Samsung: via libera al riciclo dei Note 7

Le richieste degli ambientalisti di Greenpeace sono state accolte. Samsung smaltirà i 4,3 milioni di Galaxy Note 7 ritirati dal mercato minimizzando così l'impatto ambientale

Roma – Samsung ha rassicurato gli ambientalisti sulle procedure di smaltimento dei Galaxy Note 7 ritirati dal mercato per i noti problemi di autocombustione. L’azienda, che fino ad ora era stata nebulosa sulle modalità di smaltimento, ha fatto sapere che sono al vaglio tre misure volte a minimizzare l’impatto ambientale: ricondizionare gli smartphone da rivendere o da dedicare al mercato del noleggio; riutilizzare alcune componenti interne per ricavarne sample da esposizione; riciclare i metalli preziosi con metodi innovativi. Con l’occasione Samsung ha ribadito anche la volontà di adottare piani di ricerca e sviluppo con un occhio di riguardo all’impatto ambientale .

Samsung

I dispositivi ritirati sono stati circa 4,3 milioni in tutto il mondo con un piano di ritiro che sarebbe costato oltre 1 miliardo di dollari. La prima proposta di Samsung che considera di rimettere in circolazione i Note 7 ricondizionati rappresenterebbe una misura a sicuro vantaggio dell’ambiente ed economicamente vantaggiosa. L’immissione sul mercato sarà però subordinata al via libera da parte delle autorità, che non si sono ancora espresse in merito. La stessa Samsung ha comunicato a The Verge che “i dettagli sul prodotto, incluso il nome, specifiche tecniche e prezzo sarà annunciato quando il dispositivo sarà disponibile”. L’azienda escluderebbe però che questi apparecchi, riparati e ribrandizzati, possano essere distribuiti sul mercato statunitense.

L’iniziativa ambientalista anticipa il lancio del nuovo Galaxy 8 ed è probabile che sia nata proprio a seguito di una campagna di sensibilizzazione di Greenpeace sostenuta anche da una petizione online , che ha raggiunto il suo apice nell’ interruzione di una presentazione Samsung in occasione del Mobile World Congress di Barcellona. L’organizzazione ambientalista ha commentato così la decisione di Samsung: “l’annuncio è il primo passo che mostra l’impegno verso un nuovo percorso per riciclare smartphone, partendo dai Note 7. Greenpeace accerterà che Samsung tenga conto delle milioni di voci dei nostri sostenitori e rispetti il suo impegno”.

La riconquista della fiducia del pubblico, dopo un danno d’immagine costato circa 3 miliardi di dollari , passa anche attraverso la maggior attenzione per i problemi ambientali. In passato purtroppo la gestione della spazzatura tecnologica non è stata trattata con la stessa attenzione. Un decennio di utilizzo e la rapida dismissione di smartphone ha creato enormi problemi ambientali e una montagna di 50 milioni di tonnellate di rifiuti, come approfondito nel documento “From Smart to Senseless: The Global Impact of Ten Years of Smartphones” elaborato da Greenpeace USA.

Qualcuno ricorderà le cartucce Atari ritrovate seppellite nel deserto del New Mexico. Questa volta le prospettive sono migliori.

Mirko Zago

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • viborath scrive:
    Offerta di prestito tra particolare nel
    Ciao signora signoreAvete bisogno di assistenza finanziaria per scopi personali o commerciali? Offriamo finanziamenti con un tasso di interesse molto basso del 3% in tutto il mondo. Abbiamo prestiti di 20 000 a 30.000, 000 dollari e euro per i clienti interessati. Il nostro programma di prestito è molto semplice e flessibile. Chiunque sia interessato vi preghiamo di contattarci via e-mail per avere maggiori informazioni: viborath.Kalin@gmail.com
  • ... scrive:
    Dov'e' "Basta Con La Pirateria"?
    non c'e' mai quando serve!Ehi, redazione, mandategli i soliti 20 euro su paypal e sguinzagliatelo per una settimana.
  • Uqbar scrive:
    Parolai!
    A noi Italiani piacciono molto le parole. Molto meno i fatti.Potrei sbagliarmi, ma la questione è semplice: pubblicare una lista di link a risorse illegali (copie e stream non autorizzati) facilita l'uso (illegale) delle stesse?Se la risposta è "sì", allora quelle pubblicazioni sono illegali.Se la risposta è "no", allora quelle pubblicazioni sono legali.Il resto è sterile Accademia Nazionale degli Azzeccagarbugli!
    • Mao99 scrive:
      Re: Parolai!
      - Scritto da: Uqbar
      A noi Italiani piacciono molto le parole. Molto
      meno i
      fatti.
      Potrei sbagliarmi, ma la questione è semplice:
      pubblicare una lista di link a risorse illegali
      (copie e stream non autorizzati) facilita l'uso
      (illegale) delle
      stesse?
      Se la risposta è "sì", allora quelle
      pubblicazioni sono
      illegali.
      Se la risposta è "no", allora quelle
      pubblicazioni sono
      legali.
      Il resto è sterile Accademia Nazionale degli
      Azzeccagarbugli!Già, infatti come dice l'articolo hanno sbagliato l'imputazione, per questo motivo non sono stati puniti.
    • artista di stra tto scrive:
      Re: Parolai!
      - Scritto da: Uqbar
      A noi Italiani piacciono molto le parole. Molto
      meno i
      fatti.
      Potrei sbagliarmi, ma la questione è semplice:
      pubblicare una lista di link a risorse illegali
      (copie e stream non autorizzati) facilita l'uso
      (illegale) delle
      stesse?Si, facilita lo sfruttamento del lavoro di altri.
      Se la risposta è "sì", allora quelle
      pubblicazioni sono
      illegali.
      Se la risposta è "no", allora quelle
      pubblicazioni sono
      legali.
      Il resto è sterile Accademia Nazionale degli
      Azzeccagarbugli!Infatti se hai letto bene l'articolo è una questione di lana caprina, come al solito.
    • panda rossa scrive:
      Re: Parolai!
      - Scritto da: Uqbar
      A noi Italiani piacciono molto le parole. Molto
      meno i
      fatti.
      Potrei sbagliarmi, ma la questione è semplice:
      pubblicare una lista di link a risorse illegali
      (copie e stream non autorizzati) facilita l'uso
      (illegale) delle
      stesse?
      Se la risposta è "sì", allora quelle
      pubblicazioni sono
      illegali.
      Se la risposta è "no", allora quelle
      pubblicazioni sono
      legali.
      Il resto è sterile Accademia Nazionale degli
      Azzeccagarbugli!Chi lo dice che sono illegali?Io pubblico questo link.http://www.fancityacireale.it/wordpress2/wp-content/uploads/2015/11/Topolino02.jpgCome fai tu a stabilire se e' legale o illegale?Manco io che ho pubblicato il link lo so, e non me ne puo' fregar di meno.Il contenuto e' in rete, liberamente consultabile.Se qualcuno ritiene che chi lo ha pubblicato non abbia i diritti, se la vedano tra di loro.Io pubblico il link e non ho alcun lucro a farlo.Tu seguendo il link scarichi il contenuto e non ti deve XXXXXXX nient'altro.
      • artista di stra tto scrive:
        Re: Parolai!
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: Uqbar

        A noi Italiani piacciono molto le parole.
        Molto

        meno i

        fatti.

        Potrei sbagliarmi, ma la questione è
        semplice:

        pubblicare una lista di link a risorse
        illegali

        (copie e stream non autorizzati) facilita
        l'uso

        (illegale) delle

        stesse?

        Se la risposta è "sì", allora quelle

        pubblicazioni sono

        illegali.

        Se la risposta è "no", allora quelle

        pubblicazioni sono

        legali.

        Il resto è sterile Accademia Nazionale degli

        Azzeccagarbugli!

        Chi lo dice che sono illegali?
        Io pubblico questo link.
        http://www.fancityacireale.it/wordpress2/wp-conten

        Come fai tu a stabilire se e' legale o illegale?
        Manco io che ho pubblicato il link lo so, e non
        me ne puo' fregar di
        meno.
        Il contenuto e' in rete, liberamente consultabile.
        Se qualcuno ritiene che chi lo ha pubblicato non
        abbia i diritti, se la vedano tra di
        loro.
        Io pubblico il link e non ho alcun lucro a farlo.
        Tu seguendo il link scarichi il contenuto e non
        ti deve XXXXXXX
        nient'altro.Se uno pubblica il link ai file segreti della cia e tu ci cliccki e ti scarichi i documenti il giorno dopo ti suonano il campanello di casa due tizi vestiti di nero e poi di panda rossa si perdono le tracce.Vorrei capire perchè, in fondo stai solo facendo una copia di documenti e nessuno può dimostrare che ne farai un uso illegale.
        • webwizard scrive:
          Re: Parolai!
          - Scritto da: artista di stra tto
          Se uno pubblica il link ai file segreti della cia
          e tu ci cliccki e ti scarichi i documenti il
          giorno dopo ti suonano il campanello di casa due
          tizi vestiti di nero e poi di panda rossa si
          perdono le tracce.
          Vorrei capire perchè, in fondo stai solo facendo
          una copia di documenti e nessuno può dimostrare
          che ne farai un uso illegale.https://our.wikileaks.org/Vault_7Eccheli qui, scaricati. Adesso aspetto che arrivino i man in black, ma alla svelta che sennò il tè si fredda...Ma svegliati...
          • artista di stra tto scrive:
            Re: Parolai!
            - Scritto da: webwizard
            - Scritto da: artista di stra tto

            Se uno pubblica il link ai file segreti della
            cia

            e tu ci cliccki e ti scarichi i documenti il

            giorno dopo ti suonano il campanello di casa due

            tizi vestiti di nero e poi di panda rossa si

            perdono le tracce.

            Vorrei capire perchè, in fondo stai solo facendo

            una copia di documenti e nessuno può dimostrare

            che ne farai un uso illegale.

            https://our.wikileaks.org/Vault_7

            Eccheli qui, scaricati. Adesso aspetto che
            arrivino i man in black, ma alla svelta che sennò
            il tè si
            fredda...

            Ma svegliati...Bravo, vai a dire ad Assange di svegliarsi.
          • Uqbar scrive:
            Re: Parolai!
            - Scritto da: artista di stra tto
            Bravo, vai a dire ad Assange di svegliarsi.Assange opera il sito che facilita l'acXXXXX illegale a documenti riservati.Ed è per questo che vive così felicemente.Non è lo stesso della pirateria, ma assomiglia.
        • Uqbar scrive:
          Re: Parolai!
          - Scritto da: artista di stra tto
          Se uno pubblica il link ai file segreti della cia
          e tu ci cliccki e ti scarichi i documenti il
          giorno dopo ti suonano il campanello di casa due
          tizi vestiti di nero e poi di panda rossa si
          perdono le
          tracce.
          Vorrei capire perchè, in fondo stai solo facendo
          una copia di documenti e nessuno può dimostrare
          che ne farai un uso
          illegale.Credo che non è che non devi fare cose illegali sennò ti beccano.Credo che dovresti non farle perché sono illegali e basta.Ma ognuno è libero di fare e credere quel che vuole finché se ne assume le responsabilità.
          • artista di stra tto scrive:
            Re: Parolai!
            - Scritto da: Uqbar
            - Scritto da: artista di stra tto

            Se uno pubblica il link ai file segreti
            della
            cia

            e tu ci cliccki e ti scarichi i documenti il

            giorno dopo ti suonano il campanello di casa
            due

            tizi vestiti di nero e poi di panda rossa si

            perdono le

            tracce.

            Vorrei capire perchè, in fondo stai solo
            facendo

            una copia di documenti e nessuno può
            dimostrare

            che ne farai un uso

            illegale.

            Credo che non è che non devi fare cose illegali
            sennò ti
            beccano.
            Credo che dovresti non farle perché sono illegali
            e
            basta.
            Ma ognuno è libero di fare e credere quel che
            vuole finché se ne assume le
            responsabilità.Infatti e nell'articolo è descritto cosa non è legale.
        • panda rossa scrive:
          Re: Parolai!
          - Scritto da: artista di stra tto

          Tu seguendo il link scarichi il contenuto e
          non

          ti deve XXXXXXX

          nient'altro.

          Se uno pubblica il link ai file segreti della cia
          e tu ci cliccki e ti scarichi i documenti il
          giorno dopo ti suonano il campanello di casa due
          tizi vestiti di nero e poi di panda rossa si
          perdono le
          tracce.
          Vorrei capire perchè, in fondo stai solo facendo
          una copia di documenti e nessuno può dimostrare
          che ne farai un uso
          illegale.Si certo, i files segreti della CIA adesso sono in rete e raggiungibili con un link!Ma cresci!
          • Uqbar scrive:
            Re: Parolai!
            - Scritto da: panda rossa
            Si certo, i files segreti della CIA adesso sono
            in rete e raggiungibili con un
            link!Sì!https://it.wikipedia.org/wiki/WikiLeaks
          • panda rossa scrive:
            Re: Parolai!
            - Scritto da: Uqbar
            - Scritto da: panda rossa

            Si certo, i files segreti della CIA adesso
            sono

            in rete e raggiungibili con un

            link!

            Sì!
            https://it.wikipedia.org/wiki/WikiLeaksAllora e' tutto in regola.Non c'e' niente di illegale.
          • Uqbar scrive:
            Re: Parolai!
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Uqbar

            - Scritto da: panda rossa


            Si certo, i files segreti della CIA
            adesso

            sono


            in rete e raggiungibili con un


            link!



            Sì!

            https://it.wikipedia.org/wiki/WikiLeaks

            Allora e' tutto in regola.
            Non c'e' niente di illegale.Sei forte, anche se il carburatore è sXXXXX.Salti di palo in frasca. Ganzo!Io non ci riesco. Non mi alleno molto.
          • artista di stra tto scrive:
            Re: Parolai!
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: artista di stra tto



            Tu seguendo il link scarichi il
            contenuto
            e

            non


            ti deve XXXXXXX


            nient'altro.



            Se uno pubblica il link ai file segreti
            della
            cia

            e tu ci cliccki e ti scarichi i documenti il

            giorno dopo ti suonano il campanello di casa
            due

            tizi vestiti di nero e poi di panda rossa si

            perdono le

            tracce.

            Vorrei capire perchè, in fondo stai solo
            facendo

            una copia di documenti e nessuno può
            dimostrare

            che ne farai un uso

            illegale.

            Si certo, i files segreti della CIA adesso sono
            in rete e raggiungibili con un
            link!

            Ma cresci!Ma cresci tu pivello, wikileaks ha modificato i documenti per evitare che potessero essere sfruttati dagli hacker ma non solo.E Assange è in vacanza ai caraibi vero ???
          • Uqbar scrive:
            Re: Parolai!
            - Scritto da: artista di stra tto
            Ma cresci tu pivello, wikileaks ha modificato i
            documenti per evitare che potessero essere
            sfruttati dagli hacker ma non
            solo.
            E Assange è in vacanza ai caraibi vero ???Credo che P.R. si diverta così.Forse i pivelli siamo noi che gli rispondiamo!
      • Uqbar scrive:
        Re: Parolai!
        - Scritto da: panda rossa
        Chi lo dice che sono illegali?Magari il fatto che i film, le opere teatrali, la musica e le partite ecc sono protetti da copyright!Altrimenti al cinema, al teatro, ai concerti o allo stadio ci si andrebbe gratis, senza comprare biglietti.Se poi dici:"Ho trovato liberamente un link a questo file/stream che si chiama "St4r w4r5 th3 l45t J3d1" e lo metto su una mia pigina con 20 banner pubblicitari, che te ne frega, che me ne frega!"Puoi farlo, così come puoi illuderti che sia tutto a posto.Sostenerne la legalità è pure possibile ma, temo, assolutamente da sprovveduti.Vedi tu.
        • Shiba scrive:
          Re: Parolai!
          - Scritto da: Uqbar
          - Scritto da: panda rossa

          Chi lo dice che sono illegali?
          Altrimenti al cinema, al teatro, ai concerti o
          allo stadio ci si andrebbe gratis, senza comprare
          biglietti.Cinema, teatro, concerti e stadio hanno costi di manutenzione e di manodopera per continuare ad esistere. Una copia ha un costo di elettricità e (se scaricata) connessione ad internet che già pago. La situazione è equiparabile solo se mi rifiuto di pagare queste due cose.
          • Uqbar scrive:
            Re: Parolai!
            - Scritto da: Shiba
            Cinema, teatro, concerti e stadio hanno costi di
            manutenzione e di manodopera per continuare ad
            esistere. Una copia ha un costo di elettricità e
            (se scaricata) connessione ad internet che già
            pago. La situazione è equiparabile solo se mi
            rifiuto di pagare queste due
            cose.Per effettuare un furto mi devo impegnare fisicamente, probabilmente consumare cibo, benzina, elettricità e credito telefonico. Quindi, di fatto, ho pagato per il bene di cui mi sono appropriato ...Figo, mi piace!Ma non so se un giudice ti assolverebbe con questa spiegazione!Il fatto è che un film, un concerto, una partita o una commedia vengono prodotti per perseguire un guadagno facendosi pagare per la fruizione.Credo sia questo il costo che dà il diritto allafruizione.Non il fatto che hai speso soldi per scaricarti il file o vedere lo stream!
          • Shiba scrive:
            Re: Parolai!
            - Scritto da: Uqbar
            - Scritto da: Shiba

            Cinema, teatro, concerti e stadio hanno
            costi
            di

            manutenzione e di manodopera per continuare
            ad

            esistere. Una copia ha un costo di
            elettricità
            e

            (se scaricata) connessione ad internet che
            già

            pago. La situazione è equiparabile solo se mi

            rifiuto di pagare queste due

            cose.

