SGI si cura con i server x86

Il celebre produttore specializzato in server e workstation di fascia alta tenterà di risalire la china della bancarotta entrando nel mercato dei server x86. Lo farà con sistemi basati su Xeon e Linux

Mountain View (USA) – Per curare le proprie finanze, Silicon Graphics sembra disposta a mettere da parte la sua indole snob e tuffarsi, come hanno fatto da tempo i suoi concorrenti, nell’affollato ma ampio mercato dei server x86. Farà il suo debutto in questa arena con sistemi basati sull’ultima generazione di processori Xeon e sulla piattaforma Linux.

I server x86 di SGI si manterranno un poco al di sopra del mercato mainstream, e tuttavia ben al di sotto dei segmenti a cui storicamente il colosso californiano si rivolge. Nancy Pierce, manager del marketing di SGI, ha del resto spiegato che la propria azienda non vuole più restare confinata in una nicchia del mercato hi-end.

“La nostra intenzione – ha detto Pierce – è portare la nostra esperienza e le nostre tecnologie anche alle aziende di medio-piccole dimensioni”.

I primi sistemi x86 di SGI adotteranno due CPU dual-core Xeon 5160, supporteranno fino a 32 GB di memoria RAM e avranno chassis in formato 1U o 2U. Su questi server girerà esclusivamente Linux, e in particolare le distribuzioni enterprise di Novell e Red Hat. Il primo modello sarà introdotto sul mercato in agosto al prezzo base di 3.100 dollari.

SGI conta di distinguersi dalla massa offrendo ai propri clienti la possibilità di ordinare cluster x86 preconfigurati e server ottimizzati per svolgere compiti specifici. Tra i pacchetti pronti all’uso ve ne sono due destinati agli studi cinematografici ed ai produttori di vidogiochi: del resto le applicazioni grafiche sono da sempre il fiore all’occhiello di SGI.

Con questa nuova strategia l’azienda spera di uscire al più presto da quella crisi che lo scorso maggio l’ha costretta ad entrare in regime di amministrazione controllata .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • andrea marongiu scrive:
    niente
    niente
  • Anonimo scrive:
    Usatela con BUSH ...
    e la sua gang !!!
  • Anonimo scrive:
    Io so...
    sempre quando qualcuno dice la verità, o quando mente.Possibile che sia l'unico?Veramente si ha bisogno di tali macchine?Non solo: so per certo che in molti risponderete stupidamente o intelligentemente a questo mio intervento, e se non lo farete è perchè ho scritto che lo prevedevo...o per altro.Siete proprio strani voi umani!
    • Anonimo scrive:
      Re: Io so...
      purtroppo io prevedevo quel "e se non lo farete", che indica che non riesci a prevedere il futuro come io faccio oramai da anni. Oltre ad avere inventato la macchina del tempo con tanto di brevetto per paura che in futuro venga rubata da qualche multinazionale senza scrupoli.
    • Anonimo scrive:
      Re: Io so...
      Prevedi quelli che sarebbero i tuoi complessi cercando di metterti nei panni altrui, davanti a un messaggio del genere. Hai bisogno di condividerli?
  • Anonimo scrive:
    Una fanfaronata chiamata "verità"
    "...ha detto Barry Steinhardt, direttore del dipartimento tecnologico di ACLU, "abbiamo il diritto di sapere come funzionano e soprattutto come verranno utilizzate".Accontento chi vuole sapere come funziona1)Si presuppone che la verità sia quella di cui l' interrogato ha coscienza, ma ciò non sempre è vero. C'è tutta una letteratura che studia questa possibilità di mentire a sé stessi creando falsi ricordi: il cervello è un sistema biologico dinamico, in cui si fanno e si disfano continuamente nuove connessioni con gli stimoli del mondo esterno e con i codici mentali che rappresentano quel mondo. 2)Poiché la macchina rileva le modificazioni cerebrali relative alle affermazioni dell' interrogato, e le associa con i dati forniti dalla sperimentazione sul cervello, relative alle modificazioni prodotte su soggetti che dicono o verità o menzogna, questo può valere solo se le affermazioni sono coscientemente vere o false , ma potrebbero benissimo essere false, senza che l'interrogato ne abbia coscienza, o potrebbero essere vere e l'interrogato ritenerle false (punto 1). Quindi la macchina non può che ripetere quello che la profonda convinzione "neurologica" dell'interrogato afferma o negarlo.
  • TheLoneGunman scrive:
    Se la usassero nel parlamento italiano..
    Se la usassero nel parlamento italiano...andrebbe in corto circuito!
  • Anonimo scrive:
    E' possibile mentire alla macchina.
    Quindi, addio verità!
    • Anonimo scrive:
      Re: E' possibile mentire alla macchina.
      - Scritto da:
      Quindi, addio verità!Non hai capito come funziona eh
      • Anonimo scrive:
        Re: E' possibile mentire alla macchina.
        Sei tu che non hai capito! Sicuro 100%.Tu però non lo sai e la macchina della verità applicata al tuo cervello nemmeno!
  • painlord2k scrive:
    Scagionare gli innocenti
    Una macchina del genere ha più probabilità di scagionare gli innocenti che chiederanno di esservi sottoposti, piuttosto di condannare i colpevoli (che possono sempre rifiutarsi di collaborare).Se uno è accusato di un crimine e le prove sono contro di lui potrà sottoporsi all'esame e dimostrare che dice la verità (con un'ottima probabilità).Se un gruppo di persone viene interrogato e le loro risposte confrontate, la probabilità di errore cala drasticamente:se una persona ha il 10% di farla franca, due hanno solo lo 0,1% e tre lo 0,001%.Questo vale anche per verificare l'attendibilità dei testimoni di un processo.Suppongo che la difesa potrebbe essere interessata a far valutare dei testimoni che ritiene mendaci o parziali.La verità, comunque, è roba forte; quindi è bene andarci piano.Immagino il panico dei politici alla notizia; sebbene loro siano avvantaggiati, dato che sono bravi a convincersi di dire la verità (nel senso che dopo un po' che dicono delle balle cominciano a pensare che siano vere).
    • Anonimo scrive:
      Re: Scagionare gli innocenti
      - Scritto da: painlord2k
      Una macchina del genere ha più probabilità di
      scagionare gli innocenti che chiederanno di
      esservi sottoposti, piuttosto di condannare i
      colpevoli (che possono sempre rifiutarsi di
      collaborare).la macchina della verità esiste da decenni questa sarebbe solo un modello più invasivo eppure non ha impedito a tanti innocenti una condanna a morte.se poi pensi il motivo che usano come scusante non è difficile capire che il diritto di rifiutarsi a certi presunti colpevoli non è concesso.

      Se uno è accusato di un crimine e le prove sono
      contro di lui potrà sottoporsi all'esame e
      dimostrare che dice la verità (con un'ottima
      probabilità).una lotteria in cui c'è in palio la vita?no grazie!

      Se un gruppo di persone viene interrogato e le
      loro risposte confrontate, la probabilità di
      errore cala
      drasticamente:la 'serie' non funziona non i numeri del lotto così come non funzionerà con una successione di interrogatori.ogni interrogatorio presenta il 10% di possibilità di essere un falso positivo.e questi sono i dati dell'oste pensa tu.
      se una persona ha il 10% di farla franca, due
      hanno solo lo 0,1% e tre lo
      0,001%.no vale solo in casi limite

      Questo vale anche per verificare l'attendibilità
      dei testimoni di un
      processo.
      Suppongo che la difesa potrebbe essere
      interessata a far valutare dei testimoni che
      ritiene mendaci o
      parziali.così come l'accusa a escludere quelli scomodinooo non reggono certi discorsi: la macchina della verità esiste da un pezzo e ha fatto solo danni inutile introdurne un nuovo modello.

      La verità, comunque, è roba forte; quindi è bene
      andarci
      piano.
      Immagino il panico dei politici alla notizia;
      sebbene loro siano avvantaggiati, dato che sono
      bravi a convincersi di dire la verità (nel senso
      che dopo un po' che dicono delle balle cominciano
      a pensare che siano
      vere).

      • painlord2k scrive:
        Re: Scagionare gli innocenti
        - Scritto da:

        - Scritto da: painlord2k

        Una macchina del genere ha più probabilità di

        scagionare gli innocenti che chiederanno di

        esservi sottoposti, piuttosto di condannare i

        colpevoli (che possono sempre rifiutarsi di

        collaborare).

        la macchina della verità esiste da decenni questa
        sarebbe solo un modello più invasivo eppure non
        ha impedito a tanti innocenti una condanna a
        morte.La macchina della verità in uso fino ad ora (il poligrafo) non è accettata come prova nei tribunali, perché è troppo inaffidabileLe macchine nuove si basano su concetti molto differenti e sono validate da studi condotti scientificamente dentro università; da li deriva il numero del 90% di affidabilità.Gli studenti universitari che facevano da cavia ricevevano del denaro che, se riuscivano a farla franca contro la macchina, restava a loro.Non dubito che, se lo studio lo conducessero in una prigione e con modalità simili, riuscirebbero ad ottenere risultati simili.
        se poi pensi il motivo che usano come scusante
        non è difficile capire che il diritto di
        rifiutarsi a certi presunti colpevoli non è
        concesso.Ma, vedi, non viene chiesto loro di sottoporsi alla macchina. Sono loro che lo devono chiedere.La macchina darà l'occasione di poter dimostrare di dire la verità.



        Se uno è accusato di un crimine e le prove sono

        contro di lui potrà sottoporsi all'esame e

        dimostrare che dice la verità (con un'ottima

        probabilità).
        una lotteria in cui c'è in palio la vita?
        no grazie! Uno può sempre scegliere di non giocare e stare in prigione.O può giocarsi la carta e forse uscire libero.Il metodo serve per eliminare i falsi positivi (cioè i condannati innocenti), non per determinare se uno è colpevole.Qualsiasi avvocato che valga la giacca che indossa può giocare sul "ragionevole dubbio" con il 10% di errore, se lo si usa come prova per condannare.Ma può giocare con il "ragionevole dubbio" con il 90% di sicurezza, se lo si usa per scagionare.

        Se un gruppo di persone viene interrogato e le

        loro risposte confrontate, la probabilità di

        errore cala

        drasticamente:

        la 'serie' non funziona non i numeri del lotto
        così come non funzionerà con una successione di
        interrogatori.Il che dimostra che non capisci niente di statistica.
        ogni interrogatorio presenta il 10% di
        possibilità di essere un falso
        positivo.
        e questi sono i dati dell'oste pensa tu.Infatti, ma se 3 testimoni danno tutti la stessa versione e tutti e tre risultano sinceri, allora la possibilità che mentano sono dello 0,001% (se il margine di errore è del 10%)Non che come prova sia il massimo (va comunque valutata logicamente la testimonianza stessa), ma almeno ho la ragionevole certezza che i testimoni non mentono

        se una persona ha il 10% di farla franca, due

        hanno solo lo 0,1% e tre lo

        0,001%.
        no vale solo in casi limiteVale nei casi normali.I casi limite sono quelli in cui si mettono insieme dei testimoni che possono ingannare la macchina.Il 10% di affidabilità non si misura "per testimonianza", ma "per persona".

