificare le spese folli.
          • bertuccia scrive:
            Re: interpretazione
            scusa ma vado di corsahttps://infinum.co/the-capsized-eight/articles/android-development-is-30-percent-more-expensive-than-ios
          • Albedo 0,9 scrive:
            Re: interpretazione
            - Scritto da: bertuccia
            scusa ma vado di corsa

            https://infinum.co/the-capsized-eight/articles/andQuell'articolo secondo me mente parecchio:- cloc misura la quantità di linee di codice ma non tiene conto della complessita della singola linea, fattore che fa la differenza nella quantità di attenzione necessaria (= numero di ore aggiuntive per il mantenimento);- La struttura (a dir poco) disumana di Obj-C obbliga ad una curva di apprendimento molto più ripida rispetto ad Android;- Android Studio con tutta la sua logica di override XML (autogenerabili, tra l'altro) è più flessibile rispetto a XCode, facendo spesso risparmiare ulteriori ore verso la conclusione del progetto.Se non ci credi chiedi qualche preventivo per app mobili, scoprirai che quelli per iOS sono in genre superiori, e di molto.
          • bubba scrive:
            Re: interpretazione
            - Scritto da: bertuccia
            - Scritto da: bubba



            ma se l'app piu' scaricata era iFart... dai
            non

            vergognamoci dei successi

            :)

            anche se non lo ammetterà, bradipao voleva solo
            provocare con quel commento.. Sono sicuro al 100%
            che non pensa realmente quello che ha scritto,
            perchè significherebbe essere
            stupidi.io invece ero serio. iFart e' tra le app piu famose in assoluto :)
            quindi ho risposto con una provocazione, che però
            contiene un fatto: app del livello qualitativo di
            Garageband e Music Notes, sul Play Store non le
            avrete
            MAI.a parte che per il garage di app ottime ce ne sono, un economica interfaccia odbii e via... ( inutile prenderle papple dove costa tutto il doppio e piu'), chi lo dice che "app del livello qualitativo di" non ce ne sono? le hai provate tutte? :)
            Altra cosa che mi fa ridere è che cerchiate mille
            scuse per non ammettere un semplice fatto:
            l'utente tipico android NON SCUCE UN CENTESIMO
            per le app, piuttosto si riempie il telefono di
            m*rda con le app
            pirata.e chi non lo vuole ammettere? e' OTTIMO non scucire un centesimo.... si paga gia' abbastanza in tecnocontrollo, senza dover inserire anche la c/c da svuotare (e voi macachi ne dovreste sapere qualcosa...). In debian per dire non ho neanche il tecnocontrollo...
            Questo, unito al fatto che sviluppare per android
            è più costoso, fa si che gli sviluppatori non
            investano più di tanto nell'ecosistema: ecco
            perchè non avrete mai app di
            qualitàmolto interessante :P detto da un fervente macaco.
          • Albedo 0,9 scrive:
            Re: interpretazione
            - Scritto da: bertuccia
            quindi ho risposto con una provocazione, che però
            contiene un fatto: app del livello qualitativo di
            Garageband e Music Notes, sul Play Store non le
            avrete
            MAI.Vero sul piano tecnico dell'OS (Android non è mai stato brillante sul realtime audio), ma dire "MAI" è un azzardo, le cose stanno mutando.Per dire, un FL Studio Mobile sufficientemente maturo su Android darebbe la polvere a Garageband e compagnia bella. La solita vecchia storia che si ripete.
            Altra cosa che mi fa ridere è che cerchiate mille
            scuse per non ammettere un semplice fatto:
            l'utente tipico android NON SCUCE UN CENTESIMO
            per le app, piuttosto si riempie il telefono di
            m*rda con le app
            pirata.Vero in parte, ma... (continuo sotto)
            Questo, unito al fatto che sviluppare per android
            è più costoso, fa si che gli sviluppatori non
            investano più di tanto nell'ecosistema: ecco
            perchè non avrete mai app di
            qualità...in realtà è l'esatto opposto: ho notato che sviluppare su iOS costa quasi il doppio rispetto ad Android. E non parlo dell'acquisto del ferro, quello si ammortizza facilmente.Non so se ti sei reso conto di quanto piede ha preso il freemium, rispetto al vecchio modello di pagamento una tantum.Capisco che non sviluppi e determinate cose non le sai, ma ti sei chiesto il perché?
          • panda rossa scrive:
            Re: interpretazione
            - Scritto da: bertuccia
            Voglio dire che per la roba buona c'è l'App
            Store, mentre per il pulcino pio et simila c'è il
            Play
            Store.
            A ognuno il suo.No, tu non vuoi dire questo.Tu ti stai attaccando a Garageband perche' e' l'unica cosa a cui puoi attaccarti, quando:1) l'applefan possessore di iphone e' ignorante e non sa suonare2) il musicista compositore, possessore di device android, preferisce comporre al pianoforte.Tu continua pure a regalare il tuo denaro ad apple per pagare app "di qualita'" che non ti servono.
          • mura scrive:
            Re: interpretazione
            - Scritto da: panda rossa
            1) l'applefan possessore di iphone e' ignorante e
            non sa suonareQuesta è una tua supposizione bella e buona basata solo sul fatto che la maggior parte di utenti apple non è molto ferrato con l'informatica ma non significa che non sappiano usare il computer/device mobile per altri usi. Poi l'ultima volta che ho controllato molti musicisti usano roba apple giusto per la presenza di un software chiamato Logic che è considerato tra i sequencer più evoluti.
            2) il musicista compositore, possessore di device
            android, preferisce comporre al pianoforte.Il musicista compositore che si trova in metropolitana e gli viene un'idea la può tranquillamente abbozzare sul suo device mobile e poi, una volta a casa, svilupparla. Se poi il suo software mobile si integra perfettamente in quello sul fisso tanto meglio. I device apple ti offrono questa possibilità senza nemmeno attaccare il telefono al computer, motivo per cui vengono scelti da diversi musicisti.
      • bradipao scrive:
        Re: interpretazione
        - Scritto da: bertuccia
        dici che è ideale per gli utenti?Lo dicono i numeri, probabilmente è dovuto al fatto che c'è molta più scelta.
        • bertuccia scrive:
          Re: interpretazione
          - Scritto da: bradipao