            Per effettuare un furto mi devo impegnare
            fisicamente, probabilmente consumare cibo,
            benzina, elettricità e credito telefonico.
            Quindi, di fatto, ho pagato per il bene di cui mi
            sono appropriato
            ...
            Figo, mi piace!
            Ma non so se un giudice ti assolverebbe con
            questa spiegazione!Per effettuare un furto devi togliere qualcosa a qualcuno. Qui non si sta togliendo niente a nessuno
            Il fatto è che un film, un concerto, una partita
            o una commedia vengono prodotti per perseguire un
            guadagno facendosi pagare per la fruizione.E non ho nessun problema a dare soldi a un attore mentre sta recitando o a un musicista mentre si sta esibendo. Se l'attore/musicista/quel_che_è pretende guadagni indefiniti per qualcosa che tra l'altro è a costo zero come una copia, questo si chiama parassitismo.
            Credo sia questo il costo che dà il diritto
            allafruizione.
            Non il fatto che hai speso soldi per scaricarti
            il file o vedere lo stream!Io credo che il diritto alla fruizione scatti nel momento in cui un segreto smetti di tenertelo per te. Se vuoi guadagnare lavori tutti i giorni come ogni essere umano decente, non campi per anni grattandoti le balle sul divano perché i soldi continuano ad arrivare lo stesso. È poi quello che fanno i musicisti che non diventano un fenomeno mondiale: vanno in giro a farsi pagare per suonare.
          • artista di stra tto scrive:
            Re: Parolai!
            - Scritto da: Shiba
            - Scritto da: Uqbar

            - Scritto da: panda rossa


            Chi lo dice che sono illegali?

            Altrimenti al cinema, al teatro, ai concerti
            o

            allo stadio ci si andrebbe gratis, senza
            comprare

            biglietti.

            Cinema, teatro, concerti e stadio hanno costi di
            manutenzione e di manodopera per continuare ad
            esistere. Una copia ha un costo di elettricità e
            (se scaricata) connessione ad internet che già
            pago. La situazione è equiparabile solo se mi
            rifiuto di pagare queste due
            cose.Il tuo ragionamento ha senso se UNA copia la faccio pagare 10.000 per coprire i costi di produzione.Ma il costo di UNA copia copre lo zero virgola dei costi.
          • Uqbar scrive:
            Re: Parolai!
            - Scritto da: artista di stra tto
            - Scritto da: Shiba

            - Scritto da: Uqbar


            - Scritto da: panda rossa



            Chi lo dice che sono illegali?


            Altrimenti al cinema, al teatro, ai
            concerti

            o


            allo stadio ci si andrebbe gratis, senza

            comprare


            biglietti.



            Cinema, teatro, concerti e stadio hanno
            costi
            di

            manutenzione e di manodopera per continuare
            ad

            esistere. Una copia ha un costo di
            elettricità
            e

            (se scaricata) connessione ad internet che
            già

            pago. La situazione è equiparabile solo se mi

            rifiuto di pagare queste due

            cose.

            Il tuo ragionamento ha senso se UNA copia la
            faccio pagare 10.000 per coprire i costi di
            produzione.
            Ma il costo di UNA copia copre lo zero virgola
            dei
            costi.Un minuto di telefonata mobile costa meno di un milionesimo di euro.Eppure la paghi un centesimo o due.Lo scopo di Vodafone non è ripagarsi i costi. E' il PROFITTO, continuo, crescente e possibilmente duraturo...
          • artista di stra tto scrive:
            Re: Parolai!
            - Scritto da: Uqbar
            - Scritto da: artista di stra tto

            - Scritto da: Shiba


            - Scritto da: Uqbar



            - Scritto da: panda rossa




            Chi lo dice che sono illegali?



            Altrimenti al cinema, al teatro, ai

            concerti


            o



            allo stadio ci si andrebbe gratis,
            senza


            comprare



            biglietti.





            Cinema, teatro, concerti e stadio hanno

            costi

            di


            manutenzione e di manodopera per
            continuare

            ad


            esistere. Una copia ha un costo di

            elettricità

            e


            (se scaricata) connessione ad internet
            che

            già


            pago. La situazione è equiparabile solo
            se
            mi


            rifiuto di pagare queste due


            cose.



            Il tuo ragionamento ha senso se UNA copia la

            faccio pagare 10.000 per coprire i costi di

            produzione.

            Ma il costo di UNA copia copre lo zero
            virgola

            dei

            costi.

            Un minuto di telefonata mobile costa meno di un
            milionesimo di
            euro.
            Eppure la paghi un centesimo o due.
            Lo scopo di Vodafone non è ripagarsi i costi. E'
            il PROFITTO, continuo, crescente e possibilmente
            duraturo...E' ovvio che sia il profitto, poi possiamo stare a discutere quanto sia morale o immorale essere interessati al profitto e anche quanto sia morale o immorale fare pagare tanto o poco. Comunque chi fa impresa è interessato al profitto anche perchè fa degli investimenti e ha dei costi di gestione.Quando si parla di film, si fanno degli investimenti di milioni di dollari. Le attrezzature sono un investimento e le devi pagare, il personale lo devi pagare e con quei soldi ci deve vivere, che ci piaccia o no.Cosa fare ? Fare pagare una copia milioni di dollari e rendere le altre gratuite o distribuire i guadagni su migliaia di copie ?Il punto è che gli investimenti da fare per produrre UNA copia non sono gli stessi che vanno fatti per UNA esibizione, teatrale, musicale, ecc.Però una qualche forma di guadagno la devi avere per coprire i costi.
          • panda rossa scrive:
            Re: Parolai!
            - Scritto da: artista di stra tto
            Il tuo ragionamento ha senso se UNA copia la
            faccio pagare 10.000 per coprire i costi di
            produzione.
            Ma il costo di UNA copia copre lo zero virgola
            dei
            costi.Ma le copie digitali sono infinite, mica a tiratura limitata.Quindi non puoi usare lo stesso modello di quando l'editore produceva una tiratura di x mila copie.
          • artista di stra tto scrive:
            Re: Parolai!
            - Scritto da: panda rossa
            Ma le copie digitali sono infinite, mica a
            tiratura
            limitata.
            Quindi non puoi usare lo stesso modello di quando
            l'editore produceva una tiratura di x mila
            copie.Il problema è che il modello che proponi tu, per cui i guadagni degli artisti arrivano SOLO dalle esibizioni non sta in piedi, basta solo pensare al cinema e alla scrittura.
          • panda rossa scrive:
            Re: Parolai!
            - Scritto da: artista di stra tto
            - Scritto da: panda rossa

            Ma le copie digitali sono infinite, mica a

            tiratura

            limitata.

            Quindi non puoi usare lo stesso modello di
            quando

            l'editore produceva una tiratura di x mila

            copie.

            Il problema è che il modello che proponi tu, per
            cui i guadagni degli artisti arrivano SOLO dalle
            esibizioni non sta in piedi, basta solo pensare
            al cinema e alla
            scrittura.Il cinema prevede un biglietto d'ingresso da quando esiste.Gli scrittori se piacciono, il pubblico li supportera' perche' scrivano altro.Anche passare 8 ore a firmare dediche e' una attivita che potrebbero fare.Ovviamente non tu che da quanto ho capito le mani non te le vuoi sXXXXXre, ma i diritti devono pioverti in tasca comunque.
          • artista di stra tto scrive:
            Re: Parolai!
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: artista di stra tto

            - Scritto da: panda rossa


            Ma le copie digitali sono infinite,
            mica
            a


            tiratura


            limitata.


            Quindi non puoi usare lo stesso modello
            di

            quando


            l'editore produceva una tiratura di x
            mila


            copie.



            Il problema è che il modello che proponi tu,
            per

            cui i guadagni degli artisti arrivano SOLO
            dalle

            esibizioni non sta in piedi, basta solo
            pensare

            al cinema e alla

            scrittura.

            Il cinema prevede un biglietto d'ingresso da
            quando
            esiste.
            Gli scrittori se piacciono, il pubblico li
            supportera' perche' scrivano
            altro.Lo scrittore è un esempio di uno che non può campare con le esibizioni ma tu non ci arrivi perchè sei ottuso
            Anche passare 8 ore a firmare dediche e' una
            attivita che potrebbero
            fare.Vallo a dire al tuo amato Saviano, di fare quello di mestiere.
            Ovviamente non tu che da quanto ho capito le mani
            non te le vuoi sXXXXXre, ma i diritti devono
            pioverti in tasca
            comunque.A parte che stare 8 ore a firmare dediche non è un "sXXXXXrsi le mani"Ma poi dove l'hai letto che io non voglio "sXXXXXrmi le mani" ?Certo che non ci sono limiti all'idiozia a quanto pare.
          • Shiba scrive:
            Re: Parolai!
            - Scritto da: artista di stra tto
            - Scritto da: Shiba

            - Scritto da: Uqbar


            - Scritto da: panda rossa



            Chi lo dice che sono illegali?


            Altrimenti al cinema, al teatro, ai
            concerti

            o


            allo stadio ci si andrebbe gratis, senza

            comprare


            biglietti.



            Cinema, teatro, concerti e stadio hanno
            costi
            di

            manutenzione e di manodopera per continuare
            ad

            esistere. Una copia ha un costo di
            elettricità
            e

            (se scaricata) connessione ad internet che
            già

            pago. La situazione è equiparabile solo se mi

            rifiuto di pagare queste due

            cose.

            Il tuo ragionamento ha senso se UNA copia la
            faccio pagare 10.000 per coprire i costi di
            produzione.Tira su i 10.000 prima di fare uscire le copie: «Volete che esca? Pagate poi fateci il cavolo che vi pare!»No eh? È molto più allettante il pensiero che se sei fortunato potresti guadagnare 20 volte tanto...
          • artista di stra tto scrive:
            Re: Parolai!
            - Scritto da: Shiba
            Tira su i 10.000 prima di fare uscire le copie:
            «Volete che esca? Pagate poi fateci il
            cavolo che vi
            pare!»E' un altro modello che non funziona, è come se uno ti dicesse che ti paga il lavoro solo quando lo hai fatto, che devi cominciare a racimolare i soldi da te per cominciare a farlo e alla fine lui decide se te lo paga o no.A me sembra facile capire che non funziona e mi sorprendo a leggere certe cose ma evidentemente per te e altri non lo è.
            No eh? È molto più allettante il pensiero
            che se sei fortunato potresti guadagnare 20 volte
            tanto...Quando fai un prodotto e lo vendi nessuno ti garantisce i guadagni che farai giusto ? Se sei sfortunato non guadagni una cippa.E quindi è un altro ragionamento che non sta in piedi.Mi sa che fa parte di tutto quel set di segoni mentali funzionali a parassitare il lavoro di altri, perchè un libro, un film, un disco, sono PRODOTTI fatti da persone che ci hanno messo il loro lavoro e che tu e altri parassiti volete gratis.
          • Shiba scrive:
            Re: Parolai!
            - Scritto da: artista di stra tto
            - Scritto da: Shiba

            Tira su i 10.000 prima di fare uscire le
            copie:

            «Volete che esca? Pagate poi fateci il

            cavolo che vi

            pare!»

            E' un altro modello che non funziona, è come se
            uno ti dicesse che ti paga il lavoro solo quando
            lo hai fatto, che devi cominciare a racimolare i
            soldi da te per cominciare a farlo e alla fine
            lui decide se te lo paga o no.
            A me sembra facile capire che non funziona e mi
            sorprendo a leggere certe cose ma evidentemente
            per te e altri non lo è.Sei talmente arroccato nella tua mentalità che non ti rendi conto di quello che dici: è la stessa identica cosa che si chiede all'utente ora. Tu compri copie quando le riprese sono terminate, i dischi quando sono incisi e i libri quando sono pubblicati. In alcuni casi c'è qualcuno che li copre di soldi in anticipo, in altri casi cominci a racimolare soldi come dici tu, anche se per qualche ragione la cosa ti sembra assurda.

            No eh? È molto più allettante il
            pensiero

            che se sei fortunato potresti guadagnare 20
            volte

            tanto...

            Quando fai un prodotto e lo vendi nessuno ti
            garantisce i guadagni che farai giusto ? Se sei
            sfortunato non guadagni una cippa.
            E quindi è un altro ragionamento che non sta in
            piedi.Ovvio che non sono garantiti, ma sono definiti: se faccio <b
            una </b
            sedia, vendo <b
            una </b
            sedia; se faccio <b
            una </b
            canzone/film, vendo <b
            una </b
            canzone/film.Se faccio <b
            <i
            n </i
            </b
            sedie, vendo <b
            <i
            n </i
            </b
            sedie, al costo di <b
            una </b
            sedia l'una; se faccio <b
            <i
            n </i
            </b
            canzoni/film, vendo <b
            <i
            n </i
            </b
            canzoni/film, al costo di <b
            una </b
            canzone/film l'una.
            Mi sa che fa parte di tutto quel set di segoni
            mentali funzionali a parassitare il lavoro di
            altri, perchè un libro, un film, un disco, sono
            PRODOTTI fatti da persone che ci hanno messo il
            loro lavoro e che tu e altri parassiti volete
            gratis.Al contrario, parassita è chiunque pensi di lavorare una volta nella vita e aspettare sul divano senza far niente, tanto i soldi entrano lo stesso. Ma non devo farmi eleggere, quindi non perderò altro tempo a convincerti di una cosa che in fondo non ti interessa.
          • artista di stra tto scrive:
            Re: Parolai!
            - Scritto da: Shiba
            - Scritto da: artista di stra tto

            - Scritto da: Shiba


            Tira su i 10.000 prima di fare uscire le

            copie:


            «Volete che esca? Pagate poi
            fateci
            il


            cavolo che vi


            pare!»



            E' un altro modello che non funziona, è come
            se

            uno ti dicesse che ti paga il lavoro solo
            quando

            lo hai fatto, che devi cominciare a
            racimolare
            i

            soldi da te per cominciare a farlo e alla
            fine

            lui decide se te lo paga o no.

            A me sembra facile capire che non funziona e
            mi

            sorprendo a leggere certe cose ma
            evidentemente

            per te e altri non lo è.

            Sei talmente arroccato nella tua mentalità che
            non ti rendi conto di quello che dici: è la
            stessa identica cosa che si chiede all'utente
            ora. Tu compri copie quando le riprese sono
            terminate, i dischi quando sono incisi e i libri
            quando sono pubblicati. In alcuni casi c'è
            qualcuno che li copre di soldi in anticipo, in
            altri casi cominci a racimolare soldi come dici
            tu, anche se per qualche ragione la cosa ti
            sembra
            assurda.No il tuo ragionamento è assurdo, visto che non si capisce bene chi deve tirare fuori i soldi e poi come viene ripagato del lavoro.


            No eh? È molto più allettante il

            pensiero


            che se sei fortunato potresti
            guadagnare
            20

            volte


            tanto...



            Quando fai un prodotto e lo vendi nessuno ti

            garantisce i guadagni che farai giusto ? Se
            sei

            sfortunato non guadagni una cippa.

            E quindi è un altro ragionamento che non sta
            in

            piedi.

            Ovvio che non sono garantiti, ma sono definiti:
            se faccio <b
            una </b
            sedia, vendo
            <b
            una </b
            sedia; se faccio
            <b
            una </b
            canzone/film, vendo
            <b
            una </b

            canzone/film.Infatti quando vai a comprarti un cd o un dvd è quello che compri, dove è il problema ?
            Se faccio <b
            <i
            n </i

            </b
            sedie, vendo <b
            <i
            n
            </i
            </b
            sedie, al costo di
            <b
            una </b
            sedia l'una; se faccio
            <b
            <i
            n </i
            </b

            canzoni/film, vendo <b
            <i
            n
            </i
            </b
            canzoni/film, al costo di
            <b
            una </b
            canzone/film
            l'una.Infatti quando vai a comprarti un cd o un dvd è quello che paghi, dove è il problema ?

            Mi sa che fa parte di tutto quel set di
            segoni

            mentali funzionali a parassitare il lavoro di

            altri, perchè un libro, un film, un disco,
            sono

            PRODOTTI fatti da persone che ci hanno messo
            il

            loro lavoro e che tu e altri parassiti volete

            gratis.

            Al contrario, parassita è chiunque pensi di
            lavorare una volta nella vita e aspettare sul
            divano senza far niente, tanto i soldi entrano lo
            stesso. Anche tu, come altri qui del forum, sei ingnorante e non sai come funziona il mondo di chi fa l'artista di professione, ragioni su luoghi comuni e cose sentire dire.
            Ma non devo farmi eleggere, quindi non
            perderò altro tempo a convincerti di una cosa che
            in fondo non ti
            interessa.Si, lascia perdere che è meglio
          • Shiba scrive:
            Re: Parolai!
            - Scritto da: artista di stra tto
            - Scritto da: Shiba

            - Scritto da: artista di stra tto


            - Scritto da: Shiba



            Tira su i 10.000 prima di fare
            uscire
            le


            copie:



            «Volete che esca? Pagate poi

            fateci

            il



            cavolo che vi



            pare!»





            E' un altro modello che non funziona, è
            come

            se


            uno ti dicesse che ti paga il lavoro
            solo

            quando


            lo hai fatto, che devi cominciare a

            racimolare

            i


            soldi da te per cominciare a farlo e
            alla

            fine


            lui decide se te lo paga o no.


            A me sembra facile capire che non
            funziona
            e

            mi


            sorprendo a leggere certe cose ma

            evidentemente


            per te e altri non lo è.



            Sei talmente arroccato nella tua mentalità
            che

            non ti rendi conto di quello che dici: è la

            stessa identica cosa che si chiede all'utente

            ora. Tu compri copie quando le riprese sono

            terminate, i dischi quando sono incisi e i
            libri

            quando sono pubblicati. In alcuni casi c'è

            qualcuno che li copre di soldi in anticipo,
            in

            altri casi cominci a racimolare soldi come
            dici

            tu, anche se per qualche ragione la cosa ti

            sembra

            assurda.

            No il tuo ragionamento è assurdo, visto che non
            si capisce bene chi deve tirare fuori i soldi e
            poi come viene ripagato del lavoro.Di certo l'artista non viene pagato in anticipo dallo spettatore/ascoltatore/lettore, quindi dimmelo tu come tira su i soldi che secondo te deve per forza guadagnare durante la produzione.



            No eh? È molto più allettante
            il


            pensiero



            che se sei fortunato potresti

            guadagnare

            20


            volte



            tanto...





            Quando fai un prodotto e lo vendi
            nessuno
            ti


            garantisce i guadagni che farai giusto
            ?
            Se

            sei


            sfortunato non guadagni una cippa.


            E quindi è un altro ragionamento che
            non
            sta

            in


            piedi.



            Ovvio che non sono garantiti, ma sono
            definiti:

            se faccio <b
            una </b
            sedia,
            vendo

            <b
            una </b
            sedia; se faccio

            <b
            una </b
            canzone/film,
            vendo


            <b
            una </b


            canzone/film.

            Infatti quando vai a comprarti un cd o un dvd è
            quello che compri, dove è il problema?1.000.000 CD = 1 canzone = 1 pagamento.