        Questo vale anche per verificare l'attendibilità

        dei testimoni di un

        processo.

        Suppongo che la difesa potrebbe essere

        interessata a far valutare dei testimoni che

        ritiene mendaci o

        parziali.

        così come l'accusa a escludere quelli scomodiScomodi perché bugiardi, dovresti aggiungere.Se fosse disponibile, la Ariosto sarebbe durata un'ora.
        nooo non reggono certi discorsi: la macchina
        della verità esiste da un pezzo e ha fatto solo
        danni inutile introdurne un nuovo
        modello.Come comparare l'aereo dei fratelli Wright e un 747.
        • Anonimo scrive:
          Re: Scagionare gli innocenti


          la macchina della verità esiste da decenni
          questa

          sarebbe solo un modello più invasivo eppure non

          ha impedito a tanti innocenti una condanna a

          morte.

          La macchina della verità in uso fino ad ora (il
          poligrafo) non è accettata come prova nei
          tribunali, perché è troppo
          inaffidabileed invece sono state usate in tantissimi processi anche se non gli si è data la parola finale.neanche le nuove macchine della verità sono affidabili visto che escono con già 1 conndannato a morte su 10 (dati del produttore figuriamoci la realtà)
          Le macchine nuove si basano su concetti molto
          differentima sempre sono inaffidabili
          e sono validate da studi condotti
          scientificamente dentro università;anche le vecchie o credi che le aveva fate il fruttivendolo all'angolo
          da li deriva
          il numero del 90% di
          affidabilità.
          Gli studenti universitari che facevano da cavia
          ricevevano del denaro che, se riuscivano a farla
          franca contro la macchina, restava a
          loro.1 su 10 ci è riuscito dimostrando l'inaffidabilità della macchina
          Non dubito che, se lo studio lo conducessero in
          una prigione e con modalità simili, riuscirebbero
          ad ottenere risultati
          simili.le ipotesi non valgono nulla specie se parliamo di mandare la gente sulla sedia elettrica


          se poi pensi il motivo che usano come scusante

          non è difficile capire che il diritto di

          rifiutarsi a certi presunti colpevoli non è

          concesso.

          Ma, vedi, non viene chiesto loro di sottoporsi
          alla macchina. Sono loro che lo devono
          chiedere.ma vedi se la si accetta come strumento provante te lo chiederanno così come oggi ti chiedono le impronte digitali
          La macchina darà l'occasione di poter dimostrare
          di dire la
          verità.o di essere in quel 10% che mente e farla franca o di essere in quel 10% che dice il vero ma finisce sulla sedia elettrica
          Uno può sempre scegliere di non giocare e stare
          in
          prigione.
          O può giocarsi la carta e forse uscire libero.quindi riconosci che è una lotteria

          Il metodo serve per eliminare i falsi positivi
          (cioè i condannati innocenti), non per
          determinare se uno è
          colpevole.se è una prova vale in ambo le direzioni non puoi usarla solo quando di fa comodo

          Qualsiasi avvocato che valga la giacca che
          indossa può giocare sul "ragionevole dubbio" con
          il 10% di errore, se lo si usa come prova per
          condannare.
          Ma può giocare con il "ragionevole dubbio" con il
          90% di sicurezza, se lo si usa per
          scagionare.quindi introdurrà solo ulteriore confusione e incertezza.allora meglio evitarla


          Se un gruppo di persone viene interrogato e le


          loro risposte confrontate, la probabilità di


          errore cala


          drasticamente:



          la 'serie' non funziona non i numeri del lotto

          così come non funzionerà con una successione di

          interrogatori.

          Il che dimostra che non capisci niente di
          statistica.il che dimostra che non capisci niente ne di statistica ne dei post


          ogni interrogatorio presenta il 10% di

          possibilità di essere un falso

          positivo.

          e questi sono i dati dell'oste pensa tu.

          Infatti, ma se 3 testimoni danno tutti la stessa
          versione e tutti e tre risultano sinceri, allorase ho 3 testimoni che testimoniano sullo stesso fatto allora non ho bisogno di macchine della verità!così come si è fatto fino ad oggi si valutà l'attendibilità dei testimoni in base a riscontri reali con i dati testimoniati ed in base al valutato interesse che i testimoni avrebbero di mentire.interrogandoli separatamente posso poi confrontare i risultati senza bisogno di spinotti nel culo il metodo ha funzionato egreggiamente fino ad ora.l'uso tipico della macchina della verità non è quello del "se hai 3 testimoni" ma quello del "non esistono prove sicure in nessuna direzione e non ci sono testimoni ne a favore ne contro".quindi non essendoci testimoni diretti ti scordi pure i tuoi calcoli statistici ma ora di allora la macchina della verità sarà già stata introdotta come "provante" e ci troveremo nella situazione di avere ogni 100 processi 5 assasini liberi e 5 innocenti condannati alla sedia elettrica
          • painlord2k scrive:
            Re: Scagionare gli innocenti
            - Scritto da:
            ed invece sono state usate in tantissimi processi
            anche se non gli si è data la parola
            finale.Quindi sarebbero state usate come una prova, non come singola prova.Una bella differenza; ma tu fai pure finta di nulla.
            neanche le nuove macchine della verità sono
            affidabili visto che escono con già 1 conndannato
            a morte su 10 (dati del produttore figuriamoci la
            realtà)Dai che andiamo a tirare fuori le solite menate sui condannati amorte.E gli omicidi liberati prima del tempo in Italia, che poi ammazzano di nuovo, dove li metti?Per condannare uno a morte non basta neanche la confessione, se non è suffragata da prove concrete.Figurarsi se basta il fatto che uno, forse, mente.

            Le macchine nuove si basano su concetti molto

            differenti
            ma sempre sono inaffidabiliAnche gli esseri umani; probabilmente di più delle macchine.

            e sono validate da studi condotti

            scientificamente dentro università;
            anche le vecchie o credi che le aveva fate il
            fruttivendolo all'angoloI poligrafi non hanno mai avuto un supporto scientifico (altrimenti cita le ricerche pubblicate).Per questo non contano come prova e non possono essere richiesti.
            1 su 10 ci è riuscito dimostrando
            l'inaffidabilità della
            macchinaSe la macchina dice che mente, uno può dire che è inaffidabile (10%).Ma se la macchina dice che sei sincero, è ancora inaffidabile (90%)?

            Non dubito che, se lo studio lo conducessero in

            una prigione e con modalità simili,
            riuscirebbero

            ad ottenere risultati

            simili.

            le ipotesi non valgono nulla specie se parliamo
            di mandare la gente sulla sedia
            elettricaNo, solo in galera per furto, terrorismo internazionale, stupro, truffa, etc.
            ma vedi se la si accetta come strumento provante
            te lo chiederanno così come oggi ti chiedono le
            impronte
            digitaliChe sono anche meno affidabili della macchina, se usate per pescare il colpevole; non lo sapevi?Dato un database abbastanza esteso di impronte digitali (tipo quello dell'FBI), i casi di falsi positivi sono un bel numero.Se trovi delle impronte digitali sull'arma del delitto, non puoi darle in pasto al database per vedere chi è l'assassino, perché c'è la non trascurabile possibilità che esista qualcuno con le stesse impronte digitali (o almeno tanto simili da poter essere scambiate).Differente è verificare le impronte digitali di 10 sospetti (perché erano sul luogo del delitto) contro quelle rilevate.Li le possibilità di un falso positivo sono trascurabili.
            o di essere in quel 10% che mente e farla franca
            o di essere in quel 10% che dice il vero ma
            finisce sulla sedia
            elettricaE ridagli con la sedia elettrica.Queste macchine sono UNA parte del processo, non TUTTO il processo.Sono un mattone in più o in meno nelle costruzione dell'accusa e della difesa.

            Uno può sempre scegliere di non giocare e stare

            in

            prigione.

            O può giocarsi la carta e forse uscire libero.
            quindi riconosci che è una lotteria Una lotteria dove il 90% di quelli che dicono la verità esce di prigione o la evita?Un miglioramento rispetto ad adesso, direi.

            Il metodo serve per eliminare i falsi positivi

            (cioè i condannati innocenti), non per

            determinare se uno è

            colpevole.

            se è una prova vale in ambo le direzioni non puoi
            usarla solo quando di fa
            comodoAl contrario; se dico la verità, si può verificare che è la verità.se non dico la verità, potrei mentire per mille motivi non correlati al processo.

            Qualsiasi avvocato che valga la giacca che

            indossa può giocare sul "ragionevole dubbio" con

            il 10% di errore, se lo si usa come prova per

            condannare.

            Ma può giocare con il "ragionevole dubbio" con
            il

            90% di sicurezza, se lo si usa per

            scagionare.
            quindi introdurrà solo ulteriore confusione e
            incertezza.
            allora meglio evitarlaAl contrario.Dato che migliora la posizione della maggior parte delle persone sincere, direi che è meglio tenerla.
            se ho 3 testimoni che testimoniano sullo stesso
            fatto allora non ho bisogno di macchine della
            verità!Perché no, potrebbero essersi messi d'accordo.Fosse una novità!!!Mai sentito dei "Pentiti" di mafia che si mettevano d'accordo sulle testimonianze contro quello o questo?
            così come si è fatto fino ad oggi si valutà
            l'attendibilità dei testimoni in base a riscontri
            reali con i dati testimoniati ed in base al
            valutato interesse che i testimoni avrebbero di
            mentire.Anche questo è un riscontro reale, con un determinati livello di incertezza, come tutti i riscontri reali.
            interrogandoli separatamente posso poi
            confrontare i risultati senza bisogno di spinotti
            nel culo il metodo ha funzionato egreggiamente
            fino ad
            ora.Dalla tua reazione alla questione direi che sei spaventato dalla possibilità che la sincerità delle parole che uno dice sia testabile.IMHO, immagino il motivo.Sarebbe difficile sostenere molti argomenti, se fosse possibile verificare se chi li sostiene ci crede davvero oppure no.
          • Anonimo scrive:
            Re: Scagionare gli innocenti
            - Scritto da: painlord2k

            - Scritto da:


            ed invece sono state usate in tantissimi
            processi

            anche se non gli si è data la parola

            finale.