          Lo dicono i numeri, probabilmente è dovuto al
          fatto che c'è molta più scelta.so che non sei stupido :)sai benissimo quali sono le dinamiche dei due store, e sai benissimo come ragiona l'utente medio androidhttp://punto-informatico.it/b.aspx?i=4297270&m=4297596#p4297596
          • Il fuddaro scrive:
            Re: interpretazione
            - Scritto da: bertuccia
            - Scritto da: bradipao



            sai benissimo quali sono le dinamiche dei due
            store, e sai benissimo come ragiona l'utente
            medio
            android
            Si, lo sappiamo, ragionano proprio il contrario di un macaco, cioè TU!
      • Shiba scrive:
        Re: interpretazione
        - Scritto da: bertuccia
        4 anni fa questo era ideale per gli utenti

        https://www.youtube.com/watch?v=4AXu0XuDIUY

        oggi questo è ideale per gli utenti

        https://www.youtube.com/watch?v=-TQrCRcPIT4

        e com'è che invece su Android state ancora col
        pulcino pio?
        (cit.)
        dici che è ideale per gli utenti?Se non garantisce i diritti dell'utente, non è lo store ideale. State a fare il tifo per quale XXXXX è più grasso...
        • bertuccia scrive:
          Re: interpretazione
          - Scritto da: Shiba

          Se non garantisce i diritti dell'utente, non è lo
          store ideale. State a fare il tifo per quale
          XXXXX è più grasso...ci sono passato anch'io dai sistemi "liberi e ideali".e ho capito che l'ideale rimane appunto tale, mentre nella vita reale bisogna scendere a compromessi.Apple, sulla carta, limita la mia libertà. Nei fatti, mi permette di fare tutto ciò di cui ho bisogno e al meglio.Un sistema libero, come ubuntu (faccio l'esempio di ciò che ho usato per anni), sulla carta mi permette di fare tutto ciò che voglio. Nei fatti, mi limita perchè non mi permette di fare ciò che mi serve oppure me lo permette in maniera poco efficiente.
          • Pianeta ASCII scrive:
            Re: interpretazione
            Non avertene a male, ma è lo stesso ragionamento mentale che fa una pecora dentro al recinto: "Qui sto bene, chi me lo fa fare di scavalcare la staccionata?".
          • Un altro scrive:
            Re: interpretazione
            - Scritto da: Pianeta ASCII
            Non avertene a male, ma è lo stesso ragionamento
            mentale che fa una pecora dentro al recinto: "Qui
            sto bene, chi me lo fa fare di scavalcare la
            staccionata?".Si dice che "la me.da puzza... Ma tiene caldo"Si chiama zona di confort ed è quella con cui la popolazione viene tenuta sotto controllo ma sotto stress.
      • PandaR1 scrive:
        Re: interpretazione
        - Scritto da: bertuccia
        4 anni fa questo era ideale per gli utenti