            Se faccio <b
            <i
            n </i


            </b
            sedie, vendo <b

            <i

            n

            </i
            </b
            sedie, al costo di

            <b
            una </b
            sedia l'una; se
            faccio


            <b
            <i
            n </i

            </b



            canzoni/film, vendo <b
            <i
            n

            </i
            </b
            canzoni/film, al
            costo
            di

            <b
            una </b
            canzone/film

            l'una.

            Infatti quando vai a comprarti un cd o un dvd è
            quello che paghi, dove è il problema?1.000.000 CD = 1.000.000 canzoni = 1.000.000 di pagamenti.


            Mi sa che fa parte di tutto quel set di

            segoni


            mentali funzionali a parassitare il
            lavoro
            di


            altri, perchè un libro, un film, un
            disco,

            sono


            PRODOTTI fatti da persone che ci hanno
            messo

            il


            loro lavoro e che tu e altri parassiti
            volete


            gratis.



            Al contrario, parassita è chiunque pensi di

            lavorare una volta nella vita e aspettare sul

            divano senza far niente, tanto i soldi
            entrano
            lo

            stesso.

            Anche tu, come altri qui del forum, sei
            ingnorante e non sai come funziona il mondo di
            chi fa l'artista di professione, ragioni su
            luoghi comuni e cose sentire dire.Per fortuna che ci sei tu a spiegarmi che il vostro scopo è arrivare un giorno a guadagnare senza dover lavorare. Chiunque speri in questo modello merita di non guadagnare una lira, finché non gli entra nella testa quello che avrebbero dovuto insegnargli da piccolo i genitori: se vuoi mangiare, vai a lavorare.

            Ma non devo farmi eleggere, quindi non

            perderò altro tempo a convincerti di una
            cosa
            che

            in fondo non ti

            interessa.

            Si, lascia perdere che è meglioOh beh, weekend, se vuoi andiamo avanti.
          • artista di stra tto scrive:
            Re: Parolai!
            Tagliamo corto: dillo tu quale è un modello che secondo te funziona, cioè un modello in cui tutte le figure coinvolte nella produzione di un'opera artistica vengono retribuite correttamente. Non includere i diritti d'autore nel modello e presenta il tuo di modello con tanto di:- dettagli su quante e quali figure sono coinvolte (non so...in una produzione musicale, per esempio), - quanto è giusto pagare per il loro lavoro, per ogni figura - chi sborsa i soldi e quanto, - quanto, chi sborsa i soldi, è giusto che guadagni perchè abbia un certo margine di respiro (aka: stipendio) fino alla prossima opera- dettaglia pure il modo in cui può raccogliere i soldi (prima o dopo o durante, come ti pare) per coprire i costi e dare da mangiare ai suoi figli - chi lo paga effettivamente- poi indica un modo per tutelare il creatore di un'opera dal fatto che qualcun altro può sfruttare il suo lavoro (cioè non fa una cippa se non copiare quello che ha fatto, copiare nel vero senso della parola) per averne dei benefici economici, per esempio: si scarica i file da internet e poi produce dei cd e li vende nel suo negozio di dischi, o dei film o dei libri o quello che ti pare. E bada bene che non sto parlando di diritti d'autore a fini commerciali eh !! Sto parlando di tutela per evitare lo sfruttamento commerciale da parte di chi non ha fatto nessun lavoro; proprio come tu dici che chi non lavora non ha diritto a nessuna retribuzione, quindi una cosa su cui anche tu sarai di sicuro d'accordo. E non parlarmi di tipi di licenze, parlami di un modello di tutela che funziona davvero, con tanto di organismi di controllo a cui ci si può rivolgere in caso di violazioni.Non rispondermi con le solite frasi: "ah ma allora tu vorresti questo, vorresti quell'altro". Cerchiamo di trollare di meno e avere una discussione più costruttiva.Tu vuoi usufruire del lavoro altrui gratis ? Bene allora cerchiamo di essere pratici e descrivi il tuo modello di retribuzione, però di dettaglio eh ! Non i soliti: se non lavori non mangi, ecc ecc, cioè le solite XXXXXXX / luoghi comuni / ragionamenti da bambini dell'asilo.Se riesci a farlo dimostri di essere una persona intelligente e non il solito trollone qualunquista con poco sale in zucca come quelli che frequentano questo forum.Aspetto una tua risposta, questa volta vera però !!
          • Shiba scrive:
            Re: Parolai!
            - Scritto da: artista di stra tto
            Non includere i diritti d'autore nel modello e
            presenta il tuo di modello con tanto
            di:
            - dettagli su quante e quali figure sono
            coinvolte (non so...in una produzione musicale,
            per esempio),Chiunque sia <b
            necessario </b
            : il problema te lo devi porre tu, non io. Valuta attentamente chi serve e chi no prima di lanciarti verso la bancarotta.
            - quanto è giusto pagare per il loro lavoro, per
            ogni figuraAnche questo non è affar mio, io penserò al mio ambito, tu al tuo! Chiediti quanto vale secondo te il loro lavoro per tot periodo di tempo e fai loro una proposta: se accettano bene, se no ti adatti diversamente. Devo spiegarti anche come si assume personale?
            - chi sborsa i soldi e quantoDecidi tu quanto vuoi per rendere pubblica la tua creazione, al chi ci arriviamo qualche risposta più sotto.
            - quanto, chi sborsa i soldi, è giusto che
            guadagni perchè abbia un certo margine di respiro
            (aka: stipendio) fino alla prossima operaFai i tuoi conti prima (quanto spendi normalmente, quanto ti ci vuole per produrre qualcosa, ecc) e tieni in considerazione questi fattori quando dai un valore al tuo lavoro.
            - dettaglia pure il modo in cui può raccogliere i
            soldi (prima o dopo o durante, come ti pare) per
            coprire i costi e dare da mangiare ai suoi figliCrowdfunding è una possibilità: ti crei la tua bella pagina a cui fai un bel po' di pubblicità, rilasci un demo e dici che al raggiungimento della cifra tot rilascerai il tuo lavoro. Se potrai permetterti di avere dei figli, li avrai, se sarai mediocre e lavorerai per il corrispettivo degli 800 al mese di un operaio, ti adeguerai. Non hai diritto a nessun privilegio e il tuo lavoro non è in nessun modo più importante del suo, ricordalo.Quando sarai riuscito a vendere il tuo prodotto per la cifra che desideravi (o quando ti sarai accontentato), la tua opera sarà di tutti.
            - chi lo paga effettivamenteL'utente finale.
            - poi indica un modo per tutelare il creatore di
            un'opera dal fatto che qualcun altro può
            sfruttare il suo lavoro (cioè non fa una cippa se
            non copiare quello che ha fatto, copiare nel vero
            senso della parola) per averne dei benefici
            economici, per esempio: si scarica i file da
            internet e poi produce dei cd e li vende nel suo
            negozio di dischi, o dei film o dei libri o
            quello che ti pare.I marchi non smettono di esistere, servono a tutelare l'autenticità di un prodotto e come tali vanno rispettati. Niente vieta a nessuno di vendere un cd/dvd scritto a pennarello, anche se non vedo che tipo di mercato potrebbe avere quando il costo sarebbe lo stesso del tuo cd/dvd originale (~prezzo del supporto fisico) o quando può scaricarlo liberamente dalla rete.
            E bada bene che non sto parlando di diritti
            d'autore a fini commerciali eh !! Sto parlando di
            tutela per evitare lo sfruttamento commerciale da
            parte di chi non ha fatto nessun lavoro; proprio
            come tu dici che chi non lavora non ha diritto a
            nessuna retribuzione, quindi una cosa su cui
            anche tu sarai di sicuro d'accordo. E non
            parlarmi di tipi di licenze, parlami di un
            modello di tutela che funziona davvero, con tanto
            di organismi di controllo a cui ci si può
            rivolgere in caso di violazioni.Ti direi: «Ehi! Pagami e ti butto giù un modello funzionante nel giro di un anno!», ma non è il mio mestiere, quindi se vuoi una risposta legislativa competente contatta un avvocato che sicuramente saprà darti le giuste informazioni legali e circa possibili organi competenti.
            Non rispondermi con le solite frasi: "ah ma
            allora tu vorresti questo, vorresti quell'altro".
            Cerchiamo di trollare di meno e avere una
            discussione più costruttiva.La discussione ha un limite a quanto può essere costruttiva quando sforiamo dal nostro mestiere (sei musicista o avvocato?).
            Tu vuoi usufruire del lavoro altrui gratis ? Bene
            allora cerchiamo di essere pratici e descrivi il
            tuo modello di retribuzione, però di dettaglio eh
            ! Non i soliti: se non lavori non mangi, ecc
            ecc, cioè le solite XXXXXXX / luoghi comuni /
            ragionamenti da bambini dell'asilo.↑
            Se riesci a farlo dimostri di essere una persona
            intelligente e non il solito trollone
            qualunquista con poco sale in zucca come quelli
            che frequentano questo forum.
            Aspetto una tua risposta, questa volta vera però
            !!
          • artista di stra tto scrive:
            Re: Parolai!
            - Scritto da: Shiba
            Chiunque sia <b
            necessario </b
            :
            il problema te lo devi porre tu, non io.Ma io l'ho chiesto a te perchè nei post precedenti prentendevi di dare delle soluzioni che dal tono sembrava fossero ovvie
            Valuta
            attentamente chi serve e chi no prima di
            lanciarti verso la
            bancarotta.Seeee...vabbè...risposta vaga e generica ma c'era da aspettarselo
            Anche questo non è affar mio, io penserò al mio
            ambito, tu al tuo!Però quando c'è da mangiare gratis o usufruire del mio lavoro gratis, al mio ambito ci pensi, eccome, a quanto pare.Se tu non avessi nessun interesse nel mio ambito non saresti neppure qui a discutere. Credo invece che tu abbia davvero un interesse concreto in termini monetari
            Chiediti quanto vale secondo
            te il loro lavoro per tot periodo di tempo e fai
            loro una proposta: se accettano bene, se no ti
            adatti diversamente. Devo spiegarti anche come si
            assume
            personale?Altra risposta vaga e generica.Comunque non è che chiedo a te per farmi spiegare come funzionano le cose eh !! (rotfl)Lo scopo delle mie domande è capire se sei consapevole del fatto che un certo mondo lavorativo è diverso dagli altri, infatti ci sono leggi speciali.Invece quello che si percepisce dalle tue risposte è che i tuoi schemi mentali sono rigidi, fortemente ideologici e soprattutto fondati su una profonda ignoranza di come funziona un certo mondo.E bada che su questo non c'è niente si male, se non che pretendi di giudicare e dare indicazioni su cosa bisognerebbe fare che suonano come altisonanti, definitive e risolutive.
            Decidi tu quanto vuoi per rendere pubblica la tua
            creazione, al chi ci arriviamo qualche risposta
            più
            sotto.
            Fai i tuoi conti prima (quanto spendi
            normalmente, quanto ti ci vuole per produrre
            qualcosa, ecc) e tieni in considerazione questi
            fattori quando dai un valore al tuo
            lavoroSi ma io ho chiesto a te per capire se hai un'idea dei costi e dei guadagni. Ok abbiamo capito che non ce l'hai.Quando si chiede di fare una discussione costruttiva e cominciare a parlare delle cose reali, per salvarsi la faccia si cominciano a dire cose che vogliono dire tutto e niente
            Crowdfunding è una possibilità:Una possibilità che non è sostenibile nel campo artistico o meglio non ci si può pretendere di campare. C'è uno studio di una università che lo dimostra e casi di fallimento anche di noti artisti.Comunque hai detto che è UNA. Altre possibilità ? Dubito che mi darai altre risposte perchè la tua mi pare una bella arrampicata sui vetri di chi pretende di difendere un punto di vista fondato su una ideologia ovvero sul nulla ovvero staccato dalla realtà
            ti crei la tua
            bella pagina a cui fai un bel po' di pubblicità,
            rilasci un demo e dici che al raggiungimento
            della cifra tot rilascerai il tuo lavoroAnche "un bel po' di pubblicità" ha dei costi comunque, lo sapevi ?E' sempre più chiaro che il tuo "modello" non esiste, è fatto di idee vaghe e luoghi comuni, cose immaginate che non tengono conto della realtà
            Se
            potrai permetterti di avere dei figli, li avrai,
            se sarai mediocre e lavorerai per il
            corrispettivo degli 800 al mese di un operaio,
            ti adegueraiGuarda che la mediocrità non ha niente a che fare con quanto uno guadagna.Mi sorprende che tu dica questo
            Non hai diritto a nessun privilegioE chi ha detto che avrei diritto a privilegi ? Ma neanche tu hai diritto a privilegi, di questo ne tieni conto ?
            e il tuo lavoro non è in nessun modo più
            importante del suo,
            ricordaloNon ho pregiudizi sul lavoro altrui, anzi. Tu invece sei sicuro di non avere questo tipo di pregiudizi ?
            Quando sarai riuscito a vendere il tuo prodotto
            per la cifra che desideravi (o quando ti sarai
            accontentato), la tua opera sarà di
            tuttiVendere a chi? Non si parlava di crowdfunding ?Confermi che il tuo modello non è chiaro ed è molto campato in aria ma me l'aspettavo, la cosa non mi sorprende
            L'utente finaleE chi sarebbe l'utente finale ? Altra risposta vaga di questo modello campato per aria
            I marchi non smettono di esistere, servono a
            tutelare l'autenticità di un prodotto e come tali
            vanno rispettatiNon stavo parlando di tutelare l'autenticità di un prodotto, ma di tutelare lo sfruttamento commerciale della copia. Altro rigiramento della frittata da buon difensore di una ideologia
            Niente vieta a nessuno di
            vendere un cd/dvd scritto a pennarello, anche se
            non vedo che tipo di mercato potrebbe avere
            quando il costo sarebbe lo stesso del tuo cd/dvd
            originale (~prezzo del supporto fisico) o quando
            può scaricarlo liberamente dalla
            reteQualcuno del forum ha detto che: le librerie non sono chiuse, i cinema non sono chiusi, i negozi di dischi non sono chiusi. Qualcuno che compra il prodotto fisico c'è, cioè che paga. Dire che quello che hai appena detto significa negare la realtà è poco. E dire che sei quello che sostiene a gran voce che chi non lavora non ha diritto di essere pagato.Mi pare il solito punto di vista politico-ideologico che cambia quando fa comodo, proprio come fa un buon politico per difendere la propria ideologia o per raccogliere consensi
            Ti direi: «Ehi! Pagami e ti butto giù un
            modello funzionante nel giro di un anno!Ahahahahaha si come no !!! (rotfl)Allora se ne sei proprio convinto fai così: comincia a studiare il modello, pubblica una demo sul tuo sito per fare crowdfunding, fai un bel po' di pubblicità e se il tuo modello funziona come dici, troverai fior fior di persone del settore che ti pagano più di quello che avevi preventivato, te lo garantisco !!! Non contare di campare coi diritti di proprietà intellettuale però eh !!! (rotfl)
            ma non è il mio mestiereE si è capito benissimo credimi ;)
            quindi se vuoi una
            risposta legislativa competente contatta un
            avvocato che sicuramente saprà darti le giuste
            informazioni legali e circa possibili organi
            competentiLa domanda era un'altra.Non è che devo contattare un avvocato per farmi spiegare come funzionano le cose, ti avevo chiesto di dare tu un modello che funziona, ma che funziona davvero. Ok da questa ulteriore risposta evasiva e manipolatoria abbiamo capito che non sei in grado di farlo
            La discussione ha un limite a quanto può essere
            costruttiva quando sforiamo dal nostro mestiere
            (sei musicista o
            avvocato?)Che non sei del mestiere si è capito e i tuoi limiti si sono visti, forse solo tu non li vedi.....o fai finta. Il problema è che con questi grossi limiti pretendi di dare soluzioni ad un problema senza conoscere bene quale è il problema ma sulla base di una tua idea immaginaria del problema. - Scritto da: artista di stra tto

            Aspetto una tua risposta, questa volta vera
            però

            !!Infatti.....aspetta e spera...
          • panda rossa scrive:
            Re: Parolai!
            - Scritto da: artista di stra tto
            - Scritto da: Shiba

            Tira su i 10.000 prima di fare uscire le
            copie:

            «Volete che esca? Pagate poi fateci il

            cavolo che vi

            pare!»

            E' un altro modello che non funziona, è come se
            uno ti dicesse che ti paga il lavoro solo quando
            lo hai fatto,Tu al ristorante paghi in anticipo?Che ristoranti frequenti?
            che devi cominciare a racimolare i
            soldi da te per cominciare a farlo e alla fine
            lui decide se te lo paga o
            no.Tipo i pittori, giusto per citare un altro tipo di artista.
            A me sembra facile capire che non funziona e mi
            sorprendo a leggere certe cose ma evidentemente
            per te e altri non lo
            è.A te sembra facile capire che devi impegnarti e lavorare e quindi preferisci il modello "grattarsi la pancia".

            No eh? È molto più allettante il
            pensiero

            che se sei fortunato potresti guadagnare 20
            volte

            tanto...