            Quindi sarebbero state usate come una prova, non
            come singola
            prova.
            Una bella differenza; ma tu fai pure finta di
            nulla.si può dire che sono state usate come prova indiziaria e vista la scarsa affidabilità potrebbe anche andarmi bene.se si dà un carattere di "indiziarietà" anche alle nuove macchine della verità allora va bene ma qui si parla di darli valore assoluto


            neanche le nuove macchine della verità sono

            affidabili visto che escono con già 1
            conndannato

            a morte su 10 (dati del produttore figuriamoci
            la

            realtà)

            Dai che andiamo a tirare fuori le solite menate
            sui condannati
            amorte.x te sarà una menata per quei 10 disgraziati ogni 100 e una cosa seria
            E gli omicidi liberati prima del tempo in Italia,
            che poi ammazzano di nuovo, dove li
            metti?che in italia ci sia una cattiva gestione giuridica non c'entra un piffero

            Per condannare uno a morte non basta neanche la
            confessione, se non è suffragata da prove
            concrete.tu vivi su marte!fai 2 ricerche su google e vedi quante persone sono state giustiziate salvo poi scoprirsi che erano come si dichiaravano INNOCENTI
            Figurarsi se basta il fatto che uno, forse, mente.se è trattata come prova il forse lo togli altrimenti tieniti il forse e non trattarla come prova determinante scegli tu basta che smetti rimescolare la frittata come ti fa comodo :)
            I poligrafi non hanno mai avuto un supporto
            scientifico (altrimenti cita le ricerche
            pubblicate).
            Per questo non contano come prova e non possono
            essere
            richiesti.fatti 2 ricerche in rete


            1 su 10 ci è riuscito dimostrando

            l'inaffidabilità della

            macchina

            Se la macchina dice che mente, uno può dire che è
            inaffidabile
            (10%).
            Ma se la macchina dice che sei sincero, è ancora
            inaffidabile
            (90%)?si!

            te lo chiederanno così come oggi ti chiedono le

            impronte

            digitali

            Che sono anche meno affidabili della macchina, se
            usate per pescare il colpevole; non lo
            sapevi?prove e/o link?
            Dato un database abbastanza esteso di impronte
            digitali (tipo quello dell'FBI), i casi di falsi
            positivi sono un bel
            numero.dici che siamo sul 10%?io dico che i falsi positivi sono prossimi allo zero
            Se trovi delle impronte digitali sull'arma del
            delitto, non puoi darle in pasto al database per
            vedere chi è l'assassino, perché c'è la non
            trascurabile possibilità che esista qualcuno con
            le stesse impronte digitali (o almeno tanto
            simili da poter essere
            scambiate).vedi troppi csii casi di impronte digitali simili hanno senso solo se le impronte non sono integre (confrontabili nella loro interezza) ma in quel caso la prova è indiziaria.mi ripeto se la macchina della verità sarà considerato prova indiziaria allora ne possiamo parlare ma non sono quelle le intenzioni

            o di essere in quel 10% che mente e farla franca

            o di essere in quel 10% che dice il vero ma

            finisce sulla sedia

            elettrica

            E ridagli con la sedia elettrica.e che vuoi che sia un "negro abbrustolito" :s
            Queste macchine sono UNA parte del processo, non
            TUTTO il
            processo.ogni prova e solo una parte ma questo non impedisce di vietare le prove false
            Una lotteria dove il 90% di quelli che dicono la
            verità esce di prigione o la
            evita?
            Un miglioramento rispetto ad adesso, direi.se consideri il restante 10% che finisce sulla sedia elettrica per niente no!
            Al contrario;
            se dico la verità, si può verificare che è la
            verità.
            se non dico la verità, potrei mentire per mille
            motivi non correlati al
            processo.certo come no
            Al contrario.
            Dato che migliora la posizione della maggior
            parte delle persone sincere,questo è quello che vuoi vederci tu.crea una zona di FALSITA' pari al 10%.vale a dire che scagiona un assasino su 10 e condanna un innocente su altri diecil'errore non è dipendente dalla sincerità o meno è un'errore e basta
            direi che è meglio
            tenerla.direi di no
            Perché no, potrebbero essersi messi d'accordo.
            Fosse una novità!!!
            Mai sentito dei "Pentiti" di mafia che si
            mettevano d'accordo sulle testimonianze contro
            quello o
            questo?e questi sarebbero i casi ordinari ? (rotfl)
            Dalla tua reazione alla questione direi che sei
            spaventato dalla possibilità che la sincerità
            delle parole che uno dice sia
            testabile.

            IMHO, immagino il motivo.certe insinuazioni sono pesanti stacci attento.chi come l'aclu è scettico su queste mirabolandi trovate non è necessariamente un criminale come tu lo fai apparire probabilmente e solo gente più attenta di te ai diritti delle persone anche quelle che disgraziatamente si trovano coinvolte in un indagine.direi che hai ampiamente spiegato con questa sparata il pensiero di fondo che ti porta a volere un acrocchio difettoso che decide chi dice il vero e chi dice il falso altro che innocenti da proteggere
          • painlord2k scrive:
            Re: Scagionare gli innocenti
            - Scritto da:
            si può dire che sono state usate come prova
            indiziaria e vista la scarsa affidabilità
            potrebbe anche andarmi bene.
            se si dà un carattere di "indiziarietà" anche
            alle nuove macchine della verità allora va bene
            ma qui si parla di darli valore
            assolutoUn "valore assoluto" del 90%.Non sono il "giudizio di Dio".
            x te sarà una menata per quei 10 disgraziati ogni
            100 e una cosa
            seriaResta il fatto che su 10 disgraziati condannati a morte per errore, 9 potrebbero dimostrare di dire la verità e quindi essere scagionati o prendersi una condanna minore: invece di essere un omicidio premeditato magari era solo un omicidio preterintenzionaleIMHO, fatto un conto semplice, c'è una probabilità di scagionare più innocenti di quanti se ne potranno incriminare per errore.Anche perché in futuro la sensibilità non potrà che aumentare.Cosa succederebbe se, invece del 10% di errore, ci fosse solo un 1% o magari uno 0,1%?

            Per condannare uno a morte non basta neanche la

            confessione, se non è suffragata da prove

            concrete.
            tu vivi su marte!Negli USA una condanna a morte viene appellata automaticamente, per legge.In Italia, la prassi è che non basta neanche la confessione, se non ci sono elementi a conferma.
            fai 2 ricerche su google e vedi quante persone
            sono state giustiziate salvo poi scoprirsi che
            erano come si dichiaravano
            INNOCENTISe per questo, ringrazio Dio che in Italia non ci sia la pena di morte, con la magistratura che ci ritroviamo.Ma se il tuo punto è che ci sono gli errori giudiziari, OK, va bene, ci sono.E dubito che potranno mai essere eliminati completamente.Ma questo ci da la possibilità di ridurli.Ovvio che ci sarà ancora bisogno di tribunali e avvocati per vagliare le prove e decidere.Quello è solo uno strumento in più.

            Figurarsi se basta il fatto che uno, forse,
            mente.
            se è trattata come prova il forse lo togli
            altrimenti tieniti il forse e non trattarla come
            prova determinante scegli tu basta che smetti
            rimescolare la frittata come ti fa comodo
            :)In "dubbio pro reo".Se al 90% dice la verità, la verità lo avvantaggia


            1 su 10 ci è riuscito dimostrando


            l'inaffidabilità della


            macchina



            Se la macchina dice che mente, uno può dire che
            è

            inaffidabile

            (10%).

            Ma se la macchina dice che sei sincero, è ancora

            inaffidabile

            (90%)?
            si!Ma molto meno.Posso scagionare con il 90% di certezza? Si!Posso condannare con il 10% di certezza? No!
            prove e/o link?Fatti una ricerca in rete.O devo farle solo io?
            dici che siamo sul 10%?
            io dico che i falsi positivi sono prossimi allo
            zeroDico che se crei un database abbastanza grande (tutta Europa, per esempio) e butti dentro una impronta, è probabile che trovi più di una persona a cui corrisponde e potrebbero non essere il loro proprietario.
            mi ripeto se la macchina della verità sarà
            considerato prova indiziaria allora ne possiamo
            parlare ma non sono quelle le
            intenzioniNon si condanna per una prova.Si condanna con molte prove, concordanti, con una struttura logica che le lega, o almeno si dovrebbe.Se manca il metodo, la qualità delle prove non conta.Pensa te che in Italia si usano le intercettazioni telefoniche perché è più comodo che indagare realmente.
            se consideri il restante 10% che finisce sulla
            sedia elettrica per niente
            no!Se 9 che non centrano escono e uno che non centra entra, vuol dire un netto di 8 innocenti in meno che vanno in galera.Io direi che è meglio di prima.Non è il paradiso, ma chi sono io per sputare sul piatto.Tu, invece, con la tua pretesa di giustizia universale ed infallibile, tieniti la situazione attuale.
            questo è quello che vuoi vederci tu.
            crea una zona di FALSITA' pari al 10%.
            vale a dire che scagiona un assasino su 10 e
            condanna un innocente su altri
            dieci
            l'errore non è dipendente dalla sincerità o meno
            è un'errore e
            bastaMeglio scagionare un assassino su 10 che condannare un innocente su 10. Inoltre, dimentichi che ci sono anche altre prove, tipo registrazioni, impronte, DNA, etc.
            e questi sarebbero i casi ordinari ? (rotfl)Perché? Dovremmo usarla solo per casi ordinari e lasciar perdere quelli straordinari?Decidi tu chi ha diritto di usarli e chi no?
            chi come l'aclu è scettico su queste mirabolandi
            trovate non è necessariamente un criminale come
            tu lo fai apparire probabilmente e solo gente più
            attenta di te ai diritti delle persone anche
            quelle che disgraziatamente si trovano coinvolte
            in un
            indagine.Oppure gente motivata dall'ideologia e che è disposta, troppo spesso, a piegare la realtà e la verità alle sue esigenze.In passato avevo stima per la ACLU, ma informandomi ho visto che troppo spesso si presta ad operazioni un po' troppo partigiane e a senso unico.Se si difende la libertà la si difende per tutti, non solo per chi ci fa comodo o ci piace.Ritengo comunque che un dispositivo che indichi se un politico e un polemista è sincero in quello che dice, oppure no, sarebbe una rivoluzione per la politica mondiale e non solo.
  • Anonimo scrive:
    mondo di ipocriti
    La maggiorparte della gente oltre che tecnofoba è pure ipocrita...se questo strumento è veramente infallibile e non strumentalizzabile sarebbe da usare all'istante, ma non solo nei tribunali, il primo ad usarlo dovrebbero essere i politici...
    • BlueSky scrive:
      Re: mondo di ipocriti

      se questo strumento è veramente infallibile e non
      strumentalizzabile sarebbe da usare all'istante,
      ma non solo nei tribunali, il primo ad usarlo
      dovrebbero essere i
      politici...il problema sta tutto in quel se. La protesta riguarda proprio la verifica che questo sistema sia effettivamente efficace. L'azienda produttrice dice che lo è nel 90% dei casi. Sai che significa? Che un imputato su dieci condannato sulla base del risultato di questa macchina potrebbe essere innocente. Non è poco. Conta che neanche il test del dna è assolutamente certo (perché vengono fatti delle comparazioni su delle porzioni). Qualche fa ci fu un caso di cronaca italiana dove la polizia aveva identificato attraverso il dna un tizio pregiudicato inglese. Ebbene questo qui aveva un alibi di ferro, tanto che la polizia inglese si rifiutò di consegnarlo alle nostre autorità.
      • Anonimo scrive:
        Re: mondo di ipocriti
        - Scritto da: BlueSky


        se questo strumento è veramente infallibile e
        non

        strumentalizzabile sarebbe da usare all'istante,

        ma non solo nei tribunali, il primo ad usarlo

        dovrebbero essere i

        politici...

