Samsung e RIM, tablet da competizione

Arrivano due nuovi Galaxy Tab ultrasottili e tre versioni del PlayBook. Con un prezzo allineato a quello del device Apple, e la rincorsa a form factor e appeal finora ad appannaggio della Mela

Roma – Per spodestare iPad dal trono occorre agire su più fronti e offrire un prezzo concorrenziale. Research In Motion e Samsung lo hanno capito e stanno affilando le armi. L’azienda coreana ha ammesso di aver rivisto il progetto Galaxy Tab in corsa, proprio per mantenersi competitiva rispetto alla concorrenza della Mela. RIM ha dichiarato di non temere iPad, perché il PlayBook sarà in grado di navigare molto più velocemente.

Come noto, il tablet BlackBerry proverà a differenziarsi dagli altri puntando sull’utenza business e sarà in grado di sincronizzarsi via wireless con l’omonimo smartphone di casa RIM. Le differenze con iPad 2 passeranno anche dalle dimensioni del display da 7 pollici, contro i 9,6 pollici del dispositivo Apple.

L’azienda ha recentemente rivelato che la tavoletta sarà disponibile in tre differenti tagli: un 16GB da 499 dollari, un 32GB da 599 dollari e un 64GB da 699. Inizialmente, Playbook sarà disponibile solamente in USA e Canada (i preordini online sono già partiti) e potrà connettersi solo in WiFi. Per il futuro si parla però di una versione 4G.

Anche Samsung introdurrà sul mercato diverse varianti del Galaxy Tab con Honeycomb, ma in questo caso le differenze non passeranno solo dalla memoria a bordo. Il colosso asiatico ha appena presentato un nuovo Tab compatto (470 grammi) da 8,9 pollici (1280X800 pixel) e il restyling del modello da 10.1 pollici (non ancora giunto sul mercato), che propone lo stesso spessore record di 8,6 mm.

La cura dimagrante ha ridimensionato la fotocamera posteriore, passata da 8 a 3MPx, ma sembra che il tablet maggiore non abbia rinunciato a nessun’altra feature, rispetto al primo modello visto a Barcellona. Tecnicamente parlando, entrambi i Galaxy Tab avranno comunque un processore da 1GHz dual-core, una batteria da 6000mAh e uno slot per microSD.

La nuova edizione del maxi Samsung da 10,1 pollici uscirà il giorno 8 giugno. La versione 16GB con modulo WiFi costerà 499 dollari, mentre per portarsi a casa il 32GB serviranno cento dollari in più. La versione da 8,9 pollici del tab verrà invece proposta a 469 dollari, nel taglio da 16GB, e a 569 dollari con 32GB di spazio. In questo caso non è stata rivelata una data d’uscita ben precisa, ma si parla comunque di questa estate.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Davide scrive:
    WindowsCE?
    Perchè WindowsCE se è x86??
  • Phabio76 scrive:
    dopo anni di stand-by?
    Forse non sarà sotto la luce dei riflettori, sarà probabilmente un prodotto di nicchia, ma recentemente è uscito il nano x2 a 1,8Ghz che straccia gli atom e compete con fusion... se non fosse che ha ancora la grafica integrata nel chipset.
    • Roberto Pulito scrive:
      Re: dopo anni di stand-by?
      Vero. Ma si è comunque rimessa in moto da quest'anno sul discorso CPU. Era da tanto che non produceva nuovi competitivi proXXXXXri con licenza x86, specie in ambito consumer. Questo volevo dire nella parentesi.
  • mura scrive:
    Supporto a Linux ???
    Leggere "Via" e "supporto a linux" nella stessa frase mi fa cadere dalla sedia dal ridere, ma se sono anni che non sono riusciti ancora a rilasciare dei driver decenti e in linea con gli ultimi sviluppi e tecnologie inclusi nei kernel più recenti e ancora non si vergognano a scrivere queste robe da commerciali marchettari ?Ma che tirino fuori due lire per pagare le persone giuste e fare dei driver decenti piuttosto.
    • lol scrive:
      Re: Supporto a Linux ???

      Leggere "Via" e "supporto a linux" nella stessa
      frase mi fa cadere dalla sedia dal ridere, ma se
      sono anni che non sono riusciti ancora a
      rilasciare dei driver decenti e in linea con gli
      ultimi sviluppi e tecnologie inclusi nei kernel
      più recenti e ancora non si vergognano a scrivere
      queste robe da commerciali marchettaric'è di peggio, parliamo ad esempio di nvidia e sony.via ci ha provato ma non è sicuramente un prodotto di massa e con priorità critica per lo sviluppo.
      • mura scrive:
        Re: Supporto a Linux ???
        - Scritto da: lol
        c'è di peggio, parliamo ad esempio di nvidia e
        sony.Di sony non so nulla ma nvidia almeno un driver più che decente c'è anche se non supporta il nuovo sistema di kernel mode setting ma almeno è utilizzabile con più o meno tutte le versioni di kernel utilizzate nelle varie distro mainstream, il driver binario di via su versioni successive alla 2.6.35 non va e anche in tal caso non supporta molte famiglie di chipset.
        via ci ha provato ma non è sicuramente un
        prodotto di massa e con priorità critica per lo sviluppo.Non sono di massa i netbook che usano quella componentistica allora ? Senza poi dimenticare il progetto one laptop per child che dovrebbe usare proprio linux some so.
Chiudi i commenti