            Quando fai un prodotto e lo vendi nessuno ti
            garantisce i guadagni che farai giusto ? Se sei
            sfortunato non guadagni una
            cippa.E cambio mestiere.
            E quindi è un altro ragionamento che non sta in
            piedi.Il tuo non sta in piedi.Ti si dice che devi fare come tutti gli altri, e tu insisti a conservare il tuo castello di privilegio dorato che non sta piu' in piedi da quando la gente puo' farsi le copie da se'.
            Mi sa che fa parte di tutto quel set di segoni
            mentali funzionali a parassitare il lavoro di
            altri, perchè un libro, un film, un disco, sono
            PRODOTTI fatti da persone che ci hanno messo il
            loro lavoro e che tu e altri parassiti volete
            gratis.Ripeto: i concerti si pagano, il cinema si paga, le esibizioni si pagano, e nessuno di noi sta chiedendo di entrare gratis nel teatro.
          • artista di stra tto scrive:
            Re: Parolai!
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: artista di stra tto
            Tu al ristorante paghi in anticipo?
            Che ristoranti frequenti?No pago dopo aver consumato ma pago. Invece in alcuni locali devi pagare in anticipo e in altri nel momento in cui ti portano la consumazione.Il tuo modello invece è che tu consumi e non paghi.
            Tipo i pittori, giusto per citare un altro tipo
            di
            artista.Si, poi gli compri il quadro e paghi. Non è che il quadro te lo dà gratis e poi paghi per la sua esibizione.
            A te sembra facile capire che devi impegnarti e
            lavorare e quindi preferisci il modello
            "grattarsi la
            pancia".Infatti chi scrive un libro, chi incide un disco, chi fa un film lavora.Oppure tu pensi che queste cose si fanno da sole ?
            E cambio mestiere.E allora se tutti gli artisti o gli imprenditori cambiassero mestiere quando non guadagnano, di artisti non ce ne sarebbero e il tuo lavoro di dipendente non lo avresti.
            Il tuo non sta in piedi.
            Ti si dice che devi fare come tutti gli altri, Chi me lo dice ? Ah si, il grande panda rossa e quell'altro che è sparito. Lo dite voi, le migliori menti del forum, quindi perchè non si dovrebbe fare ?
            e
            tu insisti a conservare il tuo castello di
            privilegio dorato che non sta piu' in piedi da
            quando la gente puo' farsi le copie da
            se'.Il privilegio dorato appartiene a chi nasce ricco. Tu non sai cosa vuol dire fare l'artista e quindi non hai gli strumenti per giudicare.
            Ripeto: i concerti si pagano, il cinema si paga,
            le esibizioni si pagano, e nessuno di noi sta
            chiedendo di entrare gratis nel
            teatro.La musica si paga, i film si pagano, i cd e i dvd si pagano, te l'hanno mai detto ?
        • panda rossa scrive:
          Re: Parolai!
          - Scritto da: Uqbar
          - Scritto da: panda rossa

          Chi lo dice che sono illegali?

          Magari il fatto che i film, le opere teatrali, la
          musica e le partite ecc sono protetti da
          copyright!Vero, ma qualcuno li trasmette.
          Altrimenti al cinema, al teatro, ai concerti o
          allo stadio ci si andrebbe gratis, senza comprare
          biglietti.

          Se poi dici:

          "Ho trovato liberamente un link a questo
          file/stream che si chiama "St4r w4r5 th3 l45t
          J3d1" e lo metto su una mia pigina con 20 banner
          pubblicitari, che te ne frega, che me ne
          frega!"

          Puoi farlo, così come puoi illuderti che sia
          tutto a
          posto.Quindi quando in TV danno guerre stellari, devo presupporre che stanno trasmettendo senza essere in regola coi diritti perche' se trovo lo stesso contenuto in rete mi dicono che sicuramente non e' in regola coi diritti?Io sono un utente: se vedo che qualcuno trasmette, io fruisco.Se quello che trasmette non e' in regola, non e' un problema mio.
          Sostenerne la legalità è pure possibile ma, temo,
          assolutamente da
          sprovveduti.C'e' una magistratura preposta alle verifiche.Io, nel dubbio, presumo innocenza e regolarita'.
          Vedi tu.Certo che vedo.
          • Uqbar scrive:
            Re: Parolai!
            - Scritto da: panda rossa
            Quindi quando in TV danno guerre stellari, devo
            presupporre che stanno trasmettendo senza essere
            in regola coi diritti perche' se trovo lo stesso
            contenuto in rete mi dicono che sicuramente non
            e' in regola coi
            diritti?Sì, hanno pagato per poter trasmettere.Non lo sapevi?
            Io sono un utente: se vedo che qualcuno
            trasmette, io
            fruisco.Se hai pagato il canone TV o l'abbonamento SKY/Mediaset/ecc, sei a posto.Sennò, non lo sei.
            Se quello che trasmette non e' in regola, non e'
            un problema
            mio.Corretto.Ma in TV sonon tutti a posto: avrebbero chiuso da tempo.
            Certo che vedo.Un po' sfocato, direi.
          • panda rossa scrive:
            Re: Parolai!
            - Scritto da: Uqbar
            - Scritto da: panda rossa

            Quindi quando in TV danno guerre stellari,
            devo

            presupporre che stanno trasmettendo senza
            essere

            in regola coi diritti perche' se trovo lo
            stesso

            contenuto in rete mi dicono che sicuramente
            non

            e' in regola coi

            diritti?

            Sì, hanno pagato per poter trasmettere.
            Non lo sapevi?Non me ne frega niente, visto che non mi hanno invitato alle trattative.Io ritengo che chi trasmette lo possa fare, perche' se non puo' lo oscurano.

            Io sono un utente: se vedo che qualcuno

            trasmette, io

            fruisco.

            Se hai pagato il canone TV o l'abbonamento
            SKY/Mediaset/ecc, sei a
            posto.
            Sennò, non lo sei.Deve aver pagato il canone il proprietario del tv, mica io.Ti pare che io pago il canone se vado a vedere la partita a scrocco al bar!

            Se quello che trasmette non e' in regola,
            non
            e'

            un problema

            mio.

            Corretto.
            Ma in TV sonon tutti a posto: avrebbero chiuso da
            tempo.Io con la parabola analogica becco pure canali cinesi che mandano eventi sportivi europei.Siccome non hanno chiuso da tempo, e' tutto a posto.

            Certo che vedo.

            Un po' sfocato, direi.Mi accontento.
    • Il Fuddaro scrive:
      Re: Parolai!
      - Scritto da: Uqbar
      A noi Italiani piacciono molto le parole. Molto
      meno i
      fatti.
      Potrei sbagliarmi, ma la questione è semplice:
      pubblicare una lista di link a risorse illegali
      (copie e stream non autorizzati) facilita l'uso
      (illegale) delle
      stesse?
      Se la risposta è "sì", allora quelle
      pubblicazioni sono
      illegali.
      Se la risposta è "no", allora quelle
      pubblicazioni sono
      legali.
      Il resto è sterile Accademia Nazionale degli
      Azzeccagarbugli!Infatti e proprio la lingua italiana, piena di verbi, sostantivi, possessivi, ecc, ecc, ad essere una lingua perfetta per gli azzeccagarbugli! :O
  • Il punto di Aniello Caputo scrive:
    ...
    "Annullata una sanzione nei confronti di un gestore di quattro siti"E che me ne fotte a me?Va fa'mmocc'a chella cessa e mammeta
    • rockroll scrive:
      Re: ...
      - Scritto da: Il punto di Aniello Caputo
      "Annullata una sanzione nei confronti di un
      gestore di quattro
      siti"

      E che me ne fotte a me?

      Va fa'mmocc'a chella cessa e mammetaSe "non te ne fotte a te" cosa stai qui a intervenire?Se "non te ne fotte a te" figurati quanto "ce ne fotte a noi" di te e dei tuoi squisiti interventi.
    • Uqbar scrive:
      Re: ...
      Bravo!Ora che ti sei sfogato, procedi pure con le cose serie!
  • bubba scrive:
    roba da matti....
    sentenza giusta per il motivo SBAGLIATO. ripeschiamo il famigerato < abusivamente duplica, riproduce, trasmette o diffonde in pubblico con qualsiasi procedimento, in tutto o in parte, un'opera dell'ingegno
    . Tutto l'art 171 (ma in generale tutta la 633/41, com'e' ovvio) ha come fultro l'opera d'ingegno e le sue -mila limitazioni a trattarla. MA IN QUESTO CASO (link) e in "quegli altri" (metadati chiamati torrent file) L'OPERA NON C'E'. Si e' talmente obnubilati e abituati a cassare il sito intero quando si vede uno screenshot di un 'opera di ingegno', che nessuno sembra piu' chiedersi DOVE diamine e' l'opera. 40 byte in ascii (un html href) o 200 byte in un file binario (il torrent) NON possono essere l'opera. Ergo non c'e' violazione (non li', non in quella vetrina, non in quel forum)
    • panda rossa scrive:
      Re: roba da matti....
      - Scritto da: bubba
      sentenza giusta per il motivo SBAGLIATO.
      ripeschiamo il famigerato < abusivamente
      duplica, riproduce, trasmette o diffonde in
      pubblico con qualsiasi procedimento, in tutto o
      in parte, un'opera dell'ingegno
      . Tutto l'art
      171 (ma in generale tutta la 633/41, com'e'
      ovvio) ha come fultro l'opera d'ingegno e le sue
      -mila limitazioni a trattarla. MA IN QUESTO CASO
      (link) e in "quegli altri" (metadati chiamati
      torrent file) L'OPERA NON C'E'.

      Si e' talmente obnubilati e abituati a cassare il
      sito intero quando si vede uno screenshot di un
      'opera di ingegno', che nessuno sembra piu'
      chiedersi DOVE diamine e' l'opera. 40 byte in
      ascii (un html href) o 200 byte in un file
      binario (il torrent) NON possono essere l'opera.

      Ergo non c'e' violazione (non li', non in quella
      vetrina, non in quel
      forum)Ma infatti!Quando andavo sul videoteche forum a postare i link dei torrent mica ho mai chiesto che venisse chiuso il forum!Postavo un link, ad un link, ad un link, ad un sito di link!E quelli non hanno mai capito.Non c'e' da stupirsi se sono tutti falliti. E davano la colpa alla pirateria.Per fortuna la giustizia trionfa sempre!
      • bubba scrive:
        Re: roba da matti....
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: bubba

        sentenza giusta per il motivo SBAGLIATO.

        ripeschiamo il famigerato < abusivamente

        duplica, riproduce, trasmette o
        diffonde
        in

        pubblico con qualsiasi procedimento, in
        tutto o


        in parte, un'opera dell'ingegno
        .
        Tutto
        l'art

        171 (ma in generale tutta la 633/41, com'e'

        ovvio) ha come fultro l'opera d'ingegno e le
        sue

        -mila limitazioni a trattarla. MA IN QUESTO
        CASO

        (link) e in "quegli altri" (metadati chiamati

        torrent file) L'OPERA NON C'E'.



        Si e' talmente obnubilati e abituati a
        cassare
        il

        sito intero quando si vede uno screenshot di
        un

        'opera di ingegno', che nessuno sembra piu'

        chiedersi DOVE diamine e' l'opera. 40 byte in

        ascii (un html href) o 200 byte in un file

        binario (il torrent) NON possono essere
        l'opera.



        Ergo non c'e' violazione (non li', non in
        quella

        vetrina, non in quel

        forum)

        Ma infatti!"infatti" pero' tutti fan sempre finta di niente. il discorso vien sempre spostato su "la pirateria e' sbagliata/compensi degli autori/ecc". Straw man argument puro. siamo d'accordo! la pirateria e' IL MALIGNO. :D Ma un link resta sempre un link e NON un opera.
        Quando andavo sul videoteche forum a postare i
        link dei torrent mica ho mai chiesto che venisse
        chiuso il
        forum!divertente :)
        Postavo un link, ad un link, ad un link, ad un
        sito di
        link!

        E quelli non hanno mai capito.

        Non c'e' da stupirsi se sono tutti falliti. E
        davano la colpa alla
        pirateria.

        Per fortuna la giustizia trionfa sempre!magari :P
        • Uqbar scrive:
          Re: roba da matti....
          - Scritto da: bubba
          Ma un link resta sempre un link e NON un opera.Questo è ovvio.Ma facilitare, proporre o indurre un'azione illegale è essa stessa un'azione illegale!A volte sembra che ci si voglia arrovellare con considerazioni filosofico-XXXXXmentaliste pur di auto-assolverci.Poi, quei cretini che hanno citato in giudizio il proprietario del sito l'hanno fatta fuori dal vaso parlando di lucro.Avessero parlato di favoreggiamento di un illecito, il giudice avrebbe dato loro ragione.La cretinaggine è uno sport diffuso, fra accusati e accusatori ...
  • xte scrive:
    Mmm
    Premesso che considero le major associazioni paracriminali che tutelano se stesse più che autori&c qualche riserva la avrei: i singoli utenti che condividono contenuti non lo fanno a scopo di lucro, chi mette su un sito imbottito di pubblicità normalmente si, a meno che tutti gli introiti non vengano investiti nel sito stesso o in attività di beneficienza...Detto questo alla major non conviene IMVHO prendersela con certi siti (i cui utenti in genere più condividono/guardano più van a comprare i prodotti delle major stesse e non farebbelo lo stesso senza il P2P) poiché se veramente ottenessero un certo sucXXXXX i contenuti si sposterebbero su soluzioni distribuite à-la-PopcornTime togliendo sostanzialmente ogni possibilità di blocco.Piuttosto i singoli cittadini, autori inclusi, pensino a sistemi migliori per tutelare i diritti d'autore e magari definire meglio questi ultimi.
    • ..... scrive:
      Re: Mmm
      [img]http://www.culturaeculture.it/wp-content/uploads/2012/06/Fotolia_31977326_Subscription_XL.jpg[/img]
    • rockroll scrive:
      Re: Mmm
      - Scritto da: xte
      Premesso che considero le major associazioni
      paracriminali che tutelano se stesse più che
      autori&c qualche riserva la avrei: i singoli
      utenti che condividono contenuti non lo fanno a
      scopo di lucro, chi mette su un sito imbottito di
      pubblicità normalmente si, a meno che tutti gli
      introiti non vengano investiti nel sito stesso o
      in attività di
      beneficienza...

      Detto questo alla major non conviene IMVHO
      prendersela con certi siti (i cui utenti in
      genere più condividono/guardano più van a
      comprare i prodotti delle major stesse e non
      farebbelo lo stesso senza il P2P) poiché se
      veramente ottenessero un certo sucXXXXX i
      contenuti si sposterebbero su soluzioni
      distribuite à-la-PopcornTime togliendo
      sostanzialmente ogni possibilità di
      blocco.

      Piuttosto i singoli cittadini, autori inclusi,
      pensino a sistemi migliori per tutelare i diritti
      d'autore e magari definire meglio questi
      ultimi.Qualunque sito, non necessariamente "pirata", può conseguire legittimi guadagni dalla pubblicità che supporta; illegittimo è il guadagno che un sito consegue dallo sfruttamento di opere protette di cui non si possiedono i diritti di commercializzazione ovvero di diffusione.Più semplicemente, una cosa sono i guadagni derivati da pubblicità, ovviamente leciti, tutt'altra cosa, ovviamente illecita, sono quelli derivati da pagamenti o canoni richiesti ai visitatori per poter fruire di opere protette, senza aver pagato i diritti per essere autorizzati a farlo.Per il resto condivido quanto hai detto.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 29 marzo 2017 00.00-----------------------------------------------------------
  • panda rossa scrive:
    Finalmente chiarezza!
    Quello che andiamo predicando da sempre e' stato finalmente sentenziato.DOVE NON C'E' SCOPO DI LUCRO, CHE NON VENGANO A ROMPERE LE SCATOLE!!!L'assurda e vergognosa campagna delle major contro il libero scambio di conoscenze senza scopo di lucro non deve piu' trovare spazio.La gente deve poter scaricare contenuti senza scopo di lucro alla luce del sole, apertamente, e vantandosene con amici e conoscenti, perche' si puo' e si deve!W LA LIBERTA'!
    • autore scrive:
      Re: Finalmente chiarezza!
      - Scritto da: panda rossa
      Quello che andiamo predicando da sempre e' stato
      finalmente
      sentenziato.

      DOVE NON C'E' SCOPO DI LUCRO, CHE NON VENGANO A
      ROMPERE LE
      SCATOLE!!!Ok, io sono l' autore e me la prendo in **** grazie ai tuoi principi di lbbbbertà a senso unico.

      L'assurda e vergognosa campagna delle major
      contro il libero scambio di conoscenze senza
      scopo di lucro non deve piu' trovare
      spazio.Libero scambio con il mio copiright? Scambiatevi materiale sotto licenza libera, please.

      La gente deve poter scaricare contenuti senza
      scopo di lucro alla luce del sole, apertamente, e
      vantandosene con amici e conoscenti, perche' si
      puo' e si
      deve!La gggente deve poter usare casa tua per fare quello che gli pare e vantarsi con amici e conoscenti alla faccia tua.

      W LA LIBERTA'!Con il tuo qlo.Detto questo W il SaaS, W l' impiego massiccio dei DRM, W i lock-in. Ve la siete cercata.
      • Acchiappa troll scrive:
        Re: Finalmente chiarezza!
        - Scritto da: autore
        - Scritto da: panda rossa

        Quello che andiamo predicando da sempre e' stato

        finalmente

        sentenziato.



        DOVE NON C'E' SCOPO DI LUCRO, CHE NON VENGANO A

        ROMPERE LE

        SCATOLE!!!

        Ok, io sono l' autore e me la prendo in ****
        grazie ai tuoi principi di lbbbbertà a senso
        unico.




        L'assurda e vergognosa campagna delle major

        contro il libero scambio di conoscenze senza

        scopo di lucro non deve piu' trovare

        spazio.

        Libero scambio con il mio copiright? Scambiatevi
        materiale sotto licenza libera,
        please.




        La gente deve poter scaricare contenuti senza

        scopo di lucro alla luce del sole, apertamente,
        e

        vantandosene con amici e conoscenti, perche' si

        puo' e si

        deve!

        La gggente deve poter usare casa tua per fare
        quello che gli pare e vantarsi con amici e
        conoscenti alla faccia
        tua.




        W LA LIBERTA'!

        Con il tuo qlo.

        Detto questo W il SaaS, W l' impiego massiccio
        dei DRM, W i lock-in. Ve la siete
        cercata.trollata scarsa 1/10
      • Il Fuddaro scrive:
        Re: Finalmente chiarezza!
        - Scritto da: autore
        - Scritto da: panda rossa

        Quello che andiamo predicando da sempre e' stato

        finalmente

        sentenziato.



        DOVE NON C'E' SCOPO DI LUCRO, CHE NON VENGANO A

        ROMPERE LE

        SCATOLE!!!

        Ok, io sono l' autore e me la prendo in ****
        grazie ai tuoi principi di lbbbbertà a senso
        unico.




        L'assurda e vergognosa campagna delle major

        contro il libero scambio di conoscenze senza

        scopo di lucro non deve piu' trovare

        spazio.

        Libero scambio con il mio copiright? Scambiatevi
        materiale sotto licenza libera,
        please.




        La gente deve poter scaricare contenuti senza

        scopo di lucro alla luce del sole, apertamente,
        e

        vantandosene con amici e conoscenti, perche' si

        puo' e si

        deve!

        La gggente deve poter usare casa tua per fare
        quello che gli pare e vantarsi con amici e
        conoscenti alla faccia
        tua.