        il problema sta tutto in quel se. La protesta
        riguarda proprio la verifica che questo sistema
        sia effettivamente efficace. L'azienda
        produttrice dice che lo è nel 90% dei casi. Sai
        che significa? Che un imputato su dieci
        condannato sulla base del risultato di questa
        macchina potrebbe essere innocente. Non è poco.
        Conta che neanche il test del dna è assolutamente
        certo (perché vengono fatti delle comparazioni su
        delle porzioni). Qualche fa ci fu un caso di
        cronaca italiana dove la polizia aveva
        identificato attraverso il dna un tizio
        pregiudicato inglese. Ebbene questo qui aveva un
        alibi di ferro, tanto che la polizia inglese si
        rifiutò di consegnarlo alle nostre
        autorità.Questa notizia è vera e ha fatto il giro del mondo e anche delle università dove si studia la biologia e quindi la mappatura del DNA, ebbene si deve sempre porre molta attenzione nell'uso di strumenti e tecnologie nell'ambito giudiziario. Infatti non puo' bastare una tratto di catena di dna o qualke semplice domanda alla macchina della verita' per condannare una persona che magari vive dall'altra parte del mondo...Troppo spesso chi teorizza senza conoscere i fatti, tende a cambiare i fatti per adattarli alle teorie e non a modificare le teorie per adattarle ai fatti...
  • Anonimo scrive:
    Ci sono alcune precisazioni da fare
    Allora iniziamo con il dire che in futuro presto o tardi ci saranno sicuramente scanner a risonanza magnetica, ad emissione di positroni, o sistemi magnetoencefalografici a SQUID o altro che ancora non immaginiamo in grado di mettere allo scoperto ogni tentativo di mentire!! Il punto e' se per ora le ricerche in corso che, credetemi sono molto affascinanti, possano gia' trovare applicazioni tecnologiche da lasciare in mani di persone che NON hanno una formazione scientifica. Perche' di questo si tratta!!Vi porto l'esempio dell'ormai consueto test del DNA. Che significa per il pubblico questo test? Che significa per i giudici? Saimo sicuri che sanno su che principi si base e che attendibilita' presenta?La domanda non e' triviale perche' in base a quel test, preso come verita' assoluta, un giudice poi si convince e decide senza nemmeno l'ombra del dubbio, addio al beneficio del dubbio!Se chiedete in giro tutti credono che il test del DNA sia infallibile perche' controlla la sequenza di 4 miliardi di basi, del DNA del campione e la confronta con quella dell'imputato! Falso! Si controllano solo una decina e poco piu' di frammenti che si sa essere molto variabili... come dire che per confrontare 2 documenti word da 2Gb si controllano 20 frasi in 20 punti prestabiliti.Questo non cambia la probabilita' infima di un matching perfetto ma si deve tenere conto che e' questo che il test prevede.Secondo punto piu' importante... il test viene eseguito su campioni ad ex. di sangue o sperma o altro, trovati sulla scena del delitto, inutile dire che quel DNA puo' risultare alterato per le condizioni chimico-fisiche in cui si trova, e poi ci sono i contaminanti, e tutto cio' che puo' influire sul sistema di amplificazione rapida della sequenza (necessaria poi per l'analisi)!Che voglio dire? Semplicemente che dall'introduzione del test del DNA in ambito forense e' stato necessario molto tempo non solo perche' migliorasse la tecnologia ma perche' migliorasse la formazione del personale tecnico e giuridico che se l'e' ritrovata in mano.Sono noti i diversi casi di innocenti incastrati da un test e da un giudice che prendeva per oro colato la risposta si/no del test... il giusto atteggiamento dovrebbe essere ... date le condizioni del campione, data la probabilita' di matching, data la tecnologia utilizzata... il test e' positivo con XX probabilita' ed YY confidenza... a questo punto il giudice dovrebbe valutare se questo e le altre prove ed indizi sono sufficienti!!Nel caso della "lettura" neuronale la cosa e' ancora piu' complessa ed il margine di errore dichiarato del 10% e' abnorme e rende inutilizzabile al momento la tecnologia in ambito forense!! Al massimo potrebbe essere utilizzata per capire se sono necessarie ulteriori indagini sul soggetto, e questo in ambito militare ci puo' stare... dato l'elevato numero di prigionieri di guerra si potrebbe fare un primo rapido screening intanto per concentrarsi su quelli che grazie al test si ipotizza abbiano informazioni da nascondere... ma tenendo conto dell'alto tasso di falsi positivi!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ci sono alcune precisazioni da fare
      Magari se ci metti la tua firma e ci dai qualche link potremmo considerare affidabile quello che hai scritto no?
      • Anonimo scrive:
        Re: Ci sono alcune precisazioni da fare
        - Scritto da:

        Magari se ci metti la tua firma e ci dai qualche
        link potremmo considerare affidabile quello che
        hai scritto
        no? (sono un altro) bhe, quello che ha scritto è risaputo da sempre.eppoi, visto che siamo su internet, cercarsele le fonti, no he?sempre la pappa pronta volete...(senza polemica)ciao :)
  • Anonimo scrive:
    I giudici non cederanno mai il loro...
    potere di decidere ad una macchina.(cylon)
  • Anonimo scrive:
    Chi è onesto non ha nulla da temere
    Se questa nuova tecnologia potrà farci vivere più sicuri allora ben venga.Quelli che si agitano tanto evidentemente non hanno la coscienza tranquilla e secondo me dovrebbero essere i primi ad essere sottoposti ad un controllino con questa nuova tecnica di indagine.
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi è onesto non ha nulla da temere
      - Scritto da:
      Se questa nuova tecnologia potrà farci
      vivere più sicuri allora ben venga.Dipende da quello che intendi per sicurezza, metti che una cosa del generea arriva ad un governo come quello cinese e sarai sicuro che non avrai piu' voci contrarie al governo.
      Quelli che si agitano tanto evidentemente non
      hanno la coscienza tranquilla e secondo me
      dovrebbero essere i primi ad essere sottoposti
      ad un controllino con questa nuova tecnica di
      indagine.Ripeto : di che paese stai parlando ?
      • Anonimo scrive:
        Re: Chi è onesto non ha nulla da temere
        - Scritto da:
        - Scritto da:


        Se questa nuova tecnologia potrà farci

        vivere più sicuri allora ben venga.

        Dipende da quello che intendi per sicurezza,
        metti che una cosa del generea arriva ad un
        governo come quello cinese e sarai sicuro che non
        avrai piu' voci contrarie al
        governo.


        Quelli che si agitano tanto evidentemente non

        hanno la coscienza tranquilla e secondo me

        dovrebbero essere i primi ad essere sottoposti

        ad un controllino con questa nuova tecnica di

        indagine.

        Ripeto : di che paese stai parlando ?Dello stesso che ci ha tirato fuori dal fango 60 anni fa, dello stesso paese che si batte in tutto il mondo per esportare la libertà e la democrazia, dello stesso paese lotta per consentire a te di fare il fricchettone comunardo alternativo (con i soldi di papà)
        • Anonimo scrive:
          Re: Chi è onesto non ha nulla da temere
          - Scritto da:
          Dello stesso che ci ha tirato fuori dal fango 60
          anni fa, dello stesso paese che si batte in tutto
          il mondo per esportare la libertà e la
          democrazia, dello stesso paese lotta per
          consentire a te di fare il fricchettone comunardo
          alternativo (con i soldi di
          papà)Sailor Moon, torna sul pianeta terra!S.
        • Anonimo scrive:
          Re: Chi è onesto non ha nulla da temere
          Dello stesso paese che ha istituito il carcere di Guantanamo, che e' illegale, e che ha fatto la guerra all'Iraq, contro il volere dell'ONU, giustificandola con le inesistenti armi di distruzioni di massa, quelli che ogni giorno ascoltano le tue telefonate con Echelon violando la territorialita' europea.I miei eroi preferiti ...Vacci negli USA, li' hanno bisogno di gente come te. E poi iscriviti nei marines (oh, yes, i grandi marines), vedi di partire volontario per l'Iraq, quelli che credono alle tue sciocchezze patriottistiche sono mandati in prima fila come carne da macello ...
          • Anonimo scrive:
            Re: Chi è onesto non ha nulla da temere
            Senza Guantanamo ci sarebbero stati moltissimi attentati nel passato. L'unica verità è che i tuoi leader '68ini neo-comunisti della sinistra in tutto il mondo,anche negli USA con i clan Kennedy-Clinton, fanno di tutto per aiutare sistematicamente i terroristi. Ecco la verità !- Scritto da:
            Dello stesso paese che ha istituito il carcere di
            Guantanamo, che e' illegale, e che ha fatto la
            guerra all'Iraq, contro il volere dell'ONU,
            giustificandola con le inesistenti armi di
            distruzioni di massa, quelli che ogni giorno
            ascoltano le tue telefonate con Echelon violando
            la territorialita'
            europea.

            I miei eroi preferiti ...

            Vacci negli USA, li' hanno bisogno di gente come
            te. E poi iscriviti nei marines (oh, yes, i
            grandi marines), vedi di partire volontario per
            l'Iraq, quelli che credono alle tue sciocchezze
            patriottistiche sono mandati in prima fila come
            carne da macello
            ...
        • Anonimo scrive:
          Re: Chi è onesto non ha nulla da temere
          ...dello stesso paese che ci ha portato droga, prostituzione, transessuali, prostitute di colore, che si è inimicato nonostante le apparenze la maggiorparte del mondo, dello stesso paese che parla di libertà e poi sotto la scusa della sicurezza nazionale ha fatto di tutto e di più in tutto il mondo per salvaguardare i suoi porci comodi, dello stesso paese che si inventa le guerre dove c'è il petrolio e se ne fotte se qui in EUROPA si massacrano per guerre di religione , dello stesso paese dove ci si inventa gli attentati per avere la scusa per andare a sterminare milioni di innocenti, dello stesso paese che in Vietnam ha fatto CREPARE migliaia di suoi figli con la scusa della guerra patriottica...potrei continuare sino a domani ma primo non capiresti, secondo a quelli come te, che sono figli dei figli di coloro che hanno tradito i loro alleati a 5 giorni dalla fine della guerra, mentre gli altri si sono fatti sganciare due bombe atomiche sulla testa prima di dire ok ci arrendiamo e adesso sono una delle prime potenze mondiali a differenza di noi che siamo quello che siamo, una risposta ai tuoi messagi come questa è già un gran regalo....fanne buon uso e riflettici sopra...signor filoamericano !