        https://www.youtube.com/watch?v=4AXu0XuDIUY

        oggi questo è ideale per gli utenti

        https://www.youtube.com/watch?v=-TQrCRcPIT4

        e com'è che invece su Android state ancora col
        pulcino pio?
        (cit.)
        dici che è ideale per gli utenti?un riassunto per chi non ha voglia di youtube?
        • bertuccia scrive:
          Re: interpretazione
          - Scritto da: PandaR1

          un riassunto per chi non ha voglia di youtube?ho fatto un esempio con due app di altissima qualità.La prima, Garageband, già 4 anni fa spaccava, quando su android ancora non si riusciva ad avere un audio in bassa latenza (non so come sia oggi la situazione)il secondo video mostra lo stato di garageband oggi: un gioiellino per chi vuole comporre musica al volo. Affiancato da una nuova app, Music Memoshttp://www.apple.com/music-memos/due esempi a caso di App che non avranno mai un equivalente su android
          • PandaR1 scrive:
            Re: interpretazione
            - Scritto da: bertuccia
            - Scritto da: PandaR1



            un riassunto per chi non ha voglia di
            youtube?

            ho fatto un esempio con due app di altissima
            qualità.

            La prima, Garageband, già 4 anni fa spaccava,
            quando su android ancora non si riusciva ad avere
            un audio in bassa latenza (non so come sia oggi
            la
            situazione)

            il secondo video mostra lo stato di garageband
            oggi: un gioiellino per chi vuole comporre musica
            al volo. Affiancato da una nuova app, Music
            Memos

            http://www.apple.com/music-memos/

            due esempi a caso di App che non avranno mai un
            equivalente su
            androidsulla latenza audio non sono molto ferrato (è una caratteristica che a me non interessa). Da quel che so la latenza è migliorata parecchio nelle ultime versioni android, soprattutto nell'ultima. Ma deve ancora migliorare. Probabilmente con la versione del prossimo anno sarà a posto. Poi la versione deve prendere piede. Uno strumento come quello da te indicato sarà presente su android entro 3 anni. Questo fa pensare che non sia di particolare interesse per google come mercato.Ma il fatto che non ci sia un garageband non sta a significare che non ci sia software di alta qualità su android. Dipende da che ti serve.
          • bertuccia scrive:
            Re: interpretazione
            - Scritto da: PandaR1

            sulla latenza audio non sono molto ferrato (è una
            caratteristica che a me non interessa). Da quel
            che so la latenza è migliorata parecchio nelle
            ultime versioni android, soprattutto nell'ultima.
            Ma deve ancora migliorare. Probabilmente con la
            versione del prossimo anno sarà a posto. Poi la
            versione deve prendere piede. Uno strumento come
            quello da te indicato sarà presente su android
            entro 3 anni.Ne dubito.Google non si metterà certo a fare app come Garageband o Music Memos.E se le facesse uno sviluppatore di terze parti, dovrebbe investire un sacco e mettere l'app a pagamento. No, non funzionerebbe.
            Ma il fatto che non ci sia un garageband non sta
            a significare che non ci sia software di alta
            qualità su android. Dipende da che ti serve.diciamo che rende l'idea.Non ci sarà mai un'app di quel calibro su Android.Principalmente per i motivi che ho scritto quihttp://punto-informatico.it/b.aspx?i=4297270&m=4297596#p4297596
          • passante scrive:
            Re: interpretazione
            - Scritto da: bertuccia
            - Scritto da: PandaR1
            Ne dubito.
            Google non si metterà certo a fare app come
            Garageband o Music Memos.Diciamocelo: non frega a nessuno di quelle due applicazioni, chi mai le ha sentite nominare ?
          • Il fuddaro scrive:
            Re: interpretazione
            - Scritto da: bertuccia
            - Scritto da: PandaR1



            sulla latenza audio non sono molto ferrato

            una

            caratteristica che a me non interessa). Da
            quel

            che so la latenza è migliorata parecchio
            nelle

            ultime versioni android, soprattutto
            nell'ultima.