        W LA LIBERTA'!

        Con il tuo qlo.

        Detto questo W il SaaS, W l' impiego massiccio
        dei DRM, W i lock-in. Ve la siete
        cercata.Ecco a chi appartiene quella XXXXXXXXXXXXXX vuota postata poco sopra.
      • rockroll scrive:
        Re: Finalmente chiarezza!
        Ok, io sono l' autore e me la prendo in **** grazie ai tuoi principi di lbbbbertà a senso unico. OK, tu sei l'autore e sei retribuito a sufficienza tramite i canali ufficiali e tutto il marchingegno messo in piedi dei protettori dei tuoi cosidetti diritti. Se non sei retribuito a sufficienza prenditela coi tuoi protettori, che incassano dalle tue opere fior di quattrini, neppure scalfiti dal mondo parallelo del libero scambio di duplicati a costo zero spesso degradati rispetto all'originale; quelli si che te lo mettono in ****. A proposito, tu che sei l'Autore, riteni giusto pretendere di vivere di secolare rendita di posizione per aver messo magari in file una sequenza armonica di alcune note musicali più o meno inedita, cosa che se vuoi ti sparo in 5 minuti o te la spara anche un computer in pochi istanti? A casa mia è giusto che chi lavora venga pagato, ma che quando non lavora non venga pagato.----------------- Detto questo W il SaaS, W l' impiego massiccio dei DRM, W i lock-in. Ve la siete cercata. Detto questo ritieni che i tuoi protettori riusciranno a vendere molto a queste condizioni? Ve la state proprio cercando..-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 29 marzo 2017 00.26-----------------------------------------------------------
        • artista di stra tto scrive:
          Re: Finalmente chiarezza!
          - Scritto da: rockroll
          OK, tu sei l'autore e sei retribuito a
          sufficienza tramite i canali ufficiali e tutto il
          marchingegno messo in piedi dei protettori dei
          tuoi cosidetti diritti.Se i diritti non li cedi o non li sfrutti non becchi un quattrino, informati prima di dire fesserie.
          Se non sei retribuito a sufficienza prenditela
          coi tuoi protettori, che incassano dalle tue
          opere fior di quattrini, neppure scalfiti dal
          mondo parallelo del libero scambio di duplicati a
          costo zero spesso degradati rispetto
          all'originale; quelli si che te lo mettono in
          ****.Quindi secondo il tuo fantasioso ragionamento, siccome gli editori sono capaci di trarre profitto dal lavoro degli autori, gli autori vanno fatti vivere con le pezze al XXXX.
          A proposito, tu che sei l'Autore, riteni giusto
          pretendere di vivere di secolare rendita di
          posizione Secolare ? Da quando ? Altra enorme fesseria.
          per aver messo magari in file una
          sequenza armonica di alcune note musicali più o
          meno inedita, cosa che se vuoi ti sparo in 5
          minuti o te la spara anche un computer in pochi
          istanti?Si come no, adesso siamo tutti a livello di Bach, Mozart, Beethoven, basta un computer no ? Stai dicendo una marea di XXXXXXX immonde.
          A casa mia è giusto che chi lavora venga pagato,
          ma che quando non lavora non venga
          pagato.Infatti chi fa il musicista di professione si fa il mazzo, non lo sapevi ? Secondo te ci vogliono 3 giorni per diventare un musicista competente ? Una performance di 15 minuti o una composizione di qualità significa anni di studio per guadagnarsi le competenze.Piantiamola con queste fesserie da osteria di periferia.
          Detto questo ritieni che i tuoi protettori
          riusciranno a vendere molto a queste condizioni?
          Ve la state proprio
          cercando.Tu confondi autori con editori, sono due lavori diversi che richiedono competenze diverse.Il tuo intervento è pieno di luoghi comuni da cantinaro cazzaro che non sa come funziona quel mondo, ragionamento tipico degli scariconi che vogliono tutto gratis che però pretendono di essere pagati per il loro lavoro.Vuoi sfruttare il lavoro degli altri senza pagare una lira ? Lavora anche tu gratis.
          • Barnard scrive:
            Re: Finalmente chiarezza!
            Quindi seguendo il tuo ragionamento, ogni equipe medica che ha inventato nuove metodologie chirurgiche, dovrebbe ricevere una roialty per ogni intervento eseguito con la loro tecnica?Inoltre dovrebbe riceverla gli eredi fino a 70 anni dalla morte di tutti i componenti dell' equipe.Inoltre se io non cedo i diritti o ti fai operare dalla mia equipe oppure nisba, e se qualcuno usa la mia tecnica lo porto in tribunale.E' palese che ciò che era stato introdotto per salvaguardare gli autori dell' 800 da impresari ed editori avidi è stato completamente snaturato, diventando fonte di reddito perpetuo per gli stessi editori avidi.
          • artista di stra tto scrive:
            Re: Finalmente chiarezza!
            - Scritto da: Barnard
            Quindi seguendo il tuo ragionamento, ogni equipe
            medica che ha inventato nuove metodologie
            chirurgiche, dovrebbe ricevere una roialty per
            ogni intervento eseguito con la loro
            tecnica?
            Inoltre dovrebbe riceverla gli eredi fino a 70
            anni dalla morte di tutti i componenti dell'
            equipe.
            Inoltre se io non cedo i diritti o ti fai operare
            dalla mia equipe oppure nisba, e se qualcuno usa
            la mia tecnica lo porto in
            tribunale.Non stiamo parlando di metodo ma di prodotto, il tuo paragone non ci azzecca. Il compositore ha la tutela dell'opera, non del metodo che usa per comporre.
            E' palese che ciò che era stato introdotto per
            salvaguardare gli autori dell' 800 da impresari
            ed editori avidi è stato completamente snaturato,
            diventando fonte di reddito perpetuo per gli
            stessi editori
            avidi.Il diritto d'autore ha un senso. Che poi venga usato dagli editori per farci grossi guadagni e che questo sia sbagliato sono d'accordo; ma quello è un altro discorso che fa capire che la legge andrebbe rivista proprio per tutelare meglio gli autori.
          • panda rossa scrive:
            Re: Finalmente chiarezza!
            - Scritto da: artista di stra tto
            Il diritto d'autore ha un senso.
            Che poi venga usato dagli editori per farci
            grossi guadagni e che questo sia sbagliato sono
            d'accordo; ma quello è un altro discorso che fa
            capire che la legge andrebbe rivista proprio per
            tutelare meglio gli
            autori.Gli autori oggi hanno la rete.Possono usarla per promuoversi, per avere un contatto diretto col pubblico, scavalcando gli intermediari parassiti.Non c'e' bisogno di rivedere la legge.
          • artista di stra tto scrive:
            Re: Finalmente chiarezza!
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: artista di stra tto


            Il diritto d'autore ha un senso.

            Che poi venga usato dagli editori per farci

            grossi guadagni e che questo sia sbagliato
            sono

            d'accordo; ma quello è un altro discorso che
            fa

            capire che la legge andrebbe rivista proprio
            per

            tutelare meglio gli

            autori.

            Gli autori oggi hanno la rete.
            Possono usarla per promuoversi, per avere un
            contatto diretto col pubblico, scavalcando gli
            intermediari
            parassiti.Si come no, tutta teoria. I soldi per la promozione e il marketing chi te li dà ? O secondo te basta mettere un video su yutiubbe e diventi famoso ?
            Non c'e' bisogno di rivedere la legge.La legge tutela poco gli autori quindi va rivista.Leggila, è online.
          • panda rossa scrive:
            Re: Finalmente chiarezza!
            - Scritto da: artista di stra tto
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: artista di stra tto




            Il diritto d'autore ha un senso.


            Che poi venga usato dagli editori per
            farci


            grossi guadagni e che questo sia
            sbagliato

            sono


            d'accordo; ma quello è un altro
            discorso
            che

            fa


            capire che la legge andrebbe rivista
            proprio

            per


            tutelare meglio gli


            autori.



            Gli autori oggi hanno la rete.

            Possono usarla per promuoversi, per avere un

            contatto diretto col pubblico, scavalcando
            gli

            intermediari

            parassiti.

            Si come no, tutta teoria. I soldi per la
            promozione e il marketing chi te li dà ? O
            secondo te basta mettere un video su yutiubbe e
            diventi famoso
            ?Certo che basta mettere un video su YT e diventi famoso (se il video merita).C'e' un sacco di gente di talento che dopo autopromozione su YT e' diventata famosa e fa il pieno alle esibizioni.

            Non c'e' bisogno di rivedere la legge.

            La legge tutela poco gli autori quindi va rivista.
            Leggila, è online.L'autore non ha bisogno della legge per tutelarsi.A me non mi tutela nessuna legge, eppure faccio il programmatore da oltre 20 anni e non faccio certo la fame.
          • artista di stra tto scrive:
            Re: Finalmente chiarezza!
            - Scritto da: panda rossa
            Certo che basta mettere un video su YT e diventi
            famoso (se il video
            merita).Ma piantala di dire scemenze.
            C'e' un sacco di gente di talento che dopo
            autopromozione su YT e' diventata famosa e fa il
            pieno alle
            esibizioni. Moltiplica quella gente per 100.000.000 e tutti gli altri sono quelli che l'hanno messo e continuano ad essere nessuno.Stai dicendo XXXXXXXte.
            L'autore non ha bisogno della legge per tutelarsi.Non la conosci quindi non puoi dirlo, Al solito dici XXXXXXXte.
            A me non mi tutela nessuna legge, eppure faccio
            il programmatore da oltre 20 anni e non faccio
            certo la
            fame.Si ci sono leggi che tutelano i lavoratori dipendenti, oltre al contratto che hai firmato. Ma siccome sei un ignorante qualunquista non lo sai.
          • panda rossa scrive:
            Re: Finalmente chiarezza!
            - Scritto da: artista di stra tto
            - Scritto da: panda rossa

            Certo che basta mettere un video su YT e
            diventi

            famoso (se il video

            merita).

            Ma piantala di dire scemenze.Dillo a quelli che hanno fatto il video, mica a me.


            C'e' un sacco di gente di talento che dopo

            autopromozione su YT e' diventata famosa e
            fa
            il

            pieno alle

            esibizioni.

            Moltiplica quella gente per 100.000.000 e tutti
            gli altri sono quelli che l'hanno messo e
            continuano ad essere
            nessuno.
            Stai dicendo XXXXXXXte.Dove sta scritto che uno ha il diritto di diventare famoso senza alcun talento artistico?


            L'autore non ha bisogno della legge per
            tutelarsi.

            Non la conosci quindi non puoi dirlo, Al solito
            dici
            XXXXXXXte.La conosco benissimo.Forse non la conoscevano altrettanto bene gli avvocati dell'accusa che si sono fatti ridere in faccia sia dal giudice che dall'accusato.

            A me non mi tutela nessuna legge, eppure
            faccio

            il programmatore da oltre 20 anni e non
            faccio

            certo la

            fame.

            Si ci sono leggi che tutelano i lavoratori
            dipendenti, oltre al contratto che hai firmato.
            Ma siccome sei un ignorante qualunquista non lo
            sai.E la cosa dovrebbe farti XXXXXXXre se un ignorante come me puo' fare cose che tu non riesci a fare.
          • artista di stra tto scrive:
            Re: Finalmente chiarezza!
            - Scritto da: panda rossa
            Dillo a quelli che hanno fatto il video, mica a
            me.No, lo dico a te che sostieni che basta mettere un video sul tubo per diventare famoso. E' chiaro che non ci capisci un caxxo di come funzionano le cose.
            Dove sta scritto che uno ha il diritto di
            diventare famoso senza alcun talento
            artistico?Infatti parlo proprio di quelli che hanno talento.Invece uno che è diventato famoso grazie al tubo è favij, lui si che ha talento vero ? No, è la testimonianza che dici solo un mare di caxxate senza sapere di cosa parli.
            La conosco benissimo.Altra caxxata enorme visto che dimostri di parlare a vanvera.
            Forse non la conoscevano altrettanto bene gli
            avvocati dell'accusa che si sono fatti ridere in
            faccia sia dal giudice che
            dall'accusato.E l'errore dell'accusa o l'interpretazione del giudice cosa c'entra con la legge in sè che dici di conoscere ?Altra cagata enorme. Leggi bene l'articolo.
            E la cosa dovrebbe farti XXXXXXXre se un
            ignorante come me puo' fare cose che tu non
            riesci a
            fare.Cosa riesci a fare ? Sparare XXXXXXXte ? Coltivare la tua ignoranza ?E ti pare che queste cose possano fare XXXXXXXre ?Ma per favore...
          • panda rossa scrive:
            Re: Finalmente chiarezza!
            - Scritto da: artista di stra tto
            - Scritto da: panda rossa

            Dillo a quelli che hanno fatto il video,
            mica
            a

            me.

            No, lo dico a te che sostieni che basta mettere
            un video sul tubo per diventare famoso. E' chiaro
            che non ci capisci un caxxo di come funzionano le
            cose.Non ho detto questo.Ho detto che alcuni sono diventati famosi mettendo un video su YT.E' diverso.Mi spiace che tu non riesca a comprendere la differenza.


            Dove sta scritto che uno ha il diritto di

            diventare famoso senza alcun talento

            artistico?

            Infatti parlo proprio di quelli che hanno talento.E questi diventano famosi.
            Invece uno che è diventato famoso grazie al tubo
            è favij, lui si che ha talento vero ? No, è la
            testimonianza che dici solo un mare di caxxate
            senza sapere di cosa
            parli.Vedi, lo spettacolo e' un mondo dove e' il pubblico che decide.Se il pubblico lo apprezza, ed e' disposto a pagare per vederlo, ha ragione lui.Non tu.Da me non becca un centesimo, sia ben chiaro!

            La conosco benissimo.

            Altra caxxata enorme visto che dimostri di
            parlare a
            vanvera.Fino ad ora quello che parla a vanvera sei tu.


            Forse non la conoscevano altrettanto bene gli

            avvocati dell'accusa che si sono fatti
            ridere
            in

            faccia sia dal giudice che

            dall'accusato.

            E l'errore dell'accusa o l'interpretazione del
            giudice cosa c'entra con la legge in sè che dici
            di conoscere
            ?
            Altra cagata enorme. Leggi bene l'articolo.E che cosa cambia? Tanto ormai la sentenza e' emessa.

            E la cosa dovrebbe farti XXXXXXXre se un

            ignorante come me puo' fare cose che tu non

            riesci a

            fare.

            Cosa riesci a fare ? Sparare XXXXXXXte ?
            Coltivare la tua ignoranza
            ?
            E ti pare che queste cose possano fare XXXXXXXre ?
            Ma per favore...Eppure sei XXXXXXXto nero!
          • artista di stra tto scrive:
            Re: Finalmente chiarezza!
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: artista di stra tto

            No, lo dico a te che sostieni che basta
            mettere

            un video sul tubo per diventare famoso. E'
            chiaro

            che non ci capisci un caxxo di come
            funzionano
            le

            cose.

            Non ho detto questo.
            Ho detto che alcuni sono diventati famosi
            mettendo un video su
            YT.
            E' diverso.
            Mi spiace che tu non riesca a comprendere la
            differenza. L'hai scritto tu:- Scritto da: panda rossa
            Certo che basta mettere un video su YT e diventi
            famoso tanto per farti capire quanto sei falso, tendenzioso e stupido




            Dove sta scritto che uno ha il diritto
            di


            diventare famoso senza alcun talento


            artistico?



            Infatti parlo proprio di quelli che hanno
            talento.

            E questi diventano famosi.Quindi quelli di talento diventano famosi con youtube, secondo te

            Invece uno che è diventato famoso grazie al
            tubo

            è favij, lui si che ha talento vero ? No, è
            la

            testimonianza che dici solo un mare di
            caxxate

            senza sapere di cosa

            parli.

            Vedi, lo spettacolo e' un mondo dove e' il
            pubblico che
            decide.
            Se il pubblico lo apprezza, ed e' disposto a
            pagare per vederlo, ha ragione
            lui.
            Non tu.Allora sei stupido. Non devo avere ragione io, sei tu che dici che chi ha talento, con un filmato su youtube, ha sucXXXXX.Ti contraddici da solo pensando di strumentalizzare il discorso a tuo vantaggio, in realtà fai solo la figura del cretino.
            Da me non becca un centesimo, sia ben chiaro!Da te non becca un centesimo neppure l'artista di talento, anche questo è chiaro.


            La conosco benissimo.



            Altra caxxata enorme visto che dimostri di

            parlare a

            vanvera.

            Fino ad ora quello che parla a vanvera sei tu.Stiamo vedendo infatti.




            Forse non la conoscevano altrettanto
            bene
            gli


            avvocati dell'accusa che si sono fatti

            ridere

            in


            faccia sia dal giudice che


            dall'accusato.



            E l'errore dell'accusa o l'interpretazione
            del

            giudice cosa c'entra con la legge in sè che
            dici

            di conoscere

            ?

            Altra cagata enorme. Leggi bene l'articolo.

            E che cosa cambia? Tanto ormai la sentenza e'
            emessa.Cambia che non hai capito una fava, quindi le motivazioni che porti non hanno nessun valore.Questo tuo commento non fa nient'altro che andare in quella direzione


            E la cosa dovrebbe farti XXXXXXXre se un


            ignorante come me puo' fare cose che tu
            non


            riesci a


            fare.



            Cosa riesci a fare ? Sparare XXXXXXXte ?

            Coltivare la tua ignoranza

            ?

            E ti pare che queste cose possano fare
            XXXXXXXre
            ?

            Ma per favore...

            Eppure sei XXXXXXXto nero!Sono gli ottusi, gli ignoranti e i falsi che pretendono di discutere in modo sensato e avere ragione che mi infastidiscono.
          • Barnard scrive:
            Re: Finalmente chiarezza!
            - Scritto da: artista di stra tto
            Non stiamo parlando di metodo ma di prodotto, il
            tuo paragone non ci azzecca. Il compositore ha la
            tutela dell'opera, non del metodo che usa per
            comporre.Il diritto d' autore protegge anche il metodo, dato che se io suono le note nelle stesso ordine in cui tu le hai messe, con la stessa ritmica e cantando le stesse parole tu urli al plagio e chiedi i diritti, mentre il chirurgo che opera copiando il metodo inventato da un' altro incassa tutta la parcella.Tutti e due avete fatto un opera, ma tu prendi i diritti a vita il chirurgo no.
          • artista di stra tto scrive:
            Re: Finalmente chiarezza!
            - Scritto da: Barnard
            - Scritto da: artista di stra tto


            Non stiamo parlando di metodo ma di
            prodotto,
            il

            tuo paragone non ci azzecca. Il compositore
            ha
            la

            tutela dell'opera, non del metodo che usa per

            comporre.