          Dello stesso che ci ha tirato fuori dal fango 60
          anni fa, dello stesso paese che si batte in tutto
          il mondo per esportare la libertà e la
          democrazia, dello stesso paese lotta per
          consentire a te di fare il fricchettone comunardo
          alternativo (con i soldi di
          papà)



          • Anonimo scrive:
            Re: Chi è onesto non ha nulla da temere
            Droga, prostituzione, transessuali, prostitute sono portati nella società dai '68ini neo-comunisti e nipotini noglobal, in tutto il mondo. Sei patetico nel dire che sarebbe colpa degli USA e della destra NeoCon. Davvero, ridicolo.- Scritto da:

            ...dello stesso paese che ci ha portato droga,
            prostituzione, transessuali, prostitute di
            colore, che si è inimicato nonostante le
            apparenze la maggiorparte del mondo, dello stesso
            paese che parla di libertà e poi sotto la scusa
            della sicurezza nazionale ha fatto di tutto e di
            più in tutto il mondo per salvaguardare i suoi
            porci comodi, dello stesso paese che si inventa
            le guerre dove c'è il petrolio e se ne fotte se
            qui in EUROPA si massacrano per guerre di
            religione , dello stesso paese dove ci si inventa
            gli attentati per avere la scusa per andare a
            sterminare milioni di innocenti, dello stesso
            paese che in Vietnam ha fatto CREPARE migliaia di
            suoi figli con la scusa della guerra
            patriottica...potrei continuare sino a domani ma
            primo non capiresti, secondo a quelli come te,
            che sono figli dei figli di coloro che hanno
            tradito i loro alleati a 5 giorni dalla fine
            della guerra, mentre gli altri si sono fatti
            sganciare due bombe atomiche sulla testa prima di
            dire ok ci arrendiamo e adesso sono una delle
            prime potenze mondiali a differenza di noi che
            siamo quello che siamo, una risposta ai tuoi
            messagi come questa è già un gran regalo....fanne
            buon uso e riflettici sopra...signor
            filoamericano
            !





            Dello stesso che ci ha tirato fuori dal fango 60

            anni fa, dello stesso paese che si batte in
            tutto

            il mondo per esportare la libertà e la

            democrazia, dello stesso paese lotta per

            consentire a te di fare il fricchettone
            comunardo

            alternativo (con i soldi di

            papà)







    • Anonimo scrive:
      Re: Chi è onesto non ha nulla da temere
      - Scritto da:

      Se questa nuova tecnologia potrà farci vivere più
      sicuri allora ben
      venga.ma vai a ca......

      Quelli che si agitano tanto evidentemente non
      hanno la coscienza tranquilla e secondo me
      dovrebbero essere i primi ad essere sottoposti ad
      un controllino con questa nuova tecnica di
      indagine.magari da te?a me una macchinetta che accende una lucina e dice che sono un criminale non piace molto, specie se è basata sull'analisi del cervello (privacy a parte) che conosciamo quasi niente.sarebbe un pò come incriminarti perchè hai il dna che ti predispone a compiere reati...ma che cavolo stanno a dire?prima imparate a capire cos'è e come opera il dna poi venite a rompermi le palle.....stessa cosa per il cervello i dottori ancora non sono in grado di capire le origini del comunissimo mal di testa e questi voglio usare una macchina miracolosa per condannare la gente a morte?svegliati perchè molti ebrei nel '30 non avevano nulla da nascondere se poi vuoi parlare dell'america ricordati la caccia alle streghe degli anni '70 contro i comunisti (fatta anche con la vecchia macchina della verità) e guantamalo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi è onesto non ha nulla da temere
      Io invece la prima persona che sottoporrei a questa macchina della verità sarebbe proprio Bush!S.
      • Anonimo scrive:
        Re: Chi è onesto non ha nulla da temere

        Io invece la prima persona che sottoporrei a
        questa macchina della verità sarebbe proprio
        Bush!P.S. analisi del cervello :D
      • Anonimo scrive:
        Re: Chi è onesto non ha nulla da temere
        EH EH EH EH EH EH EH EH EH EH EH ! ! ! ! !- Scritto da:
        Io invece la prima persona che sottoporrei a
        questa macchina della verità sarebbe proprio
        Bush!

        S.
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi è onesto non ha nulla da temere
      - Scritto da:

      Se questa nuova tecnologia potrà farci vivere più
      sicuri allora ben
      venga.

      Quelli che si agitano tanto evidentemente non
      hanno la coscienza tranquilla e secondo me
      dovrebbero essere i primi ad essere sottoposti ad
      un controllino con questa nuova tecnica di
      indagine.

      VERGOGNATI, RIDICOLO!
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi è onesto non ha nulla da temere
      - Scritto da:

      Se questa nuova tecnologia potrà farci vivere più
      sicuri allora ben
      venga.

      Quelli che si agitano tanto evidentemente non
      hanno la coscienza tranquilla e secondo me
      dovrebbero essere i primi ad essere sottoposti ad
      un controllino con questa nuova tecnica di
      indagine.


      A parte l'infantile ridicolaggine di ciò che hai scritto, ma ti sei mai soffermato a pensare, come c'è pure scritto nell'articolo:"e se sbaglia?"? Potresti esserci tu in quel 10%, o anche 1% di errore... e considerato senza alcun dubbio colpevole di cose che non avevi mai nemmeno lontanamente pensato di fare...
      • Anonimo scrive:
        Re: Chi è onesto non ha nulla da temere
        - Scritto da:

        - Scritto da:



        Se questa nuova tecnologia potrà farci vivere
        più

        sicuri allora ben

        venga.



        Quelli che si agitano tanto evidentemente non

        hanno la coscienza tranquilla e secondo me

        dovrebbero essere i primi ad essere sottoposti
        ad

        un controllino con questa nuova tecnica di

        indagine.






        A parte l'infantile ridicolaggine di ciò che hai
        scritto, ma ti sei mai soffermato a pensare, come
        c'è pure scritto nell'articolo:"e se sbaglia?"?
        Potresti esserci tu in quel 10%, o anche 1% di
        errore... e considerato senza alcun dubbio
        colpevole di cose che non avevi mai nemmeno
        lontanamente pensato di
        fare...E' solo un (troll2)
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi è onesto non ha nulla da temere

      Quelli che si agitano tanto evidentemente non
      hanno la coscienza tranquilla e secondo me
      dovrebbero essere i primi ad essere sottoposti ad
      un controllino con questa nuova tecnica di
      indagine.Se sai l'inglese: www.bobpark.orgè americano, non comunista e ha le idee un pò più chiare delle tue al riguardo...
      • Anonimo scrive:
        Re: Chi è onesto non ha nulla da temere
        - Scritto da:

        Quelli che si agitano tanto evidentemente non

        hanno la coscienza tranquilla e secondo me

        dovrebbero essere i primi ad essere sottoposti
        ad

        un controllino con questa nuova tecnica di

        indagine.
        Se sai l'inglese: www.bobpark.org
        è americano, non comunista e ha le idee un pò più
        chiare delle tue al
        riguardo...Anche negli USA è pieno di comunisti che votano Clinton ed i compagnucci '68ini del clan Kennedy dei Democratici USA, gli amichetti di D'Alema. Il fatto che sia americano non dice nulla.
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi è onesto non ha nulla da temere
      - Scritto da:

      Se questa nuova tecnologia potrà farci vivere più
      sicuri allora ben
      venga.

      Quelli che si agitano tanto evidentemente non
      hanno la coscienza tranquilla e secondo me
      dovrebbero essere i primi ad essere sottoposti ad
      un controllino con questa nuova tecnica di
      indagine.

      Ehi, paladino della democrazia e della giustizia, leggi un po' meno fantascienza, ed entra nel mondo reale, dove proprio l'innocente ha più da temere, perché ha più da perdere.Una macchina con un'attendibilità del 90% è un assurdo. Significa minimo un'innocente su dieci condannato, addirittura a morte. Ed uno di quelli potresti essere tu.Certo un troll (o idiota) di meno al mondo, non sarebbe un grosso male, ma anche le povere bestiole fascistoidi, hanno la loro funzione sociale. Servono a tenere sveglio il senso civico delle persone perbene.
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi è onesto non ha nulla da temere
      Sei veramente messo malissimo. La logica del controllo totale. Credo dovresti rivolgerti ad uno bravo, ti vedo messo male (in politica e non solo).Cosi' se ad esempio vai in Cina ti arrestano, perche' sei gay e cattolico ... grazie alla tua macchina della verita'. E magari si e' pure sbagliata ...
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi è onesto non ha nulla da temere
      - Scritto da:

      Se questa nuova tecnologia potrà farci vivere più
      sicuri allora ben
      venga.

      Quelli che si agitano tanto evidentemente non
      hanno la coscienza tranquilla e secondo me
      dovrebbero essere i primi ad essere sottoposti ad
      un controllino con questa nuova tecnica di
      indagine.peccato che la macchina (come dichiarano i suoi stessi inventori) garantisce una percentuale di successo del 90%; quindi se tu "onesto che non hai nulla da temere" ricadi in quel 10% ti sbattono in galera anche se non hai fatto nulla
      • Anonimo scrive:
        Re: Chi è onesto non ha nulla da temere
        - Scritto da:

        - Scritto da:



        Se questa nuova tecnologia potrà farci vivere
        più

        sicuri allora ben

        venga.



        Quelli che si agitano tanto evidentemente non

        hanno la coscienza tranquilla e secondo me

        dovrebbero essere i primi ad essere sottoposti
        ad

        un controllino con questa nuova tecnica di

        indagine.

        peccato che la macchina (come dichiarano i suoi
        stessi inventori) garantisce una percentuale di
        successo del 90%; quindi se tu "onesto che non
        hai nulla da temere" ricadi in quel 10% ti
        sbattono in galera anche se non hai fatto
        nullaMeglio, cosi' se un colpevole risulta innocente lo si puo' schiaffare dentro lo stesso appellandosi all'errore della macchina
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi è onesto non ha nulla da temere
      - Scritto da:

      Se questa nuova tecnologia potrà farci vivere più
      sicuri allora ben
      venga.

      Quelli che si agitano tanto evidentemente non
      hanno la coscienza tranquilla e secondo me
      dovrebbero essere i primi ad essere sottoposti ad
      un controllino con questa nuova tecnica di
      indagine.