            Ma deve ancora migliorare. Probabilmente con
            la

            versione del prossimo anno sarà a posto. Poi
            la

            versione deve prendere piede. Uno strumento
            come

            quello da te indicato sarà presente su
            android

            entro 3 anni.

            Ne dubito.
            Google non si metterà certo a fare app come
            Garageband o Music
            Memos.

            E se le facesse uno sviluppatore di terze parti,
            dovrebbe investire un sacco e mettere l'app a
            pagamento. No, non
            funzionerebbe.



            Ma il fatto che non ci sia un garageband non
            sta

            a significare che non ci sia software di alta

            qualità su android. Dipende da che ti serve.

            diciamo che rende l'idea.
            Non ci sarà mai un'app di quel calibro su Android.
            Principalmente per i motivi che ho scritto qui
            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=4297270&m=429Le persone serie NON compongono musica con un giocattolo, è nemmeno lo faranno mai. Il tuo discorso è lardo per macachi, modaioli.La gente seria(professionisti) la musica la compongono al computer, non con giocattoli alla moda. Anche se un domani un garageband ci sarà su android(lungi da me vantare quest' altro), non verrà usato per comporre musica seria e di qualità.
      • Izio01 scrive:
        Re: interpretazione
        - Scritto da: bertuccia
        4 anni fa questo era ideale per gli utenti

        https://www.youtube.com/watch?v=4AXu0XuDIUY

        oggi questo è ideale per gli utenti

        https://www.youtube.com/watch?v=-TQrCRcPIT4

        e com'è che invece su Android state ancora col
        pulcino pio?
        (cit.)
        dici che è ideale per gli utenti?Sì. Anche adesso che oltre ai tablet Android ho un iPad, di Garage Band non me ne faccio assolutamente niente. Sarà anche bello, ma non tutti sono musicisti. Che senso ha continuare ad usarlo come pietra di paragone, visto che interessa a una minima frazione dell'utenza?Cercando ad esempio un programma che mi permettesse di creare note in formato libero con inserti multimediali (per prendere appunti sui giochi dove esplori, trovi locazioni speciali e altro), sai tra i vari programmi che ho provato qual è il migliore per ciò che mi interessa fare? One Note, di Microsoft, che è multipiattaforma. Siccome un programma così può servire a fare un sacco di cose diverse, e di conseguenza può servire ad un sacco di persone con necessità differenziate, mi sembra decisamente più rappresentativo di Garage Band per quanto riguarda l'esperienza di utilizzo.
      • Il fuddaro scrive:
        Re: interpretazione
        - Scritto da: bertuccia
        4 anni fa questo era ideale per gli utenti