            Il diritto d' autore protegge anche il metodo,
            dato che se io suono le note nelle stesso ordine
            in cui tu le hai messe, con la stessa ritmica e
            cantando le stesse parole tu urli al plagio e
            chiedi i diritti, mentre il chirurgo che opera
            copiando il metodo inventato da un' altro incassa
            tutta la
            parcella.
            Tutti e due avete fatto un opera, ma tu prendi i
            diritti a vita il chirurgo
            no.E quindi abbiamo capito che non conosci il significato della parola "metodo" e allora tanto vale discutere con te.
          • panda rossa scrive:
            Re: Finalmente chiarezza!
            - Scritto da: artista di stra tto

            E quindi abbiamo capito che non conosci il
            significato della parola "metodo" e allora tanto
            vale discutere con
            te.Stai discutendo da due giorni con persone che ti stanno dando torto.Una persona intelligente a questo punto si farebbe delle domande.Sei intelligente tu?
          • Barnard scrive:
            Re: Finalmente chiarezza!
            Dizionario della Lingua Italiana © 2012 Le Monnier:metodo mè·to·do s.m.Complesso di principi e norme atti a garantire, sul piano teorico o pratico, la funzionalità e la costanza di un lavoro o di un comportamento.Quando metti delle note in un ordine prestabilito definendo la ritmica con cui vanno suonate, definisci il metodo per ottenere un comportamento, cioè l' esecuzione di una melodia.In cosa si distingue dal chirurgo che definisce un nuovo ordine di movimenti e tecniche per eseguire un' operazione mai effettuata prima?NULLA!!!!Forse sei tu che non conosci il significato di "metodo".
          • artista di stra tto scrive:
            Re: Finalmente chiarezza!
            - Scritto da: Barnard
            Dizionario della Lingua Italiana © 2012 Le
            Monnier:

            metodo mè·to·do s.m.
            Complesso di principi e norme atti a garantire,
            sul piano teorico o pratico, la funzionalità e la
            costanza di un lavoro o di un
            comportamento.Grazie della definizione perchè praticamente ti sei dato dell'ignorante da solo.
            Quando metti delle note in un ordine prestabilito
            definendo la ritmica con cui vanno suonate,
            definisci il metodo per ottenere un
            comportamento, cioè l' esecuzione di una
            melodia.Si, come quando scrivo: ignorante, definisco il metodo per mettere in sequenza alcune lettere dell'alfabeto per tirare fuori la parola: ignorante.Facci un libro su questa interpretazione e mettilo nello scaffale: libri comici.
            In cosa si distingue dal chirurgo che definisce
            un nuovo ordine di movimenti e tecniche per
            eseguire un' operazione mai effettuata
            prima?
            NULLA!!!!Si nulla, come la validità della tua bizzarra opinione....anzi no, ora dico: ignorante, e ho definito un nuovo metodo.
            Forse sei tu che non conosci il significato di
            "metodo".Dalla definizione si evince che il metodo definisce il "come". Quello di cui parli tu (note, tempo ecc) è il cosa.Che poi tu gli dia un'altra interpretazione in stile campione-di-arrampicata-sugli-specchi è un altro discorso.Se vai a dire, quello che hai riportato, ad altri musicisti si metteranno a ridere....farai solo la figura dell'incompetente, ignorante e inetto come il tuo amichetto p.r.....ma....pare che qui ci si trastulli a fare la figura degli incompetenti e dei beoti.....contento tu....
          • Barnard scrive:
            Re: Finalmente chiarezza!
            - Scritto da: artista di stra tto
            - Scritto da: Barnard

            Dizionario della Lingua Italiana © 2012
            Le

            Monnier:



            metodo mè·to·do s.m.

            Complesso di principi e norme atti a
            garantire,

            sul piano teorico o pratico, la funzionalità
            e
            la

            costanza di un lavoro o di un

            comportamento.

            Grazie della definizione perchè praticamente ti
            sei dato dell'ignorante da
            solo.


            Quando metti delle note in un ordine
            prestabilito

            definendo la ritmica con cui vanno suonate,

            definisci il metodo per ottenere un

            comportamento, cioè l' esecuzione di una

            melodia.

            Si, come quando scrivo: ignorante, definisco il
            metodo per mettere in sequenza alcune lettere
            dell'alfabeto per tirare fuori la parola:
            ignorante.Esattamente come quando io scrivo che sei un XXXXXXXXXX, per le tue lacune nella conoscenza della lingua, per cui cerchi di salvarti utilizzando solo parte della definizione.
            Facci un libro su questa interpretazione e
            mettilo nello scaffale: libri
            comici.


            In cosa si distingue dal chirurgo che
            definisce

            un nuovo ordine di movimenti e tecniche per

            eseguire un' operazione mai effettuata

            prima?

            NULLA!!!!

            Si nulla, come la validità della tua bizzarra
            opinione....anzi no, ora dico: ignorante, e ho
            definito un nuovo
            metodo.Esatto, hai definito il metodo per scrivere la parola ignorante, come io ho appena definito il metodo per scrivere la parole XXXXXXXXXX.Il problema non è che abbiamo definito due metodi per sintetizzare in una parola un concetto, ma il fatto io non pretendo di ricevere dei soldi per 70 anni dopo la mia morte, da ogni persona che scrive che sei un XXXXXXXXXX, mente tu li vorresti da chi ti scrive che sei un ignorante.


            Forse sei tu che non conosci il significato
            di

            "metodo".

            Dalla definizione si evince che il metodo
            definisce il "come". Quello di cui parli tu
            (note, tempo ecc) è il
            cosa.
            Che poi tu gli dia un'altra interpretazione in
            stile campione-di-arrampicata-sugli-specchi è un
            altro
            discorso.
            Se vai a dire, quello che hai riportato, ad altri
            musicisti si metteranno a ridere....farai solo la
            figura dell'incompetente, ignorante e inetto come
            il tuo amichetto p.r.....ma....pare che qui ci si
            trastulli a fare la figura degli incompetenti e
            dei beoti.....contento
            tu....Al momento l' unico che fa la figura dell' ignorante e inetto sei tu, così staccato dalla realtà da non rendersi conto che ina serie di norme e principi codificati per garantire l' esatto ripetersi di una sequenza di azioni definisce un metodo, che siano i movimenti per dare una martellata o la sequenza di tasti di un pianoforte.Poi uno può eseguire bene o male il metodo, ma sempre metodo rimane.Studia un po' di tempi e metodi e forse capirai di cosa parlo.
          • artista di stra tto scrive:
            Re: Finalmente chiarezza!
            Non credo ai miei occhi... :sMa ci credi in quello che hai scritto ? :|Guarda che risponderti a tono vorrebbe dire sparare sulla croce rossa eh...non so....dimmi tu... :o
          • artista di stra tto scrive:
            Re: Finalmente chiarezza!
            - Scritto da: Barnard
            Esattamente come quando io scrivo che sei un
            XXXXXXXXXX, per le tue lacune nella conoscenza
            della lingua, Ah si ?
            per cui cerchi di salvarti
            utilizzando solo parte della
            definizione.E quale parte includo e quale parte ometto intelligentone ? (newbie)La definizione che hai postato di tuo pugno:- Scritto da: Barnard
            Dizionario della Lingua Italiana © 2012 Le
            Monnier:

            metodo mè·to·do s.m.
            Complesso di principi e norme atti a garantire,
            sul piano teorico o pratico, la funzionalità e la
            costanza di un lavoro o di un
            comportamento.Spiegalo, sono proprio curioso 8)
            Esatto, hai definito il metodo per scrivere la
            parola ignorante, come io ho appena definito il
            metodo per scrivere la parole
            XXXXXXXXXX.
            Il problema non è che abbiamo definito due metodi
            per sintetizzare in una parola un concetto, Ah ma allora ci credi quando dici che è un metodo.... e allora che dire ? :sSei ignorante ma purtroppo per te, non te ne rendi conto.... auguri per le figure barbine che farai andando in giro a raccontare questo.... che per gli altri sarà una barzelletta ;)Ma guardiamo il lato positivo: come comico farai sucXXXXX (rotfl)
            ma il
            fatto io non pretendo di ricevere dei soldi per
            70 anni dopo la mia morte, da ogni persona che
            scrive che sei un XXXXXXXXXX, ...che saresti tu....e quindi stai dicendo che non pretendi di ricevere soldi da te stesso per 70 anni dopo la tua morte....un ragionamento degno di un intelligentone ;)
            mente tu li
            vorresti da chi ti scrive che sei un
            ignorante.Cioè da te e dal tuo compagnuccio di merende p.r. ? E dove sta scritto che li voglio da voi o da chicchessìa per 70 anni dopo la mia morte ? Fammi vedere dove l'ho scritto intelligentone 8)Dai cerca, cerca...e se non trovi niente, ti renderai conto di un'altra figura barbina che hai appena fatto :D
            Al momento l' unico che fa la figura dell'
            ignorante e inetto sei tu, Sei bravo a raccontartela ;)E comincio a pensare che d'altra parte non si può pretendere più di tanto da te :Ma fai così: vai pure in giro a dire che hai inventato un metodo per dire a qualcuno che è un XXXXXXXXXX, e che questo metodo consiste nel mettere in fila le lettere dell'alfabeto...così puoi dimostrare la tua splendida intelligenza (rotfl)
            così staccato dalla
            realtà Ah si ?
            da non rendersi conto che ina serie di
            norme e principi codificati Una serie di norme e principi codificati....si poi ?
            per garantire Per garantire cosa ?
            l'esatto ripetersi di una sequenza di azioniAhhhh capito !!
            definisce un metodo, Bene allora si è capito che: una serie di norme e principi codificati definisce un metodo, cioè definisce un <i
            COME </i
            .L' esatto ripetersi di una sequenza di azioni sono il <i
            COSA </i
            . Cioè COSA le norme e i principi devono garantire.Oppure: come posso garantire l'esatto ripetersi di una sequenza di azioni (il COSA ) ? Col metodo che definisce il COMEE' quello che hai scritto tu, intelligentone ;)Aspetta ma io cosa dicevo prima ? ....spè...spè...fammi vedere....ah si, ecco:- Scritto da: artista di stra tto
            Dalla definizione si evince che il metodo
            definisce il "come". Quello di cui parli tu
            (note, tempo ecc) è il
            cosa.E dai a me dello "staccato dalla realtà" e del XXXXXXXXXX per le mie "lacune nella conoscenza della lingua" ? (rotfl)Si, lo fai, e cerchi di dimostrarlo riscrivendo quello che avevo scritto io.... (rotfl)Non c'è limite all'idiozia umana (rotfl)
            che siano i movimenti per
            dare una martellata o la sequenza di tasti di un
            pianoforte.Quindi movimenti e sequenza di tasti sono il <i
            COSA </i
            , lo stai sempre dicendo tu. ;)E dai a me dello "staccato dalla realtà" e del XXXXXXXXXX ? (rotfl)
            Poi uno può eseguire bene o male il metodo, ma
            sempre metodo
            rimane.Quindi stiamo dicendo la stessa cosa. :)No mi sa che qui il problema è tuo, ed è un caso di evidentissima deficienza.... per le tue lacune nella conoscenza della lingua italiana: già si vede che l'italiano lo scrivi male, pieno di errori, mentre sul leggere si hanno forti dubbi; per non parlare della comprensione del testo....
            Studia un po' di tempi e metodi e forse capirai
            di cosa
            parlo.Va bene intelligentone li studierò. (rotfl)Tu invece fatti aiutare da qualcuno nell' italiano, sia a livello di scrittura ma soprattutto di lettura e comprensione del testo, magari dalla tua prof. di italiano delle elementari o delle medie. :DTi aspetto per la prossima figura barbina intelligentone, sono sicuro che non ti rendi conto di quelle che stai facendo e ti riproporrai per farne di nuove (rotfl)
          • panda rossa scrive:
            Re: Finalmente chiarezza!
            - Scritto da: artista di stra tto
            - Scritto da: rockroll

            OK, tu sei l'autore e sei retribuito a

            sufficienza tramite i canali ufficiali e
            tutto
            il

            marchingegno messo in piedi dei protettori
            dei

            tuoi cosidetti diritti.

            Se i diritti non li cedi o non li sfrutti non
            becchi un quattrino, informati prima di dire
            fesserie.Esibirsi non si usa piu'?

            Se non sei retribuito a sufficienza
            prenditela

            coi tuoi protettori, che incassano dalle tue

            opere fior di quattrini, neppure scalfiti dal

            mondo parallelo del libero scambio di
            duplicati
            a

            costo zero spesso degradati rispetto

            all'originale; quelli si che te lo mettono in

            ****.

            Quindi secondo il tuo fantasioso ragionamento,
            siccome gli editori sono capaci di trarre
            profitto dal lavoro degli autori, gli autori
            vanno fatti vivere con le pezze al
            XXXX.Il cliente dell'autore non e' l'editore, ma il pubblico.Il pubblico interessato PAGA per avere opere, per avere esibizioni.Paga anche per il viaggio, se l'artista si esibisce in un'altra citta'.Paga per avere gadget, per avere autografi...Ovviamente l'artista deve piacere al pubblico.L'artista fallito e' meglio se faccia altro, tipo zappare.

            A proposito, tu che sei l'Autore, riteni
            giusto

            pretendere di vivere di secolare rendita di

            posizione

            Secolare ? Da quando ? Altra enorme fesseria.70 anni dalla morte dell'autore ti dicono niente?

            per aver messo magari in file una

            sequenza armonica di alcune note musicali
            più
            o

            meno inedita, cosa che se vuoi ti sparo in 5

            minuti o te la spara anche un computer in
            pochi

            istanti?

            Si come no, adesso siamo tutti a livello di Bach,
            Mozart, Beethoven, basta un computer no ? Stai
            dicendo una marea di XXXXXXX
            immonde.Io non voglio fianziare gente che sia meno di Bach, Mozart e Beethoven.L'arte deve crescere, mica peggiorare.Quindi o sei all'altezza, oppure la zappa e' appoggiata al muretto del campo.


            A casa mia è giusto che chi lavora venga
            pagato,

            ma che quando non lavora non venga

            pagato.

            Infatti chi fa il musicista di professione si fa
            il mazzo, non lo sapevi ? Secondo te ci vogliono
            3 giorni per diventare un musicista competente ?L'artista studia ed investe su se stesso.Come fa chi ha studiato ingegneria, medicina, legge...Poi LAVORA, dal vivo, e viene pagato per ogni esibizione.Esattamente come tutti gli altri professionisti.
            Una performance di 15 minuti o una composizione
            di qualità significa anni di studio per
            guadagnarsi le
            competenze.
            Piantiamola con queste fesserie da osteria di
            periferia.Io ti pago i 15 minuti.Esattamente come pago l'idraulico 15 minuti, se ci mette 15 minuti per sturare il XXXXX.Se l'idraulico mi viene a dire che ha dovuto studiare per anni per arrivare a sturare un XXXXX, gli rispondo che non e' un mio problema.

            Detto questo ritieni che i tuoi protettori

            riusciranno a vendere molto a queste
            condizioni?

            Ve la state proprio

            cercando.

            Tu confondi autori con editori, sono due lavori
            diversi che richiedono competenze
            diverse.L'autore e' un lavoratore quando si esibisce.L'editore e' un parassita a prescindere.
            Il tuo intervento è pieno di luoghi comuni da
            cantinaro cazzaro che non sa come funziona quel
            mondo, ragionamento tipico degli scariconi che
            vogliono tutto gratis che però pretendono di
            essere pagati per il loro
            lavoro.Io vengo pagato a tempo.Il software e' liberamente scaricabile su sourceforge.
            Vuoi sfruttare il lavoro degli altri senza pagare
            una lira ? Lavora anche tu
            gratis.Io sviluppo software che e' a disposizione di chiunque lo voglia scaricare.I miei committenti mi pagano per scrivere software su loro specifiche.Quindi?
          • artista di stra tto scrive:
            Re: Finalmente chiarezza!
            - Scritto da: panda rossa

            Esibirsi non si usa piu'?Si come no, l'autore di un libro che scarichi gratis guadagna con le "esibizioni" giusto ? Cosa fa mette la parrucca e il naso finto e legge il libro ?

            Quindi secondo il tuo fantasioso
            ragionamento,

            siccome gli editori sono capaci di trarre

            profitto dal lavoro degli autori, gli autori

            vanno fatti vivere con le pezze al

            XXXX.

            Il cliente dell'autore non e' l'editore, ma il
            pubblico.Appunto, pubblico a cui, se piace un prodotto, lo acquista e paga. Cosa che non fai se te lo scarichi gratis.
            Il pubblico interessato PAGA per avere opere, per
            avere
            esibizioni.Giusto. Peccato che questi siti ospitano opere gratis.
            Paga anche per il viaggio, se l'artista si
            esibisce in un'altra
            citta'.
            Paga per avere gadget, per avere autografi...

            Ovviamente l'artista deve piacere al pubblico.
            L'artista fallito e' meglio se faccia altro, tipo
            zappare. Sono d'accordo, ma il fatto è che il pubblico non paga, perchè si scarica le opere dell'artista gratis, a prescindere.


            A proposito, tu che sei l'Autore, riteni

            giusto


            pretendere di vivere di secolare
            rendita
            di


            posizione



            Secolare ? Da quando ? Altra enorme fesseria.

            70 anni dalla morte dell'autore ti dicono niente?E quindi non stiamo parlando di secoli, quindi ha detto una fesseria.

            Si come no, adesso siamo tutti a livello di
            Bach,

            Mozart, Beethoven, basta un computer no ?
            Stai

            dicendo una marea di XXXXXXX

            immonde.

            Io non voglio fianziare gente che sia meno di
            Bach, Mozart e
            Beethoven.
            L'arte deve crescere, mica peggiorare.Anche gli artisti devono crescere e il ragionamento di non finanziare artisti che siano meno dei geni della musica fa ridere.Allora sii coerente e smetti di scaricare gratis se non ti interessano artisti che siano meno di loro.
            Quindi o sei all'altezza, oppure la zappa e'
            appoggiata al muretto del
            campo.Allora o tu sei all'altezza di Alan Turing o vai a zappare la terra.