      Da qui alla PreCrime quanto ci passa ancora?Oppure quanto passerà da qui a dire che bisogna perseguire anche i pensieri della gente, perché ad esempio chi pensa violenza, può essere violento e potrebbe uccidere o violentare.O quanto passerà dal discriminare chi non ha gusti sessuali (o altro) conformi alla "norma"?Quanto bisognerà aspettare prima che qualcuno venga condannato solo per quello che è e non per quello che fa o che ha fatto?Ooops... mi sa che due o tre cose di quelle che ho detto sono già tra noi :|
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi è onesto non ha nulla da temere
      Tu sicuramente avrai votato Prodi e votato NO al referendum...non ti insulto perchè non merita neanche... !
      • Anonimo scrive:
        Re: Chi è onesto non ha nulla da temere
        - Scritto da:

        Tu sicuramente avrai votato Prodi e votato NO al
        referendum...non ti insulto perchè non merita
        neanche...
        !veramente ho votato SI al referendum e ho votato FORZA ITALIA, per cui sono del parere che se sei onesto non hai nulla da temere!
      • Anonimo scrive:
        Re: Chi è onesto non ha nulla da temere
        - Scritto da:

        Tu sicuramente avrai votato Prodi e votato NO al
        referendum...non ti insulto perchè non merita
        neanche...
        !ma che c'entra?tho va:http://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1548313&id=1547757&r=PI
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi è onesto non ha nulla da temere
      - Scritto da:

      Se questa nuova tecnologia potrà farci vivere più
      sicuri allora ben
      venga.

      Quelli che si agitano tanto evidentemente non
      hanno la coscienza tranquilla e secondo me
      dovrebbero essere i primi ad essere sottoposti ad
      un controllino con questa nuova tecnica di
      indagine.
      il solito luogo comune "se non hai fatto niente non hai nulla da temere" mi fai schifo ipocrita, vergognati
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi è onesto non ha nulla da temere
      - Scritto da:
      Chi è onesto non ha nulla da temere...dicevano gli ebrei prima della seconda guerra mondiale
      Quelli che si agitano tanto evidentemente non
      hanno la coscienza tranquilla e secondo me
      dovrebbero essere i primi ad essere sottoposti ad
      un controllino con questa nuova tecnica di
      indagine....rispose la Gestapo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi è onesto non ha nulla da temere
      se ti controllasse la macchina della verità non potremmo sapere da te se quel che dici è vero o falso. Perché tu sei convinto che sia vero, ancora prima, molto prima, che l'informazione arrivi ai tuoi neuroni. Questo DIMOSTRA CHIARAMENTE CHE LA MACCHINA DELLA VERITA' NON FUNZIONA!
      • Anonimo scrive:
        Re: Chi è onesto non ha nulla da temere
        - Scritto da:
        se ti controllasse la macchina della verità non
        potremmo sapere da te se quel che dici è vero o
        falso. Perché tu sei convinto che sia vero,
        ancora prima, molto prima, che l'informazione
        arrivi ai tuoi neuroni. Questo DIMOSTRA
        CHIARAMENTE CHE LA MACCHINA DELLA VERITA' NON
        FUNZIONA!Ma che dici ?
        • Anonimo scrive:
          Re: Chi è onesto non ha nulla da temere
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          se ti controllasse la macchina della verità non

          potremmo sapere da te se quel che dici è vero o

          falso. Perché tu sei convinto che sia vero,

          ancora prima, molto prima, che l'informazione

          arrivi ai tuoi neuroni. Questo DIMOSTRA

          CHIARAMENTE CHE LA MACCHINA DELLA VERITA' NON

          FUNZIONA!

          Ma che dici ?Ci sei o ci fai?
        • Anonimo scrive:
          Re: Chi è onesto non ha nulla da temere
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          se ti controllasse la macchina della verità non

          potremmo sapere da te se quel che dici è vero o

          falso. Perché tu sei convinto che sia vero,

          ancora prima, molto prima, che l'informazione

          arrivi ai tuoi neuroni. Questo DIMOSTRA

          CHIARAMENTE CHE LA MACCHINA DELLA VERITA' NON

          FUNZIONA!

          Ma che dici ?ha evidenziato uno dei più gravi problemi di questo acrocchio ma tu fai il finto gnori
          • Anonimo scrive:
            Re: Chi è onesto non ha nulla da temere
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:


            se ti controllasse la macchina della verità
            non


            potremmo sapere da te se quel che dici è vero
            o


            falso. Perché tu sei convinto che sia vero,


            ancora prima, molto prima, che l'informazione


            arrivi ai tuoi neuroni. Questo DIMOSTRA


            CHIARAMENTE CHE LA MACCHINA DELLA VERITA' NON


            FUNZIONA!



            Ma che dici ?

            ha evidenziato uno dei più gravi problemi di
            questo acrocchio ma tu fai il finto
            gnoriNon ha evidenziato proprio un bel niente, ha voluto fare il saccente sparandola grossa e dicendo una cosa illogica tanto quanto stupida.
          • Anonimo scrive:
            Re: Chi è onesto non ha nulla da temere
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:



            se ti controllasse la macchina della verità

            non



            potremmo sapere da te se quel che dici è
            vero

            o



            falso. Perché tu sei convinto che sia vero,



            ancora prima, molto prima, che
            l'informazione



            arrivi ai tuoi neuroni. Questo DIMOSTRA



            CHIARAMENTE CHE LA MACCHINA DELLA VERITA'
            NON



            FUNZIONA!





            Ma che dici ?



            ha evidenziato uno dei più gravi problemi di

            questo acrocchio ma tu fai il finto

            gnori

            Non ha evidenziato proprio un bel niente, ha
            voluto fare il saccente sparandola grossa e
            dicendo una cosa illogica tanto quanto
            stupida.E sentiamo il sapiente allora... Perché stupida?Spara...
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi è onesto non ha nulla da temere
      Un evergreen! 8)
      • Anonimo scrive:
        Re: Chi è onesto non ha nulla da temere
        - Scritto da:
        Un evergreen! 8)pensa che io per essere sicuro di essere veramente onesto registro le mie conversazioni (internet, telefoniche, etc) e settimanalmente le consegno in questura.non convinto mi sono anche fatto installare un cippettino sotto pelle; un bracialetto alla caviglia e un centinaio di videocamere in casa o nei luoghi che frequento.la domenica mattina poi consegno i miei hd ad un ufficio controlli e mi faccio fare un paio di interrogatori alla macchina della verità.sono peggio di una cavia ma se tutti facessero come me questo sarebbe un mondo sicuro (rotfl)
  • Anonimo scrive:
    Tribunale dell'inquisizione
    Ecco la nuova caccia alle streghe, ecco il nuovo strumento per eliminare i personaggi scomodi, ecco la dimostrazione che questa democrazia è una finta... tutto un gioco su cui dietro si nasconde una astuta dittatura(... mai giocato a metal gear solid 2????)
    • Anonimo scrive:
      Re: Tribunale dell'inquisizione
      - Scritto da:
      Ecco la nuova caccia alle streghe, ecco il nuovo
      strumento per eliminare i personaggi scomodi,
      ecco la dimostrazione che questa democrazia è una
      finta... tutto un gioco su cui dietro si nasconde
      una astuta
      dittatura


      (... mai giocato a metal gear solid 2????)

      In Italia non servirà.Abbiamo già nomi e cognomi di tutti quelli che hanno esposto (o ancora espongono) la bandiera della pace/gay-pride.Hai mai giocato all'internato nel lager?
  • Anonimo scrive:
    in unione sovietica...
    ...era prassi normale che gli imputati venissero costretti con la tortura a confessare crimini mai commessiin america ci stanno arrivando da un'altra strada, mettono delle macchine stupide e le fanno passare come oracolicosi` una persona che afferma qualcosa non conta nulla e` una merda ogni qualvolta LA MACCHINA dice diversamentenon occorrera` neanche provare che uno ha commesso un crimine, basta chiederglielo e se dice no ma la macchina dice si adios
    • Anonimo scrive:
      Re: in unione sovietica...
      - Scritto da:
      ...era prassi normale che gli imputati venissero
      costretti con la tortura a confessare crimini mai
      commessi

      in america ci stanno arrivando da un'altra
      strada, mettono delle macchine stupide e le fanno
      passare come
      oracoli

      cosi` una persona che afferma qualcosa non conta
      nulla e` una merda ogni qualvolta LA MACCHINA
      dice
      diversamente

      non occorrera` neanche provare che uno ha
      commesso un crimine, basta chiederglielo e se
      dice no ma la macchina dice si
      adiosbhe, almeno non ti torturano più! (scherzo, dai... ;) )
  • Anonimo scrive:
    terrorismo = qualsiasi cosa
    Se rubi sostieni il terror, se usi internet x comunicare liberamente sostieni il terror, se spacci droga sostieni il terror, se fai manifestazioni sostieni il terror e se ti esprimi in disaccordo con le istituzioni sostieni il terror.Di conseguenza possono utilizzare tutte le leggi create appositamente x aggirare ogni diritto umano e legale degli imputati.Questa e` la triste situazione.
    • Brontoleus scrive:
      Re: terrorismo = qualsiasi cosa
      - Scritto da:
      Se rubi sostieni il terror, se usi internet x
      comunicare liberamente sostieni il terror, se
      spacci droga sostieni il terror, se fai
      manifestazioni sostieni il terror e se ti esprimi
      in disaccordo con le istituzioni sostieni il
      terror.
      Di conseguenza possono utilizzare tutte le leggi
      create appositamente x aggirare ogni diritto
      umano e legale degli
      imputati.
      Questa e` la triste situazione.Infatti usano terrorismo e pedofilia come scuse per aumentare la sorveglianza (sulla rete ma non solo) e per restringere le libertà individuali.Benvenuti nel terzo millennio.
      • Anonimo scrive:
        Re: terrorismo = qualsiasi cosa
        - Scritto da: Brontoleus

        - Scritto da:

        Se rubi sostieni il terror, se usi internet x

        comunicare liberamente sostieni il terror, se

        spacci droga sostieni il terror, se fai

        manifestazioni sostieni il terror e se ti
        esprimi

        in disaccordo con le istituzioni sostieni il

        terror.

        Di conseguenza possono utilizzare tutte le leggi

        create appositamente x aggirare ogni diritto

        umano e legale degli

        imputati.

        Questa e` la triste situazione.

        Infatti usano terrorismo e pedofilia come scuse
        per aumentare la sorveglianza (sulla rete ma non
        solo) e per restringere le libertà
        individuali.
        Benvenuti nel terzo millennio.Ma quanto vi piace far confusione, eh ?
    • Anonimo scrive:
      Re: terrorismo = qualsiasi cosa
      - Scritto da:
      Se rubi sostieni il terror, se usi internet x
      comunicare liberamente sostieni il terror, se
      spacci droga sostieni il terror, se fai
      manifestazioni sostieni il terror e se ti esprimi
      in disaccordo con le istituzioni sostieni il
      terror.Negli anni '50 e '60 invece utilizzavano il "comunismo" per lo stesso motivo (in effetti Berlusconi è rimasto indietro di circa 40 anni)
      • Anonimo scrive:
        Re: terrorismo = qualsiasi cosa
        - Scritto da:
        - Scritto da:

        Se rubi sostieni il terror, se usi internet x

        comunicare liberamente sostieni il terror, se

        spacci droga sostieni il terror, se fai

        manifestazioni sostieni il terror e se ti
        esprimi

        in disaccordo con le istituzioni sostieni il

        terror.