        https://www.youtube.com/watch?v=4AXu0XuDIUY

        oggi questo è ideale per gli utenti

        https://www.youtube.com/watch?v=-TQrCRcPIT4

        e com'è che invece su Android state ancora col
        pulcino pio?
        (cit.)
        dici che è ideale per gli utenti?TOH! Guarda tu, ogni tanto rispuntano.
    • io123456 scrive:
      Re: interpretazione
      Interpretazione valida ma incompleta, nell'articolo non si tiene conto di un piccolo particolare: Le regole di App-store son restrittive e tutto ciò che passa -DEVE pagare pegno- alle casse apple di conseguenza il peso del market di appstore è valutabile osservando il fatturato diretto. google play è uno store dove sono ammessi servizi a pagamento il cui introito non necessariamente è veicolato attraverso lo store.quando si parla di prodotti "gratis" non vuol dire senza resa, ma piuttosto che fatturano grazie sull'advertsing o grazie all'acquisto di servizi acXXXXXri. di conseguenza il fatturato dello store non coincide con quello reale.Ad Apple va reso il merito (come sempre) di saper fare marketing: una notizia esposta in questo modo fa sembrare un eldorado un mercato che a conti fatti potrebbe essere meno remunerativo della concorrenza
      • angelo scrive:
        Re: interpretazione
        guarda che la pubblicità la puoi mettere anche sulle App iOS eh......e questa notizia non arriva mica dall'ufficio stampa Apple: è una ricerca indipendente!
      • Albedo 0,9 scrive:
        Re: interpretazione
        - Scritto da: io123456
        quando si parla di prodotti "gratis" non vuol
        dire senza resa, ma piuttosto che fatturano
        grazie sull'advertsing o grazie all'acquisto di
        servizi acXXXXXri. di conseguenza il fatturato
        dello store non coincide con quello
        reale.Esatto, questo è un punto che, a livello di business, reputare fondamentale è dire poco.Nello store esistono già diverse applicazioni concorrenti a basso prezzo; diventa molto probabile - e vantaggioso - offrire a meno prezzo, meglio se gratis.Il costo di sviluppo della singola app non si ammortizza quasi mai con le ventide dirette nello store. Come diretta conseguenza si preferisce realizzare la controparte mobile per completare il proprio ecosistema e fidelizzare il ciente.Come non bastasse, transitare economicamente negli store arriva a costare fino a un terzo del proprio fatturato. Neanche gli strozzini...La prassi è infatti cercare gli incassi al di fuori degli store.Basta unire questi tre punti per farsi già un bel quadretto sulla situazione app.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 25 gennaio 2016 00.50-----------------------------------------------------------
    • angelo scrive:
      Re: interpretazione
      - Scritto da: bradipao
      L'interpretazione di questi dati è che AppStore è
      l'ideale per chi vende, mentre PlayStore è
      l'ideale per gli utenti. Entrambi gli aspetti
      hanno un valore.No... l'interpretazione giusta è che il 90% di chi compra Android non sa nemmeno cosa sia uno smartphone: ha semplicemente rimpiazzato il vecchio cellulare con uno nuovo più fiko che manda messaggi gratis con WhatsApp, e gli permette di stare su FaceBook tutto il giorno a condividere cose improponibili.
      • Il fuddaro scrive:
        Re: interpretazione
        - Scritto da: angelo
        - Scritto da: bradipao

        L'interpretazione di questi dati è che
        AppStore
        è

        l'ideale per chi vende, mentre PlayStore è

        l'ideale per gli utenti. Entrambi gli aspetti

        hanno un valore.

        No... l'interpretazione giusta è che il 90% di
        chi compra Android non sa nemmeno cosa sia uno
        smartphone: ha semplicemente rimpiazzato il
        vecchio cellulare con uno nuovo più fiko che
        manda messaggi gratis con WhatsApp, e gli
        permette di stare su FaceBook tutto il giorno a
        condividere cose
        improponibili.Mentre... con in Iphone? Tutti i miei conoscenti(che hanno un iphone) fanno esattamente quanto descritto da te!Lo usano in quel modo, per un solo motivo, non hanno più bisogno di un computer, perché il computer lo usavano esattamente alla stessa maniera dello smartphone.Io sono il fuddaro io fuddo :^()
  • Luca scrive:
    Per forza
    Sul play store ci sono un sacco di app gratuite, sull'app store l'app "mostra il dito medio a Cock" costa 0,99 centesimi!In regime di monopolio ci sono più profitti, lo sa anche il muro
    • bubba scrive:
      Re: Per forza
      - Scritto da: Luca
      Sul play store ci sono un sacco di app gratuite,
      sull'app store l'app "mostra il dito medio a
      Cock" costa 0,99
      centesimi!
      In regime di monopolio ci sono più profitti, lo
      sa anche il
      muroesatto... di "play store" android ce ne sono a migliaia... per papple ce ne puo' essere solo UNO.
      • passavo... scrive:
        Re: Per forza
        In effetti se fossi un applista prenderei spunto da questi dati per ragiornarci su..."Vuoi dire che mi stanno... e che quindi... ma non sarà che..."
        • programmatr oll scrive:
          Re: Per forza
          E allora non li conosci fino in fondo, la prendono in saccoccia e ne vanno fieri.
        • ... scrive:
          Re: Per forza
          - Scritto da: passavo...
          In effetti se fossi un applista prenderei spunto
          da questi dati per ragiornarci
          su...