            Infatti chi fa il musicista di professione
            si
            fa

            il mazzo, non lo sapevi ? Secondo te ci
            vogliono

            3 giorni per diventare un musicista
            competente
            ?

            L'artista studia ed investe su se stesso.
            Come fa chi ha studiato ingegneria, medicina,
            legge...
            Poi LAVORA, dal vivo, e viene pagato per ogni
            esibizione.

            Esattamente come tutti gli altri professionisti.Si, l'ingegnere si esibisce, il medico si esibisce.Ma piantiamola con le XXXXXXX, l'artista è un mestiere completamente diverso, è per quello che ci sono leggi apposta per gli artisti.

            Una performance di 15 minuti o una
            composizione

            di qualità significa anni di studio per

            guadagnarsi le

            competenze.

            Piantiamola con queste fesserie da osteria di

            periferia.

            Io ti pago i 15 minuti.
            Esattamente come pago l'idraulico 15 minuti, se
            ci mette 15 minuti per sturare il
            XXXXX.No tu paghi l'intervento dell'idraulico e se ti chiede 50 euro tu glieli dai, non lo paghi ad ore. E' un altro sistema di pagamento esattamente come lo sono le royalties.
            Se l'idraulico mi viene a dire che ha dovuto
            studiare per anni per arrivare a sturare un
            XXXXX, gli rispondo che non e' un mio
            problema.Infatti il tuo problema è il XXXXX intasato e se vuoi sturarlo paghi la cifra che ti chiede. Se non vuoi pagarlo lo fai da solo, e nel mentre che cominci a capire come si fa, vivrai nella XXXXX nel vero senso della parola.

            Tu confondi autori con editori, sono due
            lavori

            diversi che richiedono competenze

            diverse.

            L'autore e' un lavoratore quando si esibisce.Ma non diciamo XXXXXXX, lo scrittore si esibisce ? Ma per favore.
            L'editore e' un parassita a prescindere.E' un parassita perchè la legge gli consente di esserlo, così come sono parassiti quelli che si scaricano materiale frutto del lavoro altrui, perchè la legge gli consente di esserlo.

            Il tuo intervento è pieno di luoghi comuni da

            cantinaro cazzaro che non sa come funziona
            quel

            mondo, ragionamento tipico degli scariconi
            che

            vogliono tutto gratis che però pretendono di

            essere pagati per il loro

            lavoro.

            Io vengo pagato a tempo.E' un altro modello di retribuzione, e allora ? Il commerciante segue il modello a tempo ? No, oggi vende domani non vende.Se tu vuoi applicare lo stesso modello a tutte le professioni stai dicendo una grandissima fesseria.
            Il software e' liberamente scaricabile su
            sourceforge.Se è open, cioè messo a disposizione con quel tipo di licenza, altrimenti ti attacchi al piffero.

            Vuoi sfruttare il lavoro degli altri senza
            pagare

            una lira ? Lavora anche tu

            gratis.

            Io sviluppo software che e' a disposizione di
            chiunque lo voglia
            scaricare.E' una tua scelta, mica lo deve essere per tutti.Se tu metti a disposizione la tua panda a tutti, non vuol dire che tutti debbano seguire il tuo modello.
            I miei committenti mi pagano per scrivere
            software su loro
            specifiche.

            Quindi?E quindi lavori su commissione, se i tuoi committenti decidono di vendere la licenza di quel software, loro ci guadagnano dal lavoro che hai fatto tu.E' lo stesso modello dell'editore, solo che forse tu non te ne rendi conto e ti va bene, ma non ti va bene quello applicato ad altri professioni perchè ti va bene scaricare gratis.E quindi le tue sono seghe mentali.
          • panda rossa scrive:
            Re: Finalmente chiarezza!
            - Scritto da: artista di stra tto
            - Scritto da: panda rossa



            Esibirsi non si usa piu'?

            Si come no, l'autore di un libro che scarichi
            gratis guadagna con le "esibizioni" giusto ? Conosci un certo Saviano?
            Cosa fa mette la parrucca e il naso finto e legge
            il libro
            ?Conferenze, ospitate, fa quello che fa qualunque artista.Si mette a disposizione del pubblico.Cosi' si rende pure conto di che pubblico ha.

            Il cliente dell'autore non e' l'editore, ma
            il

            pubblico.

            Appunto, pubblico a cui, se piace un prodotto, lo
            acquista e paga. Cosa che non fai se te lo
            scarichi
            gratis.Hai ragione.Da quando c'e' internet i cinema sono vuoti, gli stadi dei concerti pure.Anche le librerie chiudono.Un vero disastro.Anche in quel posto in francia, dove i terroristi hanno sparato al concerto, non e' morto nessuno perche' erano tutti a casa a scaricarsi la musica.

            Il pubblico interessato PAGA per avere
            opere,
            per

            avere

            esibizioni.

            Giusto. Peccato che questi siti ospitano opere
            gratis.Si chiama promozione.
            Sono d'accordo, ma il fatto è che il pubblico non
            paga, perchè si scarica le opere dell'artista
            gratis, a
            prescindere.I teatri quindi sono vuoti?

            70 anni dalla morte dell'autore ti dicono
            niente?

            E quindi non stiamo parlando di secoli, quindi ha
            detto una
            fesseria.Un'opera scritta quando l'artista ha 20 anni, l'artista campa fino a 90, i diritti scadono 70 anni dopo.Fanno 180 anni. Ben piu' di un secolo.E poi quando stanno per scadere, zac, arriva la proroga che allunga i tempi di altri 20 anni.Mettiamo la data di scadenza sulle opere, come si fa per lo yogurt!

            Io non voglio fianziare gente che sia meno di

            Bach, Mozart e

            Beethoven.

            L'arte deve crescere, mica peggiorare.

            Anche gli artisti devono crescere e il
            ragionamento di non finanziare artisti che siano
            meno dei geni della musica fa
            ridere.
            Allora sii coerente e smetti di scaricare gratis
            se non ti interessano artisti che siano meno di
            loro.Mi stai dicendo di smettere di cercare nuovi artisti a cui appassionarmi?
            Allora o tu sei all'altezza di Alan Turing o vai
            a zappare la
            terra.Io mica mi sto lamentando di chi scarica.

            L'artista studia ed investe su se stesso.

            Come fa chi ha studiato ingegneria, medicina,

            legge...

            Poi LAVORA, dal vivo, e viene pagato per ogni

            esibizione.



            Esattamente come tutti gli altri
            professionisti.

            Si, l'ingegnere si esibisce, il medico si
            esibisce.
            Ma piantiamola con le XXXXXXX, l'artista è un
            mestiere completamente diverso, è per quello che
            ci sono leggi apposta per gli
            artisti.L'ingegnere e il medico vengono pagati QUANDO LAVORANO.A TEMPO.Come dovrebbe succere per l'artista che si esibisce.Per questo hanno inventato il biglietto d'ingresso.



            Io ti pago i 15 minuti.

            Esattamente come pago l'idraulico 15 minuti,
            se

            ci mette 15 minuti per sturare il

            XXXXX.

            No tu paghi l'intervento dell'idraulico e se ti
            chiede 50 euro tu glieli dai, non lo paghi ad
            ore.L'idraulico mi fa un preventivo (che posso rifiutare) e lo pago solo se ha riparato il XXXXX.E lo pago a ore: si chiama manodopera.

            Se l'idraulico mi viene a dire che ha dovuto

            studiare per anni per arrivare a sturare un

            XXXXX, gli rispondo che non e' un mio

            problema.

            Infatti il tuo problema è il XXXXX intasato e se
            vuoi sturarlo paghi la cifra che ti chiede. Se
            non vuoi pagarlo lo fai da solo, e nel mentre che
            cominci a capire come si fa, vivrai nella XXXXX
            nel vero senso della
            parola.E che cosa cambia con il brano musicale?Se lo voglio pago il cd, se non voglio pagarlo faccio da solo.E nel mentre mi accontento della radio.



            Tu confondi autori con editori, sono due

            lavori


            diversi che richiedono competenze


            diverse.



            L'autore e' un lavoratore quando si esibisce.

            Ma non diciamo XXXXXXX, lo scrittore si esibisce
            ? Ma per
            favore.Conosci un certo Saviano?

            L'editore e' un parassita a prescindere.

            E' un parassita perchè la legge gli consente di
            esserlo, così come sono parassiti quelli che si
            scaricano materiale frutto del lavoro altrui,
            perchè la legge gli consente di
            esserlo.Anche l'artista che pretende di vivere di rendita e' un parassita.Siamo tutti parassiti.

            Io vengo pagato a tempo.

            E' un altro modello di retribuzione, e allora ? E allora funziona.
            Il commerciante segue il modello a tempo ? No,
            oggi vende domani non
            vende.Il commerciante di verdura non si lamenta se io coltivo pomodori invece di comprarli da lui.E il fornaio mi vende farina e lievito se voglio fare il pane da me.
            Se tu vuoi applicare lo stesso modello a tutte le
            professioni stai dicendo una grandissima
            fesseria.Sei tu che stai pretendendo di applicare un modello superato dalla tecnologia.

            Il software e' liberamente scaricabile su

            sourceforge.

            Se è open, cioè messo a disposizione con quel
            tipo di licenza, altrimenti ti attacchi al
            piffero.Su sourceforge c'e' solo materiale open.

            Io sviluppo software che e' a disposizione di

            chiunque lo voglia

            scaricare.

            E' una tua scelta, mica lo deve essere per tutti.Ma e' quello che mi hai detto di fare.Ti ho risposto che lo faccio.
            Se tu metti a disposizione la tua panda a tutti,
            non vuol dire che tutti debbano seguire il tuo
            modello.Il car sharing esiste ed e' realta', a prescindere dalla mia panda.

            I miei committenti mi pagano per scrivere

            software su loro

            specifiche.



            Quindi?

            E quindi lavori su commissione, se i tuoi
            committenti decidono di vendere la licenza di
            quel software, loro ci guadagnano dal lavoro che
            hai fatto
            tu.E mi commissioneranno altro software oppure mi faranno un contratto per garantire manutenzione del prodotto che commercializzano.Ho solo da guadagnarci se decidono di vendere.
            E' lo stesso modello dell'editore, solo che forse
            tu non te ne rendi conto e ti va bene, ma non ti
            va bene quello applicato ad altri professioni
            perchè ti va bene scaricare
            gratis.Se fosse lo stesso modello dell'editore, sarebbe un editore a venire qui a lamentarsi non un autore.L'autore ha solo da guadagnarci se la sua opera si diffonde.
            E quindi le tue sono seghe mentali.E le tue invece?
          • artista di stra tto scrive:
            Re: Finalmente chiarezza!
            - Scritto da: panda rossa
            Conosci un certo Saviano?Bravo hai portato l'esempio giusto, proprio quello che campa grazie alle vendite dei libri. Quindi non hai capito una fava
            Conferenze, ospitate, fa quello che fa qualunque
            artistaMa non diciamo XXXXXXX, l'artista o lo scrittore non ci campa con quelle cose, quelle sono proprio cose a titolo promozionale. Non hai capito niente di come funzionano le cose
            Si mette a disposizione del pubblico
            Cosi' si rende pure conto di che pubblico haSi certo è così che campa: studia il pubblico e poi scrive delle storielle per loro, ma per favore....ma quante ne dici ????
            Da quando c'e' internet i cinema sono vuoti, gli
            stadi dei concerti
            pure
            Anche le librerie chiudono
            Un vero disastroNon chiudono perchè gli editori hanno i soldi per promuovere i loro prodotti, quegli stessi editori che tu odi tanto.Altra dimostrazione che non hai capito un razzo
            Si chiama promozioneCosa si chiama promozione ? La messa gratis dei libri su internet ? Così poi l'autore va a tenere conferenze ? Funziona proprio al contrario, non hai capito proprio un grandissimo XXXXX
            Un'opera scritta quando l'artista ha 20 anni,
            l'artista campa fino a 90, i diritti scadono 70
            anni
            dopo
            Fanno 180 anniNon sai neppure fare i conti, oltre al fatto che prima hai detto 70 adesso ci aggiungi altri 90 anni dell'autore. Non conosci la legge e stai parlando a vanvera
            Ben piu' di un secoloMa perchè non fai vivere gli autori 500 anni ? Così sono 5 secoli
            E poi quando stanno per scadere, zac, arriva la
            proroga che allunga i tempi di altri 20
            anniSi la proroga del governo del berlusca, ma quante XXXXXXX stai dicendo ?
            Mettiamo la data di scadenza sulle opere, come si
            fa per lo
            yogurt!Di fatto c'è già
            Mi stai dicendo di smettere di cercare nuovi
            artisti a cui
            appassionarmi?Di cui poi diventi uno sponsor vero ? Cioè il tal artista degli USA che ti appassiona ma che non viene in italia, di questo artista tu ti vai a comprare il disco per supportarlo giusto ?Come no, uno che dice che il disco è solo per la promozione e i musicisti devono campare facendo i concerti
            Io mica mi sto lamentando di chi scaricaCi mancherebbe, sei uno di quei parassiti che scarica.Ma poi non c'entra un XXXXX con quello di cui si parlava.Adesso metti in mezzo anche i puffi e l'ape maia dato che ci sei
            L'ingegnere e il medico vengono pagati QUANDO
            LAVORANO
            A TEMPONo, vengono pagati se hanno un contratto o per prestazione
            Come dovrebbe succere per l'artista che si
            esibisceInfatti in quel caso paghi la prestazione
            Per questo hanno inventato il biglietto
            d'ingressoChe sarebbe il pagamento per la prestazione, non perchè va a TEMPO.Sei incredibile da quanto non ci capisci una fava
            L'idraulico mi fa un preventivo (che posso
            rifiutare) e lo pago solo se ha riparato il
            XXXXXL'artista non ti ripara niente, fornisce una prestazione o un prodotto, se la/lo vuoi tu paghi. Preventivi non ce ne sono, il costo del biglietto e del prodotto sono noti, se tu non vuoi sborsare quella cifra non compri il prodotto o la prestazione, come fai con qualsiasi altra cosa
            E lo pago a ore: si chiama manodoperaMa l'artista non ti fornisce manodopera quindi non è l'ennesimo esempio del caxxo
            E che cosa cambia con il brano musicale?Cambia che se lo vuoi sentire e non sei capace di suonare lo acquisti, altrimenti te lo suoni da te
            Se lo voglio pago il cd, se non voglio pagarlo
            faccio da
            soloAppunto te lo suoni sul tuo piano, chitarra, quello che ti piace di più, altrimenti da solo ti fai le pippe
            E nel mentre mi accontento della radioE allora accontentati della radio
            Conosci un certo Saviano?Si e ti ho già risposto su sto esempio del XXXXX
            Anche l'artista che pretende di vivere di rendita
            e' un
            parassitaL'artista non pretende di vivere di rendita, pretende che il frutto del suo lavoro non dia guadagni ad altri a cui non ha conXXXXX i diritti
            Siamo tutti parassitiMi spiace ma non tutti lo sono
            E allora funzionaE non funzionerebbe se al momento un cui devi venire pagato, arriva qualcuno e ti toglie i soldi da sotto il naso senza che tu possa fare niente
            Il commerciante di verdura non si lamenta se io
            coltivo pomodori invece di comprarli da
            luiE allora coltivali da te e non rubarli al fruttivendolo
            E il fornaio mi vende farina e lievito se voglio
            fare il pane da
            meE allora fatti il pane e non rubarlo al fornaio
            Sei tu che stai pretendendo di applicare un
            modello superato dalla
            tecnologiaSolo perchè la tecnologia di consente di fare la copia di un prodotto ? Allora se domani la tecnologia mi permette di farmi un bonifico dal tuo conto corrente senza la tua approvazione diciamo che diventa lecito
            Su sourceforge c'e' solo materiale openE quindi il motivo per cui è scaricabile è perchè la licenza è open. Se fosse closed te lo scarichi col piffero. Capito caro signor: "non capisco un XXXXX e comunque faccio il cretino che non capisce perchè così ci faccio una bella figura" ?
            Ma e' quello che mi hai detto di fare
            Ti ho risposto che lo faccioCosa ti ho detto di fare ???? Ma tu stai delirando !!!
            Il car sharing esiste ed e' realta', a
            prescindere dalla mia
            pandaE lo paghi. Nel tuo modello invece è gratis, quindi vedi di mettere a disposizione la tua panda e vedi che ci sia il pieno di carburante
            E mi commissioneranno altro software Chi l'ha detto ? Lo dici tu o lo decidono loro ? Se non gli piace il tuo lavoro non ti fanno fare altro
            oppure mi faranno un contratto per garantire manutenzione del prodotto
            che commercializzanoNon è detto se hanno personale che lo può fare al posto tuo. E se non gli piace il tuo lavoro non ti fanno fare altro.Comunque una volta fatto un disco, un libro o un film, non si fa manutenzione, quindi il tuo esempio non c'entra una XXXXX
            Ho solo da guadagnarci se decidono di vendereNo, una volta commissionato il lavoro loro ci guadagnano e tu non guadagni più una fava
            Se fosse lo stesso modello dell'editore, sarebbe un editore a venire qui
            a lamentarsi non un autoreEcco vedi che non hai capito un XXXXX ?
            L'autore ha solo da guadagnarci se la sua opera si diffondeL'autore ci guadagna se diventa una star, altrimenti non guadagna una fava grazie al modello panda rossa
          • panda rossa scrive:
            Re: Finalmente chiarezza!
            - Scritto da: artista di stra tto
            Bravo hai portato l'esempio giusto, proprio
            quello che campa grazie alle vendite dei libri.
            Quindi non hai capito una
            favaGente che paga per assistere alle sue conferenze.
            Ma non diciamo XXXXXXX, l'artista o lo scrittore
            non ci campa con quelle cose, quelle sono proprio
            cose a titolo promozionale. Non hai capito niente
            di come funzionano le
            coseLe cose cambiano.
            Si certo è così che campa: studia il pubblico e
            poi scrive delle storielle per loro, ma per
            favore....ma quante ne dici
            ????Sei tu quello che si lamenta.Se il tuo metodo funzionasse, non saresti qui a lamentarti.Sai che cosa hai ottenuto a litigare col pubblico? Che se ora tu dicessi chi sei e che cosa hai scritto, ormai nessuno ti leggera' piu', qui dentro.
            Non chiudono perchè gli editori hanno i soldi per
            promuovere i loro prodotti, quegli stessi editori
            che tu odi
            tanto.
            Altra dimostrazione che non hai capito un razzoScelta loro.A me non serve un editore per promuovere il mio lavoro.
            Cosa si chiama promozione ? La messa gratis dei
            libri su internet ? Così poi l'autore va a tenere
            conferenze ? Funziona proprio al contrario, non
            hai capito proprio un grandissimo
            XXXXXHai capito tutto tu.Chi e' che si sta lamentando tra me e te?
            Non sai neppure fare i conti, oltre al fatto che
            prima hai detto 70 adesso ci aggiungi altri 90
            anni dell'autore.Vedi che non sai un XXXXX!La legge estende i diritti a 70 anni dalla morte dell'autore, non della pubblicazione.
            Non conosci la legge e stai parlando a vanveraLa legge non la conosci tu.
            Ma perchè non fai vivere gli autori 500 anni ?
            Così sono 5
            secoliCi stiamo arrivando.
            Si la proroga del governo del berlusca, ma quante
            XXXXXXX stai dicendo
            ?Walt Disney e i diritti di Topolino.