        Negli anni '50 e '60 invece utilizzavano il
        "comunismo" per lo stesso motivo (in effetti
        Berlusconi è rimasto indietro di circa 40
        anni)e di conseguenza, considerando che tutti sono andati dietro a Berlusconi fino a 3-4 giorni fa, anche l'Italia è indietro di 40 anni...Benvenuti nel bel paese..
      • Anonimo scrive:
        Re: terrorismo = qualsiasi cosa
        I paesi comunisti lo usano tuttora....
        • Anonimo scrive:
          Re: terrorismo = qualsiasi cosa
          - Scritto da:
          I paesi comunisti lo usano tuttora....cosa, berlusconi?come spauracchio, penso! mamma :"guarda che se non mangi tutto chiamo berlusconi!" bimbo :"Nooooooo! mangio tutto! ingoz ingoz ingoz...burp..." :D(rotfl)
        • Anonimo scrive:
          Re: terrorismo = qualsiasi cosa
          - Scritto da:
          I paesi comunisti lo usano tuttora....mi sa che non hai capito...
  • Anonimo scrive:
    È inutile ....
    Prima o poi questa tecnologia (come altre simili) diventeranno affidabili al 100,00000001%.È inevitabile, le nostre scoperte scientifiche, soprattutto in USA che macina tecnologia & scienza ad un ritmo forsennato e ne vede l'adozione massiccia come un mezzo risolutivo di tutto (il chè è anche vero: il problema è quando!), ci porteranno inevitabilmente a questo risultato.E in quel momento nessuno di noi, nessuno potrà più mentire davanti ad una corte di giustizia; e quando diventeranno economiche simili tecnologie, non potremmo più mentire nemmeno a nostra suocera/moglie/marito/amante/sorella ...........
    • Anonimo scrive:
      Re: È inutile ....
      - Scritto da:
      Prima o poi questa tecnologia (come altre simili)
      diventeranno affidabili al
      100,00000001%.
      È inevitabile, le nostre scoperte scientifiche,
      soprattutto in USA che macina tecnologia &
      scienza ad un ritmo forsennato e ne vede
      l'adozione massiccia come un mezzo risolutivo di
      tutto (il chè è anche vero: il problema è
      quando!), ci porteranno inevitabilmente a questo
      risultato.
      E in quel momento nessuno di noi, nessuno potrà
      più mentire davanti ad una corte di giustizia; e
      quando diventeranno economiche simili tecnologie,
      non potremmo più mentire nemmeno a nostra
      suocera/moglie/marito/amante/sorella
      ...........Quando ci saranno tecnologie di scansione del cervello sicure al 100% per vederne i contenuti, allora ci saranno anche tecnologie di contrasto: vai dal chirurgo clandestino cinese sotto casa e ti fai installare un chippetto di schermatura, che cifra in tripla chiave a 4096megabit il contenuto del tuo cervello e sei a posto. Oppure ti fai una partizione criptata del cervello usato TrueCerebralCrypt, dove vengono immagazzinati i tuoi pensieri proibiti... (cylon)
      • Anonimo scrive:
        Re: È inutile ....
        CARINAAAAAAAAAAAAAA...ma triste !- Scritto da:

        - Scritto da:

        Prima o poi questa tecnologia (come altre
        simili)

        diventeranno affidabili al

        100,00000001%.

        È inevitabile, le nostre scoperte scientifiche,

        soprattutto in USA che macina tecnologia &

        scienza ad un ritmo forsennato e ne vede

        l'adozione massiccia come un mezzo risolutivo di

        tutto (il chè è anche vero: il problema è

        quando!), ci porteranno inevitabilmente a questo

        risultato.

        E in quel momento nessuno di noi, nessuno potrà

        più mentire davanti ad una corte di giustizia; e

        quando diventeranno economiche simili
        tecnologie,

        non potremmo più mentire nemmeno a nostra

        suocera/moglie/marito/amante/sorella

        ...........


        Quando ci saranno tecnologie di scansione del
        cervello sicure al 100% per vederne i contenuti,
        allora ci saranno anche tecnologie di contrasto:
        vai dal chirurgo clandestino cinese sotto casa e
        ti fai installare un chippetto di schermatura,
        che cifra in tripla chiave a 4096megabit il
        contenuto del tuo cervello e sei a posto. Oppure
        ti fai una partizione criptata del cervello usato
        TrueCerebralCrypt, dove vengono immagazzinati i
        tuoi pensieri proibiti...
        (cylon)
      • Anonimo scrive:
        Re: È inutile ....
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Prima o poi questa tecnologia (come altre
        simili)

        diventeranno affidabili al

        100,00000001%.

        È inevitabile, le nostre scoperte scientifiche,

        soprattutto in USA che macina tecnologia &

        scienza ad un ritmo forsennato e ne vede

        l'adozione massiccia come un mezzo risolutivo di

        tutto (il chè è anche vero: il problema è

        quando!), ci porteranno inevitabilmente a questo

        risultato.

        E in quel momento nessuno di noi, nessuno potrà

        più mentire davanti ad una corte di giustizia; e

        quando diventeranno economiche simili
        tecnologie,

        non potremmo più mentire nemmeno a nostra

        suocera/moglie/marito/amante/sorella

        ...........


        Quando ci saranno tecnologie di scansione del
        cervello sicure al 100% per vederne i contenuti,
        allora ci saranno anche tecnologie di contrasto:
        vai dal chirurgo clandestino cinese sotto casa e
        ti fai installare un chippetto di schermatura,
        che cifra in tripla chiave a 4096megabit il
        contenuto del tuo cervello e sei a posto. Oppure
        ti fai una partizione criptata del cervello usato
        TrueCerebralCrypt, dove vengono immagazzinati i
        tuoi pensieri proibiti...
        (cylon)leggetevi "Il Neuromante" di gibbson
    • Anonimo scrive:
      Re: È inutile ....
      - Scritto da:
      Prima o poi questa tecnologia (come altre simili)
      diventeranno affidabili al
      100,00000001%.
      È inevitabile, le nostre scoperte scientifiche,
      soprattutto in USA che macina tecnologia &
      scienza ad un ritmo forsennato e ne vede
      l'adozione massiccia come un mezzo risolutivo di
      tutto (il chè è anche vero: il problema è
      quando!), ci porteranno inevitabilmente a questo
      risultato.
      E in quel momento nessuno di noi, nessuno potrà
      più mentire davanti ad una corte di giustizia; e
      quando diventeranno economiche simili tecnologie,
      non potremmo più mentire nemmeno a nostra
      suocera/moglie/marito/amante/sorella
      ..............Nel frattempo davanti al giudice il debug di sti cosi chi li fà? Il solito povero diavolo di turno che magari si becca una condanna in tempo zero (che poi alla fine, visto che la giustizia NON è uguale per tutti se la sarebbe presa comunque)
    • Anonimo scrive:
      Re: È inutile ....
      - Scritto da:
      Prima o poi questa tecnologia (come altre simili)
      diventeranno affidabili al
      100,00000001%.
      È inevitabile, le nostre scoperte scientifiche,
      soprattutto in USA che macina tecnologia &
      scienza ad un ritmo forsennato e ne vede
      l'adozione massiccia come un mezzo risolutivo di
      tutto (il chè è anche vero: il problema è
      quando!), ci porteranno inevitabilmente a questo
      risultato.
      E in quel momento nessuno di noi, nessuno potrà
      più mentire davanti ad una corte di giustizia; e
      quando diventeranno economiche simili tecnologie,
      non potremmo più mentire nemmeno a nostra
      suocera/moglie/marito/amante/sorella
      ...........Già. I primi ad essere fatti fuori saranno proprio giudici, magistrati ed avvocati, che sono più mentitori dei politici.
  • Brontoleus scrive:
    Il diritto di mentire
    Mentire è un diritto, altrimenti gli inquirenti avrebbero sempre le confessioni pronte e non dovrebbero far nulla. Visto che gli inquirenti sono pagati, è il loro lavoro riuscire a smontare le tesi dell'imputato, e non fregarlo con questi giochetti da quattro soldi (che poi non sono nemmeno affidabili: uno freddo e lucido riesce a non farsi beccare, mentre uno preoccupato e emozionato, anche se sta dicendo la verità, risulta che dice una menzogna).Se non ci riescono è un LORO problema.Hanno già abbastanza mezzi altamente invasivi per indagare.Gliene vogliono dare ancora un altro?!?
    • Anonimo scrive:
      Re: Il diritto di mentire
      hmmm no attenzione... i sistemi in questione.. se e quando saranno affidabili intercettano i centri neuronali che si apprestano a costruire la menzogna prima che siano interessati quelli che te ne rendono partecipe e cosciente... lo so che e' strano venire a sapere che il tuo cervello comincia a fare qualcosa prima che tu lo sappia ma a quanto pare anche certe azioni iniziano prima che la coscienza ne venga informata... dopo qualche centinaio di millisecondi il segnale arriva ai circuiti della coscienza che riporta indietro il tempo credendo di aver ordito il tutto :-P sempre i nargomento pensa che si possono registrare anche segnali periferici che hanno un certo lag time... il tempo perche' il segnale modulato in frequenza passi per la via nervosa fino alle aree corticali... eppure quando li percepisci credi di averli percepiti leggermente prima nel tempo... questo per dire che il tempo che senti scorrere e' un costrutto del cervello e che non e' detto che le cose siano semplici come si crede. Le tecnologie di lettura e scansione cerebrale metteranno a dura prova le teorie sul libero arbitrio un po' come il telescopio ha fatto a pezzi le convinzioni astronomico-teologiche... o la chimica e la biologia ha frantumato la barriera tra animato ed inanimato, o la quantomeccanica ha fatto a pezzi la relazione causa-effetto... forse pensavamo di aver visto il fondo ma quello che sta venendo fuori sul nostro stesso cervello sara' anche piu' duro da digerire!! :-D
      • Anonimo scrive:
        Re: Il diritto di mentire
        aggiungo anche un altra cosa... se abbiamo imparato dalla relativita' che il tempo e' tutto bello steso come un bel lenzuolo e che non scorre... all'interno di questa illusione ora viene fuori che il cervello lo misura campionando ad intervalli il pattern di un pool di oscillatori corticali asincroni... un segnale diffuso li sincronizza... poi ad intervalli un altra rete neurale controlla i pattern (tipo uno spettro di Fourier) e li confronta con quelli memorizzati... viene da se che variando la velocita' di campionamento e variando la velocita di reset e quelle degli oscillatori si puo' dilatare e comprimere il tempo percepito... i fattori sono molti... neuronali, ormonali etc... tutti noi sappiam ocome il tempo scorre veloce quando ci si diverte, come scorre lento se si e' annoiati o depressi, come sembra diverso da bambini e da adulti e da anziani... tutto cio' ha una base biologica ben precisa :-) Bello eh?!
        • Anonimo scrive:
          Re: Il diritto di mentire
          - Scritto da:
          aggiungo anche un altra cosa... se abbiamo
          imparato dalla relativita' che il tempo e' tutto
          bello steso come un bel lenzuolo e che non
          scorre... all'interno di questa illusione ora
          viene fuori che il cervello lo misura campionando
          ad intervalli il pattern di un pool di
          oscillatori corticali asincroni... un segnale
          diffuso li sincronizza... poi ad intervalli un
          altra rete neurale controlla i pattern (tipo uno
          spettro di Fourier) e li confronta con quelli
          memorizzati... viene da se che variando la
          velocita' di campionamento e variando la velocita
          di reset e quelle degli oscillatori si puo'
          dilatare e comprimere il tempo percepito... i
          fattori sono molti... neuronali, ormonali etc...
          tutti noi sappiam ocome il tempo scorre veloce
          quando ci si diverte, come scorre lento se si e'
          annoiati o depressi, come sembra diverso da
          bambini e da adulti e da anziani... tutto cio' ha
          una base biologica ben precisa :-) Bello
          eh?!L'uomo è la macchina piu' innovativa che esista...
        • Anonimo scrive:
          Re: Il diritto di mentire

          aggiungo anche un altra cosa... se abbiamo
          imparato dalla relativita' che il tempo e' tutto
          bello steso come un bel lenzuolo e che non
          scorre...che intendi con questo?A quanto ne so la relatività dice che il tempo è assolutamente dinamico, assieme allo spazio e sono modificati dall' azione della gravità che, nella fattispecie, accelera o rallenta il tempo. Oltretutto il tempo non è più uguale per tutti ma diventa relativo - appunto - ad ognuno, a seconda della velocità con cui si muove e dell' accelerazione a cui è sottoposto. Non mi sembra sia un' illusione, come la chiami tu...
          • Anonimo scrive:
            Re: Il diritto di mentire

