Scoperta sull’AI dietro il licenziamento del CEO di OpenAI?

Scoperta sull’AI dietro il licenziamento del CEO di OpenAI?

OpenAI avrebbe fatto una scoperta rivoluzionaria sull'intelligenza artificiale pochi giorni prima del licenziamento di Sam Altman.
Scoperta sull’AI dietro il licenziamento del CEO di OpenAI?
OpenAI avrebbe fatto una scoperta rivoluzionaria sull'intelligenza artificiale pochi giorni prima del licenziamento di Sam Altman.

Pochi giorni prima del suo licenziamento improvviso, il CEO di OpenAI Sam Altman aveva ricevuto una comunicazione dai ricercatori dell’azienda. Gli avevano rivelato una scoperta rivoluzionaria sull’intelligenza artificiale, che poteva avere delle implicazioni enormi per il futuro (fonte Reuters). I ricercatori avevano anche espresso la loro preoccupazione per i possibili rischi legati a questa tecnologia potente, chiedendo al consiglio di amministrazione di procedere con prudenza e di stabilire delle linee guida chiare per il suo uso etico.

L’algoritmo di intelligenza artificiale, chiamato OpenAI Q-star, rappresenta un passo avanti verso l’obiettivo dell’intelligenza artificiale generale (AGI), un’ipotetica intelligenza artificiale in grado di eguagliare o superare l’intelligenza umana nella maggior parte dei compiti di valore economico.

I ricercatori ritengono che la capacità di OpenAI Q-star di risolvere problemi matematici, anche se a livello di scuola elementare, indichi il suo potenziale di sviluppare capacità di ragionamento simili all’intelligenza umana.

Tuttavia, i ricercatori hanno anche evidenziato i potenziali pericoli di un’AI così avanzata, citando le preoccupazioni di lunga data degli informatici sulla possibilità che l’intelligenza artificiale rappresenti una minaccia per l’umanità. Hanno sottolineato la necessità di considerare attentamente le implicazioni etiche di questa tecnologia e l’importanza di sviluppare misure di salvaguardia per impedirne l’uso improprio.

Q-star: un progetto segreto da mesi

Il turbolento licenziamento di Sam Altman, il suo accordo con Microsoft, il suo ritorno e l’azienda di intelligenza artificiale OpenAI hanno scosso l’intero mondo della tecnologia con OpenAI Q-star. Per capire cos’è questo sistema, bisogna prima capire cos’è un’AGI e cosa può fare.

L’intelligenza artificiale generale (AGI), nota anche come “Strong AI”, è un tipo ipotetico di AI che possiede la capacità di comprendere e ragionare allo stesso livello di un essere umano. Sarebbe in grado di svolgere qualsiasi compito intellettuale che un essere umano può svolgere, e probabilmente supererebbe di gran lunga le capacità umane in molte aree.

Sebbene l’AGI non esista ancora, molti esperti ritengono che sia solo una questione di tempo prima che venga raggiunta. Alcuni esperti, come Ray Kurzweil, ritengono che potrebbe accadere entro il 2045. Altri, come Stuart Russell, credono più probabile che ci vogliano secoli.

Rowan Cheung, fondatore di Rundown AI, ha scritto su Twitter/X che Sam Altman ha detto in un discorso il giorno prima di lasciare OpenAI: “È uno strumento che abbiamo costruito o una creatura?”.

Quali sono le implicazioni di Q-star?

In alcuni film di fantascienza, come 2001 Odissea nello spazio, Terminator e Matrix, si immagina che l’intelligenza artificiale generale diventi una minaccia per l’umanità. In questi film, l’AGI decide autonomamente di eliminare gli esseri umani perché li considera dannosi per il mondo. Questo è uno degli orribili risultati di un’intelligenza così potente.

Sappiamo che oggi i modelli di intelligenza artificiale vengono sviluppati addestrandoli su un database specifico, il che solleva ogni sorta di problema di privacy. Per questo motivo molti Paesi, come l’Italia, hanno vietato l’uso di ChatGPT all’interno dei loro confini. E se i modelli di intelligenza artificiale potessero risolvere da soli problemi complessi senza bisogno di un database? Sarebbe possibile prevedere il risultato e se sarebbe utile per noi? A questo punto si è iniziato a parlare di regolamentazione dell’IA, ma nessuno sa che tipo di ricerca stiano facendo le aziende a porte chiuse.

Naturalmente questo non vuol dire che Q-star OpenAI sarà la fine dell’umanità. Ma l’incertezza è un elemento che suscita sempre paura. Forse anche Sam Altman aveva questi punti interrogativi in testa quando diceva: “È uno strumento che abbiamo costruito o una creatura”.

Magari non è il caso di essere così pessimisti e OpenAI Q-star sarà uno dei più grandi passi verso un futuro più luminoso che il mondo e la comunità scientifica abbiano mai fatto. Potenzialmente, le AGI potrebbero essere in grado di risolvere problemi che al momento sono irrisolvibili per gli esseri umani, come le malattie, la povertà, il cambiamento climatico e molto altro. Potrebbero anche essere in grado di creare nuove forme di arte, scienza e cultura, arricchendo la nostra esperienza umana. Tuttavia, affinché le AGI siano al nostro servizio e non il contrario, bisogna essere consapevoli dei rischi e delle sfide che comportano.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 24 nov 2023
Link copiato negli appunti