            Mettiamo la data di scadenza sulle opere,
            come
            si

            fa per lo

            yogurt!

            Di fatto c'è giàIo non la trovo, me la indichi?

            Mi stai dicendo di smettere di cercare nuovi

            artisti a cui

            appassionarmi?

            Di cui poi diventi uno sponsor vero ? Cioè il tal
            artista degli USA che ti appassiona ma che non
            viene in italia, di questo artista tu ti vai a
            comprare il disco per supportarlo giusto
            ?
            Come no, uno che dice che il disco è solo per la
            promozione e i musicisti devono campare facendo i
            concertiNo, devono campare di rendita fino ai loro nipoti.

            L'ingegnere e il medico vengono pagati QUANDO

            LAVORANO

            A TEMPO

            No, vengono pagati se hanno un contratto o per
            prestazione


            Come dovrebbe succere per l'artista che si

            esibisce

            Infatti in quel caso paghi la prestazioneLa prestazione ha una durata, sai?

            Per questo hanno inventato il biglietto

            d'ingresso

            Che sarebbe il pagamento per la prestazione, non
            perchè va a
            TEMPO.
            Sei incredibile da quanto non ci capisci una favaE allora perche' dopo un paio d'ore mi fanno uscire?
            L'artista non ti ripara niente, fornisce una
            prestazione o un prodotto, se la/lo vuoi tu
            paghi. Preventivi non ce ne sono, il costo del
            biglietto e del prodotto sono noti, se tu non
            vuoi sborsare quella cifra non compri il prodotto
            o la prestazione, come fai con qualsiasi altra
            cosaLe regole le detta il cliente, sai?

            E lo pago a ore: si chiama manodopera

            Ma l'artista non ti fornisce manodopera quindi
            non è l'ennesimo esempio del
            caxxoL'artista mi offre una prestazione di una certa durata (una serata, per esempio).Io sono disposto a pagare solo se lo conosco.

            E che cosa cambia con il brano musicale?

            Cambia che se lo vuoi sentire e non sei capace di
            suonare lo acquisti, altrimenti te lo suoni da
            teInfatti me lo suono da me.
            E allora accontentati della radioE mi accontento infatti.Solo che siamo nel 2017 e le radio in streaming sono anche on demand.Tu a che secolo sei rimasto?

            Conosci un certo Saviano?

            Si e ti ho già risposto su sto esempio del XXXXXE dalla tua risposta si capisce che non lo conosci.

            Anche l'artista che pretende di vivere di
            rendita

            e' un

            parassita

            L'artista non pretende di vivere di rendita,
            pretende che il frutto del suo lavoro non dia
            guadagni ad altri a cui non ha conXXXXX i
            dirittiIl frutto del suo lavoro si chiama biglietto d'ingresso.

            Siamo tutti parassiti

            Mi spiace ma non tutti lo sonoTu lo sei se difendi il modello parassitario.

            Il commerciante di verdura non si lamenta se
            io

            coltivo pomodori invece di comprarli da

            lui

            E allora coltivali da te e non rubarli al
            fruttivendoloLo faccio gia'.

            E il fornaio mi vende farina e lievito se
            voglio

            fare il pane da

            me

            E allora fatti il pane e non rubarlo al fornaioLo faccio gia'.Rubare = togliere qualcosa a qualcuno.Una copia non toglie niente a nessuno.

            Sei tu che stai pretendendo di applicare un

            modello superato dalla

            tecnologia

            Solo perchè la tecnologia di consente di fare la
            copia di un prodotto ? Certo. Prima si pagava per fare le copie.
            Allora se domani la
            tecnologia mi permette di farmi un bonifico dal
            tuo conto corrente senza la tua approvazione
            diciamo che diventa
            lecitoCerto perche' potro' farlo anche io dal tuo.

            Il car sharing esiste ed e' realta', a

            prescindere dalla mia

            panda

            E lo paghi. Sempre meno. E comunque un bene materiale e' soggetto ad usura e qualcosa si paga.Il digitale non si usura e si raggiunge facilmente il costo zero.
            Nel tuo modello invece è gratis,
            quindi vedi di mettere a disposizione la tua
            panda e vedi che ci sia il pieno di
            carburanteE' un problema di chi vuole usarla per viaggiare.Se uno vuole usarla per trombare del carburante non gli frega.

            E mi commissioneranno altro software

            Chi l'ha detto ? Lo dici tu o lo decidono loro ?
            Se non gli piace il tuo lavoro non ti fanno fare
            altroE siccome sono piu' di 20 anni che faccio questo mestiere, fatti qualche domanda.

            oppure mi faranno un contratto per garantire
            manutenzione del prodotto
            che
            commercializzano

            Non è detto se hanno personale che lo può fare al
            posto tuo. E se non gli piace il tuo lavoro non
            ti fanno fare
            altro.Vuol dire che non so fare questo mestiere.Proprio come uno che crede di fare l'artista ma nessuno se lo fila.

            Ho solo da guadagnarci se decidono di vendere

            No, una volta commissionato il lavoro loro ci
            guadagnano e tu non guadagni più una
            favaE come mai sono piu' di 20 anni che mi commissionano lavoro?
          • artista di stra tto scrive:
            Re: Finalmente chiarezza!
            Ho letto i tuoi interventi e ho capito che sei un manipolatore e un inetto, inutile parlare con te.Mi spiace per le condizioni in cui versi, ciao.
          • panda rossa scrive:
            Re: Finalmente chiarezza!
            - Scritto da: artista di stra tto
            Ho letto i tuoi interventi e ho capito che sei un
            manipolatore e un inetto, inutile parlare con
            te.
            Mi spiace per le condizioni in cui versi, ciao.Io ho letto i tuoi e ho capito che sei un venditore di ghiaccio che impreca contro i fabbricanti di frigoriferi.Inutile parlare con te, ma non mi dispiace affatto se fallirai: e' solo colpa tua.
          • artista di stra tto scrive:
            Re: Finalmente chiarezza!
            - Scritto da: panda rossa
            Gente che paga per assistere alle sue conferenze.No, Saviano campa coi libri non con le conferenze. Sei proprio ottuso non c'è niente da fare per te
            Le cose cambiano.Quando cambieranno e quindi gli scrittori camperanno con le conferenze ti darò ragione, per il momento dici XXXXXXX e basta.
            Sei tu quello che si lamenta.
            Se il tuo metodo funzionasse, non saresti qui a
            lamentarti.Non hai capito, se mi lamento è perchè sei falso e ignorante ma pretendi di avere ragione
            Sai che cosa hai ottenuto a litigare col
            pubblico? Che se ora tu dicessi chi sei e che
            cosa hai scritto, ormai nessuno ti leggera' piu',
            qui
            dentro.Quattro ottusi e ignoranti ? Sai che perdita
            Scelta loro.
            A me non serve un editore per promuovere il mio
            lavoro.Buon per te, ma non esiste solo il mondo di panda rossa, solo che tu non lo capisci perchè sei ottuso
            Hai capito tutto tu.
            Chi e' che si sta lamentando tra me e te?Quindi se uno si lamenta perchè ha di fronte un cretino che pretende di avere ragione vuol dire che ha torto su tutto ? Allora sei proprio un cretino certificato :|
            Vedi che non sai un XXXXX!
            La legge estende i diritti a 70 anni dalla morte
            dell'autore, non della
            pubblicazione.Quindi i 90 anni dell'autore non c'entrano un XXXXX, senza contare i 20 che prima avevi sommato per fare 180 anni. Una persona che ragiona così come lo chiami ? Tutti gli direbbero che è ottuso o cretino. :-o
            La legge non la conosci tu.Non sei capace di leggere un articolo, figuriamoci la legge.
            Walt Disney e i diritti di Topolino.E in italia ? E nel resto del mondo ?
            Io non la trovo, me la indichi?L'hai detto tu: 70 anni dopo la morte dell'autore. Guarda che stai facendo una figuraccia :o
            No, devono campare di rendita fino ai loro nipoti.Non sei capace di discutere seriamente. :-o
            La prestazione ha una durata, sai?Quando paghi la prestazione non paghi la durata, potrebbe durare 1 minuto o 10 giorni, la prestazione è prestazione. Dimostri ancora di essere un falso manipolatore :-o
            E allora perche' dopo un paio d'ore mi fanno
            uscire?Oppure dopo un'ora o dopo 3 ore, perchè la prestazione ha un tempo indeterminato. Ma sei ottuso e non lo capisci. :-o
            Le regole le detta il cliente, sai?Allora al prossimo concerto al botteghino vai a dire che il prezzo del biglietto lo decidi tu. (rotfl)
            L'artista mi offre una prestazione di una certa
            durata (una serata, per
            esempio).E quindi ora dici che l'artista ti offre una prestazione.... mah... (newbie)
            Infatti me lo suono da me.E allora non ci sono problemi

            E allora accontentati della radio

            E mi accontento infatti.E allora non ci sono problemi
            Solo che siamo nel 2017 e le radio in streaming
            sono anche on
            demand.
            Tu a che secolo sei rimasto?Cosa c'entra col resto ? No tu sei proprio un caso clinico. (newbie)


            Conosci un certo Saviano?



            Si e ti ho già risposto su sto esempio del
            XXXXX

            E dalla tua risposta si capisce che non lo
            conosci.Invece panda rossa che dice che campa con le conferenze, lo conosce e ci esce pure a cena. (rotfl)
            Il frutto del suo lavoro si chiama biglietto
            d'ingresso.Che tu non ti risparmi di acquistare appena puoi immagino. :-o
            Tu lo sei se difendi il modello parassitario.Tu difendi il modello parassitario di chi usufruisce del lavoro altrui senza pagare, quindi sei tu il ladro parassita. :-o
            Rubare = togliere qualcosa a qualcuno.
            Una copia non toglie niente a nessuno.Anche in libreria ci sono copie di libri, in mobilificio ci sono copie di sedie ecc eccTu vai in libreria e te ne vai con una copia senza pagare e di questo ne pagherai le conseguenze. Il sistema invece ti permette di avere gratis copie digitali, senza il permesso dell'autore e di chi le pubblica e tu continui a farlo perchè sai che non ci saranno conseguenze. Quando ci saranno perchè vengono a beccarti non lo farai più. Quindi sei un parassita e anche un ipocrita. :-o
            Certo. Prima si pagava per fare le copie.Un prodotto è un prodotto, che sia fisico o digitale cambia poco.Se ti interessa un programma per il tuo computer lo paghi. :-o

            Allora se domani la

            tecnologia mi permette di farmi un bonifico
            dal

            tuo conto corrente senza la tua approvazione

            diciamo che diventa

            lecito

            Certo perche' potro' farlo anche io dal tuo.Sei proprio un cretino senza speranza (rotfl)(rotfl)(rotfl)
            Sempre meno. Ma si paga :-o
            E comunque un bene materiale e'
            soggetto ad usura e qualcosa si
            paga.Ma si paga :-o
            Il digitale non si usura e si raggiunge
            facilmente il costo
            zero.Ma è un prodotto e lo paghi come qualsiasi altro prodotto. :-o
            E' un problema di chi vuole usarla per viaggiare.
            Se uno vuole usarla per trombare del carburante
            non gli
            frega.Allora da domani mettila a disposizione gratis, è il tuo modello, non dovrebbe essere un problema. :o
            E siccome sono piu' di 20 anni che faccio questo mestiere, fatti qualche
            domanda.Si sta parlando del tuo modello, non di panda rossa, sei proprio un cretino. (rotfl)(rotfl)(rotfl)
            Vuol dire che non so fare questo mestiere.Se hanno altro personale per fare la manutenzione non c'entra.
            Proprio come uno che crede di fare l'artista ma nessuno se lo fila.Invece se qualcuno se lo fila è perchè si scarica le sue opere gratis.
            E come mai sono piu' di 20 anni che mi commissionano lavoro?Ti avevo detto che sei ignorante e ottuso, non c'è niente da fare....Non si può parlare con te, sei pure cretino. :
          • Il Fuddaro scrive:
            Re: Finalmente chiarezza!
            - Scritto da: artista di stra tto
            - Scritto da: rockroll

            OK, tu sei l'autore e sei retribuito a

            sufficienza tramite i canali ufficiali e
            tutto
            il

            marchingegno messo in piedi dei protettori
            dei

            tuoi cosidetti diritti.

            Se i diritti non li cedi o non li sfrutti non
            becchi un quattrino, informati prima di dire
            fesserie.


            Se non sei retribuito a sufficienza
            prenditela

            coi tuoi protettori, che incassano dalle tue

            opere fior di quattrini, neppure scalfiti dal

            mondo parallelo del libero scambio di
            duplicati
            a

            costo zero spesso degradati rispetto

            all'originale; quelli si che te lo mettono in

            ****.

            Quindi secondo il tuo fantasioso ragionamento,
            siccome gli editori sono capaci di trarre
            profitto dal lavoro degli autori, gli autori
            vanno fatti vivere con le pezze al
            XXXX.


            A proposito, tu che sei l'Autore, riteni
            giusto

            pretendere di vivere di secolare rendita di

            posizione

            Secolare ? Da quando ? Altra enorme fesseria.


            per aver messo magari in file una

            sequenza armonica di alcune note musicali
            più
            o

            meno inedita, cosa che se vuoi ti sparo in 5

            minuti o te la spara anche un computer in
            pochi

            istanti?

            Si come no, adesso siamo tutti a livello di Bach,
            Mozart, Beethoven, basta un computer no ? Stai
            dicendo una marea di XXXXXXX
            immonde.


            A casa mia è giusto che chi lavora venga
            pagato,

            ma che quando non lavora non venga

            pagato.

            Infatti chi fa il musicista di professione si fa
            il mazzo, non lo sapevi ? Secondo te ci vogliono
            3 giorni per diventare un musicista competente ?

            Una performance di 15 minuti o una composizione
            di qualità significa anni di studio per
            guadagnarsi le
            competenze.
            Piantiamola con queste fesserie da osteria di
            periferia.


            Detto questo ritieni che i tuoi protettori

            riusciranno a vendere molto a queste
            condizioni?

            Ve la state proprio

            cercando.

            Tu confondi autori con editori, sono due lavori
            diversi che richiedono competenze
            diverse.

            Il tuo intervento è pieno di luoghi comuni da
            cantinaro cazzaro che non sa come funziona quel
            mondo, ragionamento tipico degli scariconi che
            vogliono tutto gratis che però pretendono di
            essere pagati per il loro
            lavoro.
            Vuoi sfruttare il lavoro degli altri senza pagare
            una lira ? Lavora anche tu
            gratis.Qua l'unico che non ha le idee chiare sembresti proprio tu! Mi sembra che non uno, ma ben due utenti, ti hanno spiegato che l'autore se becca 'poco', è perché la pappa la vogliono gli editori tutta per loro!Capisci bene!
          • artista di stra tto scrive:
            Re: Finalmente chiarezza!
            - Scritto da: Il Fuddaro
            Qua l'unico che non ha le idee chiare sembresti
            proprio tu! Mi sembra che non uno, ma ben due
            utenti, ti hanno spiegato che l'autore se becca
            'poco', è perché la pappa la vogliono gli editori
            tutta per
            loro!

            Capisci bene!Adesso 3 utenti, quindi per te vale: la maggioranza ha ragione.Infatti si vede in italia come siamo messi.Leggi bene tu magari, va.
  • lammy scrive:
    Puntata di suits
    Sembra una puntata di Suits, tutta guardata in streaming CON scopo di lucro (Neix).Il temibile avvocato Sarzana-Specter fa assolvere il paladino dellinnovazione digitale, in base ad una corretta (cavillosa?) lettura della norma.Comunque in Italia non vige il common-law quindi è tutto aleatorio, caso per caso, a discrezione del giudice. Il giudice A può pensare che marginare sulla pubblicità non sia economicamente apprezzabile, e il giorno dopo il giudice B ritiene apprezzabile anche 0,1 euro di lucro.La definizione:"ogni persona fisica o giuridica che carica opere digitali su reti di comunicazione elettronica rendendole disponibili al pubblico anche attraverso appositi link o Torrent ovvero altre forme di collegamento"è scientificamente/tecnologicamente scorretta e passibile di interpretazione. Chi trova un link e lo ripubblica non carica un bel niente. Ma non si definiva uploader? Definico nuotatore quello che si muove in un mezzo liquido, anche allasciutto. Chiaro, no?È così difficile riscrivere come: ogni persona fisica o giuridica che rende disponibile al pubblico opere digitali su reti di comunicazione elettronicaÈ lungo la metà e il doppio più chiaro.Non che sia daccordo. La pirateria video morirà solo quando lofferta legale sarà decente (come è in pratica sucXXXXX per quelle musicali, pirateria e offerta).
  • Luca scrive:
    Civiltà
    L'accusa deve dimostrare le proprie ragioni, non è la difesa che le deve smentire. Un po' di civiltà finalmente.
    • Attenzione scrive:
      Re: Civiltà
      - Scritto da: Luca
      L'accusa deve dimostrare le proprie ragioni, non
      è la difesa che le deve smentire. Un po' di
      civiltà
      finalmente.Funziona solo con i potenti che hanno 3000 garanzie di rimanere impuniti non con i ladri di polli
Chiudi i commenti