            Non mi sembra
            sia un' illusione, come la chiami
            tu...lo é lo é, ma per capirlo devi calare le barriere della mente ed entrare nel profondo antico dentro di te, per poi fonderti con il tutto, solo allora saprai, solo allora capiraiil Soma (vedi Rig Veda) può aiutartia parte gli scherzi, ci sono teorie che propongono l'amanita muscaria come il frutto proibito della nostra religione (il frutto della conoscenza, del bene e del male, quello che ti fa rendere conto di essere nudo ed "arrabbiare" il signore), in pratica si rende illegale il paganesimo e lo sciamanismo
    • Anonimo scrive:
      Re: Il diritto di mentire
      Il diritto di mentire è solo per chi si sta difendendo. I testimoni non hanno il diritto di mentire per proteggere qualcun altro.
  • Anonimo scrive:
    Hanno rotto con il terrorismo
    Funzionava bene nel 2001/2002... ormai non ci crede più nessuno.Il pericolo del terrorismo c'è sempre stato (vedi gli anni '70), ma questa non è mai stata una buona scusa per spiare tutti e tenere tutto e tutti sotto controllo.L'unica minaccia vera globale è l'attuale governo USA e i loro camerieri nei vari paesi."Ai tempi del fascismo non sapevo di vivere ai tempi del fascismo."
    • Anonimo scrive:
      Re: Hanno rotto con il terrorismo
      - Scritto da:
      Funzionava bene nel 2001/2002... ormai non ci
      crede più
      nessuno.

      Il pericolo del terrorismo c'è sempre stato (vedi
      gli anni '70), ma questa non è mai stata una
      buona scusa per spiare tutti e tenere tutto e
      tutti sotto
      controllo.

      L'unica minaccia vera globale è l'attuale governo
      USA e i loro camerieri nei vari
      paesi.


      "Ai tempi del fascismo non sapevo di vivere ai
      tempi del
      fascismo."oh ma io lo so, solo che mangio e quindi me sbatto
    • Anonimo scrive:
      Re: Hanno rotto con il terrorismo

      Il pericolo del terrorismo c'è sempre stato (vedi
      gli anni '70), ma questa non è mai stata una
      buona scusa per spiare tutti e tenere tutto e
      tutti sotto
      controllo.Avere un nemico da combattere e' SEMPRE una buona scusa, non ci crederanno certo tutti, ma giustifica molte cose, serve.
      L'unica minaccia vera globale è l'attuale governo
      USA e i loro camerieri nei vari
      paesi.Beh, non proprio, c'e' anche la Corea del Nord, uno dei paesi con l'esercito sempre mobilitato piu' numeroso del mondo, armi nucleari ed un pazzo fanatico al governo.
      "Ai tempi del fascismo non sapevo di vivere ai
      tempi del
      fascismo."Con tutto quello a cui dovevi stare attento, si sapeva, si sapeva.
      • Gatto Selvaggio scrive:
        Re: Un pazzo fanatico

        Beh, non proprio, c'e' anche la Corea del Nord,
        uno dei paesi con l'esercito sempre mobilitato
        piu' numeroso del mondo, armi nucleari ed un
        pazzo fanatico al governo.Un pazzo fanatico che nessuno riesce più a fermare. Ha invaso l'Afghanistan, poi l'Iraq, adesso è già lì che pensa all'Iran.
        • Anonimo scrive:
          Re: Un pazzo fanatico
          - Scritto da: Gatto Selvaggio

          Beh, non proprio, c'e' anche la Corea del Nord,

          uno dei paesi con l'esercito sempre mobilitato

          piu' numeroso del mondo, armi nucleari ed un

          pazzo fanatico al governo.

          Un pazzo fanatico che nessuno riesce più a
          fermare. Ha invaso l'Afghanistan, poi l'Iraq,
          adesso è già lì che pensa
          all'Iran.I pazzi fanatici sono quelli di sinistra anti-Bush che difendono i terroristi islamici.
      • Anonimo scrive:
        Re: Hanno rotto con il terrorismo
        - Scritto da:
        Beh, non proprio, c'e' anche la Corea del Nord,
        uno dei paesi con l'esercito sempre mobilitato
        piu' numeroso del mondo, armi nucleari ed un
        pazzo fanatico al
        governo."pazzo fanatico" è la definizione che ne danno gli USA. Per loro invece il "pazzo fanatico al governo" è Bush.La Corea del Nord sarà una minaccia per il mondo quando comincerà ad avere basi militari in tutto il mondo, fare guerra a tutti quelli che non gli vanno, e quando farà approvare leggi negli altri paesi per difendere i propri interessi anche se tali leggi vanno contro gli interessi dei cittadini dei paesi in questione.
        • Anonimo scrive:
          Re: Hanno rotto con il terrorismo
          - Scritto da:
          - Scritto da:

          Beh, non proprio, c'e' anche la Corea del Nord,

          uno dei paesi con l'esercito sempre mobilitato

          piu' numeroso del mondo, armi nucleari ed un

          pazzo fanatico al

          governo.

          "pazzo fanatico" è la definizione che ne danno
          gli USA. Per loro invece il "pazzo fanatico al
          governo" è
          Bush.

          La Corea del Nord sarà una minaccia per il mondo
          quando comincerà ad avere basi militari in tutto
          il mondo, fare guerra a tutti quelli che non gli
          vanno, e quando farà approvare leggi negli altri
          paesi per difendere i propri interessi anche se
          tali leggi vanno contro gli interessi dei
          cittadini dei paesi in
          questione.Ma torna nel tuo centro sociale, pro-terrorista!
    • Brontoleus scrive:
      Re: Hanno rotto con il terrorismo
      - Scritto da:
      Il pericolo del terrorismo c'è sempre stato
      (vedi gli anni '70), ma questa non è mai stata
      una buona scusa per spiare tutti e tenere tutto
      e tutti sotto controllo.Tanto per fare un esempio, bisogna ringraziare il terrorismo se ogni volta che vai in un albergo sei costretto a dare i documenti, ANCHE se dovessi dire all'albergatore che paghi in anticipo e PERSINO se dessi una caparra aggiuntiva (OLTRE all'intero pagamento del soggiorno) per coprire eventuali danni (caparra che ti verrebbe restituita quando vai via).Oggi tutti gli albergatori segnalano alle questure chi entra e chi esce (come se non bastassero i controlli già presenti). Una volta (fino agli anni 70, guardacaso) non era così.
      • Anonimo scrive:
        Re: Hanno rotto con il terrorismo
        - Scritto da: Brontoleus

        - Scritto da:

        Il pericolo del terrorismo c'è sempre stato

        (vedi gli anni '70), ma questa non è mai stata

        una buona scusa per spiare tutti e tenere tutto

        e tutti sotto controllo.

        Tanto per fare un esempio, bisogna ringraziare il
        terrorismo se ogni volta che vai in un albergo
        sei costretto a dare i documenti, ANCHE se
        dovessi dire all'albergatore che paghi in
        anticipo e PERSINO se dessi una caparra
        aggiuntiva (OLTRE all'intero pagamento del
        soggiorno) per coprire eventuali danni (caparra
        che ti verrebbe restituita quando vai
        via).
        Oggi tutti gli albergatori segnalano alle
        questure chi entra e chi esce (come se non
        bastassero i controlli già presenti). Una volta
        (fino agli anni 70, guardacaso) non era
        così.Ed allora ? Che hai da nascondere ? Si vuole la sicurezza ma non si vogliono i controlli ? Allora si vuole il terrorismo !Vallo a dire agli ebrei in Israele di eliminare i controlli "per la privacy" ! Lì muoiono per il terrorismo islamico da molto più tempo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Hanno rotto con il terrorismo
        - Scritto da: Brontoleus
        Oggi tutti gli albergatori segnalano alle
        questure chi entra e chi esce (come se non
        bastassero i controlli già presenti). Una volta
        (fino agli anni 70, guardacaso) non era
        così.come se servisse a qualcosa... In ogni caso, e' una cosa tutta italiana. Ne' in francia ne' in germania ti chiedono i documenti.
        • Anonimo scrive:
          Re: Hanno rotto con il terrorismo
          - Scritto da: munehiro

          - Scritto da: Brontoleus

          Oggi tutti gli albergatori segnalano alle

          questure chi entra e chi esce (come se non

          bastassero i controlli già presenti). Una volta

          (fino agli anni 70, guardacaso) non era

          così.

          come se servisse a qualcosa... In ogni caso, e'
          una cosa tutta italiana. Ne' in francia ne' in
          germania ti chiedono i
          documenti.Hanno le registrazioni dei pagamenti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Hanno rotto con il terrorismo
      Veramente hanno rotto le persone di sinistra che fanno di tutto per scarcerare i compagnucci terroristi islamici ed impediscono la linea dura, ecco cosa ha veramente rotto !- Scritto da:
      Funzionava bene nel 2001/2002... ormai non ci
      crede più
      nessuno.

      Il pericolo del terrorismo c'è sempre stato (vedi
      gli anni '70), ma questa non è mai stata una
      buona scusa per spiare tutti e tenere tutto e
      tutti sotto
      controllo.

      L'unica minaccia vera globale è l'attuale governo
      USA e i loro camerieri nei vari
      paesi.


      "Ai tempi del fascismo non sapevo di vivere ai
      tempi del
      fascismo."
Chiudi i commenti