          "Vuoi dire che mi stanno... e che quindi... ma non sarà che..."scusa ma se uno e' XXXXXo e gli piace prenderlo nel XXXX, che, deve chiedere il permesso a te? ecchecXXXXX!ci vuole rispetto anche per i XXXXX apple, vanno rispettati, come se fossero persone nermali. col loro soldi e i loro sfinteri devono essere liberi di fare cio' che vogliono.
          • passavo... scrive:
            Re: Per forza
            Per favore, rispettiamo gli omosessuali.Non c'è nessuna colpa nell'esserlo. E come si mi si incolpasse me del fatto che vado matto per il gelato al caffé. Noi siamo solo una sofisticata reazione chimica e negarlo significa solo negare l'esistenza del sole e quindi dimostrare al mondo che si è .ioniCome quel fenomeno da circo che ha deto che per il fatto vergognoso di Colonia, la colpa è solo delle donne. Profumavano e si vestivano all'occidentale! E poi ci chiamano "Homo Sapiens" ... tristezza.Discorso a parte invece per gli Applisti! yak! Lì si può infierire quanto si vuole. A loro piace lo scontro dialettico!
      • Codice antispam non corretto scrive:
        Re: Per forza
        - Scritto da: bubba
        - Scritto da: Luca

        Sul play store ci sono un sacco di app gratuite,

        sull'app store l'app "mostra il dito medio a

        Cock" costa 0,99

        centesimi!


        In regime di monopolio ci sono più profitti, lo

        sa anche il

        muro
        esatto... di "play store" android ce ne sono a
        migliaia... per papple ce ne puo' essere solo
        UNO.No. Conta bene
    • angelo scrive:
      Re: Per forza
      - Scritto da: Luca
      Sul play store ci sono un sacco di app gratuite,
      sull'app store l'app "mostra il dito medio a
      Cock" costa 0,99 centesimi!a parte il fatto che non è vero, visto che nessuno lavora gratis, se l'App è gratuita significa solo due cose:-o ti profila (e poi "rivende" il tuo profilo, tipo un'App "torcia" che vuole l'acXXXXX ai contatti... chissà per fare cosa...)-o ti riempie di pubblicità (odiosa che consuma traffico e batteria)Sul mio teleofno Android, quando posso, compro sempre... per evitare queste due cose...
  • Lizza scrive:
    App store
    Entrare in un Appstore (si fisico che digitale) vuol dire farsi rapinare legalmente.
    • il fuddaro scrive:
      Re: App store
      - Scritto da: Lizza
      Entrare in un Appstore (si fisico che digitale)
      vuol dire farsi rapinare
      legalmente.Quindi sono tutti felici di essere rapinati. Pensa che ho sempre pensato che il cliente soddisfatto, è quello raggirato.E gli utenti apple ne sono una conferma.
      • Pietro scrive:
        Re: App store
        - Scritto da: il fuddaro
        - Scritto da: Lizza

        Entrare in un Appstore (si fisico che digitale)

        vuol dire farsi rapinare

        legalmente.

        Quindi sono tutti felici di essere rapinati.
        Pensa che ho sempre pensato che il cliente
        soddisfatto, è quello
        raggirato.figuriamoci allora quello insoddisfatto..
        E gli utenti apple ne sono una conferma.
    • panda rossa scrive:
      Re: App store
      - Scritto da: Lizza
      Entrare in un Appstore (si fisico che digitale)
      vuol dire farsi rapinare
      legalmente.Questo solo perche' la sodomia non e' piu' reato da un pezzo.
    • angelo scrive:
      Re: App store
      - Scritto da: Lizza
      Entrare in un Appstore (si fisico che digitale)
      vuol dire farsi rapinare
      legalmente.non esistono Appstore "fisic"... scommetto che tu sei uno di quelli che su Facebook condivide bufale ed altre fesserie
      • trombosi scrive:
        Re: App store
        - Scritto da: angelo
        - Scritto da: Lizza

        Entrare in un Appstore (si fisico che
        digitale)

        vuol dire farsi rapinare

        legalmente.

        non esistono Appstore "fisic"...Ignaro:[yt]rvyCR2vwysw[/yt]
        scommetto che tu
        sei uno di quelli che su Facebook condivide
        bufale ed altre
        fesserieFatti un esame di coscienza.
        • Il fuddaro scrive:
          Re: App store
          - Scritto da: trombosi
          - Scritto da: angelo

          - Scritto da: Lizza


          Entrare in un Appstore (si fisico che

          digitale)


          vuol dire farsi rapinare


          legalmente.



          non esistono Appstore "fisic"...

          Ignaro:

          [yt]rvyCR2vwysw[/yt]


          scommetto che tu

          sei uno di quelli che su Facebook condivide

          bufale ed altre

          fesserie

          Fatti un esame di coscienza.Be c'e' da dire che sono le solite figure che fanno i macachi.
Chiudi i commenti